Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

 

'E radici

Post n°555 pubblicato il 24 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

'E radici

Nun c'è 'n' antra città ch'è ttanto bbella.
Nun dico che è pperché qua ce so nnato,
oppuro perché me sò 'nnamorato,
ma la città che vvojo è solo quella!

Er celo e tutto quello che ce stà
cià ccome un che de quello ch'è pperfetto,
perché se porta appresso 'gni mio affetto:
te ggiuro, nun me vojo mai spostà.

Mettemo devo annà pe' 'n lungo viaggio,
ce stà 'na cosa che tte devo dì:
restaccene lontano nun è saggio,

perché la nostargia sempre me bbecca.
Quanno aritorno, io me fermo llì:
la vojo 'ncontrà cqui 'a commare secca.

Valerio Sampieri
22 ottobre 2014

 
 
 

L'antri carzoni

Post n°554 pubblicato il 23 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

L'antri carzoni

Che sserve a 'n omo affermà l'opinioni,
cercà ppotere, onore, li quatrini,
de fà 'r gradasso co' vvecchi e bbambini
e doppo annassene a l'antri carzoni?

Nun se pô vvive de sole emozzioni,
annà a ficcasse nei peggio casini
perché raggiugne se vônno dei fini:
te perderai le mejo sensazzioni.

Chissà perché, quanno 'n omo è ppotente,
nun ce riesco, nu' lo so ccapì,
penza che ccià ppure d'esse fetente.

Se pônno créde, si vônno, cazzuti,
ma ppoi, comunque, lì vanno a ffinì,
gira e riggira: a l'arberi pizzuti.

Valerio Sampieri
21 ottobre 2014 

 
 
 

Che stà 'ffà?

Post n°553 pubblicato il 22 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

Che stà 'ffà?

A cocco, che stà 'ffà lì tutto solo?
Nun sai che restà ssoli è 'n gran peccato?
Vor dì che 'n quarche ccosa tu hai sbajato,
puro si nun vôr dì ciài messo dolo.

Mica co' 'ste parole te consolo,
è solo che tte sei dimenticato
che forse quarcheduno avevi amato
che 'n giorno, nun sai come, ha ppreso 'r volo.

O tu sei stato 'n po' superficiale,
perché nun ciài capito propio ggnente.
E quanno quarche ddubbio poi t'assale,

nun è che ce pôi fà l'indiferente.
Devi capì dov'è che hai fatto male
e aritrovà l'amore veramente.

Valerio Sampieri
17 ottobre 2014

 
 
 

Vizzi e vvirtù

Post n°552 pubblicato il 22 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

Vizzi e vvirtù

Ce sò' li vizzi e cce sò' lle virtù.
Seconno te, sai dimme che succede
si cquarcheduno viè a pestatte 'n piede?
Pensace 'n po': che je farebbe tu?

Direbbe forse dammene de ppiù,
che mmentre che lo fai me metto a sséde?
Oppuro la pazzienza 'n po' tte cede
e andrebbi ad impiccallo a ttesta in giù?

E' ffacile de solito parlà,
facenno tanti bbei raggionamenti,
e ddì farebbe questo o quello llà.

Oppuro fà l' appello ai sentimenti
e ddì che semmo fatti de bbontà:
vizzi è vvirtù le vedi, nu' le senti.

Valerio Sampieri
19 ottobre 2014

 

Prova a colpì!

È ttosta eh...'sta tua argomentazzione...
Vedemo de nun stà 'pparagrafà.
Famo le prove! 'Nnamo a rraggionà.
Vizzi e vvirtù cian' sempre quel'azzione 

che le separa in fonno a 'n' avventura;
se tengheno pe' mmano pe' ddavero,
ma ppoi se fanno 'n'occhio nero nero!
Vedelli annà d'acordo è ppropio dura... 

Presempio, si tte dico de colpì,
magara si, lo dico pe' pprovà,
puro si ce vorebbe 'n po' penzà. 

Tu mme colpischi e ddoppo guarda llì:
te trovi che mm'hai propio fatto male;
d'un córpo t'aritrovi a l'ospedale!

Norma Giumelli
22 ottobre 2014

 
 
 

'A superbia

Post n°551 pubblicato il 21 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

'A superbia

'Na nuvola passò e se messe a vvéde
'n omo co' 'n coso buffo che volava;
parlava e quelo lì nun l'ascoltava,
manco si fusse sordo: 'n ce se crede!

Diceva: "Viè. Viè cqua, méttete a sséde".
Ma quello a nun sentilla seguitava,
ner celo, come ucello, vorteggiava:
"Davanti a l'omo, devi 'r passo cede:

sei 'na cosa e pperciò nun vali 'n cacchio!".
Se messe a spirà 'n alito de vento,
così fu che successe er pateracchio.

La nubbe disse all'omo spiaccicato:
"Volevo solo ditte statte attento,
però la tua superbia t'ha fregato".

Valerio Sampieri
15 ottobre 2014

 

Si è nato omo

Si è nato omo, 'nn è come l'ucelli,
quarcuno è propio vero, cià 'r pallino
d'avé ddu' ali e d' esse puro bbelli,
tiranno fôra solo 'n gran casino. 

E mmó je l'ha ridetto de sedesse!
Che ggià ciabbasta Icaro a mmemoria,
e nun je serve mica de tenesse
co' 'n' ala ner presente de la storia! 

'Sta nuvola sà ppiù de quarche ccosa;
forze raccoje 'n po' de quele pene
che nun la fanno d' esse spiritosa, 

ma solo sospirà stannoce attenti.
Poi cor sospiro manna pioggia a iosa.
De l'ali ch'hai rubbato te ne penti!

Norma Giumelli
22 ottobre 2014

 
 
 

Li poeti

Post n°550 pubblicato il 20 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

Li poeti

- Io li poeti, mica li sopporto!
- E allora, perché scrivi li sonetti?
- Intanto, tocca dì che 'n sò' pperfetti
e doppo ... li pò scrive puro 'n mòrto!

Me vedo già la faccia d'uno, assorto,
ch'alliscia de la barba li peletti,
facenno co' la mente bbei pippetti
arrovellannose, cor fiato corto.

Si, 'nvece, li poeti, uno è ddonna,
magara nun ciavrà de bbarba 'r pelo,
ma nun c'è rischio ch'uno se confonna.

Ce metterà, pô esse, 'n po' ppiù zzelo,
sarà la sua poesia 'n po' ppiù gioconna,
pe' mme, sarà ccomunque 'no sfacelo!

Valerio Sampieri
18 ottobre 2014

 

Li poveti

Questa de li poveti é propio bbella!
M'ha fatto arricordà de 'na storiella;
dicenno che nun era 'no scrittore
un tizzio ce campò pe' ttante ore.

Nun me vié mmai de dì 'r suo nome ggiusto,
vorebbi poté ddije : anvedi 'n po'!
Somija propio a mmio cuggino Augusto,
e 'nvece lui mme guarda e ddice : no.

Dev'ésse mòrto pure mi cuggino!
Si mmó é più famoso de 'sto tizzio,
si mme ricordo ogni suo casino.

inzomma, nun te piacerà poetà,
però mmó te dò ppuro questo 'ndizzio:
nun serve ésse ppoveti, pe' ssognà.

Norma Giumelli
18 ottobre 2014

 
 
 

Ira

Post n°549 pubblicato il 19 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

Ira

Quanno te pija de dà 'n po' dde matto,
è mmejo si tu cconti sino a ddieci,
perché nisuno pô ffà le tue veci
e fatte capì qual è 'r vero fatto.

Risemo sempre llì, te manca er tatto
e ppuro si tu ffai 'n sacco de preci
o sotto li ginocchi metti i ceci,
hai sempre aggito come un mentecatto.

Vedemo quarche bber comannamento.
Nun devi da penzà che lo fa apposta
chi, quanno parla, nun te fa contento.

Brutta nun devi dà la sua risposta,
si pensi che t'ha offeso er sentimento:
si ssei nervoso, ... pija 'na supposta!

Valerio Sampieri
16 ottobre 2014

 

Li feriti

Cianno rempite tante fermacie
co' cquesto be' rrimedio che mme citi.
Saranno stati tanti li feriti,
ch'hanno occupato ttutte le corsie.

Si tte rimane 'n po' de sentimento,
ripija 'sto sonetto, stacce attento.
Comincia co' 'mparatte a contà ddieci,
e ppoi te scrive: chi nne fa le veci.

Nun ce penzà, nun stà llì a rosicà!
Te dice bbene quer poveta llà.
Nun crompi manco i ceci si cciai l'ira,

nun fatte abbindolà, nun c'è lla lira.
E ppuro si tu sai i comannamenti,
nun te li danno soli pe' ll'intenti!

Norma Giumelli
19 ottobre 2014

 
 
 

'A pazzienza

Post n°548 pubblicato il 18 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

'A pazzienza

Bbisogna d'esse 'n po' più ttoleranti,
nun devi cede a l'impurzività
e ppuro si cquarcuno vôi corcà,
tira 'n respiro e 'nvoca 'n po' de santi.

Visto come tu vai mó mmejo avanti?
Visto com'era facile carmà
l'ira che tte voleva fa sbajà?
De meriti e d'onore mó t'ammanti.

Usà vvirtù tu devi come benza:
si la virtù ciavrai tu come scoppo,
te 'mparerai pe' ssempre la pazzienza.

Quanno te sarta 'n mente "Mó l'accoppo",
frénete, Peppe, e ascorta la coscenza:
'a tortorata je l'ammolli doppo!

Valerio Sampieri
17 ottobre 2014

 

Pazzienza?

Me pare de vedé 'n distribbutore;
Se sente 'n buon profumo de lontano,
si ppoi tu t'avvicini co' 'r tuo core
sei certo nun se tratta de metano,

ma de cquarcosa de più ricercato.
Quarcosa ch'hai ddescritto così bbene,
che cquasi pare 'n po' fotografato,
lassanno annà e' rrespiro come viene.

Vorebbi avella come fusse scenza
profusa, poi diffusa ne la mente.
Dovrebbi propio avella 'sta pazienza!

'N'accoppo mai nisuno pe' ddavero.
Me studio bbene i santi veramente!
Ma nun te dico!!! 'ndove va 'r penziero!

Norma Giumelli
18 ottobre 2014

 
 
 

Me stavo a guardà 'r mare

Post n°547 pubblicato il 17 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

Me stavo a guardà 'r mare

Me stavo a guardà 'r mare da 'no scojo
e avevo 'n po' de serci tra li piedi.
Capita puro a tte, quanno te siedi,
de mettette a pensà: "Cos'è che vvojo?".

Pensacce, 'nvece, io propio nun sojo.
E' come stà sseduto su li spiedi,
voresti spaccà tutto quer che vedi,
qualunque cosa sia, 'ndò cojo cojo.

Te 'ncazzi ner vedè 'n sacco de ggente
-ammazza che ffetenti disgrazziati!-
che nu' meriterebbe propio gnente.

Guardanno er mare, pôi cambià l'umore.
Ner monno semo pôri disperati,
t'accorgi: serve solo 'n po' d'amore.

Valerio Sampieri
15 ottobre 2014

 

Arzete 'n piedi

L'umore, quello te lo raccomanno,
ma ppiù che de l'umore, senti questa...
ce stanno 'n giro ggenti che nun sanno
fà dde 'n ber ggiorno nato, 'na gran festa.

Io me dimanno, dico... cosa 'spetta??
C'é chi mme dice, dice: làssa stà!
E mmò m'adiro, porca la paletta!
Nun me ne posso no, capacità!

Te sveji co' 'na fetta ne la fossa?
Arzete 'n piedi e pprova si stai dritto!
Tte pare de sentì come 'na scossa?

Ma quale furmine, ssei 'nnamorato!
Nun devi stà a ppenzà che ssei 'n relitto,
ma solo de la vita ésse 'n po' ggrato.

Norma Giumelli
19 ottobre 2014

 
 
 

Canto IV di morte

Post n°546 pubblicato il 17 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

Canto IV di morte

Immagini di speranze trascorse
balenano davanti ai miei occhi
e la brezza dell'iridescente mattino
mi reca l'ultimo canto del gallo.

3 novembre 1968

 
 
 

'A lussuria

Post n°545 pubblicato il 17 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

'A lussuria

Ammazza si mme piace, sarvognuno,
fà 'sti penzieri, mica solo quelli,
che più cce penzo e più li trovo bbelli.
'Ntennemose: nun c'è bbisogno arcuno

de fallo tutti i ggiorni 'gni momento.
S'hanno da riposà puro l'ucelli:
mica ce devi fà li caroselli!
Usalo er giusto e sarai ppiù contento.

Lo pôi fà dritto, in piedi o ccoricato,
seduto, in auto oppuro su 'na scala,
dipenne da quanto uno è assatanato.

Però, si dde ciumaca c'è penuria,
nun deve capità ch'uno s'ammala,
si cià la mano, pe' 'n po' de lussuria.

16 ottobre 2014

 
 
 

'A gola

Post n°544 pubblicato il 16 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

'A gola

Me magnerebbe 'n bove tutt'intero
pe' cquanto che mme piace strafocamme.
Tu solo 'n'occasione prova a damme
e gguarda si 'n lo 'ngozzo pe' ddavero.

La pasta quela te la manno a ddì,
me ce farebbe er bagno tutti i ggiorni,
magnanno solo lei, senza i contorni,
corenno puro e' rrischio de morì.

Li dorci e 'r pesce mica sò' ppoi male.
De pesce pôi maggnà quanto te pare,
cor dorce pôi finicce a l'ospedale.

Però, si magni troppo, stai attento
che c'e 'r becchino pronto co' le bbare:
armeno pôi morì 'n po' ppiù ccontento.

16 ottobre 2014

 
 
 

Vedevo ...

Post n°543 pubblicato il 16 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

Vedevo ...

Vedevo una piccola immagine bianca
scomparire in un vortice.
Correvo, la riconoscevo:
era la mia fanciullezza.

Vedevo una ragazza sfiorita,
coperta da un cumulo di macerie.
La riconoscevo in breve:
era la mia giovinezza.

Vedevo una vecchia, quasi scheletro,
entrare nel cimitero.
La riconoscevo subito:
era la mia esistenza.

4 ottobre 1968

 
 
 

Ora

Post n°542 pubblicato il 15 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

Ora

Prima
sognavo la vita,
ora
vorrei svegliarmi.

29 settembre 1968

 
 
 

Felicità

Post n°541 pubblicato il 15 Ottobre 2014 da valerio.sampieri
 

Felicità

Tu speri.
Ecco, sei felice.

10 dicembre 1967

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

NORMAGIUMELLIrosenberg36Vince198malware_jinxgenniorioladymaria45Sky_Eaglegiampmelegiocondo1938nataleonesidopaulcharis1110DJ_Ponhzilubopo
 

ULTIMI COMMENTI

 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom