Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

 

L'angelo custode

Post n°4258 pubblicato il 21 Ottobre 2017 da valerio.sampieri
 

L'angelo custode

Se sa che ogni cristiano
cià un Angelo custode che lo guida,
che a l'occorenza je sa dà' 'na mano;
tante vorte, però, 'mbè, vatte a fìda!
A me, presempio, me succede un fatto:
qualunque vassallata me viè' in mente
lui nun me dice gnente;
forse sarà distratto. -
Quanno guardo 'na donna che me piace,
lui invece de tiramme pe' la giacca
o damme 'na caracca
p'arichiamamme a l'ordine, è capace
de mettese a sonà' cor ciufoletto
un certo motivetto celestiale
da intenerì' un cinghiale.
Forse vorà pijamme co' le bône,
ma sto' sistema vedo che nun va
dar momento che seguito a sguazzà'
fra li peccati e fra le tentazzione.
Io vorebbe parlacce e nu' lo vedo;
va bè' che a dilla franca
nun so se me stia a dritta o me stia a manca
ma che ce sia lo credo:
sinnò chi me lo sôna er ciufoletto?
Me piacerebbe a dije: - Bello mio!
er giorno der Giudizzio
er più fregato certo sarò io
che me sprofonnerò ner precipizzio;
però tu che figura ce farai?
Che je dirai ar Signore
si nun je sarvi un, pôro peccatore ?
Sicchè cambia sistema, damme udienza,
perchè sinnò quer giorno stamo freschi!
Pija er tortore e guarda si arieschi
a rimetteme in forma la coscenza.
Si vedi poi che nun ce so' raggioni
perchè 'sto boja omaccio arinsavisca,
ritorna in Celo, dà le dimissioni
e dì a Gesù che te sostituisca.

Nino Buzzi
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 206

 
 
 

Davanti ar Coloseo

Davanti ar Coloseo

In quell'ora ingloriosa e de passione
pensavo: "No, nun posso più guardatte
o vecchio Coloseo, n'avemo fatte
de figuracce sporche e brutte azzione".

Ma quer colosso antico e pacioccone
m'arimirò de quele occhiaje sfatte
come pe' dì: "Te possino ammazzatte,
nun te pijà pe' me tanta affrizzione.

Ho visto imbastardisse li latini,
nasce ner sangue er popolo 'cristiano,
li barberi, li ladri barberini ...

Eppure eccheme qua, stò sempre in piede:
Dà retta a me che so' vecchio e romano,
passerà puro questa; m'hai da crede!".

Filippo Tartùfari
5-2-1944
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 185

 
 
 

Tarantella

Tarantella

(Secondo il costume popolare)

Compatite, gioja bella,
si ve fo 'sta tarantella:
si ve canto in povesia,
compatite, picchia mia!

Si dormite, p'un momento
fat'un po' Giggi contento,
da li vetri, fate fora
quer grugnetto ch'innamora.

Nun vedete che de posta (1)
già la luna s'è anniscosta?
Perch'a petto vostro, bella,
lei fa mosca (2) e burumbella!

Nun ve dico de la fronte
ch'arisembr'un orizzonte;
nun ve dico de quell'occhi
che so' peggio de du' stocchi: (3)

Si pe' caso me guardate,
sdilinguito me lassate;
ah, so' troppi, tropi belli
quell'occhietti bricconcelli!

Quela bocca benedetta
pare propio 'na rosetta.
Vorebb'esse' 'na farfalla
pe' baciall'e ribacialla!

Vorebb'esse' 'n ucelletto
pe' sciattalla (4) cor becchetto.
E' sciarmante (5), è carinella,
quela bocca risarella!

Si me dite quarche cosa,
si me fate la smorfiosa,
in guazzetto me va er core:
e me friccic' (6) un tremore

pe' le gamme e pe' la vita,
che la lingua irrigidita
nun pò dì nè manco a:
nun connetto più a parlà!

Quela mano, quer piedino
sverto, snello, sfilatino,
cià 'na smorfia de contorno,
che me pare fatt'ar torno.

Si campasse Raffaelle
che n'ha fatte tante belle,
pijerebbe pe' modello
quer visetto ciumachello (7).

E concrudo, gioja bella,
pe' finì la tarantella,
che v'ha fatta nasce' Dio
pe' dà pace ar core mio!

Giggi Zanazzo
17 luglio 1879
Da "Smorfie e stuzzichini pe le donne"

Note [Giovanni Orioli]:
1. De posta: subito, immediatamente.
2. Tace.
3. Che trafiggono più di due stocchi messi insieme (lo stocco era arma bianca per ferire di punta).
4. Sciattarla, gualcirla, sciuparla.
5. Incantevole (dal francese "charmante").
6. Corre (ma friccicà significa propriamente fremere).
7. Ciumachello, lumachello. Diminutivo del vezzeggiativo "ciumaco" (e "ciumaca"), usato nel linguaggio amoroso.

 
 
 

Scherzi da prete

Scherzi da prete

Tutti li ggiorni, come pe' promessa,
er prete s'attaccava de bonora
a la campana armeno pe' mezzora
pe' chiama' li fedeli pe' la Messa.

A l'oste che faceva la nottata
nun je piaceva proprio 'sta sonata;
ondepercui 'na notte locco locco
sali' sur tetto pe' 'nfascia' er patocco.

Ma mentre stava a fa' quei lavoretto
riconobbe la voce de Don Rocco
che je stava a di' co' 'n sorisetto;

"Scherzo da prete e de cattivo gusto!
Nun c'e' bisogno de 'nfascia' er patocco;
basta fallo sona' ar momento giusto".

Zambo (Giulio Zannoni)
Da: Zambo 'na storia - Poesie in romanesco di Padre Giulio Zannoni S.J.

Con il suesteso sonetto si conclude il volumetto delle 54 poesie di "Zambo", alias Padre Giulio Zannoni.

 
 
 

Buon Natale a te

Post n°4254 pubblicato il 19 Ottobre 2017 da valerio.sampieri
 

Povia - Buon Natale a te



Sento già l'atmosfera del Natale
Luci a festa scende la neve per le strade
Quel che vorrei sotto l'albero
È qualcosa più grande di me
E che pace sia tra un bacio e un giocattolo
Per la gente che non sa com'è.

Hei buon Natale a te,
I wish you a Merry Merry Christmas
Hei buon Natale a te,
Hei buon Natale a te,
I wish you a Merry Merry Christmas

Sento già il calore del Natale
E di un camino che accende i sorrisi nelle case
E lo vorrei un bel miracolo
Per chi non può sognare con me
E che amore sia e che sia fantastico
Per chi ancora non sa che cos'è.

Hei buon Natale a te,
I wish you a Merry Merry Christmas
Hei buon Natale a te,
Hei buon Natale a te,
I wish you a Merry Merry Christmas

Notte magnetica sotto un cielo di stelle
Sogni e speranze che non lascerò mai mai mai.

Hei buon Natale a te,
I wish you a Merry Merry Christmas
Hei buon Natale a te,
Hei buon Natale a te,
I wish you a Merry Merry Christmas
Hei buon Natale a te,
Hei buon Natale a te,
I wish you a Merry Merry Christmas
Hei buon Natale a te,
I wish you a Merry Merry Christmas

Parole e musica di Andrea Marmiroli, Luigi Liviero, Giuseppe Povia, Raffaele Chiatto

 
 
 

Tramonto romano

Post n°4253 pubblicato il 19 Ottobre 2017 da valerio.sampieri
 

Tramonto romano
(dal poeta danese Sigurd Trier)

Roma! bella tu sei, che tutta d'oro
Su gli augusti palagi una corona
E intorno di San Pietro il gran tesoro
Di santità la gloria il sol ti dona.

Oh me! chè tardi venni al gran ristoro
Del tuo bel sole, a te dove risuona,
Nelle gran piazze, tinniente il coro
Dei getti d'acqua in floreal corona.

Oh potessi rivivere! Immortale
Tu mi daresti la tua gloria; e fonti
Eterne avrei di tua forza vitale.

È tardi troppo omai: già spento è il sole,
Le porte ha chiuse Trinità de' Monti ...
E all'orizzonte cadon le viole.

Antonio Spinola
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 150

 
 
 

Er bijetto da mille

Er bijetto da mille (1)

Un Bijetto da Mille,
riposto in una vecchia scrivania,
diceva: - Er mi' padrone è un imbecille:
so' già quattr'anni che me tiè rinchiuso
come un pezzo de carta fóri d'uso!
Puzzo de muffa ... Che malinconia!

Invece, se m'avesse
tenuto ne le casse de lo Stato,
a parte l'interesse
ch'avrebbe guadagnato,
servivo a fa' le spese
pe' rinforzà er Paese.
Ma er padrone è ignorante e nun capisce
che er mi' valore cresce in proporzione:
so' forte finché è forte la Nazzione,
m'indebbolisco se s'indebbolisce.
Se fosse un omo pratico
me terrebbe a la Banca certamente;
ma qui drento che fo? Nun conto gnente
e perdo tempo come un dipromatico.

Note:
1 Scritto per il Banco di Roma, in occasione del Prestito nazionale.

Trilussa
18 febbraio 1917
Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 420

 
 
 

Casetta abbandonata

Casetta abbandonata

I

Si vai pe' la montagna e fai la corta,
quanno che stai a metà de l'appettata,
trovi 'na casettaccia abbandonata
co' 'n buco pe' finestra e senza porta.

L'edera e li spinari, un po' pe vorta
l'hanno stretta, coperta, soffocata,
pare quasi che l'hanno abbraccicata
pe' protegge 'na pôra cosa morta.

Er paesano che ce passa accanto,
se fà, tremanno, er segno de la croce
come passasse avanti a 'n camposanto;

e certe vorte, quann'è notte fonna,
se sente come barbottà 'na voce
che invoca, fra li pianti, la Madonna.

II

Da la povera casa arampicata
su la schina der monte, nun se sente
un lamento, 'no strillo, un fiato, gnente ...
A vedella così, pare incantata!

Ma de notte 'sto rudero dormiente,
co' que la finestraccia spalancata
che guarda fissa verso la vallata,
lo confonni co' 'n essere vivente.

Preggiudizzi de gente paesana
o suggestione de le cose morte
esistite in un'epoca lontana?

Grinzosa, co' quell'occhio senza fonno,
la porta sbiega, le fiancate storte,
pare 'na smorfia amara in faccia ar monno.

Armando Morici
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 134

 
 
 

Due navi

Post n°4250 pubblicato il 18 Ottobre 2017 da valerio.sampieri
 

Povia - Due navi



Che mi avresti amato sempre
è da sempre che me lo dicevi
ebbene amore in questo mare ora
siamo due navi
  
Ne abbiam viste di tempeste
ma se ti stringevo mi stringevi
e non sapevo che io ti salvavo
mentre mi salvavi
  
Ne abbiamo avuti "amici passeggeri"
ma quelli veri erano i delfini
che ci portavano nelle acque calde
come le Indie
 
Seguendo il vento di ponente
fino al rosso di un tramonto
addormentati in un qualsiasi "porto"
mi rendo conto che la vita è breve breve breve noi.

Due navi da sempre vicine
che lentamente arriveranno sempre più lontane
due frasi divine
Come morivo quando mi chiedevi
chi ero chi ero chi ero...

Io quello che veniva dai corsari
invece tu da posti un po' più rari
è stato questo che ci ha unito
noi non eravamo uguali

Ma come cambi rotta se ti trovi
solo in mezzo al mare
"e aspetti che si gonfiano le vele"
e tu più avanti che gettavi l'ancora e che mi aspettavi noi...

Due navi da sempre vicine
che lentamente arriveranno sempre più lontane
due frasi divine

Ma io lo so che ancora ti chiedevi
chi ero chi ero chi ero chi ero chi ero chi ero...

Due navi
che lentamente arriveranno sempre più lontane
due frasi divine
adesso e per sempre
Ti amo ti amo ti amo ti amo ti amo ti amo
adesso e per sempre ti amo.

 
 
 

Inverno a Piazza del Laterano

Inverno a Piazza del Laterano

Il sole pomeridiano
dai selci fa ovunque spuntare
tanti tanti bambini
donne, sgabelli e cestini
per lavorare.
Il muro è spalliera
di un lungo divano
della lunghezza del sole;
sparsi intorno i bambini
si rincorrono, intersecati
da preti colorati, da frati,
da monache alate.
Nell'aria è quasi sospesa
la musica della reale
e vorrei ritrovarti bambina
per dire alla tua signorina
"Permette che venga a giocare?".

Livio Gasparini
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 125

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Vince198NORMAGIUMELLInina.monamoursofficenuvoladgl3valerio.sampierimolto.personalehef67RavvedutiIn2lucre611Bloggernick10solosorrisoSono44gattinfilax6.2the.pink.shadeonlyemotions71
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom