Creato da liberemanuele il 26/01/2009

Catallaxy

ordine spontaneo vs ingegneria sociale

 

 

« Il mio conservatorismo. ...Voglia d'avventura. »

Quando il tè fa male a chi governa.

Post n°96 pubblicato il 29 Settembre 2010 da liberemanuele
 

Dal Foglio Quotidiano.

Un tè anticonformista

Errato tacciare di populismo i Tea party che chiedono meno allo stato

I Tea party, visti dall'Europa, sono come i marziani: non siamo sicuri che esistano davvero, ma nel dubbio li pensiamo più o meno antropomorfi. Così, il modo più sbrigativo per rappresentare gli alieni che vogliono lanciare un'opa ostile sul Partito repubblicano americano è stiparli nella casella dei populisti di destra: gente rozza che evade le tasse, odia gli stranieri e sbatte la porta di casa in faccia al mondo.

... insomma, dei grandi.

Ma ... Ron Paul li invita a spingersi oltre.

"Non sento cose abbastanza precise su ciò che bisognerebbe tagliare nella spesa pubblica. Non ho mai sentito dire che la questione militare-industriale dovrebbe essere affrontata. Mi piacerebbe vedere un consenso che sfida l'istituzione, vorrei che loro contestassero la politica estera interventista. Vorrei che contestassero la guerra alla droga".

"Mi piacerebbe - ha concluso Paul - sentire queste dichiarazioni provenienti dai Tea Parties, ma non le ho ancora udite. Inoltre vedo che iniziano ad infiltrarsi nel movimento personalità legate all'establishment".

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/LiberEmanuele/trackback.php?msg=9326409

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
to_revive
to_revive il 30/09/10 alle 10:39 via WEB
il 2 novembre sarà importante per noi americani che appoggiamo il movimento dei Tea party. Speriamo in bene Emanuele perchè il destino dell'America è "in bilico" grazie alla politica di Obama.
 
to_revive
to_revive il 30/09/10 alle 10:43 via WEB
dimenticavo: come asserisce Ron Paul anch'io sono un poco "spaventata" dal fatto che ci siamo simpatizzanti kennediani ed obaniani nel gruppo dei "tea", spero solo che questo non influisca nelle votazioni.
 
 
liberemanuele
liberemanuele il 30/09/10 alle 16:22 via WEB
Debito, inflazione, guerra, sanità pubblica, scuola pubblica ... la politica obamiana ambisce a sfigurare il popolo americano per quello che è storicamente stato: coraggioso, intraprendente, indipendente, pacifico, operoso, responsabile, per trasformarlo e renderlo più omogeneo al popolo europeo. Indebolirlo, renderlo socialmente fragile e sfiduciato nelle proprie capacità così da dipendere il più possibile dal governo federale. Non è un segreto che Obama sia un fan e un' ottima marionetta del New World Order, ne parla con i colleghi europei nelle loro riunioni segrete ma anche in pubblico. Ultimamente si è sentito pure introdurre il tema della moneta unica. Ma questo il popolo Tea Party lo sa bene. Speriamo per il meglio!
 
   
to_revive
to_revive il 01/10/10 alle 09:42 via WEB
Emanuele ti chiedo il permesso di pubblicare questo commento nel mio blog per farne un post. Cerco di far comprendere a tutti la politica di Obama! Un abbraccio
 
     
liberemanuele
liberemanuele il 01/10/10 alle 10:28 via WEB
In generale qui dentro è tutto copia-incollabile, in particolare te non devi chiedere niente, anzi mi fa molto piacere!
 
to_revive
to_revive il 03/11/10 alle 12:57 via WEB
Yeah! Abbiamo la Camera! By by...Mr.President!
 
 
liberemanuele
liberemanuele il 03/11/10 alle 14:14 via WEB
:-DDDDDDDDDDDDDD Rand va forte!!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

LE "INDISPENSABILI" DAL WEB

 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AVVERTENZA.

Tutti i testi sono liberamente copiabili e riutilizzabili, le immagini sono prese dalla rete: eventualmente venisse riscontrato una violazione di diritti vari, gentilmente, AVVERTITEMI.