Creato da sinaico il 08/05/2008

Rivotorto

fede e vita - natura e grazia

 

 

Teorie atee e agnostiche

Post n°1063 pubblicato il 15 Settembre 2017 da sinaico

A volte atei e agnostici, anche con notevole abilità, costruiscono teorie per giustificare il loro ateismo e agnosticismo. Ma, nello stesso tempo, fanno affermazioni categoriche sempliciste che a moti possono sembrare apparentemente evidenti alla “logica” (come ridurre certi misteri della fede a favolette).

A queste affermazioni sempliciste si può dare una risposta ragionevole, ma in un botta e risposta è molto dispendiosa e spesso non è ascoltata, perciò spesso la cosa migliore è dare la propria testimonianza o lasciar cadere la “provocazione” per annunciare l’amore di Dio.

In ogni caso si può far valere il fatto che se costoro sono coerenti alla loro logica, devono ammettere che anche le loro tesi sono favolette, e a maggior ragione. Infatti, mentre loro non possono comunque provare la non esistenza di Dio, in quanto appartenente a un ordine superiore di esistenza che è di per se inesplorabile alla nostra natura, le loro teorie, invece, hanno certamente due limiti: quello di essere limitate, e perciò parziali, in quanto l’uomo non è infinito e comunque è meno del tutto, e quello di essere sbagliate, in quanto l’uomo, di fatto, non è infallibile (il credente direbbe che l’uomo è limitato sia per natura sia a causa del peccato, che lo ha distorto nella comprensione e ulteriormente limitato).

Egli perciò non può non riconoscere che la sua teoria non può che essere limitata e, almeno da qualche parte, sbagliata, e, se è così, non è quella vera.

D’altro canto egli non può negare che se Dio c’è (e potrebbe esserci perché non può provarne la non esistenza a meno che non voglia rischiare di cadere nel ridicolo con teorie irragionevoli e inconsistenti), se vuole, può farsi conoscere con certezza assoluta e, se lo ha fatto, qualcuno che lo conosce, c’è.

Che poi la conoscenza di Dio avvenga in una forma compatibile con la nostra natura terrena, cioè che poi Egli si faccia conoscere secondo le possibilità che ci concede in questa vita, e che tale conoscenza non riguardi tutto, ma solo la certezza del suo amore, del nostro destino finale e quelle verità che ci ha insegnato per meglio ottenere la vita eterna, non toglie che sia vera conoscenza di Lui.

 
 
 

Tradizioni e pregiudizi

Post n°1062 pubblicato il 16 Agosto 2017 da sinaico

Se senza Dio l’uomo scompare, “modificando” l’uomo, ovvero la sua natura, si distorce Dio.

Perciò, andando a combattere i pregiudizi, occorre fare attenzione a non considerare pregiudizio anche ciò che appartiene alla natura umana (per quanto distorta possa essere).

Perciò, riguardo alle tradizioni, se molte sono fondate su pregiudizi, e come tali vanno eliminate o corrette, molte invece corrispondono a esigenze naturali per l’uomo, anche se il peccato originale le rende “difettose”.

Di conseguenza, specie in Occidente, quando una certa ideologia, sia politica, o di “genere”, o culturale, ecc., vede, anche solo in certi grandi fenomeni umani, quali uno stile di famiglia, una tendenza artistica, un movimento politico popolare… come TUTTO negativo, in realtà manifesta una tendenza, più o meno cosciente, a voler spazzare via il Dio della Fede, che ha influenzato molte tradizioni umane.

Non è che le tradizioni umane siano essenziali, ma se corrispondono a valori umani genuini, si possono cambiare, migliorare, sostituire… perfino cancellare perché hanno fatto il loro tempo. Ma non si possono disprezzare senza che si manifesti anche un disprezzo verso la natura umana così come è e verso chi così l’ha voluta.

 
 
 

Grano buono e zizzania

Post n°1061 pubblicato il 10 Agosto 2017 da sinaico

 

La società è in stato confusionale.

Tante cose non vanno, tante sono le rivendicazioni, che spesso sembrano contrastare tra loro. Tante sono anche le “soluzioni”, spesso incompatibili fra loro.

Sembra di essere in mezzo al campo in cui grano e zizzania sono mischiati.

Che fare? Secondo le parole di Gesù, occorre attendere. Il che non significa non fare nulla, ma non avere fretta nell’istaurare la una società perfetta e non fare danni cercando di trovare la “soluzione” senza dialogo e senza tenere conto delle idee degli altri.

Non solo, occorre soprattutto favorire la crescita della spiga in modo che, fatto un buon raccolto e messolo al sicuro, la zizzania possa essere distrutta. Cioè: prima ancora che voler distruggere il “sistema”, occorre “concimare” il mondo con l’amore.

Il male si combatte più con il bene che con l’idealismo.

 

 
 
 

Le opere di misericordia

Post n°1060 pubblicato il 01 Agosto 2017 da sinaico

Il GIUDIZIO UNIVERSALE riportato dal Vangelo di Matteo è centrato sulle OPERE DI MISERICORDIA ma, proprio perché tali opere devono essere espressione di misericordia e non fine a sé stesse o, peggio, fatte per ottenere delle umane gratificazioni, è centrato anche sul CUORE dell’uomo, oltre che sull’amore di Dio.

Gesù, in questo brano evangelico, non parla tanto della bellezza delle virtù e della bruttezza del peccato, che dà per scontati, ma di OPERE, fatte o omesse a seconda dell’atteggiamento del cuore.

Gesù mette in risalto che i beati sono quelli che fanno il bene (a Lui!), anche se peccano, mentre i dannati non sono tanto quelli che peccano, ma quelli che NON fanno il bene (a Lui, che si “incontra” nella coscienza).

Naturalmente è il peccato a dannare, ma il peccato che uccide l’amore. Questo è evidente nel fatto che Gesù mette in relazione il destino eterno delle anime col rapporto che si ha con gli altri: se il rapporto testimonia l’amore, c’è salvezza, altrimenti dannazione.

Certamente ogni peccato tende all’egoismo e alla chiusura dell’anima, ma l’amore è più forte del peccato e Gesù guarda se esso sussiste al di là delle debolezze. Gesù guarda al cuore.

Così coloro che fanno opere di misericordia sono quelle che vogliono il bene (anche se fanno peccati), mentre chi le omette accetta il male (anche se fa delle cose in se stesse buone).

In effetti l’accento che Gesù pone in questo brano è, sì, sulle opere, in quanto l’uomo, come essere materiale, non può che agire anche concretamente, ma è altrettanto, e forse di più, posto sulla misericordia che l’uomo, come essere spirituale, è chiamato a vivere in comunione con Dio.

Prima ancora che per la mancanza delle opere, ci si danna per la mancanza della misericordia.

Come non c’è misericordia se non ci sono le opere su cui essa si concretizza, così non ci sono le opere buone se non c’è la misericordia che le caratterizza e le spiritualizza.

 
 
 

Dio della Ragione e Dio della Rivelazione

Post n°1059 pubblicato il 26 Luglio 2017 da sinaico

Se la FEDE in Cristo è un dono divino, al CONCETTO di Dio si può arrivare anche con la sola ragione, come dimostrano tanti filosofi non cristiani. Cioè, si può credere in Dio senza per questo essere cristiani.

Il concetto di Dio, perciò, è LAICO e non clericale, proprio come i valori umani quali la VITA, la FAMIGLIA la PACE.

Separare i VALORI UMANI dal concetto di Dio, massima altezza della ragione, significa rinunciare irragionevolmente a un principio di ragione e perciò immettere un principio irrazionale nel proprio ragionamento.

E’ grazie alla RAGIONE che i valori umani possono accomunare cristiani, altri credenti in Dio e, perfino, non credenti ma di BUONA VOLONTA’, cioè APERTI anche alla possibilità della trascendenza, garanzia dell’universalità dei valori umani.

Ma, purtroppo, tanti cristiani pensano che associare i valori umani a Dio sia “clericale”, come se la ragione potesse reggersi senza un principio, accessibile alla stessa ragione, che ne garantisca la veridicità.

Com’è che si è arrivati al punto che i cristiani, pur di dimostrarsi ragionevoli, rinunciano a parlare di Dio? Come si può, nel Movimento per la Vita, parlare del valore della vita senza accennare all’immortalità dell’anima, direttamente creata da Dio al momento del concepimento e garanzia dei diritti umani?

Il fatto è che, in Occidente, per ribellarsi all’AUTORITA’ costituita, la cui massima espressione è Dio, che in Cristo si è rivelato, non bastava essere anticlericali, ma occorreva diventare atei (o agnostici).

Che senso avrebbe avuto, infatti, fare a meno della fede rivelata accettando però Dio, che si è rivelato? Cioè: che senso ha accettare Dio ma rinnegare la sua Parola? Troppo evidente la contraddizione.

L’unica strada era quella di fare a meno di Dio, così la sua Parola, non essendo più sua e perciò divina, perde di autorità.

L’ateismo poteva nascere solo là dove la Rivelazione è stata annunciata.

Ma togliendo di mezzo Dio, l’uomo ha tolto di mezzo anche la ragione, come dimostra chi dice che esistono 54 tipi di sessualità.

 
 
 

Moralismo oggi

Post n°1058 pubblicato il 21 Luglio 2017 da sinaico

Alcuni principi dei PAUPERISTI medioevali, anche di gruppi eretici, sono condivisibili, come alcuni principi degli IMMIGRAZIONISTI di oggi.

Ma quando i principi si trasformano in IDEOLOGIA e la virtù vene resa obbligatoria, siamo alla follia moralista.

Ma il MORALISMO è un’empietà più grande del libertinaggio, perché più di questo nega la libertà dell’uomo, che Dio stesso rispetta.

Il risultato è una società oppressiva come quella di Calvino a Zurigo o come quella, secondo TROISI e BENIGNI, di SAVONAROLA a Firenze.

Strano come quelli che più detestano il Medio Evo siano proprio i BUONISTI di oggi.

 
 
 

Sentire

Post n°1057 pubblicato il 11 Luglio 2017 da sinaico

Perché ci piacciono le storie, anche ingenue, a lieto fine? E le avventure di eroi senza macchia e senza paura? E le storie di amori senza fine? E quelle che toccano l’animo fino alla commozione?

Perché abbiamo il grande dono di SENTIRE e questo tipo di storie tocca le corde fondamentali e primordiali dell'umanità.

Sentire nei sensi per sentire nella psiche fino ad arrivare all’anima.

Ma il sentire, da solo, non basta: dopo il peccato originale occorre una BUSSOLA che lo orienti in modo che possa realizzarsi, occorre, cioè, la verità oggettiva della legge morale naturale. Ovvero i 10 Comandamenti.

 
 
 

La gioia umana e la gioia dono di Dio

Post n°1056 pubblicato il 30 Giugno 2017 da sinaico

Il libro biblico del Qoelet raccomanda di fuggire gli affanni della vita e di non farsi troppe domande, vivendo in semplicità e cercando di essere felici.

Ma conclude dicendo che, comunque, l’unica cosa da fare è temere il Signore e seguire le sue leggi.

Come conciliare queste due affermazioni?

Il fatto è che l’uomo, che è essere materiale ma più ancora spirituale, è felice solo in Dio che, però, avendolo creato anche con una natura materiale e “psicologica”, non rinnega umane le gioie lecite, se queste non si oppongono al cammino della grazia.

Perciò le gioie umane, anche se lecite, vanno sì desiderate, ma come una giuda verso Dio. Cioè non vanno ricercate fine a se stesse, ma in funzione della vita in Dio.

Ciò significa anche accettare le prove della vita (ognuno secondo quella che San Paolo chiama “misura della fede” che possiede), che nascondono la grazia e la gioia divine.

Le prove e gli affanni, perciò, ci saranno, ma, dice il Qoelet, vanno vissute senza “affanno”.

Sembra un paradosso, ma in realtà è saggezza umana che Cristo riempie di grazia, è verità che in Cristo si realizza nella Verità.

 
 
 

Stato sochiale e Chiesa

Post n°1055 pubblicato il 23 Giugno 2017 da sinaico

La CHIESA, amministrando la grazia che agisce nell’anima, ha la missione di salvare l’uomo in anima e corpo. Lo STATO, invece, agendo essenzialmente attraverso le strutture sociali, ha il compito soddisfare le necessità concrete dell’uomo, sia materiali che spirituali (anche se spesso non fa così), predisponendo l’uomo a ricevere la grazia.

La Chiesa perciò è forte quando, senza cadere nel pauperismo, è povera, per i poveri e sta coi poveri. Lo stato, invece, deve molto di più reggersi sulle strutture, sulla programmazione e, anche, su una certa forza, anche economica, che gli possa consentire di svolgere bene il suo compito.

Quando gli organismi ecclesiali non sono più programmati a salvare anime ma solo a pascere se stesse con la scusa dell’assistenzialismo, fanno sì del bene, ma come qualunque ONG laica.

Così quando lo Stato, per l’approvazione dei buonisti, scimmiotta lo stile della Chiesa senza averne la grazia soprannaturale, crea povertà.

SAN MARTINO, incontrando Cristo in un povero infreddolito, ispirato dallo Spirito, tagliò il suo mantello in 2 parti regalandone una al Povero. Ma se di poveri ne avesse incontrati 100? La grazia avrebbe agito diversamente ispirandogli chissà cosa, perché dividendo il mantello in 101 parti avrebbe solo fatto sì che anche lui divenisse povero senza salvare nessuno.

Quando uno stato imita San Martino come Simon mago voleva imitare San Pietro, è la catastrofe.

Lo Stato, per combattere la povertà, deve ridistribuire i mantelli in modo più equo e, nello stesso tempo, creare delle fabbriche di mantelli.

 
 
 

La vera LAICITA'

Post n°1054 pubblicato il 16 Giugno 2017 da sinaico

“Date a Cesare… Date a Dio…”: La LAICITA’ l’ha “inventata” Gesù.

Prima non c’era, neanche in Israele. Anzi sembra che anche per gli Ebrei potere politico e religioso siano un unico potere. Ma non è proprio così.

Lo dimostrano i profeti, a cui gli stessi re devono ubbidire, e lo dimostrano le leggi: da una parte quelle avute direttamente da Dio, i Comandamenti, e all’estremo opposto, le tradizioni “degli uomini” che, inizialmente volute per meglio adempiere le leggi di Dio, hanno spesso finito per sovrapporsi ad esse.

Ma proprio Israele, col suo re figlio di Davide, che sembra unire i due poteri, ci fa ben capire cosa intendesse Gesù con il “date a Cesare” e il “date a Dio”.

Per Gesù i due poteri non devono contrapporsi Cesare deve dipendere da Dio.

Date pure a Cesare quello che è suo (ma nessun obbligo a dare di più), ma il cuore e il culto datelo a Dio.

 
 
 

Le leggi dell'amore

Post n°1053 pubblicato il 12 Giugno 2017 da sinaico

 

Se manca l’AMORE di Dio e per Dio, l’amore verso gli altri diventa soggettivo e intimista, fino ad arrivare a trasformarsi in egoismo.

L’amore vero, infatti, non dipende dal nostro sentire, ma si basa sulla VOLONTA’ DI DIO, che si manifesta anche attraverso delle LEGGI.

Ma che c’entra l’amore con delle leggi, anche se di Dio?

Ovvio che “legge” non è sinonimo di “amore”, così come le regole del calcio non sono il calcio.

Ma come il calcio si esprime e realizza attraverso le sue regole, così l’amore.

E come quando un arbitro non applica bene le regole del calcio si dice che la partita è FALSATA, così eccessi quali l’ANIMALISMO estremo e le UNIONI OMOSESSUALI sono delle falsificazioni del vero amore.

 

 
 
 

Quale martirio?

Post n°1052 pubblicato il 01 Giugno 2017 da sinaico

La differenza tra un CRISTIANO RADICALE e un MUSULMANO RADICALE che cercano il MARTIRIO è questa: il cristiano va in mezzo ai musulmani e annuncia il Vangelo finché non viene ucciso, mentre il musulmano va in mezzo agli “infedeli” e uccide finché non viene fermato, oppure si uccide facendosi esplodere pur di uccidere. Una differenza non da poco.

A un’EUROPA i cui valori sono stati forgiati nel sangue dei martiri, ma che, a sentire parlare di valori e di martiri risponde col “gesto dell’ombrello” (piegando un braccio a L e colpendo con l’altro l’interno del gomito), la Provvidenza fa conoscere un’altra forma di martirio: che non offre la vita, ma la PRENDE

 
 
 

Valori etici

Post n°1051 pubblicato il 25 Maggio 2017 da sinaico

Pare che, oggi, per alcuni Vescovi italiani, i valori ETICI a cui devono fare riferimento i cattolici quando sono chiamati alle urne, non sono più quelli di VITA, FAMIGLIA, LAVORO, EQUITA’ SOCIALE, ecc., ma è il POPULISMO. Cioè: la DIFESA DELL’EURO!

Ma a ubbidire a quelle che sembrano delle malcelate indicazioni di voto a favore del per il PD saranno, eventualmente, i cattolici disubbidienti alle leggi della Chiesa, mentre i cattolici fedeli di nome e di fatto, saranno ben lieti di votare populista.

I vescovi, infatti, vanno ubbiditi in quanto PASTORI e non in quanto arruffapopolo in cerca di potere e visibilità.

 
 
 

Rasoio di Occam

Post n°1050 pubblicato il 18 Maggio 2017 da sinaico

La teoria del RASOIO DI OCCAM è un principio pensato per la filosofia ma che ha la caratteristica di FUNZIONARE soprattutto nella scienza, tanto che su di esso si basa il pensiero scientifico moderno.

Sostanzialmente afferma che, tra le varie spiegazioni possibili di un evento, occorre sceglie sempre quella meno dispendiosa. Cioè: tra due teorie è sempre preferibile la più semplice.

Alla luce di ciò, chiedo: “Pur ammettendo che condizionamenti e pregiudizi hanno un impatto enorme sulla società, non è più semplice (e perciò più logico) pensare che la differenza di genere che esiste nel DNA, e che si riflette anche sugli ormoni, non comporti anche delle DIFFERENZE DI GENERE nella personalità maschile e femminile (mediata col resto del DNA e con i comportamenti sociali), piuttosto che negare ogni differenza attraverso l’ideologia GENDER?

E ancora: “Se le differenze di genere non esistono, perché l’uomo si riproduce attraverso l’accoppiamento sessuale e non per SCISSIONE o per GEMMAZIONE?”.

 
 
 

La violenza nella Bibbia

Post n°1049 pubblicato il 10 Maggio 2017 da sinaico

Poiché ogni tanto qualcuno paragona la violenza del Corano a quella della Bibbia, occorre precisare alcune cose.

‪1) La Bibbia parla di stragi e stermini perché, nel linguaggio degli ebrei di vari secoli prima di Cristo, la violenza contro i "nemici" di Dio metteva in risalto la santità di Dio.

‪2) I brani biblici vanno inseriti nel contesto della storia della salvezza e, perciò, di tutta la Bibbia che, anche nell'Antico Testamento, riporta inviti alla non violenza, come quando Dio non permette a Davide di costruirgli il Tempio perché ha sparso troppo sangue.

‪3) I brani pro violenza e contro la violenza, che apparentemente sembrano contrastare, devono invece essere integrati secondo quella che è la "direzione" presa dalla storia della salvezza, che porta poi a Cristo. Cioè l'amore.

‪Di fatto gli ebrei dei tempi di Gesù si comportavano in modo molto diverso di quelli di mille anni prima. Ad esempio al tempo di Gesù la poligamia non era più praticata da nessuno. Tante cose già le avevano capite.

‪Il fatto che anche i personaggi più grandi della Bibbia abbiano fatto errori, anche se in buona fede, mette in risalto la presenza di Dio in mezzo al popolo ebraico.

‪Come ha fatto un popolo tanto primitivo e violento come gli ebrei di parecchi secoli prima di Cristo a possedere i 10 COMANDAMENTI (la Parola più diretta e forte che Dio ha dato al Popolo fino al Nuovo Testamento), in cui si dice chiaramente di NON UCCIDERE?

‪Certo, la storia dimostra che, nonostante il comandamento di non uccidere, il popolo ebreo ha ucciso. Perfino i più fedeli a Dio hanno ucciso, ma intanto il percorso che conduceva a Cristo è andato avanti.

 

L'Antico Testamento può essere capito solo alla luce del Nuovo: gli ebrei che si convertono al Cristianesimo fanno questa straordinaria esperienza.

 
 
 

Il TROPPO storpia

Post n°1048 pubblicato il 04 Maggio 2017 da sinaico

Nella lingua italiana il termine TROPPO, come dice il proverbio, STORPIA.

Così, “Troppo bello”, significa che “Non è vero”, “Troppo amore” è sinonomo di morbosità e “Troppo zelo”, di fanatismo.

E “TROPPO BUONO”? Elementare, Watson: significa COGLIONE. Oppure: BUONISTA, cioè un OPPORTUNISTA che non ha perso le caratteristiche fondamentali del coglione.

Come le femministe filo islamiche o i monsignori filo islamici.

Sì, perché solo un SUPER SCEMO non si rende conto che, se un giorno gli islamici saranno al potere, qualcosa CAMBIERA’, e non sarà certo l’ISLAM, visto che in TUTTO IL MONDO si sta radicalizzando!

E convertire gli islamici? Ci vorrebbero i cristiani che, però, sono allo sbando, perché molti Pastori sono in combutta coi lupi.

 
 
 

Padroni e benefattori

Post n°1047 pubblicato il 26 Aprile 2017 da sinaico

 

Gesù ha detto: “… coloro che hanno il potere… si fanno chiamare benefattori. Per voi però NON SIA COSI’” (Lc 22,25-26).

E’ tipico delle elite parlare a nome dei poveri mantenendo, però, i propri privilegi.

E i Pastori della Chiesa che parlano dei poveri, ma difendono e votano per le elite, sono COMPLICIdel sistema.

 

 
 
 

Falsa giustizia

Post n°1046 pubblicato il 20 Aprile 2017 da sinaico

GIUDA, con logica BUONISTA, quando vide Maria di Betania versare una libbra di nardo purissimo sui piedi di Gesù, disse: “Perché… non si è venduto per trecento denari per poi darli ai poveri?”.

Apparentemente sembra che Giuda sia mosso dall’amore, ma sappiamo che era mosso solo dall’egoismo. Infatti era LADRO e voleva quei soldi, come alcuni politici con la scissa dei MIGRANTI.

O come fa chi, pur essendo OMICIDA ABORTISTA, parla di "diritti" per far passare leggi aberranti.

Fu, invece, Maria di Betania a essere mossa dall’amore, che fa fare cose spesso imprevedibili per la logica umana, influenzata dal demonio.

 
 
 

La fede e le sue conseguenze

Post n°1045 pubblicato il 12 Aprile 2017 da sinaico

Il MORALISMO? Quando si confonde la FEDE con le sue esigenze.

Il LASSISMO? Quando si professa una fede senza conseguenze.

Confondere la fede con le sue conseguenze, è come confondere un primato sportivo con gli allenamenti NECESSARI per ottenerlo.

Per questo certi cristiani, anche preti e religiosi, sbagliano a parlare di doveri morali e tematiche politiche senza alcun riferimento, neanche sott’inteso, alla grazia.

Per questo nonostante tanti sforzi umani, certuni non riescono a convertire il mondo a Cristo più di quanto in mondo non riesca a convertire loro al demonio.

 
 
 

Esperienze per vivere, o esperienze di vita?

Post n°1044 pubblicato il 05 Aprile 2017 da sinaico

La mentalità mondana vuole far credere che solo attraverso delle forti ESPERIENZE (intese come eventi estremi o fuori dall’ordinario), vale la pena vivere.

Ma in realtà non sono le esperienze a “fare” la vita, ma è la vita a fare le esperienze (intese come manifestazioni di vita).

Qualche anno fa una bella pubblicità, per invitare i giovani a non bruciare la loro vita con la droga, mostrava come fosse molto più bella una vita “normale” in cui si mette su famiglia (tradizionale) e si fanno figli, che non cercare mondi apparentemente immensi, ma illusori.

 
 
 
Successivi »
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

NON AVERE ALTRI DEI DI FRONTE A ME (DT 5,7)

Quando sarai entrato nel paese che il Signore tuo Dio sta per darti, non imparerai a commettere gli abomini delle nazioni che vi abitano. Non si trovi in mezzo a te... chi esercita la divinazione o il sortilegio o l'augurio o la magia; né chi faccia incantesimi; nè chi consulti gli spiriti o gli indovini, né chi interroghi i morti, perché chiunque fa queste cose è in abominio al Signore; a causa di questi abomini, il Signore tuo Dio sta per scacciare quelle nazioni davanti a te. Tu sarai irreprensibile verso il Signore tuo Dio, perché le nazioni, di cui tu vai ad occupare il paese, ascoltano gli indovini e gli incantatori, ma quanto a te, non così ti ha permesso il Signore tuo Dio (Dt 11,9-13) 

 

Tutte le forme di divinazione sono da respingere: ricorso a Satana o ai demoni, evocazione dei morti o altre pratiche che "svelino" l'avvenire. La consultazione degli oroscopi, l'astrologia, la chiromanzia, l'interpretazione dei presagi e delle sorti, i fenomeni di veggenza... (Catechismo della Chiesa Cattolica n. 2116).

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sinaicoshomer.mmlfuoco.e.cenereamorino11Sky_Eaglerustiko1Fanny_WilmotElemento.Scostantediegonobile.dcielostellepianetiBloggerdink8letizia_arcuriStolen_wordsoscardellestelle
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

SHINYSTAT