Creato da laura_brustenga il 23/02/2008

Dedicato a Karol

Questo blog mi ha accompagnata in diretta nella storia più bella e incredibile della mia vita

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: laura_brustenga
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 54
Prov: RM
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Terzo_Blog.Giusapungi1950psico_crazialaura_brustengaannaincantoBacardiAndColacostanzatorrelli46falco1941acer.250psyche.dgl0annamatrigianoorsobianco.amsimona.fulgaElemento.Scostante
 

ULTIMI COMMENTI

 

Votaci su Net-Parade.it 

Votaci su Net-Parade.it


Blog d'argento

 

 
motori ricerca
 

 

 

 

« Chi eriLui ha cambiato il mio dolore »

Il Video Che Mi Uccide

Post n°77 pubblicato il 15 Aprile 2008 da laura_brustenga
 


Se la mente vuole non pensare, il cuore lo impedisce. Sembra sempre più impossibile che sia successo. Sempre più importante il ricordo di questo legame e sempre più irragionevole che karol non ci sia più. Difficile rassegnarsi, impossibile farsene una ragione. Non sono brava in questo, non sono brava a cancellare qualcosa che esisteva, che mi ha resa troppo felice, che mi ha dato i momenti più incredibili e che adesso vive soltanto in me: ma vive. Cancellarlo?! E' come un boomerang che torna immancabilmente in ogni mio pensiero.  Farmene una ragione?! Non c'è una ragione che abbia un senso per aver spezzato il cuore all'uomo che io volevo. Ricordarlo serenamente?! La serenità è una sensazione che non mi appartiene più. Perchè dentro me c'è il temporale di quel momento, quando mi hanno detto KAROL HA AVUTO UN ALTRO INFARTO, perchè in me è troppo doloroso il ricordo di quando mi hanno dato la sua lettera per me, segno indelebile della fine della sua esistenza, del nostro amore così pazzesco e così forte, così sfortunato e così divino. Si, divino: perchè non è stato un incontro normale, non è stato un amore "come tanti". Il nostro è stato un legame che andava al di là di tutto. Io l'ho "sentito" quando si era svegliato, io ho sentito i suoi pensieri. Lui ha sentito il mio dolore sapendolo in pericolo, lui mi ha vista piangere e chiamarlo...eppure eravamo lontani, eppure lui era in coma. Nessuno dei due ha mai avuto nulla di materiale dell'altro. Mai. Mai visti. Mai ascoltata la sua voce. Mai. Eppure erano le sole cose che desideravamo immensamente. Ma uno strano, stranissimo destino ci ha impedito che questo legame diventasse terra...e lo ha lasciato per sempre anima. C'è forse un disegno divino, in tutto questo?! A me non resta che questa speranza, se non avessi una certezza dell'esistenza dell'anima, impazzirei. Perchè quando un legame nasce, cresce e vive nel modo in cui lo ha fatto con me e karol, non si può cancellarne tutte le sensazioni, la dolcezza, i sentimenti. E il ricordo non può svanire o diluirsi nel tempo, ma resta dentro indelebilmente.

Quando Karol era in ospedale, quando si riprese...fece impazzire i medici perchè lui...doveva mandarmi le mail, doveva parlarmi, doveva dirmi tante cose, ma non avrebbe dovuto farlo, sia per evitarsi emozioni, sia perchè poteva essere pericoloso. Ma lui doveva riempire il mio cuore ed il suo. E lo ha fatto, contro tutto e contro tutti. Abbiamo ripreso un discorso che era stato lasciato a metà per volere della vita, immaginando e sognando per noi un domani bello, bellissimo, quando finalmente ci saremmo visti per dare corpo ai nostri sogni. Ma un giorno, Karol...improvvisamente, alla vigilia del suo trapianto che ci dava tante speranze...ha sentito un dolore al petto, un altro dolore al cuore e mi ha lasciata sola coi ricordi e con le lacrime.

(L'attore del video somiglia moltissimo a Karol. La parte finale del video invece...racconta perfettamente quello che è successo tra noi. Solo che i  suoi ricordi... erano i nostri sogni.)

laura 

 

Ferma il video di testa per vedere questo ... ←

 
 
 
Vai alla Home Page del blog