Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Messaggi del 17/04/2017

Cartaccia

Cartaccia

Le tante pinzillàcchere ch' ho scritto
durante er tempo de la vita mia,
me daranno, sì e no, solo er diritto
de dì ch' ho fatto quarche bojeria.
Ma pe' sape' si e' era consistenza
devo armamme de fede e de pazzienza.

Così va er monno e così sempre è annato:
chi nacque artista o fu poeta o santo,
in vita è stato sempre maltrattato
e solo doppo morto fu rimpianto.
Ma pe' sapé che nun ciavevi torto
te tocca d' aspettà quanno sei morto.

E allora, si rifletto a tutto questo,
dico che a fà er poeta è 'na frescaccia;
e chi me l'ha ordinato poi, del resto,
de sporcà tutta quanta 'sta cartaccia
che tengo sprofonnata in un cassetto
e a poca gente, quarche vorta, ho letto?



Quann'ero regazzino, me credevo
che fosse 'na gran cosa a fà er poeta;
era 'na fissazzione e ce tenevo
assai de più che a conquistà un pianeta;
adesso' che so' vecchio, l'ho capita
ch' ho perzo tanto tempo ne la vita.

Povera Poesia! Oggi so' tempi
che le Muse so' tutte spelacchiate:
li versi, nun so' più che passatempi,
la pittura, so' quattro sporcacciate,
e la musica poi te scatapecchia
sfonnànnote li timpani a l'orecchia.

Robba che passa, sì, semo d'accordo!
ma che te deve fà l'Arte e l'Estetica
de fronte a 'sto periodo balordo
der gezze, de l'astratto e de l'ermetica?
Chi s'interessa de la poesia
si manco lo sa più che cosa sia?

Co' un brivido che pare de ribbrezzo
tiro fora le carte dar cassetto.
Nun le guardo nemmeno e l'accarezzo.
Vojo buttalle dentro ar camminetto
pe' daje foco, prima che la faccia
chi potrebbe pijalla pe' cartaccia.

Mentre sto già pe' fallo, in una ruga
sento colà 'na lacrima de pianto.
La mano corre subbito e l'asciuga,
ma dentro ar core mio resta uno schianto;
è bastato un momento de disaggio
pe' fà svanì la volontà e er coraggio.

Ma un giorno o l'antro, inaspettatamente,
quarcuno troverà 'sti foji gialli:
farse li sfojerà distrattamente,
forse nun proverà manco a, guardalli.
E alla prima occasione d'un trasloco
l'ammucchia tutti, pe' buttalli a foco.

Filippo Gàzzoli (Gaf)
Strenna dei Romanisti, 1967, pag. 276

 
 
 

Tiber River Anthology

Tiber River Anthology

Epigrammando per conto mio, ho cercato di svincolarmi dalla tutela di Marziale. Forse m'è riuscito, forse no. Marziale, nell'epigramma funebre, ha preceduto Gioviano Pontano (Tumulorum libri) e Gioviano Pontano ha preceduto Edgar Lee Masters (Spoon River Anthology). Buon ultimo, io, pure rifacendo il verso a Marziale, a Gioviano Pontano, a Lee Masters, pure parafrasando il titolo dell' americano, spero proprio, tra "cotanto senno", di non essere l'ultimo.

I.

Lella è economa: economa perfino
quanno sversa er veleno ner marsala.
Tu che hai preso vicino
a Lella er posto mio,
occhio a la penna, Pio!
Je n'è rimasta ancora mezza fiala.

II.

Io dott. e prof. e libbero docente,
socio corrispondente
e "accademico insiggne" de, e de, e de ...
L'unico sbajjo, curamme da me.

III.

Fregàti in vita da l'istesso "sì"
sette mariti: uniti in morte qui,
a cura de la vedova. Gustavo,
passa a la larga! Lei cerca l'ottavo.



IV.

S'è ammazzato a ottant'anni
giusti (corda e sapone) er sor Giuvanni
strozzino. In ottant'anni
l'unica bona azzione.

V.

Onesto e bono e bravo, Sarvatore.
Solamente un difetto:
oggni incontro un abbraccio, un "caro" e poi
pronto in bocca er sonetto.
In pace lui, Siggnore: in pace noi.

VI.

Doppo l'invito a cena,
Pio (funghi arrosto e funghi trifolati
e funghi fritti e funghi pasticciati),
èccheme qui stecchito. E Madalena
fiotta: "Senza de te, marito mio,
nun trovo pace". Pe favore, Pio,
invita a cena pure Madalena!

VII.

A la fine er Siggnore s'è ariccorto
Teodoro beccamorto.
Zappa e pala ar lavoro
armeno mezzo secolo, per cui
è giusto che riposi pure lui.

Mario Dell'Arco
Strenna dei Romanisti, 1967, pag. 240

 
 
 

Er pranzaccio

Post n°3793 pubblicato il 17 Aprile 2017 da valerio.sampieri
 

LVI.

Er pranzaccio


Eh, nun te ne curà! (1) peggio pranzaccio
De jeri nun se dà: (2) mezza scudella
D' un brodo ch' era acqua, un vinettaccio
Che pareva de beve l' acetèlla.

Poi ce fu er fritto (certo fegataccio,
Cosa d' arivortàsse (3) le budella);
E un quarto de crapetto, accusì accio,
Che, a védelo (4) sortanto, mi' sorella



Je venne propio voja, co' rispetto,
D'aridà fora; insomma, Tuta (5) mia,
Un pranzo fatto apposta pe' dispetto.

Come finì? Finì che mi' marito
Je pagò er conto, e scappàssimo via
Senza manco levasse (6) l'appitito.

Note: 1 Non te ne curare: de sapéllo (di saperlo), si sottintende. - 2 Non si dà: non c'è; non è possibile trovarlo. - 3 Da rivoltarsi. - 4 Vederlo. - 5 Gertrude. - 6 Levarci, cavarci.

Luigi Ferretti
Centoventi sonetti in dialetto romanesco, Firenze, G. Barbèra, Editore, 1879, pag. 104

 
 
 

La guardia Nazionale

La guardia Nazionale
A cavallo

Jeri vidi passà pe la Sapienza
Du sordati de Guardia Nazionale
A cavallo, vestiti tale e quale
Dell'Usseri chiamati de Piacenza.

Ma se tu avessi visto che presenza,
Ch'annamento (1) antipatico e carnale!
Ma che, na Guardia Nobile Papale
Je po leccà li piedi, cò licenza ...



Porteno un carzoncino stretto stretto,
Giacca, giberna, sciabola e speroni
E un cappello de pelle de crapetto.

Poi cianno na saccoccia a pennoloni
P'ariponecce, a quanto me fu detto,
Cammiali protestate, o citazioni.

Nota: 1. Antipatico, dal popolano usato sovente per dire l'opposto, cioè simpatico.

Augusto Marini
1871
Da: Cento sonetti in vernacolo romanesco, Perino 1877, pag. 41

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Vince198valerio.sampierinina.monamourmolto.personaleNORMAGIUMELLIsemola1987darie.mathieuNuvola_volaPICCOLAVIOLETTA6daunfiorespazioserramenti02the.pink.shadezatarra13gryllo73
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom