Libera su Libero...

...e in qualunque altro posto.

 

 

« dal mio "fu" SPEACE di...dal mio "fu" SPEACE di... »

dal mio "fu" SPEACE di Windows Live 2008 / SETTE COLORI

Post n°228 pubblicato il 02 Febbraio 2011 da LaBrusLa
 

 
 
Una mattina del 2002 mi svegliò una voce di uomo: era un sogno, io dico così, ma in realtà era un messaggio ben preciso. La possente voce aveva detto questo con un tono alto e prorompente : DENTRO DI NOI CI SONO SETTE COLORI, E OGNUNO DI QUESTI COLORI CI DA UNA GRANDE ENERGIA!  Mi svegliai quasi di soprassalto, mi era giunta come qualcosa che dovevo ricordare, non come un sogno "qualsiasi". Allora cercai di capirne il significato, sapendo quanto siano importanti i messaggi...dei nostri sogni. Ci pensai; è vero, dentro di noi ci sono sette colori, sono i CHAKRA. Ma a quei tempi  ero ancora una persona che si specchiava nella vita e non nel suo interno. Essendo sempre stata però pronta a ricevere ogni messaggio per poi analizzarlo, anche quella volta lo feci. Fu in quella occasione che feci "una scoperta": i SETTE COLORI dentro di noi esistono realmente, sono gli importanti punti principali del nostro io interiore: i CHAKRA. Così approfondendo il significato della loro esistenza imparai che questi CHAKRA sono l'energia di cui è fornita la nostra ANIMA.
 
 

I chakra non sono fisici. Sono aspetti della coscienza, così come lo sono le auree. Essi sono più densi della auree, ma non tanto densi quanto il corpo fisico. Interagiscono con quest’ultimo attraverso due veicoli maggiori: il sistema endocrino e il sistema nervoso. Ogni chakra è associato con una delle sette ghiangole endocrine e con un gruppo di nervi, detto plesso. Quindi, ogni chakra può essere associato con specifiche parti del corpo e particolari funzioni fisiologiche, controllate dal plesso o dalla ghiandola endocrina associati a quel chakra.

Tutto quello che sentite, che percepite, tutti i possibili stati di consapevolezza, ogni cosa che potete sperimentare può essere divisa in sette categorie. Ciascuna di queste categorie è associata ad un chakra specifico. Pertanto, i chakra non rappresentano solo una parte del corpo fisico, ma anche una certa area della coscienza.

Se avete una tensione nella coscienza, l’avvertite nel chakra associato a quella specifica parte che sta esperimentando lo stress e nelle parti del corpo fisico correlate a quel chakra. La localizzazione della tensione dipende dalla causa dello stress. La tensione nel chakra è recepita dai nervi del plesso associato a tale chakra e poi trasmessa alle parti del corpo che esso controlla. Quando la tensione continua per un certo tempo, o ha una particoalre intensità, la persona crea il sintomo a livello fisico.

Il sintomo parla un linguaggio che riflette l’idea che ognuno di noi crea la propria realtà: il significato metaforico del sintomo diventa evidente se lo descriviamo in quest’ottica. Pertanto, invece di dire: “Non posso vedere”, la persona dovrebbe descrive il sintomo così: “Mi impedisco di vedere qualcosa”. Oppure: “Non possa camminare” significa che la persona si sta trattenendo dall’abbandonare una situazione che la rende infelice. E così via.

Il sintomo serve a comunicare alla persona, attraverso il corpo, ciò che si sta facendo nella coscienza. Quando la persona cambia qualcosa del proprio modo di essere, avendo recepito il messaggio comunicatole dal sintomo, questo non ha più alcun motivo di esistere e può essere rilasciato, nei termini in cui la persona crede sia possibile.

 

Mi chiesi più volte cos'era che questo "sogno" voleva dirmi precisamente, mi chiedevo cioè cosa mi doveva accadere per far si che la mia coscienza divenisse "consapevole" di avere un corpo non fisico ma spirituale. Certamente non sapevo cosa aspettarmi, certamente non sapevo quando. Ma ero certa che questo fosse stato un messaggio del mio inconscio o del subconscio. E questi messaggi dovremmo cercare di afferrarli di più, sono importantissimi.

Da allora sono passati sette anni, nel corso dei quali, e iniziando dal 2003, ho sostenuto piccole importanti "prove", prove che mi hanno messa su una strada delineata e che mi hanno poi fatto incontrare un mondo che avevo avuto da sempre davanti agli occhi a del quale nessuno si accorge mai. E con il tempo la mia vita cambiava lentamente, scoprivo sempre cose incredibili, fino a scontrarmi con una verità micidiale, nel senso che ti porta alla scoperta della tua esistenza, come se stessi nascendo per la prima volta. Da lì tutto è cambiato per me, pur restando apparentemente quella di sempre, ma è dentro che ti cambiano certe cose. Incredibilmente affascinanti. E quando poi tornai col ricordo a quel "sogno" sorrisi con gratitudine verso la vita ma anche verso me stessa, perchè ho capito che le strade difficili sono le migliori, che ho saputo restare in sordina per anni e anni cercando ciò che dovevo recuperare: il mio "io" interiore, a scapito anche di quello esteriore. Oggi so di aver raggiunto una consapevolezza che allora non avevo, ma so anche che ne sono successe di cose, per portarmi fin qui. Non ho mai evitato le intemperie ma le ho affrontate coraggiosamente, il coraggio non mi è mai mancato. Nemmeno quando tutto mi faceva paura. Quella frase, quella voce...volevano dirmi che avrei imparato a mie spese, a cambiare la rotta delle mie energie: non più rivolte verso l'apparenza e il benessere materiale, ma al loro opposto. E dico che scoprirsi come si è veramente...è la cosa più bella che una persona possa fare.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: LaBrusLa
Data di creazione: 03/05/2009
 

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: LaBrusLa
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Et: 54
Prov: RM
 

AREA PERSONALE

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

aldogiornochiarasanyolgy120onlyemotions71oronzo61dolcesettembre.1oltreleparole_2010digi33Chanel_no.5giococarElemento.ScostanteLaBrusLaDiariandaoscardellestelledeadelnilo1
 

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 48
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova