Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

 

Er mestiere der poeta

Post n°3365 pubblicato il 06 Dicembre 2016 da valerio.sampieri
 

Er mestiere der poeta

Chi fa er poeta te fa proprio pena.
Prima de tutto deve sgobbà a uffa,
fà cresce in panza vellutello e muffa
perché nun magna a pranzo e manco a cena,
ner mentre quanno sta tra le perzone
fa finta de crepà d'indiggestione.

S'ispira co' la luna inargentata,
pe' questo forze alloggia a' la... stelletta,
e pure quanno incarza la giannetta
se sente sempre l'anima infocata,
che je fa vede er sole er tempo bello
pure si l'acqua sta a sfonnà l'ombrello.

E daje a scrive verzi co' passione:
lo vedi piagne e ride, ché lui gioca
sempre co' la chimera e l'illusione;
pure si è vecchio la malizzia è poca.
Così tra le sferzate der destino
soride sempre come un regazzino.

E quanno te presenta li lavori,
co' la speranza solo de' la... groria,
deve subbì tra incomprenzione e boria
le critiche de' l'autoprofessori,
de... padreterni che co' l'aria greve
sann'esse boni... solo si se beve.

Così co' la bevuta finarmente
te vede er su' lavoro pubbricato
vicino a 'n antro tutto incorniciato
che a conti fatti dice poco e gnente:
ma in ortre ar vino lì c'è in chetichella
pure lo sbafo de 'na pagnottella.

Er poeta tradito sconzolato
rifrette seguitanno er su' cammino:
si co 'na pagnottella e un po' de vino
c'è chi diventa un «vate» arinomato,
cor vino e 'na bistecca su' li feri
se pò stà ar paro de Dante Alighieri!

Cittadino Moscucci
Da: Rugantino n. 12822 del 2 febbraio 2010

 
 
 

Robberto

Robberto

L'avete visto a sede' a l'Argentina
co' un libbro operto sopra a li ginocchi?
È un pôro ceco che, da la matina,
sta a legge' come si ciavesse l'occhi.

La gente che se ferma spesso a crocchi
a sentillo co' quela calatina
e a guardaje le deta che strufina
su le righe, je lassa li bajocchi.



De questo solo campa 'sto cechetto
e sta contento e ride spensierato,
ringrazzianno così Dio benedetto

che, poverello fra li poverelli,
j'ha levato la vista; ma j'ha dato
dieci pupille su li polpastrelli.

Francesco Possenti
Da: Strenna dei Romanisti, XXX, 1969, pag. 93

 
 
 

Piazza Navona

Post n°3363 pubblicato il 04 Dicembre 2016 da valerio.sampieri
 

Piazza Navona

Piazza Navona, fermete! È destino
ch'io ce sosti ogni vorta che ce passo
perché un semplice sasso,
'na menzola barocca o un portoncino
basteno pe' portamme difilato
in un monno sparito
ma che me pare d'ave' bazzicato.

Dico me pare, dico, e lo sostengo,
perché, chissà, che ne l'età passata
l'anima mia nun abbi già animata
quella d'un Majorengo?

In ogni modo sia quello che sia
so solo che 'sta piazza ch'è un portento
me fa rivede, co' la fantasia,
Roma mia, der "Seicento".



Rivedo, infatti, le livree d'argento
d'un patriziato rammollito e sciocco
e un popolo a la bôna e arcicontento
d'applaudì er Papa e guadagnà un bajocco.
Rivedo Nina co' li ricci ar vento
in crinolina, e co' lo sciallo a fiocco,
e 'n'aria ... 'n'aria in certi, sarvognuno,
ch'è quella da "impattà" fa' sessantuno!

Se giro l'occhi, poi, vedo la massa
-come tant'anni fa- de scarpellini
côr mazzolo e la subbia, a testa bassa,
forma e vita a li fantasmi
de l'arte der Bernini.
Vita e forma a 'sta piazza e 'ste funtane
che nott'e giorno -zampillanno- accordeno
l'aritornelli de le popolane ...

Quelli nati da un bacio o da 'na lagrima ...
quelli che nun conoscheno confini
come nu' li conoscheno le rondini
o certi insogni de li regazzini!

E nun dico le giostre ... li tornei ...
L'allagamenti e tutti li cortei ...



Anzi, vedi, a proposito de questi
proprio adesso, laggiù, da Tor Millina
-tra er semplicista e er forno-
vedo sbucà un corteo côr battistrada
ch'opre er passaggio su un cavallo storno.

E risemo a la solita manfrina
de donne ... abbati e cicisbei in tricorno ...
Cocchi indorati co' li fiori intorno ...
Nobbili in sella e Porpore in berlina.
Però c'è pure un chiacchierìo in sordina,
che poi dilagherà de giorno in giorno,
fintanto a che la lingua der Pasquino
nun dirà pane ar pane e vino ar vino!

Questo è quello che vedo da 'sta piazza
co' l'occhi accesi de la fantasia
e che doppo tre secoli,
pure se ancora c'è robba che zoppichi,
resta sempre, pe' noi veri romani,
la più bella e romantica poesia!

Romolo Lombardi
Da: Strenna dei Romanisti, XIV, 1953, pag. 28

 
 
 

Strenna de li Romanisti

Strenna de li Romanisti

I

Visto ch'è robba jotta e aricercata
e che ce ponno fa' barba d'affari,
oggi, si tu ne vôi 'na copia usata,
so' romanisti puro li libbrari:

- Ma questi, caro lei, so' scritti rari ...
Strenna de Roma Eterna ... E che sfilata!
Trompeo, Baldini, Jandolo, Fornari ...
Perfino ar Caffè Greco è sorteggiata!

Gloria de l'Editore Staderini ...
Da nôva, lui ce scaja pochi frutti;
ma vecchia, in mano a noi, vordì' quatrini.

Lei cerca er tomo quarto? ... Anni un po' vecchi ...
Ècchelo: diecimila ... e ce l'hai tutti:
cià tutto Veo, Ceccàriuse, Colecchi ...

II

Come? ... J'ho chiesto troppo? ... Evvìa ... Raggioni ...
Mo, quanno sfoja 'st'opera completa,
cià Roma su la punta de le deta:
gloria, tipi, costumi, tradizzioni ...

Versi der Belli, studî sur Poeta
favole de Trilussa; articoloni
de Lizzani, de Ponti o Jannattoni,
nun so' gioielli da cambià' in moneta? ...

E che disegni, poi! ... Capanna, Amato ...
Staderini editore nun divaga:
ce perde, ma er volume è ben piantato.

Dunque, si er libbro vale, er prezzo è analogo.
Co' diecimila lire che me paga? ...
Li francobbolli pe' spedì' er catalogo! ... -

Giulio Cesare Santini
Da: Strenna dei Romanisti, XIV, 1953, pag. 21

 
 
 

Er serciarolo

Post n°3361 pubblicato il 03 Dicembre 2016 da valerio.sampieri
 

Er serciarolo

Steso er letto de rena, attacc'ar volo
a mette in sito serci ... e serci assecco.
Piazza li sampietrini accosti, ar lecco
come blerge a l'accosto sur vetrolo.

Poi abbagna er fonno ... e giù, sur cucuzzòlo
d'ogni sercio: dà sfogo ar mazzabbecco
e, a coppia, gioca a coje er mej'azzecco
co un antro bravo mastro serciarolo.

Ogni bott'é 'na tacchia! Ogni incocciata
è un sercio che va affonno ... e affonna inzino
a che la strada sorte appareggiata.

E, quann'a sera er sole acquieta er foco
e sguinzaja pe' Roma er ponentino,
già un mar de sampietrini stanno a loco.



Luciano Luciani (Roma 25/12/1994-4/10/1992)
27/07/1992

 
 
 

Lo fermo intendimento...

Post n°3360 pubblicato il 03 Dicembre 2016 da valerio.sampieri
 

Lo fermo intendimento, ched eo aggio,

Lo fermo intendimento, ched eo aggio,
porto 'nfra vene sì celatamente,
che quei che da me più creder lo sente,
ne sa altrettanto quanto 'l più selvaggio.
E regna in me sì vertudiosamente
Amore, che 'n tal loco, u' lo cor aggio,
mi fa stare, ché certo non saggio
seria, se stesse senza forza niente.
Tal è lo convenente.
O bona gente, per Dio, non guardate
d'Amor, ché 'n veritate
pien è d'erro', che 'n gio' m'ha dato pene,
e di tale mi tene - innamorato,
che eo da lei son neente amato:
signor senza pietate,
che già non è tra cui mi ten servente
e grave senza colpa penetente
Tant'è savere in lei con grande onore,
e gran beltà ch'affina canoscenza,
ed umiltà ch'adorna la piagenza,
che non si cred'ella che per amore
ma' metta sua vertù a mia potenza,
a voler prender loco in tale core,
che non si vòle a compagna valore:
ha 'n tale core Amor sua convenenza.
Certo non ha valenza,
né gentilezza, come dicen manti,
che vòle usare avanti
ignoranza ch'entrare in cor gentile:
troppo tornerà a vile - gran carezza,
ed in bassanza la sua grande altezza.
Ben doveriano erranti
andar li boni, poi che'n sconoscenza
tornano Amor, che fu lor mantenenza.
Però di questo tanto mi dispero,
ch'eo no so' bon per nessuna mainera,
e le mie pene nente m'alegera,
e fami stare in tal loco crudero
[ . . . . . . . ]
[ . . . . . . . ]
[ . . . . . . . ]
[ . . ] che sovente vi fèro,
com'a nemico m'è mostrata cera:
che, meglio che non era
in qua dirieto Amor gentile e puro,
per certo m'asicuro
ch'egli seria, se in madonna intrasse,
ed in gio' ritornasse - le gran pene
[ . . ] che lo me' cor sostene.
Ed eo altro non curo
se non di lei servir, ch'è luce e spera
che 'n tutto de l'amor no mi dispera.
Entra in madonna, Amor, ch'è 'n gentil loco
e pàrtiti da volontà non fina,
di tutto bella troverai regina,
e sì n' afinerai com'oro al foco:
che noi vedem che d'om'che s'ataupina,
già no li piace solazzo ne gioco,
e chiamasi contento d'uno poco:
tale natura ha volontà meschina,
e sì ti parrà fina.
Amore, se risurgi la mia mente,
così forte seguente
ti parraggio, che farai acordanza
con lei di darmli amanza. - D'ella faccio
non folle pensare a star selvaggio,
di lei nascosamente,
che mi diven com'omo che camina,
che cela l'ora a tal che seco mina.
Tal non credea che fosse convenenza
che in voi m'intendesse sì corale
e ben savesse come Amor m'assale:
già non sa bene di me riprendenza,
ch'eo non sono innamorato tale,
ch'eo da voi mai faccia partenza.
Mercé, madonna, aggiate provedenza
d'alleggiar lo meo gravoso male,
da che poco mi vale
lo pur tanto chiamare voi merzede.
S'eo fosse om' senza fede
dovreste aver mercede - [ . . ]
alquanto de lo molto meo tormento.
Ben aggio speramento - non fi' grave,
ché lo meo cor crede
farà acordanza Amor fina 'guale
d' intrare in vostro core naturale.

Pucciandone Martelli

 
 
 

Carità cristiana

Carità cristiana

Er Chirichetto d'una sacrestia
sfasciò l'ombrello su la groppa a un gatto
pe' castigallo d'una porcheria.
- Che fai? - je strillò er Prete ner vedello -
Ce vô un coraccio nero come er tuo
pe' menaje1 in quer modo... Poverello!... -
- Che? - fece er Chirichetto - er gatto è suo? -
Er Prete disse: - No... ma è mio l'ombrello!

Trilussa
(da Favole Moderne, 71)

 
 
 

La stiticheria

La stiticheria (*)

Rosa der froscio (1) sò 'na bbagattella
de sei ggiorni e ssei notte che nun caca.
Io je l'ho ddetto: «Pijja la trïaca». (2)
M'hai dato retta tu? Bbe', accusí cquella.

Ma un giorno o ll'antro l'hai da véde bbella
quanno da oro se farà (3) ttommaca. (4)
Allora quer zor corna-de-lumaca
der marito je soffi a la bbarella.

Io lo vedde iersera a Ssant'Ustacchio
che stava sbattajjanno der piú e 'r meno
sur un ciorcello (5) e sur un mezz'abbacchio.

Je fesce: (6) «Eh, dico, o de pajja o de fieno,
sibbè cche Rrosa nun pò pprenne un cacchio, (7)
voi er budello lo volete pieno».

Note:
* Stitichezza.
1 Tedesco.
2 Teriaca.
3 Diverrà.
4 Tombacco.
5 Fascio di viscere di bestie minute.
6 Gli dissi.
7 Nulla.

Giuseppe Gioachino Belli
Ivi, etc. D'er medemo A Strettura, la sera de' 29 settembre 1831
(Sonetto 136)

 
 
 

Uno pe' Sera (31)

Post n°3357 pubblicato il 01 Dicembre 2016 da valerio.sampieri
 

Uno pe' sera, di Giulietta Picconieri, Editrice artistica romana, 1961.

Pag. 31

Disse er fico a la foca:
- Mannaggia, 'sta vocale come gioca! ...

L'uomo pò ciancicà, si s'è invecchiato,
solo quarche boccone delicato;
ma er godimento suo ce l'ha a la sera,
quanno che pò sfilasse la dentiera!

Quanno un reggista lancia un'artistona,
lui, per lo meno, l'ha trovata bona!



"L'amore è bello solo quann'è vario",
te dice l'omo prima de sposatte:
così, che si nun sai sarvaguardatte,
te manomette tutto er campionario!

Giulietta Picconieri
Da: Uno pe' sera, Editrice artistica romana, 1961, pag. 31.

 
 
 

Pucciandone Martelli

Pucciandone Martelli

Signor sensa pietansa, udit'ho dire,
Similemente, gente criatura,
sono due delle cinque poesie di Pucciandone Martelli, erroneamente ritenuto da alcuni poeta della Scuola Siciliana del 1200, in realtà pisano appartenente alla corrente della poesia cortese, che fiorì attorno al 1250. Le altre rime che gli vengono attribuite sono:
Lo fermo intendimento, ched eo aggio
Madonna, vo' isguardando senti' amore
Tuttora aggio di voi rimembranza

Signor sensa pietansa, udit'ho dire,

Signor sensa pietansa, udit'ho dire,
deve tosto fallire
e vana divenir sua signoria.
Sensa pietà, mia donna, siete sire:
penser ho di partire
me' cor e mente da tale follia.

Ché solo vi 'ngegnate me schernire:
tempestar e languire
e tormentar mi faite nott'e dia;
talor mostransa faitemi 'n servire,
ma non pote granire,
sì come fior che vento lo disvia.

L'albor' e 'l vento siete veramente,
ché faite 'l fror: potetelo granare,
poi faitelo fallare,
e vana divenir la mia speransa.

Deo vi lassi trovar miglior servente,
e me signor che saccia meritare,
ché tropp'è greve amare
lo mio, se per servir ho malenansa.



Similemente, gente criatura,

Similemente, gente criatura,
la portatura pura ed avenente
faite plagentemente per natura,
sì che 'n altura cura vo' la gente;

ch'a lor parvente nente altra figura
non ha fattura dura certamente,
però neente sente di ventura
chi sua pintura scura, vo' presente.

Tanto doblata data v'è bellessa
ed adornessa messa con plagensa,
ch'ognun che i pensa sens'ha per mirata;

però amat'ha, fata, vo' 'n altessa
chi la fermessa d'essa conoscensa
in sua sentensa ben sa onorata.

 
 
 

Uno pe' Sera (30)

Post n°3355 pubblicato il 30 Novembre 2016 da valerio.sampieri
 

Uno pe' sera, di Giulietta Picconieri, Editrice artistica romana, 1961.

Pag. 30

Pe' 'na ragazza, a scivolà sur prato,
è peggio assai che a sbatte sur serciato!

La donna, ne l'amore è come er gatto:
te fa le fusa si j'allisci er pelo;
ma, si te sbaji a faje er contropelo,
te sarta all'occhi, e quer ch'hai fatto, hai fatto!



Chi chiude un occhio su le corna sue,
pe' l'antri li spalanca tutt'e due!

Quann'uno è nato porco,
ha voja a fasse er bagno: è sempre sporco!

Giulietta Picconieri
Da: Uno pe' sera, Editrice artistica romana, 1961, pag. 30.

 
 
 

Nozze e bbattesimo

Nozze e bbattesimo

Sò cquattro mesi sette giorni e un'ora,
si (1) tt'aricordi, che pijjassi (2) mojje;
e già a cquesta je viengheno le dojje
e un mammoccetto vò pissciallo fora?!

Cancheri che ppanzetta fijjatora!
Si ssempre de sto passo je se ssciojje,
te sfica tanti fijji quante fojje
ponno bbuttà le scerque (3) a Ssantafiora. (4)

Beato te cche vedi a sti paesi
certi accidenti novi de natura
che nun ponno vedé mmanco l'Ingresi!

Uà: (5) cch'è stato?! Nun avé ppaura.
Un'ora sette ggiorni e cquattro mesi
sò passati, e vviè fora la cratura.

Note:
1 Se.
2 Pigliasti.
3 Querce.
4 Tenimento.
5 Il grido de' bambini.

Giuseppe Gioachino Belli
A Strettura, la sera de' 29 settembre 1831 De Peppe er tosto
(Sonetto 135)

 
 
 

La libbertà der gatto

La libbertà der gatto

- Uscite, uscite, o Sorci! - disse un Micio
che da un pezzetto stava a denti asciutti -
A costo de qualunque sacrificio
combatteremo pe' la libbertà!
Cacio e lavoro! Libbertà pe' tutti!
E in quanto ar resto... Dio provederà!
- Giacché è sonata l'ora der riscatto,
- pensò un Sorcetto - quasi quasi sórto... -
Defatti sortì subbito; ma er Gatto
je disse: - Tutti libberi!... Però
voi ciavete er codino troppo corto:
questo nu' lo permetto! - E l'ammazzò.

Trilussa
(da Favole Moderne, 69)

 
 
 

Commentando il Petrarca

Commentando il Petrarca
1868-1872

Messer Francesco, a voi per pace io vegno
E a la vostra gentile amica bionda:
Teger vo' l'alma irosa e 'l torvo ingegno
A la dolce di Sorga e lucid'onda.

Ecco: un elce mi porge ombra e sostegno,
E seggo, e chiamo, a la romita sponda;
E voi, venite, e un salutevol segno
Mi fa il coro gentil che vi circonda.

De le canzoni vostre è il dolce coro,
Cui da un cerchio di rose a pena doma
Va pe' bei fianchi la cesarie d'oro

In riposo ondeggiante. Ahi che la chioma
Scuote e 'l placido labbro una di loro
Apre al grido ribelle: Italia e Roma.

Giosuè Carducci
Da: Antologia della lirica moderna italiana, scelta annotata e corredata di notizie metriche da Severino Ferrari, Bologna, Ditta Nicola Zanichelli (Cesare e Giacomo Zanichelli), 1891

Note:
Il sonetto fu iniziato nell'aprile del '68 e finito nel novembre del '72.
v.2. Amica: Laura
v.4. Sorga [francese: Sorgues]: fiume di Francia, formato dalla Fontana di Valchiusa. E' il fiume cantato dal Petrarca nel Canzoniere.
v.7. Salutevol segno: un segno di saluto. Cfr. Dante, Inf., IV, 98: "Volsersi a me con salutevol segno".
v.10. Cui da un cerchio ecc.: alle quali canzoni [personificate come fanciulle] la bella chioma [cesarie] leggermente frenate [a pena dome] di una ghirlanda di rose scende fino ai fianchi. Cesarie è termine introdotto nella lingua dall'Adimari nella traduzione di Pindaro.
v. 12. Ahi che la chioma ecc.: il poeta che sperava di trovare la pace nella poesia del Petrarca, si sente di nuovo eccitato alla guerra per i suoi ideali politici dalle canzoni civili del suo poeta.

 
 
 

Er cornuto

Er cornuto

Ch'edè, sor testicciola de crapetto?
Da sí cche (1) vvostra mojje annò a Ssan Rocco, (2)
avete arzato un'aria de sscirocco
e un muso duro da serciate (3) in petto!

Parlo co vvoi, eh sor cacazibbetto: (4)
volet'êsse chiamato cor batocco?
Co ttutto che (5) ssapemo de lo stocco
che ttienete agguattato in ner corpetto.

Sor pioviccica (6) mia, qui nun ce piove:
potressivo cavavve la frittella: (7)
tanto avete la testa in Dio sa ddove.

Ma lo sapemo che ttienete quella
drento a la torre de Capo-de-bbove
coll'antra de Sciscilia Minestrella. (8)

Note:
1 Da quando.
2 Ospedale per le donne che vogliono partorire segretamente.
3 Selciate.
4 Presso i Romaneschi significa uomicciattolo di niun conto, o ragazzaccio.
5 Benché.
6 Nome di scherno.
7 La berretta.
8 Il sepolcro di Cecilla Metella sulla via Appia è chiamato Capo-di-bove per motivo de' crani bovini che vi sono scolpiti d'attorno.

Giuseppe Gioachino Belli
A Strettura la sera de' 29 settembre 1831 De Peppe er tosto
(Sonetto 134)

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Vince198valerio.sampiericiaobettina0franco_cottafavimolto.personalefabiomalbogesu_risortoannunz1NORMAGIUMELLIgigliodamoreyama_sannembovikimpemarcibrick21sognatric3
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom