Creato da gabbiano642014 il 15/01/2015
Cultura,tempo libero,collegamenti occasionali
 

Area personale

 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
ranocchia56maracicciamonellaccio19EMMEGRACEprolocoserdianadonadam68divinacreatura59molto.personaledas.silviariccidoratimariateresa.savinoiunco1900giovanni.gervasinicaiodentatoTerzo_Blog.Gius
 

Chi pu scrivere sul blog

 
Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo  blog non rappresenta

una testata giornalistica,

non ha scopo di lucro.

Alcune foto e testi del Blog

sono state reperite dal web.

Qualora fosse stato violato

il diritto di copyright prego

di darmene avviso,per la

rimozione immediata.

 
 

 
 

Ultimi Commenti

 
maraciccia
maraciccia il 24/10/17 alle 12:08 via WEB
al peggio non c' mai fine.. proprio vero..
 
monellaccio19
monellaccio19 il 24/10/17 alle 11:27 via WEB
...e c' di pi: la maglietta della Roma calcio indossata da Anna Frank: un atto offensivo che tocca le coscienze, ma no quelle dei laziali...destrogeni. Buon giorno Patty.
 
donadam68
donadam68 il 23/10/17 alle 22:21 via WEB
un luogo in cui si vive quanto accaduto,respirando l'angoscia e il terrore , la paura di essere solo etichettati come diversi: non si pu mettere nel dimenticatoio il passato, n tanto meno usare rispetto per ci che stato e quel costume di certo come travestimento non
 
divinacreatura59
divinacreatura59 il 23/10/17 alle 16:35 via WEB
Serve anche a non dimenticare quella manipolazione che hanno tolto dal mercato.Buon pomeriggio cara Gabbiano dalla Leonessa Diana.
 
molto.personale
molto.personale il 23/10/17 alle 15:59 via WEB
Ed invece quelle confidenze ci hanno permesso di capire per davvero cosa hanno dovuto subire e strumentalizzare un abito a scopo di lucro stato un gesto altamente disgustoso..buona serata Cuoricina nostra
 
das.silvia
das.silvia il 23/10/17 alle 13:57 via WEB
Da una ventosissima Roma, un pensiero gioioso,silvia
 
maraciccia
maraciccia il 23/10/17 alle 11:28 via WEB
forse non sappiamo pi fare dei paralleli confronti tra quel che successo nel '44 e quello che succede, forse son solo cambiati i modi e le vittime.., forse ognuno ha una scusa per lavarsi la coscienza..forse..
 
riccidorati
riccidorati il 22/10/17 alle 15:46 via WEB
A leggere la storia di Anna e delle persecuzioni di cui stata fatta oggetto sia lei che la famiglia,non si pu rimanere indifferenti ne tantomeno dimenticare l'orrore e la sofferenza che han vissuto.Ho visitato la casa dove erano rifugiati e dove ha scritto il diario e ti giuro che l'emozione che ho provato stata forte e mi ha fatto sentire ancor pi vicina a quella dolce ma tanto sfortunata fanciulla e a coloro che han vissuto le sue stesse persecuzioni.Ciao Patty...
 
mariateresa.savino
mariateresa.savino il 21/10/17 alle 14:28 via WEB
Un'dea controversa e perfino stupida quella di fabbricare un vestito per mascherarsi da una vittima ebrea dell'Olocausto. A ci si arriva per la sete di guadagno!E chi non ha letto il Diario di Anna Frank? E' come il libro "Se questo un uomo" di Primo Levi una testimonianza atroce di prima mano di ci che sono state le privazioni, le sofferenze, la morte nei campi di sterminio nazisti. Cosa aggiungere? Un solo pensiero, da custodire gelosamente in ciascuno di noi umani: Che si abbia rispetto per quell'immenso dolore e che non ci si stanchi mai di leggere e riflettere, riflettere su quelle testimonianze, "per non dimenticare". MAI. Ciao, Patty.
 
giovanni.gervasini
giovanni.gervasini il 20/10/17 alle 23:18 via WEB
Questo libro una importante testimonianza di quello che successo e tocca nel profondo proprio perch il diario stato scritto da una bimba. Il diario ricevuto in regalo ha rappresentato per Anne una amicizia con la quale confidarsi nei momenti pi bui. Praticamente in tutte le scuole si leggono dei passaggi del libro. Devo ringraziare la mia insegnante di Lettere dell'istituto tecnico che al quinto anno ci ha portato, come gita scolastica di conclusione degli studi, a Monaco per visitare il campo di concentramento di Dachau. Una esperienza che ha lasciato il segno e che ho voluto ripetere con mio figlio per NON DIMENTICARE. Saluti e buon week-end.
 
Successivi »