Creato da laura_brustenga il 23/02/2008

Dedicato a Karol

Questo blog mi ha accompagnata in diretta nella storia più bella e incredibile della mia vita

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: laura_brustenga
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 54
Prov: RM
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fosforillaura_brustengasantigliano_silvylubopoStolen_wordsvitaincampagna2betaeta7Anima_di_Vampiressasurfinia60veronica.fanciulliMassimiliano_UdDGiuseppeLivioL2Meme_ntoottavia4
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao Laura ."La suprema felicitÓ della vita Ŕ essere...
Inviato da: apungi1950
il 14/02/2017 alle 11:08
 
...per cosa?
Inviato da: laura_brustenga
il 12/02/2017 alle 22:21
 
grazie..
Inviato da: šok gŘzel oyunlar
il 08/02/2017 alle 18:43
 
Ciao Laura . La vita non Ŕ che la continua meraviglia...
Inviato da: apungi1950
il 25/01/2017 alle 18:15
 
Buona domenica, Laura. Un caro saluto in un forte...
Inviato da: virgola_df
il 22/01/2017 alle 10:28
 
 

 

Votaci su Net-Parade.it 

Votaci su Net-Parade.it


Blog d'argento

 

 

base video _3base video _3base video _3

 

 

 

 

 

« Il Dolore Che Non VediE Dimmi Cosa Vedi »

Due cuori rimpianti

Post n°221 pubblicato il 16 Dicembre 2008 da laura_brustenga
 

Penso che ogni giorno sia come una pesca miracolosa,
e che bello pescare sospesi su una soffice nuvola rosa...
Io come un gentiluomo e tu come una sposa...
Mentre fuori dalla finestra si alza solo la polvere...
c'è aria di tempesta.
Sarà che noi due siamo di un altro lontanissimo pianeta,
ma il mondo da qui sembra soltanto una botola segreta.
Tutti vogliono tutto,
per poi accorgersi che è niente.
Noi non faremo come l'altra gente,
questi sono e resteranno per sempre...
I migliori anni della nostra vita...

Forse un giorno scopriremo che non ci siamo mai perduti,
e che tutta quella tristezza, in realtà
non è mai esisitita...
Stringimi forte che nessuna notte è infinita...

(R. Zero / testo )

E' un mio speciale ringraziamento a questo 2008, è la prima volta che nella mia vita sento di aver avuto un anno che mi ha dato veramente qualcosa di speciale. Specialissimo.
Tutti gli anni della mia vita, alla fine sono stati belli, felici, sereni. L'unico che mi ha dato dolore fu l'anno bisestile 1992, l'anno in cui persi mio padre per un attacco di cuore. Ma fu da allora che una parte di me, quella parte ancora troppo materiale, ancora troppo esteta, esasperata di divertimento e di tutto ciò che poteva darmi affermazione e soddisfazione personale...lasciò il posto ad una nuova facciata di me stessa, quella da sempre avuta ma non ancora esordita, non ancora esternata.
Fu allora che iniziò il mio piccolo, modesto cammino verso...il vero senso della vita. Iniziò la mia voglia di ricerca di me. In tutti questi anni la mia vita continuava normalmente, non avevo fretta, sapevo di dover dare tempo al tempo. E lentamente crescevo, lentamente mi avvicinavo a me stessa, alla vita, al momento di raccogliere quello che in realtò avevo seminato, molto silenziosamente e di nascosto, dietro ai miei passi. La morte di mio padre fu dunque l'inizio della mia crescita interiore.
Dopo ben sedici anni, questo 2008, anch'esso bisestile...mi ha resa finalmente libera da incertezze e paure, ha dato meravigliose risposte alle mie domande, ma soprattutto mi ha completamente cambiato la vita. E per avere questo regalo immenso la vita si è nuovamente servita di un uomo...e del suo cuore. Mio padre e Karol: due cuori spezzati che a me hanno lasciato l'eredità del mistero della vita. A volte la morte di chi amiamo paga la tua rinascita. Loro l'hanno pagata, poichè è stato per loro che oggi io sono rinata. Rinata per le cose che da allora ad oggi ho cercato disperatamente, e trovato.
Ed io, in questo 2008 ho molto sofferto, ho avuto un gran da fare con la vita, ma sono arrivata a toccare con mano la gioia di chi non ha più alcuna paura di vivere e di morire. La gioia di chi ha avuto un qualcosa di speciale, forse come regalo della vita per essere stata sempre convinta che la vita fosse ben altro che quello che gli occhi vedono.
Per questo mi sento grata, immensamente grata alla vita, si, ma anche a questo anno, che termina con un 8, che l'8 di aprile mi ha permesso di vedere "la luce di Karol" ( so che non è facile crederci quando non ci si è trovati, ma il mistero della nostra vita è nascosto proprio nella fede verso la vita)...e per "coincidenza" ...l'8 è il mio numero Karmico. Dunque, se da una parte sono quasi sollevata al pensiero che quest'anno stia per finire, per il gran da fare che m'ha dato, mi resterà nell'anima nettamente e nel vero senso della parola, perchè credo di poter dire "E' stato l'anno della mia rinascita".
E' stato il migliore anno della mia vita.E sono convinta che un giorno scopriremo ...che "non ci siamo mai perduti, e che quella tristezza in realtà non è mai esisitita."

LAURA

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

base video _3base video _3base video _3