Genshiken Otaku Club

TUTTO SU MANGA, ANIME, FUNSUB E MADE IN JAPAN

 

PREMIO CONFERITOMI DA BROKEN...ARIGATO!!!!!^^




 

MP3

INTERAGITE CON IL MENU' DELL'iPOD QUI SOTTO PER ASCOLTARE IL PEZZO DELLA PLAYLIST CHE PREFERITE
           


MusicPlaylist
Music Playlist at MixPod.com


 

LIGHT & ELLE


GATSU & GRIFIS

Gatsu e Grifis si rincontrano dopo un lungo periodo
 

GENSHIKEN@LIBERO.IT

 

TAG

 

UN PICCOLO OMAGGIO PER LA NOSTRA MEG^^


 

HIDEAKI ANNO, REGISTA DI EVANGELION

 

COS'È IL GENSHIKEN

Il Genshiken è un mio spazio personale dove posso dar libero sfogo alla mia passione per gli anime e i manga. Da sempre, leggendo magazine tematici sull'argomento, ho sempre sognato di fare recensioni sui titoli che più gradisco, parlare di varie tematiche attinenti a questo mondo. Qui, esattamente come un club o circolo, se vorrete si potrà discutere di tutto ciò. Mi rendo conto che in quanto l'argomento è abbastanza specifico l'utenza non sarà vastissima....ma soffermatevi ugualmente qui al Genshiken....magari potreste trovare un articolo su quello che era il vostro cartone preferito 
 

IL COSPLAY DI UNA SEXY REI AYANAMI :-P

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

GAARA

 

HAN DETTO SU...

AKIRA
"TUTTI FIGLI DELLA BOMBA: AKIRA COME BLADE RUNNER"
(il messaggero)
"IL MIGLIOR CARTOON DI FANTASCIENZA MAI REALIZZATO; COME GLI STESSI SPIELBERG E LUCAS HAN DETTO, UN VERO "CULT MOVIE" DELLA NUOVA GENERAZIONE"
(CIAK)
GHOST IN THE SHELL
"...IL TIPO DI FILM CHE VORREBBE FARE JAMES CAMERON SE SOLO DISNEY GLIELO PERMETTESSE"
(EMPIRE)


 

Lista di alcune tra le copertine dei titoli più belli

 

TOTORO


 

 

« Plagiami ma di sigle straziamiE' ARRIVATA PONYO!!! »

Ma mi faccia il piacere!!!!

Post n°86 pubblicato il 18 Marzo 2009 da Genshiken

Avrei voluto fare un post su Full Metal Alchemist dopo aver letto il ventesimo volumetto (uscito ieri). Avrei voluto parlarvi di quanto fosse avvincente la storia dei fratelli Elric e di come la vicenda fosse in dirittura d'arrivo. Avrei voluto si...ma alla fine dell'albo, nella "NewsLetter" ho letto un articolo di Mattia Dal Corno che mi ha lasciato interdetto. E' un po lunghetto ma credo valga la pena riportarvelo per intero:

"Quando più di dieci anni fa i manga arrivarono in Italia,c’erano tante serie famose
pronte a essere pubblicate.I grandi classici e i capolavori più recenti erano inediti da noi ed era possibile scegliere cosa proporre e con quale cadenza.
Oggi la situazione è molto diversa: le opere più note sono
state tutte pubblicate. Restano i manga nuovi, quelli ancora in corso di pubblicazione anche in Giappone, che hanno il “difetto”di non essere interamente
disponibili. I lettori italiani si stanno quindi adattando a ritmi di pubblicazione diversi dal classico mensile che piace a tutti, noi compresi, ma che non
si può più proporre per carenza di materiale. In questo siamo quindi diventati molto più simili ai lettori del Paese del Sol Levante: aspettiamo il nostro numero di NARUTO o
FULLMETAL ALCHEMIST per tre o quattro mesi esattamente come un ragazzo o una ragazzdi Tokyo. Proprio come loro vorremmo avere tutto e subito,ma pazientiamo e resistiamo, perché la nostra passione è questa e i nuovi capitoli del nostro manga preferito valgono bene l’attesa di una manciata di settimane
"

......

Sono basito. Ok, va bene tirare acqua al proprio mulino, ma qui si esagera. SI esagera perchè la situazione attuale, per la quale l'attesa di una pubblicazione di un titolo ha la medesima tempistica di quella Giappo, è solo E UNICAMENTE FIGLIA DELL'INGORDIGIA DEGLI EDITORI CHE PER SMANTELLARE (o almeno per provare a farlo) LA CONCORRENZA HANNO INAUGURATO IL TREND DELLE PUBBLICAZIONI IN CONTEMPORANEA COL GIAPPONE.


Dal Corno mi viene a dire che la situazione è questa e dobbiamo adattarci...beh grazie alla pizza (e scusate), non è che possiamo far molto noi lettori. E' verissimo anche che eravamo dei lettori "provilegiati" nei confronti degli stessi otaku nipponici in quanto avevamo pubblicazioni mensili (cosa che loro sognavano) ma non venitemi a dire che questa situazione si è creata in quanto NON CI SONO PIù TITOLI COMPLETI DISPONIBILI. Ma che scherziamo? In Giappolandia ci sono una miriade di fumetti, decine e decine di riviste, con all'interno decine e decine di manga...e mi sento dire: "no abbiamo pubblicato tutto il pubblicabile ora abbiamo disponibili solo titoli in corso d'opera...portate pazienza" Ma che ci pigliano per scemi? Poi, leggendo la newsletter di Dal Corno (che per carità ho avuto modo di apprezzare in altre occasioni), si potrebbe correre nell'equivoco di pensare che la situazione che descrive sia nata da poco!! Ma è una balla!! Sono ANNI che c'è quest'andazzo!! Anni che si ostinano a pubblicare manga di cui in madre patria è uscito SOLO UN VOLUMETTO. Esempi? Ne ho a bizzeffe!! Vogliamo citare BIOMEGA (2007)? 3 volumi in madre patria....subito tradotto in Italia...il quarto numero? Mah chissà tra quanto lo vedremo. Esempi meno recenti? GANTZ, uscito nel 2002 ora arrivato al 21esimo volumetto, inizialmente fu pubblicato quando in Giappone erano stati disegnati solo 3-4 volumetti: risultato attesa infinita. Esempi meno recenti? EVANGELION 1997 pubblicato quando in madre patria c'erano solo 4 volumetti!!!! E vediamo se si ha il coraggio di far intendere che quest'andazzo è nato da poco!!

 

La verità sta nel fatto che quest'atteggiamento è nato grazie (a causa) dell'entrata in scena della Planet Manga (casa editrice che ha pubblicato questa newsletter). Per abbattere quello che era il monopolio della Star Comics, la planet ha pensato di dare a noi lettori un'immagine di se stessa forte e "moderna" proponendo titoli freschi e ancora profumati di china. Quindi, ribadisco, far intendere che la cosa sia venuta fuori da poco...è falso e tendenzioso!! Se  poi uniamo a questa storia l'abnorme numero (esageratissimo) di uscite di manga ogni mese (a dir poco in esubero) tutti i nodi vengono al pettine ed è facile spiegare la situazione (a mio parere prossima alla crisi del settore).

Una situazione quindi che NON è recente ma che ha iniziato a germogliare all'incirca DODICI anni fa, con l'entrata in scena della planet (aka Panini comics) appunto  che, dopo una prima e timida apparizione con Berserk e Alita, faceva il suo ingresso imponendo titoli del calibro di: MACROSS 7 TRASH (all'epoca 5 volumi incompleti); NADESICO, SLAM DUNK, la rivista contenitore MAN-GA e il già citato EVANGELION (incompleto).

Dico io...va pur bene tirare acqua al proprio mulino...ma non a patto di prendere in giro! L'apice l'ha raggiunto quando ha detto, cito fedelmente :"perché la nostra passione è questa e i nuovi capitoli del nostro manga preferito valgono bene l’attesa di una manciata di settimane". Manciate di settimane??? MANCIATA DI SETTIMANE??? Ma che scherziamo?? Ma ci prende in giro? L'andasse a dire ai lettori di Berserk che si son dimenticati quando è uscito l'ultimo volume!!!Manciate di settimane tra un CAPITOLO E L'ALTRO IN GIAPPONE!! MA QUI L'ATTESA VA OLTRE UNA MANCIATA DI SETTIMANE...meglio essere chiari, o fa comodo essere vaghi tanto da poter far capire anche diversamente dalla verità? Va bene, la situazione (EVITABILISSIMA) è ormai degenerata...non ci si può far nulla e si deve per forze di cosa subirla nonostante ,  con un po più di cura e con meno avidità, si sarebbe potuta tranquillamente evitare tutto ciò....ma non venitemi a dire che "attesa di una MANCIATA di settimane" perchè così mi sento preso per il culo!! Non fatemi intendere che la situazione è nata da poco quando sono 12 anni che l'andazzo è questo!! Non fatelo altrimenti mi sento preso in giro!!! Va bene tirare acqua al proprio mulino....cercare di fare il lavaggio del cervello per far star buonini i lettrori... direi proprio che non va bene!!!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/OtakuClub/trackback.php?msg=6720312

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Meg_nove
Meg_nove il 19/03/09 alle 09:50 via WEB
Sottoscrivo e approvo! Stanno pubblicando perfino dei veri orrori mangacei pur di farlo in contemporanea, quando tanti classici meraviglioso che hanno fatto la storia restano in attesa perché si pensa che non attirerebbero pubblico! Guardate della roba come Kurohime, stracopiata da Bastard, o Il Guerriero Alchemico, stracopiato da Bleach + Fullmetal, o 666 Satan, tradotto solo perché è del gemello dell'autore di Naruto... voglio piangere...
 
 
Genshiken
Genshiken il 20/03/09 alle 10:19 via WEB
la storia che pubblicano schifezze immani quando ci sono capolavori assoluti inediti nel nostro paese, magari un po datati, è vecchia come il cucco...ed è davvero pazzesca. Se delle volte ci propongono capolavori totali delle volte i nostri editori sono colpiti da attacchi di labirintite mentale acquistando i titoli che hai citate te Meg...e i capolavori che han fatto la storia del fumetto...giudicati invendibili li chiudono in un cassetto. Non so davvero spiegarmelo...abbiamo aspettato + di 10 anni per vedere in fumetteria un capolavoro come Rocky Joe (Joe no Ashita)...un manga meraviglioso...e prima di lui ci sono stati titoli disgustosi e insignificanti. Ma quello che mi chiedo...temono che la qualità non venda? boh...alcune regole di mercato non riesco a spiegarmele...
 
Tapiroulant
Tapiroulant il 19/03/09 alle 11:17 via WEB
Guarda, sono assolutamente d'accordo con te su tutta l'analisi... Tranne che su un punto: ossia che questa situazione si sarebbe potuta evitare. No; non lo penso. La Planet per ritagliarsi un proprio spazio di mercato e non essere fatta fuori dalla concorrente più anziana ha dovuto accaparrarsi in fretta una serie di esclusive di punta. Se non l'avesse fatto, probabilmente sarebbe stata la Star a farlo, con il rischio di arrivare a far fuori la Planet e a tornare ad essere un monopolio. La cosa che in genere non si dice sul meccanismo capitalistico della "libera concorrenza", è che l'unico modo per sopravvivere nella libera concorrenza è condurre operazioni di questo genere. L'avidità non è un vizio; diventa una necessità.
 
 
Genshiken
Genshiken il 20/03/09 alle 10:31 via WEB
La situazione era inevitabile dici? GUarda è difficile rispondere, o meglio, bisognerebbe chiedere ad un esperto di mercato per sapere dov'è la verità; personalmente penso che l'avidità diventi necessità per battere la concorrenza dal momento in cui si vuole edificare un edificio di 100 piani in 2 giorni. Ed è quello che la planet ha disperatamente cercato di fare. Ha voluto affiancarsi (per poi superare..è innegabile) la star comics nel + breve lasso di tempo possibile. In pochissimo, ha comprato, proposto, pubblicizzato, bruciato sul tempo i rivali, aperto nuovi trend, sovrapopolato le fumetterie di proposte...tanto che alla fine è riuscita nel suo intento, ossia quello di diventare una delle case editrici che importano materiale fumettistico (e audiovisivo) nipponico, più importante d'Italia. Il tutto in tempo di record. E' riuscita a stabilizzarsi in pochi anni quanto la star ha lavorato come una formica per imporsi (senza concorrenza). Quindi...seguendo questo vorticoso iter...si, convengo con te e dico che l'avidità è stata una necessità. Ma ti rigiro la frittata chiedendoti: ma era necessaria questa fretta? Fretta che ha portato (è innegabile) tanto male, almeno per noi fruitori, all'editoria "mangofila"? Cioè, se la planet invece che impiegarci un paio d'anni, c'avesse messo 5-6 anni per stabilizzarsi, se avesse proposto con più calma i titoli, se avesse agito, insomma, con più criterio, non sarebbe stato meglio e non si sarebbe comunque imposta ugualmente nel mercato? Con un po più di lentezza magari ma con maggiore qualità (perchè gente che fa da garante della qualità la planet la ha, come Davide Castellazzi). Con più calma dicevo, evitando quello che sarà,a mio parere, inevitabile...una prossima crisi del settore...perchè è lapalissiano...se nel palloncino ci metti troppa acqua...alla fine...
 
   
Tapiroulant
Tapiroulant il 21/03/09 alle 17:36 via WEB
Tu mi chiedi, era necessaria questa fretta? E io ti rispondo: purtroppo sì. Non c'è bisogno di un grande economista per capirlo, basta guardarsi intorno. In ogni settore del mercato succedono cose analoghe, e non è colpa degli stupidi avidi di denaro e potere. Come ti dicevo, se la Planet non avesse fatto come ha fatto, allora sarebbe stata la Star a muoversi e ad impossessarsi di tutte le esclusive che poteva per mettere fuori gioco il rivale. A suo tempo la Star se l'era presa comoda per il semplice fatto che, come osservi tu, non aveva concorrenza, quindi nessun rivale a minacciare la sua leadership. Ma la legge della libera concorrenza IMPONE che ogni concorrente metta da subito in campo tutto quello che può, altrimenti saranno gli altri a farlo fuori. Capisci?
 
     
Genshiken
Genshiken il 22/03/09 alle 09:51 via WEB
Non lo so...il ragionamento ovviamente mi è chiaro e fila bene...ma c'è qualcosa che proprio non riesce a convincermi. Dici che la planet ha invaso il mercato in maniera prepotente per non farsi affossare dalla star comics, indi ha acquistato a manetta più serie che poteva per non farsi anticipare. Si è verissimo...ma il punto è il quantitativo abnorme di serie che ci sono in giappone...talmente tante che mi sembra spropositata questa guerra italiana tra 2 sole case editrici. Voglio dire...se oltre a loro ci fossero stati altre 2 o 3 editori potenti che sarebbe accaduto? Seguendo questa logica nel giro di un anno tutto il materiale cartaceo presente nell'acipelago nipponico sarebbe stato spremuto. Per questo continuo a non essere totalmente convinto che questa ingordigia sia stata poi così inevitabile. Fermo restando che, oltre ad essere principalmente in 2, la star non mi sembra questo colosso editoriale capace di investire fior di miliardi...ergo ci sarebbe stata competizione con la dovuta calma senza che la planet corresse il rischio di venire affossata. Mi viene in mente, agli albori dell'invasione manga, il dualismo che c'era tra Yamato e Dynamic Italia. La concorrenza era evidente, ma si giocava più sulla ricerca della qualità che sulla quantità....e il mercato (all'epoca non era diffuso internet come ora, quindi le videocassette vendevano) non era saturo affatto. Ribadisco, il tuo ragionamento fila benissimo...ma come ho già detto c'è qualcosa che mi lascia ugualmente perplesso
 
haine_chan
haine_chan il 19/03/09 alle 13:51 via WEB
Sono d'accordo conte! Per non parlare poi del fatto che per 'coprire' la loro colpa, improvvisamente, si sono messi a ristamapare tutto lo ristampabile... e la cosa peggiore è che alcune volte si fermano pure con le ristampe quando il materiale è lì già bello e pronto... ma questo è un altro discorso. Tornando a noi è assolutamente vero che ci sono dei titoli nuovissimi che fanno uscire solamente per non farlo prendere alla loro 'rivale'... con il risultato che poi fanno il lavoro male. Per non parlare della sospensione INUTILE di manga già finiti da decenni in madre patria SOLO e UNICAMENTE per pubblicare un altro manga di cui non è ancora stata scritta la fine... ma aspettare no neh? Bah se non fossi costretta per forza di cose ad acquistare certi manga dalla Planet ne farei volentieri a meno... ma rimango dell'avviso che ci sono molte case editrici che, anche rimanendo nell'ombra, sono migliori della Panini -.-
 
 
Genshiken
Genshiken il 20/03/09 alle 10:40 via WEB
la storia delle ristampe è emblematica. Iniziare a ristampare materiale non terminato lascia perplessi non poco. Cioè c'è una cosa di base che non capisco: è possibile che a distanza di pochi anni dalla pubblicazione io non riesca a trovare i primi numeri di una pubblicazione? Ma quanti ne stampano, 2? E' abbastanza ovvio capire che fanno sparire gli arretrati in modo tale che un tizio è costretto a comprare la ristampona, che solitamente costa di più...se non che poi, oltre il danno c'è la beffa...in quanto chiaramente poi anche la ristampa raggiunge la pubblicazione inedita. E' una mossa di mercato chiaramente studiata a tavolino per mangiarci sopra un filo di più <.< Sono concorde con te Haine, anch'io farei a meno di acquistare roba della planet...ma l'amore che ho per i manga m'induce a superere la ritrosia che ho verso questa casa editrice. P.s. le cose editrici che stanno all'ombra della planet...a quale ti riferisci?
 
   
haine_chan
haine_chan il 08/04/09 alle 15:59 via WEB
Anche se sono piuttosto costose direi che la Flash Book è abbastanza valida come casa editrice (mi riferivo principalmente a lei anche se costa un occhio della testa ma come qualità/prezzo direi che ci siamo)
 
dollmaker1
dollmaker1 il 19/03/09 alle 21:01 via WEB
Non sono un grande compratore di manga, ma concordo con te. Lo scarso rispetto per i lettori non ha scusanti, e il fatto di prenderli per i fondelli è peggio ancora!
 
 
Genshiken
Genshiken il 20/03/09 alle 10:43 via WEB
Sai Doll, se dal corno avesse detto "bella gente, la situazione è la seguente: il 90% dei manga che pubblichiamo esce in contemporanea col Giappone, so che è tremendo aspettare tanto tra un'uscita e l'altra, ma ormai la situazione è questa", mi avrebbe infastidito ugualmente ma sarei stato zitto. Il fatto che su un paio di punti le ha sparate grosse non l'ho proprio mandata giù....perchè i lettori di vecchia data come noi capiscono l'intoppo...ma sai quanti neo-lettori che non conoscono (passami il parolone) la storia dell'editoria manga in italia abboccano alle sue parole? In alcuni punti ciò che dice è tendenziono non poco...
 
Kagura84
Kagura84 il 21/03/09 alle 15:50 via WEB
bah una volta avevo parlato in una fiera del fumetto con uno della star o forse proprio della planet. non mi ricordo + quale delle due case editrici. e avevo chiesto x MIMI' (la nazionale della pallavolo) che sono 4-5 numeri e in italia, scusate, ha fatto la sua bella figura all'epoca!!! sapete che mi hanno risposto? eh ma è troppo vecchio NON LO COMPREREBBE NESSUNo.... MA VA A CAGHE' (scusate il francesismo). come si può vedere ce ne sono a bizzeffe di titoli anche vecchiotti che sn finiti e strafiniti, ma a loro chegliene? vogliono vendere! what about finire le serie interrotte tipo ARIA che mancano solo 4 numeri invece di fare qualcosa di nuovo interrompendolo x mancanza di materiale? qualcosa x i maschi? riprendere in mano Get Backers, o prendere Samurai Deeper kyo. tutti e due capolavori abbastanza moderni e strafiniti. qualcosa all'indietro? CHe recuperino Muteking! Forse non li hanno nemmeno per l'anticamera del cervello proprio x' sono finiti. eh già mò tocca a noi aspettare. grazie al picio, già qui i manga sono di estrazione + scadente rispetto a quelli giapponesi, confrontando il prezzo costano il doppio. CERTO che voglio essere privilegiata con un MENSILE e NE HO TUTTO IL DIRITTO!
 
 
Genshiken
Genshiken il 22/03/09 alle 10:03 via WEB
Sulla questione del "si vende" o "non si vende" sono rimasto sempre un po perplesso (anche qui^^). Delle volte danno l'idea che su certi fronti si autoconvincano di alcune cose rispetto ad altre. Memorabile l'esempio del genere sportivo, ve lo ricordate? La star comics sosteneva fortemente che il genere sportivo in Italia NON funzionava, perchè, secondo loro il lettore medio NON faceva sport, ne amava in paricolar modo l'attività fisica. Perchè questa conclusione? Perchè le vendite di Rough(manga stupendo sul nuoto) e del numero di Kappa Magazine in cui ci fu uno speciale su Captain Tsubasa (al secolo Holly & benji) furono scarse...da li loro trassero queste conclusioni. Poi, zitta zitta (mica tanto) arrivò la planet (x una volta bisogna dargliene atto) che senza tanti complimenti e con tanto coraggio, pubblicò Slam Dunk, un manga TOTALMENTE dedicato allo sport e per di più al basket (che non è proprio il primo sport italiano). Risultato? Slam dunk rimane uno dei manga più venduti della storia mangofila italiana e dopo di lui ci fu un'inversione a U da parte di tutti e così abbiamo avuto i vari Touch, Rookies, Eyeshiled, Captain Tsubasa (ma va?),Hungry Heart ecc. Non mi stupirei se per i manga storici accada la medesima cosa...Il problema è che bisogna, a mio parere, pubblicare un genere o un titolo nel periodo giusto. Rough andò male solo perchè era un titolo non adatto all'epoca..il pubblico era ancora acerbo e il tratto di Adachi era un po ostico...a distanza di anni, guarda caso Adachi è diventato un autore cult e nel nostro paese addirittura si poteva trovare in fumetteria ben tre titoli contemporaneamente firmati da lui (Touch, H2 e Slow Step).
 
rejcatoys
rejcatoys il 21/03/09 alle 17:32 via WEB
Il tuo blog è eccezionale. Mi auguro di avere la fortuna di poterti ospitare presto fra i miei blog amici. In bocca al lupo per il tuo spazio web!!
 
 
Genshiken
Genshiken il 22/03/09 alle 10:05 via WEB
Ti ringrazio sei molto gentile^^. In bocca al lupo anche per il tuo blog appena "nato"
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Ryuk il 13/02/10 alle 20:20 via WEB
Sono totalmente d'accordo con quanto detto nell'articolo. Riferendomi a quanto detto da Tapiroulant nei primi commenti, vorrei far notare che probabilmente è vero che la Planet Manga avesse inizialmente necessità di proporre titoli recenti per accattivarsi i lettori, ma è altrettanto vero che in tutti questi anni non ha mai lontanamente tentato di cambiare il trend, cosa che avrebbe potuto benissimo fare una volta impostasi nel mercato. A parer mio la verità è che la Planet faccia fin troppa leva sul lettore casualone, definizione che si traduce molto spesso nel ragazzino che trova i fumetti in edicola e comincia a leggersi i titoli più bambocciosi. Per non parlare delle mode che lanciano la maggior parte degli shonen, che guardacaso sono quasi tutti pubblicati dalla Panini... La fortuna della Planet Manga è proprio la fascia di età molto bassa che costituisce la maggior fetta dei suoi lettori. Sono convinto che quando i lettori adulti saranno aumentati di numero (ad oggi non sono ancora abbastanza secondo me) la Planet si troverà veramente in crisi e sarà costretta a rivedere drasticamente le proprie politiche. Quanto al discorso ristampe, posso solo dire che la situazione è vergognosa. E sono convinto che sia tutto fatto in funzione di far lievitare i prezzi degli albi rari per i collezionisti per poi proporre ristampe di pessima qualità a peso d'oro (vedi le varie edizioni "gold" o "collection", che salvo rarissimi casi sono di qualità davvero scadente).
 
 
Kagura84
Kagura84 il 27/02/10 alle 22:25 via WEB
Ti rispondo quasi un anno di distanza dalla pubblicazione di questo articolo, ma solo un paio di settimane dopo il tuo intervento lol. Che la planet si sia imposta sul mercato è dato di fatto e che non voglia cambiare regime pure. Ripeto a distanza di un anno "che glie frega?" Hai ragione nel dire che puntano sul ragazzino che guarda sullo scaffale e sceglie (quasi sempre) a caso o perchè ha visto in tele l'ultima piciata, ma anche in questo caso ci sarebbero un sacco di titoli "bamboccioni" strafiniti. Anyway.. passiamo al punto ristampe. l'avevo già detto, lo ribadisco: Guardacaso i titoli esauriti sono Planet nel 90% dei casi (il restante 10% è della star ma solo perchè ha pubblicato 15 anni fa). E appunto, anche io ho sempre pensato "ma che, ne stampano 2?" Il primo numero di Naruto è andato esaurito in 10 mesi, quello di Death Note in... 2 mesi. Cito quelli perchè me li ricordo bene. Probabilmente è vero che ora puntano sulle ristampe a prezzi esorbitanti, ma è anche vero che UN MUCCHIO DI GENTE le ha richieste. Che ci marcino su, non c'è dubbio. Ultima cosa: ce la stiamo prendendo con la Planet, ma ricordiamoci che non c'è solo planet come casa editrice, le altre non stanno facendo quasi niente: la star pubblica un titolo interessante e 4 no, la flashbook ha prezzi improponibili. E' nata la GP, anche qui prezzi non giusti, in compenso abbiamo avuto (pochi) alcuni titoli di vecchio stampo tra cui i lavori della Igarashi (autrice di candy).
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: Genshiken
Data di creazione: 23/02/2008
 

L'ANGOLO DI KAGURA

GENSHIKEN OPENING


 

IN QUANTI SONO OSPITI DEL GENSHIKEN ORA?

page counter
 

NARUTO & GOKU






 

LA FRASE

Secondo me il premio come miglior attrice della Mostra del Cinema di Venezia dovrebbe andare al pesciolino Ponyo, la protagonista del film d’animazione del maestro Hayao Miyazaki… Non potevo certo farmi scappare un capolavoro del genere per la mia selezione. Considero Miyazaki il più grande creatore di pop art al mondo”.
Marco Mueller, direttore della Mostra del Festival di Venezia.
 

EYESHIELD 21


 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

FNHVLandironcappinonoiagnesekuronekogokouescalitusivan2631bassplayerpunk79valentdsalices.994pier_capepaperinopa_1974littlegverdepistacchio74SwonaLeokamennius
 

MIYAZAKI ALLE PRESE CON LA P.MONONOKE

 

SLAM DUNK


 

MONKEY PUNCH L'AUTORE DI LUPIN III


 

FAN ART

KAGURA84

GIULIETTA_ART

VUOI VEDERE ANCHE LA TUA FAN ART SUL GENSHIKEN OTAKU CLUB?
MANDAMI IL DISEGNO DEL TUO PERSONAGGIO PREFERITO A:
GENSHIKEN@LIBERO.IT
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

DEATH NOTE










 

UN COSPLAY SEMPLICEMNTE PERFETTO

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 

OSAMU TEZUKA

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

T.INUOE ALL'OPERA -VAGABOND-

 

MAZINGA Z, GOLDRAKE & GUNDAM