Io un blog? :)

storie

Creato da AnnettaPocket il 07/05/2013
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Ultime visite al Blog

I1_Co11ezionistaLIN_EAnadiaserra54AnnettaPocketEllaVideSilenzioDelMareLaozhugranata1perso.it282cassetta2mare_vent0caldo0o.40colucimgf70Timidoubriacolcristian.hulk
 

Ultimi commenti

No no, sparita NO! Magari un po' assente ahahhaha...
Inviato da: smemorata66
il 04/05/2014 alle 19:10
 
:D certo che nn sono sparita
Inviato da: AnnettaPocket
il 30/04/2014 alle 12:11
 
Ahhh ecco!! Non eri sparita, eri su FB :-) Grazie per la...
Inviato da: smemorata66
il 30/04/2014 alle 11:54
 
ciao vinc, azzie :D
Inviato da: AnnettaPocket
il 30/04/2014 alle 11:45
 
tutto è gestibile con un po di buon senso. Anche fb. Ma è...
Inviato da: AnnettaPocket
il 30/04/2014 alle 11:45
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Facebook. Il mio punto di vista.

Post n°26 pubblicato il 30 Aprile 2014 da AnnettaPocket
 

Chi non ha un profilo Facebook?  Tu? …non ci provare.

E se non lo hai ‘’ufficiale’’, lo hai ‘’ufficioso’’.

E quelle poche persone che : No, non ho un profilo non mi serve…e io tengo alla mia privacy non voglio essere spiata!!! (..e poi sei proprio tu che hai un falso profilo per cercar di carpire, leggere e impicciarsi gli stati magari di una tua ex fiamma..)

 

Che nervi questa parola ‘’privacy’’in questo caso. Ormai va tanto di moda.… Intanto: Ma chi ti deve spiare?   La gente che non ti conosce che cazz gliene frega venire a sbirciare nel tuo profilo?! E Punto secondo, ma primo per importanza: se apri facebook ti assicuro che contemporaneamente non si aprirà una telecamera che capterà tutto quello che farai da li a poco. Giuro!...Ti assicuro che se stai facendo la cacca, nessuno lo saprà mai…a meno che tu e ripeto TU (che sei artefice del proprio destino) non decida di tua spontanea volonta e ribadisco ‘’spontanea volonta’’ di  far sapere a tutti che in quel momento sei impegnata in una particolare stanza della casa, si perché con il geolocalizzatore (o come diamine si chiama) puoi decidere di far sapere il punto esatto di casa (o di qualsiasi altro posto) in cui ti trovi.

Una volta ho sentito: Non uso facebook perché poi i ladri, che mi spiano, ( O_o) sanno che non stiamo in casa e possono rubare con tutta calma.

E li, stavo per prendere a mazzate l’interlocutore. NON LO SCRIVEREEEEE che ti stai sbafando questo mondo e quell’altro alla fraschetta di Ariccia a 100km da casa. No?!

 Poi ci sono quelli che dopo aver messo magari una foto intima, si incazzano perché gli altri non si fanno gli affari propri. Ora…..(ommhhhh….ommmhhhh…respiro… respiro…) io che ragiono capisco che se tutti i TUOI AMICI, compreso me, magari  vediamo in home page la tua foto in cui stai baciando un ragazzo (in bocca) …….. e tutti sanno che sei single… è normale che te la commentano con magari: AUGUURI!!

Che ti incazzi a fare scrivendo un atro post successivo con: ‘’La gente ha la lingua lunga e parla a sproposito. Non sono fidanzata’’. La prossima volta pensa alle conseguenze e magari commenta la foto (quella del bacio) con una frase tipo: avevo voglia di baciare il primo che capitava, ma nn lo conosco e nn siamo amici (pero’ poi ti prendi altri tipi di commenti). O semplicemente, goditi il bacio il momento e fottitene di farlo sapere al mondo intero che forse quella sera avrai meglio da fare rispetto a noi.

E poi facebook è una piattaforma dove mi diverto, mi svago. Capisco gli stati ‘’tristi malinconici sfigati’’  …ma 365 gg l’anno?? Enno’ …. Io mi deprimo. Allora ti oscuro.

Perché per me fb è un luogo di cazzeggio di relax e anche di  ‘’sane’’ spiate. Ma occhio… ricordatevi che siamo noi che decidiamo quello da far sapere agli altri. 

 

 
 
 

Si lo ammetto. Ho mentito su un forum.

Post n°25 pubblicato il 24 Febbraio 2014 da AnnettaPocket
 

Belli! Non li ricordavo questi pantaloni.

Mettiamoli.

Che saranno mai, 4kg in più.

Cerco di farli andar su, piano e sento che sto per farcela

 E’ passata la parte critic…….craaaaackkk……….. !

Proprio sotto le cosce. Uno squarcio orizzontale proprio sotto le chiappette. (chiappette, forse una volta).

Sto a 15 settimane di gravidanza. E odio profondamente i forum delle future mamme, quello che ho aperto piu’ o meno mezz’ora fa è uno di quelli.

Colpa loro se sto qui a disperarmi cercando di far  andare su questi benedetti pantaloni.

Se siete incinte ragazze, (ovviamente auguri) e non siete degli stecchini,  non aprite mai questi forum.

Una ragazza fa una domanda. ‘’ mamme….sono disperata,  in 25 settimane di gravidanza avro’ preso tre chili e mezzo,quasi quattro.  Aiutatemi cosa devo fare’’??

AIUTATEMI??!!! Scusa eh ma io che dovrei fare?! …vabbè….continuo leggendo le risposte, sperando in cuor mio in qualche sfigata che possa rappresentarmi.

Aho’ è possibile che tutte o quasi tutte quelle che rispondono, sono addirittura riuscite a dimagrire. Una addirittura si sente molto piu’ sexy.

(Se vabbè! )

Una ha risposto ‘’cara ma tre kg e mezzo sono tantini, cerca di limitare i dolci. ‘’

 

Chiudo il forum e istintivamente corro sulla bilancia.   Li m***tacci v*stra.  E vi lamentate anche.

Ma chi mi conosce? Mi chiamo ‘’novemesin’altravolta’’sai che faccio….. scrivo io.

Proviamo:

 

’Salve ragazze, sto a 25settimane di gravidanza, sto proprio bene. Grazie alle nausee delle prime 12settimane ho vomitato una cifra e ho perso 10kg. Ho messo il tacco 15 ieri sera e i pantaloni di pelle. Dite che è troppo alto il tacco? Cmq adesso vi saluto che vado a farmi un oretta di corsa e poi un massaggio linfodrenante che aiuta, e se mi rimane tempo vado a farmi lo shatush,  naturale pero’ non pensate male.’’.

 

 Voglio proprio vedere se esiste una che abbia fatto meglio di me.

Mi sloggo dal sito, faccio un po di fatica ad alzarmi dal divano, questi 4 chili li sento tutti.  passando butto i pantaloni squarciati nel secchio, prendo il pigiama taglia L e vado a farmi un bagno coccolandomi il mio pancino pieno di vita.

E sti cazzi! Si po di? .

 
 
 

Quando una telefonata segnava la giornata

Post n°24 pubblicato il 12 Novembre 2013 da AnnettaPocket

Driiin Driiinn....

Il telefono squillava, ma tu lo sapevi. Sapevi che a quell'ora precisa, lui, il ragazzino che avevi da poco conosciuto doveva chiamare. Si perché magari il giorno prima, nel cortile della scuola eri riuscita a dare il numero di telefono. ''Mi raccomando....chiama alle 15. A quell'ora mia madre riposa, papà non c'è ....e posso rispondere al telefono''

E invece magari andava storto qualcosa, magari per un intoppo qualsiasi il pranzo si allungava un po, ritrovandosi ancora tutti a tavola alle 14.55. ''Lo sapevo, dovevo

dirgli di chiamare alle 16''

E tu stavi in ansia, aspettando il trillo che faceva scoppiare il cuore. E...... quando arrivava, le  mani sudavano il cuore impazzava ma....non potevi...non potevi rispondere al telefono. Davanti, tutta la famiglia che si sarebbe zittita per sapere se era nonna, la zia o la cugina lontana che chiamava per un saluto. Allora, facevi finta di niente.... aspettando mamma o chi per lei rispondesse al telefono. E inevitabilmente..... ''non risponde nessuno, non gli piacerà la mia voce''. Guardando le figlie e cercando di capire per quali delle due  era la chiamate  (se eri figlia unica allora....non avevi scampo ).

E quante volte.....''rispondo ioooo rispondo iooooo''............. ''Ehy ciao Elena, si si tutto ok....ci vediamo alle 16?'' ..... e il sudore grondava cercando di non far capire che.....non era Elena al telefono.

Ma che ne sanno adesso delle peripezie di una volta.

W la tecnologia, i telefonini, la messaggistica? Certo! Però che era bella quell'attesa piena di adrenalina e di paura di essere sgamate.

 
 
 

Sempreverdi.

Post n°23 pubblicato il 17 Settembre 2013 da AnnettaPocket

La verità è che ci sentiamo sempre ragazzetti.

Siate sinceri, vi è mai capitato di sbirciare qualche documento di riconoscimento, leggere l'anno di nascita e  pensare................ma è piccolino/a.

E' che non ci rendiamo conto del tempo che passa, e passa per tutti, pure per chi è nato nel 1986.

Sono rimasta ancorata a dieci anni fa, quando chi nato nell'86 aveva 17 anni.

Poi, mi faccio due conticini e mi rendo conto che no...non sono piccoli.

Mi fa strano pensare a imprenditori, uomini di affari, gente che si sposa, che fa figli nati nell'epoca in cui io guardavo Lady Oscar o Candy Candy . Nel mio mondo sono rimasti piccoli.

Mi fa strano dar del Lei, alla commercialista nata un anno prima di me, mi fa strano pensare a mio fratello ''grande''; non riusciro' mai a vederlo grande.

E soprattutto, non riuscirò mai a vedere grandi le ragazze di non è la rai :)

Però sai che c'è?....a me va benissimo così. E pure a 70anni, vedrò ''piccoletti'' quelli nati prima di me.

 
 
 

Le mille vite

Post n°22 pubblicato il 05 Settembre 2013 da AnnettaPocket
 

 

Sono riuscita ad essere tutto nella vita..

 

Sono stata un avvocato di successo contornata da gente miliardaria, ho abitato a NY dove tutte le mattine prima del lavoro facevo una corsetta a CentralPark.

 

Una volta sono anche stata un detective  alle prese con un serial killer micidiale.

 

Ma, ho anche vissuto amori da sogno. Avvolta in lenzuola di raso nero nelle suite piu’ prestigiose del mondo.

 

Non per ultimo avventuriera. Ho girato in moto per 365 giorni incontrando gente con usi e costumi totalmente diversi dai miei.

 

Ed essere una bomba sexy, alta 1.80  gambe affusolate, bionda e per di piu’ genio della chimica, non è stato per niente male.

 

E cambio repentinamente.

 

E tutte le volte, adoro essere una altra persona. Mi arricchisco di esperienza e di conoscenza. Certo solo per un paio d’ore algiorno, solo fino a quando decido di ripiegare un angolino del libro per non perdere il segno e riporlo sul comodino.

 

E ritorno Annetta, una normale anonima ragazza Italiana che fa un lavoro normale, che ha un bimbetto che è tutta la sua vita e un compagno che ama immensamente.

….. e alla fine ….. sono felice di esser io, ma curiosa di saper cosa succederà al mio alter ego del momento.

 
 
 

La spesa

Post n°21 pubblicato il 28 Agosto 2013 da AnnettaPocket

 

C’è chi adora fare la spesa, chi invece lo odia.

 

Io adoro passeggiare tra i corridoi dei supermercati. Tutte le volte mi dico, proprio parlando ad alta voce ’Anna, solo quello che serve, solo quello che serve’’

 

E mi ritrovo a passeggiare tranquillamente tra i reparti con il sorriso stampato in viso, neanche fossi un bimbo in un negozio digiocattoli.

 

Farò una spesa da manuale me lo sento. Lo penso esoprattutto ci credo tutte le volte.

 

’Niente superfluo e cose sane’’

 

Prendo una confezione di grano, dicono sia sano. Leggo tutte le etichette di ciò che è vitasnella vitasana vitasciapa….. e metto nel carrello. Da domani, niente cornetto al bar, colazione a casa con cose genuine. Quindi mi dirigo al reparto cornflakes. I fruttiroooossssiiiii buoniiiii, non vedo l’ora sia già domattina davanti la mia tazza di latte con i kornflakes pieni di frutta. Una confezione si tuffa nel carrello. Ma no’ dai, prendiamone un altra senno’ mi tocca ritornare a prenderli tra qualche giorno. E tantissime mele verdi.

 

Il latte per il mio nanetto, ok preso. Passo in rassegna il banco ….. budino….no, non posso. Che c’era scritto? Torno indietro: DessertVitasnella senza grassi. Yeahhh lo posso prendere! Pero’ se poi anche gli uomini di casa lo vogliono? Vabbè 2 confezioni.

 

E per cena? Petto di pollo arrosto. Buona idea. Al bancone carne prendo le fettine. Tho’ la salsiccia, buona ma è troppo grassa….vabbè una volta tanto si puo’ fare, il filetto….mmm quasi quasi filetto al pepe verde stasera.. Lo prendo e poi vado in cerca del pepe verde.

 

E continuo a saltellare da reparto a reparto senza una logica.

 

Manca la nutella, però forse meglio non prenderla. Se so che sta dentro lo sportello a casa potrebbe venirmi voglia di mangiarla. Evitiamo. Però potrei prendere quella piccola magari limito i danni e se Paolo ne ha voglia la trova, io sicuro sicuro non la mangerò. Lo faccio per lui. Nutella sia, e poi voglio dire…ho quasi rotto tutti bicchieri, così appena la nutella finisce ne avrò uno in più. Le patatine per l’aperitivo e la birrozza. Non possono mancare.

 

Ora però l’insalata….. vabbè prendo quella russa, un pochetto di maionese che danni puo fare, sempre insalata è, no? .

 

Sono quasi soddisfatta, un sacco di cose sane.

 

In cassa è un salasso. Perché tutte ste vitesane, vitesnelle,vitedoppie, doppievite, vitesalate costano una cifra.

 

Quattro bustoni di roba.

 

A casa sistemo tutto.

 

Paolo:Amo’  che si mangià stasera?

 

Io: Emmm…… filetto al pepe verde, pero’ mi sonoscordata il pepe verde e ho preso solo un filetto…..mmmmm…….ti va di andare a far la spesa tu?

 

 

 

 

 

 
 
 

La mia amica bionda

Post n°20 pubblicato il 30 Luglio 2013 da AnnettaPocket
 

La mia amica bionda è bionda!

La mia amica bionda è bionda solo esteriormente.

Non la conosco da tanto, la mia amica bionda.

E' dolce, sincera, piena di vita. Adora la sua famiglia, ama il suo uomo. Quando parla di lui gli occhi si illuminano. Anche se son passati tanti anni.

Le bimbe sono la sua fonte di vita.

E' un imprenditrice, ma si scorda di esserlo e ogni tanto si fa mettere i piedi in testa da chi, metaforicamente parlando, dovrebbe inchinarsi davanti a lei, la mia amica bionda è troppo buona. Sa amare, sa donare un sorriso.

Io l'adoro. Non ci sentiamo spesso, come fanno le ragazzine una volta ogni cinque minuti. Io so però che c'è.

 Lei non se la prende se il mio giardino è pieno di gente e lei non c'è. Ragiona. Sa che, non significa che non le voglio bene.

 Io, non me la prendo se sento il vociare di gente allegra nel suo giardino. Ragiono. So che, non significa che non mi voglia bene.

A lei posso dire ''no stasera non mi va di uscire'' ''voi andate pure, io preferisco andar in un altro posto'' , così come farebbe lei se non fosse d'accordo con me. 

So, che magari il giorno dopo staremo da sole a bere un bicchiere di vino. E' bello non sentirsi in colpa con le amiche.

Lei mi somiglia molto. 

La mia amica bionda, è l'amica che mi è mancata da ragazzina. Quando tutti ne avevano una del cuore e per  me era impossibile trovarne una nonostante aspirassi a quello.

Ci guardiamo, sorridiamo, e già sappiamo come è andata la nostra rispettiva settimana.

La mia amica bionda non è ''social''. Preferisce condividere una vera risata che un ''ahahaha''scritto.

Mi fa incavolare perché non legge mai neanche i messaggi e il telefono squilla all'infinito.

Pero' abita a 10metri da casa. So che un fischio è più efficace di qualsiasi altra tecnologia.

E' curata. E lo fa soprattutto per lei. 

Dopo 35 anni forse riesco a dire cosa è per me l'amicizia, quella un po piu' profonda: tranquillità, chiacchiere, parlare senza sentirsi giudicate, uno sguardo che racchiude un discorso intero, stare zitte e non sentirsi in imbarazzo, e..... voglia improvvisa di stare assieme senza nessun particolare motivo. 

La mia amica bionda, è molto emotiva e quando arriverà a leggere questa riga avrà già gli occhi lucidi.

Se ma mica qua sul blog?! stampato su un pezzo di carta, perché se le dico.....''sai ho avuto un pensiero per te sul blog'' .....lei mi risponde ''su che?? che è una nuova marca di bracciali''?

Cla! tvb

 
 
 

caratteri

Post n°19 pubblicato il 17 Luglio 2013 da AnnettaPocket

La simpatia, la perspicacia, l'humor, il sapersi prendere in giro, l'educazione  fanno parte del carattere o no ?

Perché in qualsiasi posto mi giro, vedo donne incazzate, spigolose, acide. E piu' il viso è secco e spigoloso e peggio mi sento (come si dice qua a Roma)

Sarà carattere? ma anche fosse carattere come fanno a piacersi? (oppure non si piacciono neanche loro ma il carattere è qualcosa di troppo radicato da non poterlo gestire e plasmare?!) . Poi se si è incazzatai con qualcuno perché scaraventare la rabbia sul primo che ti capita o fare il broncio. Pure questo è questione di carattere?

Perché vedo spesso gente che entra in un posto pubblico e con supponenza pretendere delle cose (cose semplici.....dal cappuccino per esempio al bar..... alla fila in posta ''c'ero prima io quindi si tolga'', tralasciando  momentaneamente le considerazioni sulle donne che stanno dietro gli sportelli pubblici a ''disposizione'' (virgolette volute) della povera gente che supplica e quasi con terrore chiede informazioni.

Che costa un sorriso? che costa un saluto. Educazione? l'educazione si apprende da piccoli e si mischia al carattere? Penso di no. Saremmo diversi se fossimo cresciuti in un posto diverso?

L'aspetto fisico influisce sul carattere? Se avessi la fortuna di assomigliare a quella gnoccona di charlize Theron me la tirerei e sarei sgarbata acida e con il broncio facile?  No sarei felicissima invece ed elargirei sorrisi ovunque, ma ops..a ripensarci è quello che faccio adesso che sono un terzo de Charlize e neanche lontanamente la brutta copia. (off topic: pero' se fossi Charlize sarebbe super figo).

Gli uomini come fanno ad innamorarsi di una che un giorno si e l'altro pure è incazzata col mondo andandoci ovviamente di mezzo come capi espiatori. E' li che l'amante stronza ma simpatica dolce e disponibile fa capolino?

Non penso avrà un epilogo questa riflessione sono confusa.

 Adesso lasciatemi stare ho pensato una cosa che m'ha fatto girare le balle, no guarda per oggi va bene cosi....che ce ridi strunz? non mi va.  (ovviamente sto scherzando, ma potrei benissimo nascondermi dietro un dito e giustificare con : è il mio carattere di merd nn ci posso fare niente....:)) 

 
 
 

I maschi

Post n°17 pubblicato il 24 Giugno 2013 da AnnettaPocket

''Come sei bella, hai messo le scarpe nuove e il rossetto rosso, avvicinati...fammi annusare''

Ogni mattina quando scendo dalle scale mi fa lo screening. Si accorge di ogni piccola cosa, anche quando dal parrucchiere taglio un millimetro di punte.

Mi ama.

Anche stamatina, mi si avvicina e ... '' sei bellissima'' stavo per chiedergli di fare una piccola lezione privata al padre quando........con la voce di un paperino di 4 anni appena compiuti e le mani in vita mi dice:  Mamma adesso però dammi la caramella.

I maschi!!

 
 
 

L'anello

Post n°16 pubblicato il 19 Giugno 2013 da AnnettaPocket

Guardavo e riguardavo quell'anello e le lacrime solcavano il mio viso.

Non era emozione e neanche disappunto, era incazzatura. Dopo due anni ero riuscita a farmi regalare un anello (non L'Anello, ma sempre al dito andava) e adesso, cazzo mi ero persa il minuscolo diamantino al centro.

Non sapevo che fare, sicuramente se ne sarebbe accorto.

Vi giuro che avevo un groppo in gola.

Poi un illuminazione. Mica si sarebbe accorto se al posto di quello avessi attaccato sopra un altra pietruzza.

Fu allora che comincia a cercare tra i fronzoli di mamma finchè staccai un brillantino (finto ovviamente) da un paio di orecchini ormai in disuso e con la colla in mano cominciai l'operazione.

Uno schifo. Quando la colla si asciugo'  mi resi conto che era uscita dai lati, l'anello si opacizzò tutto e per finire la ''finta pietra'' era troppo grande e si staccò.

Un altro colpo di genio. (la devo smettere con sti colpi io).  Conoscevo la marca e decisi di andarlo a cercare e me lo sarei ricomprata uguale. Ma dopo giorni di girare.....  Finalmente nell'ultimo negozio che mi rimaneva decisi di far vedere l'anello e chiesi se fosse stato possibile applicare il diamantino mancante.

''certo, me lo lasci e passi tra una settimana''

Dopo sette giorni alla stessa ora mi ripresentai la.

''Ecco signorina, il suo anello''

Era fantastico come nuovo pulitissimo e luccicava.

''Quanto le devo''

''Cinque euro''

''Ma come soltanto cinque euro, e il diamantino non lo pago?''

'' Signorina, vede, dopo averlo pulito tutto, a proposito ma che ha combinato con quell'anello era in condizioni pietose, dicevo dopo averlo pulito tutto, scava scava e il diamantino era li. Sempre stato li. Sommerso da un bel po di immondizia''.

Pagai i miei 5 euro e me ne andai.

(al mio compagno che da 7anni riesce a star con me )

 
 
 
Successivi »