Creato da endoke il 25/05/2009

LIBERA NO DOMINE

Non costituisco un esempio sono solo fedele a ciò che sono

 

 

E ancora una volta, la non pervenuta... coerenza!

Post n°810 pubblicato il 29 Marzo 2015 da endoke

 

Niente ferisce, avvelena, ammala quanto la delusione.

Perchè la delusione è sempre un dolore

che deriva sempre dalla speranza svanita,

una sconfitta che nasce sempre da una fiducia tradita,

cioè dal voltafaccia di qualcuno o qualcosa in cui credevamo.

E a subirla ti senti ingannato, beffato, umiliato.

La vittima di un'ingiustizia che non ti aspettavi,

di un fallimento che non meritavi (...)


Oriana Fallaci


 

 
 
 

Riflessioni...

Post n°809 pubblicato il 22 Marzo 2015 da endoke


...Ci sono eventi improvvisi che, anche se non ci riguardano direttamente, dopo una prima sensazione di triste stupore, ci portano inevitabilmente a fare delle riflessioni e delle considerazioni  anche su noi stessi.

La mia personale riflessione è che la vita è un pizzico e si ha l'obbligo di viverla nel miglior modo possibile potando tutti quei rami secchi che non rappresentano nulla, ma soprattutto iniziando ad eliminare con coraggio tutti i "succhioni" che, pur sembrando apparentemente dei germogli che potrebbero crescere, in realtá non solo non ci apportano nulla, ma oltrettutto si nutrono di noi in modo quasi parassitario.



EndokeDiCesoieMunita

 
 
 

Partiamo dalla fine...

Post n°808 pubblicato il 21 Marzo 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/sveglia-al-collo.jpg

 

... eppure, nonostante tutto, c'è ancora chi pensa che...

c'ho la sveja ar collo!!!


jajajajajajaja

Ma annate a incollà la cofana!

jajajajajajajaja



EndokeSpiccatamenteVernacolare

 
 
 

(...) Si tratta di fiducia...

Post n°807 pubblicato il 20 Marzo 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/giustizia_fiducia2.gif

...PUOI TOLLERARE I DIFETTI DI QUALCUNO...
MA, ALLA FINE, SE NON TI PUOI FIDARE...
DIVENTA INUTILE!!
(Battuta tratta da un episodio della serie Damages)


EndokeRipetitiva

 
 
 

Ma si!...

Post n°806 pubblicato il 18 Marzo 2015 da endoke

...facciamoci quattro risate!!!

Girando per il web ho trovato questa vignetta

e mi verrebbe voglia di farci del... volantinaggio!

jajajajajaja

La dedico con sincero affetto a coloro che

riescono a svolazzare di fiore in fiore

facendo sì che il peso delle loro parole

diventi nullo perchè contraddetto

dai reiterati -e dolosi- comportamenti!

Ma come sarà che a me non succede mai???

Ah si, dimenticavo!

Io sono una asociale elitaria e snob

e pure con il vizio di essere... coerente!

jajajajaja


EndokeCheCedeSempreAll'Ironia

 

 
 
 

Faccio a malincuore (e obtorto collo) ci che devo...

Post n°805 pubblicato il 17 Marzo 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/anticorpo.JPG

 

...mentre si ripopolano i miei anticorpi contro... il mondo!


Endoke
InutilmenteSalomonica

 
 
 

...

Post n°804 pubblicato il 16 Marzo 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/speechless-77346770.jpg

 

...
Como dizia o poeta

Quem já passou
Por esta vida e não viveu
Pode ser mais, mas sabe menos do que eu
Porque a vida só se dá
Pra quem se deu
Pra quem amou, pra quem chorou
Pra quem sofreu, ai

Quem nunca curtiu uma paixão
Nunca vai ter nada, não

Não há mal pior
Do que a descrença
Mesmo o amor que não compensa
É melhor que a solidão

Abre os teus braços, meu irmão, deixa cair
Pra que somar se a gente pode dividir?
Eu francamente já não quero nem saber
De quem não vai porque tem medo de sofrer

Ai de quem não rasga o coração
Esse não vai ter perdão

(Vinicius de Moraes)

...Porque se pode ser triste mesmo ouvindo uma musica alegre!

 

 
 
 

Nihil inimicus quam sibi ipse!

Post n°803 pubblicato il 15 Marzo 2015 da endoke




Nessuno ci è più nemico di noi stessi!


EndokeLapalissiana

 
 
 

Nottata praticamente insonne...

Post n°802 pubblicato il 15 Marzo 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/preguntas-frecuentes.png


... e la testa piena di domande le cui risposte sono spesso più assurde delle stesse domande.

Invidio (si fa per dire eh!) chi ha la memoria selettiva e ricorda solo ciò che gli fa più comodo... fanno finta di ascoltare ma si vestono il santo come gli conviene e alla fine io resto spiazzata.

La mia coerenza mi impedisce di cambiare idea a seconda dell'interlocutore con cui mi confronto e garantisco che è spesso una gran fatica... le banderuole invece cadono sempre in piedi... beati loro! sigh!

E in giornate come questa mi chiedo "ma chi me lo fa fare?"

Nonostante la mia proverbiale intransigenza, in realtà cerco sempre un punto di incontro e mi metto in discussione ma se dall'altra parte l'atteggiamento non solo è chiuso ma rasenta addirittura la dissociazione, sarò pur libera di gridare un sonoro vaffa, o no?

E il risultato è che io passo le nottate in bianco a chiedermi "perchè si?" o "perchè no?" e gli altri dormono tranquilli perchè il problema l'hanno risolto a monte raccontandosi una marea di stronxate... mentre inseguo ancora l'inesistente meritocrazia!


EndokeScoraggiataEUtopistica

 
 
 

Domina omnium et regina ratio...

Post n°801 pubblicato il 14 Marzo 2015 da endoke

...La ragione sia padrona e regina di tutti
(Cicerone)


EndokeTelegrafica

 
 
 

Dalle riflessioni della Norma3330... :-)

Post n°800 pubblicato il 12 Marzo 2015 da endoke

Post n°1177 pubblicato il 10 Marzo 2015 da norma3330

Sto guardando il mondo virtuale e vedo tante persone che soffrono di mal d'amore.
Proprio ieri, altro sfogo in pvt. A me dispiace sempre, A tutti è capitato una volta in questo spazio virtuale prendere fischi per fiaschi. (me compresa, eh )
Ma la lezione che si prende, la devi imparare a memoria, perchè se caschi un altra volta ... non è più la colpa di qualcuno  ma solo TUA.
Se posso essere utile a qualcuna/o io ho le mie regole per restare con i piedi per terra.
Eccole. 
1 - non credere ai complimenti scontati 
      ( non ho mai conosciuta la persona come te,
       sei unica /o, sei la luce dei miei occhi ..  ecc ecc )
2- abbi pazienza di conoscere bene la persona ... di voce e di viso.
     Quanto tempo ci vuole? non lo so, ognuno ha i suoi tempi x capire.
3 - osserva bene come si comporta, relaziona con altre persone.
   ci sono le persone che usano il fattore di gelosia, per riavvere la persona con sè. 
   Nessuno piace essere geloso, quindi se credete che per farla/o ingelosire 
   è un metodo migliore ...non avete capito niente.La fate solo allontanare.
4 - La persona DEVE farvi star bene se vi fa star male allora o siete stupidi o masochisti.
5 - Chiedete il suo nr di telefono è se la risposta è :  a cosa serve ?
     tanto ci sentiamo in skype. Interpretazione : Per lui / lei non sei una cosa seria.
6 - Le canzoni .... questa la  dedico a Te. Le donne sono paricolarmente debole.
     Gli uomini hanno la pelle più dura, eh.Appena finisce già hanno dimenticato
     il titolo.  
     ( qui mi ricordo in episodio umoristico, quando un uomo stessa canzone 
      la decicava a 3 donne scrivendo in pvt " teso' ..., questa è per Te :))))))
7 - Le bugie ah ah ah io AMO LE BUGIE QUANDO SO LA VERITA'.
     Adoro ascoltarle e aspetto per vedere dove vuole portare la sua calesse, 
    con tutte 4 ruota che scricchiolano. E ricodatevi una cosa santa e vera:
    le bugie escono sempre a galla. Qui a volte ci vuole  un po di pazienza ..
   ma poi ci sono grandi soddisfazioni.
8 - Se ci siete visti in reale e non ha nessuna intenzione di presentartvi a suoi  
    famigliari      o amici .............  è la prova del 9 !!!!!!!!!! Chiudete imediatamente la relazione.
9 - Ci vuole un po' di acidità in questo mondo di miele sintetico, tutti baci, 
     abbracci, cuori e  ti amo ... buttati a caxxo.
      Vi lascio mia regola (ultima ) in caso se già siete cascati ....
     Si guarisce con     DISTACCO     TOTALE.
    e inizia a  farti BELLA/ O   ..  fatevi   un shopping folle ... cambiate la pettinutra,
   il colore dei capelli, regalatevi un massaggio, compratevi il vestito vuovo,
    le scarpe costose....  lo farete solo per voi.   
     perchè il      SOLE     ESISTE     PER     TUTTI.

I   VERI    ADDII    SCATTANO    NELLA   MENTE.   SONO   SILENZIOSI.
SONO   I   PIU'   VERI,   E   PIU'   PERICOLOSI. SONO   QUELLI   CHE  TIENI   PER   TE.

E   PUOI   ANCHE   CONTINUARE   A   SENTIRLA   UNA   PERSONA. NON   TI    AVRA'   PIU'   SE   L'HAI   SALUTATA    DENTRO. / Da web/

e alla fine miei cari  lettori

 Un bel calcio nel sedere ....... è liberatorioooooooooooooooooo !!!

...................................................................................................................................................

Ho copiato paro paro (come si dice a Roma) il post di Norma con il suo permesso (GRAZIE!!) perchè da quando sono andata nel suo blog non riesco a togliermelo dalla testa...

Mentre lo leggevo pensavo a quanto sia reiterato l'errore di prendere lucciole per lanterne (e non credo che riguardi solo il mondo virtuale, anzi!) ma nonostante tutto mi sono anche chiesta quale potrebbe essere l'atteggiamento giusto... sarà forse il non mettersi in gioco?

Cedo sia opportuno alzare la guardia e inoltre credo che venga da sé farlo se non si è masochisti come citava Norma (ed io di scudi me ne intendo eh? jajajaja) ma allo stesso tempo mi chiedo... non è che poi da dietro questo muro che ci innalziamo tutto attorno, finiamo per non vedere più nulla?

In questi giorni sono un po' così... è tutto troppo complicato... sto facendo ciò che è giusto a discapito di ciò che sento... faccio leva sulla forza di volontà ma tra le "pareti" del mio blog posso dire che mi sarei vagamente rotta le paxxe della dilagante litania del... vorrei ma non posso?

Mi viene in mente la risposta tipo delle varie miss che vorrebbero la pace nel mondo... beh io mi accontenterei se molti (troppi!!!) facessero pace almeno col cervello, perchè l'attitudine dello stare sull'uscio mi fa parlare da sola e credo renda bene l'idea il proverbio "nem trepa, nem sai de cima" la cui versione un po' volgare (ma che rende oltremodo l'idea jajajajaja) è... nè scoxano, nè... si tolgono di dosso! grrrrrrrrrrrrrrrrrrrr


EndokeSull'OrloDiUnaCrisidiNervi

 
 
 

Non ne faccio una questione politica... ma magari una riflessione ci starebbe bene!

Post n°799 pubblicato il 08 Marzo 2015 da endoke

Ci risiamo. Si avvicina la Festa della Donna e IL PRESIDENTE della Camera, Laura Boldrini, prova a erigersi nuovamente a paladina del genere femminile, sostenendo di fatto che ogni donna desidera nel profondo del suo cuore che le sia garantito il rispetto dell’identità di genere. A sostegno di questa posizione e per difendere a gran voce questo diritto ha anche inviato una lettera a tutte le cariche istituzionali.

“Caro Collega, cara Collega,

come è noto, in questa legislatura si registra il numero più elevato di deputate, circa il 30%, così come si riscontra un significativo numero di donne che rivestono cariche e ruoli istituzionali prima ricoperti in via quasi esclusiva da uomini. […]
Anche da ciò deriva in modo più evidente rispetto al passato l’esigenza dell’adeguamento del linguaggio parlamentare al ruolo istituzionale, sociale e professionale assunto dalle donne e al pieno rispetto delle identità di genere, a garanzia del principio di non discriminazione e a tutela della dignità della persona, in conformità a quanto previsto dagli articoli 2 e 3 della Costituzione. In questo senso, e tenuto conto anche di analoghe iniziative assunte in altri Paesi, desidero segnalare l’opportunità che negli interventi svolti nel corso delle sedute dell’Assemblea e degli altri organi della Camera le cariche e i ruoli istituzionali siano richiamati nelle forme corrette, ossia secondo il genere proprio della persona cui essi si riferiscono. […]”.

L’occupazione femminile in Italia è la più bassa d’Europa, gli stipendi sono inferiori del 13% e abbiamo un altissimo tasso di abbandono del lavoro dopo la maternità. Nel frattempo, in un universo parallelo, Laura Boldrini si preoccupa di essere chiamata Presidentessa e non Presidente.

Vede, Signora Presidente, le donne non hanno bisogno di questo. Il rispetto, quello che lei sventola ai quattro venti, non dipende dall’identità di genere. Signora Boldrini, le donne non hanno bisogno di queste foglie di fico e non chiedono una vocale al posto di un’altra ma di avere più libertà. Le donne lottano con i problemi della quotidianità, quelli veri. Da sempre è stato così e sempre lo sarà. Io rientro nel 30% dei DEPUTATI eletti in questa legislatura, sono orgogliosa di essere in quel 30% perché gli italiani mi hanno dato fiducia, e non perché sono una donna, ma per le mie capacità. E le assicuro che le capacità non hanno identità di genere.

Quindi, per rispetto a tutte le donne, la prego, quando si rivolgerà a me, continui a chiamarmi PRESIDENTE.

(lettera scritta da Giorgia Meloni a Laura Boldrini)



EndokeRelataRefero

p.s. aggiungo oggi il link di un mio vecchio post del 2010, ripubblicato nel 2012 e che firmerei anche oggi... ma sono stanca di ripetermi http://blog.libero.it/LiberaNoDomine/11131623.html

 
 
 

Sola ma mai... sla! jajaajaja

Post n°798 pubblicato il 04 Marzo 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/sola1.jpg


... Quando mi sento chiedere perchè preferisca stare da sola (nel senso di non avere un compagno) inizio a sentire un brivido freddo che dal collo scende velocemente per tutta la spina dorsale.

E' vero che m'imbatto raramente in qualcuno che richiami la mia attenzione ed è anche vero che più si va avanti nel sentiero della vita (che ancora oggi vivo con entusiasmo) e meno si ha voglia di perdere tempo... ma soprattutto non si ha più voglia di scendere oltre il limite di un accettabile compromesso.

Purtroppo per me (penseranno in molti!) ma viva Iddio (affermo io) ho avuto la fortuna di provare, ampiamente ricambiata, quel sentimento fortissimo che ti prende l'anima e come credo sia facile capire... chi incontri dopo... spesso ti prende... all'anima e non vuole dire propriamente la stessa cosa jajajajajajajaja

Sarebbe come mangiare dei bastoncini di pesce congelato quando già conosci il sapore del pesce fresco... con il suo buonissimo sapore di mare percepito da tutti i sensi e in ogni senso...

Certo oggi ci sono delle tecniche di congelamento direttamente sui pescherecci che mantengono abbastanza inalterato il gusto ma se hai mangiato i ricci di mare appena pescati seduta sugli scogli, o se alle cinque del mattino -dopo una notte di bagordi- andavi incontro alle barche dei pescatori e insieme a loro mangiavi i cannolicchi crudi mentre dividevano la pesca nelle cassette per la vendita... è davvero tutta un'altra cosa! jajajajaja

Comunque scherzi a parte, anche a me, notoriamente insensibile (anche se spesso è più in apparenza che nella sostanza) talvolta capita di capitolare dinanzi ad una bella testa... il problema è che mi dura poco perchè osservo tutto e spesso mi accorgo (e manco dopo tanto jajajajaja) che le parole (peraltro mai pretese specialmente perchè peso oltremodo le mie) vengono contraddette dai fatti, che si confonde la disponibilità con l'abnegazione,  che il "lenzuolo" degli spazi concessi diventa improvvisamente un risicato... "fazzolettino da taschino"!!!... Sarà che è davvero così difficile leggere le istruzioni per scegliere l'adeguato programma della lavatrice?? jajajajajajajajaja

E in conclusione mi rimetto l'armatura e pure con non poca fatica perchè... quando sentiamo che il sorriso nasce spontaneo sulle nostre labbra solo perchè il pensiero è corso a lui, è indubbiamente una bella sensazione e mi ritornano in mente le parole del poeta Vinicius de Moraes del suo "Sonetto di fedeltà" anche se in italiano perdono alquanto:

Prima di tutto al mio amore sarò attento
e con molto zelo, e sempre, e tanto
Che anche di fronte al maggior incanto
Di esso si incanti di più il mio pensiero.

Voglio viverlo in ogni vano momento 
E in suo omaggio devo diffondere il mio canto
E ridere il mio riso e versare il mio pianto
Al suo dolore o alla sua gioia

E così, quando più tardi mi abbia trovato
Chissà la morte, angustia di chi vive
Chissà la solitudine, fine di chi ama 

Io possa dire a me stesso dell'amore (che ho avuto)
Che non è immortale, dato che è fiamma
Ma che sia infinito finchè duri. 

Mi sa che... chiedo troppo eh? jajajajajajajaja

¿¿¿EndokeDiCuoreMunita???

 
 
 

Ad impossibilia nemo tenetur......

Post n°797 pubblicato il 01 Marzo 2015 da endoke

http://digilander.libero.it/endoke/made_in_China.jpg

Non ho più voglia di fare domande e attendere risposte che quando e se arrivano, cambiano di forma e significato molto velocemente.

Non ho più voglia di capire chi non sa -o non vuole- spiegarsi e non ho più voglia di rallentare la mia corsa perchè non mi si tiene il passo.

Non ho più voglia di girare a vuoto ma voglio (e soprattutto devo!) stare bene... 

Non è stato capito quanto ci stessi dentro e quanto ci avrei messo del mio... ma non inseguo mai nessuno... 

Nessuno è tenuto a fare l'impossibile???... Ebbene, neanche io!!!!


EndokeMultaPaucis

 
 
 

A veces...

Post n°796 pubblicato il 28 Febbraio 2015 da endoke


...me sorprendo pensando
a la falta que me hace dejarme llevar.
Dejar que te acerques
sin pensar a nada más
que a las ganas de vivirnos...



EndokeDemasiadoIntrospectiva 

 
 
 

In punta di piedi...

Post n°795 pubblicato il 27 Febbraio 2015 da endoke

 

A volte mi capita di andare in giro per blog magari per restituire una visita o di proposito se si tratta di persone che conosco, più o meno virtualmente...

Ierei sono andata nel blog di un uomo che stimo molto e ho letto le bellissime parole che ha dedicato alla sua Donna... non erano parole sdolcinate ma dense di un sentire maturo...

Non ho voluto lasciargli commenti per non "deturpare" con un mio commento, anche se solo avrebbe dimostrato empatia, quelle parole che, anche se scritte in un blog pubblico, erano davvero molto intime...

A volte si dovrebbe avere tutti la delicatezza di camminare in punta di piedi e uscire chiudendo silenziosamente la porta... lasciando come unico segno del proprio passaggio quella sensazione di serenità dentro il cuore anche se grazie alle parole di un'altra persona...


EndokeIntimista

 
 
 

Rubata dal web e...

Post n°794 pubblicato il 19 Febbraio 2015 da endoke

 

...semplicemente geniale!!!

 

 
 
 

Riflessioni a colazione...

Post n°793 pubblicato il 17 Febbraio 2015 da endoke

 

Questa mattina, mentre facevo colazione sotto al pergolato di vite del Bar Gianicolo (per i non romani è un bar storico della Città Eterna), riflettevo sul perché continui a piacermi sempre molto.

La prima ragione è perché lo frequento da una vita ed è stato nel tempo -e continua ad esserlo- teatro, attore e spettatore della mia vita. Sono affezionata alla famiglia che lo gestisce e che nel corso degli anni ha saputo apportare delle modifiche senza mai togliergli però quel non so che di atmosfera un po’ bohémien - e anche un po’ dandy- (a seconda delle giornate e degli orari) che lo rende unico.

L’aria che si respira è quasi sempre gioviale ma, come accade nelle migliori famiglie, talvolta si potrebbe essere spettatori di qualche discussione che forse risulterà strana all’avventore di passaggio ma che per gli habituè come me, è invece sintomo di un “sentirsi a casa” unitamente alle mille attenzioni riservateci,  come per esempio l’avere memoria dei gusti di ognuno anche quando ci viene proposto l’assaggio di un nuovo aperitivo o quando (e qui vado al mio caso che sono iper coccolata) mi fanno trovare birra e bicchiere in ghiacciaia.

Non è molto grande, né al suo interno, né la terrazza  ma a nessuno importerebbe più di tanto se dovesse aspettare un po’ per avere un tavolo, peraltro sempre più numerosi, senza però diventare mai troppi perchè non è, nè sarà mai un McD.

Mentre sorseggiavo il mio caffè e davo un’occhiata al quotidiano, i pensieri scorrevano interrotti solo dal saluto di qualche altro cliente o da qualche battuta detta senza alzare troppo la voce perché si sa che al mattino il risveglio potrebbe essere… traumatico prima di buttarsi a capofitto nelle attività lavorative.

Riflettevo su quanto mi piaccia questo bar e la mente ha fatto un giro di boa ripensando ad una conversazione avuta ieri qui in chat. Come spesso accade (e direi persino ciclicamente) anche ieri c’era qualcuno che si lamentava un po’ di Libero.

Tempo addietro le lamentele e le critiche (a onor del vero non sempre gratuite o immotivate) vertevano soprattutto sul comportamento dei leaders e oggi sulle stanze a configurazione che, come sappiamo, sono più numerose di un tempo, ma che evidentemente non accontentano tutti.

Come utente appartengo alla “vecchia guardia” (sono iscritta da quando è nata anche se come a tutti, mi capita di prendermi delle pause più o meno lunghe) e quindi preferisco di gran lunga interfacciarmi scrivendo, ma nel mio percorso in questa chat ho frequentato anche le stanze audio e sono configurata da molto tempo in una stanza video (beh fino a qualche settimana ero configurata anche in un’altra, ma ho richiesto la “sconfigurazione” per una certa questioncina di principio cui non ho potuto derogare, nonostante un po’  di amarezza… ma è un’altra storia e non viene al caso).

Quando sento dire che le stanze di Libero funzionano così o colà, ma soprattutto quando sento dire che “ci sono altre chat dove si può parlare o entrare in video senza dover essere configurati perché tutti hanno il diritto di parlare” inizio a sentire un certo prurito alle mani.

Prima di tutto direi ironicamente che da spettatrice/attrice di momenti in chat talvolta più che di “diritto a parlare” si dovrebbe parlare di “dovere a tacere”  ma tornando seria credo che come siamo liberi di non iscriverci a questo portale, se non ci si trova a proprio agio o se si ritiene che venga lesa in una qualsivoglia forma la propria libertà, perché non emigrate in massa in quelle altre chat? Garantisco che, ANCHE SE NON NEL CASO SPECIFICO DI IERI, in più occasioni mi è capitato di desiderare di avere la possibilità di spedirceli io stessa, come sicuramente altri lo penseranno di me, ovvio! Ma io non schiodo!!

Già tempo fa dissi in un altro post (l’ho detto che ci sono lamentele che si ripetono ciclicamente!) che ogni chat è a sé, che ci sono utenti che preferiscono quelle con gli avatar (perché così invece di crearsi l’illusione di una vita parallela a quella frustata che conducono solo con un finto profilo, possono anche costruirsi e “mostrarsi” con un pupazzo strafico senza considerare che sempre sfigati restano), altri che se le sono create a loro immagine e somiglianza dove finalmente fanno il bello e il cattivo tempo in modo spesso assai peggiore di quanto poi in realtà non accusino Libero per le stesse motivazioni. Ed altri ancora vogliono portare qui, quando non riescono a portarsi via gli utenti in modo spesso davvero subdolo, la loro esperienza (e conseguentemente anche il loro modus operandi) della e nella “loro” chat, senza considerare minimamente che la maggior parte degli aficionados a Libero, stiamo qui perché vogliamo questo. E lo dimostra il fatto che gli utentucci che tanto lodano il loro modo di stare in chat da un’altra parte, dove possono crearsi le loro stanze (e lo permette anche Libero, seppur senza video o audio, ma probabilmente perchè Libero ha preso nota da tempo che esiste il telefono e skipe ), non solo non gli fa avere molti seguaci,  ma direi piuttosto che spesso si trovano da soli ma guarda caso in una stanza di Libero. E la domanda ri-sorge spontanea, ma un pochino più specifica: ci siete o ci fate?

E ritornando al bar Gianicolo nessun essere mediamente intelligente direbbe “ah certo però da McD posso mangiare l’hamburger e voi qui non lo fate” oppure “perché non fai stare me alla cassa visto che quando sto nel mio negozio ci sto io?”.

Sono per il motto campo mio, regole mie. E allora non sarà che forse si voglia mistificare  ancora una volta il proprio desiderio di protagonismo (senza però averne le capacità perché fuori da una pagina bianca di una chat e nascosti da uno schermo, verreste confusi con la tappezzeria) con l’accusa che Libero tarpi le ali?

Intanto se non si è configurati in una stanza audio/video e si ha qualcosa da dire si può sempre scrivere, ma certo a monte se ne dovrebbe essere capaci e non parlo certamente della grammatica o della sintassi, ma di essere in grado di sostenere un dialogo, di avere la capacità di reggere un rispettoso (e/o anche acceso) confronto, o ancora di proporre un argomento, o di inserirsi intelligentemente e ironicamente in una conversazione che sia "multilaterale" e non fermarsi al "salutaggio" .

E con questo non voglio dire che non ci siano  cose che non mi piacerebbe cambiassero…  ma certamente non faccio discorsi ad minkiam perché quando ci siamo iscritti, sapevamo quali fossero le regole di base e le abbiamo accettate senza alcuna pistola puntata alla tempia.

Personalmente non sono d’accordo con la configurazione dilagante di utenti canterini le cui madri hanno fatto danni irreparabili facendogli probabilmente credere di essere ugole d’oro, ma allo stesso tempo capisco che sia il target o la moda del momento. Ovviamente evito la stanza preposta e quando mi capita in altre stanze e non ho voglia di ascoltarli, ma la pubblica scorre e mi interessa, tolgo l’audio o alle brutte premo il tasto "esci".

Non sono d’accordo con una certa omologazione delle stanze video ma, ritenendo che le stanze siano degli utenti, comprendo che se c’è una certa richiesta da parte dell’utenza, se non mi aggrada ho le opzioni di cui sopra. Certo che se poi mi sposto perché magari posso rimanere nella “mia” storica stanza testuale e mi dicono che potrebbero traslocare, metto subito l’iconcina spaventata e mi precipito a scrivere… “ma no… restate pure là!” jajajajajajajajaja

Non sono d’accordo con il comportamento o le scelte talvolta arbitrarie e incoerenti di alcuni leader, come non condivido il pensiero/comportamento di alcuni utenti,  ma semplicemente non frequento le stanze dei primi (eccezion fatta per chi conosco da tempo e con chi una discussione non va a toccare la mia considerazione di fondo, persino quando non è reciproca) e tengo a debita distanza i secondi.

Probabilmente avendo sempre frequentato stanze senza leader, non li vivo né con sudditanza, né con accondiscendenza. E conseguentemente non comprendo bene chi chiama un leader perché c’è un disturbatore, quando lo si può  semplicemente ignorare. Forse dipende dal fatto che essendomi fatta le ossa nelle testuali senza leader (e ricordo incontri/scontri epici senza aver mai risposto con un linguaggio volgare ma riuscendo ad arginarli o a… sfiancarli –vedere il “ciabatta” jajajaja-) e sicuramente dipende dal fatto che non essendo una principessina sul pisello (o una finta viola mammola) sono abituata a difendermi da sola senza badanti di sorta o cavalier serventi. E se posso permettermi, senza nulla togliere alla contemporaneità, erano bei tempi che spesso rimpiango, soprattutto davanti a tutta sta musica… ma tant'è.

Riconosco alcune imperfezioni di Libero, ma quando mi trovo in una stanza agisco con spirito propositivo partendo proprio dalla mia condizione di utente pensante e senziente e, se mai potessi vedere esaudito un mio desiderio, mi piacerebbe che… il tasto IU fosse accompagnato da un sonoro calcione, solo per sopperire al desiderio che ogni tanto mi prende di parlare con le mani, specialmente quando sento o leggo discorsi che sono sballati in partenza perché nessuno ci obbliga a stare qui e magari aver la possibilità di indirizzare taluni utentucci direttamente a…lle loro magnifiche chat e... talvolta... anche oltre!!!

La soluzione che adotto io (ma non credo di essere l’unica) è quella di stare in compagnia di chi mi aggrada e mi fa divertire (siano utenti con o senza stelletta), tener lontani come la peste quelli che sono distanti anni luce da me e giocherellare con i pupazzetti di chat fino a quando non mi stanco e da buona bimba ordinata non li ripongo tutti nel mio orami noto... baule jajajajajajajajaja


EndokeLanciaINRestaMaNeancheTanto     

 
 
 

Dialogo possibile? Comunicazione improbabile!

Post n°792 pubblicato il 16 Febbraio 2015 da endoke

 

X.: "Dammi la tua opinione, che faresti per xxxxxxxxxxxxxx?"

E.: "Io eliminerei quell'edificio, pulirei bene il terreno e lo ricostruirei."

X.: "Si, ma secondo te, che faresti per xxxxxxxxxxxxxx?"

E.: "Come dicevo, demolirei quel palazzo, bonificherei il terreno e costruirei un altro edificio."

X.: "D'accordo ma tu che faresti per xxxxxxxxxxxxxx?"

E.: "Mi sembrava di essere stata chiara comunque butterei giù quell'edificio, poi una bella pulizia per bonificare il terreno e successivamente costruirei un nuovo palazzo"

X.: "E vabbeh, ma queste sono stronxate! Ti ho chiesto che faresti mica puoi iniziare ogni  volta a fare polemica ecchecaxxo."

E.: "Senti un po'... ma perchè non te ne vai a... incollà la cofana? Potrei trovare venti modi diversi per dire la stessa cosa ma non cambio idea, nè ti darò mai la risposta che vorresti perchè non è la... miaaaaaaaaaaaaa!!!!"


Il dialogo è immaginario e come viene citato nei titoli di testa e coda di molti film: "ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale", ma mentirei se negassi di essermi trovata coprotagonista di conversazioni simili.

E allora inizio a domandarmi:

1) Con chi vi relazionate se rifate la stessa domanda sperando che vi si dia la risposta che desiderate? E se consideriamo che alla terza volta vi incaxxate pure, significa che, come minimo, siete abituati a ricevere la risposta che vi aggrada  al massimo ed eccezionalmente al secondo tentativo, altrimenti la rabbia non avrebbe ragione di manifestarsi no?

2) Perchè domandate l'altrui opinione se poi in realtà non accettate la risposta che non collima con il vostro pensiero?

3) E perchè chiedete la MIA opinione se poi la MIA coerenza vi disturba e vi fa innervosire?

4) Ed alla fine, ma non meno importante, se il mio pensiero è diametralmente opposto a quello delle Edy Campagnoli d'altri tempi -sicuramente più gestibili e assai meno rompicogxioni- perchè vi... ingarellate?


EndokeEstremamenteIronicaSeppurBasita

 
 
 

Dedicato a chi...

Post n°791 pubblicato il 15 Febbraio 2015 da endoke

(testo e traduzione: http://www.musickr.it/testi/solamente-tu-pablo-alboran/)


... ha il coraggio di vivere e viversi

perchè tutti abbiamo le nostre ferite

ma quando la magia accade,

vale la pena mettersi in gioco e rischiare.

Sono felice per Voi e sento il cuore più leggero

nonostante le lacrime scendano copiose

se volgo indietro il mio sguardo. 


EndokeEmpatica

 

 
 
 
Successivi »
 

Avevo sempre saputo che
il vero amore è al di sopra di tutto
e che sarebbe stato meglio morire,
piuttosto che cessare di amare.
Ma pensavo che solo gli altri
ne avessero il coraggio.
In quel momento, invece,
scoprivo di esserne capace anch'io.
Anche se avesse dovuto significare
partenza, solitudine, tristezza,
l'amore valeva comunque
ogni centesimo del suo prezzo.
(Paulo Coelho)


 

Quem nos decepciona
não necessariamente
não presta.
Ás vezes,
a decepção é causada
por nós mesmos
que esperamos
das pessoas além
do que elas podem dar...
Especialmente por...
compararlas conosco.

 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

...

 

ULTIME VISITE AL BLOG

perry34endokeal_kimiyahSIRIANAAAlucia1958norma3330natascia8Metamorphosis.fveronicarinaldoMoniaD.Eantropoeticosybilla_cLORD_DEVID_2013psicologiaforense
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 

CONTIGO (MA COME SONO STATA BRAVA)


No puedo dejar de quererte...
Te añoro y te quiero...
Y si volvieras...
Aqui estaré esperándote...
me perdería en tu abrazo...
callando en ti... mi llanto...

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom