TARTARUGHE

...tutto ciò che ha a che fare con le tartarughe...

 
 

NOTA

immagine


Non sono un veterinario e questo è un Blog Amatoriale, pertanto, malgrado la cura posta nella raccolta del materiale, non posso assumermi la responsabilità totale delle informazioni riportate. In caso di seri problemi riguardanti la salute delle tartarughe, consiglio sempre e comunque di rivolgersi a persone qualificate e competenti.
Inoltre, molto del materiale presente è frutto di ricerche sul web, pertanto esiste la possibilità che nel blog siano state pubblicate foto o testi senza il consenso dell'autore o proprietario del diritto.
Se questo dovesse avvenire, vi chiedo gentilmente di contattarmi e in breve tempo verrà rimosso tutto il materiale non autorizzato.
Per informazioni o segnalazioni:
G_ietta@libero.it

 

 

 

 

TESSERA SOCI

Vuoi diventare SOCIO di questo blog?
Richiedi GRATUITAMENTE la tessera!
Scrivi una mail a
G_ietta@libero.it
specificando nell'oggetto: RICHIESTA TESSERA
e nel messaggio scrivi il tuo nome e il tuo cognome!
Ti verrà immediatamente inviata la tessera da stampare!
Essere SOCIO ti permette di vedere pubblicato tutto il materiale che vuoi in una sezione personale,creata appositamente per gli iscritti!



 

VETERINARI


-ABRUZZO
-BASILICATA
-CALABRIA
-CAMPANIA
-EMILIA ROMAGNA
-FRIULI VENEZIA GIULIA
-LAZIO
-LIGURIA
-LOMBARDIA
-MARCHE
-MOLISE
-PIEMONTE
-PUGLIA
-SARDEGNA
-SICILIA
-
TRENTINO ALTO ADIGE
-TOSCANA
-UMBRIA
-VALLE D'AOSTA
-VENETO

Fonte: tartaportal 
sezione VETERINARI in costante aggiornamento

 

TRACHEMYS SCRIPTA: SEMPLICE DISTINGUERLE

 

PER ACCEDERE ALL'ELENCO COMPLETO DELLE SPECIE


A-E    
F-M   
N-S 
T-Z

schede descrittive in costante aggiornamento

 

TARTA-BLOG FOR PRESIDENT

AnimalBazar - Classifica Siti Animali

Ti piace questo blog?
...Votalo!
 

 

L'INTERVISTA DI LIBERO

per leggere l'intervista di Libero: CLIK

 

SONDAGGIO

LA MIGLIOR FOTO


La tartaruga di MARIKA

 

CONTRO I MINI SPAZI

 

LE TARTARUGHE NON SONO GIOCATTOLI

 

DOWNLOAD

immagineimmagine


___________________________________________________________


-TARTA PUNTATORE PER IL MOUSE

immagine


 

SOCI

1-CHIARA CAVALLIERI
2- ANDREA BRIGNOLI
3-RICCARDO AZZARONI
4-MASSIMO MIGNANI
5-LAURA PES
6-STEFANIA TORTORIELLO
7-GIUSEPPE SANNA
8-MIRKO VIGANO'
9-ALESSANDRA FEDELE
10-ANTONELLA TIRITIELLO
11-VINCENZO PALMIERO
12-VINCENZO POTI
13-CRISTIANO BOSETTI
14-CRISTIANO AMETRANO
15-NIRIA MOROSO
16-ALESSIA A.SCIORTINO
17-ALESSIO DE NARDI
18-LETIZIA FRASSI
19-SABINA LONI
20- NICOLA MAFFEI
21-DAVIDE MAFFEI
22-MARIANGELA CAPUTO
23-VIVIANA VERRILLO
24-PASQUALE TATARANNI
25-DAMIAN DE VRIES
26- IVANA RUSSO
27-GIUSY PRECISANO
28-FRANCESCA BRAGHESE
29- CARMELA MAGNO
30-LUIGI MENOZZI
31-SILVIA MAZZUCCO
32-STEFANIA BARBIERI
33-GHERY PRUSCINI PASQUINI
34-ALESSANDRA GRAUX
35-LUISA GUCCIONE
36-FRANCESCA LONGO
37-VENNERI MICHELE
38-ELIA ASTORINO
39-MARTINA GIUSTI
40-MARTA CICCHELLI
41-LAURA GIUSTI
42-CLAUDIO SIMBULA

 

...SOCI

43- FEDERICO VINATTIERI
44- ALESSIA BERTO
45- MARIA CONTE
46- PATRIZIA MARRA
47- GIOVANNA GRIECO
48- FRANCESCO VANACORE
49- MARCO BALDESSARI
50- FRANCESCO MARTELLA
51- NIRVANA GRANATA
52- ALESSANDRO TOTH
53- LORENZO LOPEZ
54- EMILIO TORCHIA
55- MAURO ALBORGHETTI
56- MANUELA GATTI
57- FRANCESCA CATANESE
58- ANNA BARONE
59- LUCIO VAGLIVIELLO
60- ANNIKA FABBIAN
61- FABRIZIO GORACCI
62- MICHELE VITE
63- PAOLA FRANCAVILLA
64- FRANCESCA SORBELLO
65- GIULIA SBARRA
66- ANTONELLA MARRA
67- MANUELA SANNA
68- GABRIELE BERNARDI
69- GRANDI GIORGIO
70- CRISTINA RIGOSELLI
71- DANIELE COLOMBO
72- ALESSIA PINTOSSI
73- CLAUDIA ARDIA
74- NICOLO' FAVA
75- FILIPPO PILI
76- DORIANO CANGI
77- BRENCIO FRANCESCO
78- ALESSIO REGINA
79- ELISA GIORDANI
80- MARTINA CAPPELLETTI
81- SILVIO SAN
82- ANTONIO RAIMONDI
83- CHIARA CALOI
84- LUCIANO LOVENTRE
85- MARIKA CARLINI
86- PAOLA CARRARO
87- ROBERTA MERLINI
88- ANTONIO DANESE
89- ANGELO CASTRO
90- FRANCESCA FACCHIN

 

...SOCI!

91- DONATELLA SATALINO
92- VIRGINIA DI TOMMASO
93- LUCA BRUNET
94- ANTONIO CARLUCCI
95- CRISTINA CARUSO
96- DAVIDE CARATELLI
97- GIUSEPPE LOIACONO
98- JESSICA CAPUTO
99- MARA ZANCHETTI
100- GIANLUIGI ROSSINI
101- PAOLO BERGERETTI
102- SILVANA BONINO
103- MASSIMO PERISSINOTTO
104- GIULIA ZANINI
105- DANIELE SARTORI
106- SARA PACETTA
107- PATRIZIO DE SIMONI
108- LUANA MANZO
109- CARMELO BONGIOVANNI
110-  MARIBEL CANTOS

 

 

IL BRANCO

immagine5 Testudo Hermanni :
- Mucca
- Pollo
- Zecca
- Toro
- Mosca


immagine5 Trachemys Scripta :
 - Piranha
 - Barracuda
 - Squalo
 - Orca
 - Murena

 

 

 

LE MIE BELVE

immagine 

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine


 

 

 

« LE MIE FOTOLE MIE FOTO »

Trachemys scripta Troosti

Post n°744 pubblicato il 03 Aprile 2007 da G_ietta
 

Classificazione  immagine
Classe:
               Reptilia
Sottoclasse:        Anapsida
Ordine:               Testudines
Sottordine:          Cryptodira
Superfamiglia:     Testudinoidea
Famiglia:             Emydidae
Sottofamiglia:      Emydinae
Genere:              Trachemys
Specie:                Scripta
Sottospecie:         Troostii  

Descrizione
Gli adulti raggiungono dimensioni dai 15 ai 30cm. Come nella maggior parte dei rettili, sono le femmine a raggiungere dimensioni maggiori, mentre i maschi raramente superano i 18cm. Il carapace e il piastrone, molto robusti, sono uniti lungo i margini e non presentano cerniere. Il carapace è liscio e un po' convesso, mentre il piastrone, è liscio (sia nelle femmine che nei maschi). Da piccole il carapace è verde chiaro e, man mano che diventano adulte, tende a scurirsi fino a diventare in alcuni casi anche marrone scuro. Il piastrone è giallo con una macchia nera ogni scuto. La cute è per lo più verde, con strisce gialle e, ai lati della testa, sono presenti le due caratteristiche strisce di colore arancio, ma a volte anche giallo. Le Trachemys scripta troostii è molto simile alla Trachemys Scripta elegans e per cui è facile confonderla, Le differenze sono più che altro limitate al colore della striscia ai lati della testa che nelle Elegans è rossa mentre nelle Troostii è più arancio o giallo, e le strisce gialle sugli arti anteriori sono più larghe.    
Comportamento nell'ambiente naturale
Trachemys scripta troostii è una tartaruga d'acqua dolce originaria del sud degli Stati Uniti. Si adatta a molteplici varietà di habitat, ma preferisce ambienti ricchi di vegetazione con un fondo fangoso e acque calme e stagnanti. Trascorre gran parte del tempo sulle rive o appoggiata a tronchi semisommersi "crogiolandosi" al sole. Questo tipo di comportamento, tipico dei rettili, è dovuto al fatto che non avendo un sistema di regolamento della temperatura corporea, hanno bisogno del calore per attivare il loro metabolismo e dei raggi solari per sintetizzare la vitamina D3, indispensabile per la crescita ossea. Raramente si avventura sulla terra ferma se non per deporre le uova. Essendo un animale molto timido, al minimo rumore si getta nell'acqua dove, da abile nuotatrice, si dilegua velocemente. Ad una temperatura minore di 10° C smette di alimentarsi  e trascorre il letargo sott'acqua, nascosta tra il fango e i sedimenti. Nelle belle giornate, meno rigide, non è raro vederle uscire per esporsi ai deboli raggi del sole.
Alimentazione in natura
immagine
Le Trachemys scripta troostii sono onnivore e in natura si cibano di piccoli anfibi, pesci, grilli, lumache, vermi, animali morti, piante acquatiche ecc. Da piccole sono prevalentemente carnivore, infatti restano nelle acque meno profonde dove gli insetti abbondano. Da adulte prediligono una dieta più ricca di vegetali e tendono ad occupare acque più profonde. Si alimentano in acque profonde fino a 3 metri e restano in apnea tranquillamente anche per 5minuti.

Riproduzione
Come per la maggior parte dei rettili, per il raggiungimento della maturità sessuale, sono più importanti le dimensioni che gli anni. Indicativamente però, i maschi diventano maturi intorno ai 3-4 anni, raggiunti i 15-19 cm, mentre le femmine verso i 5 anni, raggiunti i 15-20cm di carapace. La stagione riproduttiva orientativamente, a seconda della località geografica, varia da marzo a luglio. Il maschio corteggia la femmina mettendosi davanti e facendo vibrare ritmicamente l'acqua. La copula vera e propria dura circa 15 minuti. Dopo circa 4-6 settimane la femmina è pronta per deporre le uova, così cerca un terreno morbido e umido nei pressi dell'acqua per deporre. Al termine la femmina ricopre il nido. Le uova sono ovoidali e flessibile. Durante l'incubazione assorbono acqua diventando più grandi e più rigide. La femmina, a seconda delle dimensioni, in un anno può deporre fino a tre volte da 5 a 20 uova, che impiegheranno 2 o 3 mesi per schiudersi. I  baby appena nati sono molto piccoli e indifesi (2-3 cm) e spesso finiscono per diventare prede.
Dimorfismo sessuale e determinazione del sessoimmagine
Il sesso si può stabilire una volta che le tartarughe raggiungono 6-7cm di carapace. Le femmine sono di dimensioni maggiori e hanno una coda piccola e tozza. I maschi invece hanno una coda molto più lunga e larga e le unghie delle zampe anteriore lunghe fino a 3 cm. Il piastrone non presenta concavità né nei maschi e né nelle femmine. Come per molte famiglie di rettili la determinazione del sesso è legata alla temperatura di incubazione delle uova. Se le uova sono incubate sotto i 27°C si avrà una prevalenza di maschi e dei tempi di incubazione che variano dai 100 ai 120 giorni. Mentre, ad un'incubazione sopra i 30°C, nasceranno prevalentemente femmine  ed i tempi varieranno dai 60 ai 70 giorni. A temperature intermedie si avranno proporzioni variabili di nascite, tra maschi e femmine. In commercio è più facile trovare esemplari femmine in quanto gli allevatori accelerano le schiuse aumentando le temperature.
Allevamento in cattività
Le "tartarughe dalle orecchie rosse" sono state  importate dagli Stati Uniti a decina di migliaia ogni anno, ma la maggior parte moriva ancora prima di essere venduta, a causa delle condizioni inadatte in cui erano tenute e una volta vendute moltissime morivano prima di un anno di età, per mancanza di cure adeguate da parte dei proprietari, spesso genitori, che regalavano questi animali ai propri figli senza un'adeguata informazione o ignari del tutto della complessità che rappresenta l'allevamento di questi rettili. Moltissime, una volta cresciute, e diventate troppo ingombranti venivano liberate nei vari laghetti o fiumi italiani danneggiando l'ecosistema e la fauna locale. Proprio per questo da qualche tempo la vendita delle Trachemys scripta troostii è stata regolamentata da una legge apposita che ne vieta l'importazione in Italia (anche se questo divieto è stato raggirato dagli importatori che ora importano Trachemys scripta scripta, che alla fine si adattano ai nostri climi esattamente come le Trachemys scripta troostii). Sono tartarughe che, se accudite adeguatamente, vivono tranquillamente anche 30anni. La dimora ideale sarebbe un l'aghetto, profondo almeno un metro,  cinto da una recisione per non farle scappare, provvisto di alcuni tronchi semisommersi e di una una zona asciutta per permettergli di crogiolarsi al sole e di deporre. In alternativa al laghetto, la soluzione migliore è rappresentata da un acquaterrario opportunamente attrezzato. Una coppia sui 10 cm può vivere tranquillamente in un ambiente di 80 x 30 x 30 cm. Ovviamente più grandi saranno le tartarughe e più grande dovrà essere la vasca. L'acqua deve essere di una profondità tale da permettere alle tartarughe di nuotare. Ci si può facilmente basare aggiungendo alla lunghezza del carapace, 5 cm. Avremmo così per una tartaruga di 10cm di carapace,  una profondità dell'acqua di 15cm. Nell'acquaterrario dovrà essere presente una zona asciutta facilmente raggiungibile dalle tartarughe e riscaldata da un faretto "spot" da 40 W o 60 W in modo tale da avere la temperatura dell'aria sui 30°C. La temperatura dell'acqua deve essere di 24-26°C. E' molto importante utilizzare come arredo legni o rocce "stabili"  che non rischiano di cadere ed intrappolare le tartarughe sott'acqua annegandole. Come fondo è consigliabile utilizzarne uno non troppo fino per non rischiare che sia inghiottito, provocando alle tartarughe un blocco intestinale. Importantissimo è attrezzare l'acquaterrario con una lampada fluorescente con emissione di raggi UVB-UVA essenziali per la sintesi della vitamina D3. Questa lampada non deve essere posta davanti ad un vetro o a della plastica in quanto i raggi sarebbero schermati e quindi risulta inutile il suo utilizzo. La lampada deve restare accesa per 12-14 ore al giorno e sostituita regolarmente secondo quanto scritto sulla confezione (in genere ogni 6-12 mesi). Nelle belle giornate è sempre meglio esporre le tartarughe alla luce diretta del sole, stando bene attenti a evitare problemi di surriscaldamento, soprattutto per gli esemplari più piccoli, fornendogli la possibilità di ripararsi all'ombra se la temperatura aumenta troppo. Uno dei problemi principali è rappresentato dall'igiene dell'acqua, che deve essere mantenuta più pulita possibile se si vogliono evitare problemi di salute, per questo è consigliabile installare un filtro da acquario (per intendersi), un filtro sia meccanico che biologico; la scelta migliore consiste in un filtro di tipo esterno, al cui interno possiamo inserire un primo filtraggio a spugne un secondo stadio di lana poi molti cannolicchi ceramici per il  filtraggio biologico ed in ultimo un assorbente per sostanze ammoniacali). Anche con l'uso di un buon sistema di filtraggio, l'acqua deve essere in ogni caso  periodicamente cambiata  parzialmente (un quinto dell'acqua totale a settimana). Per la grande produzione di scorie, il dimensionamento del filtro deve essere 4-5 volte maggiore del volume totale della vasca, ad esempio, con 50 l  totali, dovremmo acquistare  almeno un filtro per acquari da 200 litri.
Alimentazione in cattività
immagineLe tartarughe piccole devono essere alimentate tutti i giorni;  man mano che crescono la frequenza dei pasti va diminuita, fino ad arrivare a 2-3 volte alla settimana negli individui adulti. L'ideale è di alimentare le tartarughe in una vasca separata per mantenere pulita l'acquario principale, oppure di mettere il cibo in una zona asciutta, anche se le Trachemys preferiscono alimentarsi in acqua. La vasca usata per l'alimentazione va lavata e disinfettata dopo l'uso. Se non si ha la possibilità di alimentarle in una seconda vasca non inserire molto cibo alla volta per non creare avanzi che decomponendosi inquinerebbero l'acqua. L'alimentazione in cattività deve essere più varia possibile e composta sia da alimenti di origine animale che vegetale. Ottimi sono pesce d'acqua dolce, molluschi, lombrichi, lumache, pellet integrati con vitamine, carote, lattuga romana, fagiolini, tarassaco, spinaci, trifoglio ecc. I magimi già confezionati che si trovano in commercio devono costituire al massimo il 25% della dieta mentre sono fortemente sconsigliati come alimento i semplici gamberetti essiccati in quanto sono completamente sbilanciati e privi di vitamine indispensabili.  Questi devono essere somministrati saltuariamente essendo solo ed esclusivamente leccornia. Tartarughe alimentate per lungo tempo solo con gamberetti, finiscono inevitabilmente per sviluppare gravi carenze vitaminiche che possono portare anche alla morte. Anche la carne rossa non è un alimento bilanciato in quanto è povera di calcio ma ricca di grassi. E' buona norma "spolverare" una volta alla settimana dell'osso di seppia sopra ai cibi e una volta ogni 2 settimane integrare con un po' di vitamine, ricordandosi che un eccesso di calcio non comporta particolari problemi mentre un eccesso di vitamine può causare seri problemi. Molte tartarughe rifiutano di assumere vegetali. Un trucco per abituarle è quello di mescolare dei vegetali ad un alimento a loro molto gradito, come può essere della carne macinata. Col passare del tempo, si riduce la quantità dell'alimento a loro più gradito e si aumenta la quantità dei vegetali.
Letargo
Per la salute delle Trachemys scripta troostii  il letargo non è indispensabile, anche se fortemente consigliato per rispettare i loro cicli naturali, mentre è molto importante se le si vuol far riprodurre. Se si trovano in un terrario all'interno, la temperatura va gradualmente abbassata nel corso di alcune settimane fino a  raggiungere i 4°C. Durante questo periodo non devono essere più alimentate per premettere al loro intestino di svuotarsi completamente. Il letargo, a seconda dell'età dei soggetti, può variare dalle 6 alle 12 settimane. E' fondamentale che la temperatura durante il letargo, sia compresa tra i 10° e i 4°.  Una temperatura superiore ai 10° C non permette al metabolismo di rallentare in maniera consona, facendo consumare troppo in fretta riserve corporee che non vengono nuovamente immagazzinate in quanto le tartarughe non si alimentano; mentre temperature sotto i 4°C potrebbero creare danni da congelamento. Per quanto riguarda il letargo all'aperto, bisogna seguire poche ma fondamentali regole. Il laghetto va costruito di una profondità minima di 1 metro, in quanto a 4°C (temperatura minima che consente alle tartarughe di superare l'inverno) la temperatura dell'acqua ha il suo massimo peso specifico e scende di conseguenza sul fondo. Ecco perché sul fondo ci sono 4° C, anche se all'esterno la temperatura scende di molto sotto il - 0° C e la superficie gela. Secondo alcuni esperti la superficie non deve essere lasciata ghiacciata per più di due settimane. Tartarughe molto piccole, malate o comunque in condizioni fisiche non ottimali, non devono essere mandate in letargo e devono trascorrere l'inverno in un terracquario riscaldato a 24-26°C, illuminate per 12-14 ore al giorno con una lampada a spettro solare.

Fonte: http://www.inseparabile.com/

Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: G_ietta
Data di creazione: 31/03/2006
 

BLOG UFFICIALE

Questo è il blog ufficiale del

clik

 

FIERE, MOSTRE & RADUNI

 

 

COMUNICAZIONI & APPUNTAMENTI

 
LA MIGLIOR FOTO:
la migliore tra le foto che mi verranno inviate sarà pubblicata nel box.

SONDAGGIO & TEST:
Rispondi al sondaggio e ai test (insertito un nuovo test) 

TESSERA SOCI:
vuoi diventare "socio" di questo blog? Segui le istruzioni e richiedi gratuitamente la tessera!!!

TAGS:
prima di pormi qualunque domanda verificate se l'argomento che vi interessa è presente nei TAGS (divisi per argomento), il blog serve proprio a questo. Risparmierete tempo voi e lo farete risparmiare a me.


LA BACHECA DEGLI ANNUNCI: cerchi/vendi/cedi un'esemplare?O del materiale che non usi più?Lascia un commento con l'annuncio ed un  contatto,verrà immediatamente pubblicato!

 

AREA PERSONALE

 

COME CONTATTARMI

 

Per informazioni, consigli, articoli e per vedere pubblicate le foto delle vostre "belve":

G_ietta@libero.it        

 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mililiamariabonaria.perrecabeppe.baffigazzsM0rg4n4studio1989fulvia.fanizzavittigommep.atzoriVickiratecnoimpianti99gaetanokr1stefano.pierfrancoRoxydgl5fiorepapa63
 

ON LINE

 

             

web tracker

 

GALLERIA FOTOGRAFICA DELLE MIE BELVE

 

TAG

 

SOMMARIO: TAGS




ACQUISTO:
regole e parametri per valutare un esemplare prima dell'acquisto;
ALIMENTAZIONE: diete e consigli per una corretta alimentazione;
ALLEVAMENTO: come e dove allevare le nostre tartarughe: recinti,terrari e acquari;

ANATOMIA: le tartarughe viste dall'interno e dall'esterno;
BELLE IMMAGINI: raccolta personale di immagini;
COMPORTAMENTI ED ABITUDINI: la psicologia ed il comportamento delle tartarughe;
CONSIGLI PER GLI ACQUISTI: i prodotti consigliati per l'allevamento;
CURIOSITA' E NOTIZIE:
notizie ed articoli,curiosi e non;
DA SAPERE: cose importanti degne di essere ricordate;
DA STAMPARE: cose simpatiche da stampare;
DETERMINAZIONE ETA': ecco come fare;
DETERMINAZIONE SESSO: ecco come fare;
DISTINZIONE TRA LE SPECIE: caratteristiche di confronto per la distinzione tra le specie;
ERBE & PIANTE: per l'alimentazione e l'arredamento;
FAI DA TE: costruire terrari,recinti leghetti e tanto altro;

FUORI TEMA...ma non troppo: comunicazioni varie;
INTERVISTE: le mie interviste: ad allevatori, tartamanti & C.
I PICCOLI: nascita e allevamento: nascita,alimentazione e allevamento delle baby;
LE FOTO & I VIDEO: le foto e i video delle nostre "belve";
LE MIE BELVE: tutto ciò che riguarda le mie belve
LETARGO: come affrontare i letargo, i pro e i contro e regole basilari;
LINK: tutte le mie fonti, da chi prendo spunto e da chi imparo molto;
NORMATIVE E REGOLAMENTI: CITES e normative sulla detenzione di tartarughe;
PESI & MISURE: le misurazioni delle mie belve;
RIPRODUZIONE: l'accoppiamento, come, dove e quando;
SALUTE: le principali patologie, i sintomi e le cure;
SCHEDE RIASSUNTIVE: ripasso generale;
SOCI:sezione dedicata ai soci,i loro articoli,le loro foto;
SPECIE & CLASSIFICAZIONE: schede descrittive e classificazioni tassonomiche
TARTARUGHE D'ACQUA: tutto sulle tartarughe acquatiche;
VETERINARI: elenco dei veterinari italiani divisi per regione.

immagine


 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

LE MIE INTERVISTE

UN SOGNO CHE S'AVVERA

 

CHE COS'E' LA CITES



La CITES è la convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione
(CITES= Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora), firmata a Washington il 3 marzo 1973 (e per questo conosciuta in Europa anche come "Convenzione di Washington") è un trattato internazionale applicato in più di 130 Paesi del Mondo. Il suo scopo è di disciplinare il commercio internazionale di specie animali e vegetali affinché questo non ne minacci la sopravvivenza.
www.corpoforestale.it

L'Ufficio CITES puo' fornire informazioni sulle specie protette e sulle leggi in vigore.
La polizia giudiziaria ha il compito di vigilare sull'applicazione delle norme in vigore. Per quanto riguarda il possesso di animali esotici e animali selvatici nostrani protetti e' competente l'Ufficio CITES presso il Corpo Forestale dello Stato (tel. 026709479).
In particolare si ricordino alcune norme che riguardano le tartarughe:
Tartarughe di terra (genere Testudo).
Tutte le tartarughe del genere Testudo sono protette e il loro possesso deve essere denunciato all'Ufficio CITES, cosi' come, entro 10 giorni, ogni nuova nascita e i decessi.
Tartarughe esotiche d'acqua: la maggioranza delle specie di tartarughe d'acqua esotiche in commercio non sono protette. Per verificare con esattezza se la specie in possesso rientra in questa categoria e' possibile chiedere informazioni al'Ufficio CITES presso il
Corpo Forestale dello Stato tel. 026709479.
Queste tartarughe sono esotiche e non possono quindi essere rilasciate in natura a causa dei danni che provocherebbero alla fauna locale. Per questo il WWF sconsiglia l'acquisto di specie esotiche, non solo tartarughe.
Chi non fosse piu' in grado di occuparsi della propria tartaruga puo' rivolgersi a:
ENPA sede di Milano tel 0297064220

Centro tartarughe CARAPAX a Massa Marittima in Toscana
tel 0566/940083 carapax@cometanet.it

 

SEI PRONTO AD ALLEVARE UNA TARTARUGA?


1-DA DOVE PROVIENE?

conoscere l'esatta provenienza dell'esemplare scelto ci farà capire meglio le sue esigenze di allevamento.
2-CHE DIMENSIONI RAGGIUNGE?
è importante sapere anticipatamente quanto crescerà la nostra tartaruga, in modo tale da essere certi di poterle offrire uno spazio adeguato, senza poi,come succede fin troppo spesso, doversene liberare.
3-SERVE IL CITES?
Prima di acquistare l'esemplare che abbiamo scelto verifichiamo se,quella specie,necessita di documentazione, e che, il negoziante o l'allevatore ce lo rilasci.
In modo da evitare sanzioni o addirittura il sequestro dell'esemplare.
4- COSA MANGIA?
La dieta deve essere varia equilibrata e deve evitare i mangimi confezionati.
Deve,per quanto possibile,racchiudere tutti i cibi che normalmente la tartaruga troverebbe  nel suo habitat naturale.Un'alimentazione errata può provocare gravi danni alla salute delle nostre Belve.
5- A CHE TEMPERATURA/UMIDITà ecc. DEVE VIVERE?
Molte persone si preoccupano solo di avere un esemplare "particolare", ignorando però che magari, quell'esemplare è nato in foreste tropicali, e che quindi, avrà molte difficoltà a vivere nei nostri climi, o comunque in piccoli terrari dove si "cerca" di ricreare l'habitat naturale.
Occorre conoscere a che temperature vanno in letargo e a quali si svegliano.
Informarsi, quindi, su tutto ciò che sono le "necessità biologiche"(passatemela!) della tartaruga.cerchiamo magari di prediligere specie autoctone.








 

ULTIMI COMMENTI

Salve, abbiamo due tartarughe (maschio e femmina) di acqua...
Inviato da: DA NIELA
il 16/10/2017 alle 18:01
 
Ciò significa informare il pubblico in generale maschi o...
Inviato da: DR MERCY LARA
il 12/10/2017 alle 12:52
 
Sono interessata. Mi contatteresti?
Inviato da: Gaia
il 12/10/2017 alle 09:13
 
Abbiamo urgentemente bisogno di donatori di rene in tutto...
Inviato da: dr.daniels
il 03/10/2017 alle 13:45
 
Tartarughe di terra
Inviato da: marta
il 03/10/2017 alle 12:09
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 87
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.