Creato da: a.benassi il 10/08/2006
Esplorazioni speleologiche nei monti lepini

Parco della Vena del Gesso

á
 

Honduras

 
 

Grotte nei gessi

B&B La Chiesa di Sopra

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultimi commenti

 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
voli low cost milano londra
 

 

 

Di ritorno dal Laos...

Post n°80 pubblicato il 05 Marzo 2010 da a.benassi

E' rientrata il 28 febbraio la spedizione Italo-Francese in nella regione del Khammuane. Quest'anno in Laos sembrava esserci un mezzo raduno speleologico, nei primi mesi dell'anno, il culmine della stagione secca, giravano ben nove diversi gruppi speleo: italiani, francesi, rumeni, inglesi, tedeschi, praticamente mezza europa. Solo il nostro gruppo ha avuto un picco di trenta persone tra speleo e speleosub che mancava solo un Gran Pampel a fine serata. In tutti i casi il numero degli speleologi e direttamente proporzionale ai chilometri di grotte che ancora si trovano. Nonostante siano ormai quasi vent'anni che le esplorazioni sono riprese, il carso laotiano è ancora generoso. Le aree ancora completamente inesplorate non mancano, anzi aspettano. Anche noi nel nostro piccolo qualcosa abbiamo riportato a casa: circa dieci i chilometri di esplorazione, con la bella Tham Pha Lom di oltre 2,5km per +270, che continua, una buona prosecuzione di 2,5 km nel sistema del Nam Koang che arriva così a circa 9km di esplorato e tante altre grotte molto promettenti, lasciate per il futuro, fermi su pozzi o traversi in galleria.
Come si vede bene nelle belle foto di Jean Micheal, le dimensioni in Laos sono sempre generose e trovare un strettoia è una vera impresa, ma certo che la grande galleria fossile della Tham Luang, con i suoi oltre 100 metri di larghezza per 70-80 di altezza, lunga oltre mezzo chilometro, è una bella esagerazione, praticamente in buona posizione tra gli spazi vuoti più grandi del pianeta. La grande galleria fossile di Tham Luang nel sistema del Nam Koang, Ban Vang Viyeng

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ritorno a Lisergic Point - ovvero nuovissime dall'Erdigheta

Post n°81 pubblicato il 25 Maggio 2010 da a.benassi

Ci risiamo, ci si riprova, questa volta non ho la scusa della gamba rotta, e quindi mi tocca proprio sgattonare nel viscido ventre del Matrix. Alla fine siamo in tre, io e Luca Grillandi dalla Romagna, Paolo da Roma. Devo dire che lungo le ore passate in discesa verso il sifone, ho sperato che in fondo fosse ancora chiuso, che l'inverno orrido avesse definitivamente sigillato il posto. Invece niente, dopo appena cinque ore dall'ingresso, lui era li ad attenderci. Sembrava anche contento di vederci, noi molto meno. Il problema poi non è tanto fare la bustina da tè nella melma, il problema è che dopo continua molto simile a prima. Intendiamoci, ti fa passare, quello è ovvio, altrimenti come farebbe a fregarti, adesso ti fa anche scendere, qualche pozzo, meandro in discesa, ma quando dici, adesso diventa comodo, deve diventare comodo, niente, lui come nulla fosse torna uguale a sei ore prima e ti costringe a sgattonare tra le lame. Dall'ultima punta di Valerio, Luigi e Paolo, siamo scesi forse altri cinquanta metri, cento metri di meandro circa. Poi il sonno delle 2 di notte, il freddo del bel meandro bagnato, pure franoso, e la tristezza di non aver trovato ancora un posto dove fare un campo, ci hanno consigliato di ritornare verso la vita. La grotta ovviamnete continua, fermi su un saltino, forse uno sfondamento su un'altro meandro, boh, qualcosa del genere. Punta sempre verso Pian della Faggetta, NNE, profondità stimata oltre i 350, verso i 400. Questa volta ha dato i numeri pure l'altimetro. Pillola rossa e poi fuori, in qualcosa come dodici ore di ininterroto strisciare. Luca era alla prima esperienza nei meandri Lepini, e la cosa lo ha seriamente perplesso, ma devo dire che nonostante l'abitudine il posto comincia a mettere a dura prova i nervi. La prossima volta Valium per tutti... oddio ho detto la prossima volta... Come al solito abbiamo promesso di non frequentare più posti così ostili alla vita, ma ho paura di pensare, che arriverà un giorno in cui risalendo da non so quale fondo, davanti al sifone, mi verrà da dire 'beh, ormai siamo fuori...'  allora quel giorno la follia del Matrix sarà completa.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Partita la spedizione in Montenegro

Post n°82 pubblicato il 06 Luglio 2010 da a.benassi

La spedizione speleologica intergruppo nelle catena delle Prokletije è partita oggi (sabato 3 luglio); una parte da Ancona una da Bari. Arrivo e incontro previsto per domani mattina a Bar. Da li il primo gruppo di sei si sposterà nella zona di Plav-Gusinje fino a raggiungere l'area di frontiera presso il paese di Vusinje, ultimo centro abitato. Da qui, nel fondovalle di Ropojana, ai piedi dell'altopiano del Belic, inizieranno i trasporti di materiale a piedi e cavallo per raggiungere la zona del primo campo intorno a quota 2000. Il primo punto è riprendere le esplorazioni dell'abisso degli Uomini Liberi, lasciato a -325 su alcuni punti interrogativi interessanti. Al primo gruppo si aggiungerà un secondo la prossima settimana. La spedizione sarà sul campo fino al 23 di luglio.
Alle prossime notizie, sperando che siano profonde.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NovitÓ dal Montenegro

Post n°83 pubblicato il 13 Luglio 2010 da a.benassi

La prima settimana di spedizione porta buone novità. La grotta dei Liberi è stata portata a circa -500 di profondità (attendiamo il rilievo definitivo) piazzandosi in tutti i casi tra le prime del Paese. Anche la prospezione stà dando ottimi risultati con circa una ventina di nuovi ingressi. Probabilmente anche quest'anno sarà il tempo a mancare più che le grotte. Intanto ieri è arrivata anche la seconda squadra. Ormai tra le montagne del Belic la spedizione ha assunto connotati inter-trasversali-nazionali: gente da vari gruppi di Roma, Faenza, Città di Castello, Padova, Reggio e anche espatriati in Spagna. Dieci speleo assatanati di vuoto. Il tempo continua ad essere buono, adesso aspettiamo i risultati della seconda settimana.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ultime dal Montenegro

Post n°84 pubblicato il 17 Luglio 2010 da a.benassi

Alcuni dei nuovi ingressi stanno dando buoni frutti. Oggi doppio squadra di punta su ingressi molto promettenti, anzi già grotte, fermi a -40 su pozzo da 80 con aria la prima, a -50 con aria la seconda. Piccoli abissi crescono. Domani rientra una prima squadra in Italia, ma fino al 23 c'è ancora tempo e gente per scendere molti pozzi

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Nuove dalla spedizione in Montenegro

Post n°85 pubblicato il 18 Luglio 2010 da a.benassi

I due nuovi abissi stanno mostrando le loro possibilità: la punta di ieri ha regalato un -120 fermo su pozzo, ed un -130 con enorme salone fermo su pozzo da 20 e buona aria da seguire. Visto il tempo a disposizione è stato deciso di puntare le forze sulla seconda. Se il tempo meteo non si guasta i prossimi 3-4 giorni riserveranno buone sorprese. In tutti i casi è ormai chiaro che sul Belic il carsismo profondo è ben presente. Tra le esplorazioni Polacche e le nostre ormai si contano buone profondità: due abissi oltre i -400, alcuni oltre i  200, una moltitudine tra 100 e 200, un delirio d'ingressi visti e da rivedere, un territorio complesso dove ricerche e battute non sono mai esaustive e dove la distribuzione degli ingressi si trova sempre ad essere un intorno della zona di campo. Per ora è mancato il risultato verso le quattro cifre, ma forse è solo questione di tempo. Sicuramente anche questa volta resteranno molti punti interrogativi e molti motivi per tornare. Domani dovrebbe arrivare sul campo la spedizione Polacca che operera in zona fino alla prima settimana d'agosto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Notizie fresche dal Montenegro

Post n°86 pubblicato il 20 Luglio 2010 da a.benassi

I due nuovi abissi stanno mantenendo alto morale e aspettative, anzi hanno già ingravidato il futuro del prossimo anno, ed obbligheranno a tornare.  Purtroppo sono agli sgoccioli i giorni di campo, ma il bottino è ghiotto. La prima si ferma per ora oltre -150 e continua su meandro, mentre la seconda, con aria da Corchia, arriva per ora a -210 con struttura complessa, grandi saloni... e ovviamente continua.  Il 2011 è già prenotato per il Montenegro.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Speleologi Padani? perchŔ no, magari anche Verdani...

Post n°87 pubblicato il 19 Settembre 2010 da a.benassi

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ultime dall'abisso Consolini

Post n°88 pubblicato il 14 Maggio 2012 da a.benassi

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Dark side of the Moon

Post n°89 pubblicato il 20 Agosto 2012 da a.benassi
Foto di a.benassi

"La pietra Selenite, la quale alcuni chiamano aphoseleno, è così chiamata perciochè  si ritrova piena la notte, nel crescere della luna, con cui cresce parimenti e scema"

Pietro Andrea Matthioli, Dioscoride, 1557


La Società Speleologica Saknussem di Casola Valsenio, organizza una escursione notturna nella Vena del Gesso. Alla scoperta degli angoli meno noti inseguendo antiche  tracce e sentieri nella pietra di luna.

La montagna di gesso non è mai stata una barriera. Piuttosto che dividere e ostacolare, era in passato percorsa ed esplorata anche suoi tratti più aspri e rocciosi. Nelle ore fresche della sera percorreremo le pareti di gesso attraverso cengie, scalini e facili tratti attrezzati con corde di sicurezza.  

L'escursione avrà luogo Venerdì 31 Agosto con partenza alle ore 18,00 da Casola Valsenio, per una durata di circa 3 ore con rientro previsto quindi intorno alle 21,30

L'uscita è a numero chiuso per informazioni e prenotazione si prega di chiamare:

3494211043 Andrea

3470813951 Biagio

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »