Community
 
valerio.sam...
   

Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

 

Sbajato ...

Post n°421 pubblicato il 20 Agosto 2014 da valerio.sampieri
 

Embè, c'è poco da dì!

 

 
 
 

L'ingiustizzie der monno

Post n°420 pubblicato il 17 Agosto 2014 da valerio.sampieri
 

L'ingiustizzie der monno

Quanno che senti di' "cleptomania"
è segno ch'è un signore ch'ha rubbato:
er ladro ricco è sempre un ammalato
e er furto che commette è una pazzia.

Ma se domani è un povero affamato
che rubba una pagnotta e scappa via
pe' lui nun c'è nessuna malatia
che j'impedisca d'esse condannato!

Così va er monno! L'antra settimana
che Yeta se n'agnede cór sartore
tutta la gente disse: - È una puttana. -

Ma la duchessa, che scappò in America
cór cammeriere de l'ambasciatore,
- Povera donna! - dissero - È un'isterica!...

Trilussa

 
 
 

La messa de San Lorenzo

La messa de San Lorenzo

Un giorno, a Ssan Lorenzo, entrò un ziggnore
E aggnéde in zagristia co un colonnato,
Acciò un prete sciavessi scelebbrato
Una messa d’un scudo de valore.

Er prete in ner momento fu ttrovato:
La messa se cantò a l’artar-maggiore;
E un’anima purgante ebbe l’onore
De volà in paradiso a bbommercato.

Ma appena er prete se cacciò la vesta,
Accortose la piastra ch’era farza,
Attaccò un Cristo, e ffesce una protesta.

E ll’anima sarvata ebbe er martorio,
Stante la messa che nnun j’era varza,
De tornassene addietro in purgatorio.

Giuseppe Gioacchino Belli
26 aprile 1834

 
 
 

Cesare Pascarella

Post n°418 pubblicato il 10 Agosto 2014 da valerio.sampieri
 

 

In questo post mi limiterò a riportare soltanto alcuni collegamenti a notizie ed opere di Cesare Pascarella (1858-1940), uno dei principali poeti romani.

Notizie

Voce su Treccani online.

Voce su Wikipedia, con vari collegamenti esterni ed un discreto numero di sonetti.

Notizie su Roma Virtuale. Il sito riporta anche una versione incompleta de "La scoperta de l'America" con note e "traduzione" in italiano.

Libri

Sonetti (pdf di 135 pagine da LiberLiber. Edizione: Roma-Torino, 1906). Ne esiste anche una versione in formato odt.
Altra versione in htm su Project Gutenberg.

Poesie sparse

Moltissimi sonetti su Poesie romanesche.

Otto sonetti su Roma-O-Matic.

Poesie su poesie.reportonline.

Poesie e immagini su Roma-Sparita.

Otto poesie su Romanizziamoci.it.

La Fondazione di Roma.

Immagini

Ritratto da LiberLiber

Blog

Parecchie poesie di Pascarella si possono trovare anche su questo blog e su Bibliofilo Arcano.

 
 
 

La cecala d'oggi

Post n°417 pubblicato il 09 Agosto 2014 da valerio.sampieri
 

La cecala d'oggi

Una Cecala, che pijava er fresco 

all'ombra der grispigno e de l'ortica, 

pe' da' la cojonella a ' na Formica 

cantò 'sto ritornello romanesco: 

- Fiore de pane, 

io me la godo, canto e sto benone, 

e invece tu fatichi come un cane. 

- Eh! da qui ar bel vedé ce corre poco: 

- rispose la Formica - 

nun t'hai da crede mica 

ch'er sole scotti sempre come er foco! 

Amomenti verrà la tramontana: 

commare, stacce attenta... - 

Quanno venne l'inverno 

la Formica se chiuse ne la tana; 

ma, ner sentì che la Cecala amica 

seguitava a cantà tutta contenta, 

uscì fòra e je disse: - Ancora canti? 

ancora nu' la pianti? 

- Io? - fece la Cecala - manco a dillo: 

quer che facevo prima faccio adesso; 

mó ciò l'amante: me mantiè quer Grillo 

che 'sto giugno me stava sempre appresso. 

Che dichi? l'onestà? Quanto sei cicia! 

M'aricordo mi' nonna che diceva: 

Chi lavora cià appena una camicia, 

e sai chi ce n'ha due? Chi se la leva.

 

Trilussa

 
 
 

'A pizza de carne

Post n°416 pubblicato il 03 Agosto 2014 da valerio.sampieri
 

'A pizza de carne

Pòi mette, si lo vòi, er pane ammollato,
si l'impasto vòi fà meno compatto;
io preferisco invece er pangrattato
e bbello e tosto er porpettone è ffatto.

Ciaggiungi doppo er sale, er pepe e ppuro
pe' mischialli un po' d'ajo co' l'odori.
'Na bbella consistenza, stà ssicuro,
te farà conquistà 'n ber po' d'onori.

Mò er macinato in una teja stenni,
mozzarella e pomodoro se mette,
sgnaffa in forno e quann'è ccotto lo prenni.

E mmò vedi 'n po' ttu si nun t'attizza
st'affare, doppo che l'hai fatto a fette:
è mezzo porpettone e mezza pizza.

Pasquino Arcano
3 agosto 2014

 
 
 

'A pasta ar forno

Post n°415 pubblicato il 03 Agosto 2014 da valerio.sampieri
 

'A pasta ar forno

L'avrai magnata pizza e mortadella:
doppo che ll'hai magnata nun t'abbasta.
'Sto piatto che tte dico vòle quella,
ma invece de la pizza c'è la pasta.

Va bbene quasi tutto quer che vvòi:
pennette, rigatoni, mezzi zziti.
Si a mette 'n forno ce penzamo noi,
vedrai come starai a leccatte i diti!

L'hai da tajà sottile la mortazza,
co' ssopra mozzarella ed ovo sodo.
Lì su la pasta, magni ed eschi pazza!.

Continua 'sto lavoro fatto a strati,
più ssugo, parmiggiano e ppepe a mmodo.
E si 'n ve piace? Ma mmoriammazzati!

Pasquino Arcano
3 agosto 2014

 
 
 

'A bbruschetta

Post n°414 pubblicato il 03 Agosto 2014 da valerio.sampieri
 

'A bbruschetta

Nun te starò a parlà de pizza e ffichi,
'sta cosa bbona cqui se magna in cento,
pe' cquanto fà stà bbene co l'amichi,
ma si la magni tu, sei più contento.

Vedemio de capì come funziona.
Metti sur foco un po' de pane duro
(si nu' lo trovi, chiedi a la padrona),
un po' raffermo, ... mica come un muro!

Si ppreferisci, lo pòi mette ar forno,
quann'è abbruscato, d'ajo te lo sparmi;
co' ssale ed ojo renne bello er giorno.

Li bicchierozzi ce li metto io,
ccosì cantamo 'nzieme 'n po' dde sarmi:
nun costa gnente, ma ce stai da dio.

Pasquino Arcano
3 agosto 2014

 
 
 

Spaghetti e ova

Post n°413 pubblicato il 03 Agosto 2014 da valerio.sampieri
 

Spaghetti e ova

Pija l'arbume e coci solo quello.
Si vvoi 'n consijo, smucinalo pe' bbene.
Er tuorlo metti in quarche coccomello
e aggiungi un po' dde pepe, come viene.

Mò che la pasta l'hai scolata ar dente,
pòi fà li movimenti più perfetti
si vvoi provà er sapore che sse sente,
quanno te guarda 'n piatto de spaghetti.

Riaccenni er foco sotto la padella,
aggiungi er tuorlo e ddaje 'na scottata,
butta la pasta sempre drento a cquella.

Pòi stà ssicuro, magnerai da re,
'sta pasta là mmischiata e padellata.
Io, pe ffà mmejo, d'ova ne fò ttre!

Pasquino Arcano
2 agosto 2014

 
 
 

Er supplì

Post n°412 pubblicato il 02 Agosto 2014 da valerio.sampieri
 

Er Supplì

Metti che t'è avanzato de' rrisotto
ar pomodoro, bbello mantecato.
Tiello da parte e mmò magni cor botto,
quanno viè sera, un cibbo delicato.

Toji dar frigo e' rriso de stamani,
taja a listelli 'n po' de mozzarella.
E' rriso l'appallocchi ne le mani
e ar centro je ce piazzi 'na listella.

E mò ner pangrattato pòi passà
'sti fiori de perfetta squisitezza
che affoghi poi nell'ojo a arroventà.

Te ingozzi quattro, cinque, sei supplì
e scoprirai che er monno è 'na bellezza:
si nu' li magni, nu' lo pòi capì.

Pasquino Arcano
1 agosto 2014

 
 
 

Li panzerotti

Post n°411 pubblicato il 01 Agosto 2014 da valerio.sampieri
 

Li panzerotti

Lava le acciughe e levaje la lisca.
A pparte 'a mozzarella fà a ddadini
e intanto strizza li pomodorini
pelati, sì che l'acqua scomparisca.

E bbrava! Mò ch'hai fatto tutto quanto,
ammischia er tutto ne lo scolapasta,
aggiungi sale e pepe quanto bbasta
e lassa riposà 'sto bell'incanto.

La crompi o falla la pasta de pane
e facce dei cerchietti lunghi un parmo,
riempi e chiudi un po' a cazzo de cane.

'Na vorta che nell'ojo tu l'hai cotti,
vedennoli dorati, resta carmo:
te gusti 'sta delizzia, i panzerotti!

Pasquino Arcano
1 agosto 2014

 
 
 

Er mortorio

Post n°410 pubblicato il 27 Luglio 2014 da valerio.sampieri
 

Er mortorio

Appresso ar mio nun vojo visi affritti,
e pe’ fa’ ride pure a  ‘st’occasione
farò un mortorio con consumazione…
in modo che chi venga n’approfitti.

Pe’ incenso, vojo odore de soffritti,
‘gni cannela dev’esse un cannellone,
li nastri –sfoje all’ovo e le corone
fatte de fiori de cocuzza fritti.

Li cuscini timballi de lasagne,
da offrì ar momento de la sepportura
a tutti quelli che “sapranno” piagne.

E su la tomba mia, tutta la gente
ce leggerà 'sta sola dicitura:
"Tolto da questo mondo troppo al dente".

Aldo Fabrizi

 
 
 

Senso de proporzione

Post n°409 pubblicato il 27 Luglio 2014 da valerio.sampieri
 

Senso de proporzione

Come s'intese tinticà lì sotto,
er Re de la Foresta, inferocito,
se fece uscì dall'anima un ruggito
pe' da' l'allarme ar Cane polizzotto.

Er Cane corse e j'abbastò un'occhiata
pe' vede una Lucertola agguattata.
Ma quanno se trattò de fa' l'inchiesta,
data la dignità che c'era in gioco,
siccome una Lucertola era poco
pe' fa' spavento ar Re de la Foresta,
s'inventò d'avé visto un Coccodrillo
e tutto quanto ritornò tranquillo.

Trilussa
1938

 
 
 

Spaghettini alla scapola

Spaghettini alla scapola

Tu moje, doppo er solito trasloco,
se gode co' li pupi sole e bagni,
e tu, rimasto solo, che te magni, 
si nun sei bono manco a accenne er foco?

Un pasto in una bettola, a dì poco,
te costa un occhio appena che scastagni;
si te cucini invece ce guadagni
e te diverti come fusse un gioco.

Mo te consijo 'na cosetta cicia
ma bona, pepe e cacio solamente,
che cor guanciale poi se chiama Gricia.

E m'hai da crede, dentro a quattro mura
magnà in mutanne...senza un fiato...gnente...
se gode più de' la villeggiatura.

Aldo Fabrizi

 
 
 

Stella cadente

Post n°407 pubblicato il 24 Luglio 2014 da valerio.sampieri
 

Stella cadente

Quanno me godo da la loggia mia
quele sere d'agosto tanto belle
ch'er celo troppo carico de stelle
se pija er lusso de buttalle via,
a ognuna che ne casca penso spesso
a le speranze che se porta appresso.

Perché la gente immaggina sur serio
che chi se sbriga a chiede quarche cosa
finché la striscia resta luminosa,
la stella je soddisfa er desiderio;
ma, se se smorza prima, bonanotte:
la speranzella se ne va a fa' fotte.

Jersera, ar Pincio, in via d'esperimento,
guardai la stella e chiesi: — Bramerei
de ritrovamme a tuppertù co' lei
come trent'anni fa: per un momento.
Come starà Lullù? dov'è finita
la donna ch'ho più amato ne la vita? —

Allora chiusi l'occhi e ripensai
a le gioje, a le pene, a li rimorsi,
ar primo giorno quanno ce discorsi,
a quela sera che ce liticai...
E rivedevo tutto a mano a mano,
in un nebbione piucchemmai lontano.

Ma ner ricordo debbole e confuso
ecco che m'è riapparsa la biondina
quanno venne da me quela matina,
giovene, bella, dritta come un fuso,
che me diceva sottovoce: — È tanto
che sospiravo de tornatte accanto! —

Er fatto me pareva così vero
che feci fra de me: Questa è la prova
che la gioja passata se ritrova
solo nel labirinto der pensiero.
Qualunquesia speranza è un brutto tiro
de l'illusione che ce pija in giro. —

Però ce fu la mano der Destino:
perché, doppo nemmanco un quarto d'ora,
giro la testa e vedo una signora
ch'annava a spasso con un cagnolino.
Una de quele bionde ossiggenate
che perloppiù ricicceno d' estate.

— Chissà — pensai — che pure 'sta grassona
co' quer po' po' de robba che je balla
nun sia stata carina? — E ner guardalla
trovai ch'assommava a 'na persona...
Speciarmente er nasino pe' l'insù
me ricordava quello de Lullù...

Era lei? Nu' lo so. Da certe mosse,
da la maniera de guarda la gente,
avrei detto: — È Lullù, sicuramente... —
Ma ner dubbio che fosse o che nun fosse
richiusi l'occhi e ritornai da quella
ch'avevo combinato co' la stella.

Trilussa

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

solitude.romanticcasalauracilentoPhoenix_from_MarsDueHalzini49raniero9NORMAGIUMELLIpsicologiaforensevololowvalerio.sampierioscardellestelleSky_Eaglemennillosalvatorenicolina1947serio.vin
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom