Creato da endoke il 25/05/2009

LIBERA NO DOMINE

Non costituisco un esempio sono solo fedele a ciò che sono

 

 

Ad impossibilia nemo tenetur......

Post n°797 pubblicato il 01 Marzo 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/made_in_China.jpg

Non ho più voglia di fare domande e attendere risposte che quando e se arrivano, cambiano di forma e significato molto velocemente.

Non ho più voglia di capire chi non sa -o non vuole- spiegarsi e non ho più voglia di rallentare la mia corsa perchè non mi si tiene il passo.

Non ho più voglia di girare a vuoto ma voglio (e soprattutto devo!) stare bene... 

Non è stato capito quanto ci stessi dentro e quanto ci avrei messo del mio... ma non inseguo mai nessuno... 

Nessuno è tenuto a fare l'impossibile???... Ebbene, neanche io!!!!


EndokeMultaPaucis

 
 
 

A veces...

Post n°796 pubblicato il 28 Febbraio 2015 da endoke


...me sorprendo pensando
a la falta que me hace dejarme llevar.
Dejar que te acerques
sin pensar a nada más
que a las ganas de vivirnos...



EndokeDemasiadoIntrospectiva 

 
 
 

In punta di piedi...

Post n°795 pubblicato il 27 Febbraio 2015 da endoke

 

A volte mi capita di andare in giro per blog magari per restituire una visita o di proposito se si tratta di persone che conosco, più o meno virtualmente...

Ierei sono andata nel blog di un uomo che stimo molto e ho letto le bellissime parole che ha dedicato alla sua Donna... non erano parole sdolcinate ma dense di un sentire maturo...

Non ho voluto lasciargli commenti per non "deturpare" con un mio commento, anche se solo avrebbe dimostrato empatia, quelle parole che, anche se scritte in un blog pubblico, erano davvero molto intime...

A volte si dovrebbe avere tutti la delicatezza di camminare in punta di piedi e uscire chiudendo silenziosamente la porta... lasciando come unico segno del proprio passaggio quella sensazione di serenità dentro il cuore anche se grazie alle parole di un'altra persona...


EndokeIntimista

 
 
 

Rubata dal web e...

Post n°794 pubblicato il 19 Febbraio 2015 da endoke

 

...semplicemente geniale!!!

 

 
 
 

Riflessioni a colazione...

Post n°793 pubblicato il 17 Febbraio 2015 da endoke

 

Questa mattina, mentre facevo colazione sotto al pergolato di vite del Bar Gianicolo (per i non romani è un bar storico della Città Eterna), riflettevo sul perché continui a piacermi sempre molto.

La prima ragione è perché lo frequento da una vita ed è stato nel tempo -e continua ad esserlo- teatro, attore e spettatore della mia vita. Sono affezionata alla famiglia che lo gestisce e che nel corso degli anni ha saputo apportare delle modifiche senza mai togliergli però quel non so che di atmosfera un po’ bohémien - e anche un po’ dandy- (a seconda delle giornate e degli orari) che lo rende unico.

L’aria che si respira è quasi sempre gioviale ma, come accade nelle migliori famiglie, talvolta si potrebbe essere spettatori di qualche discussione che forse risulterà strana all’avventore di passaggio ma che per gli habituè come me, è invece sintomo di un “sentirsi a casa” unitamente alle mille attenzioni riservateci,  come per esempio l’avere memoria dei gusti di ognuno anche quando ci viene proposto l’assaggio di un nuovo aperitivo o quando (e qui vado al mio caso che sono iper coccolata) mi fanno trovare birra e bicchiere in ghiacciaia.

Non è molto grande, né al suo interno, né la terrazza  ma a nessuno importerebbe più di tanto se dovesse aspettare un po’ per avere un tavolo, peraltro sempre più numerosi, senza però diventare mai troppi perchè non è, nè sarà mai un McD.

Mentre sorseggiavo il mio caffè e davo un’occhiata al quotidiano, i pensieri scorrevano interrotti solo dal saluto di qualche altro cliente o da qualche battuta detta senza alzare troppo la voce perché si sa che al mattino il risveglio potrebbe essere… traumatico prima di buttarsi a capofitto nelle attività lavorative.

Riflettevo su quanto mi piaccia questo bar e la mente ha fatto un giro di boa ripensando ad una conversazione avuta ieri qui in chat. Come spesso accade (e direi persino ciclicamente) anche ieri c’era qualcuno che si lamentava un po’ di Libero.

Tempo addietro le lamentele e le critiche (a onor del vero non sempre gratuite o immotivate) vertevano soprattutto sul comportamento dei leaders e oggi sulle stanze a configurazione che, come sappiamo, sono più numerose di un tempo, ma che evidentemente non accontentano tutti.

Come utente appartengo alla “vecchia guardia” (sono iscritta da quando è nata anche se come a tutti, mi capita di prendermi delle pause più o meno lunghe) e quindi preferisco di gran lunga interfacciarmi scrivendo, ma nel mio percorso in questa chat ho frequentato anche le stanze audio e sono configurata da molto tempo in una stanza video (beh fino a qualche settimana ero configurata anche in un’altra, ma ho richiesto la “sconfigurazione” per una certa questioncina di principio cui non ho potuto derogare, nonostante un po’  di amarezza… ma è un’altra storia e non viene al caso).

Quando sento dire che le stanze di Libero funzionano così o colà, ma soprattutto quando sento dire che “ci sono altre chat dove si può parlare o entrare in video senza dover essere configurati perché tutti hanno il diritto di parlare” inizio a sentire un certo prurito alle mani.

Prima di tutto direi ironicamente che da spettatrice/attrice di momenti in chat talvolta più che di “diritto a parlare” si dovrebbe parlare di “dovere a tacere”  ma tornando seria credo che come siamo liberi di non iscriverci a questo portale, se non ci si trova a proprio agio o se si ritiene che venga lesa in una qualsivoglia forma la propria libertà, perché non emigrate in massa in quelle altre chat? Garantisco che, ANCHE SE NON NEL CASO SPECIFICO DI IERI, in più occasioni mi è capitato di desiderare di avere la possibilità di spedirceli io stessa, come sicuramente altri lo penseranno di me, ovvio! Ma io non schiodo!!

Già tempo fa dissi in un altro post (l’ho detto che ci sono lamentele che si ripetono ciclicamente!) che ogni chat è a sé, che ci sono utenti che preferiscono quelle con gli avatar (perché così invece di crearsi l’illusione di una vita parallela a quella frustata che conducono solo con un finto profilo, possono anche costruirsi e “mostrarsi” con un pupazzo strafico senza considerare che sempre sfigati restano), altri che se le sono create a loro immagine e somiglianza dove finalmente fanno il bello e il cattivo tempo in modo spesso assai peggiore di quanto poi in realtà non accusino Libero per le stesse motivazioni. Ed altri ancora vogliono portare qui, quando non riescono a portarsi via gli utenti in modo spesso davvero subdolo, la loro esperienza (e conseguentemente anche il loro modus operandi) della e nella “loro” chat, senza considerare minimamente che la maggior parte degli aficionados a Libero, stiamo qui perché vogliamo questo. E lo dimostra il fatto che gli utentucci che tanto lodano il loro modo di stare in chat da un’altra parte, dove possono crearsi le loro stanze (e lo permette anche Libero, seppur senza video o audio, ma probabilmente perchè Libero ha preso nota da tempo che esiste il telefono e skipe ), non solo non gli fa avere molti seguaci,  ma direi piuttosto che spesso si trovano da soli ma guarda caso in una stanza di Libero. E la domanda ri-sorge spontanea, ma un pochino più specifica: ci siete o ci fate?

E ritornando al bar Gianicolo nessun essere mediamente intelligente direbbe “ah certo però da McD posso mangiare l’hamburger e voi qui non lo fate” oppure “perché non fai stare me alla cassa visto che quando sto nel mio negozio ci sto io?”.

Sono per il motto campo mio, regole mie. E allora non sarà che forse si voglia mistificare  ancora una volta il proprio desiderio di protagonismo (senza però averne le capacità perché fuori da una pagina bianca di una chat e nascosti da uno schermo, verreste confusi con la tappezzeria) con l’accusa che Libero tarpi le ali?

Intanto se non si è configurati in una stanza audio/video e si ha qualcosa da dire si può sempre scrivere, ma certo a monte se ne dovrebbe essere capaci e non parlo certamente della grammatica o della sintassi, ma di essere in grado di sostenere un dialogo, di avere la capacità di reggere un rispettoso (e/o anche acceso) confronto, o ancora di proporre un argomento, o di inserirsi intelligentemente e ironicamente in una conversazione che sia "multilaterale" e non fermarsi al "salutaggio" .

E con questo non voglio dire che non ci siano  cose che non mi piacerebbe cambiassero…  ma certamente non faccio discorsi ad minkiam perché quando ci siamo iscritti, sapevamo quali fossero le regole di base e le abbiamo accettate senza alcuna pistola puntata alla tempia.

Personalmente non sono d’accordo con la configurazione dilagante di utenti canterini le cui madri hanno fatto danni irreparabili facendogli probabilmente credere di essere ugole d’oro, ma allo stesso tempo capisco che sia il target o la moda del momento. Ovviamente evito la stanza preposta e quando mi capita in altre stanze e non ho voglia di ascoltarli, ma la pubblica scorre e mi interessa, tolgo l’audio o alle brutte premo il tasto "esci".

Non sono d’accordo con una certa omologazione delle stanze video ma, ritenendo che le stanze siano degli utenti, comprendo che se c’è una certa richiesta da parte dell’utenza, se non mi aggrada ho le opzioni di cui sopra. Certo che se poi mi sposto perché magari posso rimanere nella “mia” storica stanza testuale e mi dicono che potrebbero traslocare, metto subito l’iconcina spaventata e mi precipito a scrivere… “ma no… restate pure là!” jajajajajajajajaja

Non sono d’accordo con il comportamento o le scelte talvolta arbitrarie e incoerenti di alcuni leader, come non condivido il pensiero/comportamento di alcuni utenti,  ma semplicemente non frequento le stanze dei primi (eccezion fatta per chi conosco da tempo e con chi una discussione non va a toccare la mia considerazione di fondo, persino quando non è reciproca) e tengo a debita distanza i secondi.

Probabilmente avendo sempre frequentato stanze senza leader, non li vivo né con sudditanza, né con accondiscendenza. E conseguentemente non comprendo bene chi chiama un leader perché c’è un disturbatore, quando lo si può  semplicemente ignorare. Forse dipende dal fatto che essendomi fatta le ossa nelle testuali senza leader (e ricordo incontri/scontri epici senza aver mai risposto con un linguaggio volgare ma riuscendo ad arginarli o a… sfiancarli –vedere il “ciabatta” jajajaja-) e sicuramente dipende dal fatto che non essendo una principessina sul pisello (o una finta viola mammola) sono abituata a difendermi da sola senza badanti di sorta o cavalier serventi. E se posso permettermi, senza nulla togliere alla contemporaneità, erano bei tempi che spesso rimpiango, soprattutto davanti a tutta sta musica… ma tant'è.

Riconosco alcune imperfezioni di Libero, ma quando mi trovo in una stanza agisco con spirito propositivo partendo proprio dalla mia condizione di utente pensante e senziente e, se mai potessi vedere esaudito un mio desiderio, mi piacerebbe che… il tasto IU fosse accompagnato da un sonoro calcione, solo per sopperire al desiderio che ogni tanto mi prende di parlare con le mani, specialmente quando sento o leggo discorsi che sono sballati in partenza perché nessuno ci obbliga a stare qui e magari aver la possibilità di indirizzare taluni utentucci direttamente a…lle loro magnifiche chat e... talvolta... anche oltre!!!

La soluzione che adotto io (ma non credo di essere l’unica) è quella di stare in compagnia di chi mi aggrada e mi fa divertire (siano utenti con o senza stelletta), tener lontani come la peste quelli che sono distanti anni luce da me e giocherellare con i pupazzetti di chat fino a quando non mi stanco e da buona bimba ordinata non li ripongo tutti nel mio orami noto... baule jajajajajajajajaja


EndokeLanciaINRestaMaNeancheTanto     

 
 
 

Dialogo possibile? Comunicazione improbabile!

Post n°792 pubblicato il 16 Febbraio 2015 da endoke

 

X.: "Dammi la tua opinione, che faresti per xxxxxxxxxxxxxx?"

E.: "Io eliminerei quell'edificio, pulirei bene il terreno e lo ricostruirei."

X.: "Si, ma secondo te, che faresti per xxxxxxxxxxxxxx?"

E.: "Come dicevo, demolirei quel palazzo, bonificherei il terreno e costruirei un altro edificio."

X.: "D'accordo ma tu che faresti per xxxxxxxxxxxxxx?"

E.: "Mi sembrava di essere stata chiara comunque butterei giù quell'edificio, poi una bella pulizia per bonificare il terreno e successivamente costruirei un nuovo palazzo"

X.: "E vabbeh, ma queste sono stronxate! Ti ho chiesto che faresti mica puoi iniziare ogni  volta a fare polemica ecchecaxxo."

E.: "Senti un po'... ma perchè non te ne vai a... incollà la cofana? Potrei trovare venti modi diversi per dire la stessa cosa ma non cambio idea, nè ti darò mai la risposta che vorresti perchè non è la... miaaaaaaaaaaaaa!!!!"


Il dialogo è immaginario e come viene citato nei titoli di testa e coda di molti film: "ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale", ma mentirei se negassi di essermi trovata coprotagonista di conversazioni simili.

E allora inizio a domandarmi:

1) Con chi vi relazionate se rifate la stessa domanda sperando che vi si dia la risposta che desiderate? E se consideriamo che alla terza volta vi incaxxate pure, significa che, come minimo, siete abituati a ricevere la risposta che vi aggrada  al massimo ed eccezionalmente al secondo tentativo, altrimenti la rabbia non avrebbe ragione di manifestarsi no?

2) Perchè domandate l'altrui opinione se poi in realtà non accettate la risposta che non collima con il vostro pensiero?

3) E perchè chiedete la MIA opinione se poi la MIA coerenza vi disturba e vi fa innervosire?

4) Ed alla fine, ma non meno importante, se il mio pensiero è diametralmente opposto a quello delle Edy Campagnoli d'altri tempi -sicuramente più gestibili e assai meno rompicogxioni- perchè vi... ingarellate?


EndokeEstremamenteIronicaSeppurBasita

 
 
 

Dedicato a chi...

Post n°791 pubblicato il 15 Febbraio 2015 da endoke

(testo e traduzione: http://www.musickr.it/testi/solamente-tu-pablo-alboran/)


... ha il coraggio di vivere e viversi

perchè tutti abbiamo le nostre ferite

ma quando la magia accade,

vale la pena mettersi in gioco e rischiare.

Sono felice per Voi e sento il cuore più leggero

nonostante le lacrime scendano copiose

se volgo indietro il mio sguardo. 


EndokeEmpatica

 

 
 
 

E per la serie...

Post n°790 pubblicato il 15 Febbraio 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/arcadia.PNG


...chi si loda, si imbroda!!!
jajajajaaja

E anche dal mio blog ringrazio tutti!!

Bravissimi tutti ed esilaranti le battute

che si insinuavano

tra le risposte più o meno corrette

rendendo l'ambiente simpaticamente gogliardico.

E lo giuro,

la bauta me la ricorderò a vita!

jajajajajajajajajajajaja


EndokeIronicamenteTronfia

 
 
 

E alla fine...

Post n°789 pubblicato il 15 Febbraio 2015 da endoke


...tutti i nodi vengono al pettine!

Neanche mi arrabbio più e mi viene quasi da ridere. Passo spesso per una pazza che vaneggia perchè certi comportamenti li vedo arrivare da lontano... E il bello è che sono pure miope... pensa te se avessi dieci decimi jajajajajaja

Mi sono sempre chiesta che gusto ci si possa provare a fare figuracce così colossali, ma probabilmente si è solo masochisti.

E in fondo (ma molto in fondo eh!) quasi vi ammiro perchè, invece di fare subito marcia indietro quando vi dò il primo magnanimo avvertimento, continuate a cercare di farmi passare per la pazza visionaria di cui sopra che parla (o addirittura straparla!) per gelosia... e ovviamente lo fate quasi sempre quando sicure di poter usufruire dell'altrui aiuto perchè, come accade anche nella più piccola forma di bullismo, avete bisogno di chi vi guardi le spalle.

Ma poi... di cosa dovrei essere gelosa? Certi comportamenti mi sono del tutto estranei e sono troppo presuntuosa, altezzosa, spocchiosa, saccente, polemica, insensibile  (e chi più ne ha, più ne metta tanto ho le spalle larghe!) che non suscitano in me alcuna forma di gelosia, direi piuttosto che sento dei forti conati.

Spesso e volentieri sentiamo la litania che a differenza dei signori uomini, le donne non conosciamo lo spirito di "compagnerismo".
Embé vorrei ben vedere... chiedetemi tutto ma non chiedetemi di difendere le "finte viole mammole": sono indifendibili anche con tutta la buona volontá. E una motivazione per tutte: a b b a s s a n o  l a  m e d i a !!!!

E' inutile che ci si spertichi a trovare alibi/giustificazioni/motivazioni, non ci sono alibi/giustificazioni/motivazioni che tengano. Che giustificazione potrei mai dare (seppur mettendomi di buzzo buono) a chi si nasconde dietro a un dito o a chi mi vomita addosso una serie di accuse (più o meno gravi non è importante) partendo dalla propria sensibilitá come a sottolineare che l'interlocutrice (nella fattispecie io) non lo sia solo perchè dico quello che penso senza aver bisogno di tutori occasionali o meno?

Non ne faccio un dramma sia chiaro, ma preferirei di gran lunga che ci fosse un minimo di onestá intellettuale (e all'occorrenza di palle perchè no?) e un minimo di memoria perchè se è vero che io ferisco con le mie parole, dimenticate ogni volta di analizzare il principio dell'azione/reazione.

Le mie reazioni le soppesate con attenzione ma le azioni che le hanno provocate no, perchè non vi fa comodo. Dovreste mettervi in discussione e questo è privilegio di pochi, si sa.

Le mie reazioni le notate perchè sono palesi e palesate. E se ancora non avete capito che è meglio lasciarmi perdere se non siete più che sicuri che vi regga la... ehmmm... pompa, non accusate me. Continuate a stare al posto vostro che io certamente sto al mio. 

Ma poi che dico... parlo di memoria... altra emerita sconosciuta!!!

Credo sia importante essere coscienti di chi si è e del proprio percorso perchè se è vero che le idee si possano cambiare, è altrettanto vero che quando le idee si cambiano a seconda di come cambia il vento o a seconda di chi abbiamo davanti, forse dovremmo chiederci se poi alla fine una idea ce l'abbiamo davvero e una certa coerenza pure.

E se ci si aggrappa alla memoria selettiva, citando alcuni ricordi ma decontestualizzandoli, mischiando più fatti con la vostra percezione o con la vostra interpretazione mentre io vi riporto a bomba con un ragionamento freddo, distaccato e dettagliato, mi dispiace ma è fatica sprecata. E sempre di più, quando esprimete il vostro pensiero, quel certo stridio di quando iniziate ad annaspare da soli persino nel piccolo bicchiere d'acqua, a me non distrae minimamente. Anzi! Mi rende attentissima e iper razionale.

Quando in un discorso si salta di palo in frasca non è quasi mai sintomo di una profonda sensibilitá (a discapito della supposta insensibilitá degli altri) ma direi piuttosto possa trattarsi di un mal riuscito tentativo di rivoltare la frittata fino a cercare di guadagnarsi rapidamente l'uscita... non vorrei dire ma a me sembra più simile al sintomo di un po' di codardia... ma voi vedè che magari mi sbaglio??

Mi correggo. Sicuramente mi sbaglio. Infatti se sono l'unica voce che canta fuori dal coro è evidente che chi sbaglia sono io... tuttavia permettetemi di dubitarne perchè molto spesso quando le posizioni cambiano e cambiano anche le implicazioni, allora cambia tutto. Conveniente e opportunista vero?

Ricordo un episodio di quando frequentavo l'ultimo anno di Ragioneria. Un compagno che aveva preso dei brutti voti decise di falsificare la sua pagella cambiando alcune insufficienze con quella penna che poi si cancellava, per presentarla alla firma di suo padre per poter partecipare alla settimana bianca cui non avrebbe partecipato se non avesse avuto bei voti. Il giorno dopo venne a scuola e se ne vantò con il resto della classe chiedendoci di tacere. Non ritenendola una cosa corretta gli dissi in faccia (attirandomi oltre alla sua ira anche quella del resto della classe) che non mi sarei prestata ad essere complice. Ovviamente lo scoprirono e lo sospesero e al primo consiglio di classe si scopr¡ che tutti i compagni avevano reso edotti i loro genitori, nonostante il loro comportamento da pesci in barile.
Dopo qualche giorno mi fermò il padre di questo compagno per dirmi che secondo lui i compagni di una classe avrebbero dovuto fare sempre gruppo. Serafica gli risposi con un esempio. Che cosa avrebbe fatto se il professore avendo deciso le interrogazioni programmate (e lui non avrebbe dovuto essere interrogato),  causa l'assenza di uno dei prescelti, fosse stato chiamato e, impreparato, avesse preso un brutto voto?
Lui ovviamente rispose che quel compagno non faceva parte del gruppo e che si comportava male. Gli dissi che quel compagno era proprio suo figlio e diventato viola fece pippa!
E solo per dovere di cronaca aggiungo che quando ci siamo diplomati una delle materie era spagnolo ed io ho aiutato questo compagno con varie lezioni private gratuite perchè non mischio mai una cosa con l'altra, nè mi rifaccio sulle difficoltà altrui. Ma allo stesso modo non taccio e faccio valere le mie ragioni perchè non mi interessa far parte di un gregge. Anche a costo di restare sola.

Sono fiscale? Certo che lo sono. Anche se mi si recrimina come fosse un difetto. Mi informo su quali siano le regole e magari faccio le mie battaglie per farle cambiare a monte o magari decido di saltarle assumendomene le conseguenze, ma se valgono devono valere per tutti ed è quando si fa finta che ci siano ma che si possa soprassedere facendo deroghe ad personam perchè fa comodo, che mi incaxxo come un'ape! E ora ditemi chi è poco democratico?

Eh si, perchè vi piace incensarvi nel vostro finto buonismo mentre io, troppo abituata a prendere il toro per le corna, quando vedo per esempio  che un gruppo afferma di essere coeso in una direzione, mentre io non lo sono tolgo il disturbo.

Ma non sará invece che il punto è che vorreste che mi inventi una scusa, atteggiamento forse a voi più consono, per tranquillizzarvi? Troppo comodo! E poi non siete voi altrettanto sicuri delle vostre posizioni come lo sono io delle mie? Lo dico sempre... alla fine tutti i nodi vengono al pettine!!

A chi mi definisce intransigente (peraltro sempre con l'accezione negativa del termine) dico molto serenamente che non predico bene e razzolo male. Ed è per questo che quando, misurandomi con il vostro metro, pensate che prenda una decisione alla leggera e che quindi sarei disposta a cambiare di opinione per un atto di fede.

Niente di più sbaglaito nel mio caso. Quello è proprio il momento in cui  non solo non cambio idea ma continuo a trovare innumerevoli motivazioni che possano avallare il mio pensiero chiaro e scevro persino di quella vena polemica che cercate di addurmi come scusa alla vostra sensibile incoerenza.

Ma non faccio tutto da sola eh? No, no!

Mi aiutate voi che non avendo memoria, essendo distratti, decontestualizzate, vi nascondete oppure vi palesate a seconda della circostanza (o della presenza), tirate il sasso e nascondete la mano, parlate prima e rimangiate quanto appena detto poi per ritirarlo fuori in un altro contesto e che quando vi faccio notare... ehmmm... "scusate ma allora sta cosa è importante"... rispondete in modo angelicale con l'espressione in viso (che purtroppo non posso vedere ma che immagino pressocchè alla perfezione) di chi non ha mai rotto un piatto, misto ad un "azz! sono stata tanata/o, e mo' che faccio? niente torno in silenzio e speriamo che le sia sfuggito!" ... Purtroppo per voi, a me non solo non sfugge nulla, ma archivio nel faldone in cui sono conservate le motivazioni per cui non è possibile cambiare idea quando mancano proprio i presupposti di base: e... che vi piaccia o no...  l'asino anche se vestito a festa, sempre asino rimane!!!

E probabilmente l'abito così sfavillante non solo vi ha reso ciechi (e sordi aggiungerei!!) ma vi impedisce anche di fare un passo indietro per vedere oltre il proprio naso per quanto capisca che sia un altro esercizio piú che impossibile ai più e soprattutto a coloro che mi muovono le critiche sempre più accese e sempre meno saldamente puntellate.


EndokeTutt'AltroCheDonAbbondio

 
 
 

PV è il mio mito da sempre!! :-)

Post n°788 pubblicato il 13 Febbraio 2015 da endoke

 

Non mi dilungo perchè... sono troppo impegnata a... ridere di gusto!!!


Endoke

 
 
 

...

Post n°787 pubblicato il 10 Febbraio 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/camino.jpg

...

...Caminante, son tus huellas

el camino y nada más;

caminante, no hay camino,

se hace camino al andar.

Al andar se hace camino

y al volver la vida atrás

se ve la senda que nunca

se ha de volver a pisar.

Caminante no hay camino

sino estelas en la mar.

...

(Tratto da "Cantares" di Antonio Machado)

 

 
 
 

Ce l'ho, ce l'ho, me manca!!!

Post n°785 pubblicato il 09 Febbraio 2015 da endoke

 

EndokeSpeechless

 
 
 

Come recita il box qui accanto...

Post n°784 pubblicato il 08 Febbraio 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/domande.jpg

 

...se qualcuno ci delude
non significa necessariamente
che non valga.
A volte, la delusione
è causata da noi stessi
che ci aspettiamo dalle persone
molto di più di ciò che possono dare
specialmente paragonandole a noi...

E la riflessione nasce spontanea
quando
trovandoci dalla parte opposta
tocchiamo con mano,
una volta di più,

che
  a pimenta nos olhos dos outros
tampouco é... refresco!!

EndokeConsequenziale

 
 
 

Adoro i puzzle...

Post n°783 pubblicato il 06 Febbraio 2015 da endoke

 

All'inizio sembra difficile venirne a capo

ma poi, incastro dopo incastro,

il disegno si compone quasi da solo

anche quando qualcuno

furbescamente (o vigliaccamente!)

pensa di nascondere qualche tessera!


EndokePazientissima

 

 
 
 

Nigrum signanda lapillo dies!!

Post n°782 pubblicato il 04 Febbraio 2015 da endoke

 

Cui prodest scelus, is fecit.


EndokeDictumFactum

 
 
 

Perchè non sono sola e perchè è... attualissimo jajajajajaja

Post n°781 pubblicato il 03 Febbraio 2015 da endoke

DELL'INADEGUATEZZA E DELLA RIBELLIONE
Post n°18 pubblicato il 17 Settembre 2012 da NOthing_To_Declare

spero che la vignetta si legga tutta

Ho necessità di valutare ed estrinsecare alcuni comportamenti
 del mio prossimo e ho deciso di farlo qui in modo che, quando
 puntualmente quello che ho prospettato accadrà, potrò
 invitare tutti quelli che pensano di poter cambiare le cose a
 loro piacimento a leggere qui.

Il primo punto di cui vorrei parlare è l'inadeguatezza di alcuni
 che li spinge a criticare l'operato altrui, spesso per l'unica
 ragione che non sarebbero mai stati in grado di  fare quello
 che a qualcun altro invece è riuscito. Che li porta a
 scimmiottare, a tentare di imitare ed infine a contestare
 sberleffando dietro le spalle come fanno i bambini con la
 maestra.

Il secondo punto è la ribellione, quella che alcuni perpetrano
 conto ogni forma di regola e costrizione, adducendo nobili
 ideali a perorare la loro causa (libertà, divertimento, rispetto
 della loro individualità) sorvolando beatamente su quelle
 altrui. Salvo poi appellarsi a quelle stesse regole che
 contestavano due minuti prima.
La ribellione si traduce di solito nel caos totale che operano
 all'interno di gruppi al sono fine di rivendicare la loro
 esistenza ed imporre a tutti il loro modo... perchè si sa... gli
 stolti necessitano di associarsi per sentirsi più forti.

Il terzo punto è il nascondersi dietro la parola amicizia per
 poter dire e fare tutto quello di più ignobile possa esserci.
 Sono amico tuo ma siccome te sei meglio di me io cerco di
 fregarti l'uomo o la donna, critico alle tue spalle ogni tua
 azione, cerco vilmente di raccogliere i frutti dei tuoi sforzi.
 Coinvolgendo altri dando informazioni errate e capziose,
 usando strumentalmente parti di verità rattoppate ad arte
 tipo patchwork al solo fine di rendere credibile quello che non
 lo sarebbe affatto. (... perchè si sa... gli stolti necessitano di
 associarsi per sentirsi più forti..... REPETITA JUVANT)

Salvo poi, dopo aver tentato la scissione ed essersi persi (una
 volta che la scia generata dalla mia onda inevitabilmente si
 ferma) tornare con la maggior faccia di culo e fingere di non
 aver detto fatto agito e tradito.

A volte, spesso, sono magnanima e fingo (FINGO) di non
 ricordare, altre volte, al contrario, mi siedo e aspetto per
 spararti addosso quando torni.

Stavolta ho il kalashniokov

E mo' mettetece 'na pezza...!!!

Ancora che volete vení a rubbá a casa de ladri!!!!

EndokeErgaOmnes
 

 
 
 

Ed è come quando...

Post n°780 pubblicato il 02 Febbraio 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/pioggiabis.jpg

 

...piove a dirotto ed esci con l'ombrello!

All'improvviso

uscito il sole, ti siedi al tavolino di un bar,

chiacchieri e sorridi con il cuore  che si fa un po' più leggero...

Il tempo scorre

Ti sei distratta e dimentichi l'ombrello...

il cielo ridiventa scuro all'improvviso e...

ricomincia a piovere!!!

Vedrai che la prossima volta...

l'ombrello

te lo... leghi al collo!



EndokeApparentementeCriptica

 
 
 

Dies irae!

Post n°779 pubblicato il 01 Febbraio 2015 da endoke

 

Obsequium amicos, veritas odium parit.


Endoke

 
 
 

Matar a cobra...

Post n°778 pubblicato il 28 Gennaio 2015 da endoke

 

...e mostrar o pau!
 

Endoke

 
 
 

E per la serie... se nun so' matti nun ce li volemo!

Post n°777 pubblicato il 28 Gennaio 2015 da endoke


E' proprio vero che alla fine tutti ci si rivela per quel che si è... Certo è che non capisco quali possano essere le motivazioni per cui un essere senziente e pensante debba avere la necessità di mostrarsi in modo diverso da come sia realmente.

Azz! Ho detto una bugia. In realtà ne conosco molteplici di motivazioni, ma resto comunque basita quando inciampo in certi individui (e non faccio distinzioni tra uomini e donne sia chiaro perchè in questo sì che sono perfettamente identici) perchè sono comportamenti e/o necessità lontanissimi da me.

A parte il fatto che, essendo molto pigra, inseguo sempre il massimo fine con il minimo sforzo ma dico io, non sarebbe meglio risparmiare tempo e farlo risparmiare al prossimo mostrandosi per quel che si è, dicendo chiaramente quel che si vuole (o si vorrebbe) e soprattutto ciò che non si vorrebbe mai?

Credo che una delle prerogative dell'essere adulti consista proprio nella presa di coscienza del proprio valore e delle proprie capacità, dei propri limiti, dei propri gusti, della propria capacità di trovare un punto di incontro sereno che non risulti poi essere invece la fonte di una insoddisfazione perchè -per falso buonismo- non siamo stati in grado di mettere i giusti paletti, ma abbiamo permesso che li si superasse prima, per fare marcia indietro poi lasciando tutti di stucco. Beh tutti no... mi correggo. Vale solo per chi è coerente, i voltagabbana non ci fanno manco caso.

Eh no... ma che noia! Meglio dimostrarsi diversi da quel che si è, perlomeno fino a quando lo/la scassacaxxi di tutto (nella fattispecie io!) che preferisce sempre e comunque la verità dolorosa alla bugia pietosa, non decide di tirare la corda per vedere quanto regge!

A quel punto apriti cielo! Si vomitano accuse (diametralmente opposte a quanto affermato poco prima) con l'aggravante di non dare diritto di replica, ci si erge a paladini in difesa dei diritti altrui, peraltro mai vilipendiati perchè "testa che non parla è cucuzza" (e non mi risulta che le le zucchine abbiano diritti se non per quelle strane commissioni europee che si dedicano a misurarne le dimensioni jajajajajja) e soprattutto perchè non si comprende che l'essere superiori non ha niente a che vedere con l'indifferenza, se comunque poi si ha bisogno di chi si esponga per noi. Per il mio modo di vedere chi non fa valere i propri dirittti, per la ragione che sia e in qualunque ambito o circostanza, non vale una lira anche quando in cuor suo si sente superiore perchè non ha risposto alla provocazione.

Nei casi in cui la provocazione che riceviamo è conseguente al nostro comportamento reiterato e "abusivo", allora smette di essere provocazione ma diventa un... risultato e quindi assai vicino alla codardia! jajajajajajajajaj

E' ovvio che certe cose non riesca a capirle... non sono usa mostrarmi diversa da ciò che sono... e se dovesse capitarmi tendo sempre a mostrarmi assai peggiore affinchè ci sia una sorta di selezione naturale...  insomma sono davvero un disastro.

Dico quello che penso e le rare volte in cui le circostanze me lo impediscono, parlano i miei occhi e quindi il risultato non cambia. Certo nel virtuale i miei occhi non si possono vedere, ma credo di riuscire ad essere ugualmente eloquente perchè se decido che non esisti diventi totalmente trasparente.

Poco mi importano le spiegazioni, le motivazioni date a posteriori (a meno che non ci siano oggettivi e momentanei impedimenti) perchè, nonostante possa capire che i tempi di reazione per un cervello poco allenato possano essere molto soggettivi, mi pregio della virtù di usarvi un tempo prudenziale che ovviamente non è infinito ma comunque sufficiente... ma poi basta! 

In genere le persone si "concedono" poco a poco, io no. Se penso che il mio interlocutore sia una persona degna della mia attenzione (mica ci possono piacere tutti, nè dobbiamo piacere a tutti!) e/o della mia fiducia (anche quando commetto un evidente errore di valutazione perchè, invece di fidarmi del mio istinto, sento le sue parole che sono uguali o simili alle mie, senza pensare minimamente che possono venir usate senza pensare) allora consegno un pacchettino di bonus e inizio a scontare o a reintegrare meritocraticamente ma non possono mica essere infiniti...

Un altro difetto che mi riconosco è l'essere troppo orgogliosa, ma cerco di fare una sorta di compensazione facendo affidamento sulla mia intelligenza e in qualche occasione (ahimé sempre più rare perchè sono stanca della dilagante pochezza umana) faccio i passi necessari per sedermi ad un tavolo di contrattazione ma certo è che poi arriva puntuale l'unico modo che conosco per non essere prolissa: un accorato e sonoro... vfc!!!! jajajajajajaja


EndokeApertisVerbis
(o come direbbe BT... altro "selfi" by keyboard jajajajaja)

 
 
 
Successivi »
 

Avevo sempre saputo che
il vero amore è al di sopra di tutto
e che sarebbe stato meglio morire,
piuttosto che cessare di amare.
Ma pensavo che solo gli altri
ne avessero il coraggio.
In quel momento, invece,
scoprivo di esserne capace anch'io.
Anche se avesse dovuto significare
partenza, solitudine, tristezza,
l'amore valeva comunque
ogni centesimo del suo prezzo.
(Paulo Coelho)


 

Quem nos decepciona
não necessariamente
não presta.
Ás vezes,
a decepção é causada
por nós mesmos
que esperamos
das pessoas além
do que elas podem dar...
Especialmente por...
compararlas conosco.

 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

...

 

ULTIMI COMMENTI

Eh si Acronimo... ed è importante, come dico sempre, non...
Inviato da: endoke
il 26/02/2015 alle 12:56
 
Sempre per la serie...la solita diaspora tra...
Inviato da: acronimo_blu
il 26/02/2015 alle 11:29
 
Grazie Debora... troppo buona :-)
Inviato da: endoke
il 24/02/2015 alle 11:07
 
Scrivi benissimo!! complimenti!!!
Inviato da: debora.candiotto
il 23/02/2015 alle 12:46
 
Ti conviene fare un corso accelerato di astronomia, perché...
Inviato da: Arya06
il 19/02/2015 alle 12:07
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sopuhendokenorma3330Arya06fudinamiteblalab79al_kimiyahesmeralda.cariniacronimo_bluannita.solarifranco.rapadebora.candiottocercoallievarm1Cook16
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 

CONTIGO (MA COME SONO STATA BRAVA)


No puedo dejar de quererte...
Te añoro y te quiero...
Y si volvieras...
Aqui estaré esperándote...
me perdería en tu abrazo...
callando en ti... mi llanto...

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom