Community
 
Lady_Juliette
   
Creato da Lady_Juliette il 07/02/2011

Lady Juliette

Giochi e Gare di nuovi Autori da conoscere su pensieri, prosa, poesia, racconti. . . tutti meravigliosi respiri di parole dell'anima, tutti vincitori nella creatività, nei contenuti, nelle forme e nella fantasia, nell'impegno e nel donare parti della propria anima nella complessità dei vari giochi, dove sanno creare composizioni che donano emozioni, riflessioni e unione di sentimenti. Momenti condivisi dall'amore per la scrittura, dalla bellezza dei pensieri come abbraccio al sentire altrui che unisce nel sentirsi parte della meraviglia della creatività umana.

 

Anche le pagine nere sono colorate e non sono vuote, sono piene di vie da percorrere silenziosamente...

Post n°875 pubblicato il 25 Gennaio 2014 da Lady_Juliette
 

 

 

 

Abbiamo avuto la possibilità di commuoverci sempre in questo luogo, in questa casa abitata dalle nostri menti e dai nostri cuori.
Abbiamo avuto la fortuna di poter riflettere, sorridere e condividere... Sono state le emozioni a guidarci negli incontri e poi le azioni concrete di amicizia ed abbracci...
Anche ora, oggi, avete saputo disegnare le stesse stelle, sia su questa pagina nera che è la strada percorsa e che forse percorreremo ancora nei tempi che saranno, sia nelle vostre pagine personali, illuminandole di affetto in ricordo di ciò che è stato... E vi ringrazio perchè so che in modo genuino avete percorso questa strada che ci accomuna e sono felice perchè sento che per tutti noi è stato un cammino ricco di esperienza umana.
Anche le pagine nere sono colorate non sono vuote, sono piene di vie da percorrere silenziosamente... ogni tanto poi si vedono illuminare gli incroci ^___^ e quante luci avete acceso e quanto siamo stati bene insieme e lo staremo ancora! Non ci siamo mai abbandonati, abbiamo percorso i nostri cuori in diverse forme e con passi leggeri. Grazie miei splendidi amici per aver ripercorso la bellezza che abbiamo saputo donarci e che sempre sapremo regalarci, grazie per la commozione che mi donate nel vostro volermi bene.
Vi abbraccio forte nel mio volervi bene
vostra Simona

 
 
 

.

Post n°874 pubblicato il 19 Dicembre 2013 da Lady_Juliette

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 20

Post n°873 pubblicato il 28 Novembre 2013 da Lady_Juliette

Vedo un uomo, che intrappolato fra i propri ricordi.. non ha avuto la grazia del perdono da...sé stesso.

In una vecchia canzone di Willie Colon c'è un verso che credo rispecchi perfettamente ciò che vedo in questa immagine:

El que nunca perdona
tiene el destino cierto
de vivir amargos recuerdos
en su propio infierno

Chi non perdona
ha il destino certo
di vivere amari ricordi
nel suo proprio inferno.

Io non so perdonare.. per questo sono AcrossTheShadows...
 
Ti vedo anima mia
Nel rifiuto di una mano tesa
Ti ascolto, in questo silenzio
In questa notte, battaglia e vento
Fra i sensi di un uomo
Che ha perso parte della vita.
 
AcrossTheShadows

 

 

 

 

 

Perché  guardarsi  con  gl’occhi tristi…? Io  ho le ali  e,  Tu  degli arti … Come faccio ad attenderti, ...  Allora,  restiamo uno fronte ad  l’altro,  una mossa di distanza,  giuro che ti guardo ma non ti tocco , ti sfioro .. Se hai bisogno  delle mie mani,  te le offro  assieme le  loro tepore.  Prometto,  se non lanci tu il primo passo,  anch io non lo faccio…
-    Che fai,  non mi tocchi… ???? 
- così difficile  è sganciare il  tuo passo  e venir  ad  abbracciarci  ?
-    Io  non  ti tocco….      

 * ecco perché non ti ho  toccato, non avrebbe avuto senso senza te!  
radovicka
 
 
 
Non si può fuggire al bilancio...ogni uomo dovrebbe prendersi tempo per dialogare con se stesso e la propria pace, ne va della sua stessa specie
Misteropagano
 
 
Quando il vento si calma
l’uccello spicca il volo elegante
come te che mettevi camicie bianche
e ben stirate nei giorni di festa
Quando il vento comincia a correre
lui sta fermo ad aspettare
come te che nell’ora delle attese
stringevi le spalle alla paura
nelle nostre notti andate
Noi, i figli scellerati,
che tornavano all’alba
tutti sotto la tua ala
riparo alla nostra voglia di crescere in fretta
C’è una valle dove respira la mia anima perduta
là ti vedo, immobile ad aspettar la preda
sotto il sole, petto aperto
e zampe in fondo al fosso
Io non so volare fuori dal tuo nido
aspetto ancora il tuo braccio saldo
come l’ala dell’aliante
che vola sopra il mio cielo svuotato
da quel giorno d'agosto
Era in paradiso che ti aspettavano
sopra gli alberi azzurri
tra i fiori di nuvola
dove vanno gli uccelli, gli uomini stanchi
e tutti i padri belli.
SweetyGame
 
 
Qualche volta son stato uccello fuggito dalla pioggia
ed ho bagnato di canto le mie ali in una corsa di notte
mentre tremavano ai polsi le mie vene verdi d’erba.
black_pearls
 
 
Sono attratta di questo tronco…e mi viene questo pensiero… La passione è, libertà al interno dei nostri equinozi,mentre l’ amore è la botanica del nostro giardino, in cui non tutte le piante si possano coltivare.
radovicka

 

 

Sabbie mobili
Che fai qui al bordo del pantano?
Vola tu che puoi!
Mi guardi
e non capisci che io non ho ali
se le avessi accompagnerei il tuo volo
e non posso neanche uscire da qui
sabbie mobili mi inchiodano
alla ragnatela
del tempo di un amore
divenuto follia.

Gradiva1940

 


Si condivide lo stesso destino nel mondo che gira inesorabile come un'eterna ruota

IndianaOglala

 

 


Vedo desolazione dentro nell'anima la pozzanghera sotto quella specie di piattaforma lo rispecchia molto bene . Sui pilastri non è chiaro se è ragnatela o schizzi d'acqua . Se è ragnatela rispecchia il tempo che è passato ,il corvo fermo di fronte al ragazzo il suo lato onirico . Tutto l'insieme è una riflessione del proprio lato oscuro ed autolesionista come se fosse chiuso nel cerchio della propria vita (ragazzo e corvo nel cerchio che si guardano a vicenda verso basso) . Il Super - Io a volte è pesante da reggere.
FreeOnTheAir

 

 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 20

Post n°872 pubblicato il 27 Novembre 2013 da Lady_Juliette

 

Non si sprofonda
nella Luce
ma nei tratti bui
dei nostri giochi
giacendo immobili
tra ragnatele e marmi
S'attende dal Messaggero
il rivelarsi del presagio
e già le lacrime
si spargono
nel nostro vuoto...

ComPensAzione

 

 

La voce dell'incoscienza
ha tessuto
ragnatele di parole
e ti fissa orgogliosa
di aver ricevuto in dono
la tua Anima

Perla

 
 
Era lo sgabello mio preferito
ci sedevo al piano e strimpellavo la sera
alla sera mi guardavi non ancora gazza
ladra di cuori lucenti ci si fissava
incuranti di ragnatele ed acquitrini.
Io ci sprofondavo immaginandoti vicina
tu invece assistevi al mio sprofondo:
sapevi già che palude fosse amarsi
woodenship
 

 

Ci rivediamo finalmente
custode dei miei tormenti
Fili ininterrotti
d'un unico sentire
Goracelu
 

Sparviero

Metamorfosi dell'io
catturato dalla malgama d'inconscio
lascia affiorare
antiche pecche
insolute nel guaito d'un risentimento
che logora lo sguardo accecato
dall'insistenza di sparviero
dalla guglia aguzza
che d'aggressività fa vanto

birilliester diritti riservati 

 

Presto finisce il giorno 25-11-13


Presto finisce il giorno
tra l’opra solerte di un ragno tessitore.
Il guardiano del tempo,
nero uccello,
è venuto stasera
a raccontarmi una storia disadorna,
di un uomo
smarrito in nostalgia
per un amore volato via.
Bisogna decidere se rimanere in quel passato,
murato come nel cemento armato,
o se impastare il corpo,
ancor forte dopo tante primavere,
di seconda vita…
Perché non è ancora finita…

IlMondoDiIside
 


Inguaribile malessere


Nel tracciato invisibile d'un lago trasfigurato
da caliginose anse di bruma
si riflette l'aria nuda d'individualità contorta
S'addentra guardinga nella solinga esplorazione
di isterie e sommosse logoranti
ambigue nell'accentuare pulsioni lesive
Sconvolgono per la loro natura incrinante
diniegano slanci di dolcezza
s'espande quell'orrendo malessere
fino a un precipitare nelle dimenticanze
d'una realtà tagliente... ingoiata da un buco nero
assordante nello scivolo d'ostentati rancori

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati

 


il crogiolo dell'umanità
minordomus
 


Siamo soli davanti a noi stessi ci vuole tanto coraggio a scendere negli abissi piu' profondi del proprio essere e' una storia di sudore e lacrime ma forse il dinamismo che si crea nella lotta e' l'elemento piu' importante.La creativita' emerge nel perseverare di fronte a una sconfitta questo permette di inseguire i colori dell'arcobaleno del cuore e dare un senso alla ragione profonda di albergare sotto questo cielo
xAlex27
 

 
Emerge
L'ombra della nostra
Anima
Specchiandosi
Negli occhi ferini
Della bestia
Stordita e immobile
Nella empietà del tempo
Che ineluttabilmente
Scorre
Bramando i riflessi
Di qulla lontana alba
Che man mano si evolve
Nelle brume del tramonto
Kurtz
 

 
quando Siamo Pronti a Sprofondare mentre il Tempo Scivola ci Vengono in Mente Questioni Irrisolte, il Corvo è la per Aiutarci
Lux_Diaphanum

 
 
 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 19

Post n°870 pubblicato il 25 Novembre 2013 da Lady_Juliette

 

Un tratto d'unione la carne
La pelle lacerata
il filo spinato ben infisso
e teso, tanto che non duole più
Ci si abitua
come ad un bicchiere di rosso
ad una sigaretta
Al cliente di passo nemmeno lo sguardo
natura bendata fortuna
inchiodato amore è fare il palo
c'è ancora qualcosa da rubare
woodenship
 
 
Eravamo paralleli, separati tra quei fili di spine … Sentivo Lui, nella mia misura di fiati; tra la rabbia e il desiderio ed emersa in quella voglia : “Baciamoci e mordiamo il dolore..!  Ma, l’ assenza di lui si diventò sofferenza ..Consumavo tutto le mie giornate pensando a Lui e ogni giorno tutto uguale… Io, estasiata, innamorata e malinconica con quel sangue d’amore che entra senza bussare, poi lo segui passo dopo passo come l’agnello sacrificale verso il suo altare…
radovicka


Mi fumo lacrime
che dalla terra
sollevano polvere
iniettandomi
il veleno
di parole silenziose
che ottenebrano gli occhi
incastrandomi
in un legame
che non ha senso
nemmeno cercandolo.

Perla


Ti perdi in pensieri estremi e perversi
per superare la tua fragilità di donna
e trovare il coraggio di continuare
il cammino della vita.
Gradiva1940
 
 
SESSO A PAGAMENTO 16-11-2013

Laceranti esperienze ai bordi delle strada
nella prigione di filo spinato.
Mi fan compagnia
Bacco e tabacco
e un paio di scarpe col tacco.
Svendita di gioventù,
tra il soffiar inclemente del vento…
Ma io cosa sento?
Anestesia del cuore,
cecità della mente…
Non vedo e sento più niente.
Forse un palpito nel ventre,
nella frettolosità di sempre,
tra il frusciar vuoto di danaro
in un attimo di Amore avaro.

IlMondoDiIside
 
 
Scavalca i limiti del tuo Regno..
portati al Regno di Tre Spade...
all'Ordine, in punta di spada e freccia ..
Shadowmoor
 


scelte obbligate e spesso dolorose
Luna.Piena40

 

Trafiggimi l'Anima,
se ne hai il coraggio:
tanto non vedo,
non sento dolore,
e affogo nel vino
quel poco che avverto...
Nel filo spinato
che punge la pelle e i sensi
io beffo anche i ricordi,
fumandomeli a colazione...
E sono Viva,
nonostante tutto...
...NONOSTANTE TE!

katartica_3000
 



Ossessiva ripassa ancora l'ala della notte
sopra occhi bendati, aridi, mai vuoti a tal punto che il sonno li riempia
Ossessiva e lenta sfila la processione dei minuti, come pellegrini scalzi
Ossessiva rimane l'ultima sigaretta sulle labbra, mute di parole
Qui, in questa notte di cristallo drogami di sogni sul viso, negli occhi, sul petto
Fammi volare su tetti d’autunno come una foglia
E un’altra sigaretta va in fumo.

black_pearls

 

 

E' un caleidoscopio
in cui tutto torna dove deve essere
ed allora tutto è come deve essere...

SweetyGame


Attimi in cui il respiro diventa vento
ed allora la vita sorride
e si allontanano i giorni vuoti
senza amore
ed allora voglio stare con te, solo con te.

black_pearls

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 19

Post n°869 pubblicato il 15 Novembre 2013 da Lady_Juliette

Erano rose non asterischi di ferro
Di Bacco e tabacco
anestetizzi
la Venere tua dal fico nascosta
Che sguardo cieco e austero che hai!
Hai forza amore mio
Non c’è smorfia di dolore da ruggine spinata
Hai orgoglio nel finger distacco dal tuo amore sepolto
Dov’è?
Dov’è la luce di quando sognavi il futuro che sfugge?
Dov’è finito il castello e il nido di torre?
Severa, inflessibile fosti di fronte alla mia libertà
Un soffio e il silenzio
Vidi spalle allontanarsi
e non tornare più
spalle, amore mio, le tue...

AlfaZulu31
  


 
Quale sarà
l'ultima donna
che chiuderà
gli occhi del mondo
Figlia di Eva
avrà colto e gettato
ogni frutto
avrà sorbito
ogni amore ed ogni vizio
avrà forse disgusto
della Madre e di se' stessa
seduta su un trono fittizio
spinata dal languore
di desideri appagati
cieca ormai di sogni delicati
non più figlia
non più madre
in solitudine
eterna ...

ComPensAzione
 
 
 
Malarmonia

Nelle semine dell’anima
intristite dal gelo a far inverno
sa intravedere grigi e salti di buio
nel tremore attutito di mani
inabili percepire la dolcezza d’un fruscìo
che si schiude tra le dita
Incespica in aspre siepi di livore
inseparabile alleato nei taglienti traguardi
rivolti incupire iridi femminee
libere di gioire nei colori del creato
Persa nel riflesso concavo d’ombra maligna
sa scolpire grinze approfondite di malarmonia
nell’incarnato che asseconda
la vertigine intinta in cieli neri

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati

 
 
 
 
 
La stella cerca il riflesso
della sua immagine
nella mano tua
trafitta dal dolce amore
attende tra il fumo del suo piacere
l'illusione dell'istante
raccogliere il suo scatto
tra labbra arse
dalla sete di un fuoco
cieca
della sua stessa prigione

Hellah1
 
 
 
 
 
Quella malinconia fosca
talvolta ricorrente
nei tessuti del crepuscolo
attenua la fragilità d'amore
nelle sfumature
di vissuti languidi sulla pelle d'oca
S'inoltra in armonie d'eterno
sfiorando attimi lievi, ma indimenticabili
che segnano i pensieri...

birilli ester diritti riservati
 


 

 
intrappolati nei nostri dubbi
nella paura dello scegliere
Luna.Piena40

 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 19

Post n°868 pubblicato il 12 Novembre 2013 da Lady_Juliette

 

 

Le stelle non le vedi mica brillare di giorno!
Hanno bisogno della notte
per far la parte delle regine.
Forse è tutta qua la mia insana vanità.
Lanciarsi nel buio per farsi brillare.
Illudersi di sfondare l'infinito.
E in effetti...passata la notte,
le stelle non le vedi più.
Chi può dire in quale parte dell'universo
avverrà la loro ricaduta!

Luce78_2
  

 



Scivola in alto
Lento
Mentre cogli
Il respiro di madre terra
Quel filo teso
Fumoso
Parodia di un tempo
Afono
Senza voce invoca
I suoi diritti
Dove un popolo
Sordo
Solleva nuovi muri
Ubriacandosi
Del nuovo oppio dei popoli
Siamo ottenebrati
Privi di quel conscio
Dolore che ci atraversa
Le viscere
Stonati dalla realtà
Mentre Gea
Solleva la sua mano
Dimostrando l'esistenza
Di un universo superiore
E a nulla vale
Blandire la falsa ingenuità
Giacché il corso delle cose
E' ineluttabilmente
Segnato
Strappa le bende
Dalla tua mente e apri
La coscienza del sentire
Prendi quella mano e
Stringelandola
Lasciati pervadere
Sarà l'armonia a condurre
Un cielo rasserenato
In cui tornar a contar
Le stelle

Kurtz

 

 


 Non vedo nulla
non so se sognavo
ma c’è qualcuno
ne sento il profumo
cos’è questo respiro?
chi c’è? chi sei?
lasciami in pace
cosa vuoi?
non capisci non capisci
non voglo nessuno
voglio stare con me solo con me
chi sei? l’amore?
ah!
l’amore è morto
l’ho seppellito
insieme a cristalli di ghiaccio e fiori di carta
e già non ricordo cos’era
ma...cos’è cos’è?
l’ombra del vento
il respiro di niente
il vuoto del nulla
e adesso va via...amore mio...va via!
e non ti voltare.

SweetyGame

 

 


Fra una sigaretta accesa e un bicchiere di vino anneghiamo i nostri desideri e copriamo ogni vergogna. C'induriamo, e dimentichiamo... "Se la ribellione non è possibile tanto vale ignorare. Perché soffrire inutilmente?" Sono i nostri tempi soprattutto, i nostri tempi. Insensibili al dolore che ad ogni istante ci attraversa, solidi come la poltrona mano nostra maestra; ci rabbuiamo, ci bendiamo gli occhi davanti alla prosperità della natura, certi di farla franca. Ma per quanto ancora? Per quanto ancora??
goracelu

 

  
 
L'Amore alcune Volte è un Filo Spinato che Attraversa L'anima e il Corpo, non Basta la Passione, una Benda o del Buon Vino per Migiorare la serenità di chi Attraversa questo stato d'Animo
Lux_Diaphanum

 

 

 

Certi vizi bendano gli occhi dell'anima dalla vera realtà, rinchiudendola in un mondo fittizio come in una prigione di spine.
IndianaOglala

 

 

 

 
 
 
 
 

cosa vedi nell'immagine 18

Post n°866 pubblicato il 05 Novembre 2013 da Lady_Juliette

 

Son le passioni a farsi molle
immote che non scattano
di una regina nera fan decoro
guarnizione di dolce guanciale
sacrificio offerta lubrica
il signore degli aloni squittenti
di certo gradirà
già callosità eburnea
si fa luminosa al capezzale

woodenship

 

Sogna
Mia Regina Nera
gesta da Imperatore
o cavalli perduti
Sola
nel cigolare di molle
avrai solo un cuscino
cui dedicare i tuoi abbracci

ComPensAzione





Amenità


Alchimista d’un sogno
sfumo d’inchiostro membra spossate
Come giocoliere ne muovo le fila
nella scenografia d’opale
densa di fotogrammi porcellanati
Snodano severi sguardi
sulla sagoma distesa
del mio corpo impastato
alla ricerca di dolci amenità
che incidano scintille pirotecniche
su vene inaridite di malinconia

birilli ester diritti riservati
 

 
 
Stringimi intanto graffiami
Lascia che io perda il senno
Adesso e in balìa del tuo corpo
Che è mantello sulla mia pelle
La punta del tuo capezzolo
Percorre l’intera mia schiena
La sento scheggiarne il solco
La sento e impazzisco di te.
Sperduto nella libido immensa
Ovunque c’è il tuo profumo
Io mi volto per contemplarti
Per averti dentro lo sguardo
I tuoi occhi scandagliano l’anima
E le labbra, indecenti pensieri
Danno l’idea di baci profondi
Alla ricerca del mio basso ventre.
Sei bellissima, quasi impossibile
Che sembra impossibile averti
Però sei qui e mi fai prigioniero
Nel tuo nido caldo e accogliente
Non fermarti ma continua ad amarmi
Non potrei supplicare null’altro
Il tuo viso è lo sfondo perfetto
Per questa notte di estrema passione.
Le mie mani simili a placide onde
Per sommergere i nostri sospiri
Tu non smettere le parole audaci
Che l’orgasmo ti impone di dirmi
Io ho bisogno del tuo ricordo
E le mie dita lo vanno a cercare
Dopo le porto alla mia bocca
E mi inebrio del sapore di te.

IlCustode
 

 

E' invitante il tuo giaciglio
ha sapori di vaniglia e cioccolato
e di zucchero a velo soffiato.
E' una trappola, lo vedo
ha fondamenta fredde
e contorni distorti
ma e' li' che lascio la mia anima
ogni volta piu' oscura.

Melen.Me
 




Il grigio

Nella stravagante architettura
di parole intersecate
amplio la sensibilità
di motivazioni
d’inconscio
Adamantino nell’azzardo
di intarsi e sagome inquietanti
sfiora
scarpate enigmatiche del pensiero
venandolo di presunzione
e rigurgiti remoti
che congestionino il grigio di visioni

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati
 
 
 

il nuovo che avanza
indisturbato
fra mummie
glorie d'altri tempi

goracelu 
 
 
 
Il bisogno delle urla di ricordi... immagini di un esistenza velata dal suo calore... candore... il legame dell'impero di un anima... inebria le menti assetate di indescrivibili emozioni... sospesi verso un raggio di luna nel proprio giorno... per il desiderio di vedere ciò che c'è... ma dentro se...
Hellah1
 

 
Memento...i corpi rigidi di Pompei: sono stesi nel loro sonno; a nulla valsero l'Impero e gli dei.
lgpompili18
  

 
Incubi 03-11-13

Cigolano su molle rugginose
odierni incubi
color nero pece.
Risuonano,
con stridente disarmonia,
tra antichi fasti
e leggendarie gesta.
La luce dell’alba,
premurosa,
li porterà via…
E sarà pace per l’Anima mia

IlMondoDiIside
 
 
 
Del tempo
Rimane il severo
Silenzio
Laddove vibrava
Sospirando l'appassionata
Anima
 
Kurtz
 


 
Sogni in Bilico, Tra Re e Cavallo, Scegliere non è Semplice chi Vincerà
Lux_Diaphanum
 

un'esistenza fatta di precari equilibri ...
vista come una partita a scacchi tra noi e il destino.
dubbi e certezze che s'intrecciano
tra sogni e speranze

Luna.Piena40

Il buio del presente... la luce del domani...
Luna.Piena40
 
 
Una casa in cui (dover)tornare...
xAlex27
 
 

l'umanità e il suo timore nello fare delle scelte.
uomoinabitodasposa


 


Un raffreddamento
MisteroPagano

 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 18

Post n°865 pubblicato il 02 Novembre 2013 da Lady_Juliette
 

 

 

 

 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 17

Post n°864 pubblicato il 02 Novembre 2013 da Lady_Juliette

 È l'insicurezza
che ti fa chiudere a guscio
per dimenticare le costruzioni
di un leader fantoccio
Chi insegue più bandiere
stracciate a sangue?
Destabilizzazione
è il comando
Tu...dimentica
torna nell'oblio del ventre
Il resto
è deserto...

ComPensAzione

 

 

In cammino per saldare il costo
salvezza o vittoria
poco importa
lunare è il mondo
sospesi i destini
lenti ottuse agli occhi
parallelepidi astrusi
ancor più piedistalli
monumenti alle forche caudine
E tutti in marcia
più che mai pigmei
seguire di presso il gigante
non offende
la meta è l'ultimo albero
il vessillo è rosso
insiste speranza

Woodenship
 


Ero arrivata a metà della mia vita; la linea che tracciava il limite tra quella già passata, e quella che sarebbe ancora dovuta venire, rivelava il netto contrasto tra il passato e il futuro. La mia gioventù sarebbe rimasta solo un ricordo da custodire caramente nella memoria. L’immagine della donna giovane che ero stata, fra una ventina d’anni, sarebbe stata assorbita da una vecchia e rugosa. Il tempo spietato ne avrebbe vergata la pelle lasciandone il segno giorno dopo giorno. Dietro di me, come bravi soldatini, sfilavano le diverse figure della mia trasformazione nel tempo. Davanti a me, si stagliava l’ignoto di quello che da oggi in poi sarei divenuta. Sapevo bene che alla fine del mio viaggio sarei ritornata di nuovo a rannicchiarmi dentro l’utero della terra, per poi farmi rigermogliare, chissà quando e chissà dove. Anche se ormai lacera e bisunta, non avevo rinunciato a tenere ancora alta la bandiera rossa della passione. Che vita sarebbe stata senza più provare quell’ardore che t’infiamma le gote, senza quel rimescolio nelle viscere con quella morsa che ti stringe lo stomaco, e senza quel formicolio al basso ventre che ti carica di adrenalina. No … non avrei mai rinunciato a queste sensazioni per nulla al mondo. E più ripensavo al groviglio di emozioni che avevano imporporato le mie ore: e più la mia immagine s’ingigantiva. Perché ciò che fa’ grande un essere umano è l’immensa capacità che ha di amare.
LaScrivana
 
  


Crollino i nuovi palazzi.



Parto di dolore
tra prigioni di cemento
su terra umiliata
che grigia si piega.
Tracce e parole
segnano il tempo
la speranza agognata
all'orizzonte si spiega

Lobarkaine 
 
 

eterna la speranza di fare la scelta giusta ...
Luna.Piena40


 
incertezze ... dubbi ... speranze ...
Luna.Piena40

 

Vedo l'ombra del mio essere
sovrastare la mia persona
mentre rannicchiata
ripenso ai giorni
in cui ero più grande di lei.
Cos'è quella porta
verso la quale mi dirigo?
Non la riconosco
non è la mia
non sono io...


Melen.Me

 

 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 17

Post n°863 pubblicato il 29 Ottobre 2013 da Lady_Juliette
 



Spiraglio di eterna morte
fulgido battito al suonare delle trombe
e l'impeto sanguinolento si scaglia sull'orizzonte
che sa d'immenso plasma
ed infinito amore
verso l'agognato ritorno a casa
quella porta chiusa d'amore
e quell'amico di sempre accasciato in terra.
Tutti uniti per un solo colore
tutti uccisi per una sola ingiustizia.
Ma comunque l'amore vincerà
nell'orrore della morte
negli errori della vita.
Eros e Tanatos
guerra e Pace
Amore e odio
Io e Te.
writerorange82
 

 
Non vedi il sole laggiù?
E allora corri, corri finchè puoi
Il filo del tempo è tanto lungo da farci sognare
Ma così corto da farci cadere
Fine. Uno strattone...
Tu però corri, corri finchè puoi
Raccontano che i fili non siano tutti uguali
Raccontano anche che ognuno di noi
ha la capacità di tessere altri metri, altri giorni, altri anni
Con l'amore, con un sorriso, con il cuore
E allora corri, corri finchè puoi
Il sole è laggiù, ma non lo raggiungeremo mai.
I nostri fili non sono così lunghi
No, non piangere
Potremmo cadere dentro a quel sole maledetto e tanto amato
No, non piangere
Tu corri e non ti fermare
E quando ti fermerai non bagnare la terra con le tue lacrime tristi
Dovrai fare una cosa, promettimelo
Siediti e guarda quel sole tanto luminoso...perchè il sole è bello guardarlo
Ma da lontano.
SweetGame
 
 
Risonanze dolorose

Circuiti silenziosi
dilatano oasi di mente
propensa ricreare risonanze dolorose.
Nel responso d'un pensiero acre
s'ampliano visioni surreali
abbarbicate a sedimenti
che dilagano grande mestizia

birilliester diritti riservati

 


Mi sorprende sempre stare sulla cornice
appena oltre il confine
che mi permette di vedere il sinistro contenuto
raggomitolato frutto della destrorsa insicurezza destabilizzante
E sfilare di anacronistiche bandiere sfilacciate d'ombra assenti
E uomini ancora a seguire il pifferaio magico
Ombre a sparire nel baratro dell'orizzonte
Mi sorprendo sempre lassù, over the rainbow
Sol4Y


Incertezza d'epoca

Nella bufera dei tartari
fatti umanità
si distillano parole di carne
e sortilegi abbagliati d’ambiguo
in un cammino mai soffice
ove esche oblique
e soffi aritmici
rendano desueto il nesso di pensieri
smaltati di perplessità
e ferraginose soglie
sdoppiate d’identità certe

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati

 
 

 

Nel tramestio dell'anima
Pensieri si addensano
Truppe in attesa di invadere
Le recondite sinapsi
In cui albergano gli orizzonti
Di sconfinati desideri
 
Un cenno
Una parola
E prenderemo possesso
Del nostro essere
Vivi
 
All'alba la luce radente
Allunga le nostre ombre
Fuse nello stesso crogiolo
All'unisono repirano
 
Kurtz



Übermensch 27-10-13
E mi sovviene il ricordo dell’umana pazzia
di chi aveva perso, dell’umano rispetto, la via.
Tra ombra e ombra non è rimasto niente.
Dietro gli scuri,
si attorcigliavano i baci alle finestre,
e i prigionieri, nello spicchio di luce,
aspettavano un fuoco delirante.
Di te , piccolo e malvagio uomo,
(uomo?),
rimane il profilo all’orizzonte.
Tra lo sventolare di svastiche
sei stato ritenuto “grande”
per il gregge di pecore
contagiate dalla tua pazzia.
Lontano eppur vicino rimane il monito
di labbra non imbrigliate,
eco di chi ricorda le ceneri soffiate
IlMondoDiIside



vuoto e desolazione
macabra vittoria
dell'umana follia
Gradiva1940


ogni Giorno tra Due Bivi Occorre Scegliere, Seguendo il Cuore con la Giusta Consapevolezza, per Raggiungere una Meta, Segnata da una Bandiera, Siamo Grandi se Riusciamo a Farlo Liberamente senza Seguire la Folla.
Lux_Diaphanum


Gli ultimi devastatori innalzarono al cielo i tabernacoli della sofferenza.Posero una statua e un immenso vessillo senza nome. La loro ultima inutile preghiera. Erano sabbia anche le parole.
lgpompili18



s'ingrossano le fila di coloro fermi all'orizzonte ... tutti con il medesimo dilemma su quale strada scegliere.
Luna.Piena40

fermarsi e trovarsi di fronte all'ennesima scelta da fare valutando tutte le conseguenze.
Luna.Piena40


Mi volto 17 volte indietro con le 17 ombre.
Misteropagano

 
 
 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 16

 

 

sulla soglia del tempo
l'inganno si dissolve

posso spezzare le catene
per respirare
un mare sconosciuto

mi han frenato le incertezze
e le paure

il mare davanti
ha occhi d'abbraccio sicuro
come le ali
per affrontare quel volo

come la vita
che lascio
e quella che vorrò abitare
al di là della soglia
per essermi fiera
di specchiarmi nel sole
dei miei giorni a venire
 
Lady_Anima

 



Singolare condanna
starsene di qua
della vita finestra sghemba
e senza vetri
dal nulla piovuta
nel nulla destinata
giusto il brillare di un'idea
con una scadenza già fissata
pugnalata inferta alla schiena
tanti sono i corvi
aspettano il balzo oltre
le carni sfatte e sanguinanti
ma non c'è onda a dire vieni
risucchio di maroso ipnotico insinuante
solo un'idea ch'è bonaccia
incitamento che l'ora c'è già
c'è solo d'attendere.
woodenship

 


L'orologio della vita, inesorabile
segna il nostro tempo
l'ora è stabilita.
Pochi passi ancora.
Vesto l'abito "nero-defunto"
chino il capo umile e penitente e
attendo l'estremo giudizio
oltre la finestra del mondo
dove neri corvi attendono
il passo della morte

Gradiva1940

 

 

Il tempo si è fermato davanti alla finestra sgangherata della fantasia. Ora è in attesa che l'immaginazione disegni nuovi orizzonti e nuovi davanzali, affinché gli uccelli si possano riposare dal loro continuo migrare.
LaScrivana

 

 

 

Sulla riva di un lago delle Ande, mi sono inchinato alle finestre delle dimensioni immaginarie. L'Inca non era più. Solo ali nere, corvi e condor. Sceglierò un'altra era, coordinate infinite.
lgpompili18

 

 

Davanti ad un animo afflito anche il tempo si ferma inesorabilmente
IndianaOglala
  



il Tempo Scorre ma chi Apre le Finestre del Cuore, Riesce a Vivere le Emozioni Attraverso i Ricordi, Nessuno Riesce a Farla Volare
Lux_Diaphanum
 



restare o andare oltre ... l'eterno dilemma ...
Luna.Piena40

 

 

 

 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 16

Post n°860 pubblicato il 23 Ottobre 2013 da Lady_Juliette
 

 

Poi arrivò l’aurora come una mano pietosa per posare una carezza sopra la sua disperazione ed il vento, con calma oltrepassò la finestra dove i fiori sul muro appassivano e morivano. Dentro la sua stanza il tempo si era fermato e lo aveva fatto da tempo che lui non si ricordava ed un bicchiere sul tavolo conteneva le sue lacrime per dissetare un’allodola che era là di passaggio. Ai piedi della collina dove si ergeva la casa silenzioso come una serpe avanzava il dolore che strisciando sopra i prati travolgeva grilli e cicale la prepotenza di chi è robusto la rabbia di chi non è amato. Bussò insistendo alla porta senza ottenere risposta il tempo si era stancato e non aveva più tempo le lacrime dentro il bicchiere erano gocce di pioggia che il vento aveva raccolto per tramutarle in oceani. Poi ritornò la notte col suo mantello di pece e si posò con molto garbo sopra la collina e la casa ma lui, sfuggito al dolore viaggiava le tenebre e l’oblio all’orizzonte solo una luce che lui non raggiunse mai.
IlCustode



Lo senti?
Quel cicaleccio lontano
di conversazioni d'uccelli
Sono lì, li vedi?
A confabulare sul volo
del tuo essere senza ali
Si sono fermati in attesa
aspettano il balzo
la planata d'artista
Non sanno, loro - come potrebbero-
che la tua finestra
non è partenza ma arrivo
che la tua non è intenzione di volo
ma di caduta libera a braccia
ComPensAzione
 
 
Ho cenato vista mare
nell’ora in cui il cielo si fa conchiglia
e rondini mischiate come vapore di spiaggia
Ho succhiato un re mi sol di ostriche,
come a stupire un maschio, sottovoce
Vino fermo: in piedi il calice
Ho masticato il mare
gli occhi del viaggio, l’insonnia del ritorno
Ora rimangono i lividi delle parole
appena appoggiate sui sogni stranieri
Ho stretto un poco il cuore
il nastro che porta alla gola
fino a sgozzarmi di parole
le mani dietro la schiena
come fanno gli schiavi nel loro dono
E poi
Mai, il poi!
SweetGame
 

 
 

Nelle percussioni
d'un tempo irriverente
si sbiadiscono
sagre rilevanti
in cui ho assolto
quella parte di me stesso
che ha impastato garbugli
e controsensi...
Ora tornati sulla linea del pensiero
infieriscono rapaci come uccelli
su cenci d'animo alla berlina
in un vicolo scevro
da richiami di luce
e vaporosi aromi di vita

birilliester diritti riservati
 
 

 
Andando

Nella farsa
d’un cammino vulnerabile
azzero
crude percussioni del passato
zolle trasparenti
che equilibrano
salti d’eclisse
nel suo tornar di brillantezza
E nell’altalenare
d’epoche in contrasto
faccio tesoro di conoscenza
filtrando pensieri e parole
lanciati
nella realtà afferrata con le dita
Confido nel suo ascolto
assaporando intonazioni
e scivoli emotivi
negli assaggi di mare
e le sue malinconie

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati

 
 

 
Mi pesa
questo tempo
senza senso,
questa finestra
aperta
al rumore confuso
del mio rassegnarmi.
The_Blue_Pearl

 
 

22-10-13

Ho finito il tempo
in cui ero paga d’aria pura
e forte d’una allegra giovinezza.
Resto alla finestra
a guardar lo scempio di inutili guerre,
d’amabili contese,
e di assurde pretese.
Langue sotto un sole soffocato
la spiaggia deserta…
solo le gazze fan comunella
io- tremante- aspetto
i rintocchi di una campanella.

IlMondoDiIside
 
 

 
In un pensiero si racchiude una storia
In un momento si sublima l'estasi
Come una passaggiata a piedi scalzi
Lasciando orme su sabbia bagnata
Dove l'onda più emozionante e audace
Cancellerà i graffi arenati con un sol colpo
 
In un frattale di tempo
Vive l'immortale
Schiudendo roridi petali cremisi
Di gelosa passione avvolti
Di grida e sospiri coltivati
 
Kurtz
 

 
quando giunge il tempo delle scelte da fare, delle svolte nel nostro vivere ... oltrepassare o meno le famigerate porte
LunaPiena40
 
i tempi delle riflessioni e finito ... è giunto il momento decisioni da prendere
LunaPiena40

 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 16

Post n°859 pubblicato il 21 Ottobre 2013 da Lady_Juliette

 

 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 15

Post n°858 pubblicato il 17 Ottobre 2013 da Lady_Juliette
 

 

 

Gioco a rincorrermi,
tra una dimensione e l'altra,
il mio io si perde
e lo rincorro, lo afferro
per tenerlo con me...
poi fugge il biricchino
si nasconde nel mondo,
il mio piccolo mondo di colori
ed io in essi mi sciolgo
e serena mi addormento,
fino solo alla prossima rincorsa
Resfire

 

 

 


Strappalo, il sogno
fanne strisce sottili
sottili come le tue dita
che suonavano bambina il pianoforte
Ricama il mondo
con i colori più arditi
indossa le tue scarpe di tela
e apri la tua anima
come un pacco regalo
con sorpresa e speranza
E di quelle strisce sottili
componi arcobaleni sul vero
battendo i piedi con forza
con il ritmo che usavi sui tasti.
ComPensAzione

 

 


Venisti così fuori dal nulla
solo l'ombra era a testimoniare
i tuoi arti che spuntavano dalla porta
lasciavi un'altra dimensione
quella fantastica della mente
per farti morbida presenza
sbarazzina proprio sul prato
quello giusto ancora da arare

Woodenship

 

 

 

 

Dentro

Accucciata dentro una lettera
lontana da terra, dondolo
cercando appigli.
Anima in pena
un IO grande o oscuro mi avvolge
esaltazione
rifiuto
negazione.
Aurore verdi si scontrano
con cieli consueti
nuvole di dubbi.
il grano è pronto per essere mietuto
ma l’ombra del pane si allunga
verso mani che fuggono
da responsabili funi.
Un giorno me ne andrò
cadendo nel profondo
a cercare il noi
paradigma dimenticato
e piangerò sulla sua immagine
interrata…

Eliantemo

 

 

 

 

Creatività


Pensieri arruffati
si sdoppiano
dando inconsueta lucidità
a realtà tossiche del giorno
Seguono una traiettoria diversa
superando
la soglia ingannevole d’intelletto
forse d’intralcio
al talento dell’attimo
in sospeso
su un trespolo
incurante della logica vorace

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati



 

 

Mi rimangio
i pensieri piu' bui
lasciando spazio
allo spazio dei colori.

The_Blue_Pearl

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi travolge
un'astratta dimensione
scavallando orme di realtà
E in quel volo accorpato
a stormi di pennuti migranti
inverto i miei pensieri
avvezzi a statiche cadenze
di sogni attorcigliati

birilli.ester


 

 



Ostracismo eclettico di un vivere funesto, aleggia l'alba di un giorno vissuto per caso. Da lì quel mare di festa che allo sguardo passivo inneggia alla libertà di essere. Esci dalla pesantezza del giorno per vivere una sola notte o viceversa. E' l'attimo della grandezza, il momento della resurrezione da un incubo, da un sogno, da un malessere o da un benessere, che lontano ti porta nel tempo e nello spazio. Rinascita di paradisi sconosciuti. Rimembrami ancora quelle flebili luci. Fuochi fatui nel parco delle menzogne. Non è come si credeva. L'ineluttabilità del viver di sogni.

writerorange82

 

 

 



nell'immagine io vedo una persona che vorrebbe fuggire dal mondo del web, ma suo malgrado, ne rimane intrappolato, come se qualcuno, e per chissà quale ragione, gli impedisca la fuga...

IlCustode62


 

 


Dal mio ego esco
a cercar per il mondo
l'essenza di me stesso.

Lobarkaine


 

 

 


La casa di me 15-10-13

In quel cielo azzurro
il giorno è breve
ora che mi rimane
solo il tempo per un bacio.
Qui voglio abitare,
nella casa di me,
raccontando,
tra pelle e memorie,
l’ebbrezza di un sogno innocente.


IlMondoDiIside

 

 


 

L'attrito di una lotta in volo come accade agli aerei nella fase del decollo,per liberarsi dall'inutile e raggiungere il proprio cielo...

xAlex27

 

 

 


una Giovane Donna Decide di Uscire dalla Finestra verso la Luce, Vuole Volare nel Cielo per Sentirsi Libera e Vivere le Emozioni, di ogni Colore e Luce

Lux_Diaphanum

 

 

 

 


Sarebbe semplice che tutti vedano, ma come in e come out..sono sempre passaggi dolorosi.

Misteropagano

 

 



uscire dalla scatola di mode e tendenze ... vivere nello spazio infinito della nostra autonomia di pensiero

Luna.Piena40

 

 

 


desiderio di libertà o terrore del mondo esterno.

Luna.Piena40


La fuga verso la libertà da un mondo che ci è sempre più stretto

Luna.Piena40

 

 


 

L'amore invisibile entra dalla semplicissima e purissima finestrella del dolcissimo cuoricino e giorno dopo giorno diventa sempre più sconfinanto e più immenso, volando nelle distese praterie dell'anima profonda con immensa gioia, dolcezza e passionalità, oltrepassando le nuvole della tempesta, andando incontro alla luce del sole, che scalda e illumina intensamente i cuoricini e tiene lontani dalle tempeste dell'amore puro e passionale.

Matteo

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 

Cosa vedi nell'immagine 14

Post n°856 pubblicato il 11 Ottobre 2013 da Lady_Juliette
 

Guarda... guarda le luci, i giochi,
le immagini arabescate,
gli specchietti e le lanterne colorate.
Ma se cerchi oltre
vedrai lo spirito guerriero
che vigila sull'anima mia
che vola a cercar la luna.

Lobarkaine

 

 

Alla giostra regale delle luminarie
è il furto di un destriero
cavalluccio dall'occhio dorato:
qualcuno rimarrà senza il sogno
ladro ch'è spietato
ridicola tragedia
cavalca la tenebra.
Di vergogna che ne abbia
il nero cappuccio non dice
ladro di giovinezza
pure l'oro di luna s'adombra
ombra di corvo
fuga codarda .

woodenship

 



Sulla giostra della vita
tra luci e ombre
un cavaliere senza volto
figura inscutabile, inafferrabile
il suo nome: DESTINO.

Gradiva1940

 



Giostra forma sferica, forma di un cerchio... un cerchio vizioso in cui l'umanità è caduta. Il cavaliere, un cavaliere nero, il Cavaliere della Morte che cavalca il suo stallone, mangiatore di anime perse nel buio e disorientate. Il corvo ambasciatore del vuoto oltre il tempo e lo spazio, usato nelle cerimonie indiane per vincere e respingere malattie li voglio dare un ruolo di speranza nascosta nel mistero del suo nero.
Dany FreeOnTheAir

 

 

Eccomi di Ritorno, tra Luci di Giostre, a Cavallo dalla Vita non si Scende, chi si Ferma è Perduto, un Corvo indica la Via tra la Luce di Luna...
Lux_Diaphanum



un'ombra inquietante che oscura parte della luna
Luna.Piena40

un rivivere di speranze
LunaPiena40

 

 

Il cavaliere della notte, dopo la giostra del giorno.
Coluci

 
 
 
Successivi »
 

PER INSERIRE VIDEO YOUTUBE

Video in AutoPlay

 

 

 

Cliccare qui per generare il codice in AutoPlay per inserire i video nel Profilo o nel Blog

 

 

 

CENTRO

 

 

BADGE FACEBOOK

FIORE VIOLA 5 200 CENTRO

 

 

REGOLAMENTO BOX LAT 2

 


 

BANNERINO JULIETTE BOX LAT 7

 


 

CENTRO

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

bi075bMalyssa_8woodenshiptanmikMechanical_WordsLUX_DIAPHANUMalfazulu31scacchiblusupergattomicionedglmartayensidScattolandoSky_Eagletrillyinao.radovickairene.74
 

ULTIMI COMMENTI

Lieto giorno Simona, Emozioni nel Tuo Cuore, una carezza di...
Inviato da: LUX_DIAPHANUM
il 15/04/2014 alle 18:41
 
*
Inviato da: alfazulu31
il 15/04/2014 alle 14:29
 
^_________^
Inviato da: o.radovicka
il 11/04/2014 alle 18:55
 
Un abbraccio forte...io non dimentico:-*
Inviato da: Katartica_3000
il 11/04/2014 alle 15:54
 
.....
Inviato da: xalex27
il 11/04/2014 alle 13:41
 
 

FIORE VIOLA 5 200 CENTRO

 

 

GEMELLAGGIO

 

 

FIORE VIOLA 5 200 CENTRO

 

 

5 PUNTI PER UN BLOGGER BOX LAT 8

1. Sono una blogger e non cerco nient'altro che il confronto con l' altro. Confrontarsi significa esprimere un pensiero duttile che si presti ad essere confutato con quello altrui, fatta eccezione per i valori cristallizzati in ognuno.

2. Lascio commenti pubblici perché i feedback sono la linfa vitale per un blogger

3.
Non urto la sensibilità altrui con volgarità, offese, bestemmie, etc.

4. Non ho preferenze sessuali, razziali, religiose o culturali

5. Apprezzo le persone e non gli aggettivi (bello, brutto, basso, magro, ricco, povero, sporco cattivo, buono, etc.)

 

FIORE VIOLA 5 200 CENTRO

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 151
 

COPY RIGHT BOX LAT 9


Poesie by Lady_Juliette is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at Lady_Juliette

E’VIETATO Senza il consenso dell’autore, la riproduzione, anche parziale, la trascrizione, la diffusione o la commercializzazione delle opere qui pubblicate. Il tutto ai sensi degli articoli 1–2 e 171 della legge n.633 del 22-04-1941 e successive integrazioni. Per tali trasgressioni è prevista la sanzione penale.

 

FIORE VIOLA 5 200 CENTRO

 

 

BLOG DI QUALITÀ BOX LAT 5

 


"BLOG DI QUALITA'"

 
MOTIVAZIONE:
perché con un'idea geniale l'autrice ha saputo creare un salotto letterario presso il quale scrittori del web affluiscono per cimentarsi in una gara amatoriale di poesia.  Elegante, capace, umile, disponibile ai miglioramenti, attenta alla critica costruttiva, Lady Juliette ha saputo riunire un gruppo di amici dalla spiccata capacità. Sicuramente originale la sua iniziativa. Blog di cui non si può fare a meno.


 

FIORE VIOLA 5 200 CENTRO

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CENTRO