Creato da lo_snorki il 21/01/2005

Snorki sarai tu!

L'Italia non è un paese per onesti ...

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

TAG

 

EDITORIALI ZVEN

 

ZVEN SITE






 

ZVEN LEGGE ...

 
 
Il Manifesto

 

UNA CANZONE PER TE

Caricamento...
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 43
 

ULTIME VISITE AL BLOG

vololowmelissa38mjeremy.pursewardenlubopolo_snorkimoseserussistreet.hassleamorino11moschettiere62gioiaamorefudinamiteblaoscardellestellecassetta2alvarocarapellianastasia_55
 

ZVEN CONSIGLIA ...

Bloguzz
Blogbabel

Quo M&dia Queer Blog 
Una canzone per te Un Posto al Sole Fan Forum

 

ANDREA BOCELLI, LA MADRE, LA LEGGE CHE NON C'ERA

 

SPOT NAPOLI PULITA: UNA FURBATA!

Da qualche giorno in tv gira una pubblicità che ricorda a tutti gli italiani che il governo ha ripulito Napoli e che invita gli stessi a tenerla pulita.

E' chiaro: trattasi di una furbata! Una furbata perchè Napoli non è mai stata ripulita, in quanto mentre hanno provveduto a togliere la sporcizia dal centro, hanno lasciato la periferia invasa dall'immondizia. Una furbata anche perchè mettere questa pubblixcità a poco più di due mesi dalle europee equivale a farsi pubblicità (che come abbiamo detto prima è inveritiera.

Nella prima parte del video sottostante c'è la pubblicità in questione interpretata dall'attrice Elena Russo (raccomandata da Berlusconi come le intercettazioni ci hanno fatto scoprire); poi segue una breve spiegazione della vera situazione del napoletano.

 

3193 280409 BIGNARDI - BRUNETTA

Francamente credevo che con quello che avevo scritto qualche post fa sulla sesta puntata di L'Era glaciale ci chiudere l'argomento. Mi riferisco all'intervista che la Bignardi ha fatto a Brunetta. Ma mi accorgo, invece, che in questi giorni non si fa altro che parlare di questo sia sui giornali, che in internet.

Io la mia l'ho già detta e francamente ho trovato Brunetta molto arrogante e non mi sento di rimproverare alla Bignardi di essere sbottata in più di un occasione. Perchè tutto ciò è umano. Noto invece che mentre chi è a favore della Bignardi argomenta (leggere ad esempio il mio pensiero nei commenti del post in questione); chi è favorevole a Brunetta lo fa d'ufficio in quanto elettore del centro destra. E ci capisce da quello che scrive. Ma l'apice l'ha toccato un signore che evidentemente oltre ad essere elettore del centrodestra è anche fan della Bignardi che ha argomentato che i toni devono essere sveleniti da entrambe le parti e che comunque la Bignardi da un anno a questa parte non è più la stessa. 

Che tristezza! Ecco dove va a finire la libera informazione...

PER COMMENTARE CLICCA QUI

 

REPUBBLICA.IT

Caricamento...
 

FLAG COUNTER

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Olimpiadi a Roma?

Post n°5180 pubblicato il 18 Dicembre 2014 da lo_snorki
 

Olimpiadi a Roma?

Matteo Renzi ha annunciato la candidatura ufficiale di Roma a organizzatrice delle olimpiadi 2024. Le candidature vanno presentate entro il settembre 2015 (quindi siamo in largo anticipo) e la decisione definitiva si prenderà nel settembre del 2017. Una novità rispetto alle altre edizioni è che sarà ammessodislaocare le altre gare non sono nella città a cui sono stati assegnati i giochi; ma anche su tutto il territorio nazionale di cui la città fa parte. E infatti il presidente del C.O.N.I. Giovanni Malagò ha già fatto presente che saranno coinvolte anche Milano, Bologna, Firenze. Verona, Napoli e la Sardegna... e chissà quante altre città. Un'altro requisito che deve avere la città che si agiudicherà i giochi e quella di non discriminare delle minoranze (quindi anche quella omosessuale).

Aldilà della riuscita dell'impresa, ci sono state diverse reazioni alla candidatura ufficiale. C'è chi ha detto che è inopportuno candidare proprio adesso Roma mentre è al centro di scandali sui lavori pubblici. Tra gli ultimi casi: Milano Expo, Venezia MoseRoma Mafia Capitale ecc. Tra i più contrari ci sono Matteo Salvini ("Una follia") e Beppe Grillo ("Vogliono spartirsi la torta"). Tra i favorevoli, però, si dice che proprio questa candidatura può far riscattare Roma e l'Italia tutta da quest'ennesima onta.

Penso che bisogna contrastare il malaffare non chiudersi a riccio non facendo mai nulla. Abbiamo bisogno di quelle olimpiadi sia per cambiare atteggiamento, sia per uscire dalla crisi. Come dice anche Raffaele Cantone: "Se si rinuncia a un'occasione perché si pensa di non poter far fronte agli investimenti, è un conto. Ma il timore di corruzione non può essere un alibi per rinunciare. E' ridicolo affermare che non si può fare trasparenza, se c'è un gran numero di appalti". Insomma, fare prevenzione si; rinunciare a vivere e a respirare no!

 
 
 

X Factor 8 - Classifica ITunes

Post n°5179 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da lo_snorki
 
Tag: tv

 
 
 

X Factor 8 - La mia classifica

Post n°5178 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da lo_snorki
 
Tag: tv

 
 
 

Netanyahu allontana la pace dal Medio Oriente

Post n°5177 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da lo_snorki
 

Netanyahu allontana la pace dal Medio Oriente

Amos Oz, David Grossman e Abraham Yehoshua sono tre famosi scrittori israeliani. I tre hanno firmato una petizione che chiede ai parlamenti europei di riconoscere la Palestina come Stato e all'Unione Europea di fare lo stesso. Secondo l'organizzazione 'Gush Shalom' - citata da Haaretz- i tre scrittori, tra i più noti del panorama letterario israeliano e internazionale, hanno firmato la richiesta insieme ad altri 800 cittadini dello Stato ebraico tra cui il premio Nobel per l'economia Daniel Kahneman, l'ex presidente della Knesset Avraham Burg e l'ex ministro degli Esteri Yossi Sarid. Oggi la petizione è stata inviata al Parlamento belga e a quello danese e una sarà fatta pervenire all'organo legislativo irlandese. Nei tre Paesi sono in programma votazioni sul riconoscimento, come è già accaduto in Francia, Gran Bretagna e Spagna.

La reazione del governo israeliano è stata furente, avendo accusato i letterati di essere di sinistra e quindi dello schieramento opposto al governo e di star facendo campagna elettorale proprio nel corso di elezioni anticipate. Benjamin Netanyahu ha infatti sciolto le camere dopo aver sfiduciato due ministri del suo governo. Yair Lapid e Tzipi Livni, a capo di due importanti partiti di centro, criticavano infatti la sua politica di espansione nelle colonie. Con l’esclusione degli esponenti centristi, critici verso la politica degli insediamenti e disponibili alla ripresa dei negoziati con i palestinesi, la speranza di Netanyahu era quella di ricreare una coalizione di destra facendo appello ai partiti ultraortodossi. Ma il piano potrebbe scontrarsi con la formazione di un blocco di centro-sinistra composto dai laburisti e dal partito liberale di Livni.

Come se poi non bastasse il caos negli scorsi giorni la Siria ha accusato israele di attacchi aerei ai confini e un ministro palestinese Ziad Abu Ein è stata ammazzato da soldati israeliani. La morte del ministro palestinese è stata provocata da un blocco dell'arteria coronarica. Così il ministero della Sanità israeliano al termine del rapporto preliminare sull'autopsia del ministro, condotto da esperti israeliani, palestinesi e giordani. Una "lieve emorragia e una pressione locale" sono stati trovati sul collo di Abu Ein. L'Autorità nazionale palestinese ha invece replicato di considerare "Israele responsabile dell'uccisione del suo ministro".

 
 
 

Sul commissariamento del Comune di Roma

Post n°5176 pubblicato il 16 Dicembre 2014 da lo_snorki
 

Sul commissariamento del Comune di Roma

Per Matteo Orfini, presidente del Pd nazionale e commissario del Pd romano: "sarebbe un favore alla criminalità che ha trovato nella giunta Marino un muro contro il malaffare. Quello che sta emergendo in queste ore dimostra che il salto di qualità c'è nell'attenzione che noi tutti, a cominciare dal sindaco, abbiamo rispetto alle infiltrazioni della criminalità. Ciò impegna tutti ad alzare il livello di attenzione e la qualità dell'azione del governo cittadino. Insieme al prefetto, al questore, al commissario anti-corruzione Cantone alle forze dell'ordine, stiamo cercando di fermare una situazione di assoluta d'emergenza. Una situazione eccezionale che deve far passare in secondo piano le divisioni all'interno del Pd romano". Durissimo il giudizio sul Pd romano: "È stato preso in ostaggio da correnti e gruppi di potere, dimostrandosi permeabile alle infiltrazioni malavitose".

"Quello che emerge dalle indagini in queste ore fa letteralmente schifo". Matteo Renzi non usa mezzi termini ma chiarisce anche che "mi spiace che qualcuno tenti di far passare il messaggio che sono tutti uguali. Per me no: in Italia ci sono migliaia di persone per bene che ci rendono orgogliosi di essere italiani". E allora, di fronte a "un sistema di potere corrotto, denari ai politici e non solo ai politici. Vale, come sempre, la presunzione di innocenza, per tutti. Ma vale anche l'auspicio che si faccia presto a fare i processi. Perchè abbiamo il diritto di sapere chi ha rubato".

Il punto è che mentre il rimpasto della giunta di Marino era ampiamente previsto viste le criticità che avevano allontanato il sindaco e il Pd nazionale, tanto che Renzi si era sempre rifiutato di incontrarlo (incontro ora avvenuto); il commissariamento del Comune non era assolutamente previsto e anche adesso non è nei piani ne del governo, ne del centrosinistra. Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha disposto la rotazione dei dirigenti capitolini “a cominciare dagli incarichi apicali di tutte le strutture”. “La straordinarietà e la rilevanza degli eventi connessi alle indagini della Procura della Repubblica di Roma, che interessano l’Amministrazione Capitolina in queste ore – spiega il sindaco – coinvolgono anche le strutture amministrative dell’Ente, e le funzioni nevralgiche da loro assicurate. Ho dato quindi specifiche disposizioni per procedere tempestivamente a un adeguato riordino, a cominciare dagli incarichi apicali di tutte le strutture, proseguendo con l’applicazione del principio della rotazione già avviato da mesi, nel rispetto della competenza curricolare”. “Ciò avverrà – conclude il sindaco – a tutela dell’ Amministrazione e del gruppo dirigente, ferma la necessaria continuità amministrativa e il perseguimento degli obiettivi stabiliti, nell’ambito della corrente programmazione strategica”.

Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio in una nota congiunta con i membri del direttorio ed i consiglieri M5S di Roma in merito all'inchiesta sull'amministrazione della Capitale affermano che "per il bene della città e del Paese, Marino faccia un passo indietro". Per quanto riguarda Forza Italia non ha dubbi Silvio Berlusconi: "Sono convinto che l'unica soluzione accettabile sia quella di uno scioglimento immediato del Consiglio Comunale procedendo conseguentemente all'immediata convocazione di nuove elezioni per la città di Roma". Salvini invece pensa al futuro: ”A Roma potrebbe arrivare presto un sindaco della Lega - scrive il leader della Lega, Matteo Salvini, in un intervento sul Tempo -. Me lo chiedono i romani. Soltanto un primo cittadino leghista può fare la differenza. Alle prossime elezioni comunali candideremo un romano, che sposi però i progetti e le idee della Lega, che stanno conquistando sempre più spazio. Faremo presto, la situazione è drammatica”.

Diversa la risposta del presidente del Senato Piero Grasso e del ministro dell'Interno Angelino Alfano. "Per sciogliere un Comune ci vuole ben altro rispetto a quel che conosco io - ha detto Grasso -il Comune di Roma mi pare che sia al di fuori di queste tematiche, solamente alcuni sono coinvolti". A Grasso fa eco Alfano, secondo cui il commissariamento di un Comune "è un procedimento molto complesso e bisogna andarci con i piedi di piombo. Il sindaco Marino non è coinvolto e aggiungo anche che la capitale d'Italia e' una città sana, non è marcia. L'attitudine del governo non è quella di punire la città ma di aiutare le forze dell'ordine e la magistratura a fare si che vengano puniti i colpevoli".  Il presidente dell'Autorità Anticorruzione, Raffaele Cantone, invece lancia l'allarme: "Dietro certi meccanismi di impegno sociale ci sono affarismi. So bene che nel mondo dell'assistenza agli stranieri e rom per esempio, c'e' il meglio dell'Italia ma c'è bisogno di trasparenza e dobbiamo dirlo con chiarezza. Non abbiamo voglia di commissariare l'Italia" ma "nella pubblica amministrazione c'e' tanta gente che parla e al momento di fare le regole di trasparenza vengono viste come un aggravio".

Intanto è il consiglio comunale romano ha eletto il successore di Mirko Coratti, dimessosi sono essere stato indagato nell'inchiesta "mondo di mezzo": è Valeria Baglio, scelta direttamente da Marino e a lui politicamente molto vicina. Il tutto si è svolto in mezzo a spintoni, urla e botte. Stavolta è peggio perchè, oltre ai militanti di destra (ormai tramutati in leghisti, con tanto di cartelli “io sto con Salvini”, visto che Alemanno è in disgrazia) si sono uniti i Cinque stelle, con una delegazione di alto livello: Di Maio, Di Battista, Roberta Lombardi, Paola Taverna, Nicola Morra.

 
 
 
Successivi »
 

ESTERI







 

SOCIETÀ











 

GIUSTIZIA







 

POLITICA















 

CONDOGLIANZE









 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: lo_snorki
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 37
Prov: MI
 

BERLUSCONI SU TELEVISIONI E SCUOLE SUPERIORI

Guardate un pò cosa riesce a dire il Berlusconi davanti a un D'Alema e un Rutelli increduli. Per Berlusconi infatti scuole superiori e televisioni (ma non solo) sono in mano alla sinistra ...

Per non dimenticare

 

DEBORA SERRACCHIANI, IL VOLTO NUOVO DEL PD

Debora Serracchiani: trentotto anni, avvocato. E' la giovane che all'assemblea dei circoli del Pd ha scosso con un discorso infuocato i tremila delegati del cosiddetto 'territorio'. 

“Chiedo al mio segretario di dirci convintamente che il cambiamento che abbiamo avvertito da quando ha dato le dimissioni Veltroni non è la paura perché abbiamo toccato il fondo, ma è una strategia, che abbiamo la linea di sintesi”. Altri applausi. “Fino ad ora mai una linea netta, mai una linea unica”, incalza. E le mani dei delegati battono più intensamente.

“E' un errore assoluto quello di aver indicato come capogruppo della commissione Sanità chi non rappresenta l'opinione prevalente del partito”. Franceschini sorride. Non sembra affatto preoccupato. Lei prosegue: “Ne ho per tutti”. “E' intollerabile che dopo aver dato mandato all'allora vice segreterio di chiudere l’accordo sulla legge per le Europee, escano il giorno dopo critiche sul giornale”.

PER COMMENTARE CLICCA QUI

 

2138 11.02.07 IO DI.CO. DI SI!

Dico Pacs. Diritti e doveri delle persone stabilmente conviventi. Il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto legislativo sulle coppie di fatto: non più pacs ma dico. Appena sentita la notizia ho pensato: finalmente il governo di centrocentrocentrocentrosinistra ha fatto qualcosa per i diritti civili. Poi mi sono soffermato sulla prima dichiarazione di RutelliRuini: "e' stata una scelta alta di riconciliazione". E mi sono preoccupato.

Di quale alta riconciliazione si tratta?. Via la dichiarazione congiunta. Una dichiarazione disgiunta che neppure il 730...Il convivente ha l'onere di dare comunicazione all'ignaro convivente numero due con raccomandata con ricevuta di ritorno. Il postino vestito in livrea?.

Alta riconciliazione. Successione: 9 anni. Quanto dura un matrimonio moderno?

PER COMMENTARE CLICCA QUI

 

ZVEN SOSTIENE ...

Ti sembrano contro natura?
Fattene una ragione

Silvio c’è… ma a me me lo puppa!
Blog laico!
anti-pedofilia