Creato da lucernaincantata il 23/09/2007
Il mondo del lavoro

invito

Questo blog  è aperto a tutti e sarebbe felice se potesse ricevere testimonianze, commenti, sfoghi, sogni, delusioni, progetti, idee...

 

 

 

 

Ultimi commenti

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

giordano8amicofritz1spagnolosanmar05provadmaria.costanza59falco58dglfrancescodil_3esse.enzabellermankremuziolucernaincantatavololowla_medusa_artorientaltouristandreuccio54
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

LE FABBRICHE AGLI OPERAI

Post n°26 pubblicato il 18 Novembre 2010 da lucernaincantata
Foto di lucernaincantata

Sapevo che dovevo dire qualcosa ma non sapevo assolutamente cosa dire. Davanti a me migliaia di lavoratori della ristorazione che pendevano dalle mie labbra. Erano quasi tutti chef o camerieri, molti erano ancora in divisa da lavoro.   Ero imbarazzatissimo. Sentivo la gola secca e le mani sudate. All'improvviso mi venne l'idea geniale di parlare per slogan: Compagni, dissi, è ora di finirla con i soprusi, ci devono dare quello che ci spetta... le fabbriche agli operai, le terre ai contadini... le gnocche ai cuochi.
Quello che seguì non fu un applauso ma un vero e proprio boato, che nenache la bomba atomica...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Davanti alla FAG

Post n°25 pubblicato il 17 Novembre 2010 da lucernaincantata

Non ci speravo più. Ormai eri uscita dalla mia vita. Non esistevi più. Per questo quando ti ho visto davanti ai cancelli dalla fabbrica, ho pensato  che non potevi essere tu. Impossibile. Tu stavi chissà dove, chissà con chi... No, non potevi essere tu. Per questo sono andato avanti senza fermarmi... scusami...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

 Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio!

Post n°23 pubblicato il 06 Dicembre 2008 da lucernaincantata
Foto di lucernaincantata

Consiglio di volpe fa male alle galline. Recita così un antico proverbio napoletano. Mai, come in questi giorni, più azzeccato! Tutti ci  invitano a comprare, a cominciare dal Presidente del Consiglio per finire al salumiere sotto casa… passando per Tim e Infostrada.      E, con quali soldi? I 1000-1300 euro degli stipendi? Le 800-1000 euro delle tredicesime?  O, meglio ancora, i 600 euro delle pensioni? Che volete che vi dica? questi inviti a spendere e spandere mi puzzano, e parecchio pure. In America è proprio così che è incominciata la crisi finanziaria: con i mutui facili e le carte di credito a cani e porci, anche se i porci erano quelli che le carte le vendevano e si arricchivano, e non la povera gente (ce ne sono anche in America, eccome se ci sono). 

Allora, visto che siamo in tema, a queste persone così intelligenti vorrei rispondere come farebbe Bart Simpson. Guardate la figura e immaginate il resto.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Passa il tempo

Post n°22 pubblicato il 03 Novembre 2008 da lucernaincantata
Foto di lucernaincantata

Passa il tempo, e non te ne accorgi, poi arriva il giorno che cominci a parlare di pensione e dici ma sì, me ne vado, sono ancora giovane io, posso fare ancora tanto, ho dei progetti, da domani vado in palestra, m'iscrivo a un corso di inglese, mi do alla pazza gioia, ne faccio di tutti i colori, e intanto le guardi il culo grande, grosso, sodo... lei se ne accorge, si gira e ti chiede, come se nulla fosse, se sei allergico a qualcosa e se hai mai fatto qualche operazione. Che cazzo c'entra? pensi tu e continui a guardarla senza parlare. Allora lei prende l'iniziativa. Ti sbottona i pantaloni e con una maestria che mai t'immaginavi ti spoglia. Ti ritrovi nudo sul letto. Nel frattempo entrano due stronzi vestiti di verde. Uno ti accende un riflettore in faccia e l'altro ti mette un tubo in bocca. L'ultima cosa che senti prima i addormentarti è: "Dottore, siamo pronti, i parametri sono sotto controllo, l'anestesia comincia a fare effetto..."

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Bambini

Post n°21 pubblicato il 30 Ottobre 2008 da lucernaincantata
Foto di lucernaincantata

Più passa il tempo e più mi sembra che i miei colleghi diventino come dei bambini. Quando li vedo fare le loro stronzatine quotidiane me l'immagino con il grembuilino, il cestello con la merenda e il nasino rosso per il freddo. Che carini! Peccato però che invece di stare all'asilo (l'ambiente giusto per loro) tanti  stanno ai "posti di comando" e decidono le sorti e il benessere di altri, magari proprio di quei bambini dell'asilo...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Se non capisci

Post n°19 pubblicato il 08 Ottobre 2008 da lucernaincantata
Foto di lucernaincantata

Oggi ho visto un mio vecchio amico con la testa rapata e magrissimo, tanto magro che non l'ho neanche riconosciuto, se non mi avesse salutato lui io sarei andato avanti e via... dopo, molto dopo, mi è venuta in mente una frase sentita in un film: bisogna pretendere di essere felici! PS: se non hai capito che voglio dire, sei fortunato: non hai mai avuto un amico con la testa rapata.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Cassa integrazione

Post n°18 pubblicato il 27 Settembre 2008 da lucernaincantata

Una volta in cassa integrazione ci andavano solo gli operai ora ci vanno anche i piloti... come cambia il mondo!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 17

Post n°17 pubblicato il 25 Settembre 2008 da lucernaincantata

Oggi ho il turno di pomeriggio. Me la prendo comoda. Mi alzo più tardi e faccio la colazione come Dio comanda: una bella fetta di pane con burro e marmellata, una con pancetta, due uova al tegamino, frutta, una bottiglia di vino (rosso), dolce, caffè e limoncello. Poi vado a lavoro.

Un consiglio: se oggi pomeriggio dovete prendere il tram evitate il numero 3...

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Giorni difficili

Post n°16 pubblicato il 21 Settembre 2008 da lucernaincantata

Ieri, è stata una giornata difficile. A pensarci bene anche oggi. Chissà... 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Alitalia

Post n°15 pubblicato il 20 Settembre 2008 da lucernaincantata

In questi giorni non si fa che parlare di Alitalia. Ormai tutti sappiamo che è in crisi, che è stata gestita male, si sono fatti un sacco di sprechi, che pagheremo noi contribuenti ecc. ecc.
Solo una cosa non la dice nessuno: i responsabili di questo sfascio, chi sono? I piloti e le hostes? O tutti i dirigenti che si sono succeduti in questi anni?  I dirigenti, direte voi ingenuamente. Bravi polli. E allora perchè non sono loro a perdere il posto invece di piloti, hostes, operai, impiegati, ecc. ecc....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Trasferimento

Post n°14 pubblicato il 19 Settembre 2008 da lucernaincantata

Oggi ha fatto una bella riflessione. Sai quando stai bene sul lavoro? Quando  te ne devi andare. Mi spiego: immagina che ti è arrivata la lettera di trasferimento in cui la Direzione, gentilmente,  ti informa che tra sei mesi devi andare a lavorare in un altro posto (dove, non importa tanto è un sogno) e adesso immagina te che il giorno dopo vai a lavorare. Come ti senti? Come vedi i colleghi? Come ti sembrano le piccole beghe di tutti i giorni per le quali fino ad ieri non ci dormivi la notte e magari ti facevano stare così nervoso che finivi per litigare con la moglie/marito/compagna/compagno/amante (amante, chissà perchè, è lo stesso sia al maschile che a femminile... tutte le fortune). Come ti senti, dicevo. Te lo dico io come ti senti: benissimo. Perchè se sai che devi andare via diventi distaccato e delle piccole cazzatelle di tutti i giorni non te ne frega niente e stai bene, magnificamente bene. Ecco svelato il  segreto per vivere bene sul lavoro.

Se poi  questo segreto lo applichi anche alla moglie/marito ecc. ecc. stai ancora meglio. Per non parlare se lo applichi anche a te stesso...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Fine turno

Post n°13 pubblicato il 15 Settembre 2008 da lucernaincantata

Quella sera, uscendo dalla fabbrica, si sentì stranamente felice. Sì, stranamente, perchè non c'era nulla nella sua vita che potesse far pensare alla felicità. La fabbrica era in passivo, e lui era il primo della lista per la cassa integrazione, il mal di schiena era aumentato, quel mese non era riuscito a pagare il condominio, il figlio era disoccupato e a casa (tanto per cambiare) le cose non andavano affatto bene. Eppure, quella sera si sentiva felice, come non lo era da tanto tempo. Guardò la luna, respirò profondamente e disse: "ma chi se ne fotte!" poi, di buon passo, si avviò verso la cantina dei quattro formaggi...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 12

Post n°12 pubblicato il 02 Settembre 2008 da lucernaincantata

Dopo anni e anni passati sulla montagna più alta del mondo, il vecchio eremita si sedette davanti alla sua umile capanna e, ad alta voce, disse: "Ho capito!".

Poi, scoppiò a ridere...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Lavoro straordinario

Post n°11 pubblicato il 14 Novembre 2007 da lucernaincantata

L'ufficio del direttore è il più bello di tutto il Ministero. Si trova all'ultimo piano e dalla finestra si vede tutta la città. C'è una scrivania immensa e una poltrona che da sola costa più di tutto il mobilio di casa mia. Io cerco di andarci il più possibile. Ogni occasione è buona. Che devo farci, mi piace. Oggi, per esempio, ci ho fatto due ore di straordinario: è stato bellissimo. Lei si è presentata con le calze a rete e la minigonna, ci siamo chiusi dentro e ... vi lascio immaginare. Quando se n'è andata ero senza forze come un impiegato di quarta categoria dopo dieci minuti di lavoro. Mi sono seduto sulla potrona e ho messo i piedi sulla scrivania. Stanco ma soddisfatto. Eh sì, ha ragione il direttore, quando si lavora duro, si hanno sempre delle grosse soddisfazioni.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Viva i bidelli

Post n°10 pubblicato il 11 Novembre 2007 da lucernaincantata

La cosa più importante che imparai all'Università è che meglio fare il bidello che il professore. Ma, si sa, i giovani sono stupidi e così oggi mi ritrovo a insegnare lettere in una scuola media. Guadagno appena qualche centinaio di euro in più rispetto ai bidelli ma in compenso mi faccio un c*** così con i  ragazzi viziati, i genitori viziati che viziano i figli, la preside che si crede Berlusconi, i colleghi cinquantenni che fanno i galletti con il viagra in tasca, il segretario che per farmi la ricostruzione di carriera si aspetta che gliela dia (insieme a un migliaio di euro, e perchè no?)... Non c'è che dire: la cultura ti cambia la vita!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TACCHETE

Post n°9 pubblicato il 23 Ottobre 2007 da lucernaincantata
Foto di lucernaincantata

Lo sapevo che prima o poi sarebbe successo. E' bastato un attimo di distrazione e, TACCHETE, la sua mano si è posata sul mio... bè, voi avete capito dove. E così sono stata costretta a licenziarmi. Che potevo fare? Fare finta di niente? Ci avrebbe riprovato e sarebbe stato peggio. Mollargli un ceffone? Avrebbe detto chissà quale bugia e mi avrebbe licenziato lo stesso.
Ora, a trentasette anni e un marito precario, mi ritrovo di nuovo senza lavoro. Proprio adesso che la Giulia deve fare la prima comunione. Non ci voleva proprio.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Vietato fumare

Post n°7 pubblicato il 18 Ottobre 2007 da lucernaincantata
Foto di lucernaincantata

La notizia è di oggi: operai scioperano perchè per andare in bagno bisogna timbrare il cartellino. 

Mi è venuto in mente di quando lavoravo alla "Smerdy com" e Gargiulo, il lecchino della Direzione, si nascondeva dietro i pilastri del capannone per controllare se lavoravamo.  Che bel periodo. Passavamo il tempo ad escogitare sistemi per fregarlo. Una volta ci siamo perfino inventati un manichino che mettevamo al nostro posto mentre noi ce ne andavamo a fumare negli spogoliatoi. Era divertente. La giornata passava che era un amore e tornavi a caso soddisfatto.
Ma tutte le cose belle finiscono presto. 
Un brutto giorno Gargiulo è andato in pensione e al suo posto hanno messo un tipo che veniva da fuori, un certo Beneduce, uno di quei bonaccioni che si fanno i fatti propri e che gli interessa solo che il lavoro sia fatto bene; dopo puoi fare quello che ti pare. E così abbiamo smesso di fare gli scherzi e siamo diventati tutti un pò più tristi. Nemmeno a fumare andiamo più.
Del resto il fumo, si sa,  fa male!

  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Sertorius

Post n°6 pubblicato il 17 Ottobre 2007 da lucernaincantata

Quando torno a casa dal lavoro non ho voglia di vedere nessuno. Non sopporto niente, neanche un piccolo screzio o il più insignificante dei rumori. Dopo una giornata passata al tavolo anatomico penso di aver assolto alla mia dose di sofferenza quotidiana. Basta. Voglio solo stare tranquillo, stravaccato davanti alla televisione con una birra in mano.
Per questo mi sono separato. Lei non mi capiva. Appena varcavo la porta di casa mi aggrediva con bollette da pagare, rubinetti che gocciolavano, bambini che non avevano fatto i compiti, mentre io avevo ancora negli occhi i cadaveri che avevo sezionato e nella gola l'odore acro della formaldeide.
A un certo punto è arrivata la rottura e ognuno se n'è andato per la sua strada. In tanti anni non mi è mai mancata. Sto bene così. Quando voglio una donna, la pago. Senza complicazioni sentimentali e altre stronzate di questo genere. Anzi forse faccio anche un'opera di bene. Mettiamo il caso della signora Luisa. Da quando la frequento non va più per strada. Dice che la pensione di reversibilità e quello che le dò io le basta per andare avanti e si accontenta. A volte ci vado anche quando non ho voglia di sesso. Lei mi prepara due freselle col pomodoro, io mi guardo il telegiornale alla TV, gioco un pò con i nipoti (la figlia fa il turno di notte e lei glieli mantiene) e alle dieci me ne vado. Un grappino sotto casa e poi dritto a letto.
Eh sì, in tanti anni, mia moglie non mi è mai mancata.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Moon river

Post n°5 pubblicato il 13 Ottobre 2007 da lucernaincantata
Foto di lucernaincantata

Il momento più bello della giornata è quando finisco il turno e vado a fare la doccia. Sì, avete capito bene, non quando torno a casa ma quando faccio la doccia. E' la cosa più bella di tutta la giornata. A casa mi aspetta altro lavoro: far da mangiare, pulire, accudire i ragazzi, preparare le colazioni per il giorno dopo. No, sto bene veramente solo quando faccio la doccia in fabbrica. Lì nessuno mi rompe, neanche le compagne. Sono stanche anche loro e ognuna pensa solo a sè stessa. Dopo che mi sono insaponata per bene mi fermo e rimango immobile  come una statua. Mi lascio scorrere l'acqua addosso e mi metto a fantasticare le cose più strane. Oggi, per esempio ho immaginato di essere nel film Colazione da Tiffany e mi è venuto un groppo in gola. Eh sì, mi commuovo ancora, chi l'avrebbe mai detto?  E sapete perchè?  Perchè  penso che tutti, almeno una volta nella vita, abbiano diritto a baciarsi sotto la pioggia, ad avere un gatto e chiamarlo "gatto" e conoscere qualcuno che li guarda negli occhi e gli dice: "ci si innamora, a questo mondo".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La torre

Post n°4 pubblicato il 12 Ottobre 2007 da lucernaincantata

Un giorno ero seduto su una panchina a piazza Medaglie d'oro quando, improv-visamente,  un piccione mi cagò in testa. Porta bene, dissi al tipo stempiato seduto accanto a me, e abbozzai un sorriso stitico. Dentro di me però ero incazzato nero.  Maledetto piccione, pensai, verrà un giorno che volerò così in alto che sarò io a cagare in testa a te.

Ecco, a questo pensavo il giorno in cui siamo saliti sula torre. Pensavamo di buttarci giù, io e Luigi. Gli altri credevano che fosse tutta una sceneggiata ma noi due eravamo decisi: o ci ridavano il nostro posto alla "Schift and Bell" oppure ci saremmo lanciati dalla grande torre che sovrastava gli stabilimenti. Per questo ce ne stavamo senza parlare, ognuno assorto nei suoi pensieri.
Ai piedi della torre, i compagni, il sindaco, il prefetto, i poliziotti erano tanti puntolini insignificanti. Perfino la fabbrica sembrava una casetta di marzapane.

Ad un tratto, guardando giù, vidi un piccione volare con aria spavalda...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »