Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Nove Poesie (di Trilussa)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

 

Virginia G.dei Zuccheri

Virginia Gemma dei Zuccheri

In fra le Donne che alle lettere educarono la mente ed il cuore, e coi parti del loro ingegno smentirono in ogni tempo l’avvilimento in cui la calunnia dello Straniero a dispetto del vero le vuole tenute nella nostra Italia non occupa l’ultimo luogo Virginia Gemma de’ Zuccheri di Orvieto. Nel secolo decimoquinto coltivò essa le lettere, e dettando rime soavissime onorò la patria, se, ed il suo sesso. Il nome di Lei vive ancora nel Rosario poetico di tutti i Poeti, dove molte sue poesie si leggono insieme a quelle di letterati valentissimi. Più altre ne sono riportate in raccolte diverse di rime, e Luisa Bergalli la collocò fra le più illusti rimatrici inserendone alcune nella raccolta che fece col titolo - Componimenti poetici delle più illustri rimatrici d'ogni secolo - publicata in Venezia pei tipi di Antonio Morra nel 1726. Non è dato affermare il tempo determinato della morte di questa cultrice delle lettere, ma nondimeno ciò si giudica con certezza mancata ai vivi prima dell’anno 1500. Il Sonetto in morte di nostro Signore che qui ne piace riportare sia ad esempio della valentia con cui Virginia Gemma de’ Zuccheri seppe corre i più bei fiori nel Parnaso, de' quali ornata la fronte andò tra le donne della patria, e del suo tempo distinta.

Sonetto

Usa a’ vani sospir, misero core,

Usa a’ vani sospir, misero core,
Or t’ingombra di gioia alta, infinita;
Ch’ oggi il Signor morì, per darci vita,
E lava col suo sangue il nostro errore.

L’ antica servitù, l’ empio timore
Tolto n’ ha l' un, l’ altra da noi sbandita:
Questa è sola la vittima gradita,
Che offrì pei figli suoi, l'eterno Amore.

Volgiti a lui, che glorioso siede
Alla destra del Padre, ove m'attende,
Ove de’ suoi tesor m'ha fatto erede.

E pien di fe, che di la sù discende,
Ivi si alza il volto tuo; chè senza fede
In vano uom s'affatica, e i passi stende.

Tratto da: Ritratti poetici con note biografiche di alcuni illustri uomini di Orvieto, Orvieto Presso Sperandio Pompei, 1841, pagina 46

 
 
 

La maschietta d'oggi

Post n°1810 pubblicato il 05 Luglio 2015 da valerio.sampieri
 

La maschietta d'oggi

I

Parla cór fidanzato

De chi sospetti? der commennatore?
Me potrebb'esse padre, amore santo!
Vie pe' casa, è verissimo, ma in quanto...
Te giuro: mai! Parola mia d'onore!

Perché ce sòrto (1) assieme? È un disonore
se me porta a balla de tant'in tanto?
Questo dipenne ch'abbitamo accanto,
ma c'entra tutto meno che l'amore.

Da quanno lo conosco nun m'ha detto
una mezza parola fôri posto:
mai che m'abbia mancato de rispetto...

Io me n'accorgo quanno che ce ballo:
avressi da vedé com'è composto;
mica fa come te, brutto vassallo (2)!

1 Ci esco.
2 Birbante.

II

Parla cór boccetta (1)

Tu dichi che j'ho dato confidenza,
però te sarà parso, cocco bello,
che a tutti la darei meno ch'a quello:
è troppo regazzino, abbi pazzienza!

Quarche vorta ce scherzo, ma, in coscenza,
me pare de giocà co' mi' fratello;
a me me piace l'omo attempatello
che ciabbia un pochettino d'esperienza.

Io preferisco a te (2), Pasquale mio,
a tanti giovenotti che ciò intorno:
je fai fichetto (3)... Te lo dico io!

Te posso garantì che a petto a loro...
Ma questo te lo dico un antro giorno,
quanno me compri l'orloggetto d'oro.

1 Col vecchietto.
2 Preferisco te.
3 Li superi.

Trilussa

 
 
 

Fàmose 'na bbruschetta

Post n°1809 pubblicato il 05 Luglio 2015 da valerio.sampieri
 

Fàmose 'na bbruschetta

Er pane tajal' erto propio 'r giusto
e ppoi co' ll'ajo dai 'na strufinata;
pe' bbruschettallo abbasta 'na scottata,
co' 'n filo d'ojo vederai che ggusto.

La pôi magnà così, sempricemente,
oppuro daje 'n poco più ssapore
e ppôi magnalla quasi a tutte l'ore:
la posi ar fôco e magni immantinente!

Si vvôi sentilla ancor ppiù ssaporita,
l'origheno ce vô' cco' ddu' fojette
che ddanno der basilico l'odore,

che tte farà leccà tutte le dita,
sur pommidoro fatto bbello a ffette:
mo' mmejo maggnerai de 'n gran zziggnore.

Valerio Sampieri
4 luglio 2015

 
 
 

Er professore de filosofia

Post n°1808 pubblicato il 04 Luglio 2015 da valerio.sampieri
 

Er professore de filosofia

Lo chiamaveno er Matto, poveraccio!
Invece era un filosofo, purtroppo!
Pallido, allampanato, mezzo zoppo,
con un fascio de libbri sotto ar braccio
pareva che covasse li misteri
dedietro ar vetro de l'occhiali neri.

A mezzoggiorno lo vedevo spesso
ch'entrava a l'Osteria de la Speranza
pe' cojonà lo stomaco e la panza
con un po' de minestra e un po' d'allesso,
ché er Professore, fra li tanti guai,
magnava poco e chiacchierava assai.

Se aveva da discute d'una cosa
pesava le parole, e piano piano
se grattava la barba co' la mano
con una mossa seria e pensierosa,
come se ricercasse in mezzo ar pelo
l'idee che je veniveno dar Celo.

E che discorsi! Robba mai sentita!
Dice: - Laonde la Raggione pura
dimostra come in tutta la Natura
esiste un'armonia prestabbilita:
er Sole è tondo, ma se fosse ovale
se chiamerebbe Sole tale e quale... -

Benché nessuno ce capisse un fico
tutti quanti je daveno raggione;
e quanno l'oste, ch'era un vassallone (1).
l'approvava in un modo che nun dico (2)
er Professore se copriva l'occhi
per aspettà la fine de li scrocchi (3).

Allora s'arrabbiava: e quarche vorta
faceva un gesto tanto esaggerato
ch'er vecchio manichetto inammidato
sortiva da la manica un po' corta,
se scartocciava, je zompava (4) via
e ruzzicava (5) in mezzo a l'osteria.

- Per me, - me disse un giorno - nun c'è gnente:
io nun credo né all'ommini né a Dio...
- A le donne, però? - je chiesi io -
Dico: ce crederà sicuramente...
Come? nemmanco a quelle? Abbia pazzienza,
ma così s'avvelena l'esistenza!

Chi vive senza fede e senza amore
nun pô sentisse l'anima tranquilla:
la fede è l'acciarino che scintilla
su le speranze che ciavemo in core,
e la prima speranza è sempre quella
d'esse capito da una donna bella.

Lei ciavrà avuto una persona cara,
forse un'amica... - Lui me disse un nome,
però lo disse a mezza bocca, come
se masticasse una parola amara:
poi s'aggiustò l'occhiali, ma nun tanto
da nun fa' vede er luccichio der pianto.

E, un po' scocciato per avello detto,
tossì, sputò, se soffiò er naso e rise:
se leccò un deto (6) e subbito se mise
a sfojà le facciate d'un libbretto;
sfoja che t'arisfoja scappò fòra
una fotograffia d'una signora.

- Eccola! - disse - Forse lei s'immaggina
ch'io sia tarmente stupido e balordo
da tenella qui drento pe' ricordo...
No, no... me serve per segnà la paggina... -
Io nun risposi e dissi in mente mia:
- Che fregatura la filosofia!

Note:
1 Un chiassone, un burlone.
2 Indecente.
3 Rumori.
4 Gli saltava.
5 Ruzzolava.
6 Dito.

Trilussa

 
 
 

Er bene pe li Morti

Er bene pe li Morti

Oggi se dà ccomincio (1) all’ottavario
de li poveri Morti; e ddite puro (2)
che ttra ppredica, moccoli, e rrosario,
se (3) vòta er purgatorio de sicuro.

Se sa, (4) a le donne, llì mmezz’a lo scuro,
quarche ppízzico ar culo è nnescessario.
Quarche smaneggio tra la porta e ’r muro
serve a li vivi pe un tantin de svario.

Ecco er fine de tante bbaraonne (5)
de regazze che vvanno pe le cchiese.
Quest’è ’r carnovaletto de le donne.

Tutte sciànno (6) piú o mmeno er zu’ racchietto, (7)
e llí, ssiconno (8) er genio der paese,
fanno l’amore senza dà ssospetto.

Giuseppe Gioachino Belli
1° novembre 1833
Sonetto 1009

Note:
1 Si dà principio.
2 Pure.
3 Si.
4 Si sa.
5 Baraonde: frotte.
6 Ci hanno, semplicemente «hanno».
7 Il suo ganzo.
8 Secondo.

Marcello Teodonio (Il Calendario del Belli, Tascabili economici Newton, 1995) commenta, tra l'altro:

Smaneggio = testamento

Racchietto = ragazzo, innamorato (scrive Vighi che la parola racchio ha subito in un secolo, per influenza del napoletano, un capovolgimento semantico; al tempo del Belli racchia si diceva di "giovinetta leggiadra, e per lo più polputella", come spiega Belli in una nota.

... Ma a leggere questo sonetto, l'occasione dell'ottavario era propizia per attività che di spirituale avevano davvero ben poco, visto che, approfittando del'oscurità e della promiscuità delle funzioni, tra pizzichi e smaneggi qualcosa si poteva senz'altro rimediare. E' questo un tema boccaccesco e libertino su cui Belli torna più volte, anche in una poesia italiana.

 
 
 

La morale

Post n°1806 pubblicato il 03 Luglio 2015 da valerio.sampieri
 

La morale

Una bella matina er direttore
d'un Giardino Zoologgico vestì
le scimmie, le scimmiette e li scimmioni
co' li carzoni de tela cachi.
Una vecchietta disse: — Meno male!
che armeno nun vedremo certe scene...
Er direttore l'ha pensata bene:
se vede che je preme la morale... —
Una Scimmia, che stava ne la gabbia
tutta occupata a rosicà una mela,
intese e disse: — Ammenoché nun ciabbia
un parente che fabbrica la tela...

Trilussa

 
 
 

De claris mulieribus 005

De claris mulieribus

CAPITOLO V.
Cerere, Dea delle biade, Reina di Sicilia.

Cerere, secondo che piace a’ molti, fu antichissima reina di Sicilia, e fu di tanto ingegno, che avendo pensato lo lavorar della terra, ella prima appresso i suoi domò i buoi, e trovò l’aratro e il vomere, usògli a portare il giogo, e con fatica di quelli fendere la terra, e spargervi la semenza per li solchi: la quale crescendo per molte biade, insegnò agli uomini, usati vivere di ghiande e di pomi, trarre quelle dalle spighe, macinare la biada, fermentare la farina e farne corpo. Per lo quale servigio, essendo quella mortal femmina, pensarono quelli esser Dea delle biade, onorandola con divini doni, e fu creduto che ella fosse generata di Saturno e di Cibele. E ancora dicono, che Proserpina sola fu sua figliuola generata da Giove suo fratello; e dicono, che con grande turbazione di sua madre fu rubata da Orco Re dei Molossi, e fu cercata lungamente, e per questo fu data cagione di molte favole. Fu ancora un’altra Cerere in Eleusi, città nel paese d’Atene, famosa appresso de’ suoi per quelli medesimi servigi; alla quale, dicono che tutto il mondo fu obbediente; la quale gli antichi magnificorono ugualmente con pari deità ed onori. Parmi assai far menzione d’amendue, e dei loro ingegni sotto un vocabolo. E certamente io non so se io lodi o se io bestemmj lo ingegno di quelle. Chi dannerà, gli uomini venti a modo di fiere essere tratti a migliore vita? chi dannerà, le ghiande essere mutate in biade, per le quali i corpi diventano più dilicati, le membra più forti, e i nutrimenti sono più conformi all’uso umano? chi dannerà, lo rozzo essere mutato in civile? chi dannerà, lo mondo scuro, incolto di bosco, assediato di spine e di disutili piante, essere mutato in bellezze e pubbliche utilitadi? chi dannerà, che gl’ingegni, sieno mutati di pigrizia a contemplazione? chi dannerà, quelle forze, che erano pigri nelle spelonche, essere tratte agli esercizj delle cittadi e delle ville; per le quali sono ampliate tante cittadi, e sono edificate di nuovo, sono cresciute tante signorie, e sono trovati tanti mirabili e eletti costumi, e trovato lo magisterio dell’arte delle biade; la quale benchè per sua natura sia buona, e che sieno buone tutte le cose sopraddette, secondo il giudizio de’ più, come io penso, sarà detto finalmente per lo contrario: chi loderà la moltitudine sperta, abitante le selve, usata alle ghiande, alle poma selvatiche, allo latte delle bestie, all’erbe e al fiume, la quale ha i suoi petti senza pensieri, contenta per la sua legge della natura, sobria e vergognosa, senza inganno, nemica solamente alle fiere e agli animali, essere tratta a’ più dilicati e non conosciuti cibi; dalli quali, se noi non ne inganniamo, noi medesimi, vedemmo che è seguito, dare alli vizj, stati lungamente nascosti e tementi, venire in palese, e dare sicurtà di procedere innanzi. Per questo i campi che noi vedemmo comuni, furono cominciati a avere confini, e seguì poi il pensiero dello lavorio dei campi, e fu cominciato partire le fatiche tra gli uomini: da questo venne di dire mio e tuo, i quali sono certamente vocaboli nemici della quiete pubblica e privata; da questo è proceduta la povertà, la servitù, e ancora le discordie, odj e sanguinose guerre, e la invidia che vola da ogni parte, le quali cose hanno fatto che le piegate falci, appena ancora provate a mietere le biade, fossero convertite in spade diritte e acute contro lo sangue; per questo è navigato il mare, e conosciute le cose di ponente da quelle di oriente, da questo è venuta la delicatezza e lo ingrossare dei corpi, e gli ornamenti delle vesti, le tavole più dilicate; la pigrizia, l’ozio, e la lussuria, che insino a quel tempo era stata fredda, cominciò a scaldarsi con grandissimo danno del mondo. Che forse è peggio, se nel passare degli anni, come alcuna volta avviene per disposizione del cielo, o per guerre, le terre rispondono variamente, siegue la carestia delle biade, il digiuno è più duro che non era prima, e l’aspra fame, non conosciuta mai nelle selve, entra nelle piccole case dei poveri uomini, spesse volte non senza pericolo del ricco. Da questa nasce la magrezza, la infernale pallidezza, la debolezza, per la quale si va tremando, e molte ragioni d’infermitadi, e della affrettata morte. Le quali cose considerate con altre cose senza novero, appena so, anzi lo so, che fu da mettere innanzi quelli secoli d’oro, rozzi e agresti a questi nostri di ferro e adornati.

Giovanni Boccaccio

VOLGARIZZAMENTO
DI MAESTRO DONATO DA CASENTINO
DELL’OPERA INTITOLATA
DE CLARIS MULIERIBUS DI M. BOCCACCIO
PROLOGO
Incomincia il Libro delle famose Donne, compilato per lo illustrissimo uomo M. Boccaccio, poeta fiorentino, a petizione della famosissima reina Giovanna di Puglia, traslatato di latino in volgare da M.° Donato da Casentino.

 
 
 

Er carattere

Post n°1804 pubblicato il 02 Luglio 2015 da valerio.sampieri
 

Er carattere

Un Rospo uscì dar fosso
e se la prese cór Camaleonte:
- Tu - dice - ciai le tinte sempre pronte:
quanti colori che t'ho visto addosso!
L'hai ripassati tutti! Er bianco, er nero,
er giallo, er verde, er rosso...
Ma che diavolo ciai drent'ar pensiero?
Pari l'arcobbaleno! Nun c'è giorno
che nun cambi d'idea,
e dai la tintarella a la livrea
adattata a le cose che ciai intorno.
Io, invece, èccheme qua! So' sempre griggio
perché so' nato e vivo in mezzo ar fango,
ma nun perdo er prestiggio.
Forse farò ribbrezzo,
ma so' tutto d'un pezzo e ce rimango!
- Ognuno crede a le raggiorni sue:
- disse er Camaleonte - come fai?
Io cambio sempre e tu nun cambi mai:
credo che se sbajamo tutt'e due.

Trilussa

 
 
 

Figli di Alleati

Figli di Alleati

Fatalità di lutto e dolore condotti li aveva
Orfani entrambi in terra straniera e lontana.
Parlava ognuno un idioma che l'altro non comprendeva,
Era francese lui, ell 'era italiana.

Egli fissava lo sguardo negli occhi di lei,
Ed ella disse : « Che cerchi negli occhi miei,
«Bimbo di Francia, dì?
«Certo non altro ci vedi che il pianto e l'orror...»
- «L'aurore, dis-tu? L'aurore? En France aussi »
diss'egli «l'aube du jour s'appelle ainsi,
«oui, c'est l'aurore que je vois dans tes yeux si jolis ».

Il rombo tonante del fuoco s'udia di lontano,
Ella tremava ed egli le prese la mano;
«Pourquoi donc trembles-tu si fort,
«Fillette d'Italie?
«Serait-ce que tu crains la mort?»
«L'amor, l'amor» diss'ella ed arrossì
«Anche in Italia noi diciam così!»

Era la gioventù - divina interprete -
Nei loro cuor;
Che, traducendo la tristezza in estasi,
Facea d'orrore e morte - aurora e amor!

Annie Vivanti
Da: Antologia della Lirica Italiana a cura di Angelo Ottolini. Milano Casa Editrice R. Caddeo & C., 1923, pagina 477

Bibliografia su Annie Vivanti (n. 1868): Scrisse: Lirica, con pref. di G. Carducci (ed. Treves, 1890); indi romanzi : Marion, artista di caffè
concerto; 1 divoratori; Naia tripudians (ed. Bemporad), ecc.: drammi: La rosa azzurra; L'invasore, ecc.

 
 
 

Li vini d’una vorta

Li vini d’una vorta

A ttempi ch’ero regazzotto, allora
ereno l’anni de ruzzà ccor vino:
ché sse fasceva er còttimo, ar Grottino, (1)
de bbeve (2) a ssette e a ssei cuadrini l’ora.

E mm’aricorderò ssempr’a Mmarino, (3)
indove tutti l’anni annàmio (4) fora
d’ottobre a vvilleggià cco la Siggnora, (5)
e cce stàmio (6) inzinent’ (7) a Ssammartino.

Llí nnun c’ereno vini misturati
co cciammelle de sorfo, (8) e cquadrinacci, (9
)e mmunizzione, (10) e ttant’arti (11) peccati.

 Bevevio (12) un quartarolo, (13) e ddiscevio: (14) essci:
e er vino essciva: e vvoi, bbon prò vve facci, (15)
’na pissciata, e ssinceri com’e ppessci.

Giuseppe Gioachini Belli
10 aprile 1834
Sonetto 1188

Note:
1 Nome di celebre bettola.
2 Di bere.
3 Castello distante undici miglia da Roma, rinomato pe’ vini, dando ancora l’aleatico del gusto di quel di Firenze.
4 Andavamo.
5 Cioè «la padrona».
6 Stavamo.
7 Insino, sino.
8 Chiamasi far la ciambella al vino una certa cura che gli si pratica con lo zolfo.
9 Quattrinacci: moneta di rame. Gli osti infondono del rame nel vino per fargli acquistare un gusto forte e piccante.
10 Munizione da fucile. Il piomba dà al vino un sapor dolce.
11 Altri.
12 Bevevate.
13 Misura di capacità della quarta parte di un barile.
14 Dicevate.
15 Buon pro vi faccia.

 
 
 

Il Malmantile racquistato 07-3

Post n°1801 pubblicato il 01 Luglio 2015 da valerio.sampieri
 

SETTIMO CANTARE

71.
Bench'ei creda finita aver la festa,
Tira di nuovo e dà vicino al fondo.
Ed il suo cane acchiappa in sulla testa
Che fa urti che van nell'altro mondo;
Ond'egli stupefatto assai ne resta,
Dicendo: qui è quando io mi confondo;
Se tutt'il sangue egli ha di già versato,
Come a gridar può egli aver più fiato?


72.
Brunetto in questo mentre col suo fante
Avea di già, scorrendo pel giardino,
Il luogo ritrovato e quelle piante
Ov'è colei che chiede il suo Nardino.
E già l'ha tratta fuor bell'e galante,
Che non si vedde mai il più bel sennino (843);
E con un suo bocchin da sciorre aghetti (844)
Chiede da ber; ma non già se l'aspetti.

73.
Perch'ei del certo in quanto a contentarla
Non ci ha nè meno un minimo pensiero;
E però quante volle ella ne parla,
Muta discorso e la riduce al zero;
Ma perch'ella è mozzina (845), e colla ciarla
Le monache trarría del monastero,
Vede che s'ella bada troppo a dìre,
Si lascerebbe forse convertire;

74.
Però per non cadere in questo errore,
La piglia a un tratto e se la porta in strada;
Ed al vecchio fa dir pel servitore
Che più tempo non è di stare a bada
E ch'ei ne venga, ch'ei l'aspetta fuore,
Acciò con essi anch'egli se ne vada;
Che lì non vuoi lasciarlo nelle peste,
Ma condurlo al paese alle lor feste.

75.
Così di là poi tutti fer partita,
Ma più d'ogn'altro allegra la fanciulla;
Perchè non prima fu dell'orto uscita,
Ch'ogni incanto ogni voglia in lei s'annulla.
Anzi a' lor preghi in sul caval salita,
Senza più ragionar di ber nè nulla,
Va sempre innanzi agli altri un trar di mano
Fiera e bizzarra come un capitano.

76.
Brunetto si ridea di Pigolone,
Perch'ei parea nel viso un fico vieto,
E menava a due gambe di spadone (846),
Come egli avesse avuto i birri dreto.
E la donna diceva: Giambracone,
Che la duri!(847) ed il vecchio mansueto,
Che si vedeva fatto il lor zimbello:
Dagli pur, rispondea, ch'egli è sassello (848).

77.
Così scherzando, com'io dico, in briglia (849)
Ne vanno senza mai sentirsi stanchi;
E sempre ognun più calda se la piglia,
Perchè il timor gli spinge e sprona i fianchi
Perciò, dopo aver fatte molte miglia,.
E che lor parve un tratto d'esser franchi,
Tutti affannati per sì lunga via,
D'accordo si fermaro a un'osteria.

78.
Dove il padron, che intende fare a pasto (850),
Trova gran roba per parer garbato;
Ch'ei tien che a far non abbian troppo guasto,
Ma e' non sa ch'e' non hanno desinato.
Ben se n'accorge alfin ch'ei v'è rimasto,
Quando in sul desco poi non restò fiato,
E che quella per lui è una ricetta,
Che il guadagno va dietro (851) alla cassetta.

79.
Magorto intanto, finalmente stracco,
Di menar il randello a quel partito,
Sciolto ed aperto avendo omai quel sacco
Per cucinar la carne del romito,
Ed in quel cambio vistovi il suo bracco
Tra cocci e vetri macolo e basito,
Resta maravigliato in una forma,
Ch'ei, non sa s'ei sia desto o s'ei si dorma.

80.
S'io percossì quel vecchio mariuolo,
Com'ho io fatto, disse, un canicidio?
So ch'io lo presi e lo serrai qua solo,
Chè gnun potea vedermi o dar fastidio;
Non so s'io sono il Grasso Legnaiuolo (852)
A queste metamorfosi d'Ovidio,
Che sono in ver meravigliose e strane
Poichè un romito mi diventa un cane.

81.
Cane infelice, povero Melampo,
Che netto qua tenei (853) quanto si scerne!
Chi più farà la guardia al mio bel campo
Adesso che t'hai chiuse le lanterne?
Io ho una rabbia addosso ch'io avvampo,
Con quel vecchiaccio barba d'Oloferne (854)
Che al certo fatto m'ha così bel giuoco;
Che dubbio? metterei le man nel fuoco.

82.
Oimè! le mie stoviglie e il vin di Chianti (855)
Ch'io tolsi in dar la caccia a un vetturale,
A cagion di quel tristo graffiasanti
In un tempo e versato e ito male.
Giuro al ciel ch'io non vo' ch'ei se ne vanti;
E s'ei non vola, può far capitale
Ch'io voglia ritrovarlo; e s'ei c'incappa
Che mi venga la rabbia s'ei mi scappa.

83.
Lo troverò bensì, perch'io vo' ire
Qua intorno per veder s'io lo rintraccio.
Così corre alla porta per uscire,
Ma ei non può farlo perch'e' v'è il chiavaccio.
Lo squote e sbatte per voler aprire,
Ed or v'attacca l'uno or l'altro braccio.
Noiato alfine vanne e corre ad alto,
E da' balconi in strada fa un salto.

84.
Ma perchè ei vede quivi le pedate
Volte al giardino e poi verso la via,
Che Brunetto e quegli altri avean lasciate
Quando v'entraro e quando andaron via,
Insospettito lascia andare il frate
Ed entra nel giardino, e a quella via
Scorge quel suo cocomero diviso,
Ch'è stato (856) il fargli un fregio sopr'al viso.

85.
Poichè levata gli han quella figliuola
Che in esso, com' io ho detto, si trovava,
Per la stizza non può formar parola;
Si sgraffia, batte i denti e fa la bava;
E spalancando poi tanto di gola,
Urla, bestemmia il ciel, minaccia e brava,
Dicendo: o Macometto e tu comporti
Che si facciano al mondo questi torti?

86.
In quanto a te, chi ti pisciasse addosso,
So ben che tu non ne faresti caso;
Ma io che da miei dì mai bevvi grosso,
E le mosche levar mi so dal naso,
Saprò ben io a costor fare il cul rosso:
Credilo pur; perchè s'e' si dà il caso,
Che si darà senz'altro, ch'io gli arrivi,
Io me gli vo' di posta ingoiar vivi.

87.
Ma dove col cervel son io trascorso?
Più bue di me non è sotto le stelle;
Perch'innanzi ch'io abbia preso l'orso
Vo', come si suol dir, vender la pelle.
Fatti ci voglion qui, perchè il discorso
Fuorchè a i sensali, non fruttò covelle;
E mal per chi ha tempo e tempo aspetta:
Chè mentre piscia il can, la lepre sbietta.

88.
E però prima che a viola a gamba (857)
Una fuga mi suonin di concerto,
A casa Pigolon vogl'ir di gamba
Che vi sarà co' complici del certo.
Così conchiuso, corre ch'ei si sgamba,.
E come un bracco va per quel deserto,
Tutti quanti quei luoghi a uno a uno
Cercando, s'ei vi scopre o sente alcuno.

89.
Quel della cella del romito è il primo,
Ove trovando il passo e porto franco,
Intana drento e non vi scorge nimo (858),
Fruga e rifruga in qua e in là, nè anco;
Sgomina ciò che v'è da sommo a imo,
Ma tutto invano; ond'egli al fine stanco
Se n'esce colle man piene di vento,
Ma dieci volte più di mal talento.

90.
Entrò nel bosco e ogni contrada scorse
E in somma ne cercò per mari e monti;
E vedde senza metterla più in forse,
Il pigiato esser lui al far de' conti;
Onde nel fine all'arti sue ricorse,
Chè pur vuol vendicar sì grandi affronti
Così v'arriverò po' poi in quel fondo,
Se voi foste, dicea, di là dal mondo.

91.
E poichè fatti egli ha certi suoi incanti
Che gli riescon bene e vanno a vanga (859),
Andate, dice, o stummia (860) di furfanti,
Poich'a pianger volete ch'io rimanga.
Che sieno in casa vostra eterni pianti,
Tal che ciascuno e fino al gatto pianga.
E così poi di quanto aveva detto
Nè più nè manco ne seguì l'effetto.

92.
Poichè Brunetto e le sue camerate
Pagaron l'oste (il quale assai contese,
Perchè le gole lor disabitate (861)
Gli eran parute care per le spese),
Partiron, e poi dopo altre fermate,
Ei le condusse salve al suo paese;
E giunto a casa, ringraziando il cielo
Entra in sala, e di posta fa un belo (862).

93.
Entra la donna col romito appresso,
E, cominciaro a piangere ambedui;
Entra il famiglio e anch'egli fa lo stesso,
Senza saper perchè, nè men per chi.
Trovan Nardino ancor di male oppresso
E sbietolar lo veggono ancor lui;
L'astante che porgevagli l'orzata,
Pur ne faceva la sua quattrinata (863).

94.
Nardin vede colei bell'e vezzosa
Com'appunto l'aveva nel pensiero.
E dice: benvenuta la mia sposa;
Voi mi piacete a fè da cavaliero;
Ma voi piangete? ditemi una cosa,
Voi ci venite a malincorpo, è e' vero?
Non vogliate risponder ch'e' non sia,
Perchè voi mi diresti una bugia.

95.
Mettete pur così le mani innanzi,
Rispond'ella, signor, per non cadere;
Mentre temendo ch'io non mi ci stanzi,
Specorate (864) sì ben, ch'egli è un piacere:
Ch'io mi vi levi, ditemi, dinanzi,
Chè voi non mi potete più vedere,
Senza darmi la burla, ch'io m'acquieto,
E senza replicar do volta a dreto.

96.
Nè sossopra la man(865) non volterei,
Chè l'andare e lo star, mi son tutt'una;
E bench'al mondo io sia come gli Ebrei
Che non han terra ferma o patria alcuna,
Andrò pensando intanto a' fatti miei,
Per veder di trovar miglior fortuna;
Perchè, come dìceva Mona Berta,
Chi non mi vuol, segn'è che non mi merta.

97.
Ed ei risponde: oimè! Signora mia!
Non vi levate in barca così presto;
S'io non v'ho detto o fatto villanía,
Perchè venite voi a dirmi questo?
Abbiate un po' più flemma in cortesia,
Ch'ogni cosa andrà bene in quanto al resto;
Voi siete bella ed anco di più sposa,
Però non vogliat'esser dispettosa.

98.
Ella soggiunge, ed egli ribadisce:
Ella non cede, ed ei risponde a tuono:
Pur gli acquieta Brunetto, e al fin gli unisce,
Sicchè l'un l'altro chiedesi perdono;
Ma non per questo il lagrimar finisce,
Ch'ognora in casa e fuora e ovunque sono,
Perchè sempre si smoccica e si cola,
Hanno a tenere agli occhi la pezzuola.

99.
Vivono in somma in un continuo pianto;
Piangono i servi e piangon gli animali;
Onde il guazzo per terra è tale e tanto,
Che e' portan tutti quanti gli stivali.
Ma torniamo a Magorto, che frattanto,
Per saper quel che sia di questi tali
E dove la sua figlia si ritrovi,
Ha fatto al consueto incanti nuovi.

100.
E veduto ch'ell'è tra buona gente
Moglie d'un ricco e nobil baccalare (866)
E che giammai le può mancar nïente
Perch'ella è in una casa come un mare,
Non vi so dir s'ei gongola e ne sente
Contento grande e gusto singolare;
Di modo ch'ei si pente, affligge e duole
Di quanto ha fatto, e risarcir lo vuole.

101.
Perciò, per un suo cogno (867) se ne corre,
E nell'orto lo porta dove è un frutto
C'ha i pomi d'oro, e ne comincia a corre
Durando fin che l'ebbe pieno tutto.
E poichè dentro più non ne può porre,
Sapendo che 'l suo aspetto è molto brutto,
Si lava, ripulisce e raffazzona,
E rimbellisce tutta la persona.

102.
E presa addosso poi quella sua cassa
Ch'è tanto grave ch'ei vi crepa sotto,
Si mette in via, e presto se ne passa
Ov'è la figlia e il flebile raddotto,
Che al suo venire ogni mestizia lassa
Mutando in riso il pianto sì dirotto;
E versa i pomi in mezzo della stanza
Poi si sberretta in termin di creanza.

103.
E dice ch'egli è il padre della sposa,
E che di lui non abbiano spavento;
Perch'egli omai scordato d'ogni cosa,
L'antico sdegno totalmente ha spento.
Anzi, come persona generosa,
Vuol dare agli sponsali il compimento,
Ch'è quello che la sposa abbia la dote,
E che non vadia a marito a man vote.

104.
E perchè qualsivoglia donnicciuola
Porta la dote ed il corredo appresso,
Acciocch'in quella casa la figliuola
Possa mostrar d'aver qualche regresso (868),
Nè che (869) gli abbian a aver quel calcio in gola
Che un picciolo nè anche v'abbia messo,
La vuol dotar conforme al grado loro
Con quel gran monte di bei pomi d'oro.

105.
Gli sposi allor brillando con Brunetto
Gli rendon grazie e fan grata accoglienza;
Ed ordinato un grande e bel banchetto
Reiterâr le nozze in sua presenza.
Ed egli poi al fin con ogni affetto
Riverì tutti e volle far partenza,
Lodandosi del furto del romito,
Che sì grand'allegrezza ha partorito.

"Il Malmantile racquistato" di Lorenzo Lippi (alias Perlone Zipoli), con gli argomenti di Antonio Malatesti; Firenze, G. Barbèra, editore, 1861)

Note:
(843) BEL SENNINO. Bella donna, savia e pulita.
(844) SCIORRE AGHETTI. A volere sciogliere co' denti un nodo in un cordoncino che abbia o no il puntale di metallo si atteggia la bocca in un certo modo, che essa pare molto stretta.
(845) MOZZINA. Astuta.
(846) MENAR DI SPADONE A DUE MANI s'intende bene quel che significhi: detto a due gambe, vale fuggire.
(847) CHE LA DURI tu a camminare! - Dice il Minucci che Giambracone fu un tale che andava sempre dicendo: Che la duri!
(848) SASSELLO è una specie di tordo che si crede più astuto degli altri; e però appena scoperto col frugnolo, si dice: Dàgli colla ramata, chè è sassello e scappa presto. Qui il detto è preso in un altro senso, quasi dicesse: Canzonate quanto vi pare.
(849) SCHERZANO IN BRIGLIA i cavalli nell'uscire di scuderia.
(850) A PASTO. A pagare un tanto per persona, non un tanto per vivanda.
(851) VA DIETRO e non dentro alla cassa; dunque non v'è guadagno.
(852) IL GRASSO LEGNIAIUOLO fu un Fiorentino tanto semplice, che, gli fu dato a credere, ch' e' non era più lui. Vedi la Novella così intitolata.
(853) TENEI per tenevi.
(854) BARBA d'OLOFERNE è lo stesso che Testa d'impiccato.
(855) CHIANTI. Regione di Toscana che produce vino eccellente.
(856) CHE È STATO ecc. La qual cosa è stata il maggiore sfregio che a Magorto potesse farsi.
(857) VIOLA A GAMBA. Violoncello. Fuga, concerto sono termini musicali.
(858) NIMO Nemo, niuno
(859) VANNO A VANGA. Vanno bene, come quando la terra cede quasi al peso della vanga.
(860) STUMMIA. Schiuma.
(861) GOLE DISABITATE. Insaziabili.
(862) BELARE. Piangere, e così appresso sbietolare.
(863) QUATTRINATA. Parte; quel tanto di merce che si può avere per un quattrino; e così diciamo scudata ecc.
(864) SPECORATE. Belate, piangete
(865) SOSSOPRA LA MAN ecc. Mi è tanto indifferente l'una o l'altra cosa, che non mi prenderei la pena di voltare una mano perchè segua più presto l'uno che l'altro effetto.
(866) BACCALARE. Uomo di stima. Baccelliere e Licenziato
(867) COGNO. Congius; misura.
(868) QUALCHE REGRESSO. Qualche facoltà di rivalersi, qualche autorità.
(869) NÈ CHE ecc. E che dal non aver lei dote non abbiano a prender motivo di conculcarla.

 
 
 

Che lingue curiose!

Che lingue curiose!

Sta tu' (1a) Francia sarà una gran Città,
ma li francesi che nascheno llì
hanno una certa gorgia de parlà
che ssia 'mazzato chi li pô ccapì.

Là ttre e ttre nun fa sei, tre e ttre ffa ssì, (1)
e, quanno è robba tua, sette a ttuà. (2)
pe ddì de sì, sse (2) burla er porco: uì:
e cchi vvô ddì de nò disce: nepà

E m'aricordo de quer zor Monzù
che pprotenneva (2b) che discenno a ssé, (3)
discessi (3a) abbasta, nun ne vojjo ppiú.

E de quell’antro che mme se maggnò
’na colazzione d’affogacce un Re,
e me sce disse poi che ddiggiunò?!

Giuseppe Gioachino Belli
7 dicembre 1831
Sonetto 297

Note:
1a Questa tua.
1 Per esempio: six pauls, ecc.
2 C’est à toi.
2a Si.
2b Pretendeva.
3 Assez.
3a Dicesse.

Mia libera traduzione annotata
(tutti i versi del sonetto terminano con parole tronche, caratteristica tipica della lingua francese); le annotazioni sono poste in parentesi quadra:

Questa tua Francia sarà pure una gran città, ma i francesi che colà nascono hanno un modo di parlare così particolare, che possa essere ucciso chi li capisce.

Là tre più tre non fa sei, tre più tre fa sì [pronuncia francese della parola "six"] e quando si parla di cose di tua proprietà, sette a te ["sett'a tuà" è la pronuncia francese di "c'est a toi", "è tuo". Il gioco di parole è basato sui numeri sei e sette di questi due versi]. Per dir di sì, si burla il maiale: uì [in francese: "oui"]: e chi vuol dire di no dice: nepà [in francese: "ne pas"].

E rammento quel signor monsù [pronuncia storpiata del francese "monsieur", quasi che si trattasse di un nome proprio o di una qualità personale] che pretendeva, dicendo a sé [in francese: "assez"], di dire mi è sufficiente, non ne voglio più.

E di quell'altro che si mangiò, una colazione di tale portata da poterci affogare un Re e mi disse poi che digiunò?! [in francese "déjeuner" significa mangiare, pranzare e l'effetto comico è dato proprio dal contrasto con l'opposto significato dell' italiano "digiunare".].

 
 
 

Il Malmantile racquistato 07-2

Post n°1799 pubblicato il 30 Giugno 2015 da valerio.sampieri
 

SETTIMO CANTARE

36.
E vuol mandarle il cuore in un pasticcio,
Perch'ella se ne serva a colazione;
E gli s'interna sì cotal capriccio
E tanto se ne va in contemplazione,
Che il matto s'innamora come un miccio (805)
D'un amor che non ha conclusïone,
Ma ch'è fondato, come udite, in aria
D'una bellezza finta e immaginaria.


37.
Così a credenza (806) insacca (807) nel frugnuòlo (808),
Ma da un canto egli ha ragion da vendere;
Che s' egli è ver ch'Amor vuol esser solo
Rivale non è qui con chi contendere.
Ma Brunetto il fratel che n'ha gran duolo,
Poichè 'l suo male alcun non può comprendere,
Tien per la prima un'ottima ricetta (809),
Per rimandarlo a casa, una seggetta.


38.
Ove condotto e messolo in sul letto,
Il medico ne venne e lo speziale,
Chiamati a visitarlo; ma in effetto
Anch'essi non conobbero il suo male.
Disperato alla fin di ciò Brunetto
Col gomito appoggiato in sul guanciale,
A cald'occhi piangendo più che mai:
Io vo saper, dicea, quel che tu hai.


39.
Ei che vagheggia sotto alle lenzuola
Il gentil volto e le dorate chiome,
Ne anche gli risponde una parola
Non che gli voglia dir nè che nè come.
Replica quello e seccassi la gola;
Lo fruga, tira e chiamalo per nome:
Ed ei pianta una vigna (810) e nulla sente;
Pur tanto l'altro fa, ch'ei si risente.


40.
Dicendo: fratel mio, se tu mi vuoi
Quel ben che tu dicei volermi a sacca,
Non mi dar noia, va' pe' fatti tuoi,
Perchè il mio mal non è male da biacca (811);
Al quale ad ogni mo' trovar non puoi
Un rimedio che vaglia una patacca;
Perch'egli è stravagante ed alla moda (812),
Chè non se ne rinvien capo nè coda.


41.
Vedi, soggiunse l'altro, o ch'io m'adiro,
O pur fa' conto ch'io lo vo' sapere;
Hai tu quistione? hai tu qualche rigiro?
Tu me l'hai a dire in tutte le maniere.
Nardin rispose, dopo un gran sospiro:
Tu sei importuno poi più del dovere;
Ma da che devo dirlo, eccomi pronto.
Così quivi di tutto fa un racconto.


42.
Brunetto, udito il caso e quanto e' sia
Il suo cordoglio, anch'ei dolente resta,
Sebben, per fargli cuor, mostra allegria
Ma, come io dico, dentro è chi (813) la pesta;
Perch'in veder sì gran malinconia
Ed un umor sì fisso nella testa,
In quanto a lui gli par che la succhielli (814)
Per terminare il giuoco a' Pazzerelli.


43.
E conoscendo, ch'a ridurlo in sesto
Ci vuol altro che 'l medico o 'l barbiere,
Vi si spenda la vita e vada il resto,
Vuol rimediarvi in tutte le maniere.
E quivi si risolve presto presto
D'andar girando il mondo, per vedere
Di trovargli una moglie di suo gusto,
Com'ei gliel'ha dipinta giusto giusto.


44.
Perciò d'abiti e soldi si provvede,
E dà buone speranze al suo Nardino;
E preso un buon cavallo e un uomo a piede,
Esce di casa, e mettesi in cammino,
Sbirciando sempre in qua e in là se vede
Donna di viso bianco e chermisino;
E se ne incontra mai di quella tinta,
Vuol poi chiarirsi s'ella è vera o finta.


45.
Perch'oggidì non ne va una in fallo
Che non si minii o si lustri le cuoia.
E dov'ell'ha un mostaccio infrigno e giallo
Ch'ella pare il ritratto dell'Ancroia (815),
Ogni mattina innanzi a un suo cristallo
Quattro dita vi lascia su di loia;
E tanto s' invernicia, impiastra e stucca,
Ch'ella par proprio un angiolin di Lucca.


46.
Di modo ch'ei non vuol restarvi còlto,
Ma starvi lesto e rivederla bene;
E per questo una spugna seco ha tolto
E sempre in molle accanto se la tiene,
Con che passando ad esse sopra il volto,
Vedrà s' il color regge o se rinviene (816);
Ma gira gira, in fatti ei non ritrova
Suggetto che gli occorra farne prova.


47.
Dopo che tanto a ricercare è ito
Che i calli al culo ha fatto in sulla sella.
Giunse una sera al luogo d'un romito
Che a restar l'invitò nella sua cella;
A lui parve toccar il ciel col dito,
Per non aver a star fuori alla stella,
Il passar dentro ed egli e il servitore
Ringraziando il buon uom di tal favore.


48.
Vestia di bigio il vecchio macilente,
Facendo penitenza per Macone (817);
E perch'ei fu nell'accattar frequente,
Per nome si chiamò fra Pigolone.
Costui, com'io diceva, allegramente
In cella raccettò le lor persone;
Spogliò il cavallo, gli tritò la paglia,
Sul desco poi distese la tovaglia.


49.
E gli trovò buon pane e buon formaggio
Tutto accattato, ed erbe crude e cotte,
E del vino fiorito (818) quanto un maggio
Ch'egli è di quel delle centuna botte;
Di che spesso ciascun pigliando a saggio,
Stettero a crocchio insieme tutta notte.
E perchè per proverbio dir si suole:
La lingua batte dove il dente duole,


50.
Brunetto, che teneva il campanello (819),
Dice chi sia, e che di casa egli esce
Non per suo conto, ma d'un suo fratello
Del quale infino all'anima gl'incresce,
Perchè gli pare uscito di cervello;
Non si sa s'ei si sia più carne o pesce.
Così piangendo in far di ciò memoria,
Per la minuta contagli la storia.


51.
Sta Pigolone attento a collo torto
Ad ascoltarlo, e poich'egli ha finito:
Figliuol, risponde a lui, dátti conforto
E sappi che tu sei nato vestito (820);
Chè qui è l'uom salvatico Magorto,
Ch'è un bestione, un diavol travestito;
Che, se tu lo vedessi, uh egli è pur brutto!
Basta, a suo tempo conterotti il tutto.


52.
Egli ha un giardino posto in un bel piano,
Ch'è ognor fiorito e verde tutto quanto;
Giardiniero non v'è nè ortolano,
Chè d'entrarvi nessun può darsi vanto.
Da per sè lo lavora di sua mano
E da sè lo fondò per via d'incanto,
Con una casa bella di stupore,
Che vi potrebbe star l'Imperadore.


53.
Ma io ti vo' dar adesso un'abbozzata
Qui presto presto della sua figura:
Ei nacque d'un Folletto e d'una Fata
A Fiesol 'n una buca (821) delle mura,
Ed è sì brutto poi, che la brigata
Solo al suo nome crepa di paura.
Oh questo è il caso a por fra i Nocentini
E far mangiar la pappa a quei bambini.


54.
Oltrech'ei pute come una carogna,
Ed è più nero della mezzanotte,
Ha il ceffo d'orso e il collo di cicogna,
Ed una pancia come una gran botte.
Va in su i balestri (822) ed ha bocca di fogna
Da dar ripiego a un tin di méle cotte;
Zanne ha di porco, e naso di civetta,
Che piscia in bocca e del continuo getta.


55.
Gli copron gli occhi i peli delle ciglia,
Ed ha cert'ugna lunghe mezzo braccio;
Gli uomini mangia, e quando alcun ne piglía
Per lui si fa quel giorno un Berlingaccio (823)
Con ogni pappalecco e gozzoviglia;
Ch'ei fa prima coi sangue il suo migliaccio,
La carne assetta in vari e buon bocconi,
E della pelle ne fa maccheroni.


56.
Dell'ossa poi ne fa stuzzicadenti,
Niente in somma v'è che vada male;
Sicchè, Brunetto figliuol mio, tu senti
Ch'egli è un cattivo ed orrido animale.
Ora torniamo a' suoi scompartimenti (824),
Ove son frutte buone quanto il sale,
Vaghe piante, bei fiori ed altre cose,
Com'io ti potrei dir, maravigliose,

57.
Ma lasciando per or l'altre da parte,
Cocomeri vi son dì certa razza,
Che chi ne può aver uno e poi lo parte,
Vi trova una bellissima ragazza;
Che, per esser astuta la sua parte,
Diratti che tu gli empia una sua tazza
A un di quei fonti lì sì chiari e freddi
Ma se la servi, a Lucca ti riveddi (825).


58.
Tu puoi far conto allor d'averla vista,
Perchè mentr'ella beve un'acqua tale,
Ti fuggirà in un subito di vista
E tu resterai quivi uno stivale.
Se tu non l'ubbidisci, ella, ch'è trista,
Vedendo che il pregare e il dir non vale,
Intorno ti farà per questo fine
Un milion di forche (826) e di moine,


59.
E se di compiacerla poi ricusi,
Dirà che tu buon cavalier non sia,
Mentre conforme all'obbligo non usi
Servitù colle dame e cortesia;
Ma lascia dire e tien gli orecchi chiusi,
Non ti piccar di ciò, sta' pure al quia (827);
Gracchi a sua posta; tu non le dar bere
Acciò non fugga, e poi ti stia il dovere (828).


60.
Con questa, che sarà fatta a pennello
Come tu cerchi, leverai dal cuore
Ogni doglia ogni affanno al tuo fratello,
Ed io te n'entro già mallevadore;
Vientene dunque meco e sta' in cervello,
Cammina piano, e fa' poco romore;
Che se e' ci sente a sorte o scuopre il cane
Non occor'altro, noi abbiam fatto il pane (829).


61.
Zitti dunque, nessun parli o risponda;
Andiamo, ch'e' s'ha a ir poco lontano.
Così va innanzi e l'altro lo seconda,
E il servitor gli segue anch'ei pian pìano;
Ma quel demonio che va sempre in ronda,
Gli sente e gli vuol vincer della mano (830);
Perchè (831) gli aspetta, e il vecchio ch'alla siepe
Vien primo, chiappa su come di' pepe (832).


62.
A casa lo strascina e te lo ficca
'N un sacco e colla corda ve lo serra;
E fatto questo, a un canapo l'appicca
Che vien dal palco giù vicino a terra;
E per pigliar il resto della cricca,
Esce poi fuora; ma nel fatto egli erra,
Chè, quand'ei prese quello, gli altri due
Ad aspettarlo avuto avrian del bue.


63.
Ed oggimai si trovano in franchigia;
Sicchè Magorto quivi ne rimane
Un bel minchione, e n'è tanto in valigia,
Che nè manco daria la pace (833) a un cane.
Sfogarsi intende e a quella veste bigia
Vuole un po' meglio scardassar le lane;
Perciò su verso il bosco col pennato (834)
A tagliar un querciuol va difilato.


64.
Brunetto, che l'osserva di nascosto,
Vedutolo partire, entra nell'orto
E corre a casa, di veder disposto
Quel ch'é del vecchio, s'egli è vivo o morto.
Così chiuso in quel sacco il trova posto,
Chè 'l poverin, trovandosi a mal porto,
E trema, e stride, e par che giù pel gozzo
Egli abbia una carrucola da pozzo.


65.
Ed ei le corde al sacco a un tratto sciolte,
E fatto quel meschino uscirne fuore,
Che lo ringrazia e bacia mille volte
E fa un salto poi per quell'amore,
Vi mette il can che guarda le ricolte,
Dandogli aiuto ed egli e il servitore.
E poi con piatti e più vasi di terra,
Due fiaschi di vin rosso, e lo riserra.


66.
E l'attacca alla fune in quella guisa,
Ch'egli era prima, e poi di quivi sfratta;
E del fatto crepando delle risa,
Di nuovo con quegli altri si rimpiatta;
Quando Magorto, in giù viene a ricisa (835)
Con una stanga in man cotanto fatta (836);
Perchè gli par mill'anni con quel tronco
Di far vedere altrui ch'ei non è monco.


67.
Arriva in casa, e sbracciasi, e si mette,
Serrato l'uscio, con quel suo randello
Sopr'a quel sacco a far le sue vendette,
Suonando, quant'ei può sodo a martello.
Il Romito che stava alle velette,
Perchè l'uscio ha di fuora il chiavistello,
Andò, benchè tremando, e con spavento
Che avea di lui; e ve lo serrò drento.


68.
Ed ei ch'è in sulle furie, non vi bada,
Chè insin ch'ei non si sfoga non ha posa.
Sta intanto il vecchio all'uscio fermo in strada
Ad origliare per udir qualcosa;
E sente dire: o leccapeverada (837),
Carne stantia, barba piattolosa,
Ribaldo, santinfizza (838) e gabbadei,
Ch'a quel d'altri pon cinque e levi sei!(839)


69.
Guardate qui la gatta di Masino (840)
Che riprendeva il vizio ed il peccato,
Se il monello (841) ha le man fatte a oncino,
Per gire a sgraffignar poi vicinato!
Ma quel c'hai tolto a me, ladro assassino,
Non dubitar, ti costerà salato;
Chè tante volte al pozzo va la secchia,
Ch'ella vi lascia il manico o l'orecchia.


70.
Poi sente ch'egli, dopo una gran bibbia
D'ingiurie dà nel sacco una percossa
Che tutte le stoviglie spezza e tribbia,
E ch'ei diceva: orsù, gli ho rotto l'ossa;
E che di nuovo un'altra ne raffíbbia,
E che, facendo il via la terra rossa,
Soggiunge: oh quanto sangue ha nelle vene!
Questo ghiottone a me (842), beeva bene!

"Il Malmantile racquistato" di Lorenzo Lippi (alias Perlone Zipoli), con gli argomenti di Antonio Malatesti; Firenze, G. Barbèra, editore, 1861)

Note:
(805) MICCIO. Ciuco, asino.
(806) A CREDENZA. Qui, sconsigliatamente, senza fondamento
(807) INSACCA ecc. Dà nella rete d'amore.
(808) FRUGNOLO è quella lanterna con cui di notte si va a caccia agli uccelli.
(809) TIEN ecc. Crede che, come primo rimedio, sia ottima ricetta una sedia portatile in cui rimandarlo a casa.
(810) PIANTA UNA VIGNA. Non bada affatto, perchè è tutto assorto nel suo pensiero, come il contadino nel piantar la vigna.
(811) LA BIACCA adoperavasi come rimedio esterno per leggerissimi mali.
(812) ALLA MODA. Ciò che incomincia a venire in moda è insolito e strano.
(813) DENTRO È CHI ecc. si dice di chi ha buona cera ma viscere guaste.
(814) SUCCHIELLARE. Tirar la carta da giuoco, che, è coperta, adagio adagio. Qui, si disponga a...
(815) ANCROIA Così chiama il Berni la sua vecchia cameriera.
(816) SE RINVIENE. Se quegl'impiastri secchi rigonfiano.
(817) MACONE. Macometto, Maometto, il diavolo.
(818) FIORITO. Pien di fiori.
(819) TENEVA IL CAMPANELLO. Parlava sempre lui.
(820) SEI NATO VESTITO. Sei fortunato.
(821) 'N UNA BUCA. A Fiesole, mostrano anche oggidì la Buca delle Fate.
(822) VA IN SU I BALESTRI. Ha gambe sottili e torte.
(823) BERLINGACCIO. Giovedì grasso.
(824) SCOMPARTIMENTI del suo giardino. Quadri, aiuole.
(825) A LUCCA TI RIVEDDI. Non la vedrai più.
(826) FORCHE. Smorfie, lezi, carezze.
(827) STA' PURE AL QUIA. Sta' sodo.
(828) TI STA IL DOVERE diciamo a cui sia incolto un male meritato.
(829) Abbiam fatto ecc. Abbiam dato nel laccio. È finita per noi.
(830) AVER LA MANO, al giuoco, vale Essere il primo a tirare, il che spesso è vantaggio.
(831) PERCHÈ. Perciò.
(832) COME DI' PEPE. Colla massima facilità. Di' sta in luogo di dir: l'r, nel pronunziare rapidamente, sparisce.
(833) NON DARÌA LA PACE. Non lascerebbe vivere in pace nemmeno un cane.
(834) PENNATO. Coltellone adunco da potare.
(835) A RICISA. Difilato.
(836) COTANTO FATTA. Tanto grossa e lunga. Così diciamo accompagnando il detto col gesto.
(837) PEVERADA. Brodo. Leccabrode, Porco.
(838) SANTINFIZZA GABBADEI, Ipocrita.
(839) CHE nella roba altrui poni cinque (dita), e ritiri la mano con sei (cose); le 5 dita e la cosa rubata che fan 6.
(840) LA GATTA DI MASINO fingeva d' esser morta.
(841) SE IL MONELLO. Sottintendi guardate se ecc.
(842) A ME. Secondo me.

(segue)

 
 
 

De claris mulieribus 004

De claris mulieribus

CAPITOLO IV.
Giunone Reina dei regni, e moglie di Giove.

Giunone Reina dei regni, figliuola di Saturno e d’Opi, fu famosa per tutto il mondo innanzi a tutte l’altre femmine famose per lo nome dei Gentili, per la scritture dei poeti, e per Terrore degli antichi intanto che i sordi denti del tempo non possono aver roso così infame opera, benchè eglino rodano tutte la cose, sì che lo suo nome non sia pervenuto famosissimo insiuo alla nostra età. E certamente di questa possiamo piuttosto recitare la nobile fortuna, che contare alcuna nobile sua opera. Ella nacque d’un parto con quello Giove di Creta, il quale, gli antichi poeti ingannati, finsero Dio del Cielo: ed in sua puerizia fu mandata a Samo; in quel luogo fu nutricata con dilegenza fino a che fa da marito e finalmente fu data per moglie a Giove suo fratello: la qual cosa ha affermato per molti secoli una statua di quella a Samo, posta nel tempio. E pensando quelli che molto spetti a sua gloria, ed alla gloria dei suoi discendenti, che Giunone, la quale pensano, essere reina del Cielo e Dea, sia stata sposata appresso di quelli; acciocchè la memoria di questo non perisse levemente, edificarono un tempio grande maraviglioso innanzi agli altri, e consegraronlo alla sua Dea: e ferono intagliare la sua immagine d’un candido marmo in abito d’una fanciulla che fusse sposata, e feronla mettere innanzi al suo tempio. Questa, finalmente maritata a quel gran Re, crescendo continuo la sua signoria, e la fama per lungo e per traverso portando lo suo nome, acquistò molta chiarezza. E poi per le finzioni dei poeti, e per la furiosa libertà degli antichi fu fatta reina del Cielo; e ancora fu commessa in lei la ragione dei matrimoni, e gli aiutorj di quelle che partoriscono, e molte più altre cose, piuttosto da farsene beffe che da ricordarle. E così per conforto del nimico dell’umana generazione le ferono edificare molti tempj per ogni parte, e molti altari; e furonvi deputati giuochi, sacerdoti e sacrificj, secondo, antica usanza. E tacendo degli altri, dappoi Samo fu onorata lungo tempo con famosa reverenzia da quelli d’Argo, popoli d’Acaja, e dai Cartaginesi: e finalmente portata a Roma fu allogata in Campidoglio nella cella dell’ottimo e sommo Giove, non altrimenti congiunta al suo marito, e sotto il vocabolo di Giunone reina fa onorata da’ Romani signori del mondo lungamente con molte ceremonie, eziandio poi che nacque in terra Iddio e uomo.

Giovanni Boccaccio

VOLGARIZZAMENTO
DI MAESTRO DONATO DA CASENTINO
DELL’OPERA INTITOLATA
DE CLARIS MULIERIBUS DI M. BOCCACCIO
PROLOGO
Incomincia il Libro delle famose Donne, compilato per lo illustrissimo uomo M. Boccaccio, poeta fiorentino, a petizione della famosissima reina Giovanna di Puglia, traslatato di latino in volgare da M.° Donato da Casentino.

 
 
 

Le quattro tempora

Le quattro tempora (1)

Sete curioso voi! Avevio (2) fame
e nnun c’era antro (3) da maggnà, nnun c’era!
Queste nun zò (4) rraggione pe jjerzera!
De tempora un par d’ova in ner tigame?! (5)

Nò, nnò, mmanco (6) una fetta de salame.
Iddio nun porta in mano la stadera.
Com’è rrobba províbbita, chi spera
ne la pochezza è un giacubbino infame.

Vedi: si ppuro (7) avessi, padron Biascio, (8)
le vertú dde millanta Salamoni,
tant’e ttanto (9) ar maggnà bbiggna annà adascio. (10)

Perché, ffratello, in quell’antri carzoni (11)
pesa ppiú un ovo e una grosta de cascio
che ttutte ste Vertú dde li cojjoni.

Giuseppe Gioachino Belli
15 agosto 1833
Sonetto 980

Note:
1 I quattro-tempi dell’anno, cioè i digiuni e le astinenze dalle carni che la Chiesa prescrive nei giorni di mercoldí, venerdí e sabato più prossimi agli equinozii ed ai solstizii, per rendere forse benigna la natura in que’ critici momenti. Qualunque di questi dodici giorni si dice tempora: oggi è tempora, la quale voce deriva senza dubbio dalle parole quatuor tempora anni.
2 Avevate.
3 Non c’era altro.
4 Non sono.
5 Nel tegame, nella tegghia.
6 Neppure.
7 Se pure: quando anche.
8 Biagio.
9 Ad ogni modo.
10 Bisogna andare adagio.
11 In quell’altro mondo.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lorenzoemanueNORMAGIUMELLIpsicologiaforensevalerio.sampierisolosorrisoeric65vjorge.corellifabiana.giallosoleYour_luciusMarquisDeLaPhoenixumbertopantanellamakavelikaSky_Eagleantropoetico
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom