Creato da gratiasalavida il 09/09/2007

Rubra domus

Paole parole parole

 

 

« BolognaIn dispari »

Grazie!

Post n°1978 pubblicato il 04 Agosto 2012 da gratiasalavida
 
Tag: grazie

Ricordo le estati romane di quando ero bambina: poche, per fortuna, perché solitamente in estate venivo spedita in una ridente località marina ove potevo selvaggiamente sguazzare in acqua per l'intera stagione estiva, senza altro controllo che quello delle anziane parenti che chiamavo "zie".

In agosto, solitamente, si trasferiva tutta la famiglia, ma di soldi in casa ce n'erano pochi, pochissimi, allora capitava che in estate si rimanesse a Roma, o che a uno solo dei figli, uno per volta, fosse tributato il privilegio di sguazzare nelle tiepide acque costiere del paese natio.

A Roma d'estate.

Come dire: "Azzurro, il pomeriggio è troppo azzurro e lungo per me".

Ho sempre amato odiato la famosa canzone, una delle poche che riesce, quando la ascolto, ad azzerare il tempo e a proiettarmi nel desolato e agonizzante deserto urbano che era Roma in agosto, all'epoca in cui l'estate romana non esisteva, e neanche i turni per la chiusura degli esercizi commerciali.

Ricordo che dovevo inventarmi mille espedienti per non morire di inedia.

Da sola, perché i bimbetti che frequentavo erano migrati in massa nei paesi natali.

Scendevo in strada e la strada era deserta.

Le saracinesche sbarrate.

Neanche un passante, poiché il principale polo attrattivo dei passanti, cioè i negozi, era venuto meno con la chiusura estiva.

Mi aggiravio desolata per le strade vuote, alla ricerca di una idea per trasformare il senso di solitudine in un fattore positivo.

Nulla è più potente, tuttavia, della solitudine estiva urbana, se la consumi in una periferia degradata e priva di bellezza.

Non un elemento su cui fermare lo sguardo per saziare la vista e attivare il senso della contemplazione che, da solo, ha il potere di colmare un'anima che si è svuotata come un pallone sgonfio.

Ricordo, e qui la visione assume dei contorni quasi infernali, ricordo che mi divertivo a premere con il tacchetto del sandalo l'asfalto quasi disciolto dalla calura. Mi divertivo ad affondare con il tallone in quel manto stradale reso burroso dalla poca cura con cui era stato creato, e questo era tutto.

Il mio unico divertimento, che mi veniva a noia, dopo un po'.

Preferivo di gran lunga guardare a terra le mezze lune rilasciate dal tacchetto del sandalo nel bitume disciolto, comunque, piuttosto che guardarmi intorno a constatare che  quanto mi circondava era brutto e triste in una maniera superlativa, tanto che l'impressione complessiva che ne traevo era capace di lasciare in me una scia di noia che perdurava ben oltre il mio vagabondaggio nelle strade deserte.

Poi tornavo a casa.

All'epoca non c'erano molti libri da leggere, in casa, e quelli che c'erano li avevo già letti tutti, due o tre volte almeno.

I programmi televisivi cominciavano nel pomeriggio.

Di solito mi sdraiavo sul letto a guardare il soffitto e pensavo a quanto fosse azzurro il cielo.

E a quanto fosse brutto quello che c'era sotto.

E a quanto mi sarebbe piaciuto poter guardare il mare.

Solo guardarlo.

Solo per un istante.

Tanto per rifarmi gli occhi.

------------

Perché l'ho scritto?

Ah, già.

Mi andava di annotare, tra un ricordo e l'altro, quanto fossero desolate, le estati a Roma, per gli sfortunati che non potevano permettersi una vacanza, prima che si affermasse l'idea che le città, durante i mesi delle ferie estive, non dovessero necessariamente trasformarsi in luoghi di pena e di mortificazione dell'animo, e che andassero invece restituite ai cittadini perché ne potessero godere a pieno titolo e gratuitamente.

Ho sempre apprezzato Renato Nicolini e per anni, dopo la sua eclisse dalla scena pubblica, mi sono chiesta dove diavolo fosse scomparso e perché lo si vedesse tanto di rado,

A me era simpatico, "con la sua faccia un po' così, con l'espressione un po' così", con la sua andatura dinoccolata e l'entusiasmo di un bimbo alle prese con il suo nuovo giocattolo.

Credo che si divertisse a svolgere il proprio incarico.

Lo si intuiva.

Chi ama un lavoro lo svolge con amore.

E l'amore è un potente fattore di trasformazione.

Ha trasformato le squallide agonie di una città accaldata in un animato parco delle meraviglie.

Con una ricetta semplice: la cultura non annoia.

Non annoia mai.

La cultura rende vivi e una città abitata da individui vivi è viva e si ravviva istante dopo istante.

Le periferie non sono solo luoghi degradati ma possono divenire luoghi deputati della cultura.

Anche la periferia diventa centro nel momento in cui ospita un evento che possa valorizzarla.

Ecco.

Ho scritto queste note solo per un motivo.

Solo per dire: "Grazie".

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/Rubradomus/trackback.php?msg=11488764

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
red67ag
red67ag il 05/08/12 alle 15:20 via WEB
Grazie a te di questo post...Nicolini lascia senz'altro un vuoto incolmabile lo dico senza retorica.
 
 
gratiasalavida
gratiasalavida il 05/08/12 alle 16:38 via WEB
Anch'io l'ho scritto senza retorica. Lo stimavo molto e ho voluto dedicargli questo saluto...
 
whisperblue
whisperblue il 05/08/12 alle 15:38 via WEB
...un Uomo d'altri tempi, dal punto di vista umano questo mondo non era più il suo :-( ben altri tipi d'uomini riempiono le cronache "esaltate" dei nostri giorni. Il vento dell'estate l'ha portato via, mi piace credere che un giorno ritroveremo il meglio delle anime del nostro tempo in un'altra dimensione... ma credo che sia anche questo solo un sogno, come la cultura che non annoia mai ...ma che in Italia, martoriata da tagli su tagli, non interessa più. Ti abbraccio Cinzia, grazie per il tuo bellissimo post.
Fabrizio :)
 
 
gratiasalavida
gratiasalavida il 05/08/12 alle 16:41 via WEB
Il problema è che la cultura interessa a tanti, a tantissimi. Basterebbe rendersene conto e fare marcia indietro su alcune scelte politiche degli ultimi anni e il paese intero ne renderebbe grazie. Ci vorrebbe un uomo come Nicolini, per questo. Lui non c'è più. Mi auguro che qualcuno ne assuma l'eredità spirituale. Ciao, Fabrizio. Un abbraccio grande. Cinzia
 
ziryabb
ziryabb il 07/08/12 alle 09:08 via WEB
...ricordo anch'io la mia prima desolata estate romana (agosto 1983) e dopo 4 giorni a girare nel deserto, via!Giù al sud.Napoli chiama!Era anche la prima volta ed era un'altra cosa.
L'unico vantaggio è che gli alberghi a Roma in questo periodo sono vuoti quindi meno cari di tutta Europa.
 
 
gratiasalavida
gratiasalavida il 07/08/12 alle 11:35 via WEB
Nel 1983 Roma si era già trasformata in una città viva anche d'estate. Forse a te sarà sembrata desolata poiché non hai la misura di ciò che era prima degli interventi di Nicolini.
 
lorifu
lorifu il 07/08/12 alle 19:20 via WEB
Cara Cinzia ho avuto la fortuna di abitare in paesi dove tra l’inverno e l’estate non è che ci fosse grande differenza quanto a movimento perchè allora nessuno si muoveva, non esisteva ancora il concetto di vacanza di massa. Ricordo quindi le mie estati con grande piacere perché potevo finalmente vivere liberamente, in mezzo alla natura, senza l’assillo della scuola. Di Nicolini, sulle cronache mondane fino a qualche decennio fa ciò che ho maggiormente apprezzato è stata la capacità di coniugare cultura e realtà popolare in un momento di deserto creativo. Ciao, buona estate, loretta
 
 
gratiasalavida
gratiasalavida il 08/08/12 alle 13:50 via WEB
Conosco questo senso di libertà, ma non è associabile alle desolate estati estive precedenti l'"era Nicolini". Buona estate anche a te. Un abbraccio. Cinzia
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

NOTA DELL'AUTRICE DEL BLOG

Tutti i testi qui pubblicati

sono esclusivo frutto della mia creatività. Cinzia M.

Tutti i diritti sono riservati.

Ho scorto su You Tube un canale intitolato Rubra Domus.

Non ha a che fare con me, che sono unicamente l'autrice

di questo blog e dei testi che vi sono quotidianamente

inseriti.

Cinzia M.

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 27
 

ULTIME VISITE AL BLOG

red67agi_melottigratiasalavidaziryabblubopobelladinotte16zeronuvolettaMarquisDeLaPhoenixlorifudonadam68bal_zacinevasaantropoeticocall.me.Ishmael
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom