Creato da maandrax il 08/04/2014

Come On You Slags

confessioni sotto le righe di un soundboy

 

 

L'Agrimensore

Post n°207 pubblicato il 21 Agosto 2017 da maandrax









Rami sono i secchi
che ho portato dalla stalla alla cucina,
fradici i miei albori quando ogni
cosa comincia troppo presto
e il sole, quello, è un nemico.

Battibecco con la padrona della fattoria,
metto via un po' di tabacco
mi inquino ancora della notte alle 06.15
del mattino e prendo a ramazzare per fare qualcosa

Smarrito il padrone: dicono che urli a fronte del bosco.
Io e la mia liscivia stiamo lontani, la follia mi fa slittare,
Lei guarda il margine della vegetazione fitta,
personalmente non l'ho mai visto rientrare,
portavo al pascolo le vacche

Poi, un giorno, l'ho incrociato; una cicatrice sopra il labbro
ed ecchimosi da sposo novello,
gli ho detto che la che la donna lo stava aspettando.
Lui
ha mangiato il mucchio di foglie che teneva in mano
e mi ha battuto sulla scapola.
Da allora mi accusano di averlo fatto scappare

Ma il guardiano delle bestie non è un genere,
è un nodo aggrovigliato,
avete ben donde di tentare a scioglierlo,
infittirà i vostri dubbi come moscerini sulle mani.










 
 
 

Anaku

Post n°206 pubblicato il 09 Agosto 2017 da maandrax











Si spezzano gli steli, ma sarà sempre in alto
che guardano i petali.












 
 
 

We fuck

Post n°205 pubblicato il 08 Agosto 2017 da maandrax












 

Si placano persino le bufere
ma non la gioia.










 
 
 

Passando di qua. Ricordi?

Post n°204 pubblicato il 04 Agosto 2017 da maandrax












Tocca l'Inverno
del mio cuore.












 
 
 

27.04.2014

Post n°203 pubblicato il 03 Febbraio 2017 da maandrax






Hic occultus occulto occisus est

Stavo appoggiato con il corpo leggermente inclinato verso sinistra e le mani
appoggiate alle tempie. Il tempo scorreva lento come dentro una clessidra
e le uniche visioni che mi soccorrevano erano quelle di estesi prati e foreste
fittissime. La mia casa editrice mi chiedeva altre storie truculenti e selvagge
mentre il mio cervello reagiva e ripiegava su sé stesso, abbandonandosi a
un dolce tepore autunnale e a immagini di gnomi e folletti alla ricerca della
pentola colma di monete d'oro. Fu così che iniziai a scrivere :"C'era una
volta nella terra di Saydicc un potente stregone....." Da quel momento in
poi le parole sgorgarono come flutti e in pochi minuti avevo abbozzato già
metà del racconto. Fu allora che venni interrotto da Alex al cellulare per
informarmi che la mia raccolta di piccole prose crudeli stava sfondando
sul mercato. Non ne fui sollevato o soddisfatto perché quell'opera (conclusa
per soddisfare i bassi appetiti di lettori ignoranti) non mi aveva mai veramente
rappresentato e forniva un'immagine distorta della mia arte, intrinsecamente
votata alla bellezza e alla serenità. "Stavi scrivendo?" Mi aveva fatto Alex
con il suo pesante accento genovese. "Sì" Gli avevo risposto "Una storia di
gnomi, fate, unicorni e tesori." "Posso già immaginare come finirà" replicò
velenoso. Mi ribellai :"Sarà una storia d'amore e di buoni propositi, di grandi
viaggi e altrettante avventure." "Certo, certo." Mi interruppe mettendo giù il
telefonino. Lo mandai mentalmente al diavolo e tornai alla mia bella storia.
Solo che questa (Forse per l'influenza della chiamata del mio editor) stava
completamente mutando e guadagnando toni oscuri :"Joseph prese la testa
dell'orco e con un colpo secco di daga la staccò di netto dal busto..." Ero
attonito e arrabbiato. Tentando di mutare il tenore del racconto affondavo
sempre di più nella tragicità e nell'orrore. I villaggi venivano incendiati, gli
abitanti messi in catene, Le donne erano orribili megere e gli affabili
folletti imbroglioni e furfanti di mezza tacca. Mi arrestai davanti al computer
con la mano tremante e mi alzai per prepararmi una tisana ai frutti di bosco.
Quando, dopo dieci minuti, tornai alla mia postazione, Essa era sparita e
al suo posto sorgeva un pozzo corroso dal tempo e invaso dall'edera. Senza
riflettere sulla bizzarria della situazione presi la penna che avevo tante volte
usato nell'adolescenza per comporre le mie poesie e la gettai dentro l'apertura
affacciandomi nel contempo. Ben presto la penna d'argento scomparve ai
miei occhi e la sentì unicamente rimbalzare sui sassi delle pareti interne.
Quando giunse con un lievissimo "plop" nell'acqua si levò un frastuono
potentissimo e grandi nuvole nere salirono dal pozzo. All'interno di queste nubi
minacciose potevo distinguere i volti dei miei piccoli gnomi e delle mie fate,
le fattezze tenere e delicate di animali fantastici e di bambini bellissimi. Li
sentivo echeggiarmi parole nelle orecchie. Li sentivo chiedere di vendicarli
rispetto ad anni di oppressioni e lordure, di Morte e riti di passaggio. Li udì
chiaramente implorarmi di scrivere una storia che non fosse inquinata, come
il pozzo, dalle distorsioni degli adulti, Lì sentì piangere e gemere in attesa
di abiti e vite che non fossero tagliati su misura da individui perversi e cattivi.
In pochi istanti compresi che le fiabe sono la maniera della gente matura
per fare i conti con il proprio passato oscuro e passarlo in dote ai bambini
da loro stessi generati. Compresi che l'Uomo è l'essere più vendicativo
ed egoista del mondo, incapace di accettare la Felicità di fronte ai propri
occhi delusi. E da quel momento decisi di scrivere soltanto per riscattare
i piccoli esseri della foresta e i loro sogni puri ed innocenti. Mi svegliai
che suonava il mio cellulare. Non fissai nemmeno la chiamata e lo spensi.












 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 17
 

ULTIME VISITE AL BLOG

un_uomo_della_follaannamatrigianoonlyemotions71notedamoreanna545amorino11spagetiamoon_rha_gaioMaristellina91falco1941piterx0maandraxfugadallanimacolomboenricoecmimma.dosi
 

ULTIMI COMMENTI

Balbettii
Inviato da: maandrax
il 22/08/2017 alle 18:00
 
singulti fra il senso e le parole, quasi singhiozzi
Inviato da: several1
il 22/08/2017 alle 17:32
 
Esiste un termine: incasinato. Ecco quello che sono in...
Inviato da: maandrax
il 22/08/2017 alle 11:20
 
È così aggrovigliato che non ci capisco nulla....
Inviato da: EMMEGRACE
il 22/08/2017 alle 10:40
 
anch'io, amistad, mi riconosco nelle parole di Roth....
Inviato da: maandrax
il 22/08/2017 alle 09:33
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom