Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

 

Roma mia

Post n°4073 pubblicato il 16 Agosto 2017 da valerio.sampieri
 

Roma mia

Certo perché le ho dato
tutti gli anni della giovinezza,
e con gli anni i sogni,
amo Roma con intimità.
Roma si trasforma e si rinnova
nell'aspetto e nella sostanza
e quel che c'è di nuovo e di grande
voi lo sapete meglio di me.
Nessuno però riuscirà a togliere
al travertino essenziale
le calde dorate luci
a primavera;
o la cinerea asprezza
che gli dà il cielo ambiguo
d'autunno,
quando soffia scirocco
per cui risento,
con una stretta desolata,
l'ipocondria del Belli.

Ettore Veo
Maggio del 1933
Da: Strenna dei Romanisti 1943, pag. 109

 
 
 

Via de San Bonaventura - Er pesce rondine e er pesce luna

Via de San Bonaventura

Silenziosa e anniscosta dietro ar Foro,
ècchete la stradetta.
Tra er verde più odoroso,
cammini e arrivi fino a una chiesola.
Una via piccoletta:
ma tra l' antiche mura
trovi la pace a San Bonaventura.

Alvaro Brancaleoni
Strenna dei Romanisti, 1961, pag. 318

Er pesce rondine e er pesce luna

Er pesce luna disse ar pesce rondine:
«Sei na rondine o un pesce?».
E quello je rispose: «Che t'importa,
si quarche vorta m' arzo da la schiuma?
Piuttosto, tu, chi sei, grasso e impallato,
come li pezzi grossi
che campeno a le spalle de la gente?».
«Senti chi parla!» - scattò er pesce luna -
«E tu che fai?»
«Io fo ...
e nun sto corco
sdraiato come un porco.
So' come er poveretto, che dar mare
de la vita e dar gelo
se solleva ogni tanto e guarda er celo».

Alvaro Brancaleoni
Strenna dei Romanisti, 1961, pag. 318

 
 
 

Er core der popolo II

Er core der popolo

II

Sto fatto te dimostra chiaramente
la gran bontà der popolo, per via (1)
che, quanno ha da pijà 'na simpatia,
per chi la pija? per un delinquente.

L'assassinato è sempre un. propotente ...
Er testimonio a carico è 'na spia ...
Er reo viè assorto... Evviva la giuria ...
E vedi tutto che finisce in gnente.

Se domani, pe' fattene un'idea,
quer boja (2) de Nerone, ch'è Nerone,
telegrafasse: «Arrivo co' Poppea»,

er popolo direbbe: - Me ne glorio! -
E j'annerebbe incontro a la stazzione
co' le fanfare de l'educatorio (3)!

Note:
1 Per la ragione.
2 Quel ribaldo.
3 Le varie organizzazioni giovanili del tempo, che portavano questo nome possedevano ciascuna una fanfara di ragazzi.

Trilussa
1913

Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 407

 
 
 

Glio fiumo affatato

Glio fiumo affatato
(dialetto ciociaro)

Sotto a lla luna piena, che, ridènne
de cuntentezza, ci sse spèrchia drentro,
tra du' filara uàute de cuppi,
glio fiumo passa e sse ne va, cantènne.
I cómme canta dóci! i cómme è béglio
musséra! È tuttoquanto
lustro de larzi d'oro
i de perlucce, che mó se sparpàgliono
a 'nna ventata, cómme le stellucce
de 'nno pagliaro che va a fóco, i mó
de bóttos'arammùcchiono i sbrabbàglioni
tanto, ca tu te cridi
ca drentr'a ll'acqua ci stà 'nu tisoro.

Masséra, a jécco, ca' fatuccia bella
è venuta a spassasse co' ca' mago
giovanottiglio: própia!
i s'appizzo le récchie,
a me mi pare de sentì da chélla
rótte, tramézzo a chigli tufi niri
'na mùseca de bbaci i de suspiri ...

La pica lenguacciuta, ch'a lle scélle
tè tante belle penne trucchinelle,
vola ncìma a 'nno cuppo, ddò stà ancora
gli annìdo abbandunato da li figli,
i mentre gli arigli
i le ranógne càntono,
jéssa dà certi strigli,
ca pare la majéstra de ll'orghèstra.

Pe' lle tàrtere, 'n'ombra
mó vola i mó se pósa,
i fa, de quando nquando,
cuccovì, cuccovì;
è la ciuvitta, che nse pô sta' zitta,
ca puro a jéssa frìccica ca' ccósa!

Le fémmene, che stavo ajéssi ncima,
assése a ll'ara de lla Mòla, i alègre
scartócciono gli tuti, fao gli accórdo
a 'nna givinottélla cantarina,
che da gli fiuri bègli
de giardino o de campo
pìglia la mossa pe' ntonà sturnégli,
(Ma ched'è 'sto rumóro? Tre mammòcci,
ch'ao fatto fino a mmó gli scapoturzi,
s'arìzzono i, tramézzo a gli cartócci,
fao la grida a glio treno,
che cìfia i sse nne va, cómme 'no lampo).
Càntono tutti, canta
glio mulinaro a lla mola vicina,
sotto a lla tóre, i canta, de luntano,
'no carrettéro, pe' lla via d'Anagni.
A ll'arcatura, ddó ci passa a ccósto
glio pònto vécchio, canta la cascata
de ll'acqua, che sbattènne da 'nna prèta
a ll'atra, futa, sduzza, 'sgrizza, schiama
i fa 'no fumo de tanti culùri,
ca pare da vedé gli arcobaleno ...

Masséra che lla luna
se bbacia co' glio fiumo,
tutto se tòrci i trema de passione,
mmézzo a suspiri i lagni!

Gli pésci vévo a galla pe' sentì,
i le ciammaruchélle, appiccicate
a ll'èrue i alle cannucce de lle stóppie,
pe' glio piacéro càcciono le vava:
i puro le mariòle appassiunate
vùlono i vao cerchènne gli fiuritti
pe' bbaciàgli: dao fóri le lancèrte,
i, sbucènne la ima, gli vermitti
vévo a fa' capoccèlla ...

Prò, che pena, che cróci
pe' tutte 'st'alemucce senza vóci
a nun potésse accordà puro jésse
co' chi stà a fa' sta bella serenata!
Ma 'n'alema mé', recólema d'amoro,
canta pe' tutte 'st'alemucce mpéna,
i canta a ll'acqua d'oro de glio fiumo
i a lla bellezza de ìsta luna piena!

Note: Uàute: Alte - Cuppi: Pioppi - Dóci: Dolce - Larzi d'oro: Scintille d'oro - Masséra: Stasera - Ajécco: Qui - Ca': Qualche - Rótte: Grotta - La pica: specie di gazza, che vive lungo i fiumi - Scélle: Ascelle, ali - Avigli: Grilli - Ranógne: Ranocchie - Tàrtere: Tartare, località che prende il nome da una specie di travertino spugnoso ch'è chiamato appunto tàrtara - Ajéssi ncima: costassù - Scartócciono gli tuti: Liberano dai cartocci le pannocchie di granoturco - Mammòcci: Bambocci, ragazzini - Scapoturzi: Capriole - Cifia: Fischia - Prèta: Pietra - Arcatura: Punto alto del fiume, donde d'inverno, e talvolta anche d'estate per pioggie eccezionali, l'acqua, traboccando, fa un bel salto - Futa: Precipita rombando - Sduzza: Rimbalza - Sgrizza: Schizza - Schiama (verbo): Fa la schiuma - Se bbacia: Si bacia - Ciammaruchelle: Lumachelle - Erue: Erbe - Càcciono la vava: Emettono le bave (la bava) - Mariòle: Farfalle - Dao fóri le lancèrte: Sbucan fuori le lucertole - I sbucènne la ima: E sbucando la melma - Prò: Però - Vóci, cróci: Voce, croce - Alemucce mpéna: Animucce in pena, animucce dolenti.

Arturo Taggi
Da: Strenna dei Romanisti, 1941, pag. 112-114

 
 
 

'Ccusì jarà!

'Ccusì jarà!

Rose rósce
de recunoseenza ciociara.

I.

Perché tutti te lànciono glio còro,
perché tutti te chiàmono cunténti
quando t'affatti pe' parlà a lle génti,
'Ròjo de brunzo co' lla voci d'oro?

Nun è perché mó téo paci i lavoro,
mentre Tu, a glio timóno, sempre atténti,
guidi l'Italia co' mani prudénti
o ardite, comme te fà fa' gli' amoro?

Chi ci ha redata l'àquela mperiale?
chi ha fatto nàscia, ddó stéa la malaria,
tante cità, co' lle più be/le a paro?

Chi mó ci dà 'na Mostra 'nniverzale,
màrmori, ville i giochi d'acqua a ll'aria,
pe' ll'alegrìa ca Roma và a glio maro?

Note: 'Ccusì jarà: così andrà. (Si noti una certa analogia con l'espressione francese: ça ira) - Te lànciono glio còro: ti lanciano il cuore - T'affatti: Ti affacci - Ròio de brunzo: Eroe di bronzo - Tèo:
Tengono, hanno - Ha fatte nàscia tante cità, co' lle più belle a paro: Ha fatto nascere tante città, in linea con le più belle - Màrmori: Marmi.

II.

'Ròjo de féro co' gli ócchi de fóco,
pe' chéllo che pe' nui sì fatto già
i pe' quant'atro ancora Tu ha' da fa',
a rengrazziatte nun è tróppo póco?

Viàto chi, curènne ajécco i allòco,
Duci, pe' tì se pò sacrificà -
pe' tì, che sì la Patria - i è ito o và
ncuntro a lla morte, comme a ì a 'nno gioco!

... A glio mumento bóno, quando Tu
zumpi a cavaglio pe' la guèra santa,
l'Italia nte vè apprésso tutta quanta?

La Sòre ngrata - allora - i che deppiù
ce ll'ha co' nui, l'«Isula spèrza» i l'atre
figliòzze belle nne redà a lla Matre?

Note: Ròjo de fèro: Eroe di ferro - Pe' chéllo: Per quello - Viato: Beato - Curènne ajécco i allòco (dal latino heic, ad locum): Accorrendo qui e là - Nte vè apprésso? Non ti segue? - La Sòre ngrata i che deppiù ce ll'ha co' nui: La sorella ingrata e che ha contesa con noi, più d'ogni altro - L'«Isula sperza»: L'Isola sperduta - Ll'atre figliozze belle nne redà a lla Matre?: E le altre figlie belle non le restituisce alla Madre?

III.

Revévo nfióro, apprésso a lla Vittoria,
l'arti, le ndustrie i glio cummércio ... Schitto
Mussolini trionfa, i tira ritto
a scriva - ma più bella - 'n' atra Storia.

Addó stao le Nazziùni co' lla bòria
de crédese d'avécci glio diritto
de gli' «Asso piglia tutto »? Mó stà scritto:
Gnènte senza de tì, Forza Littoria.

L'Italia vénci sempre, i nun s'appónta,
i afónna bbè la vanga i la vommèra,
perché ha da véncia 'n'atra bella guèra.

'Ròjo d'acciaro co' glio Sólo nfrónta,
Tu nun sì ditto ca la tèra è bòna
i dà la gràscia a chi nu' ll'abbandona?

Note: Revévo nfióro: Rivengono in fiore (tornano a fiorire) - Schitto: Soltanto - Addó stao: Dove stanno - Co' lla bòria de crédese d'avécci glio diritto de gli' «Asso piglia tutto »: Con la boria di credersi d'averci il diritto di appropriarsi tutto, come, nel noto giuoco delle carte, in cui l'asso piglia tutto - Gnente senza de tì: Nulla (si fa) senza di te - Nun s'appónta: Non si ferma, non sosta - La vommèra: il vomere - Co' glio solo nfrónta: Col sole in fronte.

Attilio Taggi
Strenna dei Romanisti, 1940, pag. 59-61

 
 
 

Roma sparita

Roma sparita

Me lo sai dì ched'erano 'na vorta
queli spuntini sotto ar pergolato,
all' osteria presempio der curato,
sarebbe come a dì fori de porta?

Viaggi! Fatti a piedi o in botticella,
co' sòcere, parenti e regazzini,
tra lo sfilà de tiri e carozzini,
p'annasse a fà un litrozzo a garganella.



Nun se poteva dilla propio morta
Roma d'allora, si nun era nato
ancora tutto er traffico addannato
der giorno d'oggi. L'omo d'una vorta

ancora ce l'aveva l' animaccia!
Roma era viva! E come! Cacchio Betta!
Pure se tra li serci un po' d'erbetta
la vedevi spuntà - Viva la faccia!

Aulo Sciziano
Strenna dei Romanisti, 1961, pag. 298

 
 
 

Er Natale dell'omo solo

Er Natale dell'omo solo

Cià er freddo nell'ossa, stasera:
cammina cor bavero arzato
e guarda per tera
l' asfarto bagnato.
Indove è diretto? Cammina.
Stracina li piedi e nemmanco
je va d'arzà l'occhi.
Natale! Li fiocchi
de neve so' tante farfalle
d'ovatta sull' arberi finti.
Natale! Su celi dipinti
d' azzuro, cammineno lente
le stelle comete.

C'è come una sete
de pace, nell'aria. La folla
pe' strada è contenta.
E lui, l'omo solo, rasenta
li muri strignenno in saccoccia
na boccia de latte,
e penza che a casa l'aspetta
un vecchio orologgio che batte.

Vincenzo Misserville
Strenna dei Romanisti, 1961, pag. 255

 
 
 

L'acqua rumatica

L'acqua rumatica (1)

«Che ccrompi?» «Crompo l'acqua de lavanna». (2)
«Che ddiavolo sce fai?» «Pe ddà l'odore».
«E ppoi dove la porti?» «A la locanna».
«E ppe cchi sserve?» «P'er Commannatore». (3)

O mmatti come la raggion commanna! (4)
Sciacquatura de culi de signore
ha da esse 'no spirito de manna
da méttete p'er naso un bon fragore! (5)

Ma ssi tte dico, cristo, che ssò ccose
cose da diventacce sticcaleggna, (6)
e ddoppo imminestrà (7) bbôtte fecciose.

Sto monno-novo tanto se l'ingeggna
c'ha ttrovo a ddà ppe bbàrzimo de rose
l'acqua che cce se laveno la freggna.

Note:
1 Aromatica.
2 Lavanda, lavandola o «spigo».
3 Commendatore.
4 A non più su.
5 Fragranza.
6 Tagliatore di legna da fuoco.
7 Ministrare, dispensare.

Giuseppe Gioachino Belli
Roma, 23 ottobre 1831 - D'er medemo
(Sonetto 224)

 
 
 

Sul Palatino ...

Post n°4065 pubblicato il 14 Agosto 2017 da valerio.sampieri
 

Sul Palatino ...

Pietoso manto di verzura
ricopre le ruine
di tanta potenza. Il tempo
in silenzio rode
l'eccelse memorie, incline
a livellar le grandezze dei Cesari
e la miseria di uno schiavo
senza nome e senza storia ...

Il viandante
che passa in fretta non ode
il mormorio delle pietre
che diventano polvere,
non comprende
il mistico linguaggio
del passato che confessa
a chi sente
d'aver veduto il sole
carezzare ugualmente
i fastosi palagi
e la imponente miseria
di Roma ruinante ...



Nella mente passa un lungo
corteo di nomi
di eroi: drammi e tragedie
recitate alla plebe:
un corteo d' ombre millenarie
che portan lo stesso volto
di commedie
umane d'oggi, con la maschera
diversa ...

Mi siedo su una pietra - ultimo avanzo
d'un monumento
chissà di qual personaggio
e so che prima di me,
centinaia d'anni forse,
qualcuno qui sedeva
e sentiva quel che ora io sento
contemplando la tomba
d' ère fastose:
ossia che tutto nasce per morire
e che il tempo
distrugge ogni materia,
oblia ogni grandezza
e che sol vive lo spirito e vale
morir nella bellezza ...

Leonardo Kocienski
Strenna dei Romanisti, 1961, pag. 272

 
 
 

Tutte so' visite, ma questa ... e poi nun più

Foto di valerio.sampieri

Tutte so' visite, ma questa ... e poi nun più

Pallida Mors aequo PULSAT pede ...
(latino = romanesco di venti secoli fa)

I

Pe 'na via (corta) corta e (quieta) quieta
passa la Morte e bussa ...
A chi tocca 'sta vòrta?
S'è fermata a la porta
de casa d'un Poeta,
che risponne a l'invito
cò un mezzo sorisetto:
«So' pronto; ecco, ho finito
pròpio adesso un sonetto
e posso venì via
(tanto più che so' vedovo,
senza 'na compagnia) ...»
E la Morte: «Si vôi
dàje 'na riguardata,
m'inchino a la Poesia,
fo 'n' eccezzione e aspetto,
s' arivedémo poi ...
domani in matinata.»
E Lui: « Grazzie, Signora,
je so' tanto obbrigato,
ma ho tutto sistemato,
messa 'gni cosa a posto.»
E la Commare: «Allora,
si è cusì, me t'accosto.»

II

De visite n' ha avute,
sempre alegro e in salute:
un sacco de persone,
artisti, giornalisti,
conoscenti o mai visti -
c'era la pricissione!
Ma 'st' urtima arivata
mai c'era capitata ...
Lui sùbbito ha capito
dall' ombra der farcióne ...
Finzione la premura,
la stima, li riguardi,
pe' Quella è sempre tardi
fa' rispettà «la legge de Natura.»

III

Tutti morimo, tutti -
solamente la Morte
che porta tanti lutti
nu' more: è troppo forte -
è inutile studià
de che è fatta, chissà?!
Certo, si Lei morisse, sarvognuno,
doppo nu' morirebibe più gnisuno!

Pietro Belloni
Strenna dei Romanisti, 1961, pag. 234

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

claudio.ravagliNuvola_volavalerio.sampieriWeb_LondonNORMAGIUMELLIthe.pink.shadesafetyformanfratrotarousejack1955HomoPocoSapiensaristofane4n3ibbioacetil
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom