Creato da laura_brustenga il 23/02/2008

Dedicato a Karol

Questo blog mi ha accompagnata in diretta nella storia più bella e incredibile della mia vita

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: laura_brustenga
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 54
Prov: RM
 

ULTIME VISITE AL BLOG

laura_brustengafosforilsantigliano_silvylubopoStolen_wordsvitaincampagna2betaeta7Anima_di_Vampiressasurfinia60veronica.fanciulliMassimiliano_UdDGiuseppeLivioL2Meme_ntoottavia4
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao Laura ."La suprema felicitÓ della vita Ŕ essere...
Inviato da: apungi1950
il 14/02/2017 alle 11:08
 
...per cosa?
Inviato da: laura_brustenga
il 12/02/2017 alle 22:21
 
grazie..
Inviato da: šok gŘzel oyunlar
il 08/02/2017 alle 18:43
 
Ciao Laura . La vita non Ŕ che la continua meraviglia...
Inviato da: apungi1950
il 25/01/2017 alle 18:15
 
Buona domenica, Laura. Un caro saluto in un forte...
Inviato da: virgola_df
il 22/01/2017 alle 10:28
 
 

 

Votaci su Net-Parade.it 

Votaci su Net-Parade.it


Blog d'argento

 

 

base video _3base video _3base video _3

 

 

 

 

 

« L'Amore Non Ti AbbandonaOcchi che sanno parlare »

Il Post Di Kristina su Karol

Post n°160 pubblicato il 13 Settembre 2008 da laura_brustenga
 

E questo è il post della sua amica Cristina,  che postò dopo la sua morte.

 

Karol

nella foto, con la maglietta bianca

1959, è nato un monello, un terremoto di ragazzo. Noi due, la sorella di Karol ed io, aspettavamo questo evento per lunghi 9 mesi. Avevamo 10 anni, eravamo coetanee ed eravamo anche amiche. Più dell’amiche, noi eravamo due sorelle e Karol sarebbe stato il nostro “piccolo” fratellino. Per farvi capire il nostro legame, vi descrivo un po’ la situazione. Noi ragazzi, avevamo due madri e due padri. Infatti noi chiamavamo mamma e papà anche i genitori dell’altra famiglia. Vi può sembrare strano questa cosa, ma per noi era naturale cosi. Altri tempi comunque. Allora, dicevo, è nato finalmente il nostro fratellino. La prima volta per noi ragazze, potevamo vedere un bimbo appena nato. Il parto era fatto in casa, con tutta l’assistenza necessaria. Mah, ci siamo guardate, dopo aver visto quel rospo di bimbo. Siamo andate in un’altra stanza e ridevamo come “pazze”. Facevamo delle supposizioni come l’avremo chiamato. La parola meno  offensiva era il rospo, il resto non ve lo dico per decenza. Dopo qualche giorno, con il nostro grande stupore, quel “rospetto” cambiò faccia. Il suo visetto diviene più gentile,  ma per noi ragazze, restava sempre  quel rompiscatole di Karol, che piangeva spesso e che spesso la mamma ci chiedeva di cullarlo. Passavano gli anni e lui non si smentiva mai. Una peste di ragazzo, ci prendeva a calci appena la mamma non lo guardava e poi negava che ciò forse vero. Faceva la spia alle mamme, delle nostre marachelle. Stravagante, prepotente e sempre contrario a tutto ciò che la “normalità”.La sua maglietta doveva essere sempre strapazzata, mai stirata. Le scarpe slacciate e se trovava dei pantaloncini strappati, quelli erano migliori da mettere.  Insomma era un fratello odioso e scomodo. Tanto vero che pensavamo di farlo “fuori”. Non si sa come però, alla fine lo proteggevamo sempre. Era minuto e anche abbastanza bassotto, fino a 12 anni. Ne soffriva tanto, tutti i suoi amici erano molto più alti di lui. Dopo però, non si fermava più e si allungava sempre, fino ad arrivare  a 188cm. E cosi, pian pianino, la vita scorreva.

Karol diviene un uomo, un gentiluomo, ma soprattutto un uomo baciato dalla fortuna. La vita li riservò le cose meravigliose. Realizzazione nella professione, una splendida famiglia, insomma, una vita da favola. A volte però, a sorpresa, ti può arrivare il conto da pagare per il supplemento  sulla “favola”. Cosi a lui, il conto che li si presentò era abnorme.  Prima amatissima moglie, mori di tumore, poi l’unica figlia in incidente d’auto e, quando sembrava che le cose fosse in parte superate, la vita ha voluto lui stesso. Un giorno, qualche mese fa, dopo qualche tempo dalla morte della figlia, lui stava scrivendo una lettera ad una giovane donna, conosciuta poco prima dell’ultima disgrazia. Si scusava con lei, del suo lungo silenzio e cercava di spiegarla il suo stato d’animo. Voleva proporle di vedersi e di passare il tempo insieme (me ne ha parlato di questo, il giorno prima, chiedendomi il mio consiglio).Non ha mai finito di scrivere questa lettera, perché fu colto dall’ infarto. Quel rospetto - nanetto (come lo chiamavamo noi ragazze) è morto ieri il 24.03.08. Questo uomo era il mio piccolo fratello e, mi manca.

                                               KRISTINA

 ( continui a mancarmi...) LAURA

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

base video _3base video _3base video _3