Creato da misteropagano il 20/09/2012

OLIMPO®

[DEINAUTI]:*

 

.-Quasi sabato senza tempo..

Post n°1739 pubblicato il 21 Luglio 2017 da misteropagano
 

 

 

Al mondo che ama

lo stesso amore


per altri secoli

ancora


senza

sabati

senza tempo

 

mIS^

 
 
 

.-Anguille e Protocollo di Comunicazione

Post n°1738 pubblicato il 21 Luglio 2017 da misteropagano
 


 

 

La consapevolezza della composizione dello spazio è un  conduttore della realizzazione.

Sono abituata ad essere amata e amare anche lo spazio che mi circonda. Ho bisogno di contenuti nuovi per ideare e progettare, quindi lavorare. Per questo cerco nessi e connessioni dalla storia (e dal futuro), so gestire il mio intuito in tal senso. So fornire alcune motivazioni anche agli altri. Lo dice qualcuno che non cito per privacy. 

Cosa c'è di meglio che occuparsi di ciò che determina piacere? Ad esempio un ambiente rilassato e concentrato che permetta di esprimersi con successo.

Lo è quello di Libero? Sembra a molti che Libero sia come una coperta che copra qualcuno e scopra qualcun'altro. . La classica coperta corta. 

Faccio un esempio. Chi desidera che la sua libertà di espressione sia concreta troverebbe spazio consono pure  gratuito, chi tende a prevaricarla carica di negatività gli enunciati e limita gli spazi espressivi altrui. Entrambi si direbbero realizzati solo nell'occupazione di spazio. 

Infatti occupare uno spazio non significa essere liberi. Né averlo ben composto, né reso gradevole, né comunicativo. Occupare uno spazio e offrire contenuti di "cultura verbale" non vuol dire nulla, se i lettori rispondono di pancia. Offrire gusto e sensi è più difficile visto il medium visivo-letterario; incantare con Traiettorie fonosimboliche l'udito di un ascoltatore quasi impossibile laddove manca il canale auditivo, ma vi sopperisce il suono, la musica. 

Difficile tradurlo in uno blog. Eppure il modo con cui è possibile gestire un protocollo comunicativo è offrire suono, immagini e percezioni.

Chi non sa usare questo stile apprende e comunica con un solo canale comunicativo e ovviamente tira la coperta a sé.

Quando l'ambiente è denso di attività " verbali" sicuramente restano scoperti il piacere dell'aspetto visivo. E viceversa. Ma le risposte di pancia sono sempre quelle comprensibili a tutti.  Un buon esercizio è caricarsi e lanciare un'idea/spazio tempo. Realizzarla praticarla, verificarla.  E' come mangiare e soddisfarsi. Procurarsi e procurare piacere. O iniziare una camminata.  E se non si arriva da qualche parte è perchè non si è mai iniziato ad andare.

 

Anguille estro

guizzante ogni fango

agiato cuore


buon pranzo_*

 
 
 

.-Menzione Haiku

Post n°1737 pubblicato il 19 Luglio 2017 da misteropagano
 

 

Voglio citare e parlare di un gradevolissimo post letto poco fa titolato Sun

 Il- pa ra di so 

dia vo li - sce si in - cam po

Map pa - ine gua le

 

per due motivi: 1 di esperienza pregressa che ricordo con piacere e che vorrei rivivere;

2 un motivo di analisi stesso del contenuto e delle "mappe" secondo alcune lezioni di empowerment, potenziamento delle capacità. Pane socratico:  poter  imparare sempre qualcosa di nuovo.

Veniamo al punto: le esperienze passate creano la nostra mapppa mentale, carica di emozioni positive e negative e a cui ci ancoriamo, in modo soggettivo, ogni volta, per valutare una situazione, un fatto, una persona.
"Sun" mi ha ricordato un breve ciclo di incontri dedicati all'Haiku e alle molteplici immagini, percezioni e figure retoriche che i versi haiku letti dal maestro ci stimolavano. La discussione serena, ragionevole e creativa attorno alla poesia aveva creato una certa stima del pensiero proprio e l'altrui.
Secondo alcuni enunciati, piuttosto, non vi sarebbe alcuna enfasi senza confusione e senso critico. Ma davvero sull'Haiku non c'era da arrabbiarsi o polemizzare, vuoi perchè il progetto fosse la condivisione di un'arte, vuoi perchè le osservazioni critiche erano pertinenti, rispettose e comunque curiose, interessanti.
L'individualità del poeta inoltre nello haiku tradizionale non esiste, o quanto meno cerca di elidere se stesso dall'istante che tratteggia. Lo Haiku non descrive, lo haiku cristallizza un istante, sul quale sarebbe persino inutile confrontarsi e non perchè semplicemente il suo fulcro "è" in quanto tale il risultato di termini esatti ma la percezione non verbale di essi (:e che ognuno avverte in sè). Dire "è", dire "percepisco" mostra grande differenza.


L'autore si "è divertito" a cristallizzare il sole come un paradiso di diavoli scesi in campo concatenati alla mappa ineguale. Cosa rende bello l'haiku, il sole, il paradiso o che sia frequentato. Ci rende più appetibile l'estate? Testimonia che è la stagione sinonimo di maggiore spensieratezza, libertà ed evasione? I diavoli scesi in campo disegnano la
distanza dal paradiso? O l'avvicinano.
E cosa è il "paradiso" Non sembra essere il sole in se' nè i tutti uguali, ma la diversità.
La mappa ineguale dei diavoli in campo.


Una risposta la da con L'ASTRAZIONE DEL MONDO, Alfred Korzybski -ingegnere filosofo matermatico polacco- : l'assegnazione d'identità è fallace nella sua struttura.
L'autore haiku la rende mobile oltremodo libera dal dominio verbale e non assegna necessariamente una classe alla cosa comunicata.


Tutti siamo mappe ineguali (nessuno uguale all'altro) diavoli in campo, quasi un paradiso, come un'estate.
Non so, dite la vostra, seeù:*

 

 
 
 

.-Aria

Post n°1736 pubblicato il 18 Luglio 2017 da misteropagano
 

 

 

 

:::per solidarietà ai colleghi che non riescono a postare anche io sono ferma e ma devo dire che nel disservizio che tutti lamentano

qualcosa funziona:

l'aria cambia l'aria

!

 

seeù:*

 
 
 

.- Gustibus: both white and black

Post n°1735 pubblicato il 16 Luglio 2017 da misteropagano
 

 

Selena Gomez: ecco il nuovo singolo Fetish (Video, testo e traduzione)

GUSTI B U §?

§incerely

i never love tartufo both white and black, you'r a looking for misteronautilus: a special seashel sailing in the abyssAs well as my blog

Your superficiality 's a like a piece of  tarlatana clothCorroded by envy


.I will always laugh at your yellow stupidity

.

And so we Let's get to know *Fetish* :The last single of the old star disney with a strong love

Special and terrible sex almost hard
O_+

Prendilo o lascia stare
Prendilo o lascia stare
Ma so che non lascerai
Perché so che ne hai bisogno
Guarda nello specchio
Quando guardo nello specchio
Lo vedo chiaramente
Perché vuoi starmi vicino
Non sono sorpresa
Simpatizzo
Non posso negare il tuo appetito
Hai un fetish per il mio amore
Ti ho messo da parte e sei tornato
Non vedo il motivo di incolparti
Se fossi in te lo farei anche io
Raggiungendo il limite
Dici che stai raggiungendo il tuo limite
Ma so che non puoi mollare
Vai oltre il tuo limite
Ma so che non puoi lasciare
Qualcosa di me
Ti ha fatto impazzire del mio corpo
Ti ha fatto girare come un origami
Non sono sorpresa
Simpatizzo
Non posso negare il tuo appetito
Hai un fetish per il mio amore
Ti ho messo da parte e sei tornato
Non vedo il motivo di incolparti
Se fossi in te lo farei anche io
Il modo in cui cammini, il modo in cui parli
Ti incolpo perché è tutta colpa tua
Giochi duro, non spegnermi
Ti comporti da duro ma so che sei leggera
Sei il mio fetish lo so già
Tutti questi rumor
Tanto vale farlo visto che già lo pensano
Chiamami Gucci se ne avessi bisogno
Sarò South Beach
Altri diamanti, Aquafina
Ho solo bisogno di te in un bikini blu

 

_*

M^

 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: misteropagano
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 110
Prov: EE
 

ULTIMI COMMENTI

 
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova