Creato da: SmokinDoll il 18/12/2006
..so every silly reason's right to leave again.

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

  

 

 

Ultime visite al Blog

soniaren77call.me.IshmaelSmokinDollIlGrandeSonnoalfredofioranidesmotommyBallatadeglimpiccatiNeVeRmInD89palupeppeLaSaraMKNotte_all_Addiacciorob.radaunbailo75milady_1964Domenico_F
 

   

ADERENZE
 

"More cippa in the net!"
(campagna promossa da Polystyrene)

immagine
- Keith Haring by Annie Leibovitz -

 

 

Ultimi commenti

questo blog era bellissimo
Inviato da: roman_dransky
il 22/07/2009 alle 00:43
 
ciao piccola.come va?
Inviato da: virginia
il 16/02/2009 alle 15:27
 
Tra poco rimango solo io e altri tre sfigati glitterati...
Inviato da: non.sono.io
il 26/01/2009 alle 15:04
 
ciao... anche a me hanno chiuso con altro nick un...
Inviato da: atisha0
il 26/01/2009 alle 13:03
 
trova il meggio della tessera del mosaico, su blogspot non...
Inviato da: Anonimo
il 26/01/2009 alle 12:18
 
 

(and.. who else is here?)

 
 

web tracker

 

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

 

 

Post N° 88

Post n°88 pubblicato il 18 Luglio 2008 da SmokinDoll

  

Bon Anniversaire

  
Fu meraviglioso martoriare insieme -senza uccidere- l'attesa, di silenzi e parole sparpagliati come unghie rotte, offrendoci solo le spalle per tutto il tempo. Per inalare la vita deforme uno dell'altra com'era successo fino ad allora, per non recidere del tutto la distanza, nemmeno fianco a fianco. Quasi non si potesse sostenere con gli occhi o anche solo le mani il peso di quell'espugnazione smascherata dal sole, fatta di lino e vento e corpi offesi, levigati da istanti di sale.

  
  

E dire che mi costò giusto un po' d'acqua naturale come l'essere, le solite sigarette di troppo e una notte insonne che somiglia proprio a questa.

  

    

IMG: Valie Export

 
 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 87

Post n°87 pubblicato il 14 Luglio 2008 da SmokinDoll

 
 

 

Supina e nuda.
I capelli fradici di buio.
Penseri e qualche goccia ancora in gara sulla pelle.
Dondolio di polpastrelli mossi da un battito più a sud.
Pulsazioni epiteliali sulla soglia del mio ventre troppo pronunciato.
Respiro indipendente di escrescenza emotiva.
Sogno vigile inatteso di insospetta novità.
Sono incinta, giusto un attimo.
Sono gravida di me.

   
 

Soundtrack: The Knife - Heartbeats

Image: (H)air Story - 2006

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 86

Post n°86 pubblicato il 03 Luglio 2008 da SmokinDoll

 

 

 

Ronza il frigorifero, stasera. Lo fa come tutte le sere a dire il vero, ma sono poche quelle in cui me ne accorgo. Eppure sembrano sere simili quelle che passo qui adesso, alle altre che riesco a ricordare, e di certo lo sono state anche quelle in cui non c’ero, ma ugualmente lo dimentico molto più spesso di quanto lo ricordi, questo rumore così presente e costante nel silenzio della notte. Nella mente della notte. Nella notte della mente. Mi riporta indietro a quando avevo tredici anni, ora, quel rumore, a quando mamma iniziava ad andare a lavorare lasciandomi a casa da sola. Più o meno. Ero piccola e già grande. Piccola in quel tempo come adesso, dentro. Grande come non avrei dovuto voluto essere, allora. Tornavo da scuola verso le due e dopo. E mi ricordo ancora anche quella ciotolina di plastica, verde oppure rossa, nella quale mamma teneva al caldo la pasta che scoprivo immancabilmente scotta per colpa dell’umidità intrappolatavi dentro. un brusio elettrico dietro le spalle, un altro, sconosciuto e più fastidioso, dentro. Pomeriggi di condensa al pomodoro, e sudore giù dall’autobus. Olio tiepido, e impaccio quando appena prima di scendere mi vergognavo a salutare quelli seduti in fondo. Anche soddisfazione però, quando qualcuno mi rispondeva da laggiù. Come trovare la pasta nel piatto anziché nella ciotola chiusa, e aver voglia di provare a cucinare, certi giorni da sola, perché mi faceva sentire bene. Come oggi direi, che ho preparato dei deliziosi biscotti alla cannella, farciti di tutto l’amore e la disperazione che posseggo, e posso mangiarmeli tutti, a meno di non buttarli. Perché non c’è un cazzo di nessuno nella mia vita, mamma, impaziente di mangiare i miei biscotti, anche se adesso, spesso, gli uomini mi dicono che sono un’ incantevole compagnia. Mi lusingano. Millantano di volermi bene. Mi regalano gioielli, fiori, orgasmi e cene. E allora io li uso, quei maiali che si sfregano nelle loro giacche di lino, più spesso che posso. Per sopravvivere. Perché sentirli ansimare sotto di me, spossati e grondanti lardo e Fahrenheit, per fortuna mi fa sentire ancora abbastanza fiera ed egoista, tanto da volerli guardare tirar fuori i soldi prima di tornare dalle loro donne. “Non è tutto oro quel che luccica, bambina.” mi dicevi. Probabilmente uno dei detti più noiosi che esistano e veri solo in parte, dato che questa vita da puttana ben educata mi ha insegnato che d’oro ce n’è eccome, solo che sta tutto in mani altrui. Eppure in qualche modo devo darti ragione, la stessa che non ti ho mai riconosciuto fintanto che potevo farlo. Troppo diverse io e te. Troppo lontane dall’idea di comunicare disinteressatamente. Due generazioni dissimili costrette a convivere, quando non a subirsi. Di gente al mondo ce n’è tanta. D’oro invece ce n’è poco, e sempre meno, e il mio non vale niente. Eppure, nonostante lo sappia in pratica da sempre, ancora mi stupisco del mio riscoprirmi delusa. So ancora lasciarmi stupire. Almeno questo lo so fare. Grazie mamma. Per avermi fatto sempre trovare la pasta pronta al mio rientro, insieme ai tuoi amici che, come accade ancora oggi, pagavano bene per imboccarmi, tenendomi a sedere sulle loro eccitate ginocchia.

  

IMG: "Floating over the tears threshold", Bruxelles - settembre 2007

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 85

Post n°85 pubblicato il 25 Giugno 2008 da SmokinDoll

 
 

 

..e se fossimo cartone

forzieri di bimbo da non malleare

perpetui frangenti di smanie noisette

poggiati a qualche angolo acuto e inconsueto
 

pensieri di frutice in vetta alle spalle

attigue a due ruvidi zigomi nudi

molli ricoveri per embrioni

di piogge e calori ignoti e succinti
 

un paio di fianchi robusti da asciutti

cedevoli al canto di anche solo una goccia

passi ondulati come la volontà

fattezza apesante che tutto riempie


poi il sole magari a innovare la forma

caduca e viva ch'era senza sostanza

materia leggera e consistenza ingombrante
d'immutabile sagoma che non sa non cambiare

  

  

 

IMG: Victor Burgin - "Portia" (1984).

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 84

Post n°84 pubblicato il 26 Maggio 2008 da SmokinDoll


- Eikoh Hosoe -

  

" La somma degli angoli di cui ho nostalgia è certamente superiore a 360. "

- Stanislaw Jerzy Lec -

 

 

 Sono rudere consapevole, maceria di me stessa, perciò reggo.
(..insomma, per dire che sono viva e sto bene e mi mancate, piccole & grandi carogne!)

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso