Creato da laura_brustenga il 23/02/2008

Dedicato a Karol

Questo blog mi ha accompagnata in diretta nella storia più bella e incredibile della mia vita

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: laura_brustenga
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 54
Prov: RM
 

ULTIME VISITE AL BLOG

laura_brustengafosforilsantigliano_silvylubopoStolen_wordsvitaincampagna2betaeta7Anima_di_Vampiressasurfinia60veronica.fanciulliMassimiliano_UdDGiuseppeLivioL2Meme_ntoottavia4
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao Laura ."La suprema felicitÓ della vita Ŕ essere...
Inviato da: apungi1950
il 14/02/2017 alle 11:08
 
...per cosa?
Inviato da: laura_brustenga
il 12/02/2017 alle 22:21
 
grazie..
Inviato da: šok gŘzel oyunlar
il 08/02/2017 alle 18:43
 
Ciao Laura . La vita non Ŕ che la continua meraviglia...
Inviato da: apungi1950
il 25/01/2017 alle 18:15
 
Buona domenica, Laura. Un caro saluto in un forte...
Inviato da: virgola_df
il 22/01/2017 alle 10:28
 
 

 

Votaci su Net-Parade.it 

Votaci su Net-Parade.it


Blog d'argento

 

 

base video _3base video _3base video _3

 

 

 

 

 

« Un Sogno Nel SognoL'ultimo amore »

Con me nel suo ultimo respiro

Post n°125 pubblicato il 12 Giugno 2008 da laura_brustenga
 

No, questo non mi era stato detto. O meglio, la mamma di Karol me l'aveva accennato, solo che io l'avevo presa come una metafora. Si, sapevo che Karol voleva conoscermi personalmente e con tutte le sue forze, e sono anche sicura che proprio questo sentimento  che era nato tra noi gli ha dato tanta forza per continuare a vivere nonostante un cuore lacerato : magari solo il tempo per dirmi quello che provava per me. Ma non era invece una metafora: Karol, prima dell'ultimo respiro ha sussurrato delirante..."Mia sposa Laura". Quando mi è stato detto questo, mi sono sentita male, perchè in tutto il suo dolore io non ho potuto stargli vicino , magari  il tempo per dirgli quello che provavo per lui... E' logico che poi, quando ci penso, il mio cuore si stringe. Perchè la Polonia? Perchè poi l'America?! E pensare che quando ci siamo incontrati, lui era qui a Roma, nella mia città. Quello era un treno che avrei assolutamente dovuto prendere. Io ho creduto che ce ne sarebbero stati altri. Non è stato così. Ma sono certa che se avessi preso quel treno, io e Karol avremmo sofferto molto, molto di più...anche se non so se si possa soffrire "di più". Ma adesso lui continua a mancarmi... In certi momenti poi è pazzesca la nostalgia che sento. Solo che arriva immediatamente qualcosa a rasserenarmi, è un mistero , non so cosa sia, ma arriva.

E adesso una parola per lui,  perchè lui si è sempre sforzato di parlarmi nella mia lingua, mentre io nella sua non l'ho mai fatto.  

 

                            " Il mio nome come ultimo regalo per me... Sei stato con me fino alla fine. Ti voglio troppo bene, Karol"           

laura

DEDICATO A KAROL / http://blog.libero.it/PRIVATISSIMO/

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

base video _3base video _3base video _3