Creato da Linfadoro il 27/05/2007
Tutto ciò che scaturisce dall'animo umano è un abisso....l'abisso può essere infinito....solo se l'animo riesce a contenerlo.

Il Mio Normanno

 
 

Area personale

 
 

NUCLEARE? NO! GRAZIE

 

NUCLEARE? NO! GRAZIE

Clicca per votare, sostieni anche tu la nostra causa...pensiamo a chi verrà dopo di noi!

 

Club

 

Diventa socio del club dei

FANZULLI

il club di chi fanzulla

spensieratamente

 

Esiste....

 
AndatodistestA....Grazie
Babbo Natale esiste...Larry, un barbone americano che dormiva in macchine destinate alla demolizione, una mattina come tante e il disperato bisogno di mangiare; si reca in uno di quei “ristoranti” per gente ai limiti della società e ordina di tutto: uova, salsicce, succo di frutta e anche una bella fetta di torta. Mangia avidamente Larry, ma poi…cazzo. Poi c’è il conto da pagare che, come la notte, arriva puntuale, “ho dimenticato il portafoglio a casa” cerca di obiettare Larry, ma certo dice l’oste, ti credo, si abbassa e raccoglie il “portafoglio” di Larry, una banconota da 20 dollari, dalla stessa tiene i soldi del conto e porge il resto al barbone. Sorride Larry, un atto di bontà infinito, ringrazia e va via, ma si dice ”non posso sempre pretendere comprensione, è vero che nessuno mi accetta, devo darmi da fare, cercare un lavoro, anche quello più sporco, ma devo lavorare, ridarmi una dignità” e ci prova Larry, per mesi fino a quando non trova un “impiego” presso una linea ti telefonia americana. Il suo compito? Vendere il prodotto insomma, come i venditori di scope elettriche, Larry doveva convincere le persone a comprare “quella” linea telefonica. Un uomo in gamba Larry, in cinque anni riesce a mettersi in proprio, la società per la quale lavorava dipende da lui e… lo cita in tribunale: aggiotaggio. Ma anche i giudici hanno un’anima riconoscono le ragioni di Larry e obbligano la società, quale ”equo indennizzo”, a versare a Larry 50,2 milioni di dollari: incredibile, Larry il barbone è milionario. Ciò accadeva sedici anni fa. Che buffo quel Babbo Natale che si aggirava nei vicoli, col vestito rosso, barba bianca e la pelle…nera, un Babbo Natale che, per quindici anni, girava tra i più deboli e portava doni “particolari”. Si, avete inteso, regalava migliaia di dollari ad ogni barbone, ad ogni famiglia bisognosa, sempre con un sorriso, si recava in quel “ristorante” beveva caffè e pagava, sempre, 20 dollari. Ciò doveva restare un segreto, Larry aveva espresso questa sua volontà, nessuno doveva sapere che il “Babbo Natale nero” avesse un nome. Fino al Natale scorso, anno 2006, e sai perché? Larry venne colpito da una malattia cattiva, irriverente, devastante e, alla giornalista che gli chiedeva perché, rispose con un sorriso buono: “Babbo Natale esiste, ma qualche volta si ammala e può anche morire”. Grazie Larry.
 

William Syndrome

 

Voglia di pace

Le voci dei bimbi il vento raccoglie
e poi le sparpaglia tra i rami e le foglie
di alberi antichi, con grosse radici
che sanno ascoltare le cose che dici
per poi raccontarle, giù...giù...nel profondo
al cuore che batte al centro del mondo.

Se un bimbo sorride,
sorride anche il Cuore
ed ecco spuntare
in un prato un bel fiore.

Se un bimbo è felice,
il Cuore è contento
e nascon farfalle
che danzan col vento.

Ma, a volte,
le risa diventano pianti:
le lacrime scendono,
calde e pesanti,
colpiscon la Terra
che trema, impaurita,
vedendo la morte
mischiarsi alla vita.
Ossezia, Israele,
Iraq, Palestina...
tra bombe e fucili
la morte cammina,
portando con sé
ceceni, afghani
e tanti, tantissimi bimbi africani!

Bombardano, sparano e parlan di pace,
al Cuore del mondo ‘sta cosa non piace:
“Se di odio e violenza riempite la Terra,
non siate bugiardi: chiamatela guerra!”

La pace è sorridere, darsi la mano,
dormire tranquilli, guardare lontano
e in fondo vedere, nel cielo sereno,
i sette colori dell’arcobaleno.

Soltanto se spargi la voglia di amare
il vento sorride e può allora portare
agli alberi antichi e alle loro radici
le voci ed i sogni di bimbi felici!

 

 

Contatta l'autore

 
Nickname: Linfadoro
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 42
Prov: RG
 
 

Eri la mia musa...

 
 

Josh Groban - You Raise Me Up

 
 

Al di là dei Sogni.. ti amo..

 
 

Ultimi commenti

 

Ultime visite al Blog

 
lunabruleliodocmariomancino.msaaaldelfino_2504SonoSorrisodungaloracina3000giancutaldopennasimoni.impiantisticaroberto78hunamamma1thegrouchyjokerludico5
 

I miei link preferiti

 

FACEBOOK

 
 
 

Tag

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Regalo di Natale!Parole »

Troppe cose da dire...

Post n°203 pubblicato il 02 Gennaio 2009 da Linfadoro
 
Tag: Parole

.

.

.

e

t

r

o

p

p

o

 

p

o

c

o

 

t

e

m

p

o

 

p

e

r

 

f

a

r

l

o

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

c

o

s

ì

m

i

 

l

i

m

i

t

e

r

ò

 

a

d

 

a

u

g

u

r

a

r

v

i

 

c

h

e

 

t

u

t

t

o

 

q

u

e

l

l

o

 

c

h

e

 

a

v

e

t

e

 

s

p

e

r

a

t

o

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

i

n

 

q

u

e

s

t

o

 

2

0

0

9

 

p

o

s

s

a

 

d

i

v

e

n

t

a

r

e

 

r

e

a

l

e

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

I
M
M
E
N
S
I

A
U
G
U
R
I

 
 
 
Vai alla Home Page del blog