Community
 
balzaret
   
 

MEDICINA & VITA

"per una medicina al servizio della vita e della dignità umana" - a cura di Franco Balzaretti

 

GLI SCIENZIATI: «EMBRIONALI RICERCA INUTILE»

«La Medicina può curare senza utilizzare gli embrioni umani», è il titolo del Manifesto scientifico lanciato in questi giorni dalla Federazione Europea One of Us, fondata il 10 aprile scorso a sostegno della campagna omonima che, attraverso una mobilitazione senza precedenti, ha raccolto quasi due milioni di firme per fermare la sperimentazione sugli embrioni umani. Secondo i componenti della Federazione, infatti, non può essere lasciata senza conseguenze la decisione con cui due giorni fa la Commissione europea ha, di fatto, bocciato la richiesta di tutela giunta dai cittadini di 28 Paesi europei.

«Il Manifesto è stato scritto diversi mesi fa, tradotto in tutte le lingue europee e presentato alla Commissione», spiega Massimo Gandolfini, neurochirurgo, membro del board italiano che ha preparato il documento insieme al neurologo Gian Luigi Gigli e al ginecologo Pino Noia.
 

IL VANGELO DEL GIORNO

Caricamento...
 

FRASCATI: I VOLTI DELL’ADOLESCENZA !

PER UNA BIOETICA QUOTIDIANA

CONVEGNO INTERNAZIONALE

I volti dell’adolescenza tra vulnerabilità, fragilità e crisi necessarie

VILLA TUSCOLANA - FRASCATI

 10-11 Maggio 2014

www.girasolestudi.it

 

PER  IL  PROGRAMMA  VEDI  IL  LINK

http://medicicattolici.it/attachments/article/279/villa%20tuscolana.pdf

 

PILLOLA GIORNO DOPO: CAMBIA DICITURA.. IN PEGGIO

Pillola del giorno dopo: cambia la dicitura, gli aborti restano La frase è scritta in gergo medico, come si addice ai foglietti illustrativi, e recita: «Il farmaco potrebbe anche impedire l’impianto dell’ovulo fecondato». In una parola: impedire all’embrione di vivere e svilupparsi. Il farmaco in questione è il Levonorgestrel, la cosiddetta pillola del giorno dopo, e quella frase d’ora in poi non comparirà più nel suo bugiardino. È stata rimossa, per decisione non meglio specificata dell’Agenzia italiana del farmaco. Rimane soltanto la dicitura: «Inibisce o ritarda l’ovulazione». Che non è un modo per dire la stessa cosa, anzi. Inibisse soltanto l’ovulazione, la pillola del giorno dopo, non verrebbe prescritta e assunta da migliaia di giovani e giovanissime ogni anno (360mila nel 2011), che potrebbero benissimo accontentarsi di quella normale, di pillola. Ma quello che finora non è passato con l’escamotage linguistico della “contraccezione d’emergenza” (che contraccezione è, se viene fatta quando la gravidanza è già in corso?) ora lo si vuole far passare con la manipolazione dei dati scientifici. E questo a medici ed esperti risulta inaccettabile.
 

SAN GIUSEPPE MOSCATI

San Giuseppe Moscati Laico

12 aprile (16 novembre)

Benevento, 25 luglio 1880 - Napoli, 12 aprile 1927

Originario di Serino di Avellino, nacque a Benevento nel 1880, ma visse quasi sempre a Napoli, la «bella Partenope», come amava ripetere da appassionato di lettere classiche. Si iscrisse a medicina «unicamente per poter lenire il dolore dei sofferenti». Da medico seguì la duplice carriera sopra delineata.

In particolare salvò alcuni malati durante l'eruzione del Vesuvio del 1906; prestò servizio negli ospedali riuniti in occasione dell'epidemia di colera del 1911; fu direttore del reparto militare durante la grande guerra. Negli ultimi dieci anni di vita prevalse l'impegno scientifico: fu assistente ordinario nell'istituto di chimica fisiologica; aiuto ordinario negli Ospedali riuniti; libero docente di chimica fisiologica e di chimica medica. Alla fine gli venne offerto di diventare ordinario, ma rifiutò per non dover abbandonare del tutto la prassi medica. «Il mio posto è accanto all'ammalato!».

In questo servizio integrale all'uomo Moscati morì il 12 aprile del 1927. Straordinaria figura di laico cristiano, fu proclamato santo da Giovanni Paolo II nel 1987 al termine del sinodo dei vescovi «sulla Vocazione e Missione dei laici nella Chiesa».

 

AGENZIA SIR

Caricamento...
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

OGGI RICORRE IL 70° DI FONDAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE MEDICI CATTOLICI ITALIANI (AMCI)

Post n°255 pubblicato il 05 Luglio 2014 da balzaret

Il 70° di fondazione dell'AMCI

La mattina del 5 luglio 1944, un gruppo di medici guidati dal prof. Luigi Gedda, allora Presidente Centrale della Gioventù Italiana di Azione Cattolica (Giac), e composto da Agostino Maltarello e dai colleghi Villani, Dordoni, Santori, Lodoli, Biava e Stablum, si raccoglieva chiesa romana di S. Carlo ai Catinari, nei pressi di via Arenula, chiesa officiata dai padri Barnabiti, alla scuola dei quali qualcuno dei convocati era stato educato e formato spiritualmente.                          

Ricorreva la festa di S. Antonio Maria Zaccaria, santo nativo di Cremona nel 1502, che aveva sempre manifestato una singolare attrazione per gli studi medici e che fu il fondatore dell’ordine dei Barnabiti, e fu proprio innanzi al suo altare che quel gruppo di medici, con un’età che andava dai trenta ai quarant’anni, prese l’impegno di dar vita ad un’associazione di medici cattolici; tra essi medici ospedalieri, universitari e funzionari della sanità pubblica, ma tutti accomunati dall’appartenenza e da un grande impegno responsabile nell’Azione Cattolica. (nella foto il card. Angelini con padre Pio ed il prof. Gedda)


 
 
 

ROMA,27 aprile 2014: la cerimonia di canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II

Post n°250 pubblicato il 21 Aprile 2014 da balzaret

ROMA - Si è tenuta lo scorso 27 aprile, la cerimonia di canonizzazione di ben due Papi: Giovanni XXIII  e Giovanni Paolo II. E questo ha rappresentato, per la Chiesa, un avvenimento unico e straordinario, in quanto Papa Francesco ha voluto unire questi due eventi eccezionali, per far respirare al mondo il profumo della santità.

 
 
 

EDITORIALE a cura di Franco Balzaretti

Post n°249 pubblicato il 12 Aprile 2014 da balzaret

Cari amici, assistiamo, in questi giorni ad un vero e proprio bombardamento mediatico su diversi temi della bioetica e questo a seguito di alcune decisioni ed iniziative  istituzionali, soprattutto da parte della magistratura, che si sostituisce, ormai,  persino al Parlamento ed alla sovranità popolare; e non su problemi marginali, ma addirittura in merito ad alcune questioni che riguardano Vita e famiglia.

Per cui, da un altro lato si autorizzano i matrimoni gay e la cosiddetta teoria del gender, arrivando a stravolgere l’educazione scolastica, con testi scolastici discutibili a proposito del concetto di famiglia, con addirittura alcune fiabe in chiave omosessuale/gender.

Mentre, da un altro lato si va ad autorizzare, da parte della Consulta della Corte Costituzionale, la fecondazione eterologa, stravolgendo così la Legge 40 approvata dal Parlamento ed i risultato del relativo referendum popolare.

Per non parlare delle modifiche del nuovo Codice di Deontologia Medica in cui si prevede di  escludere il concetto di obiezione di coscienza; come anche le modifiche dell’AIFA al foglietto illustrativo della pillola del giorno dopo, per cui viene considerata solo un semplice contraccettivo, trascurando completamente i possibili effetti abortivi. O si approvano delibere regionali (vedi Reg. Toscana) per l’utilizzo extra-ospedaliero della pillola abortiva; dimenticando così che l’uso del prodotto abortivo era stato adottato nei vincoli della Legge 194, prevedendo tassativamente il ricovero e l’osservazione in ambito ospedaliero.

Ed è proprio di questi giorni la drammatica notizia di un’ennesima “vittima” della pillola abortiva, una donna torinese di 37 anni morta proprio a seguito dell’assunzione della  RU486.  Non possiamo certamente attribuire questo doloroso epilogo, ad un segno dall’alto, anche perchè rientra nell’ambito dei possibili rischi di un farmaco assai pericoloso, rischi che erano stati opportunamente e  scientificamente segnalati, anche dal sottoscritto (vedi mia intervista del 2008 alla Radio Vaticana http://it.radiovaticana.va/storico/2008/02/26/sui_temi_della_vita,_c%E2%80%99%C3%A8_troppa_confusione._la_ru_486_non_/it1-189114 ), ma tali rischi erano stati poi, completamente,  trascurati dalla stampa e cultura dominante, come, purtroppo,  anche da una certa componente medico-scientifica (ovviamente di parte)!

L’auspicio e che ci possa essere una maggiore riflessione ed attenzione, da parte di tutti,  per questi temi e per gli inevitabili ed imprevedibili rischi a cui si va incontro ed, in primis, lo sfaldamento completo della famiglia e dei valori della Vita e della dignità umana, elementi che ancor oggi, pur tra molte difficoltà, costituiscono un sostegno ed un aiuto insostituibile per la nostra società.

 Franco Balzaretti

 
 
 

S.E. Mons. Marco Arnolfo è il nuovo Arcivescovo di Vercelli, le congratulazioni di M. & V.

Post n°247 pubblicato il 27 Febbraio 2014 da balzaret

Il Santo Padre Papa Francesco ha nominato Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Vercelli (Italia) il Rev.do Mons. Marco Arnolfo, Parroco ad Orbassano e Vicario Episcopale del Settore Torino Ovest.

 

 
 
 

68° MIRACOLO DI LOURDES INTERVISTA DI SUOR LUIGINA E BALZARETTI A RAI 2 "I FATTI VOSTRI"

Post n°203 pubblicato il 11 Ottobre 2012 da balzaret

 

LINK ALL'INTERVISTA TV  DI SUOR LUIGINA E  DR. BALZARETTI :

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/

programmi/media/ContentItem-23296f29-ad58-4352-a6e4-ae737aff371b.html

 Il dott. Franco Balzaretti, Segretario Nazionale dell’Associazione Medici Cattolici Italiani  è stato ospite in diretta, con Suor Luigina Traverso, della trasmissione di RAI 2   “Fatti Vostri” di venerdì 19 ottobre. 

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: balzaret
Data di creazione: 29/01/2009
 
 

MILANO: CONVEGNO AMCI SU NEUROSCIENZE!

 

 Convegno Nazionale AMCI dal tema"NEUROSCIENZE E PERSONA: l’enigma della Coscienza" che si è tenuto sabato 21 giugno 2014  p.v.  alle ore 9.00 presso IRCCS Policlinico San Donato Aula Magna,  Piazza Edmondo Malan 1 – San Donato Milanese (MI). E' stato  un Convegno di altissimo livello, con importanti relatori tra cui il  Cardinale Dionigi Tettamanzi, che terrà una Lettura Magistrale sul tema delle Neuroscienze


PER SCARICARE IL PROGRAMMA COLLEGARSI AL SITO NAZIONALE AMCI:

http://www.amci.org/

 

«UNO DI NOI» RILANCIA L'IMPEGNO IN EUROPA


​«La più ferma indignazione» per la bocciatura della Commissione Ue alla petizione europea «Uno di noi» a tutela dell’embrione umano perché «certamente contraria al principio di democrazia partecipata che il Trattato di Lisbona aveva inteso promuovere introducendo l´istituto dell´iniziativa dei cittadini». È perentorio il giudizio del Comitato esecutivo europeo di «Uno di noi», formato da rappresentanti dei 28 comitati nazionali (uno per Paese membro dell’Unione europea) che avevano raccolto i quasi 2 milioni di firme a sostegno dell’iniziativa popolare (oltre 600mila delle quali solo in Italia). Nella riunione convocata a Bruxelles a una settimana dall’inatteso stop all’iniziativa dettato dal governo uscente dell’Unione, il Comitato di «Uno di noi» ha confermato che sarà «valutata, in tempi brevi, la possibilità tecnica di un ricorso alla Corte europea di giustizia per l´annullamento» della decisione europea.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ROMA, 16-17 MAGGIO: CONVEGNO AMCI

...

Il dolore e la sofferenza umana 

alla luce della medicina della ragione e della fede cristiana

Convegno celebrativo del XXX anniversario della Lettera Apostolica “Salvifici Doloris”

di Papa Giovanni Paolo II, nel 70° dalla fondazione dell’AMCI

ROMA, 16-17 maggio 2014

Sala San Pio X  Via dell’Ospedale  (angolo via della Conciliazione)

Per informazioni SITO : www.amci.org o mail a  amci@amci.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

SANTA GIANNA BERETTA MOLLA

Santa Gianna Beretta MollaSposa, madre e medico esemplare “Meditata immolazione”, così il Servo di Dio Paolo VI (Giovanni Battista Montini, 1963-1978) ha definito il gesto di Gianna ricordando, all'Angelus domenicale del 23 settembre 1973, “Una giovane madre della diocesi di Milano che, per dare la vita alla sua bambina sacrificava, con meditata immolazione, la propria”. È evidente, nelle parole del Santo Padre, il riferimento cristologico al Calvario e all'Eucaristia.Gianna Beretta Molla è stata beatificata il 24 aprile 1994, nell'Anno Internazionale della Famiglia, e canonizzata, il 16 maggio 2004, dal Beato Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005).  
 

VATICAN INSIDER

Caricamento...
 

BIOPOLITICA E PRINCIPI

BIOPOLITICA E PRINCIPI :Battaglia all'Europarlamento Il Parlamento europeo di Strasburgo ha rinviato in commissione il testo della risoluzione Estrela. Il rinvio, dichiara Carlo Casini, presidente del Movimento per la vita, «ha espresso il fastidio prevalente del Parlamento europeo per la continua insistenza dell'area vetero femminista che ogni mese ripropone le stesse questioni a favore dell'aborto e del matrimonio omosessuale». «Spero che il voto di rinvio abbia voluto manifestare un'inquietudine di fondo dei parlamentari - aggiunge - che, se pure non hanno contrastato nel merito la risoluzione, non hanno voluto neppure, almeno in questo momento, discuterne».
 

AVVENIRE

Caricamento...
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova