Creato da laura_brustenga il 23/02/2008

Dedicato a Karol

Questo blog mi ha accompagnata in diretta nella storia più bella e incredibile della mia vita

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: laura_brustenga
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 54
Prov: RM
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Elemento.Scostanteantoniomarinaapungi1950iolaurabilaura_brustengaLaBrusLaoranginellafosforilsantigliano_silvylubopoStolen_wordsvitaincampagna2betaeta7Anima_di_Vampiressa
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao Cara Laura .Un volto sempre sereno possiede una...
Inviato da: apungi1950
il 03/04/2017 alle 14:21
 
Mi emoziono sempre, ogni volta che leggo del tuo immenso...
Inviato da: oranginella
il 01/04/2017 alle 15:28
 
Ciao Laura ."La suprema felicitÓ della vita Ŕ essere...
Inviato da: apungi1950
il 14/02/2017 alle 11:08
 
...per cosa?
Inviato da: laura_brustenga
il 12/02/2017 alle 22:21
 
grazie..
Inviato da: šok gŘzel oyunlar
il 08/02/2017 alle 18:43
 
 

 

Votaci su Net-Parade.it 

Votaci su Net-Parade.it


Blog d'argento

 

 

base video _3base video _3base video _3

 

 

 

 

 

« Risveglio A te che stai leggendo.... »

Un natale confuso

Post n°224 pubblicato il 20 Dicembre 2008 da laura_brustenga
 


Lo scorso natale ero certamente molto molto triste, però una speranza in cuor mio l'avevo, e non era una speranza vana. Avevo il dolore della paura, la paura che un sogno potesse essere infranto dal filo del rasoio che teneva un uomo in bilico tra la vita e la morte. Brutti momenti che solo al pensiero rivivo tutti con lo stesso sapore di allora, avverto lo stesso mio dolore e quella stessa folle paura di perderlo.
Ero triste, si, ma avevo la speranza che teneva in piedi se stessa, avevo almeno una piccolissima possibilità che il sogno più desiderato di tutta la mia vita non andasse perduto nel nulla. Sta tornando natale, ma oggi a me cosa resta? Resta un ricordo con le sue sensazioni impresse dentro di me, resta la serenità del risvolto che quel mio sogno ha poi avuto, e resta pur sempre il dispiacere, il folle dispiacere di aver perduto quel sogno.
Allora poco fa mi stavo chiedendo se fossi più felice allora o se lo sia più oggi. Mi stavo chiedendo se fossi più triste allora o se lo sia più adesso. Che strano, non ho saputo darmi una risposta. Ho chiesto a me stessa se vorrei tornare allo scorso natale o se credo migliore questo. Ma non so darmi una risposta. E' talmente difficile capire in che modo siano sparsi dolore e gioia, paura e speranza tra un natale e l'altro, da non essere riuscita ad avere una certezza da quella mia domanda.
Ci sono due diversi dolori, ci sono due diverse gioie. Ci sono due diverse speranze. Oh, tornare indietro e riprovare l'effetto devastante e specialissimo della speranza di potermi vivere la mia storia con Karol, mi fa ricordare di quanto fossi felice nella mia infelicità. E per quello vorrei tornare indietro,per riprovare quelle stesse emozioni.
Ma se penso a come questa storia ha cambiato me, il mio modo di pensare e la mia vita, se penso a come mi ha arricchita dentro, allora mi viene da dirmi "Sii felice di quello che hai avuto, perchè la gente resta incredula, perchè a volte ti chiedi se è tutto vero per quanta gioia ti ha dato, e perchè non succede a tutti di perdere qualcuno che si ama e poi ...incontrarlo nello splendore della sua anima,
in un giorno di pioggia, che viene a dirti "Eccomi, ti dimostro che io sono più vivo che mai". Ecco, adesso l'ho capito: è questo il natale più bello di tutti i natali della mia vita. Anche se in questo momento non so cosa darei per tornare a sentirmi proprietaria della più dolce speranza che abbia mai avuto.

Laura.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

base video _3base video _3base video _3