Creato da lo_snorki il 21/01/2005

Snorki sarai tu!

L'Italia non è un paese per onesti ...

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

TAG

 

EDITORIALI ZVEN

 

ZVEN SITE






 

ZVEN LEGGE ...

 
 
Il Manifesto

 

UNA CANZONE PER TE

Caricamento...
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 43
 

ULTIME VISITE AL BLOG

MarquisDeLaPhoenixmaylahgianca.gaetalo_snorkirhua73watt2001ariachiara1vololowcall.me.Ishmaelantropoeticogreenlemonvalentinachiummocarloreomeo0linovenalacey_munro
 

ZVEN CONSIGLIA ...

Bloguzz
Blogbabel

Quo M&dia Queer Blog 
Una canzone per te Un Posto al Sole Fan Forum

 

ANDREA BOCELLI, LA MADRE, LA LEGGE CHE NON C'ERA

 

SPOT NAPOLI PULITA: UNA FURBATA!

Da qualche giorno in tv gira una pubblicità che ricorda a tutti gli italiani che il governo ha ripulito Napoli e che invita gli stessi a tenerla pulita.

E' chiaro: trattasi di una furbata! Una furbata perchè Napoli non è mai stata ripulita, in quanto mentre hanno provveduto a togliere la sporcizia dal centro, hanno lasciato la periferia invasa dall'immondizia. Una furbata anche perchè mettere questa pubblixcità a poco più di due mesi dalle europee equivale a farsi pubblicità (che come abbiamo detto prima è inveritiera.

Nella prima parte del video sottostante c'è la pubblicità in questione interpretata dall'attrice Elena Russo (raccomandata da Berlusconi come le intercettazioni ci hanno fatto scoprire); poi segue una breve spiegazione della vera situazione del napoletano.

 

3193 280409 BIGNARDI - BRUNETTA

Francamente credevo che con quello che avevo scritto qualche post fa sulla sesta puntata di L'Era glaciale ci chiudere l'argomento. Mi riferisco all'intervista che la Bignardi ha fatto a Brunetta. Ma mi accorgo, invece, che in questi giorni non si fa altro che parlare di questo sia sui giornali, che in internet.

Io la mia l'ho già detta e francamente ho trovato Brunetta molto arrogante e non mi sento di rimproverare alla Bignardi di essere sbottata in più di un occasione. Perchè tutto ciò è umano. Noto invece che mentre chi è a favore della Bignardi argomenta (leggere ad esempio il mio pensiero nei commenti del post in questione); chi è favorevole a Brunetta lo fa d'ufficio in quanto elettore del centro destra. E ci capisce da quello che scrive. Ma l'apice l'ha toccato un signore che evidentemente oltre ad essere elettore del centrodestra è anche fan della Bignardi che ha argomentato che i toni devono essere sveleniti da entrambe le parti e che comunque la Bignardi da un anno a questa parte non è più la stessa. 

Che tristezza! Ecco dove va a finire la libera informazione...

PER COMMENTARE CLICCA QUI

 

REPUBBLICA.IT

Caricamento...
 

FLAG COUNTER

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Anni fa mi hanno detto che ero coglione, ora ho scoperto di essere anche disonesto

Post n°5141 pubblicato il 23 Novembre 2014 da lo_snorki
 

Anni fa mi hanno detto che ero coglione, ora ho scoperto di essere anche disonesto

Se devo pensare un momento in cui un personaggio pubblico ha detto una cosa che mi ha davvero offeso e indignato devo risalire ad otto anni fa quando alla vigilia delle elezioni politiche Silvio Berlusconi disse che chi votava un centrosinistra era un coglione. Da allora solo la dichiarazione dichiarazione di Maurizio Landini dell'altro giorno ha ragiunto quel picco. Landini ha detto che la gente onesta non vota per Renzi; facendo capire che i dodici milioni di persone che hanno votato alle corse europee il Pd è tutta gente disonesta.

Per la verità, poi, Landini si è scusato facendo presente che: "Mai pensato - come mi viene attribuito da alcuni mezzi di informazione - che Renzi non ha il consenso degli onesti, ho detto - e ribadisco - che il premier non ha il consenso della maggioranza delle persone che lavorano o che il lavoro lo cercano e che sono nella parte onesta del paese che paga le tasse". Insomma, ha cercato di salvarsi in corner; anche se per me si è delegittimato da solo. Ogni volta che farà un intervento non potrò non pensare la pesante offesa che mi ha inferto.

E' chiaro che tutto il Pd (tranne la solita minoranza interna) è esploso. Il primo intervento e forse anche il più significativo è stato quello del presidente Pd Matteo Orfini: "Dire che governo non ha consenso delle persone oneste offende milioni di lavoratori che nel Pd credono. Spiace che a farlo sia un sindacalista". Per me la questione si chiude qui; è chiaro però che Maurizio Landini non la considererò più una persona degna di stima. Queste cose non si dicono per sbaglio.

 
 
 

Governo Renzi: nono mese (pagelle)

Post n°5140 pubblicato il 22 Novembre 2014 da lo_snorki
 

Governo Renzi: nono mese (pagelle)

Nel trimestre che si sta concludendo, oltre al proseguimento del semestre italiano di presidenza dell’Unione Europea, si è sopratutto riavviato l'iter delle riforme: Jobs Act e legge elettorale su tutte. Importante anche l'approvazione della legge di stabilità. C'è stato anche il cambio al ministero degli Esteri tra Federica Mogherini e Paolo Gentiloni (la prima è diventata pari ruolo europea).

Matteo Renzi (7 1/2), presidente del Consiglio. Grande protagonista al convegno della Leopolda; che però non molti non hanno capito che non è un appuntamento del Pd; ma il mezzo che il Pd ha per attrarre (discutendo di vari argomenti) gente che non avrebbe mai partecipato a un'iniziativa Pd. E' anche così che si supera il 40%. Poi c'è stato da convincere l'Europa a mette a freno l'austerità, a fare ricorme e a rilanciare l'economia. Nesusna di queste cose al momento  lascia intravedere i primi segni. Ma bisogna insistere!

Maria Elena Boschi (7), ministro delle Riforme e dei Rapporti con il Parlamento. Le riforme sono appena riprese e quindi il suo ruolo si è un pò appannato in questo trimestre; comunque dovrebbe ritornare importante nell'ultimo scorcio di anno. La Riforma elettorale dovrebbe essere approvata entro fine anno. 

Marianna Madia (7), ministro della Semplificazione e della Pubblica Amministrazione. Al centro dei rapporti tra governo e sindacato è assieme al ministro Poletti la rappresentante del governo impegnata a spegare le riforme sociali ed accogliere eventuali innovazioni. In particolare ha presiduto due incontri con i sindacati: il primo per illustrare la legge di stabilità 2015 e la seconda sulla riforma della pubblica amministrazione.

Federica Guidi (6 1/2), ministro dello Sviluppo Economico. E’ chiamata a risolverte le crisi delle aziende italiane. Lavoro sotto i riflettori solo per i  casi delle grandi aziende e comunque mai piacevole. In Italia ci sono 142 tavoli di crisi di aziende e non tutti salgono all'onore della cronaca.

Beatrice Lorenzin (6), ministro della Salute. Mese di relativa calma. Dopo Stamina, Vaccini, droghe leggere  e procreazione assistita non è successo recentemente nulla di particolare. Se non un battibeco con Medici senza Frontiere che francamente poteva evitarsi.

Graziano Delrio (6), sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Si è notato in due occasioni in particolare. La prima quando ha commentato la volontà della Cgil di fare uno sciopero contro le politiche del governo "Sbaglia la Cgil a scendere in piazza contro un governo così e contro una riforma che non toglie diritti ma li amplia”. Poi, nel visitare le zone danneggiate dall'alluvione dove ha concordato con i governatori in questione un'uscita temporanea dal patto di stabilità delle zone interessate.

Pier Carlo Padoan (6), ministro dell’Economia. Assieme a Renzi è stata presentata la legge di stabilità 2015 ed è partito l'iter per l'approvazione in parlamento. Ovviamente è impegnato anche più di Renzi nel perseguire politiche a Bruxelles di deroga dall'austerità.

Dario Franceschini (6), ministro dei Beni Culturali. Ha fatto due proposte, di cui solo per una sono stati stanziati fondi. Colosseo: Ricostruire l'arena dei gladiatori del Colosseo per restituire ai visitatori dell'Anfiteatro Flavio lo stesso scenario visibile fino a poco più di un secolo fa. Pompei: 30 mln stanziati per gli scavi.

Giuliano Poletti (6), ministro del Lavoro. Continua l'approvazione del Jobs Act, che dovrebbe essere realtà entro fine anno. Altri tre mesi di lavorio e di incontro con i sindacati; in attesa dell'approvazione definitiva.

Paolo Gentiloni (6), ministro degli Esteri. Appena entrato in ruolo, dove ha sostituto Federica Mogherini, che è diventato ministro degli Esteri dell'unione Europea. In pieno accordo con chi l'ha preceduto; sta procedendo sulla stessa direzione. Con un occhio di riguardo ai marò che devono essere ancora liberati.

Andrea Orlando (5 1/2), ministro della Giustizia. Sta ancora lavorando sulla riforma della Giustizia. E le mediazioni da fare sono tante. Si è un pò arenato. Si vociferava poi che si sarebbe sfilato dal governo per candidarsi a governatore della Liguria. Ma così pare non sarà...

Maurizio Lupi (5 1/2), ministro delle Infratrutture e dei Trasporti. Nello Sblocca Italia c'è concentrato la maggior parte del suo lavoro di questo trimestre. Poichè li sono stanziate le risorse per completare tutti quei lavori infrastrutturali che già da svariati anni sono stati progettati. Stiamo parlato di fortificazioni di argini, rigassificatori, nuove autostrade.

Maurizio Martina (5), ministro dell’Agricoltura. Si è mosso per valutare la situazione del comparto e degli agricoltori delle zone interessate dall'alluvione in contante contatto con gli assessori regionali all'agricoltura. A parte questo niente di nota.

Stefania Giannini (5), ministro dell’Istruzione. Annullate le prove scritte del primo concorso nazionale per l'ingresso alle Scuole di specializzazione in Medicina. Motivo: un 'pacchetto' di quiz è stato distribuito al posto di un altro, e oltre 11 mila candidati (per l'Area Medica e i Servizi clinici) si ritrovano a dover ripetere le prove scritte. Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, spiega: "L'errore è del Cineca, il Consorzio interuniversitario incaricato di gestire i test, si è preso tutte le responsabilità e ha chiesto scusa a studenti e famiglie".

Maria Carmela Lanzetta (5), ministro degli Affari Regionali. Ha contestato le critiche di alcuni ex consiglieri regionali che non voleva che i loro vitalizi gli fossero diminuiti. E sulla sua attività di ministro dichiara: "L’azione del mio ministero è tutta concentrata sulla realizzazione della cosiddetta legge Delrio… per capirci: riordino territoriale, unione e fusione dei Comuni… ecco, noi stiamo seguendo questo processo".

Gianluca Galletti (4 1/2), ministro dell’Ambiente. Primo segnale di vita nello scorso trimestre.. Ora ripiomba nell'anominato.

Roberta Pinotti (4 1/2), ministro della Difesa. Accusata dal M5S di aver usato un volo di Stato per uso personale. L'Aeronautica non ci sta e contro denuncia il movimento di Grillo.

Angelino Alfano (4 1/2), ministro degli Interni. Attaccato sulla gestione degli sbarchi degli immigrati, fa polemica sui registri comunali per le coppie di fatto e viene contestato da Ignazio Marino (a sua volta contestato) sulla gestione della sicurezza nella periferia di Roma.

 
 
 

X Factor 8 - V° puntata - Apocalipse night, De Gregori ospite, Riccardo e Vivian emininati

Post n°5139 pubblicato il 21 Novembre 2014 da lo_snorki
 
Tag: tv

Siamo giunti alla prima delle due puntate di eliminazioni. Questa serata diversamente dallo scorso anno "Apocalipse night"; ma le regole sono le stesse. Due manches; un eliminato per manches. Prima di iniziare c'è anche da risolvere la quesione Morgan: prima con un video e poi cantando dal vivo Morgan fa il suo reingresso nello show. Evidentemente le clausole del contratto erano difficili da onorare se non avesse cambiato idea.

Nella prima manches va cantata una canzone già eseguita o in una delle precedenti puntate o nelle fase iniziali (audizioni/bootcamp/home visit).Ogni canzone dura un minuto a testa e cantano tutti uno dopo l'altro senza pausa e senza giudizi.

Leiner - The First Cut Is the Deepest (Cat Stevens)
Molto deciso e determinato. 7
Ilaria - Can't Find My Way Home (Blind Faith)
Intensa e cantastorie. Ma potrebbe sare di più. 6
Komminuet - Emerge (Fischerspooner)
Si riesibiscono nella loro esibizione più elettronica. La missione è quella di sopravvivere: ci riescono. 7
Riccardo - Lonely Boy (The Black Keys)
Più deciso del solito. Meglio tardi che mai. 6
Emma - Pop porno (Il Genio)
Brava, ma mai come in questa canzone si evidenziano i suoi difetti di pronuncia in italiano. Tanto che a un certo punto canta in inglese. 6
Lorenzo - Cosa sono le nuvole (Domenico Modugno)
Lento, molto melanconico. Ma lui non sfigura. 6 1/2
Mario - E non andar più via (Lucio Dalla)
Anche lui molto intenso e per certi tratti anche lirico. Ha personalizzato il pezzo. 7
Vivian - Super Bass (Nicki Minaj)
Molto brava e decisa. Riesce a coniugare rap e pop come mai in nessun'altra canzone. 6 1/2
Madh - No Church in the Wild (Jay Z, Kanye West ft. Frank Ocean)
Nelle sue esibizioni sempre uomini nudi e diti medi ( i suoi) compresi. 6

Riccardo viene eliminato.

Il primo ospite di questa puntata è Francesco De Gregori con "La donna cannone". Presenta il suo nuovo album "Vivavoce" fatto di brani riarrangiati da Nicola Piovani.

Lorenzo - How to Save a Life (The Fray)
Non la canzone per lui.Si fa valere comunque. Intimismo energico. 6
Vivian - All About That Bass (Meghan Trainor)
La canzone invita ad accettare il proprio corpo per quel che è senza necessariamente aspirare ad avere il fisico da top model. Anche qui la parte rap è scritta da lei. 6
Mario - Ragazzo mio (Luigi Tenco)
Molto classico, ma allo stesso tempo riesce a far sentire attuali le canzoni che canta. 6 1/2
Komminuet - Sirene (Fedez ft. Malika Ayane)
Buon bilanciamento tra il rap di Pietro e il pop di Francesca. Comunque dare il pezzo del giudice più amato ha aiutato. 7
Madh - Disparate Youth (Santigold)
Tutti continuano a dire che è perfetto; ma a me continua a non emozionare. Anche qui uomini ignudi. 6
Ilaria - Giudizi universali (Samuele Bersani)
Molto brava, versione convincente. Eccezionale cantastorie. 8
Leiner - Fireflies (Owl City)
Ritorna la sindrome Micheal Jackson. A me non convince. 6
Emma - Un'estate fa (Delta V)
Straordinaria versione, anche se cantare in italiano non fa per lei. La pronuncia è davvero per lei un solco troppo pesante. 6 1/2

Vivian e Leiner vanno al ballottaggio

Il secondo e ultimo ospire è Ed Sheeran che canta "Thinking Out Loud".

Vivian - Do It Like a Dude (Jessie J)
Decisa e grintosa come sempre, ma con gli occhi spenti. 6
Leiner - When I Was Your Man (Bruno Mars)
Mi sono piaciuti meno, ma certo anche loro al di sopra delle prestazioni a cui li costringe Morgan. 6

Victoria e Fedez salvano iloro cantanti eliminando, quindi l'avversario. Morgan dice che apprezza entrambi e di entrambi elenca i pregi; poi dcie che elimina Leiner, ma senza dare motivazione. Mika si scusa con la produzione e dice che ha molto chiaro chi vuole che resti e dice di voler eliminare Vivian. Era chiaro il riferimento al  TILT. Il pubblico decide di eliminare Vivian. Leiner si salva.

Puntata della riappacificazione; ma anche della doppia eliminazione. Più canzoni italiane del solito. Intelligente è stato Morgan ad assegnare all'unico suo gruppo rimasto una canzone nota del giudice più amato in questa edizione. Fedez ha tre cantanti; Mika due; mentre Victoria e Morgan solo uno a testa.Settimana prossima altra puntata dura con una doppia eliminazione.

La puntata è stata vista da 1.278.000 spettatori con il 5,0% di share.

 
 
 

Situazione riforme istituzionali

Post n°5138 pubblicato il 21 Novembre 2014 da lo_snorki
 

Situazione riforme istituzionali

Gli obiettivi da qui a fine anno di questo governo dopo il vertice di maggioranza che c'è stato (primo e unico) sono approvare la legge stabilità, la riforma elettorale e il jobs act. Chissà se i tempi verranno rispettati.

Sopratutto il voler far proseguire l'iter della riforma elettorale ha dato adito a molti che Renzi volersse andare a votare nel 2015 e hanno accusato il presidente del Consiglio di aver improvvisamente velocizzato il provvedimento. Io credo invece che il provvedimento sta andando anche troppo a rilento non solo perchè è dal governo Letta che si sta cercando di approvarla; ma anche perchè poi mancherebbero tre passaggi della riforma dell'articolo V° della Costituzione e andrebbe fatto tutto entro fine legislatura. Le elezioni, quindi, almeno di abbandoni della maggioranza andranno fatte regolarmente nel 2018.

E' importante compiere tutto l'iter delle riforme poichè con la sola approvazione della legge elettorale verrebbe cambiata solo quella della Camera. Quindi, in attesa che è Senato diventi solo consultivo; li vigerebbe ancora il Consultellum (cioè una òlegge elettorale prettamente proporzionale).

In particolare per quanto riguarda la legge elettorale, siccome è la mediazione di tutte ele esigenze dei varui partiti; ognuno di essi avrebbe determinati vantaggi.  Il Pd ha voluto il premio di maggioranza alla lista vincente e non alla coalizione. Forza Italia: Si evita il ballottaggio tra i primi due e scatta il premio di maggioranza solo se il primo partito supera il 40% (ora era al 37%). I partiti minori hanno ottenuto l'abbassamento dello sbarramento dal 5% a 3% per ogni lista. In sintesi i partiti minori accettano di vivere; ma cedono il fatto di essere determinati per le legislature future; il Pd dovrà rimanere constantemente sopra al 40% e Fi ottiene la possibilità di poter unire il centrodestra non rendendo impossibili le allenze. La filosofia della legge elettorale rimane comunque quella di sapere a spoglio appena ultimato il vincitore delle elezioni.

 
 
 

Israele-Palestina: lo stato delle cose

Post n°5137 pubblicato il 20 Novembre 2014 da lo_snorki
 

Israele-Palestina: lo stato delle cose

Da una parte Israele che occupa la Palestina e direttamente (ma anche attraverso gli Stati Uniti) sostiene (per fortuna sempre in modo più inefficace) che chi riconosce la Palestina non aiuta il processo di pace. Ma non fa niente direttamente per lo stesso. Dall'altra parte la Palestina che pure essendo divisa tra Fatah e Hamas cerca un'unità di intenti e combatte per essere riconosciuta sempre da più paesi nel mondo (ormai solo la maggior parte dei paesi occidentali non la riconosce) e ottenere uno Stato indipendente da Israele e la fine dell'occupazione di quest'ultimo.

Sono settant'anni che questa guerra continua con diversi ritmi e anche se mi rendo conto che nella storia del mondo ci sono state guerre più lunghe; credo anche che bisognerebbe fare di tutto per ritrovare la pace sopratutto in quell'angolo del mondo. Invece noto che esendoci disparità di forza in campo tra i contendenti non c'è nessuna voglia di trovare una soluzione. Il mio è un auspicio che per ora non si esaudirà.

 
 
 
Successivi »
 

ESTERI







 

SOCIETÀ











 

GIUSTIZIA







 

POLITICA















 

CONDOGLIANZE









 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: lo_snorki
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 37
Prov: MI
 

BERLUSCONI SU TELEVISIONI E SCUOLE SUPERIORI

Guardate un pò cosa riesce a dire il Berlusconi davanti a un D'Alema e un Rutelli increduli. Per Berlusconi infatti scuole superiori e televisioni (ma non solo) sono in mano alla sinistra ...

Per non dimenticare

 

DEBORA SERRACCHIANI, IL VOLTO NUOVO DEL PD

Debora Serracchiani: trentotto anni, avvocato. E' la giovane che all'assemblea dei circoli del Pd ha scosso con un discorso infuocato i tremila delegati del cosiddetto 'territorio'. 

“Chiedo al mio segretario di dirci convintamente che il cambiamento che abbiamo avvertito da quando ha dato le dimissioni Veltroni non è la paura perché abbiamo toccato il fondo, ma è una strategia, che abbiamo la linea di sintesi”. Altri applausi. “Fino ad ora mai una linea netta, mai una linea unica”, incalza. E le mani dei delegati battono più intensamente.

“E' un errore assoluto quello di aver indicato come capogruppo della commissione Sanità chi non rappresenta l'opinione prevalente del partito”. Franceschini sorride. Non sembra affatto preoccupato. Lei prosegue: “Ne ho per tutti”. “E' intollerabile che dopo aver dato mandato all'allora vice segreterio di chiudere l’accordo sulla legge per le Europee, escano il giorno dopo critiche sul giornale”.

PER COMMENTARE CLICCA QUI

 

2138 11.02.07 IO DI.CO. DI SI!

Dico Pacs. Diritti e doveri delle persone stabilmente conviventi. Il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto legislativo sulle coppie di fatto: non più pacs ma dico. Appena sentita la notizia ho pensato: finalmente il governo di centrocentrocentrocentrosinistra ha fatto qualcosa per i diritti civili. Poi mi sono soffermato sulla prima dichiarazione di RutelliRuini: "e' stata una scelta alta di riconciliazione". E mi sono preoccupato.

Di quale alta riconciliazione si tratta?. Via la dichiarazione congiunta. Una dichiarazione disgiunta che neppure il 730...Il convivente ha l'onere di dare comunicazione all'ignaro convivente numero due con raccomandata con ricevuta di ritorno. Il postino vestito in livrea?.

Alta riconciliazione. Successione: 9 anni. Quanto dura un matrimonio moderno?

PER COMMENTARE CLICCA QUI

 

ZVEN SOSTIENE ...

Ti sembrano contro natura?
Fattene una ragione

Silvio c’è… ma a me me lo puppa!
Blog laico!
anti-pedofilia