Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Piazze de Roma (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

 

Du' sonetti pe Lluscia

Du' sonetti pe Lluscia

Er primo a llei

Ma ffa' la pasce tua: nun c'intennemo?
Te parlassi mó in lingua tramontana!
Fa' la tu' pace, dico, e ddiscurremo
cor core in mano, uperto, a la romana.

Attorno a un osso in troppi cani semo;
poi tu attanfi (1) 'n'arietta (2) de puttana:
dunque iggnuno (3) da sé: cciarivedemo
li quinisci de st'antra settimana.

Ho vorzuto (4) provà: sò stato tosto: (5)
ho abbozzato (6) da pasqua bbefania (7)
inzino a la madon de mezz'agosto.

Ma 'ggni nodo viè ar pettine, Luscia.
Mó ffa' li fatti tua, mettete (8) ar posto,
dàjje er zordino: (9) e cchi tte vô tte pía. (10)

Note:
1 Puzzi.
2 Alquanto.
3 Ognuno.
4 Voluto.
5 Saldo.
6 Pazientato.
7 Epifania.
8 Mettiti.
9 Dargli il sordino: quel sibilo con cui le meretrici chiamano avventori.
10 E chi ti vuol, ti piglia.

Giuseppe Gioachino Belli
Morrovalle, 22 settembre 1831 - De Peppe er tosto
(Sonetto 108)



Du' sonetti pe Lluscia

Er siconno a Cremente


Me sento arifiatato! Infinarmente
oggi ho ffatto lo stacco der ceroto, (1)
co ttutto che Lluscia, quell'accidente,
facci le sette peste, (2) e 'r terramoto.

Pozzi èsse ammazzataccio chi sse pente,
e sta' cquieto, che cquì nun ciariscoto: (3)
prima voría tajjamme er dumpennente (4)
e ffacce (5) un Pe Gge Re (6) come pe vvoto.

Già, è stata la Madonna de l'assunta
che ha vvorzuto accusí ddelibberamme
quanno ero ar priscipizzio in punta in punta.

Ma dd'oggimpoi si azzecco un'antra lappa (7)
medema che (8) Luscia, me metto a ggamme; (9)
ché a sta vergna (10) che cquì vvince chi scappa.

Note:
1 Il distacco.
2 Faccia il gran romore.
3 Non ci soccombo.
4 Vocabolo tolto dal Dum pendebat dell'inno Stabat Mater.
5 Farci.
6 P.G.R. lettere che si veggono in tutte le tavolette votive, e significano: Per Grazia Ricevuta.
7 Donna scaltra.
8 Eguale a.
9 Fuggo.
10 Qui per intrigo pericoloso.

Giuseppe Gioachino Belli
Morrovalle, 22 settembre 1831 - Der Medemo
(Sonetto 109)

 
 
 

L'uscita

Post n°3176 pubblicato il 27 Settembre 2016 da valerio.sampieri
 

L'uscita

Se scoprì allora che in quele buriane
De la partenza, s'ereno infilate
Fra l'antre bestie, serpe avvelenate,
E bagarozzi, vermini e zampane.

Cimice in quantità, mosche tafane,
Sciacalli, rangutà, sorche arrabbiate,
Tarle, pidocchi, scimie ammaestrate,
Mignatte, vespe, jene americane.

Noè girò la chiave, arzò la spranga,
E manco fece a tempo a uprì la porta,
Che tutti se buttorno tra la fanga.

Aveveno gran prescia d'annà' via:
- "Speramo d'incontrasse un'antra vorta!"
- "Bongiorno!" - "Grazzie de la compagnia!"

Antonio Muñoz
L'Arca de Noè - Poemetto romanesco
Staderini Editore - Roma 1940
Sonetto XXII, pag. 32

Note [VS]:
Bagarozzi = Scarafaggi. Preti. [Belli]: Bagaròne - La sera della vigilia si attaccano de’ sottili e cortissimi moccoletti sul dorso di grossi scarabei domestici, e cantasi loro con una monotona nenia: Corri, corri, bagaróne, ché domani è l’Ascensione: e i poveri animaluzzi, sentendosi bruciare in questo auto da-fé, corrono. (T1-0961): Ecco a li bbagarozzi la raggione / che jj’accennémo6 addosso li scerini, / cantanno er curri curri bbagarone.
T1-0961, La notte dell’Asscenzione: "pe ddiventà ppoi pasta, e ppoi paggnotte». // Ecco a li bbagarozzi la raggione / che jj’accennémo addosso li scerini,"
T2-1273, Le mmaledizzione: "nun me pare un’azzione da cristiano. // Grilli, tiggnòle, bbagarozzi e rruche / sò ccrature de Ddio come che nnoi:"
Muñoz, L'Arca de Noè, L'uscita: "Fra l'antre bestie, serpe avvelenate, / E bagarozzi, vermini e zampane. // Cimice in quantità, mosche tafane,"
Buriane = Vento freddo di tramontana. Fig.: Scompiglio, trambusto, confusione. Dal lat. boreana (che viena da Borea, da Settentrione). [Belli]: Guai.
T1-0026, Ar zor Carlo X: "pe bbatte er culo e addiventà ccerasa. / Tosto mó! aspetta la bburiana a ccasa / cor general Marmotta de Ragusta"
T2-2224, [Lui, doppo un anno e ppiú: "Ce ronneggia una spia der Vicariato... / Ah! ccià da nassce llí cquarche bburiana. // Io je lo disse tanto a cquella strega:"
Muñoz, L'Arca de Noè, L'uscita: "L'uscita // Se scoprì allora che in quele buriane / De la partenza, s'ereno infilate"
Fanga = Fango, mota, fanghiglia, melma. [Ravaro] (provenz. fanc, fanga, di origine got. fanigs). [Vaccaro Ge, Voc.Rom.Bell.]
Mario Ferri, A 'na modella: "l'occhi da bove ... e poi, t' odora er fiato / come la fanga drento a un chiavicone. // E ce ricconti che fai la modella! ..."
T1-0384, Per un punto er terno: "ho bbuttato pe tterra er barettino / drent'a la fanga co ttutt'er cappello. // Tre ccom'un razzo prim'estratto, eh Checco?!"
T1-0654, Er portone d'un Ziggnore: " Nu lo sai si cch'edè sta puzzolana, / c'ha ccuperto de fanga mezzo mijjo? / È pperché ll'antro jjeri sta puttana"
T1-0655, Er romano de Roma: "Tu ddamme un po' de tempo ch'er Zovrano / me provedi e mme levi da la fanga; / e allora vederai s'io sò una stanga,"
T1-0673, Panza piena nun crede ar diggiuno: "Va' ssempre co li stracci che mme vedi: / cammina pe la fanga co sta bbua / de scarpe che mme rideno a li piedi:"
T1-0849, La staggionaccia: "state uperte, un ventaccio da morí. // Fora, ve viè la fanga inzino cqua: / drento, è una vita che vve fa ammuffí."
T1-0861, Er diluvio univerzale: "cuell'è er tempo, Novè, cche tte la sscivoli, / scopi la fanga, e ssemini er terreno».
T1-1028, Er prete ammalato: "cor piant'all'occhi e li capelli sparzi / pe la fanga de Roma a ppiedi scarzi / rescitanno er rosario? eh? ccos'avete?»."
T2-1141, La fanga de Roma: "La fanga de Roma /// Questa? eh nnemmanco è ffanga. Pe vvedella / s'ha d'annà a li sterrati a ppiazza Poli"
T2-2153, Er padrone scoccia-zzarelli: "E cche, pper dio!, sò ddiventato un vermine, / cenneraccio, lesscía, fanga, monnezza!..."
Muñoz, L'Arca de Noè, L'uscita: "E manco fece a tempo a uprì la porta, / Che tutti se buttorno tra la fanga. // Aveveno gran prescia d'annà' via:"
Prescia = Fretta
T1-0335, Er fugone de la Sagra famijja: "prese un zomaro ggiovene in affitto, / e pe la prescia manco fesce er patto. // E cquanno er giorn’appresso uscì l’editto,"
Giggi Zanazzo, Accidenti a la prescia e a chi la pija: "Accidenti a la prescia e a chi la pija /// - Mamma, la messa sona già li tocchi."
Muñoz, L'Arca de Noè, L'uscita: "Che tutti se buttorno tra la fanga. // Aveveno gran prescia d'annà' via: / - "Speramo d'incontrasse un'antra vorta!""
Rangutà (più usato è ranguttàno) = Scimmia di grosse dimensioni, il cui nome deriva dal malese orang-utag (uomo dei boschi). || Belli - Quant'è scimmiotto, poi, quer ranguttano || Zanazzo - Adess'è addirittura un ranguttano || Trilussa - Un raguttano je strillò: - Che fai?
T2-1397, Li sscimmiotti: "Li sscimmiotti /// Quanto a sscimmiotti poi, quer rangutano / che pportò da Turchia l’Imbassciatore,"
Muñoz, L'Arca de Noè, L'uscita: "Cimice in quantità, mosche tafane, / Sciacalli, rangutà, sorche arrabbiate, / Tarle, pidocchi, scimie ammaestrate,"
Sorche = Grossi roditori che vivono nelle fogne, che possono raggiungere dimensioni uguali a quelle di un gatto. Voracissimi possono aggredire persino l'uomo. - Utensile usato per assaggiare il vino nelle botti - Volg.: sesso femminile.
T2-2000, L’occhi der Papa: "Ma ggià, ttu ppe un’occhiata che tte danno / un rospo, ’na tarantola o ’na sorca, / te ppissci sotto e scappi via tremanno."
T2-2218, Er furto piccinino 2: "se bbutta avanti per nun cascà addietro. // E ccorpo der cudino de ’na sorca!, / nun ze po ddà che ssii coda de pajja"
Muñoz, L'Arca de Noè, L'uscita: "Cimice in quantità, mosche tafane, / Sciacalli, rangutà, sorche arrabbiate, / Tarle, pidocchi, scimie ammaestrate,"
Vermini = Vermi
T1-0880: c’è: er zolitario è un vermine c’ha ttante / canne de vita,
T2-1767, [Er còllera mòribbus] 19°: "E ppe li vermini è una mano santa. / Dunque er collèra è un vermine addrittura. / Ebbè ssi mmó sto vermine sciagguanta,"
T2-1767, [Er còllera mòribbus] 19°: "Dunque er collèra è un vermine addrittura. / Ebbè ssi mmó sto vermine sciagguanta, / nun annamo ppiú un cazzo in zepportura."
T2-2153: pper dio!, sò ddiventato un vermine, / cenneraccio, lesscía, fanga,
T1-0533: carnaccia / ch’è un zaccaccio de vermini; ma er core / tutto alla Cchiesa,
T1-0846, Gobbriella: "Nu la guardà ssi è rridotta a mmar-termini: / nun zò stati li parti, ma una castrica / che ll’ha ffatta arrestà ppiena de vermini."
T2-1277, Li studi de li regazzi: "Allora er bravo regazzin de Termini / disce: «E sta robba io sciò ddrent’a la panza?! / A tté, a tté, mmano mia: fora sti vermini»."
T2-1767, [Er còllera mòribbus] 19°: "ne le pizzette fritte io da cratura! / E ppe li vermini è una mano santa. // Dunque er collèra è un vermine addrittura."
T2-1775: russio de cristo abbi diverzi / vermini solitari in ne la panza.
Muñoz, L'Arca de Noè, L'uscita: "Fra l'antre bestie, serpe avvelenate, / E bagarozzi, vermini e zampane. // Cimice in quantità, mosche tafane,"
Zampane = Zanzare
T1-0206, Spenni poco e stai bene: "Te metteno la notte in compagnia / purce, zampane, cimisce e ppidocchi, / che tte fanno cantà Vviva Maria!"
T1-0869, Er callo: "E nnun te dico ggnente der travajjo / de ste purce, ste mosche e ste zampane."
T2-1991, «Questo ggià lo sapémio dar decane»: "li du’ sposetti siino stati bboni / lo sa Iddio bbenedetto e le zampane. // La cosa nun è llisscia: io pe mmé ttremo"
Muñoz, L'Arca de Noè, L'uscita: "Fra l'antre bestie, serpe avvelenate, / E bagarozzi, vermini e zampane. // Cimice in quantità, mosche tafane,"

 
 
 

La Pattuja (9, 10)

Post n°3175 pubblicato il 27 Settembre 2016 da valerio.sampieri

IX.

Attaccato a quer collo alabastrino
ortre ar piastrino ce se fu trovato
un medajone tutto insanguinato
appeso a 'na fettuccia de turchino.

Tra 'na madonna de Sant'Agostino
c'era 'u ritratto tutto profumato
che a chi poteva staje un po' vicino
je parlava d'un bene sconfinato.

Era 'na vecchia, un'angelo dorato,
e c'era scritto dietro a que' ritratto:
Mamma sua bella a Fulvio suo adorato!

In un'urtima lettera arivata
ce se leggeva: er pacco te l'ho fatto,
la cartolina vaja l'ho impostata!

X.

Intorno a 'na dollina demolita
ce sta 'na tomba priva de 'gni fiore,
e sopra que' la croce c'è scorpita
'na dedica ripiena de dolore:

Sotto 'sta fossa ce riposa un còre
strappato sur più bello de la vita,
ce riposa 'na vittima, corpita
dar nemico vijacco e traditore!

Ogni corvèe che passa s'ariposa ...
accenne que' lampena smorzata
niscosta tra 'na roccia dolorosa!

Fanno er saluto, torneno er domani,
guardeno 'sta dollina, consacrata
a la memoria de l'eroe Cipriani!

Peppino Nunzi
Dvor (Plezzo), 25 aprile 1917
Da: Ricordi de guera - versi in dialetto romanesco, Roma, Tip. Coop. Sociale, 1918, pag. 15, 16

 
 
 

La tarla e la cocotte

Post n°3174 pubblicato il 26 Settembre 2016 da valerio.sampieri
 

La tarla (1) e la cocotte

- Vivo sur pelo e magno
tutto quer che guadagno...
- disse un giorno la Tarla a 'na Cocotte
che sparpajava un sacco
de pepe e de tabbacco
framezzo a 'na pelliccia d'ermellino;
- S'io vedo un pezzo bono me ciattacco,
lo rosico, lo sbucio, lo rovino:
e più je levo er pelo e più m'intigno,
fintanto che un ber giorno metto l'ale,
divento una farfalla e me la svigno.
Tu, che me vôi fa' male
pe' via che jeri t'ho lograto (2) un panno,
devi capì che in questo semo uguale
perché campamo a furia de fa' danno.
Io vivo a spese tue
come tu vivi a spese de l'amanti:
prima li speli bene e poi li pianti...
Va' là, che semo tarle tutt'e due!

Trilussa

Note:
1 Il tarlo, la tignola.
2 Rovinato.

 
 
 

Proverbi jesini

Post n°3173 pubblicato il 26 Settembre 2016 da valerio.sampieri
 

In pillole, alcuni proverbi della Vallesina, pubblicati su FB da Marco Bordini

Dàje dàje, la cipolla diventa àjo
(portare le cose per le lunghe alla fine stanca)
De fame n’ c’è morti mai nisciù
(per dire che è difficile morire di fame)
Donna baffuda, donna piaciuda
(per il riscatto delle donne con una leggera peluria)
D’estade guarda ’l monte, d’inverno la fonte
(per capire il tempo che farà, guardare d’estate verso la montagna e d’inverno verso il mare)
Dopo Natale è sempre Carnevale
(dopo il Natale inizia il periodo del Carnevale)
El riso fa bon sangue
(vivere in allegria dà buona salute)
È ’na ròda che gira
(la vita passa per tutti)
El cà che ’bbaia, no’ mosca (la persona che grida, difficilmente passa dalle parole ai fatti)

El giogo è bello quanno è curto, quanno è lungo è piagnerello
(per tutte le cose è meglio non tirare troppo per le lunghe)
El letto è come ’na rosa, sci n’ se dorme se riposa
(il letto è sempre un ristoro dopo una giornata di duro lavoro)
El male no’ s’agura mango ai cà
(il male non si augura neanche al peggior nemico)
El medigo piedoso fa la piaga puzzolente
(a volte è meglio intervenire decisi)
El peggio è pe’ chi mòre
(i parenti poi si consoleranno)
El peggio ha da venì
(il futuro ci riserva sempre cose peggiori)
El più brutto a scortigà… è la coda
(il difficle è la parte finale di un lavoro)
El Signore manna ’l freddo segondo i pagni
(il Signore manda le prove secondo le possibilità di ognuno)
El somaro m’ha ditto recchió
(ognuno dovrebbe guardare i propri difetti)
El tempo è lungo e galantomo
(alla fine la verità viene sempre fuori)
El troppo, struppia
(voler far troppo può essere controproducente)
El vi’ cià du’ virtù: prima va giù, eppo’ va sù
(prima va nella pancia, poi alla testa)
Febbraro dal corto culo, sci s’arvolta è peggio de ’n mulo
(il mese di febbraio è breve, ma se il tempo è brutto diventa il mese peggiore)
Faccia róscia… trippa móscia
(chi è timido mangia poco)
Fidasse è be’, n’ fidasse è mejo
(sempre molta prudenza nei rapporti con le persone)
Finché c’è vida, c’è speranza (anche se molto ammalato, c’è sempre una speranza di guarigione)

Febbrarolo, ogni gallina porta l’ovo
(a febbraio le galline ricominciano a deporre le uova)

 
 
 

La Pattuja (7,8)

Post n°3172 pubblicato il 26 Settembre 2016 da valerio.sampieri
 

La Pattuja

(seguito)

VII.

Er sole oprì quer celo nuvoloso
e portò un razzo de malinconia
tra li sordati, in mezzo 'sta famia
che aveva perso un fijo generoso!

Da la trincera, que' la compagnia,
guardava que' l'eroe silenzioso,
uno diceva: si, pare che stia
dormenno, come ar tempo de' riposo!

Fulvio Cipriani co' le mano gionte
stava in faccia a quer Sole, che nascente
je sfiorava le labbra co' la fronte!

Er foco de le nostre artijerie
se concentrava intanto più insistente
su la dollina e su le retrovie.

VIII.

Fu fatta l'avanzata e la dollina
cascò in un modo più che mai felice,
furono presi più de 'n'ottantina
de prigionieri e sei mitrajatrice.

Dietro 'na roccia, sopra le radice
d'un cipresso, innaffiato 'na mattina
da un sangue pieno de bontà latina
se fu trovato un povero infelice.

Era un còre de fero, era Cipriani
che morì pe' la madre, senza vede
er successo e l'onore d'un domani!

Morì quanno che l'aria mattutina
renne un còre più forte e je concede
l'ebbrezza de la pace divina.

Peppino Nunzi
Dvor (Plezzo), 25 aprile 1917
Da: Ricordi de guera - versi in dialetto romanesco, Roma, Tip. Coop. Sociale, 1918, pag. 13, 14

(segue)

 
 
 

Cacabbicchieri e altro

Post n°3171 pubblicato il 25 Settembre 2016 da valerio.sampieri
 

Cara, dovremmo risparmiare.
Se tu imparassi a cucinare potremmo licenziare il cuoco.
Si' caro, e se tu imparassi a scopare,... anche l'autista e il giardiniere!!

=====================

L' appuntato al maresciallo :
'per fare un po' di spazio in archivio possiamo bruciare i fascicoli più
vecchi di 10 anni?
Il Maresciallo: 'Ottima idea, ma per sicurezza fai prima le fotocopie....'

=====================

Sciagura aerea nei pressi di Roma.
Si e' schiantato un elicottero in un cimitero.
I carabinieri hanno già estratto 685 corpi e stanno ancora scavando.....

=====================

Un giorno non ce l'ho fatta più, ho preso la mia ragazza e le ho detto:
'Cara, io sto con te perché mi accontento.'
E lei mi ha risposto: 'Io invece non mi accontento: sto anche con un altro.'

=====================

Adamo va dal Signore.
Adamo: 'Posso farti una domanda?'
Dio: 'Dimmi pure figliolo.'
Adamo: 'Perché hai fatto Eva così bella?'
Dio: 'Perché tu la potessi amare.'
Adamo: 'E allora perché l' hai fatta così stupida?'
Dio:
'Perché lei amasse te.'

======================

Un tipo domanda:
'Come ti chiami?'.
L'altro 'Dodododomenico ..'
'Ah.
sei balbuziente?'
'No. Mio padre è balbuziente e quello dell'anagrafe è un bastardo!'

======================

Mi hai portato in un ristorante all'aperto, ha cominciato piovere e ci
ho messo 3 ore per finire il brodo!!!

======================

Manda queste barzellette alle 5 persone che ritieni più simpatiche.
Vedrai che dopo 3 giorni ...non succederà un cazzo, come sempre, ma almeno avrete riso un pochino! finalmente una catena seria :-D

 
 
 

A'n angioletto de cinque mesi

A'n angioletto de cinque mesi
(mentre dorme)

I


Quanto sei bella! quanto sei grazziosa!
Cusì, co' la manina lì appoggiata
A quer visetto tonno, color rosa...
Me pari un'angeletta addormentata!

Dorme, tesoro mio, dorme, ariposa,
Sognete er paradiso 'gni nottata,
Sogna l'amore e poi, sopra ogni cosa,
Sognete mamma tua che t'à creata

La madre tua che te vo tanto bene!
Che prega sempre Cristo benedetto
Che te scampasse da disgrazzie e pene.

Core de mamma sua!... Ridi? amorosa!
Dorme e soride! Viso d'angioletto.
Quanto sei bella, quanto sei grazziosa!

Antonio Camilli
Tratto da: Poesie Romanesche, Roma, Tipografia Industria e Lavoro, 1906, pag. 59

II

In de' sto monno boja ingannatore
Io nun possiedo gnente, bella fia:
Possiedo solo a te, gioja der core,
Fiore pieno de grazzia e poesia.

Tu sei un tesoro e tenghi un gran valore
Che supera qualunque maravìa:
Sei 'na stelluccia piena de sprennore
Che brilla su 'st'affritta anima mia.

Quell'occhi belli tui color de mare
Que' la boccuccia ch'è 'n'arco d'amore
Pe' me so' le ricchezze le più rare.

Sei tanto bella! E quanno fai er soriso
Me sento de sparì' quarsia dolore
E godo tanto!... Godo er paradiso!

Roma, 1904.

Antonio Camilli
Tratto da: Poesie Romanesche, Roma, Tipografia Industria e Lavoro, 1906, pag. 60

 
 
 

Le fiere de San Settì

Le fiere de San Settì

’L ventidue settembre, è risapudo,
a Jesi se festeggia San Settì
’N’appuntamento fisso, più voludo,
da quelli nadi o trapiantadi chì

E ’no richiamo forte muntobè
ndo se riscopre gusti e tradizió
Nigò, de tutto quanto poi vedé,
è tramannado da generazió!

Tre giorni, Jesi, n’ se ’rconosce più!
Girà pe’ strada? Mejo che n’ ve ’l diga!
Se camìna...solo a forza de spintù
N’è ’na passeggiada è...’na fadìga!

’N vesparo de gente da no’ crede!
Parlà, se sente, co’ tutte le ’nflessió
Pure ’l contado tutto se rivede
sfruttanno de ’sta festa l’occasió

Nte ’no scenario, rmasso sempre quello,
rtrôà, ce pòi i sapori del passado
Dolce, è sprofonnà nte ’n mónno bello,
Ciài l’impressió che ’l tempo s’è fermado!

Bangarelle, sgaggi, musighe, colori!
Odori de croccante... cioccolada!
La tromba del Chirichindo, che viè fori,
è... ’l rituale pe’ la tombolada!

La conclusió? É sempre questa chì!
Siccome ’n pensierì, la gente s’è comprada,
Dopo le fiere, grazie a San Settì,
Jesi... se rtrôa tutta ’ngiojellada!

Marco Bordini

 
 
 

Uno pe' sera (20)

Post n°3168 pubblicato il 24 Settembre 2016 da valerio.sampieri
 

Uno pe' sera, di Giulietta Picconieri, Editrice artistica romana, 1961, pag. 20.

Pag. 20

Ar seconno sgrullone
la cicala penzò: - Che monno infame! ...
Si nun me dò da fa' cor formicone,
qui se more de fame! -

Quanno la verità la dichi in faccia,
passi pe' 'na linguaccia.

L'amore è come er vino:
assaggene un tantino,
poi vedi si te pija
la voja d'attaccatte a la bottija!

La donna, come l'onna, se la spassa
a fatte arivà in celo, e poi te lassa.

 
 
 

La Pattuja (4-6)

Post n°3167 pubblicato il 23 Settembre 2016 da valerio.sampieri
 

La Pattuja

IV.

La pattuja sortì! 'St'eroi guidati
da un còre generoso e da un destino
ispezionò que' li reticolati
composti da paletti e filo spino.

Dar nemico veniveno lanciati
li razzi, che cascaveno vicino
a que' l'eroi, che come pietrizzati
giraveno lo sguardo 'gni tantino.

Durante que' la luce artificiale
Fulvio Cipriani aveva visto tutto,
portanno a fine un compito speciale.

Ma ne' ritorno, pe' combinazione
er nemmico sparò, portanno un lutto
ne la brava pattuja d'ispezione!

V.

Ta-pum, ta-pum, ta-pum (1), co' 'sto rumore
s'intese echeggià 'n'urlo maledetto,
Fulvio Cipriani fu corpito in petto,
un centimetro propio sotto er còre!

Mamma! ... strillò, che strazio, che dolore
dovè morì lontano da que' letto!
Spirerò tra la quiete d'un boschetto,
senza 'n'abbraccio, 'na parola, un fiore!

Pe' due o tre vorte richiamò un compagno,
che striscianno per tera piano piano
arivò fino 'ndo' partiva er lagno.

Fulvio je disse co' 'na voce fioca:
ariva  lì, dar nostro capitano ...
... o Dio, sento un so che ... che me soffoca!

Nota: (1) Scoppio di pallottola autriaca.

VI.

Dije che a destra, in mezzo a que' le piante ...
dove ce sta ... er passaggio ... 'gni mattina ...
ce se trova ... niscosta .. 'na dollina ...
che de ... mitrajatrice ... ce n'ha ... tante ...

De dietro a la ... trincera ... a 'na decina ...
de metri ... ce sta ... un ... lancia asfis...siante!...
E poi cascò! ... cascò co' que' la brina,
su que' l'erba odorosa e verdeggiante!

Ricordeje ... de mam...ma! ... Solamente
queste parole pronunziò quer forte
ner mentre se spegneva dorcemente!

Er vento intanto de que' la nottata
straportava er dolore co' la morte
su que' la roccia tutta insanguinata!

Peppino Nunzi
Dvor (Plezzo), 25 aprile 1917
Da: Ricordi de guera - versi in dialetto romanesco, Roma, Tip. Coop. Sociale, 1918, pag. 10, 11, 12

(segue)

 
 
 

Autunno

Post n°3166 pubblicato il 22 Settembre 2016 da valerio.sampieri
 

Autunno

Indove ve n'annate,
povere foje gialle,
come tante farfalle spensierate?
Venite da lontano o da vicino?
da un bosco o da un giardino?
E nun sentite la malinconia
der vento stesso che ve porta via?
Io v'ho rivisto spesso
su la piazzetta avanti a casa mia,
quanno giocate e ve correte appresso
fra l'antra porcheria de la città,
e ballate er rondò co' la monnezza
com'usa ne la bona società.

Jeri, presempio, quanti mulinelli
ch'avete fatto in termine d'un'ora
assieme a un rotoletto de capelli!
Èreno forse quelli
ch'ogni matina butta una signora...
Je cascheno, così, come le foje,
e, come (1) a voi, nessuno l'ariccoje
manco in memoria de li tempi belli!

Forse quarche matina,
fra l'antre cose che ve porta er vento,
troverete le lettere amorose
che me scriveva quela signorina,
quela che m'ha mancato ar giuramento.
L'ho rilette e baciate infìno a jeri:
oggi, però, le straccio volentieri
e ve le butto... Bon divertimento!

Nota:
1 Come accade.

Trilussa

 
 
 

La Pattuja

Post n°3165 pubblicato il 22 Settembre 2016 da valerio.sampieri
 
Foto di valerio.sampieri

La Pattuja

I.

Er capitano fece entrà in baracca
li quattro comannanti de protoni
e lesse co' 'na voce fiacca fiacca
l'ordine che arivò a li battajoni.

Poi disse: Scejerete sei campioni;
s'intenne che nun ci'abbino la cacca ...
e tutti quanti insieme, appena spacca
'n'ora, usciranno da 'ste posizioni.

La pattuja dovrà rientrà in orario,
e sarà comannata, ben'inteso
se c'è, da un caporale volontario.

Ar caporale, pe' riconoscenza
de 'sto servizio, si ritorna illeso
ce stanno dieci giorni de licenza.

II.

Cipriani, que' la faccia assai serena
se presentò co' tanta indifferenza
dar capitano, ar quale dette piena
prova d'avè coraggio e inteligenza.

Fece: Lo fo pe' mamma, 'sta sirena,
arischierò la vita, 'mbe' pazienza!
o che io arivo a scioje 'sta catena
o spezzerò pe' sempre 'st'esistenza!

La vojo ribacià, risentì sbatte
quer core suo, e riabbraccià quer petto
'ndo' presi er primo friccico de latte.

E prese la consegna der momento;
er capitano suo j'aveva detto:
ispezioni, evità combattimento.

III.

Ci'ammancava mezz'ora e poi sortiva!
Quer core de leone già sognava
mamma sua bella, mamma che j'apriva
le braccia e che più vorte lo baciava!

Arivedeva un treno che sbuffava,
la campagna odorosa che fioriva,
la contadina bella che cantava,
er fiume che 'gni tanto j'appariva!

Nu se credeva più de sta in caverna,
co' l'occhi de la mente arivedeva
li primi lumi de la Roma eterna.

Rivedeva la casa sua adorata
che in mezzo a tante e tante arisprenneva,
battuta da la luna inargentata.

Peppino Nunzi
Dvor (Plezzo), 25 aprile 1917
Da: Ricordi de guera - versi in dialetto romanesco, Roma, Tip. Coop. Sociale, 1918, pag. 7, 8, 9

Nota [VS]:
Friccico, oltre che brivido, fremito piacevole [Roberti - Sntì come un friccico ar core], vuol dire anche, come in questo caso, briciolo, piccola quantità [Zanazzo - Nun cià da esse un friccico de svago].

Il volumetto di Peppino Nunzi è di 38 pagine contenenti 32 poesie; quelli qui sopra riportati sono i primi tre della serie iniziale di dieci sonetti, intitolata "La Pattuja.

 
 
 

Uno pe' sera (19)

Post n°3164 pubblicato il 22 Settembre 2016 da valerio.sampieri

Uno pe' sera, di Giulietta Picconieri, Editrice artistica romana, 1961, pag. 19.

Pag. 19

La donna, tal'e quale a la sarciccia,
è bona si cià er pepe ne la ciccia.

Dice che, pe' varcà Cinecittà,
ce vo' la chiave che te faccia entrà;
ma si nun sciacqua ne la seratura,
er produttore mica te scrittura! ...

La zitellona, quanno pìa 'na cotta,
diventa peggio assai de 'na mignotta.

Li libbri più vennuti?
Parleno de puttane e de cornuti.

 
 
 

L'editto

Post n°3163 pubblicato il 21 Settembre 2016 da valerio.sampieri
 

L'editto

Dicheno che una vorta
un Prete nun entrò ner Paradiso
perché trovò 'st'avviso su la porta:
«D'ordine de Dio Padre onnipotente
è permesso l'ingresso solamente
a queli preti ch'hanno messo in pratica
la castità, la carità, l'amore
che predicò Gesù nostro Signore.
Se quarchiduno ha fatto a l'incontrario
sarà mannato subbito a l'inferno.
Firmato: Er Padre Eterno.
San Pietro, segretario.»
- Povero me! So' fritto!
- disse er Prete fra sé - Tra tanti mali
ciamancava l'affare de 'st'editto!
Chi diavolo sarà che je l'ha scritto?
Naturarmente, l'anticlericali...

Trilussa

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mgf70NORMAGIUMELLIvalerio.sampierilultimodellaclassenina.monamouraristofane4Vince198gesu_risortoannunz1molto.personalesolosorrisonagi51Nuvola_volafalco1941
 

ULTIMI COMMENTI

 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom