Community
 
acquaeanice
   
 
Blog
Un blog creato da acquaeanice il 09/03/2007

Va pensiero...

vola libero sulle ali della rete

 
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

andrea.morabito32luc.bessonejojo240maucoll1977lorettagianniisa816aqebigedogoldcaprifoglio0tupettoorko_kaneartospsicologiaforenselordjim2006panpanpi
 

ULTIMI COMMENTI

Un saluto rapidissimo: anno nuovo vita nuova.. e son...
Inviato da: Kastania
il 11/01/2008 alle 11:44
 
Buona Srata. Mario
Inviato da: Mario939
il 01/10/2007 alle 17:03
 
Ciao, sono tornata!:****
Inviato da: Kastania
il 05/09/2007 alle 18:28
 
Veramente pazzesco..
Inviato da: Kastania
il 16/07/2007 alle 08:39
 
Ciao, ho notato che il tuo link preferito è VENEZIA,se ti...
Inviato da: marcodl.mask
il 03/07/2007 alle 12:58
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Ecco dove vorrei essere ora!Quanta violenza! »

Il ministro Amato e l'ìpocrisia della sinistra

Post n°57 pubblicato il 11 Luglio 2007 da acquaeanice
 

Ci sono delle cose che mi fanno andare in bestia, una di queste è la disonestà intellettuale, oggi si parla dello scivolone del Ministro Amato a un convegno su Islam e integrazione dove ha detto: "Nessun Dio autorizza un uomo a picchiare la donna. Ma c'è una tradizione siculo-pakistana che vuole far credere il contrario. Dobbiamo uscire da questa tradizione"

Tutti parlano di scivolone, dicono che Amato si è spiegato male, altro che scivolone, questo è il solito trito e ritrito ragionamento della nostra sinistra che si mette le fette di prosciutto davanti agli occhi, che con questo atteggiamento pseudo culturale e politicamente corretto, insinua che siccome in Italia anche i nostri uomini picchiavano le donne per tradizione fino a una cinquantina di anni fa, non possiamo scandalizzarci tanto dei Mussulmani... e così i nostri disonesti intellettuali fanno una equivalenza socio-culturale con i Siciliani, come se i continui episodi di violenza, in uso nelle case dei mussulmani, dove le donne sono considerate esseri inferiori, devono sottostare al marito, devono mettere il velo, non possono uscire da sole, non possono studiare, devono prendere le botte dal marito, sposare chi decide il padre altrimenti vengono sgozzate, sono ogetto di continue violenze fisiche e psicologiche, come se tutto questo avvenisse anche nelle case dei Siciliani!

Ebbene caro Ministro lei i Siciliani li conosce poco e male, li ha offesi profondamente e siete voi che dovete smetterla di annacquare la realtà a vostro uso e consumo, nelle case degli immigrati mussulmani, nelle nostre città scorre il sangue e le donne sono le vittime. bastava guardare la trasmissione che qualche mese fa ha fatto Santoro sull'argomento, scioccante... e noi ci rigiriamo dall'altra parte, perchè secondo il nostro Ministro non è un problema di usi e traidzioni di un popolo, ma del singolo, come in Sicilia......  Si Si Ministro continuate così. ma la gente mica è stupida, sapete? Chi pensate di prendere in giro con i vostri sofismi intellettuali?

Per maggiori informazioni leggete qui

http://www.resetdoc.org/IT/violenza-contro-le-donne.php

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/MercanteInFiera/trackback.php?msg=2973341

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Kastania
Kastania il 16/07/07 alle 08:39 via WEB
Veramente pazzesco..
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

AREA PERSONALE

 

I MIEI LINK PREFERITI

UN LIBRO CHE TOCCA IL CUORE: L'OMBRA DEL VENTO

"Mi abbandonai a quell'incantesimo fino a quando la brezza dell'alba lambì i vetri della finestra e i miei occhi affaticati si posarono sull'ultima pagina. Solo allora mi sdraiai sul letto, il libro appoggiato sul petto, e ascoltai i suoni della città addormentata posarsi sui tetti screziati di porpora. Il sonno e la stanchezza bussavano alla porta, ma io resistetti. Non volevo abbandonare la magia di quella storia né, per il momento, dire addio ai suoi protagonisti. Un giorno sentii dire a un cliente della libreria che poche cose impressionano un lettore quanto il primo libro capace di toccargli il cuore. L'eco di parole che crediamo dimenticate ci accompagna per tutta la vita ed erige nella nostra memoria un palazzo al quale - non importa quanti altri libri leggeremo, quante cose apprenderemo o dimenticheremo - prima o poi faremo ritorno"