Creato da daveflowers il 03/10/2006

Runner's Idea

Corri per vincere, corri per partecipare, corri per scappare...basta che tu corra

 

 

Dagnente - Gamba d'Oro

Post n°81 pubblicato il 27 Luglio 2017 da daveflowers

Dagnente sta diventando (o forse meglio dire sta tornando ad essere) una superclassica della GDO. La versione estiva alla fine di luglio è un appuntamento imperdibile per chi, come me, deve fare i conti con il poco tempo a disposizione per i trasferimenti e la direttamente proporzionale voglia di preparare borse, scarpe, ecc...A Dagnente da casa mia si va in 5 minuti ed anche nel caso di ieri - nonostante lavori di rifacimento marciapiedi che stravolgono la viabilità cittadina, gitanti tedeschi ed olandesi che viaggiano a 3 km/h, mancanza di posteggio in prossimità della collina aronese dove riposa Felice Cavallotti - la presenza è sicura. Se poi organizza la ASD Podistica Arona, diviene addirittura un obbligo (piacevolissimo).

Parto indietrissimo perchè mi sento fiacco, ma da subito mi accorgo di averne nelle gambe. Impiego 700 metri esatti (dato SUUNTO) per uscire dalla zona di magliette da basket, di cotone, della festa della birra, pantaloni a 3/4, Stan Smith ai piedi, odore d'ascella marcatissimo, e per posizionarmi in quell'area grigia che da sempre è la mia dimensione in Gamba d'Oro: gruppetto di 5/6 davanti e 1-2 metri di distanza costante da chi mi segue, al netto ovviamente degli immancabili sorpassi. A Dagnente si sale, e pure di brutto, e si continua a salire (https://www.movescount.com/moves/move168297862) ma riesco a mantenere un passo costante e rotondo. Il giro è stato modificato rispetto all'anno scorso (la direzione è invertita) e fortunatamente è stato tolto anche l'unico tratto di asfalto a Montrigiasco, sostituito da un nuovo mangia-e-bevi spaccagambe interamente nei boschi.

Quasi senza accorgerci arriviamo già alla discesa che riporta a Dagnente e realizzo che c'è gente disposta a rischiare gambe e testa sullo sducciolevole fondo in picchiata. Mi posiziono a destra per dare strada a chi volesse.

Paese, dentro-fuori, sinistra-destra, il palestrato davanti non lo riesco a prendere ma i suoi amici dietro di me non mi insidiano per niente, mantengo una calma olimpica mentre costeggiamo il campetto di calcio e passerella finale: chiudo 133mo in 29'40". Very well indeed!

Ciao a tutti!!!

 
 
 

Dormelletto (Lagoni) - Gamba d'Oro

Post n°80 pubblicato il 22 Maggio 2017 da daveflowers
Foto di daveflowers

...a volte ritornano!

Eccoci qua a disputare la prima Gamba d'Oro del 2017. Visto l'andazzo chi può dire se sarà anche l'ultima per il sottoscritto? Comunque tappa imperdibile, in un contesto fantastico che abbiamo solo qui da noi: il Parco dei Lagoni è uno spettacolo.

Tantissima gente sotto il tendone al Campo "Martini" di Dormelletto, d'altronde oggi si corre anche la Mezza dei Lagoni (da qualche anno ribattezzata "Lagoni Trail", vabbè siamo anglofoni), leggendaria ed antesignana corsa in natura che nei primi anni 2000 faceva battere forte il cuore (in tutti i sensi) ai suoi partecipanti. A margine viene organizzata anche la 11 km (che sul mio Suunto saranno poi 12, vai a sapere perchè) valida come prova della Gamba d'Oro: impossibile non esserci, con la splendida giornata di sole di oggi.

Raggiungo la partenza a cavallo della mia MTB "altolivello" e bello garrulo provvedo alle formalità dell'iscrizione (2 Euro al banchetto ASD Podistica Arona, tutta la vita!).

Alle 9 parte la mezza, alle 9:20 il gruppone della GDO. Sono nel mezzo, tra profumi ed afrori tipici della kermesse. Un sole dolce bacia le nostre cabeze. Al termine del primo rettilineo (unico tratto - saranno 500 metri - che si corre su asfalto) assisto ad una spiecaveole megacarambola tra aggressivissime signore: un botto a terra mica da ridere. Le dames sono ben curate, dunque proseguo nella mia sgambata. I posti sono i soliti, ma sempre bello percorrerli: la salita in ciottoli dietro casa di Max, l'ingresso (secco a destra) nel Parco, i sentieri tra le frasche che il maestro Gigi Comolli ha immortalato nei suoi dipinti, il maneggio dei cavalli (a volte si vede anche una zebra, ed oggi - 37ma di campionato - sarebbe quantomai opportuna...), i saliscendi al fresco e spezzafiato. In un volo siamo al 9 km, ma sul GPS segna 10, quindi si può spingere per arrivare bene al traguardo, purtroppo non avevo capito che si sarebbe scesi dalla strada degli Alpini, e lì vengo passato da una delle ragazze. La riprendo nel vialetto che costeggia le ville, ma lei riesce a stare ben piazzata davanti. Poco male, nessuno da dietro arriva e quindi posso finire da solo in scioltezza sul rettilineo finale.

Timbratura al 101mo posto, mannaggia! 12 km in 59'32". Molto molto contento.

Alla prossima!!!

 
 
 

Montrigiasco - Gamba d'oro

Post n°79 pubblicato il 29 Luglio 2016 da daveflowers

Si potrebbe banalmente dire che "A Montrigiasco non fai mai fiasco", perchŔ nella frazione collinare aronese si corre di brutto, eccome. Personalmente segno una tripletta mica da ridere in questa complicata settimana di lavoro, con martedi Invorio, mercoledý Dagnente e stasera Montrigiasco. Circus della GDO sempre numeroso e variegato, serata calda ed afosa per onorare il mese di luglio 2016 che se ne va. Si parte dalla piazzetta, subito in paese e si sale. Breve tratto in piano e poi ci si butta nel bosco e si risale, seguendo il tratto finale della gara lunga che si disputa di solito a marzo. Lungo tratto di saliscendi tra le frasche, con sassi sporgenti ben segnalati da vernice rossa. Ma le gambe non girano come vorrei, sono affaticato e sento il fiato latitare alla grande. Sto comunque in un gruppo ben assortito e dal passo regolare, mi ci ritrovo. Ma non va. Ecco la tornata secca a sinistra che risale la costa del bosco. Strano, perchŔ sono passati 18 minuti dallo start e se la memoria non mi inganna (ma tutto potrebbe essere in questo momento di scarsa ossigenazione del cervello) da qui alla fine manca poco pi¨ di un km...non sarÓ stato cambiato il percorso? Lo scopriremo soltanto vivendo (e non Vivendi) cantava il poeta. Finalmene discesa asfaltata, ne ripasso uno e sento che grosse minacce da dietro non arrivano. Vedo il campanile a sinistra, ci siamo. Timbro questa fast race (i gipiessari diranno concordi che i km erano 4,8) in 23'22"15 in 49ma posizione, bontÓ mia dopo tempo immemorabile nei primi 50. Tu chiamale se vuoi (piccole) soddisfazioni. Beveraggio a manella per tamponare la disidratazione, punto della situazione con Viggio (nono, super top!) e Cris (30mo, un metronomo delle serali). Bravi ragazzi e bravo anche a me stasera!Ciao a tutti!!!

 
 
 

Dagnente - Gamba d'Oro

Post n°78 pubblicato il 27 Luglio 2016 da daveflowers

Dagnente...finalmente! Mi viene proprio da dirlo: una gara tosta, sporca, spaccagambe e praticamente senza respiro. Una grande classica che ritorna prepotentemene nel giro (seppur nella versione corta da 6 km e qualcosa) grazie agli splendidi amici della Podistica Arona. Serata calda ed afosa, con promesse di pioggia poi mantenute. Ad occhio direi tanta gente alla partenza, vedremo i numeri ufficiali. Mi metto a metà gruppone, immaginando eventuali imbottigliamenti nelle prime fasi che saranno all' interno del paese. Ore 20 si parte! Cerco subito la mia strada e mi sembra di trovarla, passando qualche concorrente e stando tranquillamente all'esterno della carreggiata. Rispetto a ieri, tutto un altro mondo: asfalto il minimo indispensabile e per il resto tratturi, stradine nel bosco oscuro e fresco (utilissimo peraltro a proteggersi dalla pioggerella che cade sulle foglie sopra le nostre teste). Percorso che ricalca, se la memoria non mi inganna (e se mi ingannasse ci sarebbero comunque le tipiche frecce di vernice sull'asfalto a confermarmelo) al contrario la parte finale della gara lunga che si disputava qualche anno fa il Lunedì dell'Angelo. Qui si sale, e si continua a farlo apparentemente senza fine. Passo qualcuno e mi assesto in quella zona grigia nella quale ti accorgi che i ritmi di tutti sono costanti e quelli davanti tengono e se tu tieni quelli dietro non ti raggiungono. Primo discesone che porta finalmente a Montrigiasco e da dietro qualcuno ringhia ma non mi scompongo. Rimango agganciato al traino di uno che ha le calze giallo fluo come le mie ed intravedo i possenti dorsali di Desi. Eccovi nel mirino, agganciati Maverick. Passo Calzagialla al termine dell'ultima salita su sentiero e lo tengo a debita distanza nel piano che riporta a Dagnente, mi infilo tra 2 della Frattini che fanno da gabbiani ad una ragazza e finalmente mi aggancio a Desi. Entriamo in Dagnente e lo appaio, spingo un attimo e lo passo, ma il poderoso triathleta mi rimette al posto che mi compete ripassandomi rabbiosamente subito. Ultime curve, gli sto attaccato dietro ma la vedo dura. Ultimissima discesa, campo di calcio a destra, i boys della Podistica che in pettorina arancio danno le indicazioni finali e timbro 58mo accaldatissimo in 30'48". Per la cronaca, il tempo me lo comunica lo stesso Desi, visto che stasera per la fretta mi ero dimenticato il crono  a casa: non mi è mancato per niente! Al banco del beveraggio del dopo gara incontro Viggio (13mo!) e Cris (30mo): i forti vanno forte, non c'è niente da dire...Voto alla mia giornata lavorativa: 1. Voto alla mia serale: 8. Media personale: 4,5. C'è molto molto da fare! Ciao a tutti!!!

 
 
 

Invorio - Corsa d'estate

Post n°77 pubblicato il 26 Luglio 2016 da daveflowers

Back to Invorio dopo quasi un decennio. Nonostante tutto non la volevo perdere. Mi presento ai limiti del termine delle iscrizioni, obolo regolarissimo da 2 euro, rivedo Andrea ed Alessia e si fanno 4 chiacchiere dopo un bel po' di tempo. Guardo in giro e direi che c'è meno gente del solito, sarà una mia impressione mah...comunque puntuali alle 20 in punto si parte! Dopo quasi un anno si torna a gareggiare ed è sempre una piccola grande emozione, non importa se tu sia alle Olimpiadi o in una garetta di provincia. La gara è la gara, non ci sono storie! Il percorso è variato rispetto all'ultima volta: si va decisi verso il nord del paese, mentre in passato ricordo che ci si dirigeva verso la frazione collinare di Barquedo, stasera invece si viaggia veloci soprattutto su asfalto nella parte alta del paese. Mi aggancio al gruppo di ECDS e di un paio di tosti palestrati. Afrore e fatica, sono le serali del Novarese bellezza. Riprovo il piacere di provare a non farmi superare e di mantenere la mia ignota posizione e, se possibile, avanzare un po'. Mi riesce anche, in questa afosa serata vergantina. Una bella serie di tira e molla, resi interessanti da cambi di fondo e di pendenze. Segnalazioni chilometriche puntuali, direi bella media poco sopra i 4 al km, con qualche rallentamento dove si sale. Corro abbastanza sciolto, con ECDS nel mirino, dove rimarrà stabile fino alla fine. Discesa asfaltata, secco a destra e rettilineone finale preannunciato dai primi arrivati che stanno facendo defaticamento, beati loro. Posizioni mantenute e nessuno sprint finale, nelle gambe ne avrei anche ma preferisco rendere onore alla categoria "veterano" che mi è stata affibbiata - con mio grande smacco - in sede di iscrizione e non attacco il tonico ma affaticato podista davanti a me. Me ne pentirò da lì a poco, sentendo che la mia classifica recita 51mo...comunque sempre meglio di un calcio nel deretano. 26'49"02 il crono, gamba ancora calda e ristoro bello fresco. Well done! Ora a nanna che domani on doit travailler e, se tutto va come deve andare (e non è assolutamente scontato) si replica a Dagnente.

Ciao a tutti!!!

 
 
 
Successivi »
 

PERSONAL BEST

100 KM: 14° 03' 04" (100 km del Passatore 2012)

MARATONA: 3°40'35" (Maratona di Reggio Emilia 2004)

MEZZA MARATONA: 1°39'40" (Stramilano Amatori 2004)

ORA IN PISTA: km 13,166 (24x1 Ora, Verbania 2006)
 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova