Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

 

La 'nzalata de riso

Post n°488 pubblicato il 23 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

La 'nzalata de riso

Er sottaceto propio nun me piace,
però, se insisti, un poco ce ne metto,
perché me 'nchino sempre ar tuo cospetto:
ma mò ddecido io e stamo a ppace!

Capace cià da esse er coccomello
pe' mischià bbene a tocchi er pommidoro
e l'ingredienti, a tocchi pure loro.
E' rriso (nun sia troppo scrocchiarello)

l'allappi co' limone e mmaionese.
Ce metto tonno, vustel, der formaggio,
ovo, preciutto, senza abbadà a spese,

l'olive verdi, nere e l'alicetta.
Mò nun te strafocà, devi esse saggio:
magna tre ggiorni sani ... nun c'è fretta!

17 settembre 2014

 
 
 

Villa Gloria 21-25

Post n°487 pubblicato il 22 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

XXI.

Allora quelli che ereno spirati
Li portassimo drento a la cucina,
E accanto, ne la camera vicina,
Ce mettessimo l'antri più aggravati.

E aspettanno che fosse la matina,
Cusì a la mejo furno medicati;
Ma, senza un filo de 'na medicina,
Era 'na cosa da morì' straziati.

Tanto ch'a uno p'infasciaje 'n osso
D'un braccio, ce toccò a strappà' li tòcchi
De le camicie che portamio addosso.

Che strazio ch'è vedé' soffrì' la gente
Che te guarda cór core dentro a l'occhi,
Staje davanti e nun poté' fa gnente!

XXII.

Un passo addietro. Dopo er tradimento
De la scarica, appena inteso er botto,
Righetto e Giovannino in quer momento
Cascorno, sarv'ognuno, a bocca sotto.

Dice ch'allora, mentre er reggimento
Scappava giù p'er prato, sette o otto
Che li veddero senza sentimento
Tornorno addietro e je riannorno sotto.

E Giovannino in mezzo a quer macello,
Sporco de sangue, intanto che menaveno
Cercò cór petto de coprì' er fratello;

Ma dopo la difesa disperata,
Intanto che le truppe riscappaveno,
Cascorno giù fra l'erba insanguinata.

XXIII.

E verso notte, dice, che Righetto
(Mentre ch'er sono de l'avemmaria
De Roma je sonava l'angonia)
Fece: — Povera mamma! Benedetto!... —

Poi je crebbe l'affanno drento ar petto
E fece: — Si m'avrai da portà' via
Voj' esse' seppellito a casa mia. —
Fece un lamento e cascò giù. Ninetto

Allora lo chiamò. Strillò più forte.
Nun rispose. Lo prese pe 'na mano,
Era gelata. Er gelo de la morte!

Je diede un bacio e tartajanno a stento,
Speranno d'esse' inteso da lontano,
Strillò: — M'è morto Erìgo in sto momento.

XXIV.

E da lontano se sentì un sussuro
D'antre voci. — M'è morto mi' fratello! —
Strillò Ninetto, e dopo fece: — Io puro
Sento che moro e vado a rivedello... —

E intanto ch'antre voci lì a l'oscuro
Je parlaveno senza de vedello,
Strillò: — Si camperete, ve scongiuro,
Dice, de facce seppellì' a Groppello. —

E quanno che le forze j' amancorno,
Che lui se crese a l'urtimi momenti,

Strillò: — Viva l'Italia! — Intorno intorno

J'arisposero, e fu l'urtimo strillo:
Poi s'intesero ancora antri lamenti
E dopo... tutto ritornò tranquillo.

XXV.

E noi che s'aspettamio 'gni momento
La truppa, nun vedenno più gnisuno,
A l'arba, de comun consentimento,
Fu deciso de sciojese. Quarcuno

Rimase ner casale chiuso drento
Co' li feriti; e de nojantri, ognuno,
Dopo che s'approvò lo sciojimento,
Se sbandassimo tutti. Quarchiduno

Fu preso a Roma a piazza Barberina;
L'antri sperduti in braccio de la sorte
Agnedero a schizzà' pe' la Sabina,

Li più se riformorno in carovana,
Passorno fiume, presero le córte
Drento a li boschi, e agnedero a Mentana.
Nota: corte = scorciatoie
Cesare Pascarella
Tratto da: "Sonetti", Nuova ristampa, Casa Editrice Nazionale Roux e Viarengo, Roma-Torino 1906. Con questo post terminano i 25 sonetti di "Villa Gloria".
 
 
 

'A vardaostana

Post n°486 pubblicato il 22 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

'A vardaostana

La carne va tajata morto fina.
Vedi de daje quarche battitura,
così la magni mejo e è meno dura.
Pe' falla bbona, damo 'n'occhiatina.

Pe' frigge, devi usà 'r buro e 'n po' d'ojo.
Riempi la fettina cor preciutto
e sottiletta e ppoi 'nfarini tutto.
Pe' l'invortino, quarche stecco vojo,

ma vedi de lasciallo bbene in vista,
si no te fai 'n gran bucio sur palato
e a l'ospedale t'hai da mette in lista.

La sarvia ce va drento a 'st'invortini
e doppo che 'n ber piatto n'hai magnato,
te lecchi tutti i bbaffi e li ditini.

17 settembre 2014

 

Li bbaffi

Vabbè, tte passo i bbaffi questa vorta
che l'ho ccapito ch'era 'n generale,
n'avevo d'assaggià de robba 'ccòrta
e nun ciò avuto ppiù dubbi, è normale.

Lo stecco ce lo metto bello 'n vista,
ce manca che rovino l'appetito,
me basterebbe armeno l'oculista!
Farebbi quela fila e n'arzo un dito.

Però nun m'accontento de 'n sor piatto,
lo dico e je do, sì, un'occhiatina:
me ciavvicino propio quatto quatto.

Nun pòi sapè ddimane che sse magna,
mejo abbonnà trovannose 'n cucina,
ddimani pò èsse 'n'arbero a cuccaggna.

Norma Giumelli
22 settembre 2014

 
 
 

Picchiabbò 014

Post n°485 pubblicato il 21 Settembre 2014 da valerio.sampieri

11. Qui Dorotea va da la strega e dice - Se fossi bestia sarei più felice!

Un passo addietro.
Appena quella conocchia de Dorotea uscì da la priggione, fu tanta la paura d'esse ariconosciuta e de pijacce la sveja dar popolo, ch'agnede de gran carriera a casa de la strega de le Ciarabbottane.
'Sta vecchia, maligna peggio d'un'arpia, abbitava in una soffitta d'un castello antico, senza finestre, che restava lontano lontano, in un sito scampagnato, for de le mura: un palazzaccio tutto rovinato ch'ogni tanto ne cascava un pezzo perché, quanno er celo se metteva a temporale, ce se daveno l'appuntamento li furmini e le saette. La strega che s'era anniscosta lì drento a la barba de la questura, pe' nun avè scocciature de stivali, aveva sparso la voce che c'ereno li spiriti rosicarelli che se magnaveno er pensiero de chi ce dormiva.
Dorotea arivò stracca morta, co' la lingua de fora e fece l'urtimo capo de scale co' le mano e co' li piedi.
Bussò.
Silenzio.
Ribbussò.
Gnente: nun rispose nessuno: come se avesse telefonato.
Dette una spallata a la porta.
Patapunfete!
La porta je cascò a faccia avanti.
Entrò.
Scena vota.
Cominciò a sficcanasà: vidde un lettuccio voto, un tavolino sgangherato, una sedia spajata e tre fornelli co' tre pile che bolliveno. Intorno intorno: libbri, ragni, sorci, stracci, barattoli, fiaschi, boccette, tegami, pelle de serpe, denti de toro e corna de vacca.
Ma de la strega, però, manco la puzza.
- Forse - pensò Dorotea - la vecchia sarà ita a fa' la spesa. Aspetterò che aritorni: armeno qua drento sto ar sicuro da la canaja. Eppoi ciò una cecagna che nun m'areggo in piede ... Quasi quasi me fò una pennichetta ...
E senza spaventasse de tutte quele bestiole che passeggiavano tranquille pe' la soffitta, se buttò de peso sul letto, indove c'era un matarazzo imbottito de penne de cornacchia, e s'addormì a bocca spalancata. Cruccrù ... pliff ... cruccrù ... fluff ... Prr ... prrr ... pruprù ...
E mò viè er bono.

Co' la cosa ch'er letto era affatato Dorotea s'insognò tutto quello che stava succedenno in quelo stesso momento. Ossia: la cerimonia de le nozze, er banchetto, l'arivo de la strega a cavallo a la scopa, er nodo ar fazzoletto, er cambiamento de Re Pipino che diventava gatto e scappava via co' Picchiabbò che je coreva appresso ... Ma ortre a 'sta robba, aveva visto puro che er nano, quanno s'era trovato pe' le scale davanti a li gatti, aveva pijato un equinozzio,  ossia s'era sbajato e, invece d'acchiappà quello che j'era passato fra le cianche, che era propio er Re, aveva messo ner sacco Mustafà, ossia er miciotto der tabbaccaro sur cantone, che lo stava a cercà da du' giorni.
Fu tanta l'impressione de vede 'sto fatto che Dorotea fece un zompo e se svejò de botto.
Spalancò l'occhi, se li strufinò ...
Dice:
- E indove me trovo?
Accant'al letto, a sede, accucciata su un bidone de benzina, c'era la strega, con un gatto su le ginocchia e un fuso in mano. Dice:
- Sta alegra, Dorotea, ché avemo vinto!
La moje der ciambellano je chiese:
- Ma come? Sete voi, commare? propio voi? Uh! se sapessivo che bell'insogno che me so' fatta! Me pareva ...
La strega messe in mostra l'unico dente che j'era rimasto e rispose:
- Tutto quello ch'hai visto in sogno è verità sacrosanta! Stà tranquilla che le cose se metteno bene ...
Dorotea spalancò le braccia.
- Me dite davero, commare? Dunque er gatto ch'hanno legato sur trono nun è er Re? E indove sta, allora?
- Ecchelo! - disse sottovoce la vecchia - è in mano nostra.

Acchiappò er Re pe' la pelle der groppone e je lo messe sul letto.
- Lui!
- Lui.
Dorotea se lo strinse ar petto come fusse una cratura e incominciò a sbaciucchiaje er muso.
- Giacché nun t'ho potuto abbraccicà come omo, t'abbraccicherò come gatto ...
Poi ce ripensò e chiese a la strega:
- Commare! Nun me dite de no! Sciojete per un minuto solo er nodo ar fazzoletto in maniera ch'io possa rivede Pipino mio, cor pappafico, com'era prima ... Per un minuto solo ... commare! Quanto m'abbasta pe' dije che je vojo tanto bene! ...
La strega arzò er fuso e rispose:
- Nun è possibbile
- E perché - chiese Dorotea.
- Perché noi streghe nun potemo sfruttà l'ajuto der diavolo che a fin de bene. Tutt'ar più potrei fatte diventà gatta e mettete cusì ar paro suo: ma pe' tutta la vita, sai? Pensece prima! Te la senti?
Dorotea stette un momento zitta con un deto in bocca. Poi riguardò er gatto e strillò:
- Nun potrei vive sena de Lui! Accetto! So' certa che diventanno bestia sarò più felice: la felicità nun è pe' li cristiani! Quanto tempo ce vo' pe' fa' er cambiamento?
- Oh -dice - subbito. Però bisogna ch'escimo assieme pe' annà a trovà la radica de finocchio prima che cali er sole: sennò nun posso fa' la bollitura che ce serve.
Dorotea scese subbito dar letto. Dice:
- Annamo, nun perdemo tempo ... Ma er gatto? Se lo portamo appresso?
- No, - dice - nun è prudente. Lassamolo a casa ...
- E se scappa?
- J'attaccheremo con un cordino er bidone de la benzina a la coda ...
E così fecero. Poi, doppo d'avè guardato bene se passava nessuno, uscirno e s'intrufolorno ner bosco pe' cercà le radiche necessarie.

Trilussa
da "Picchiabbò", Edizione d'arte Fauno, Roma, 1927, pagg. 65-72.

Note:

spajata= spagliata
s'addormì = s'addormentò
equinozzio = equivoco
cianche = gambe
sapessivo = aveste saputo

 
 
 

Villa Gloria 16-20

Post n°484 pubblicato il 21 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

XVI.

Allora, dopo questo, li sordati
Che nun capirno ch'era 'na finzione,
Credennose che fossimo scappati,
Vennero pe' pijà' la posizione.

E mentre stamio tutti aridunati,
Li sentimio venì' pe' lo stradone
Urlanno come ossessi scatenati;
Ma Righetto che stava inginocchione

Avanti a tutti, fece: — Attento... Attento!...
— 
E quanno che ce stiedero davanti,
Righetto ch'aspettava quer momento,

Buttò via la berretta, fece 'n sarto,
Strillò: — Viva l'Italia!, e córse avanti,
E noi dietro je dassimo l'assarto.

XVII.

Ar vedecce sortì' da la piazzetta
Come er foco che uscisse de 'n vurcano,
Preso de fronte, er reggimento sano
Se mette a fugge' verso la casetta.

Noi, pe' poteje fa' la cavalletta,
S'arrampicamo sopra a 'n farso piano,
E mentre li vedemio da lontano
J'annamo sotto co' la bajonetta;

Ma mentre p'arrivalli c'era poco,
Sangue de Dio! Bum... bum... sentimo un botto 
vedemo 'na nuvola de foco.

Ce calò sopra a l'occhi com'un velo...
L'assassini, scappanno giù de sotto,
Ci aveveno sparato a bruciapelo.

XVIII.

Allora quelli che restamio dritti
Se buttassimo giù su lo stradale,
E quanno se vedessimo sconfitti
Ritornassimo drento ner casale.

E siccome mancava er generale,
Fu detto: — Si ce dànno li diritti
De l'onori de guerra, stamo zitti;
Si no, morimo tutti... tanto è uguale. —

Se fece notte: e mentre stamio drento
Ner casale aspettanno li sordati,
Ce parve de sentì' com'un lamento.

Annamo su la porta tutti uniti,
S'affacciamo, orecchiamo pe' li prati:
— So' li nostri, perdio! So' li feriti!

XIX.

Allora se buttamo giù p' er prato,
Fra l'arberi, a l'oscuro, e annamo in traccia
De li feriti... E dopo avé' cercato
Dove successe er fatto, fra l'erbaccia,

Sotto a n'arbero secco, fu trovato
Righetto! Stava steso, co' le braccia
Spalancate, cor petto insanguinato
Dar sangue che j'usciva da la faccia.

Mentre je damio l'urtimo saluto
De li morti, tra l'arberi lontani
Sentimo un antro che strillava ajuto;

Seguimo er sono, e sotto d'un ulivo
Ce trovassimo steso Mantovani,
In d'un lago de sangue, ancora vivo!

XX.

Ner casale fu messo su un divano,
E mentre je sfilamio la giberna
C'insegnò sur un fianco co' la mano
Come ci avesse 'na ferita interna.

Allora j'accostamo 'na lanterna
Sur fianco; lo scoprimo piano piano...
Sangue de Cristo! C'era 'na caverna,
Che je c'entrava 'n braccio sano sano!

Se mettessimo tutti inginocchiati.
Lui co' le mano s'acchiappò la gola
E ce fissò co' l'occhi spalancati:

Fece 'no sforzo, s'arzò su dar letto
Come volesse di' quarche parola,
E je cascò la testa sopra ar petto.

Cesare Pascarella
Tratto da: "Sonetti", Nuova ristampa, Casa Editrice Nazionale Roux e Viarengo, Roma-Torino 1906

 
 
 

'A lasagna

Post n°483 pubblicato il 21 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

'A lasagna

Ce vôle er sugo, cór suo ber calore,
e er parmiggiano, co' 'na gran grattata.
Ce vò' la provoletta affumicata
che a la lasagna je dà 'n bon sapore.

Prova a magnalla e vedrai che robba,
si usi mica troppa besciamella
e ppuro quarche ppo' de mortadella.
Ce metto l'ovo sodo, mica sbobba.

La côci in forno er tempo che cce vôle
pe' vvéde er sopra colorato e dduro,
che pe' lodallo nun ce sò' pparole.

Lo stommico stà lì ad intorcinasse,
ma e' rimedio lo trovi de sicuro:
sédete e magna a quattro ganasse.

17 settembre 2014

 

Me ce fionno!

E sse parlava propio de lasagna!
Anvedi che ttempismo 'sto poveta!
Nun ce stà ppiù nissuno che sse lagna,
le scrive come fusse 'n ver profeta!

Mammamiabbella l'ovo me rileggo,
'na fame pija stommico e sorisi;
la devo preparà! Sinnò nun reggo
la fame te colora de cremìsi.

La provola, ce provo, come no?
la seguo puro ne la besciamella
e vvedi che gran piatto che ffarò!

Nun se 'ntorcina ggnente più, sicuro,
co' 'sto po' po' dde gusto a mortadella,
me vedi core a ttavola: 'n siluro!!

Norma Giumelli
20 settembre 2014

 
 
 

Er pissicanalista

Post n°482 pubblicato il 20 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

Er pissicanalista

Er pissicanalista è un professore
che sveja li cervelli più depressi,
ner senzo che je sveja li rifressi
pe rimetteje addosso er bonumore.

E' come, fatte conto, er confessore
che, in base a li peccati ch'hai commessi,
dar momento che tu je li confessi,
t'aiuta a fà la pace cor Signore.

Ma mentre ar sacerdote j'è gradita
l'idea ch'er peccatore, quatto quatto,
se ne rivà coll'anima pulita,

a 'sto fregno studioso de capocce,
j'aggrada er matto che je resta matto,
finchè nu' j'ha pulito le saccocce.

Luciano Luciani
20 ottobre 1970

 
 
 

Picchiabbò 013

Post n°481 pubblicato il 20 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

10. Se vòi l'ammirazzione de l'amichi nun faje capi' mai quello che dichi.

Er gatto, povera bestiola, ner vedesse passà davanti tutta quela folla de gente colorata e imbrillantata che nun faceva antro che sprofonnasse in riverenze, sur principio s'era inteso un tantinello de lippe-lappe e, pe' du' o tre vorte, aveva cercato de sfilasse l'anello da la zampetta, comincianno a sentì er peso der potere. Ma poi, a poco a poco, ce s'era abbituato e guardava coll'occhi rincojoniti l'invitati che je giraveno intorno.
- Ma che voranno da me? - pensava. - Gnente se so' ammattiti?
A un certo punto er capo der Governo, con un barbone nero nero e lungo lungo che je strusciava per terra, fece stà zitti tutti perché doveva parlà lui. Er gatto, appena se lo vidde davanti, soffiò e ingrufò er pelo come se avesse visto un cane burdocche senza musarola.
- Sacra Maestà! - disse er Ministro, co' una vocetta d'acquacetosaro. - In nome de la credenza de cucina che tiè uniti in una sola trippa tutti li sorci der Paese, io, che rappresento la trappola de lo Stato, v'auguro de ritornà presto omo come prima! (Bene!).
Poi toccò a l'ambasciatori.
Quello tedesco ciangottò:
- Trinksvain! Fregaturen mark. Zitung zitung, scraffen!
Ma nun sputò perché c'era er tappeto.
L'ambasciatore ingrese, co' la pippa in bocca, fece:
- Coktel! Businesse is businesse! Hipp! hipp! hipp! Urrà!
E ricaricò la pippa.
Lo spagnolo fu più chiaro:
- Caramba! Un gato rey! Puevere sorcas!
E guardò una dama de Corte che già j'aveva sbafato tre pranzi.
Poi a furia de zompetti, venne avanti l'ambasciatore de la Cina: ma quello der Giappone, che voleva parlà prima de lui, je fece la cianchetta. Se nun c'era un cortiggiano che l'aripijava pe' la punta der codino annava a finì cor tamburlano per terra.
- Tokka a mhe! Kakatoa! - je strillò er Giapponese.
- Ciun-ciun! - j'arispose quello de la Cina.
- She-mj-kado, pag-ki thu! ke the pos-ino scian-ghai!
E agnedero a liticà dedietro a un paravento.
Quanno cominciò a parlà l'ambasciatore francese ce fu un gran movimento fra li dipromatichi, perché se sapeva ch'avrebbe detto cose importanti. Infatti je spiattellò 'sto discorso co' l'erre così moscio che pareva che facesse li gargarismi. Dice:
- Sacrè magestè! La gran nazzion che je rappresante il m'ha incarichè de vous presantè la meglier felicitazzion! Contè tougiur sur notre amitiè fraternelle, spesialmant ne le moman che nous avon besoen de chelche sciose ...
Vivà Pipinopolì! Vive la Franse!

A 'ste parole, meno er gatto e er ministro de le Poste, che era sordo come una campana, tutti se commossero e capirno a volo che la Francia avrebbe visto de bon occhio un'alleanza co' Pipino.
Ma ecchete che ...

Trilussa
da "Picchiabbò", Edizione d'arte Fauno, Roma, 1927, pagg. 65-67.

Note:

burdocche = bulldog
musarola = museruola
cianchetta = sgambetto

 
 
 

....ma l'amore mio non muore!

Post n°480 pubblicato il 20 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

....ma l'amore mio non muore!

Tutto muore quaggiù! Muore l'insetto,
muore il cane, il cavallo, ed il cammello;
muore il rospo, la pecora e il capretto,
muore il pesce, il mammifero e l'uccello.
Muore la pianta, la radice e il fiore...
...ma l'amore mio, ma l'amore mio non muore!

Era di maggio e c'erano le rose
quando la vidi la prima volta.
Le dissi: T'amo! e lei non mi rispose.
Allor le sussurrai: Fermati e ascolta.
Sono quasi le sette e il giorno muore...
...ma l'amore mio, ma l'amore mio non muore!

Sarà lungo il tuo amore, veramente?
- lei mi chiedea, fra un bacio e una carezza -
Ed io le rispondeva dolcemente:
vedrai tu stessa, cara , che lunghezza!...
Si spegne il sole e il mar cambia colore...
...ma l'amore mio, ma l'amore mio non muore!

Ma appena la sposai, quell'angiolella
divnne tosto un viscido serpente!
La docile e gentile pecorella
mise le corna, inaspettatamente...
Poi le mise anche a me, senza pudore
...ma l'amore mio, ma l'amore mio non muore!

Dicon che ci sia stato qualche cosa
fra lei ed un dei miei migliori amici:
ma la sfacciata giusra senza posa
che non c'è stata neanche la camicia!
Ah mi farà mori di crepacuore...
...ma l'amore mio, ma l'amore mio non muore!

Non mi fa che dispeti e sgarberie,
mi nasconde le scarpe ed i calzini,
per cui se voglio far le cose mie
le devo far senza pantaloni!
Mi tratta peggio assai d'un servitore...
...ma l'amore mio, ma l'amore mio non muore!

Mi bastona, mi fa patir la fame,
non ho neppure il pane a volontà!
Se le chiedo una pera, quell'infame
me l'avvicina e poi non me la dà!
Mi devo accontentare dell'odore
...ma l'amore mio, ma l'amore mio non muore!

Un amico m'ha dato un canarino;
ma lei non può soffrir neppure quello!
Per cui son sicuro che un bel mattino
mi sveglierò, purtroppo, senza uccello!
Ne proverò un terribile dolore
...ma l'amore mio, ma l'amore mio non muore!

Ettore Petrolini

 
 
 

Porpettine a l'origheno

Post n°479 pubblicato il 20 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

Porpettine a l'origheno

Le porpettine le pòi fà normali.
Pe' ffà così che er piatto più tte tenta,
ce metterebbe puro 'n po' dde menta,
un po' de foje, mica du' quintali!

Ne la padella rosola un po' d'ajo
ch'hai sminuzzato propio fino fino
e l'insapori cor peperoncino.
Mo' friggi le porpette ('n fà lo sbajo!

er pangrattato attorno nun ce mette!)
'ndorate, ciaggiugni li pommidori
e lassi coce finché sò' perfette.

L'origheno lo spargi prima appena
de spegne: cor piccante l'insapori
'sto cibbo che a la sedia t'incatena!

16 settembre 2016

 

'E porpettine

Lo sento! Nun me mòvo e cchi se mòve?
Me 'ncatenasse puro a lo sgabbello;
l'origheno mme piasce, nun ce piove!
nun ce fai 'n tempo tu ad aprì l'ombrello.

Io ce rinuncio a mette er pangrattato,
me fido e friggo questo bendeddio
puro se stava llì, già ppreparato
che nun ce va, mò, so' dd'acordo anch'io.

Nun ce provà, sà! Nun me libberà!
che ll'ho contate e ddispare sò' state
Io co' li conti faccio da maggnà.

Me metto giusto qui, mò mme rilasso
e ffino a quanno nun so' arrotonnate,
nun chiedo l'ora d'aria; manco un passo

Norma Giumelli
20 settembre 2014

 
 
 

Demolizzione

Post n°478 pubblicato il 19 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

Demolizzione

Stanotte, ner rivede casa mia
mezza buttata giù, m'ha fatto pena.
Er mignanello se distingue appena,
le scale, la cucina... tutto via!

Tutto quer vôto de malinconia
illuminato da la luna piena
me faceva l'effetto d'una scena
d'un teatrino senza compagnia.

E, lì, me so' rivisto da regazzo
quann'abbitavo in quela catapecchia
ch'era, per me, più bella d'un palazzo.

Speranze, dubbi, lagrime, singhiozzi...
quanti ricordi in una casa vecchia!
Ma quanti sorci e quanti bagarozzi!

Trilussa

 
 
 

Li sciambrotti

Post n°477 pubblicato il 19 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

Li sciambrotti

 

Signora, questo è un piatto senza inguacchi:
compri 'na bella cima romanesca,
de quelle fatte a pigna verde, fresca,
je levi torso foje e poi la scacchi.

Si er cacchio è grosso è mejo che se spacchi,
e a garanzia che er piatto je riesca,
faccia bollì co' un pezzo de ventresca
li Rigatoni assieme co' li cacchi.

Soffrigga la cipolla ben tritata,
in ojo e buro a foco moderato
finché nun se riduce cremolata.

Poi ci accondisca Rigatoni e broccoli,
co' parmigiano e pepe macinato,
e si s'abbuffa nun me tiri moccoli.

Aldo Fabrizi

 
 
 

'E porpette ar zugo

Post n°476 pubblicato il 19 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

'E porpette ar zugo

Prezzemolo, co' l'ajo, er pangrattato
e 'n po' dde pane che ne' llatte bbagni,
er parmiggiano e ll'ova poi ce sfragni
e ammischi tutto assieme ar macinato.

Metti ar foco la pentola a pressione,
pe' fà 'sto sugo mettece er battuto,
svapora er vino, si nun l'hai bbevuto,
e aggiugni pommidori a pprofusione.

Fai coce 'n po', prepara le porpette,
mettile a ccrudo ed er coperchio serra:
lassa coce minuti ventisette.

Toji er coperchio e lassalo rapprenne
'sto cibbo che se magna puro a terra!
Magni er seconno e er primo co' le penne.

16 settembre 2016

 

Er zugo e er vino

Si senti che mme viene er zinghiozzino,
probbabbile stavorta che nun magno,
dde certo m'ho bbevuto tutto er vino,
er parmiggiano e ll'ova nun me sfraggno.

Ciariverebbi a 'r primo, er Cel vorebbe!
me sento già ggirà, so' trottorella
si riesco d'arivà, m'assisterebbe!
ciaggiungo puro er pane a mollichella.

Famo 'na cosa, stamo 'n ppo' sereni,
nun dimolo a 'r sughetto che nun vedo,
lo famo scoppiettà e 'r gioco ottieni.

Mme sedo pe' vvedè ch'ho ccombinato
m'ariva 'sto profumo e nun ce credo!
Er vino che llà, manca...l'ho sarvato!!!

Norma Giumelli
16 settembre 2014

 

'Sti cqua

Ammazza se so' bbravi questi cqua,
me paron du poveti un po' ffamosi.
Li nomi forse stanno ad inventà!
Ma è ccerto che dde piatti so' ggolosi.

Me canto e cce ricanto un ber sonetto,
perchè mme piasce de trovà lle rime
e, ppuro si nun è troppo perfetto,
lui vola e sur core nun opprime.

Te pare de conoscenne li gusti
lo vedi cucinà, lì, belli bbelli,
ma 'sti du tipi cqua so' ppropio giusti,

quanno che la ricetta è mantecata,
la proveno di sopra li fornelli
La tastano e poi seggnano: approvata!

Norma Giumelli
20 settembre 2014

 
 
 

Villa Gloria 11-15

Post n°475 pubblicato il 19 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

XI.

Dopo, Righetto assieme a Giovannino
Sortirno dar casale e perlustrorno
Li contorni, e siccome lì vicino
Scoprirno 'na casetta, ce mannorno

Tre fazioni, perché si de lì intorno
Se fosse visto quarche papalino,
Ce dassero er chi-viva su ar casino.
Defatti, poco dopo mezzogiorno,

Vengheno su de corsa du' fazioni;
E dice: — Che li possino ammazzalli!
S'è vista 'na patuja de dragoni.

Se so' avanzati fino sotto ar muro;
Hanno dato la fuga a li cavalli,
E so' spariti in giù pe' l'Arco Scuro.

XII.

Righetto allora, ch'ebbe er sentimento
Che la patuja de ricognizione
Voleva di' l'annunzio der cimento,
Chiama Giovanni assieme a la sezione,

Che c'ero io pure, e dice: — Sur momento
Va a la casetta e pîa la posizione.
— 
Annamo, e mentre stamio chiusi drento,
Dice: — All'armi! Ce semo... Un battajone! — 

Sortìmo. Se mettemo alliniati,
(Saremo stati in tutto dicissette!)
E guardassimo sotto pe' li prati;

E in fonno fra le fratte de li spini
Vedemo luccicà' le bajonette.
— Viva l'Italia!... So' li papalini.

XIII.

Arrivati a la porta der cancello,
La tromba dà er segnale foc-avanti.
Se fermeno. Scavarcheno er murello,
E incominceno er foco tutti quanti.

E mentre stamio tutti lì davanti
A la casetta, drento ner tinello
Er vignarolo in mezzo a quer fraggello
Stava a cantà' le litanie de' santi.

E intanto ch'er nemico s'avanzava
E 'gni palla fischiava pe' cinquanta,
Sentìmio Giovannino che strillava,

Imperterrito immezzo a la tempesta,
Dice: — Pensate che semo settanta
E che ci avemo sei cartucce a testa.

XIV.

Nun sparate che quanno so' vicini...
— 
(E intanto che veniva un battajone,
Se vedeveno l'antri papalini
Che saliveno in su pe' lo stradone):

— Perdio! Nun se spregamo li quatrini...,
Strillava Giovannino, attenti... unione...
Nun sparate che quanno so' vicini...,
Fermi... fermi, perdio! Fermi... attenzione... —

E intanto che le truppe s'avanzaveno,
Che se po' di' che stamio faccia a faccia,
Le palle, fio de Cristo, furminaveno.

Ma quanno che ce córse tanto poco,
Che quasi je potemio sputà' in faccia,
Ninetto urlò: — Viva l'Italia! Foco!

XV.

E lì ner mejo der combattimento
De lotta a còrpo a còrpo davicino,
Ecco Erìgo fuggenno come er vento;
Guarda la posizione un momentino

E strilla, dice; — Addietro, sacramento!,
Ché ve fregheno, addietro, Giovannino!
Addietro, ché restate chiusi drento
Prigionieri... De corsa!, giù ar casino! — 

Lì a la mejo facessimo er quadrato,
E vortassimo in giù pe' lo stradone
Dietro a Righetto a passo scellerato.

E 'rivati ar casale s'agguattassimo
Tra le rose e le piante de limone,
E accucciati lì sotto l'aspettassimo.

Cesare Pascarella
Tratto da: "Sonetti", Nuova ristampa, Casa Editrice Nazionale Roux e Viarengo, Roma-Torino 1906

 
 
 

L'ova in sarza

Post n°474 pubblicato il 19 Settembre 2014 da valerio.sampieri
 

L'ova in sarza

La sarza la pòi fà a 'ste du' maniere.
Più rozza, solo c'ojo, l'ajo, er zale
e li pelati: sai che mme ne cale!
Potresti 'nvece fà 'sto bber penziere:

de zucchero ce metti 'na puntina
e coci er pommidoro a ffoco lento
e vvedi che 'n farai manco 'n lamento
si aspetti puro sino a domattina

pe' cquanto sarà bbona la tua sarza!
Quanno ch'è ccotta, coci l'arbumino
(li rossi 'nvece drento 'n piatto sbarza)

e co' la sarza, fallo smucinà.
E' rrosso mò riscalli un momentino,
magni quattr'ova e tte pòi strafocà!

16 settembre 2016

 

'A sarza

Lo zucchero ar posto de salare!
Mme piasce già 'sto piatto e mmò lo 'mparo.
Li pommidori poi ciandranno a stare
com'er caffè ce 'nciucia co' ll'amaro!

'Na sarza tanto bbona ner penziero
l'ho cconosciuta solo n'antra vorta,
quanno piaggneva lacrime, sincero,
lo stommaco pe' na ggiornata storta.

Nun me ricordo manco der suo nome
è ito come tutti li dolori
tojennome quer peso da l'addome.

Però nun ce l'aveva mica l'ajo
e pe' lassà le lacrime de fòri
lo metto! e anche stavorta nun me sbajo!

Norma Giumelli
19 settembre 2014

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

NORMAGIUMELLIblumannarojank68cuoioepioggiaintemperiefenormone0oscardellestellenonsolo_musicaMarquisDeLaPhoenixgiovanni80_7falsapiriteI.DiamondlarosanigraJakelyn
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom