Creato da pierrde il 17/12/2005

Tracce di Jazz

Mondo Jazz diventa il blog del portale Tracce di Jazz . Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL NUOVO PORTALE DEL JAZZ

 

 

 

http://www.traccedijazz.it/

https://www.facebook.com/traccedijazz

https://plus.google.com/105671541274159478209/posts

 

 

 

IL JAZZ SU RADIOTRE

martedì 28 aprile 2015 20.30

Locandina

IL CARTELLONE

UMBRIA JAZZ WINTER

Giovanni Guidi Rebel Band

Gianluca Petrella trombone Filippo Vignato trombone Mirco Rubegni tromba Francesco Lento tromba Rossano Emili sax baritono Daniele Tittarelli sax contralto Dan Kinzelman sax tenore, arrangiamenti, direzione Giovanni Guidi pianoforte Joe Rehmer contrabbasso Stefano Tamborrino batteria

Registrato il 28 dicembre 2014 a Orvieto, Palazzo del Popolo

 

BATTITI RADIOTRE: QUESTA NOTTE

Domenica 26 Aprile

Questa notte ci trasferiamo al MUSE - Museo delle Scienze di Trento dove il 10 dicembre scorso si è svolto lo spettacolo multimediale 'Not(t)e al MUSE'. In scena gli avventurosi musicisti, Paolo Fresu e Gianluca Petrella , percorrono le proprie ardite strade musicali attraverso il racconto e le suggestioni scientifiche di Eugenio Coccia, dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Un concerto per tromba, trombone, elettronica e i misteri dell'Universo. Una breve intervista al direttore del MUSE - Michele Lanzinger – introduce questa brillante contaminazione tra saperi che si è svolta nel particolare contesto del Museo.

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

RASSEGNA STAMPA

 

 

UbuWeb Rari filmati, anche scaricabili, dell'avanguardia artistica in ogni campo

Point of departure a on-line musical journal

New York Jazz Guide

Jazz Colours una e mail-zine di jazz italiana !

Bells

 

 

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre č possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembč di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco č possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

 

« CHALOUPEEIL MONDO E' BELLO PERCH... »

QUALCHE IMPRESSIONE DA BERGAMO JAZZ

Post n°3933 pubblicato il 23 Marzo 2015 da pierrde

La sensazione, a pelle ma nettissima, di essere in ascolto se non del migliore certamente di uno dei più interessanti concerti del festival è apparsa evidente dopo poco dall’inizio del set, che si sarebbe protratto per circa due ore tra un bis e l’altro. Il bello è che per me si trattava anche dell’unica presenza di tutta la rassegna, ma, stando ai racconti degli amici e a quanto ascoltato in diretta radiofonica, quello che è successo prima e dopo solo in alcuni casi ha raggiunto la stessa intensità e la medesima folgorante condizione di stato di grazia (non ho però che qualche frammentaria notizia del concerto pomeridiano di Cline).

Si trattava del penultimo concerto europeo del trio di Vijay Iver, un gruppo che esiste da undici anni ed è giunto al terzo album con la pubblicazione recente di Break Stuff per E.C.M. Da molti anni Iyer è un punto di riferimento importante ma , come sempre, si “pesa” il valore di un gruppo soprattutto dal vivo. Personalmente avevo ascoltato il trio alcuni anni fa al Jazz & Wine di Cormons rimanendone affascinato non solo dal valore intrinseco dei musicisti ma soprattutto dalle dinamiche interne, dal tipo di prospettiva alquanto personale con il quale il gruppo si rapporta sia al materiale originale sia alle composizioni altrui e alla particolare attenzione all’aspetto ritmico, un po’ a discapito forse rispetto a quello armonico.

Gli anni trascorsi hanno ulteriormente cementato l’interplay tra il contrabbasso di Stephan Crump, la batteria di Marcus Gilmore e le tastiere di Iyer , e la riproposizione praticamente per intero del nuovo Break Stuff è apparsa ancora più convincente e coinvolgente. Il pianista è un virtuoso che riesce a far sembrare molto naturale lo sviluppo di temi, le lunghe cavalcate, gli accumuli ed i rilasci di tensione. Accanto all’amore evidente per Monk, assimilato e introiettato, mai semplicemente riprodotto, nel concerto pomeridiano ho avuto modo di ascoltare anche influenze minimaliste ed un evidente substrato accademico che allarga ancor di più la tavolozza timbrica.

Notevolissimo il gioco sulle ritmiche, accentuate, rilasciate, in perenne mobilità. Cosi’ come tutto l’andamento del concerto, sviluppatosi in progressione ed in un crescendo per larghi tratti assolutamente coinvolgente ed entusiasmante. Esemplare la naturalezza con la quale Gilmore e Crump si intersecano e si sollecitano.

Ascoltato per radio mi è parso molto bello e coinvolgente anche il concerto del quartetto di Turner: grandi musicisti che scavano e riescono ancora a trovare nuova linfa in situazioni sulla carta prevedibili ma poi sviluppate in maniera originale e moderna. Una vera gara di bravura e di sollecitazioni reciproche purtroppo contenuta temporalmente dalla necessità di stare nei tempi.

Ho sempre amato i gruppi di Aldo Romano e questo Palatino, pur fermo ai box da alcuni anni (e qua e la la ruggine si è sentita), mantiene la capacità di divertire con leggerezza grazie alla sezione ritmica ficcante, ai temi ricchi di melodie e alle voci pastose di Glenn Ferris e Paolo Fresu. Anche qui da situazioni conosciute si riesce a cavare umori e colori sempre interessanti anche se non nuovi.

Devo riconoscere a Enrico Rava, il direttore artistico del festival, che una buona parte delle scelte effettuate in questi quattro anni (qualche nome: Evans, Vandermark, Turner, Iyer, Cline, Halvorson) non solo sono vincenti ma addirittura vanno contro corrente rispetto al piattume e alla banalità propositiva della maggior parte dei festival nostrani. Un merito indubbiamente, che i ripetuti tutto esaurito di questi giorni hanno abbondantemente premiato, nonostante sia evidente anche lo sforzo di accontentare tutti i palati, fatto che a volte crea disorganicità e mancanza di un progetto lineare.

Mi viene comunque da sognare: con i budget di Torino o di Perugia chissà quante belle soddisfazioni potrebbe regalarci il nostro Enrico, ma poi rimetto immediatamente i piedi per terra. In fondo Rava non ha fatto altro che chiamare alcuni dei nomi più interessanti del jazz americano, quelli per intenderci che suonano regolarmente in Europa e decisamente poco in Italia.

I motivi di questa situazione ? Bè, ci vorrebbero molti post per tentare una spiegazione….

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

ULTIME VISITE AL BLOG

orkrsnaEgo1111anycomanBUDDASANsimpatici4metallica1dglrfiorellisarabolognesiprofitterol5simonettatrombettabossajazz2004pierrdezaramarcoriccardoinnocenziclaudiobro
 

Seguimi su Libero Mobile

 

TAG

 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

JAZZ E FOTOGRAFIA : HERMAN LEONARD

Una sequenza delle piů celebri fotografie di Herman accompagnate dalla voce inimitabile di Ella Fitzgerald.

 

ARTE E MUSICA

 

500 Years of Female Portraits in Western Art

Music: Bach's Sarabande from Suite for Solo Cello No. 1 in G Major, BWV 1007 performed by Yo-Yo Ma

collected some paintings by Gogh ...
Enrico Pieranunzi's melancholy music ( Canto Nascosto )

Henri Matisse paintings with Miles Davis composition "Generique"

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom