Community
 
Rosa_in_inv...
   
 
Creato da Rosa_in_inverno il 21/03/2009

Rosa in inverno

Per essere donna sempre. Di Ornella Pigati

 

Ultimi Commenti

dolly.1
dolly.1 il 07/04/14 alle 00:53 via WEB
Ti auguro di aver ritrovato la serenità e di stare bene. A presto.
 
dolly.1
dolly.1 il 07/04/14 alle 00:49 via WEB
Buon Compleanno e un caro saluto. Con stima ti auguro una felice giornata. Auguri!!!
 
ninograg1
ninograg1 il 07/04/13 alle 07:17 via WEB
buon compleanno e buon 2013
 
Rosa_in_inverno
Rosa_in_inverno il 07/02/13 alle 19:46 via WEB
Grazie per aver letto. :)
 
Rosa_in_inverno
Rosa_in_inverno il 07/02/13 alle 19:42 via WEB
Grazie per la tua preziosa testimonianza. Noi donne abbiamo risorse infinite e ancora sconosciute; il centro della nostra energia non è l'ovaio, ma un luogo della nostra essenza che creiamo Noi.:)
 
comelunadinonsolopol
comelunadinonsolopol il 25/01/13 alle 23:45 via WEB
mi dispiace
 
forzacoraggiosempre
forzacoraggiosempre il 09/12/12 alle 12:17 via WEB
Non sono ancora entrata in menopausa precoce o anticipata, ma ci sono molto vicina. Dopo un aborto nel 2010, mi sono rivolta presso centri PMA, per problemi di infertilità in agosto di quest'anno. Mi hanno dosato l'AMH e purtroppo è a 0,5, l'FSH ad 8, ancora normale, ma mascherato da estradiolo alto. Attualmete ho 37 anni e mi hanno detto che da queste analisi probabilmente andrò in menopausa entro i 45 e le mie possibilità di avere figli sono molto più basse rispetto ad una donna della stessa età. Un'ovaia è già conmpatta, nll'altr sono presenti pochi follicoli antrali 3o4...non mi hanno detto il numero preciso. Recentemente dopo 2 anni e mezzo sono riuscita a restare incinta, ma ho avuto un nuovo aborto alla 4 sett. Probabilmente dovuto a scarsa qualità ovarica essendo vicina la menopausa. Non so se riuscirò ad avere figli naturalmente perchè il tempo passa e i follicoli diminuiscono un giorno mi sveglierò e sarà finita. Ma non mi arrenderò!! per fortuna all'estero esiste l'ovodonazione. E comunque benvenga una fondazione che faccia ricerche sulle cellule staminali e tutto quello che si può fare per le donne che vogliono solo sentirsi donne normali come tutte le altre!.
 
LN1979
LN1979 il 06/06/12 alle 12:45 via WEB
un bell'articolo ma anche il nostro su il linguaggio del corpo non e male..
 
zandale0
zandale0 il 08/05/12 alle 19:12 via WEB
Ciao, un giorno ho sentito al tg che avevano impiantato tessuti ottenuti da cellule staminali e nella mia ignoranza pensai perche' non fanno la stessa cosa con le ovaia, oggi mi si riaccende una luce per poter tornare normale.... Perche' io normale non mi sento piu.
 
dolly.1
dolly.1 il 09/04/12 alle 13:58 via WEB
Chiedo scusa per il ritardo, ma accetta gli Auguri più sinceri di Buon Compleanno e buon proseguimento di feste pasquali. Con stima. Dolly
 
Successivi »
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Rosa_in_inverno
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 103
Prov: MO
 

ULTIME VISITE AL BLOG

soffyana69dglsaverio.anconadebianlinuxbybenny2009sem_pli_cemadmax.romanuma.mcarlamaurasilvia.procacciniIl.Cielo.Capovoltoasimov_2013artsoniashadow.ghostEudaimon0
 

ULTIMI COMMENTI

 

FACEBOOK

 
 

IL PROGETTO E LA FONDAZIONE.

Il mio intento ora è di formare una squadra composta dall'equipe del dr. Jonathan Tilly e da quella del prof. Massimo De Felici e creare una fondazione che promuova e sostenga il progetto di ricerca sulle cellule staminali ovariche, al fine di rigenerare l'ovaio. Il progetto è rivolto specificamente alle donne in P.O.F. ma potenzialmente estendibile anche a tutte le altre. 

7/11/2011

La squadra è stata formata, ma sia il prof. Massimo De Felici che il dr. Jonathan Tilly faticano sempre più a reperire fondi per il progetto di ricerca e sperimentazione sulle staminali ovariche. Il freno viene tirato dalle case farmaceutiche,  che non venderebbero più pilloline, cerotti gel e inalatori a base di estro-progestinici qualora l'ovaio potesse essere rigenerato con un semplice intervento in laparoscopia.

Questo è il mondo in cui viviamo. Questo è Il Vero Potere, che per mantenersi al potere non esita a sacrificare la salute e il benessere degli esseri umani.

Rifletteteci e ricordatelo.

8/02/2013

 

 

 

PERCHÈ QUESTO BLOG?

Ho creato questo blog per parlare al mondo di una patologia tanto invalidante quanto sconosciuta: la P.O.F. o menopausa precoce.

Le donne che ne soffrono sono moltissime, ma difficilmente ne parlano, se non tra loro, perchè si sentono menomate nella propria femminilità.

Questo silenzio rende la P.O.F. una malattia "orfana".

Io l'ho adottata, dopo che lei mi ha scelta, ed ho deciso di diventarne testimone.

Perseguo un programma civile e politico di cui i seguenti sono i punti salienti:

- far conoscere la P.O.F. o menopausa precoce al maggior numero di persone possibili;

- sensibilizzare lo Stato, le istituzioni pubbliche e private ed i media riguardo alla necessità:

1) di predisporre centri specializzati per accogliere ed assistere gratuitamente le donne con la P.O.F.;

2) di favorire, incoraggiare e sostenere la ricerca medico-scientifica, in particolare quella sulle cellule staminali, in Italia fortemente penalizzata dai veti imposti dalla legge 40 e dagli ingenti tagli finanziari. 

Invito tutti i visitatori di questo blog a copiarne il link sul loro profilo.

Grazie.

http://blog.libero.it/Rosaininverno/ 

 

 

 

 

 

IL MIO SIMBOLO

Ho scelto come simbolo una rosa rossa. Una rosa rossa che ha mantenuta intatta la propria bellezza, anche nel gelo dell'inverno.

La rosa è, per eccellenza, l'emblema della donna e del suo organo sessuale: la vagina.

Il rosso è il colore del sangue: anche di quello che si perde con il ciclo mestruale che, nella donna in menopausa precoce, scompare.

Il ciclo mestruale, dunque, è una perdita di sangue, ma è la somparsa di quel ciclo a diventare la vera perdita.

E' allora che una donna cerca nuove risorse da esprimere, nuove prospettive da cui guardare e guardarsi, nuove strade da percorrere.

Ma, qualunque sia il percorso che intraprende, ella rimane comunque una rosa rossa. Una Donna sempre.

 

 

 

 

Lettera aperta all'onorevole Maria Antonietta Farina Coscioni

Cara Maria Antonietta, sono una delle tante giovani donne che, ancora ragazza, ha ricevuto una diagnosi di P.O.F. (Premature Ovarian Failure), ossia di menopausa precoce.

A trent'anni sono stata espropriata della mia identità di donna, della possibilità di procreare e della mia salute.

La P.O.F. è una grave malattia endocrina, che si accompagna sempre ad altre patologie sistemiche, genetiche o di natura autoimmunitaria, provocando un rapido ed inesorbile deterioramento degli organi, dunque un invecchiamento prematuro. Oggi io sono anagraficamente una quarantenne nel corpo di una sessantenne.

La Medicina non dispone di terapie in grado di ripristinare la funzionalità ovarica e in Italia non esistono centri preposti alla presa in carica delle giovani affette da P.O.F. Non solo: questa malattia a tutti gli effetti cronica, non prevede neppure l'esenzione sanitaria.

Superato il primo periodo di disperazione, ho cominciato a studiare Medicina ed ho scoperto le cellule staminali che, secondo alcuni esperimenti condotti da ricercatori statunitensi, potrebbero trovarsi anche nell'ovaio della donna e consentirne la rigenerazione. Un'altro gruppo di ricercatori suggerisce addirittura che la fonte della fertilità femminile si troverebbe nel midollo osseo, ove verrebbero prodotte  cellule staminali progenitrice della linea germinale, che rifornirebbero di ovociti l'ovaio stesso. Se anche una sola di queste teorie si rivelasse fondata,  sarebbe possibile eliminare la menopausa, sia precoce che fisiologica.

In Italia nessuno persegue queste ricerche ed io personalmente, insieme ad altre compagne di viaggio, vorrei farmi promotrice di un progetto specifico, politico e civile,  che garantisse alle "poffate" (come ironicamente tra noi ci chiamiamo) attenzione ed interesse da parte delle istituzioni .

Confidando in un Suo gentile riscontro, La saluto cordialmente, esprimendoLe tutta la mia stima per l'esemplare impegno profuso a tutela dei diritti dei malati e della libertà di ricerca scientifica.

5/02/2010