Creato da misteropagano il 20/09/2012

OLIMPO®

[ANIME DEL WEB]:*

 

.-TRANS.AZIONI L'arte dei pvt falsi

Post n°1620 pubblicato il 20 Maggio 2017 da misteropagano
 
Tag: Talenti

Poche regole per riconoscere lo screen shot di una conversazione in pvt falsa e costruita da somari del fotoritocco, qualcuno a cui state sulle balle, che vi vuole diffamare. Voi per primi sapete cosa è falso e i motivi per cui vengono creati. Gli altri no. Illustrare chi e come usa certi mezzucci è legittimo e come sia  importante non segnalarlo subito per il banno, tempo che qualcuno verifichi quei profili ^ . Chi nulla nasconde niente e nessuno teme.


1) Lo screen shot con il botta e risposta si può fare solo nel momento in cui si scrive il messaggio, prima di inviarlo. Quindi guardate la data, non esistono pvt di una conversazione con destinatario e mittente inviati.

A parte le foto dei due in conversazione che devono essere allineate

nelle opzioni in alto a destra sul destinario deve comparire

: « Precedente | Successivo »


ESEMPIO:___________________*

 

;>

Se nello screen compare

insomma i link attivi

sono all'interno di una conversazione a cui è stato già risposto, motivo per cui i testi sono manipolati. Quali. Questo lo lascio al vostro ingegno. Il sòla  non pubblica lo screen sul suo profilo ma ci svela quanti e quali profili si è creato per sembrare ALTRO altra e  PIU' altri .

Intanto grazie che ce li hai confermati tutti come tuoi (a parte i saputi e i risaputi) e buon per te che fai outing di omosessualità DIETRO profilo da uomo. Nessun problema. Qui, CI consideriamo così tutti FAVOREVOLI alle  TRANS.AZIONI  che credo che molti utenti cominceranno a domandarsi con chi hanno parlato scrivendo ai tuoi profili, se si potranno ancora fidare  semplicemente a mandarti  un ciao in un PVT e SOPRATTUTTO  la  cosa che mi domando io: Gabriella o Gabriele?

 

 

 

buon sabato

 

 
 
 

.- ITALIAONLINE ti scrivo prima della Tempesta

Post n°1619 pubblicato il 19 Maggio 2017 da misteropagano
 

 

qui è in arrivo una tempesta di fulmini il cielo è rosso.

Pensavo e dico quest'ultima cosa prima della buonanotte: Io no ho nulla contro gli/le omosessuali, o delle scelte delle persone e i loro motivi: non mi pongo questo tipo di problema, osservo se sono buoni, se hanno interessi vitali. Non ho pregiudizi razziali, di genere e di credo.

Quello che non capisco è perchè qui in Libero,  tranne alcuni casi, gli omosessuali si mostrano in modo tale da sembrare la feccia di questa terra:  lesbiche e gay che parlano male dell'omosessualità o della sessualità in genere, mostrando la loro sofferenza ( e ci sta) ma anche un substrato mentale deformato, volgare e moralizzante verso lo stesso qui pro quo che vivono ogni giorno sulla loro pelle. L'impossibilità di un amore, reso ancor più difficile dall'omosessualità o da un rifiuto. 

Probabilmente l'omosessualità nemmeno c'entra. E' testa. E' un problema senza limiti di etoerosessualità.

L'argomento è rovente. Ma visto che qui chiunque si può permettere di offendere politicamente, sessualmente, stalkerizzando gli utenti per sesso, età e genere o con illazioni a diverso titolo io chiedo a LIBERO di pensare meno al gossip e alla pubblicità e di ridare un senso al termine LIBERO. liberi di esprimersi, non di ammazzare a parole.

Di arginare gli scorazzamenti poco etici visibilissimi.

(E mi domando se qui non sia un manicomio o un lager).

Staff fammi sapere cosa pensi.

Anche Lunedì va bene.

SEEU:*

 

 

 

 

 

 
 
 

.- POP ALARM_*tiro al piattello

Post n°1618 pubblicato il 19 Maggio 2017 da misteropagano
 

PROGRAMMAZIONE MISTERI PAGANI

Torna lo SPIN OFF più amato dagli internauti

Stasera: 20.30 LA RIABILITAZIONE  della strega al tiro al piattello.

Puntata pilota.

Una strega perennemente sull'orlo di una crisi di nervi perchè non ha ricevuto l'attestato di Vera Pagana viene mandata dal collocamento a fare uno stage nella Community di Libero col compito di trasformarsi in ogni profilo  che crea in un mostro potente e pauroso.

La strega pensa di riuscire nel suo incarico ma si scontrerà con dei veri pagani.

Durante la sua prima prova di tiro al piattello riesce a farsi spazio nella scuderia pagana dove inizialmente viene accolta favorevolmente, ma viene espulsa per essersi alleata coi Serialoidi, serie di replicanti che non sanno scontornare le grafiche e con le Fenici, nonostante ogni volta risorgessero le bruciassero la scopa.

*

La serie prosegue con inaspettati colpi di scena in VARIE LOCATION  della Community!

Stasera: LA RIABILITAZIONE  della strega al  tiro al piattello.

Si avvisa che sono in corso  esercitazioni pratiche di tiro della strega cecchina

scansatevi  non do coje coje


Fiato sospeso: 
Elenco LOCATION basta chiedere.

JE LA FARA' A NON FARE LA SOLITA FIGURA De PIATTELLO?..._____________*

seeU:*


 
 
 

.- Stanotte l'oracolo mi ha detto e predetto..

Post n°1617 pubblicato il 18 Maggio 2017 da misteropagano
 

 

. . .

 

::che cassio lo togli a fare il post sull'amico straziato che vuole sentirti per forza, tanto finirà per straziarti con le sue menate di nuovo?

 

ps: intanto vi ha stracciato le p@lle con la musica che ha passato

!!!

 

 

e questa invece si che spacca_*

SEEU:*

 

 

 

 
 
 

.- Cinema tra noi: Shutter Island

Post n°1615 pubblicato il 17 Maggio 2017 da misteropagano
 

 

which would be worse to live as a monster or to die as a good man

cosa sarebbe peggio vivere come un mostro o morire come un uomo buono

Ho letto un interessante post sul rispetto e altro che mi ha fatto venire in mente di chiedervi se avete visto il noir Shutter Island con Di Caprio e Ruffalo, Kingslay, eccetera, di Martin Scorsese. Lo suggerisco.

Tratta delle Indagini di due poliziotti sugli esperimenti illegali e il controllo mentale in un manicomio criminale anni 50, collocato su un'isola fuori dal mondo. Perchè mi è venuto in mente?  Ci sono dei passi nel film che spiegano bene che mettere in dubbio le capacità altrui, tentare di farli dubitare di se stessi, proiettargli una vita non loro, una condizione anaffettiva, una memoria artefatta è da considerarsi una vera e propria strategia.

Se vi piace il genere è abbastanza avvincente specie nell'inatteso finale ossia quando scoprirete chi è il matto _*

 

seeU

 
 
 

.- 100 Lorem ipsum

Post n°1614 pubblicato il 16 Maggio 2017 da misteropagano
 

 

 

Trovo geniale salutare questi spazi con Lorem ipsum, un testo riempitivo grafico informatico-tipografico che non significa nulla. Se fosse stato animato però da buone intenzioni  e volontà, oltre certa satira discreta, penso che l'amico pagano avrebbe proseguito la sua missione, oltre i 100 post. O forse ha fatto solo una scelta sulla sua idea. Qualcuna dice che alla fine resteranno 100 blog appartenenti ad un'unica persona: io piuttosto penso che ne restanno 100 e finalmente tutti diversi.

Ma rigorosamente separati. Fintanto che i demoni non risputino fuori ciò che hanno mangiato.

ciao pagano

 

 
 
 

.- POI la generositą degli amici_*

Post n°1613 pubblicato il 16 Maggio 2017 da misteropagano

 

 

16 maggio 2017 00:53 Ciao misteropagano, OobscnzooO,

 scrive:


,,,biondina che cosa ti hanno combinato
,,,,,,certo che tu non perdi colpi ti danno sempre da lavorare su libero
,,,,,,,,dovrebbero farti un monumento
,,,,,,,, per la presenza e pazienza
........sempre il lotta con sbrodolamenti di spiegazioni
,,,,,,,,,,,,,,,,fatti staccare un assegno in bianco
..............................

....ahaha


mica hai tutti i torti "AMICO MESSAGGERO"
un assegno vuoi staccarmelo tu?
SEEU^

 

 
 
 

.- Questa luna piena

Post n°1612 pubblicato il 15 Maggio 2017 da misteropagano
 

 

 

Lo so il memoriale era un papiro, ma legittimo. Per non portarmi dietro anche tra i sogni l'idea di quel masso pubblicato posto questa digital art di Nat= Nato dalla Tempesta MONDI ALTERNATIVI prestata in uso e visione

titolata

NULLA DA DICHIARARE

(in effetti nulla più)

notte^

 

 

 
 
 

.- Farsi divorare dai demoni.

Post n°1611 pubblicato il 15 Maggio 2017 da misteropagano
 

 

 

Non avevano motivo di essere volutamente matte.

Capisco che concettualmente vorremmo avere ragione sull’altro, ma lo scambio di opinioni non ha bisogno di forzature o invenzioni fantastiche, si piglia chi si somiglia o ha modo di intrattenersi civilmente, coscientemente con l’altro.

Ci sono dei concetti molto semplici che ci aiutano a superare l’impasse, non farsi prendere da sentimenti spiraleggianti di odio e rancore verso nessuno anche se si è convintissimi di pensare meglio.

Qualche anno addietro mi sono già ritrovata in situazioni analoghe.  Nonostante l’invito a mollare certe posizioni esagerate, alcuni utenti ne hanno voluto farne un campo di battaglia, via via sempre più folle. Un delirio che inevitabilmente ha coinvolto anche la mia resistenza. Dovendomi difendere da persone che si erano appiccicate per un banalissimo scambio di opinioni, ho iniziato a dare spiegazioni senza nominare alcuno, investendolo di forte ironia (e una buona dose di mascheramento criptico di fatti) nel tentativo di far capire le mie posizioni assolutamente oltre il pasticcio creatosi e la sua inutilità. La situazione era diventata rovente. Queste persone sapevano chi ero, dove vivevo, i miei dati, mi cercavano nelle altre piattaforme, in google, ricevevo telefonate a casa. Alcuni profili postavano foto di luoghi vicino casa mia. Alcuni erano impegnati “rossi” politicamente e sono stati i peggiori. Su Libero era una sassaiola continua. E io non ho mai saputo di loro poco più che il nome.

Io non sono una fragile che non si difende. Non ho paura. Sono una temeraria e mi sono difesa, non sono fuggita, sono restata su Libero ad affrontare la faccenda e  quel che ne è conseguito. Quelle persone comunicavano con catene di santantonio a tutti gli utenti di libero. Plagiando utenze e simpatie. Incrementando la diffusione di false notizie, una voragine inarrestabile. In alcuni casi ho esagerato anche io tanto da guadagnarmi una certa “simpatia” dello staff_* e della community, ma non potevo fare altrimenti se volevo restare qui. Esausta, ho risposto con le stesse armi virtuali usate. E ho fatto casotti e dato tormento nei blog a chi mi tormentava.

Mai scritti però post di cancri e maledizioni sull’età di una donna, sulla bellezza, sulla menopausa, sulla infertilità, sulla famiglia, sul credo, sull'orientamento sessuale, sul dolore, la morte.

Al più sonore parolacce dirette a tu per tu.

Ho sempre cercato di capire cosa mancasse nell’affettività di questa tipologia di persone, convinte che ci siano mostri attorno a loro e siano gli altri. Più dimostravo di capire le loro fragilità, più mi attaccavano. Mi sono stati fatti centinaia di fakes storpiando il mio nick, e creavano blog e mi mettevano in mezzo a perfidi sfottò, hanno usato le mie foto col listino prezzo per botta. Per fortuna non hanno mai usato la foto di mio figlio piccolo.  Non ho mai provato empatia per loro. Non avevano motivo di essere volutamente matte.

 

Quelle persone se ne sono andate con varie giustificazioni, gli ultimi post riferivano di denunce.  Anche io sono arrivata a fare denuncia. Non l’ho proseguita quando ho visto della loro sparizione dalla rete. Eppure penso ancora oggi che siano presenti dietro nuovi avatar, perché gli attacchi che ricevo gratuitamente mi fanno pensare al loro plagio, che si tramanda con i fake ripetitor come li chiamo io.

E poi arrivano i Bio. La sua ri_apparizione è stata nel mio blog -  Li si apre una nuova saga. Lui è uno specialista delle offese alle donne, all’età, al sesso, eccetera. Mi sono difesa come ho potuto. Stessi mezzi. E quando ho potuto, ho avvisato del fastidio che era capace di procurare alle donne e che non ci sarebbe stato verso di normalizzare l'exploit (infatti); pensavo di avvertire  persone normali, che potevano trovarsi in difficoltà, una fu la la pasionaria del web, che richiama la gente ad unirsi per aggredire sulle base delle sue prove fallaci, plagiata da anonimi. Colei che per questo mi ha dato della mafiosa, e poi dell’hacker e oggi mi tira cancri e secchezze vaginali di donna sfranta, che legge la parola rosso e capisce peti ecolore di capelli (il tutto con santa pazienza mia che un’altra al posto mio l’aveva già tirata  per i capelli in un tribunale, tanta è l'illegalità e l'amoralità  dei suoi scritti). Probabilmente ostacolo, in qualche modo, non saprei se con la mia satira, la mia personalità, la sua convinzione, di poter fare la presa della bastiglia in rete per cazzate del tipo come scrivi perché con chi cosa che fai nella vita chi ti credi di essere non sei buona tu mi stai antipatica sei sola come un cane voglio scrivere un cazzo di perdio della tua vita. E no.

Bellezze.

Non si fa. Si va affa le scrittrici altrove, con la roba vostra.

Non ho mai provato empatia per loro. Non avevano motivo di essere volutamente matte.

Poi è iniziata la saga sul misteropagano da Repubblica e i coglioni al collo, sui pciù, sull'Oltre, sulla liste nere, su S’ignora e i 12 amici immaginari con degli intermezzi minori sull’onda della cripticità, della mia testa Lobotomizzata,  delle mie crisi di vittimismo, di essere un cancro e che bisognava radunarsi su skype per debellarmi con lettere a Libero e poi le mie grafiche, il mio nero, sulla manipolazione, che non si capisce cazzo scrivo e poi ritornano i rossi col Che Guevara a rovescio e l'Oracolo vattelapesca;  quanti blog c'hai, tutti con le grafiche e che ci fai e c'hai la stella finta e sul perdio voglio romperti il cazzo ad oltranza così te ne vai. E io no. Non me ne vado. Ti rispondo a tono. Con due cazzate?

Ne avrei anche altre da raccontare su quelli che non spengono le micce, o parlano di ambienti tossici ma si divertono ad avere principi inutili pur di non restare coinvolti o di dispiacere all’amico forte, sono le fazioni.

E ma

non ho mai provato empatia per loro. Non avevano motivo di essere volutamente matti.

Entertainement O Demoni che divorano?

Ora vorrei fare una domanda..? Ma le femmine dei sassi ci vanno in menopausa?

 

seeU


 

 
 
 

.-psssss why?POP POLITICA°°

Post n°1610 pubblicato il 15 Maggio 2017 da misteropagano
 

 

WEB CONTINUA®. perchè non indossi più la maglietta con CHE GUEVARA.

 

Il problema oggi è che hai scoperto che tra i fucilati di Che Guevara a Cuba c'erano anche gli omosessuali

 che nelle manifestazioni gay i giovani indossano la maglietta icona  ma non sanno perchè

e non sanno cosa fare di quel passato

 e un bel giorno pensi che vuoi far tuonare la tua voce

e scegli la rete.

Incontrerai gay e icone

e valori diluiti, contaminati e rovesciati:

e c'è il rischio che il rosso sia nero

e il nero sia rosso

(si può dire rosso_?)

seeU:*



 

 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 

POP SOFICO

Tool per traduzioni di pagine web

The Singing Vagabond

 

Siamo Adulti e per di più Deinauti: con la vocazione di scombinare ad arte l'inutile - l'utile e le favole .E l'arte è anche provocazione.

Su Tirillio è in corso un'iniziativa tra utenti per utenti con l'ideazione di  personaggi e favole rielaborati nella forma del mai detto (e sempre sottointeso) della carica erotica, 'vietata' all'infanzia, insita e vitale in noi tutti, che vuole lasciare un n-uovo segno nei racconti di narratori onniscienti.

Una dimensione onirica cui cullarsi pregna di trasformazioni possibili; un libro delle favole socchiuso con un'ultima pagina bianca aperta, con su scritto, miniato di rosso melograno come chicchi di una collana di perle : c'era una volta e sempre ci sarà..
siamo Deinauti_*..con la vocazione di scombinare

The space is open

 

n-uovi baci

mIS^

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova