Creato da homoradix il 17/12/2012

tirillio

2015-2016 Biblioteca Fantastica Immaginaria di Tirillio: idee per la letteratura e la scrittura di Word_user

 

HP7740_*

Post n°342 pubblicato il 23 Luglio 2017 da misteropagano
 

Immagine correlata

Risultati immagini per HP inkjet pro7740

Ci sono cose che rallentano altre che velocizzano, la nuova stampante sfavilla nel mio studio. Indovinate cosa stampiamo?  Ci sono contest che si chiudono altri che restano sospesi forse perchè in realtà altro è rimasto aperto: I Tarocchi di Tirillio (o Tu. L'altro. Forse città).

Con gli ultimi aggiustamenti grafici forse riesco a stampare carte e libretti da completare, rilegati a mano.

(spero): vi fo sapere___________*

misti

 
 
 

@ARCANAUTA For All#GIGA: HULD MANUSCRIPT Grimorio Oscuro

Post n°341 pubblicato il 05 Luglio 2017 da misteropagano
 

 

 

[Premessa e ai Posteri]: Per chi non lo sapesse il più grande sterminio di streghe del '600, tanto da far gridare gli studiosi al genocidio, è accaduto nel Nord Europa; in Italia il Trentino Alto Adige è quello che ha inquisito il maggior numero di donne/streghe.

Le streghe attorno al noce di Benevento sono un noto core antropologico le cui sfumature si ritrovano anche in altre regioni specie quelle fortemente influenzate dal fenomeno nordico. Le S. caratterizzate dalla convinzione di possedere poteri speciali di natura curativo magico rappresentano in genere  la rivalsa di natura  femminile in epoche in cui alle donne non venivano riconosciuti pari diritti di studio ed espressione. Al contempo la proposta di un mondo alternativo ai poteri patriarcali, sulla misura delle sensibilità e conoscenze contadina del rimedio in natura e i retaggi dei matriarcati nelle antiche società pagane, diventa quel residuo di capacità "medicamentose" esercitate, purtroppo, anche con gravi insuccessi. Da qui l'impopolarità in un'epoca ignara del progresso scientifico ed umanistico e di pari passo relativamente superstiziosa.

Come la repressione e la superstizione  abbiano influenzato la mission delle streghe da curandere a criminali è leggibile oggi in tutti i casi di croncaca nera ammantati di esoterismo, saponificatrici o pasticciere "streghe dei dolcetti e delle saponette*.

 

Affascina quel mondo? Il retaggio storico del fenomeno nell'accezione positiva è il contatto con gli elementi naturali e sovrannaturali, riconoscendo nell'ordine delle cose un disegno e un'architettura archetipica, esoterica e ordinata (sciamane, curandere, wicca). Fascinazione non priva di pericoli allorquando la "strega" è investita dalla responsabilità sulla vita e la morte e "punita" con i terribili roghi da cui un monito pare levarsi. Non contro l'espressione epocale di un cattolicesimo inquisitorio, non contro il diavolo stesso attribuito dal dualismo bene - male, alla medaglia pentastallare che le fa sua concubina e attrazione erotica dei mitici riti vampireschi dell'Est, non il cinque creativo cosmogonico ma contro l'umanità stessa che non è stata in grado di difenderla (o di amarla).

Le "streghe" ex sottomesse, liberate col fuoco, con il karma indissolubile se non razionalmente di assoggettare, soggiogare, conquistare, opprimere, vincere,  battere, domare, sbaragliare, soverchiare.. di usare pratiche e rituali coercitivi, inquisendo libertà altrui. E forse e in fondo, un male di vivere endogeno alla storia, che si tramanda nel tempo, da soggetto a soggetto femminile, rendendo sempre più cupa la figura della strega. Lo slogan di "Tremate tremate le streghe son tornate", lungi dal rappresentare un orrore, era in fondo il reclamo antico dei pari diritti, dell'emancipazione, oggi non più femminista o donna consapevole e progredita ma impelagata in formulette da breviario satanico. E' la fine delle streghe.


*


Così la GIGA ideata per TIME FABLE impazzì coi suoi specchi non più capaci di catturare anime, ridotta a stornelli in rima senza senso contro chi non ha saputo acchiappare: Frullatori, Ametiste, Grimori, Occhi di cavalieri, Arcobaleni, Lupi e infine Rog e  cuori di Pietra; Argyrie e Narcolettiche. Scamparono  all'aggressione con gatti, frutta, biscotti e sensi.

Caricandosi su di un'ArcaNauta oltrequando, disegnata ad uno a uno da essi.

*(saponificatrice di Correggio -http://tuttosu.virgilio.it/detail/Odio-Virtuale-e-dintorni%3A-Serial-killer-e-Serial-f,IMBL_13349084_389979.html)

#For All#GIGA: HULD MANUSCRIPT Grimorio OScuro

 

GIGA autodafè

 

 
 
 

Messaggio Arcano per oranGA

Post n°340 pubblicato il 02 Luglio 2017 da homoradix
 

GA3?

prendi marito ahuahahahauhau


Arcano Easy Resfankul

tanto dovevo

T

 

 

 
 
 

Ovvio:DD Tutti d'accordo!

Post n°339 pubblicato il 02 Luglio 2017 da homoradix
 

fa male fa male leggersi pubblicati in altri blog

ma si può fare e tutti in concordiamo che

  marrone e gattone 

fa rima con ...######ne
e con  molta distanza per il  nominato 
dichiariamo  sagredo

blacklistato

ahuahau au huah

T

 
 
 

@ALL#ROG: Resa dei conti - PARTE SECONDA

SECONDA PARTE

Capitolo Terzo

Rog nel più totale furore si auto trasporta dalla sua apprendista.

Un vento investe il maniero al materializzarsi del Nero signore (Rog), il potere prorompente dall'oscuro padrone di Saba, irrompe come una tempesta devastando ogni cosa.

Le streghe posizionate attorno al Nero signore (Rog) e a Saba che giace ai suoi piedi si uniscono nel cerchio della magia, GigaTeraRosaSpinaBlanca, le zie SvampFlora e Fauna giunte al maniero della Strega grazie al loro potere, tutte unite in un muro di magia.

La forza di Rog frantuma gli specchi che davano protezione alle streghe e imprigionavano le energia di Saba.

Ora Rog vede i suoi nemici non più protetti dagli specchi cannibali.

Ma Saba è ancora troppo debole per dare aiuto al Nero signore.

Rog scatena tutta la sua magia liberando una scarica di energia magica oscura tutta attorno a se, le streghe ribattono con un lampo di luce che scagliano dalle loro bacchette.

Lo scontro è inevitabile.

Le energia si scontrano trasformando il campo in un abbagliante fascio di fulmini e lampi che si scagliano da tutte le parti.

L’ira di Rog aumenta e con essa il suo potere che diventa sempre più distruttivo.

La terra si spacca e trema, il fuoco della distruzione divampa bruciando ogni cosa, il cielo si fa scuro e tempestoso.

Giga sa che non potrà sconfiggere Rog con la forza, ma l’astuta Strega non ha ancora esaurito le sue risorse.

Ed ecco aprirsi un portale di trasporto magico, dal suo vortice emergono il Lupo e la gnomessa Argyria.

vorticefinale

Con uno scrigno tra le mani.

Al suo interno il cuore del Nero signore che il Lupo e Argyria segretamente e nell’occultamento della magia hanno trafugato dal nascondiglio secreto, eludendo le forze poste a protezione del prezioso e vitale organo.

Il fiuto del Lupo e le abilità della gnoma hanno reso possibile la missione con l’aiuto magico di Giga che con il Grimonio della strega superiore tra le mani non ha più nemici all’altezza di superala in magia.

Con l’ausilio del Frullatore incantato è stato semplice per la gnomessa eludere tutte le difese della Notte Nera (Rog) ed infine per il Lupo sottrarre dall’albero che lo custodiva il cuore trafitto. Lo Scettro arcobaleno da un vantaggio che nessun altra magia può dare, la certezza dell’invincibilità e cosi è stato per il Lupo, che ha potuto aver ragione di ogni forza che si è posta davanti a lui. Ultimo passo il materializzarsi in tempo per lo scontro finale e la rese dei conti tra le schiere della strega Giga e il Nero signore (Rog).

Una volta tra le mani la sorte per il Nero signore è legata al cuore e a chi lo possiede, è sempre stato questo il punto debole della Notte nera (Rog).

Ma ora bisogna decidere cosa fare, quale scelta il presunto bene perseguirà per la sua salvezza.

Distruggerlo e sperare che con esso si distrugga anche il Nero signore o restituirlo a Rog e ripristinare la sua natura mortale e con essa la speranza di un’anima buona.

La scelta che potrebbe decidere le sorti dei reami è nella mani della gnomessa Argyria.

È la sorte di ogni scontro vedere la mani del meno improbabile decidere le sorti del mondo, che si chiami destino o sorte, a chi meno ti aspetti è data una grande responsabilità, che sfiga eh.

La scelta per la chiusura di questa favola dovrebbe rispecchiare la natura di esse e l’inevitabile sconfitta del male, perché seppure nella realtà a volte il male vince, nelle favole ciò non è consentito.

Nel cuore è racchiusa la mortalità di Rog, rimettere il cuore nel suo petto potrebbe riscattarlo dal male.

Ma chi potrebbe esser cosi audace da riuscire in questa impresa, senza esser distrutto dall’ira del Mostro che si è scatenata.

Chi si sacrificherebbe per la vita di un altro senza provare amore. E qui io ricalco non le favole ma la vita che nella maggior parte della sua esistenza è crudele e non perdona il male.

Per cui Argirya resasi conto che non sarebbe stato possibile rimettere il cuore nel petto di Rog senza sacrificarsi. Decide la punizione per il male che esso rappresenta, ora.

E trafigge con un pugnale incantato il cuore che smette di battere, infrangendo la magia che l'ho aveva creato.

E con essa la coscienza di Rog che si Blocca…

Permettendo alle streghe di dare il colpo fatale al corpo inerte del Nero signore.

Che viene colpito dal potete magico delle streghe, mentre il corpo inesorabilmente viene distrutto, un'immagine di Giga appare alle spalle di Rog.

Che sensualmente lo accarezza e bacia a simbolo del suo potere su ogni creatura.

#Giga

Volevi seddurre il mondo e con i tuoi occhi distruggerlo, ma hai perso, la morte ha sedotto te, lei vince sempre.

Povero Rog.

#Giga

Dalla polvere emergono le streghe vittoriose, Il corpo di Rog si frantuma come pietra e svanisce con il vento che porta con se l’ultimo frammento del suo essere.

DistruzioneRog

Con la scomparsa di Rog si infrangono gli incantesimi.

Il sigillo che univa i Draghi si rompe.

Saba a terra e priva di forze e incapace di qualunque movimento, viene avvolta dalle piante che la magia delle zie evocano e imprigionata in una secreta protetta dalla magia.

Re Stefano si insedia nel suo Castello e inizia la ricostruzione del suo Regno. Ai Draghi viene ordinato di tornare ai loro territori e di non far ritorno mai più nelle terra dei sei regni.

Il cavaliere Tre Spade Argyria cuore di Rubino e vincitore dei Draghi, si unisce alla reggente del Regno Tre Spade, che raduna le sue armate e torna al suo regno e ad un'altra avventura nella difesa del bene. Si narra da voci giunte dal lontano regno, che il cavaliere dopo aver servito per lungo tempo la spada della giustizia, l'abbia deposta per amore di una fanciulla, una cortigiana impegnata nella propaganda di una nuova voce rivoluzionaria che incita al vaffa contro i corrotti nobili che intascano tangenti e vitalizi favolosi a spese dei sudditi. Questa nuova voce denominata movimento cinque bacchette, si è dilagata nel regno a macchia d'olio tanto da preoccupare la Reggente che ha ordinato la chiusura delle elezioni delle assemblee dei villaggi. Il cavaliere indignato, si è così calato nei problemi politici del regno, che ha costituito un suo partito, il nuovo movimento ti mucchi quattru, che a oggi ha già raccolto il sostegno di parte del popolo, sarà in comizio, il 18 giugno al Hotel la bella fata turchina, dalla 18:00 alla 20:00, ingresso libero.

Il Lupo dopo avere saputo del fidanzamento tra RosaSpina e il Principe Azzurro che nel frattempo ha accettato un grosso incarico alle dipendenze di zio Paperone, fidanzamento voluto fortemente da Re Stefano, ma non tanto da RosaSpina che aveva già adocchiato un bel pirata con un uncino grosso e luccicante, dovrà sottostare all’ordire del suo Re (ma conoscendo la bella narcolettica siamo sicuri che avrà modo di visitare nelle sue sonnambule scappatelle lande migliori).

Nota: da un libro di cronoche ritrovato in un antica libreria nei sobborghi di Manchester si è scoperto che la figlia di RosaSpina, (il cui nome Margherita, secondo la leggenda è stato scelto su consiglio di una delle zie (Flora) che amava raccogliere mazzolini di fiori), abbia partecipato ad un concerto Rock di una non identificata Band nera dal nome evocativamente Sabbathico. La giovane Principessa che ha ereditato le virtù magiche di madre e zie, sembra avere la strana tendenza a emanare incantesimi di sballamento, ogni qualvolta si trova nello stato di delirio. In uno di questi momenti sembra che l'emanazioni magiche abbiano allucinato il cantante, che in un momento di delirio ascetico, si racconta abbia catturato in volo un pipistrello e staccatogli a morsi la testa. La cronache tramandano che in realtà il pipistrello era l'amante bisessuale del padre che sotto mentite spoglia circuiva e spiava la bella figlia della narcolettiva. Nel libro sembra sia citato anche un incontro con un noto contante riccioluto del bel paese.

Il Lupo come dicevo, beve una bevanda che la gnomessa Argyria prepara per lui con il Frullatore incantato, ecco la ricetta:

Pomodori coltivati bioelficamente dalla signora Minù.

Barba di nano essiccata a sale.

Respiro di uomo dopo una corsa a Central park in una notte d'estate.

Virilità in polvere macchinata su pietre parlanti del bosco delle cicale.

Ed in fine crema di gelato al pistacchio di Bronte per dargli un gusto mediterraneo.

Pozione che lo trasforma in uno gnomo.

Insieme iniziano un viaggio verso il regno degli gnomi e un avventura che li porterà forse all’amore, ma questa è già un altra storia.

Blanca non più elfa cazzuta, viene accolta da Giga che può riprendere il suo posto alla reggenza dell’ordine della streghe e il suo hobby per gli specchi cannibali, sembra da voci di corridoio che già si sia aggraziata un forestiero dal ciuffo rosso sbarazzino che si trova nel regno per sfuggire ad un coreano rompicazzo, si attendono sviluppi.

Nota: al seguito di Blanca sembra ci sia una folta schiera di servitori illustri, sembra che la bella elfa prima delle vicende che l’hanno portata a tornare mortale, abbia fatto visita ai suoi ex consorti armata di spade e intenzioni Bobbitniane, capisci a me.

La permanenza alla corte della Regina Giga non è stata comunque di lunga durata, la giovane ma non sprovveduta Blanca, ha ben giocato le sue carte. Seppur asservita alla Notte Nera dal vincolo del patto di alleanza, ha in secreto inviato araldi alla corte del Re degli Elfi LerStar Golar ultimo discendente della stirpe reale di Gran passo scacchiere. Concordando un posto all'assemblea dei vicari elfici, in cambio di informazioni sulla Strega Giga, su RosaSpina e le sue zie, sul Principe Azzurro e Rog, sopratutto su un anello dalla origine elfiche in suo possesso, bramato dal Re Elfo.

Anello misteriosamente scomparso dalla dimora del Nero signore subito dopo l'attacco al Castello di Giga. Voci narrano di uno scambio secreto tra un pugnale incantato e un anello d'oro. Pugnale giunto poi misteriosamente tra le mani di una gnomessa dal fare alquanto bizzarro.

Come il pugnale incantato dalle mani degli Elfi sia giunto alla gmomessa è un mistero. Certo è che la bella Blanca oggi dimora nel regno egli elfi, con l'incarico di rappresentante vicariale per gli affari tra elfi e umani.

Tutti dunque riprendono la loro vita in serenità e tranquillità.

Il regno è di nuovo in PACE.


Notte di un giorno dopo la vittoria delle streghe. Castello di Re Stefano.

Un'esplosione sveglia il castello, le guardie allertano Re Stefano.

Mio Re un esplosione nelle secrete.

Cella di Saba, nulla resta solo un enorme voragine, del corpo di Saba non vi è più traccia.

Castello di Giga

Una seconda esplosione desta dal tortore gli abitanti del maniero.

Giga e le streghe raggiungono il luogo dell’esplosione, la stanza dove sono custoditi gli artefatti.

La pietra verginale ridotta in polvere.

La leggendaria conchiglia delle sirene ridotta a pezzi.

Il bottone magico bruciato e ridotto in cenere.

E il Grimorio della strega superiore spezzato in due, una parte mancante.

Dall’ombra emerge una figura.

Il Gran Duca di casa Forno bruciato che Giga credeva aver congedato con in mano la parte del Grimorio che manca.

Credivi fosse cosi facile liberarsi di me Regina senza corona.

Non è possibile esclama Giga, non puoi essere tu, sei stato distrutto.

Cari lettori, avete forse dimenticato. Rog oltre al Libro delle gilda dei guaritori e all’Anello lunare, possedeva un'altro artefatto che ottiene proprio grazie all’anello.

L’Occhio di Dio e l’occhio ricordate cosa fa? Mostra il passato il presente e il futuro.

Rog sapeva cosa sarebbe accaduto ancor prima che attaccasse Re Stefano.

Prima che la battaglia ha inizio, Rog compie un incantesimo su se stesso, che trasferisce la sua essenza immortale, dal suo corpo a quella del Gran Duca.

Per tutto il tempo egli è stato nascosto all’interno del castello di Giga protetto della sua magia, il suo scopo è sempre stato questo, ma per agire indisturbato doveva far credere alle streghe che la minaccia fosse sconfitta.

Il corpo distrutto da Giga era un involucro senza anima, controllato dallo stesso Rog. La distruzione del suo cuore ha liberato la sua essenza immortale dal vincolo del fiore malefico.

Com’era programmata la caduta di Saba tra i suoi potere se ricordate vi era la capacità di sopportare dolori estremi, il canto della conchiglia o gli specchi seppur dolorosi non potevo distruggere la mente di Saba, ma solo rendere temporaneamente inerme il corpo che può resistere a ben più atroci dolori.

Al cospetto di Giga il Gran Duca mostra il suo vero volto, gli occhi piano piano cambiano colore, diventando d’oro e la sua pelle nera.

FinaleRog

#Rog

Questa battaglia l’avete vinta voi Streghe e mortali, abbandono questo regno.

Ma non siate troppo sereni, non cullatevi sulla vostra vittoria.

Un giorno potrei tornare.

Perché l’oscurità non può essere sconfitta, solo respinta.

In ognuno di voi esiste una parte oscura e in quella oscurità io vi aspetto alla soglia.

Io sono la Notte Nera.

E la notte più nera giunge sempre prima o poi.

#Rog


E al pronunciare di queste ultime parole il Nero signore svanisce.

Lasciando Giga e il regno con un oscura minaccia.

Finale di stagione

 
 
 

@ALL#ROG: Resa dei conti - PARTE PRIMA

PARTE PRIMA

Eravamo rimasti con la fuga di Re Stefano e la conseguente caduta del suo regno, il risveglio della bella nacolettica che dal sonno incantato organizzava la fuga del Lupo e la minaccia alla Notte Nera (Rog) della gnomessa Argyria.

Giorno I dell'era Digirons al castello del Principe Azzurro tornato dal suo viaggio d'affari nel territorio degli orchi, si decidono le sorti dello scontro tra bene e male.

Al tavolo della guerra, Re Stefano, il Principe AzzurroArgyria cavaliere Tre Spade cuore di rubino, Shadowmoor reggente del Regno Tre Spade, discutono la strategia.

Dopo l'esilio di Re Stefano e l'azione d'attacco della Notte Nera (Rog), le compagini in campo si sono riunite al richiamo del grido di adunanza. Da ogni parte del regno, giungono al richiamo del Re, i popoli delle steppe rosse del sacro impero d'oriente, eredi della stirpe di Mulan, le tribù delle sabbie al servizio del sultanato di Aladin, le schiere di falchi antidroga e anti taccheggio bacchette magiche dal regno di OZ e le terribili amazzoni dalle foreste proibite dell’est. La missiva di RosaSpina chiarisce al Re e padre Stefano la natura del male che scende dal Nord.

#Re Stefano

Non sono mai stato d'accordo sull'uso dalla magia e l'alleanza tra la principessa RosaSpina e le streghe non mi convincerà mai, ma non abbiamo scelta, il male che giunge dal Nord può essere sconfitta solo con la magia.

Dal suo Castello la Regina Giga sta pianificando parte del piano per bloccare il nemico.

Sappiamo che due sono le armate nere, la prima scende da ovest ed è guidata dall'Elfa Blanca, la seconda presiede il castello nero ed sotto il commando della Puttana di Rog che comanda i draghi.

All'Elfa penserà la strega, il nostro compito sarà tenere lontano il più possibile i draghi dall'azione.

#Re Stefano

Nel frattempo al castello di Giga, le streghe riunite insieme a RosaSpina organizzano la contromossa contro l'attacco di Rog.

#Giga

Pagherà per la scomparsa di Mega, si crede invincibile il Nero signore ma è solo un viscido codardo che dall'ombra trama d'esser Re.

All'Elfa penserai tu sorella (Tera), la farai giungere fino al castello e la spingerai ad entrare. Con un incantesimo dal Grimorio superiore che RosaSpina ci ha portano, inganneremo con un esercito magico l'elfa, nessuna creatura magica o non, può sottrarsi al potere degli specchi della lussuria. Intrappoleremo l'elfa e distruggeremo il suo esercito, costringendo Rog a scendere in campo e a venire da me.

E quando giungerà da me, se la tua parte mia cara RosaSpina avrà avuto successo, la Notte Nera verrà sconfitta.

#Giga

#RosaSpina

La compagnia è già in viaggio, il Lupo libero dalla prigione grazie al potere delle zie (SvampFlora e Fauna), ha accettato con gioia di aiutarci, come avevi pensato l'ho inviato dalla gnomessa Argyria, proponendogli un patto, in cambio lei e il Lupo che sanno muoversi con abilità nel sottobosco troveranno il cuore di Rog.

Che ora grazie al tuo incantesimo e al Grimorio superiore sappiamo dove si trova.

Lo Scettro Arcobaleno nelle zampe del Lupo rendere la compagnia invincibile.

Preso il cuore, per Rog sarà la fine.

#RosaSpina

Dalla sua dimora il Nero signore osserva la marcia di Blanca verso il castello della strega, sa che la Regina senza corona non resterà ferma e non subirà l'attacco di Blanca senza reagire e prepara il suo incantesimo per contrastare la magia di Giga.

INIZIA LA BATTAGLIA

Parte prima

Re Stefano con il Principe Azzurro e la Reggente Shadowmoor si mettono in marcia verso il castello nero alla testa di un esercito di 5000 uomini e donne (da tempo il regno ha raggiunto la parità dei sessi) e 500 abili cacciatori di Draghi.

Risalgono le vallate lungo il fiume Archinonc, entrando in quello che fu il Regno di Re Stefano ora devastato dal fuoco dei Draghi.

Con l'esercito si schierano le zie di RosaSpina le armi secreti inviate dalle streghe per proteggere con la magia della difesa, gli uomini e le donne del Re dagli attacchi di fuoco dei Draghi.

Lo schieramento è pronto, il castello circondato, il primo incantesimi si compie, l'occultamento dell'esercito alla vista di Saba e dei Draghi.

Inizia lo scontro centinaia di macchina cattura Draghi circondano il castello nero. Progettate dal leader dell'ordine acchiappa draghi sir Filippolo Grandekulot, queste maestose macchine sono in grado di lanciare reti di acciaio incantate resistenti al fuoco e alla forza dei Draghi.

L'attacco inizia.

I draghi al materializzarsi dell'armata si alzano in volo iniziando il loro attacco di fuoco.

Ma stavolta la magia affianca gli uomini e le donne di Re Stefano che rimangono immuni alle lingue di fuoco, protetti da uno scudo magico.

Re Stefano ordina ai cacciatori di Draghi a capo di ogni macchina di attaccare, e dalle macchine un soldato mira e scocca all'ordine dal cacciatore, i draghi uno a d'uno cadano imprigionati e poi immobilizzati dai soldati della Reggente Shadowmoor e dal Principe Azzurro schierati e in formazioni, pronti a impedire a chiunque si avvicini di liberarli.

La contromossa di Re Karkaron non tarda e ordina ai draghi di scagliare dei massi sulle macchine per distruggerle. E dall'alto del loro volo i draghi fanno cadere sulle macchine enormi massi che riducono in mille pezzi l'ingegnoso marchingegno.

La battaglia si equilibra ad ogni macchina distrutta un Drago cade prigioniero, la strategia di Re Stefano sortisce il suo effetto è blocca in stallo i Draghi.

Ma Saba è ancora libera e avanza tra l'esercito nemico, il suo fuoco non sortisce effetto sul nemico, ma non è l'unica sua arma i suoi occhi dorati hanno lo stesso potere del suo signore, ad ogni sguardo il nemico tentenna quell'istante fatale che porta la morte, e così Saba avanza liberando i Draghi che si trovano sul suo cammino e uccidendo ogni soldato che si trova a difesa della creatura magica, le uniche a riuscire a tenere testa alla demoniaca guerriera sono le amazzoni che forti di un frammento della cintura della regina Ippolita con coraggio e sprezzo del pericolo affrontano gli artigli letali di Saba. Donna contro donne l’impavido coraggio delle amazzoni rallenta la marcia dell’apprendista, ma non la ferma, è inevitabile, le spade, gli archi non possono nulla contro l’immortalità del fuoco e le amazzoni piano piano cedono terreno alla forza della Notte Nera.

Re Stefano non è però impreparato, Giga fornisce un'arma alle zie di RosaSpina.

Che pronte si preparano ad attaccare Saba.

Circondata la demoniaca apprendista una delle zie (Svamp) libera il potere di un artefatto.

La leggendaria conchiglia delle Sirene, un muro d'acqua si libera attorno a Saba il suo fuoco viene bloccato dall'acqua che non permette a Saba di muoversi, la conchiglia inizia il suo canto. Saba cade in ginocchio piegata della magia delle Sirene, il suo corpo viene frantumato dalle onde sonore della conchigliaSaba è sconfitta e nell'agonia del canto implora il suo signore.

La demoniaca apprendista è inerme. La vittoria sembra sorridere a Re Stefano.

Ma Re Karkaron ordina il fuoco totale, i draghi esplodono le loro lingua dall'alto rendono il cielo un immenso braciere, l'armata non resisterà a lungo sotto le fiamme, l'aria diventa irrespirabile, i soldati cominciano a cadere sotto il calore intenso.

Argyria cavaliere Tre Spade cuore di Rubino scende in campo, provocando il re dei Draghi.

#Argyria (cavaliere Tre Spade cuore di Rubino)

Karkaron ti sfido, sono Argyria cavaliere Tre Spade ed ho un cuore di Drago nelle mie mani, se hai coraggio affronta la mia spada.

#Argyria (cavaliere Tre Spade cuore di Rubino)

Alle parole del cavaliere, Karkaron esplode in un ruggito che si ode a miglia di distanza, si alza in volo, le sue fauci si accendono di una luce infuocata e nella potenza delle ali si butta in picchiata verso il cavaliere.

Che un istante prima d'esser colpito esce dalla sua tasca la pietra verginale concessa da Giga al cavaliere.

Il potere della pietra si manifesta davanti alla creatura, che si blocca e nell'influsso della pietra si piega al volere del suo possessore, i Draghi sono sconfitti e sottomessi, lo scontro ha termine, i Draghi si arrendono al volere del possessore della pietra.

ArgyriavsKarkoron

Re Stefano e le sue schiere hanno vinto.

Parte seconda

Nel frattempo Blanca oramai giunta alle porte del Castello di Giga si prepara ad attaccare.

Tera è pronta ad accoglierla con il suo esercito creato dall'illusione.

Lo scontro è rapido. Blanca ha la meglio su ogni ondata facendo retrocedere Tera.

Ma i piani della strega sono proprio questi, portare l'Elfa all'interno delle mura.

L'armata creata della magia di Giga si riversa all'interno del vecchio maniero, Blanca alla ritirata del nemico comanda l'assalto e la conquista delle mura, l'esercito entra con facilità superando le difese del castello.

Al superamento del grande ponte dall'ultimo uomo di ghiaccio, le porte si chiudono, l'esercito di Tera svanisce per magia così come era stato creato.

Blanca comprende troppo tardi che è caduta in una trappola.

Tera libera gli specchi.

La potente magia di Giga si mostra in tutta la suo forza, l'esercito di Ghiaccio si perde tra i meandri oscuri del desiderio trasformandosi in riflessi, che negli specchi nutrono la carnale GigaBlanca riesce ha resistere al potere cannibale degli specchi, la sua natura elfica gli concede la forza di opporsi ai morsi del desiderio, ma non può attaccare la sua posizione è di difesa. Blanca è in scacco.

Da dietro Tera in tutta la sua bellezza oscura si mostra Giga.

#Giga

Povera elfa avresti dovuto accettare il mio invito.

Troppo inesperta per capire che la Notte Nera (Rog) non ha mai avuto alcuna possibilità di vincere contro di me.

Ti potrei trasformare in un sasso imprigionandoti per sempre nella pietra.

Ma non voglio farti male. Io non sono cattiva come la storia ha tramandato, io voglio liberare il tuo desiderio in cambio chiedo solo un bacio e i secreti del tuo cuore.

Inchinati a me e vivrai le tue più lussuriose fantasia. Il Nero signore non potrà salvarti, ne potrà salvarti Saba caduta anche lei proprio in questo istante come te, lui non verrà ad aiutarti, sei sola, accetta la tua sorte bellissima creatura e unisciti alla mia corte.

#Giga

Blanca non può che prendere atto della sconfitta e del tradimento di Rog che aveva promesso la vittoria, il suo pensiero piano piano cede e non gli resta che inchinarsi alla Regina Giga.

Dalla sua dimora Rog sente il suo sangue prendere fuoco, il dolore che la sua apprendista subisce pervade il suo corpo.

Dolore che si unisce all’incantesimo che si spezza e che infrange l’alleanza con l’elfa Blanca.

Dal buio della sua oscurità il Nero signore sprofonda nella più terribile ira.

#Giga

Ed ora che il patto è spazzato diamo al Nero signore il motivo per venire da me.

Dal Grimorio della strega suprema ora nella mani della sua legittima erede, un incantesimo di trasporto porta al cospetto della Regina, Saba oramai inerme e in balia del canto malefico della conchiglia.

Le streghe in una perfetta sintonia coordinano le azioni.

Poche parole è la magia sortisce il suo potere.

Granam sor trasportuminum

SconfittadiSaba

Saba dalla prigione di Acqua si materializza al centro del cortile del maniero di Giga, circondata dai suoi specchi ingannatori che sottraggono all’ormai corpo frantumando dall’azione del canto delle sirene le ultime energie, portando Saba al supplizio degli specchi.

Che ascolti il dolore della sua apprendista.

Lasciate che venga adesso da me.

#Giga

Queste le ultime parole di Giga prima di affondare il potere degli specchi sul corpo della demoniaca e inerme apprendista.

CONTINUA...

 
 
 

@tutti#Blanca

Post n°336 pubblicato il 21 Giugno 2017 da arwen971
 

 

            @tutti---------------------GRANFINALE ------------------------#BLANCA

 

Blanca, alleata con Rog porta il suo esercito al castello di Giga e trova Spina con le zie sotto incantesimo al banchetto di Giga e li attacca. Dalla battaglia riesce a fare prigioniera Kilo una delle sorelle di Giga e Fauna, una delle zie di Spina, e le porta a Notte Nera per chiedere riscatto.

Spina e l’altra zia riescono a scappare protette da Giga: la narcolettica viene a sapere dal Croniquartz che Rog ha messo a fuoco e fiamme il suo regno e posto in fuga suo padre e così stringe un accordo con la strega! In cambio della liberazione dalla magia del sonno e della liberazione del regno di re Stefano ha accettato di trovare il cuore di Rog e di portarglielo.

Spina con zia Flora, sempre sotto incantesimo di trance fatto da Giga, con l‘aiuto della magia del Grimorio e di altri incantesimi di Giga riescono a sottrarre il Frullatore magico ad Argyria che le attendeva al resort insieme al lupo ormai libero e alla zia Svamp ritornata dal party. Lupo, Svamp e Argyria attuano un piano e decidono di fingere anche loro alleanza con Giga e di sfruttare nel frattempo le armi che la strega ha messo a disposizione di Spina e Flora per aiutarle a mettere in salvo il regno di re Stefano, trovare il cuore e liberare Fauna.

Arrivate al regno di re Stefano usano i frammenti della pietra virginale che le ha dato Giga per prendere controllo sui draghi. Liberano il castello e volano alla ricerca del cuore di Rog che riescono a trovare grazie al Croniquartz.

Trovato il cuore stanno per andare a Notte Nera per liberare Fauna e Kilo quando Giga compare con Mega e Tera, sottrae il cuore di Rog e disarma Spina e Fauna. Lupo, Argyria e Svamp a quel punto escono allo scoperto e con lo Scettro Arcobaleno riescono a bloccare ogni suo attacco mentre con la magia di Svamp paralizzano lei e le sorelle, le somministrano una pozione del Frullatore che mette fuori gioco Giga e ammansisce il cuore di Mega e Tera.

Spina e Flora sono finalmente libere dalla trance indotta da Giga! Si riprendono il cuore e vanno a Notte Nera dove Svamp e Argyria liberano Fauna, Flora con la pietra virginale assume il controllo di Saba e Blanca.

Le tre streghe usano la pozione su Blanca e ne addolciscono il cuore tanto da farle deporre le armi e farla improvvisamente sentire attratta da Lupo! E capisce che potrà sentirsi capita, felice e riscattata dal rifiuto sociale proprio andando a stare con i Lupi che sanno cosa significa l’esilio da parte degli uomini.

Con Blanca loro amica e Saba fuori uso, possono tendere una trappola a Rog. Blanca riesce a prelevare dalla sua stanza l’Anello Lunare e riescono così a disfare ciò che il tempo ha creato cancellando nel cuore di Rog l’odio e il dolore per restituirglielo. Con la pietra virginale assumono il controllo di Rog in modo da potergli ricollocare il cuore guarito nel petto!

A quel punto Rog riacquisterà tutti i suoi sentimenti e ricordandosi del male fatto, dopo che Blanca con l’Anello Lunare rimedia ai danni di Rog ridando le vecchie sembianze a Saba e cancellandole la memoria, chiederà perdono a tutti. E soprattutto a Spina verso cui provava attrazione e riconoscenza ma che nel frattempo però continuava ad essere narcolettica e si era addormentata. Rog voleva baciarla ma tutti lo fermarono perché sapevano bene toccare la Bella narcolettica l’avrebbe fatto morire.

Argyria però con la saggezza del rubino di Drago capì che forse se lei aveva trovato e toccato il suo cuore e lui sentiva di amarla senza magia forse sarebbe sopravvissuto e avrebbe finalmente spezzato l’incantesimo! Rog accettò la sfida e la baciò e Spina si svegliò dal sonno.

A quel punto zia Svamp fa fare a tutti un brindisi con la pozione del Frullatore e vissero tutti felici e contenti: Spina e Rog, Lupo e Blanca che si sposarono nei boschi e Argyria e le zie che ebbero in eredità tutti i doni appartenuti a Giga e Rog!

                                                                         THE END

 

 
 
 

@TUTTI#LUPO:FINALE FAVOLA

Post n°335 pubblicato il 20 Giugno 2017 da ravenback0
 

Lupo vede che Spina e le zie ritardano e non c’è trippa per gatti così fa melina finché può ma appena vede che il momento si avvicina inizia a bere la pozione d’invisibilità. Scompare agli occhi di tutti i soldati e fa già in tempo a farne fuori un paio e a munirsi di armi e di un cavallo per la fuga, intanto la Luna Blu compare in cielo! Finalmente lo Scettro Arcobaleno si materializza davanti ai suoi occhi invisibili!

Tutti si allontanano, una luce accecante abbaglia di tutti i colori ogni persona che cerchi di guardarla e Lupo lo afferra. “QUESTO SCETTRO E’ A TE, LICANTROPO, FINALMENTE RICONSEGNATO, PER MIO VOLERE, LA PROFEZIA SI STA COMPIENDO ED IO, TREDICESIMA LUNA, DAGLI OCCHI BLU, SCENDO SULLA TERRA QUESTA SERA PER RIDARE AI LUPI QUELLO CHE FU IL DONO PER VOI DELL’ORDINE DELLA CIVETTA IN SEGNO DI RINGRAZIAMENTO PER AVERLI AIUTATI A RACCOGLIERE I FRAMMENTI DI CRISTALLI. GLI ADEPTI DELLA CIVETTA CONOSCEVANO IL VOSTRO VALORE E SAPEVANO CHE VOI AVRESTE POTUTO CUSTODIRLO SAGGIAMENTE. ANCHE IO NE SONO CERTA; MA ORA USALO PER LIBERARTI, CHE LA FORTUNA T’ACCOMPAGNI!”

Lupo, protetto dall’invisibilità e con il potere dello Scettro stende ogni nemico e s’incammina verso il bosco per richiamare a sé tutti i compagni Licantropi. Finalmente, tornati in possesso del loro potere, i Licantropi con gli gnomi e i nani capitanati dalla gnomessa Argyria si muovono alla volta del castello di Giga. Alle sue porte Lupo riconosce la scopa parcheggiata delle zie di Spina e sente odore di guai!

Dentro al castello trovano tutti…Shadowmoore armata e incazzatissima; Giga e le sue sorelle a banchettare con Flora e Fauna e Spina a mangiare carne! tutte zombescamente narcotizzate e servite da camerieri redivivi; Cappuccetto rosso con altre ninfe in completo bdsm con i cappucci e i corsettini strizza tette rossi che sodomizzano i prigionieri; Blanca imbavagliata e legata su un piatto ovale pronta ad essere sacrificata, messa ko da una potente magia di Giga mentre da uno specchio Rog guarda la scena furibondo mangiandosi le mani!

I Licantropi affrontano e vincono le sorelle Mega, Kilo e Tera e Lupo usa lo scettro con l’aiuto della Luna Blu per bloccare definitivamente Giga.

Nel frattempo l’incantesimo che teneva in trance Spina e le zie svanisce e dopo aver rimesso tutta la carne ingerita liberano i prigionieri della rocca. Con il Frullatore fanno bere una pozione alle streghe e Giga, Mega, Kilo e Tera oltre a diventare docili e gentili, diventano pure fighissime e giovani e il Black Mirror si disattiva. Si fanno consegnare il frammento della pietra virginale e la conchiglia delle sirene ed usano la pietra per ammaliare Blanca e renderla sottomessa e alleata con tutto il suo esercito di elfi.

Lupo e gli altri Licantropi vorrebbero divertirsi un po’ con le nuove amiche prima di andare a rompere le ossa a Rog; ma Spina ha altri progetti e non vuole violenza e gli dice che devono andare cercare il suo cuore per liberarlo dall’oscurità così partono tutti alla ricerca di questo benedetto organo come un ago in un pagliaio.

Mentre sono alla caccia del cuore s’imbattono in zia Svamp ritornata dal suo rave party che si dispiace per non aver partecipato allo scontro con Giga ma avendo ormai le streghe scure alleate, le tre zie e Spina preparano un potente incantesimo di richiamo d’amore a distanza per il cuore di Rog mettendo nel frullatore i capelli di Spina, le lacrime di Blanca, il profumo di Giga e le 3 sorelle ormai gnocche e giovani e sexy.

Il cuore non sente ragioni e accorre a loro, così tutti si muovono verso Notte Nera.

Durante il tragitto le streghe sorvolano il regno di re Stefano e vedono che è tenuto sotto scacco dai draghi e da Saba. Usano il potere dello Scettro sull’infuocata Saba e il frammento della pietra per ammansire i draghi, liberano il castello e i suoi abitanti e con il cuore di Rog in mano raggiungono finalmente Notte Nera.

Rog non può più fare niente, il suo cuore gli balza in petto appena lo vede e lui si sente inaspettatamente attratto di colpo da tutte le ragazze da Spina a Blanca a Giga, Mega, Kilo, Tera e resta pure ammaliato da Shadowmoor.

A quel punto Spina ferma tutti e dice che adesso tocca a lei e che devono liberarla dall’incantesimo del sonno.

Giga fa una magia per richiamare Malefica e con lei arriva pure Barbablù. Le streghe usano il Black Mirror disattivato e lo programmano per altri scopi, chiunque si specchia capirà il male fatto rivedendoselo in volto. Malefica e Barbablù si specchiano e rimangono inebetiti e cadono in uno stato comatoso perenne, potranno svegliarsi e trovare pace e un nuovo inizio solo se qualcuno un giorno troverà il modo di svegliarli per compassione.

Spina si sveglia definitivamente nel momento in cui loro si narcotizzano ed è libera; zia Svamp lancia a Rog la mela di biancaneve con scritto “a chi ami davvero” e gli dice che dovrà scegliere perché solo una potrà amare davvero…e...e...

 E MA

 qui ci si ferma come per ogni finale di stagione :D

 

 

 
 
 

FINALE PER ARGYRIA

Post n°334 pubblicato il 19 Giugno 2017 da NINAARGY80
 

 

@ALL

Argyria non trovando Spina inizia a cercare le zie, ma incontra Serenella Svamp di ritorno dal party. E’ lei a prendere il messaggio telepatico da parte di re Stefano per Spina che annuncia il regno sotto scacco di notte Nera.

“Bisogna avvertire subito Spina e le altre zie!” la gnomessa inizia ad essere preoccupata “e poi…c’è Lupo da prelevare!” Zia Svamp organizza tutto. Chiede ad Argyria di raggruppare una schiera di Nani e di Gnomi e lei richiamerà i Licantropi e le altre streghe verdi e tutti insieme andranno a prendere Lupo, dopodiché raggiungeranno il castello di Giga per fermare Spina.

Una volta al castello, trovano le zie e Spina finalmente sveglia. Raccontano della presa del regno e che il re Stefano si è rifugiato dal Principe azzurro. Giga vuole proporre un accordo a Fauna e Serena ma le sorelle attaccano gli gnomi e i nani e quasi uccidono Argyria così è di nuovo guerra aperta. Non ci può essere alleanza tra Licantropi, gnomi e nani con Giga e le sorelle!

Dopo una dura battaglia riescono a scappare solo grazie allo Scettro del Lupo e a una magia di teletrasporto ma solo dopo aver visto fare una strage di loro compagni ed essere stati fatti prigionieri dello specchio di Giga numerosi gnomi, lupi e nani!

Il piano è liberare il castello di Spina e poi trovare il cuore di Rog per mettere a bada il signore di Notte Nera. Naturalmente anche Giga è in cerca del feticcio.

La fortuna è che Svamp è riuscita a sottrarre a Mega la Pietra Virginale sostituendola con un falso d’autore e con quella mette fuori uso, rendendolo docile come un animale da compagnia, il drago di notte Nera e dopo avergli fatto bere la pozione del Frullatore magico lo fa innamorare di malefica, la Strega che ha rovinato la vita a Spina!

Così ne sistema 2 in un colpo solo e rompe l’incantesimo del sonno.

Il reame è finalmente libero, ma una volta assoggettati i due draghetti propone loro un’alleanza, il loro popolo restituirà ai Draghi il Rubino se in cambio loro giureranno fedeltà agli gnomi e alle streghe verdi e le aiuteranno a recuperare il cuore di Rog e l’Occhio di Dio.

L’ultima azione bellica da effettuare è quella contro Giga, ma con l’alleanza dei Draghi e dopo aver messo in pausa Rog e Saba con lo Scettro Arcobaleno di Lupo de Lupis, gli gnomi e le streghe verdi sono riuscite a ridurre ad una dimensione oltre lo specchio Giga e le sue sorelle!

 

Finale: I Draghi finalmente tornano liberi e saggi come prima che gli eserciti guidati da re e signori della guerra li sterminassero strappandogli il cuore e regnano su tutti.

Gli gnomi sono i loro consiglieri.

I Lupi hanno riacquistato la loro antica reputazione e sono stati tutti ricompensati.

La Bella narcolettica ormai liberata dalla magia non è più narcolettica ma solo Bella e non si sposa con il Principe Azzurro ma con la Bestia che era suo fratello ma che per tutto il tempo era stato rinchiuso nella Roccia del Cristallo Rosso da Mega e Giga!

Rog torna umano e sembra che si sia avvicinato molto alla bella Blanca…lei non è più una guerriera ma è andata a vivere tra gli Elfi e Rog l’ha seguita, le reciproche difficoltà e i loro caratteri non proprio di zucchero :)) li hanno fatti unire.

E vissero tutti felici e contenti...

 

# ARGYRIA-la gnomessa-folletta

 
 
 

@X TUTTI I FAVOLOSI, musica...#Spina: "This is the end"

Post n°333 pubblicato il 18 Giugno 2017 da ElettrikaPsike
 

 

 THIS IS THE END (sec. SPINA)

 

Mentre RosaSpina sta per entrare nel castello di Giga viene bloccata dal Lupo che, nel frattempo, si è liberato da solo grazie alla comparsa dello Scettro Arcobaleno al levare della Luna Blu.

Nel frattempo lo raggiungono Svamp in ritorno dal rave con un paio d’incantesimi di luci&musica appena imbottigliati e pronti all’uso. Con quelli ridesta dall’incantesimo ipnotico Flora e Fauna e immobilizza RosaSpina ormai sempre più in psy-trance a causa di Giga e comanda a tutta la squadra una ritirata fulminea.

Arrivati al Resort sull’albero trovano una missiva sulla porta lasciata da un pony viaggiatore dove si comunica l’attacco al Reame di re Stefano. Trovano anche Argyria circondata da un’orda di Nani, Gnometti, Elfi Silvani, Neri a pois ad aspettarle mentre branchi di Licantropi iniziano a profilarsi all’orizzonte, richiamati dal potere della Luna Blu e della profezia avverata dello Scettro Arcobaleno.

Sono tutti pronti per la battaglia.

Dopo aver congelato RosaSpina in uno stato di ibernazione con iPod nelle orecchie per non sentire la voce di Giga e averla messa a nanna, si dividono i compiti.

Lupo e i Licantropi vanno dritti al castello di Stefano per liberarlo dall’attacco nemico, protetti dalla forza dello Scettro e dagli influssi di Blue Moon…

Zia Svamp si muove verso il castello delle Streghe Oscure, a comando di tutte le Streghe Verdi richiamate dai regni conosciuti (anche la Strega dell'Ovest dalla nota pelle verde - celebre veterinaria e figlia illegittima di Oz e Giga - risponde, sentendosi autorizzata ad accettare l’alleanza con le Green per rifarsi dell’abbandono della madre...)

Argyria e i Piccoli Popoli si dividono: una squadra va alla ricerca dell’Occhio di Dio e del cuore di Rog alla luce della saggezza del Rubino Cuore di Drago, mentre l’altra resta in attesa, pronta ad intervenire in caso di qualsiasi necessità, seguendoli su FableMaps e pianificando strategie.

Armate di valige pressate di magia, le Streghe Verdi arrivano al Castello di Giga: Svamp riesce a richiamare lo spirito della Dama Gisellarina con un incantesimo Trippy Visual e con il suo aiuto viene in possesso del Bottone Incantato per fare con esso un incantesimo reverse, in modo da ottenere, invece della distruzione di ogni sentimento, la rinascita di ogni emozione anche nei cuori più aridi.

Mischiata l’essenza stravolta del Bottone alle gocce di Arcobaleno prelevate dallo Scettro di Lupo e ad alcune scaglie di Rubino di Cuore di Drago, Svamp butta tutto nel Frullatore di Rotolatempo e fa bere le pozioni a Mega, Tera e Kilo, facendole ardere di crisi mistica, tanto da indurle prendere i voti.

Si dice che, ancor oggi, la storia di alcune sante italiane si rifaccia alla loro conversione… [Si dice anche che per la pozione di Tera aggiunse un po’ di miele sottratto alle sue stesse Api e che l’effetto fu inaspettato: oltre a convertirsi, dopo aver dato il meglio di sé, morì di diabete folgorante…]

Mentre alcune Streghe Verdi, corroborate da pozioni fruttariane, fanno scappare i prigionieri dalla Roccia di Cristallo Rosso, altre seducono Blanca (cazzutissima e armata come Lara Croft e pronta a ribaltare il castello di Giga) con un Virgin Mary alla verbena (dopo il quale andrà a confessarsi da Mega, Tera e Kilo per aver cercato di sedurre il fidanzato di Spina, essersi venduta a Notte Nera e aver fatto pensieri strani su un triangolo con Saba e Rog…)

Flora e Fauna, in particolare, sistemano Shadowmoor. In cambio di un incantesimo che la liberi dalla corte serrata del cavaliere di Tre Spade ARGYRIA "number 2", quello con il nome scritto tutto in maiuscolo ma uguale alla cugina, Shadowmoor accetta, infatti, di deporre subito le armi e di diventare vegana.

[Da quel momento ARGYRIA 2 trova pace convogliando la passione per la bella regina verso il calcio, diventando un ultras e scrivendo articoli per Tifofavoloso.it affiancato dal PrincipeNeroAzzurro mentre Shadow, dopo aver fatto pensieri molto carnali verso il Cacciatore assunto da Giga a tempo indeterminato, si dice che abbia voltato lo sguardo ormai vegetariano verso un personaggio fuori favola che pare si chiami homoradix e con lui si sia data alla botanica…]

Giga viene, invece, lasciata per ultima e chi l’affronta è sua figlia, Elphaba di Oz.

E’ lei a dare la pozione rimasta alla madre. E subito dopo averla riabbracciata, una volta che Giga ha acquistato tutti i suoi bravi e buoni sentimenti ed è dimagrita di colpo di 56 kg di lussuria, la giovane Elphaba dalla pelle verde le rigurgita addosso tutti travasi di bile prodotti negli anni pensandola…

Sistemate le Sorelle Oscure, il Black Mirror viene aperto e da esso ogni essenza di passione scaturita si spalma sugli abitanti dei villaggi e dei reami vicini e lontani (da quel giorno, infatti, si estesero e prosperarono le comuni hippy anche oltre il bosco).

Le Streghe Verdi, Giga e le sorelle novizie, vanno poi alla volta del Fiore Incantato in prossimità delle Acque Nere e, dopo aver bonificato il fiume, innaffiano i petali incattiviti con “Eau de Happy Flower”, una sorta di Xanax in gocce per infiorescenze.

Lì incontrano Argyria con nani e gnometti che cercano il cuore di Rog cantando sulle note di di Dalla “Canzone trova il suo cuore se lo puoi…digli che ci serve veramente, va' per le strade e tra la gente, non può restare indifferente… e se rimane indifferente non è lui...”

Le note della canzone, a contatto con l’essenza del Black Mirror, dello Xanax per fiori e della pozione del Frullatore “Love is in the air” fanno smuovere il cuore di Rog dal suo nascondiglio che subito risponde con un malinconico “Love is a losing game”.

A quel punto, in un attimo, lo brancano ed al volo  lo immergono nelle Acque - una volta nere ma ora turchine - cospargendolo di “Love is all you need”.

Non resta ormai che andare a rimetterlo al suo posto.

Mentre le Streghe s’incamminano verso la dimora di Rog, Argyria, la figlia illegittima di Giga ormai non più verde di bile e tutti gli gnomi al seguito, presi da fervore altruistico (oltre che dalle fregole da Black Mirror) grazie ai consigli del Rubino Cuore di Drago, raggiungono i Lupi al regno di Stefano per restituire il Rubino ai loro legittimi proprietari.

Ed è così che si scopre che l’Occhio di Dio tanto ricercato altro non è se non il Rubino che si riattiva, rivelandosi nella sua reale forma di diamante nel momento in cui viene restituito ai Draghi con un gesto di generosità e per un fine altruistico.

I Draghi, quindi, riottenuto il loro cuore e tutta la loro straordinaria saggezza, per ringraziare Argyria la eleggono loro Protettrice e si occupano di Saba, inviata speciale per vigilare sulla presa del castello e agghindata in plastica fetish con l’Occhio del Dio del tempo al collo.

Grazie al Frullatore ed alla magia del Fuoco (Rubino-Occhio di Dio), le sembianze di Saba si trasformano: dal Fuoco dell’odio è stata trasformata e dal Fuoco della purezza e dell’amore viene restituita alla sua originaria bellezza. Ma se l’innocenza ormai persa non può tornare, il processo taumaturgico ha reso, però, possibile che dalla conoscenza del dolore e della crudeltà imposta, il suo cuore raggiungesse la saggezza e la completezza necessarie per discernere l’intero oltre le contrapposizioni, ed essere così pronto per l’amore.

Ed è proprio quello l’amore tanto forte da poter far rivivere il cuore di Rog (anche senza alcun diamante), perché se da un lato Saba l’avrebbe potuto amare anche prima di diventare la creatura che lui stesso ha forgiato; in un certo senso già nel servirlo come suo padrone faceva, senza saperlo, qualcosa di simile all’amore.

I Draghi salutano e dopo aver liberato il castello e gli abitanti del reame di Stefano svolazzano via senza se e senza ma, mentre gli altri vengono tutti teletrasportati da Elphaba di Oz alla dimore del senza cuore.

A Notte Nera, intanto, inizia a giungere uno strano profumo di sbornia modello Lupanare di Pompei e Rog, affacciandosi alla finestra, vede solo gente felice che canta l’Allelujia di Cohen…

[Si dice anche che tra i cantanti dell'Allelujia ci fossero anche Lupo ed Elphaba di Oz, e che cantando si guardarono per la prima volta con altri occhi; ma non è una notizia certa...]

Di sicuro, invece, c’è che, insospettito, Rog scese in strada e vide arrivare il pony viaggiatore con un rametto di ulivo in bocca: “Peace and love, fratello, vengo per dirti che il tuo Drago non è più alla corte di Stefano, ha disertato, ed ora risiede a Pusher Street perché la Luna Blu è entrata nella settima casa…” (and Jupiter aligns with Mars...Then peace will guide the planets...And love will steer the stars...)

Prima di capire che sta succedendo, Rog vede il suo cuore rimbalzargli nel petto.

E dal momento che la favola è diventata un musical, alle note di Blue Moon, vedendo Saba, si mette a cantare “Luna Blu, mi hai sentito pregare per qualcuno di cui avere cura e all'improvviso appare davanti a me l’unica che le mie braccia potrebbero mai stringere. Ho sentito qualcuno sussurrare 'ti prego amami' e quando ho guardato, la luna era diventata d'oro”  (ed i suoi occhi, invece, erano tornati verdi…)

 

Loro vissero felici e contenti; ma gli altri?

 

Liberato Rog dall’incantesimo e mandatolo in pace con Saba, le Streghe Verdi e Nere riacchiapparono Malefica in volo che stava migrando con altri Draghi verso The Age of Acquarius e tornarono con lei al Resort per far mettere a posto le cose.

Utilizzando in un incantesimo collettivo le lacrime di Malefica con il Croniquartz regalato da Rog e Saba come ringraziamento e richiesta di scuse per aver attaccato il regno di Rosaspina, la maledizione del sonno venne estinta e con essa cancellato ogni trauma passato e presente.

Si mormora che Spina dopo essersi svegliata, iniziò a soffrire d’insonnia…ma che da allora si divertì da pazzi e “cuando cae la noche baja a bailar a la Tasca, y bailar y bailar, y tomar y tomar, una cerveza tras otra pero ella nunca engorda…”

Il Principe e Spina non si sposarono mai. Azzurro, in quell’ondata di amore senza sosta, ripeteva che “por un beso de ella daria lo que fuera” ma all’ennesimo e categorico rifiuto della bella ex narcolettica ora insonne, si fece consolare dal fidato Maggiordomo che gli era sempre stato accanto e da Cappuccetto Rosso - dall’intimo fragola - che per lui scrisse la canzone “No, no es amor, lo que tú sientes se llama obsesión...”

Sempre la leggenda, poi, vuole che Blanca, dopo aver fatto ammenda e aver lasciato l’Anello Lunare a Rog e Saba come regalo di nozze, abbia trovato la stabilità e la pace che cercava con Leopoldo Rotolatempo e che con lui sia andata a vivere nella tribù di druidi, diventando la felice moglie del contabile commerciale.

E si dice anche che con il Frullatore magico rimasero belli e giovani per sempre…e che abbiano trovato un nuovo Occhio del Tempo dal quale ebbero accesso ad un Portale di nome Libero che li portò su un blog chiamato Tirillio.

Ma questa secondo me è solo fantasia...

 

 

 
 
 

I Finali di Time Fable

Post n°332 pubblicato il 18 Giugno 2017 da homoradix
 

Successivo a questo post si darà il via alla pubblicazione in ordine di consegna dei Finali di "C'era una volta e sempre ci sarà" :DD libere interpretrazioni di personaggi magici in punta di lama e favola. A discrezione del giudice Legrillonnoire il finale vincente

HANNO POSTATO UN FINALE :

ElettrikaPsike
@X TUTTI I FAVOLOSI, musica...#Spina: "This is the end"

NINAARGY80
FINALE PER ARGYRIA

ravenback0
@TUTTI#LUPO:FINALE FAVOLA

arwen971 @tutti#Blanca

Mondi Alternativi: Finale in tre tempi e Finale di stagione

Olimpo: Il bottino di Giga ( in arrivo )

Tirillio & Shadowmoor : (Senza titolo)

A tra poco

T

 
 
 

UN DUE TRE

Post n°331 pubblicato il 16 Giugno 2017 da misteropagano

STELLA

 
 
 

20 giugno Final Time Fable

Post n°330 pubblicato il 11 Giugno 2017 da homoradix
 

 

Signori Naviganti Amici di Tirillio e Signoresse Naviganti Amichesse di Tirillio

entro il 15 giugno vi prego di consegnare i finali dei @Time Fable#

siano lieti e fantasiosi o burrascosi come le epiche gesta narrate

e dirette dai favolieri.

Per tre giorni consecutivi saranno pubblicati e messi a giudizio dal

Notevolissimo  Giudice di Gara Le Grillonnoire

Per la scelta del 

Miglior Finale adatto

del 17 giugno

e relativa Pubblicazione Ufficiale del 18

GRAN GALA'

*

in punta di favola

T



 
 
 

#Spoiler1 TIME FABLE

Post n°329 pubblicato il 30 Maggio 2017 da homoradix
 
Tag: ARGYRIA

Zia Svamp organizza tutto.

Re Stefano  e la notte Nera.

Spina,  le altre zie  e Lupo

Nani e Gnomi e Licantropi e altre streghe verdi 

Giga e sorelle

e battaglie che imperversano tra i regni

teletrasporto

Pietra Virginale e  falsi d’autore

Frullatore magico e innamoramenti

l'incantesimo del sonno.

 Draghetti  e Rubino  il cuore di Rog e l’Occhio di Dio.


E ...


                                                                      # ARGYRIA-la gnomessa-folletta

 
 
 

Penne di TIME FABLE all'opera :DD

Post n°327 pubblicato il 25 Maggio 2017 da homoradix
 

 

 

Accogliendo i suggerimenti di Nina per la fruibilità degli episodi, la scadenza del Contest per un Gran finale, suggerisco agli autori Tutti di organizzare una scena madre finale in cui ognuno presenta il suo finale secondo quanto accaduto fino ad ora.

Faremo valutare i finali da LE GRILLONNOIR, giudice di lungo corso.

Il migliore giudicato sarà eletto GRAN FINALE e  da quello proveremo a ricostruire tutta la  storia da rileggere interamente

Penne di TIME FABLE all'opera :DD

T

 
 
 

@all #LUPO

Post n°326 pubblicato il 23 Maggio 2017 da ravenback0
 

 

 

Dove eravomo rimasti?

In cella...

Il pomeriggio seguente Lupo viene processato e, da copione, vorrebbero arrostirlo o farlo ciondolare sulla forca. Il giudice ha emesso la sentenza: colpevole.

Ma sono lontani i tempi delle preoccupazioni, con la pozione d'invisibilità ben nascosta da usare al momento opportuno, sa che dovrà solo attendere l'arrivo degli amici, RosaSpina con le tre streghe zie e la piccola Argyria accompagnata dai Nani e se dovessero tardare...con il levar della luna blu ci sarà comunque la profezia e lo Scettro Arcobaleno a salvarlo.

Mentre si avvicina al tramonto, sornione e sereno, Lupo si accinge a quello che per tutti dovrebbe essere il suo ultimo pasto e che sarà invece il primo...verso la riacquistata libertà.

 

 
 
 

@SHADOWINA@GIGA@MARMAID#CAVALIERE CAZZUTO

Post n°325 pubblicato il 21 Maggio 2017 da homoradix
 

 

 

@Shadowina  non vorrei insistere ma Rog e Saba calano dal nord, hanno preso Il Regno di Stefano e minacciano le Tre Spade e il Castello di Giga urge riunione dei regni@Giga risveglia le sirene aahuahauhua il principe azzurro dorme e tra poco i draghi di KARKARON ce li troviamo a fare il bagnetto a casa nostra ahuahuahua#cuore rubino cavaliere cazzuto:DD

 
 
 

@ALL@Regno di Re Stefano#Rog: Assalto al Re

@All: @Regno di Re Stefano

Liete e serene le giornata son vissute dai sudditi al Castello del saggio Re Stefano.

Alla corte dame e ancelle si dilettano nei giochi di società.

Il Re al tavola del potere con i suoi ministri segue le faccende reali.

Un ponte da ricostruire, un bosco da disboscare, nuove tasse da imporre.

Nel popolo c’è chi coltiva e nella fatica si lamenta delle tasse, c’è chi vende e si lamenta di chi coltiva e c’è ci fa la guardia e pensa all’ora della smonta per riabbracciare l’amata che in casa prepara la cena. Tutto va come sempre nel regno che fu dimore natale della bella narcolettica.  

Un pastore veglie sulle sue greci, silenzio e pace, solo il belare della pecore fa da eco.

Finché, delle ombre veloci muoversi sul terreno attirano lo sguardo del pastore, che alza gli occhi al cielo.

Incredulo e terrorizzano vede il cielo, piano piano oscurarsi da centinai di ali.

Urla e corre verso il suo gregge, pronunciando un unica parola prima d’esser avvolto dalla fiamme.

DRAGHI!!!

Karkaron giunge nel regno con la forza prorompente del fuoco, avanza avvolgendo nel fiamme ogni fattoria, ogni villaggio, nulla possono le schiere di uomini che vengono prese all’improvviso.

Inesorabile guidato da Saba volge i suoi Draghi contro il Castello di Re Stefano.

Impreparato a tale attacco.

La magia è lontana dal regno accanto alla figlia intenta ad esser corteggiata dalla Strega Giga.

Cadono le torri che inutilmente si difendono con l’ardore degli arcieri.

Re Stefano ordina alle catapulte di abbattere le creature, ma troppo poche sono le difese per la schiera di fuoco di Karkaron, ad un Drago respinto altri due avanzano.

I draghi in picchiata afferrano i soldati che imprudentemente si mostrano al cielo, portati in alto oltre le nubi, vengono lasciati cadere nel vuoto e all'inesorabile fine.

Il fiato dei Draghi non lascia speranza, tutta la difesa del castello prende fuoco, i Bastioni roventi divento prigioni letali per chi ancora è dentro.

Decine e decine di Draghi circondano il castello avvolgendolo nel fuoco alitato dalle possenti fauci.

Il Re Stefano ordina la ritirata ed insieme al quel poco di seguito che è rimasto riesce ad eludere la vista dei Draghi e attraverso un passaggio segreto trovare la fuga è l’esilio.

Dove andiamo mio signore, chiedo un soldato.

Verso Sud soldato, nel regno del Principe Azzurro, ci darà accoglienza.

Nel frattempo invierò un messaggio alla Principessa RosaSpina, una forza oscura è giunta nel regno.

Esigo scoprire chi è l’artefice di tutto questo.

Pagherà con la vita l’oltraggio al mio regno e al mio popolo.

Dalla sua dimora il Nero signore (Rog) assiste grazie al legame con Saba alla conquista del Regno di Re Stefano e al suo esilio. Soddisfatto volge il suo potere al Castello ora Nero e dimora del signore della stirpe di Fuoco Re Karkaron.

Saba entra nel sala del trono ancora in fiamme, distrugge il trono dorato che fu del precedente proprietario e grida:

Mio signore e maestro il castello di Re Stefano è caduto ne prendo possesso.

Ai Draghi la difesa e il dominio in tuo nome.

#Rog 

 
 
 

@Argyria#Rog: Minacce reciproche

Post n°323 pubblicato il 21 Maggio 2017 da natodallatempesta0
 

@Argyria

Gnomi creature quasi simpatiche.

Non mi hai offerto nulla che valga la mia alleanza.

Il tuo Occhio d’amore è polvere per la Notte nera, potresti vagare per i regni conosciuti e giungere ai confine del mondo e non trovare un anima pura da poter usare per attivare la tua reliquia.

Oh credi d’esser quell’eletta, creatura del sottobosco. 

Vedo oltre la tua natura, l’oscurità e la luce convivono nel tuo cuore, non saresti dinanzi a me se non fosse l’oscurità a guidarti. 

Ambiziosa gnomessa minacciarmi è stata la tua più incauta decisione.

Non vantarti dei Doni che la magia ti ha concesso, hanno sempre un prezzo.

Il frullatore magico è potente ma ha in sorte una debolezza. Ogni artefatto ha un punto debole. Perché abbia effetto devi riuscire a far bere la bevanda al tuo nemico, perché solo questo fa il frullatore magico, creare una bevanda magica.

Ti illudi sia cosi semplice farmi bere la tua bevanda.

Ti illudi che nel tempo che sei stata al mio cospetto la mia magia che domina la mia dimora al massimo del suo potere non abbia agito su di te.

Ti illudi di poter trovare il mio cuore e che non sia protetto.


STOLTA CREATURA.

ASCOLTA LA MIA DI OFFERTA.

INCHINATI ALLA NOTTE NERA, PONI LA TUA RESA AL MIO POTERE.

E FORSE TI CONCEDERE QUELLO CHE BRAMI.

Rifiuta e ne subirai le conseguenze.


@Rog

 
 
 

@Giga;@Argyria;@Lupo#Spina= C'Ŕ posta per voi...

Post n°322 pubblicato il 20 Maggio 2017 da ElettrikaPsike
 

Argyria la gnomessa ha bussato a lungo alla porta di Spina ma la narcolettica, aveva aperto gli occhi senza essere davvero sveglia.

Infatti in un sunnambulismo taggato GigaMegaKiloTera, avvolta dalla voce delle streghe, prende il Grimorio, lancia un incantesimo di "obbligo senza verità" alle uniche (2) zie presenti (vale a dire solo a Fauna e Flora perché zia Svamp non era ancora rientrata da un rave di psy-trance) e con loro si reca al castello di Giga su una scopa a tre posti, più che mai convinta di fidarsi della strega…in perfetto orario con il sorgere della Luna Blu…

Tutto questo però accade mentre il Lupo sta aspettando i loro aiuti, perché la pozione d’invisibilità portata da Spina non durerà a lungo e quando lui scomparirà davanti alla forca preparata per lui, nel caso decidessero di giustiziarlo, dovrà scappare molto in fretta prima di ritornare visibilissimo…

 

A voi la mossa Giga, Argyria e Lupo…

 

#Spina

 

 
 
 
Successivi »
 

        










  contatta homoradix
 

PRESEPE ARCANO

[TAROTS]: LETTURE DI AFRODITE.58

LE LETTURE:

[Tirillio]: Il Canto dei XXI Terza linea

[Tirillio]: Il Canto dei XXI Seconda linea

[Tirillio]: Il Canto dei XXI Prima linea

25Luglio[Tarot]

 

Avviso ai digynauti: il blog contiene anche  momenti arcanoeasy di dovuti resfankul


T

 

ARCANI

ARCANI PUBBLICATI

· Uno: IL BAGATTO  di mi.descrivo 

 
· XXI il MONDO the world becomes worlds
di elettrikapsike e misteropagano
· VIII LA GIUSTIZIA  di Legrillonnoirdestael
· V Il Papa di deteriora_sequor
· II, III, LA Papessa, L'imperatrice di misteropagano
 

·IX EREMITA di Autori vari

· LA RUOTA DELLA FORTUNA di Elettrikapsike

·XVI LA TORRE di mrjakowski

· 0 IL MATTO di autori vari 

 

·VII Il Carro di deteriora_sequor

·XIX Il Sole di Skotizio

·XI L A  F O RZA di ravenback0

·IV l'Imperatore  di Lord_of_Shadows

·XV IL DiAVOLO di dominjus

 
·XIV  LA TEMPERANZA

di Oxumare81

·XII L'appeso di gabrielliluca
·VI GLI AMANTI
di MrJakowski
·XII L'APPESO

di MrJakowski

·XIII LA MORTE di woodenship

 

·X V I I I la Luna di ElettrikaPsike

·X V I I LE STELLE di ElettrikaPsike

·IL GIUDIZIO XXma Lama di legrillonnoirdestael

 

ARCANI INVENTATI DAGLI AUTORI

·26[ IL LABIRINTO (inventore arcano elettrikapsike)]

 

 · 27 [L'Apparato (inventore arcano misteropagano)]:sostituisce lo Straniero


· 28 [Il Caos ·(inventore arcano Italiano in attesa)]

 

ABBIAMO GI└ PUBBLICATO

Tu, l'Altro. Forse città [JE SUIS CENACOLO']®

UN EBOOK IN 40 POST di wU editore.

11 autori digiland in punta di penna

sfoglia qui

Genere : racconti brevi

 

[ARCANI MAGGIORI]: STORIA

Gli Arcani Maggiori sono composti da ventidue carte o Lame e si possono considerare ventidue tappe lungo il cammino della vita e della conoscenza di se stessi. Gli Arcani Maggiori possono essere considerati archetipi universali; gli archetipi (dal greco “arketipon” che vuol dire primo tipo, prima forma, modello) sono idee primordiali e inconsce, comuni a tutta l’umanità, che si possono manifestare alla coscienza solo tramite immagini.
Carl Gustav Jung, che nella sua Psicologia Analitica ci parla del Processo di Individuazione, non a caso si occupò anche dello studio dei Tarocchi; infatti, nella tradizione esoterica gli Arcani Maggiori sono strettamente connessi con la ricerca profonda del Sé. Il Processo di Individuazione porta a far sì che una persona diventi se stessa integrando le molti parti della psiche per realizzare il proprio Sé; tale processo, che porta alla presa di coscienza individuale, prevede l’integrazione degli archetipi alla coscienza.
Mentre gli Arcani Minori danno un quadro degli avvenimenti più quotidiani, scendendo nei particolari, gli Arcani Maggiori ci indicano le cause prime degli eventi (rimandandoci al senso generale degli eventi).
La rappresentazione di ciascun Arcano Maggiore è molto ricca dal punto di vista simbolico: ogni oggetto, ogni colore, ogni gesto ha un senso e nulla è lasciato al caso. Mentre il linguaggio ha i suoi limiti, le immagini hanno un potere evocativo illimitato: i simboli ci toccano emotivamente ed entrano in risonanza profonda con il nostro inconscio, in ciò consiste la magia dei Tarocchi.
Nei Tarocchi ogni lama maggiore è costituita da tre elementi distinti: un numero situato nella parte superiore della carta, un nome posto in basso, una figura che occupa la maggior parte della carta.

 

COME PUBBLICARE UN ARCANO

Per partecipare come Autore Arcano si dovrà scegliere una carta tra gli Arcani maggiori dei Tarocchi e  :

  • Descriversi come un Arcano maggiore e descrivere il personaggio o il valore della carta scelta
  • Creare e descrivere l'architettura dei luoghi dove si svolge la carta narrata:  pianeta stanza, casa, luogo immaginario, esistente, inesistente
  • Assegnare il colore
  • Descrivere i simboli di accompagnamento de valore della carta e la sua allure - animali scettri, coppe, spade, dadi, catene, ali, papiri e via discorrendo
  • Assegnare un'epoca di ambientazione: moderna, antica, immaginaria
  •  Creare e descrivere la trama della carta come valore di lettura e divinazione e il suo contrario
  •  Descrizione dei personaggi al.legati alle vicende se esistenti nella carta originaria e gli aspetti fisici e psicologici e i rapporti tra essi.

Il breve testo, sono consigliate le duemila  battute minime del racconto breve, dovrà concludersi con un breve oracolo  a sintesi del messaggio della carta e può essere postato direttamente qui.

 Le carte saranno disegnate graficamente e pubblicate con le relative descrizioni degli Autori Arcani su IssUU-wU come nuovo volume della biblioteca fantastica 

 

SI PRECISA..

Nulla di nuovo probabilmente ma semmai si abbia a contendere la "proprietà intellettuale" delle idee di questo blog si precisa che l'idea di Biblioteca inesistente, immaginaria e fantastica appartiene all'autore misteropagano®. Idea sviluppata in seguito alla presenza nei blog di autori inesistenti a cui attribuire scritti e commenti. La qual cosa appartiene però alla penna magica di Jorge Luis Borges, come scrive Italo Calvino " un uovo di colombo  che gli permise di superare il blocco che gli impediva, fin verso i quarant' anni, di passare dalla prosa saggistica alla prosa narrativa [...] fingere che il libro che voleva scrivere fosse già scritto, scritto da un altro, da un ipotetico autore sconosciuto, un autore d' un' altra lingua, d' un' altra cultura, e descrivere, riassumere, recensire questo libro ipotetico".

Un gioco la cui abilità si è trasferita a  diversi blogger, mentre l'idea di catalogarli e riunirli o inventarne di nuovi appartiene ai progetti di word_user Tirillio.  Ogni limitazione di riproduzione s'intende pertanto all'idea di Biblioteca Immaginaria e la raccolta di Ebook qui realizzati, mentre gli autori restano proprietari dei relativi testi inediti pubblicati.

 

:[Catalogo di una biblioteca fantastica].

T I R I L L I O


I TAROCCHI DI TIRILLIO

AUTORI ARCANI E ARCANI ALLEGATI

da un'idea di word_user e misteropagano

 

VERTIGINE

Proprio La Gran Madre di tutte le liste, ragnatele e labirinto, di tutte le vertigini ci promette la più mistica: quella virtuale e ci offre un catalogo di informazioni senza sapere quale dei suoi elementi si riferisca a dati del mondo reale e quale no. Aggiunge Umberto Eco alla considerazione: senza più distinzioni tra verità e errore.

Da fautore di di sistemi integrati tra virtuale e reale quale sono piuttosto mi trovo a  considerare la verità e l'invenzione. Una lista di cose vere e una lista di cose inventate. E nell'invenzione ci vedo una verità possibile, a patto di saperla rendere tale, con l'abilità della penna.

In fondo la vertigine è la possibilità di creare un insieme di fatti apparentemente normali del tutto inventati.

 

I testi pubblicati in WORDU sono di proprietà intellettuale degli autori.

Creative Commons License
Wordu, Tirillio are licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.