Creato da Massimiliano_UdD il 30/03/2012

L'uomo dei difetti

Le riflessioni di un Viandante fuori dai giochi...

ORMAI SIETE QUI E SIETE VENUTI SPONTANEAMENTE!

Credo ci sia un'effettiva possibilità voi siate approdati al mio umile desco per errore. Magari proprio mentre facevate click sul blog della procace biondona di turno. Un'emozione di troppo, la mano che trema, e il click che va a finire sul collegamento di fianco. Questo. Il mio ovvero de "L'uomo dei difetti". 
Il convivio ha già avuto inizio, quindi, vi avverto.
L'ospite è sacro, ma il padrone di casa va onorato. Allacciate le cinture, mettetevi comodi.
Il viaggio ha inizio...

 

QUESTA, È LA MIA

 

Questa è la mia.

 

 Difficoltà mi colse
quando spaiato volli,
col verbo,
plasmare il siffatto legame,
tra l'uomo normale
e la (D)onna sua regale.


Inebriante è il profumo,
ansante è il respiro,
di tanti momenti
è il mio taccuino.


Funesta la sete
mai paga la fonte
.
Tra i fuscelli,
rovente,  la via mi confonde.
Allorché  dotto in pazzia,
borioso sentenzio:
Questa,  è la mia.


M.
(L'uomo dei difetti...)

 

QUANTA STORIA DIETRO UN VECCHIO...

Ad ogni nuovo respiro...
Si fa la storia.

Immaginandomi al "capolinea", vorrei potermi voltare e abbandonarmi ad un'ultima illusione:  Aver fatto della buona storia.

Quella che state per leggere,  in particolare,  è una riflessione alla quale sono intimamente legato.
La scrissi qualche anno fa, a matita...  E la scrissi per me.
Davanti, avevo il camino.
Alle spalle,  i trentacinque anni che m'avevano veduto bambino, ragazzo, uomo.
Intorno, solo l'abbraccio dei ricordi.
Lo sguardo, solo in parvenza perduto a discernere tra le fiamme il punto angoloso dalla cuspide. Avrei voluto, forse dovuto, esser nudo per godere appieno della proiezione che, "al di qua" dei miei occhi, s'andava saggiando...

Ho provato ad immaginare "il Vecchio" che potrei diventare...

IL VECCHIO


Non conquisto nuove terre per recintarle.
Le conquisto per conoscerle.
A me non importa se l'Amore impazzisce ancora per il mio odore,
se ho gettato la spugna o se ho deposto le armi.
Quello che conta è averlo conosciuto.
Attraverserò la Primavera,
poi quella dopo, e un'altra ancora...
Avrò gli occhi zuppi d'acqua,
saprò tante cose più di oggi,
  altrettante le avrò dimenticate
e allora mi chiameranno "vecchio".
Non il saggio...
Il vecchio.
Quanta storia dietro un Vecchio...


M.
(L'uomo dei difetti...)

 

QUESTA NOTTE È GIÀ DOMANI

Chi davvero ti vuole Bene sceglie le parole quando ti parla...
Chi ti ritiene importante non ti offende...
Chi preferisce perdere il suo tempo piuttosto che trascorrerlo con te, potrà anche essere una brava persona, ma, certamente, non è quella giusta per te...
Se in cuor tuo credi di meritare qualcosa in più della pura elemosina, abbandona il carro vizioso e affinchè in te rimanga ancora traccia di uomo, dileguati nella notte, quando tutti dormono, senza far rumore... e l'unica ombra che ti porterai dietro sarà alla stregua di un brutto sogno.
Questa notte è già domani...

M.
(L'uomo dei difetti...)

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 117
 

 

La credibilità del testimone (stralcio tratto da un progetto narrativo al quale sto lavorando: DELITTO IN GIACCA e CRAVATTA)

Post n°185 pubblicato il 31 Agosto 2015 da Massimiliano_UdD
 

Introduzione per comprendere la scena.

   Un tizio, un certo Sig. Pinto, telefona al 113 riferendo di aver veduto da "lontano" e da altezza ragguardevole, un uomo ben vestito, inerme sull'asfalto cocente d'Agosto, lungo una nota via di Latina.
Il Sig. Pinto è un operaio in forza all’acquedotto di Latina nord; il più alto serbatoio pensile dell’agro pontino. Curiosa forma a fungo, tipico dell’era post-fascista.
Il commissario Massimo Del Monaco, trasferito nuovamente a Latina dopo sette lunghi anni di assenza, è incaricato delle indagini. E la prima cosa che vuole fare, è dirigersi verso l’acquedotto, e verificare la storia del Sig. Pinto ovvero verificare che davvero dalla sua posizione si potesse osservare il corpo della vittima localizzato a circa 500 metri di distanza…

(...)

   Il commissario attraversò le strisce pedonali e si trovò di fronte l'inferriata di cinta, verde,  che come un abbraccio stringeva a sé gli organi che garantivano l'approvvigionamento di acqua potabile ai residenti. Lì in mezzo, solitario, attorniato da accudite aiuole e arbusti sempreverdi, s'ergeva mastodontico il serbatoio pensile. Un'enorme struttura di calcestruzzo armato proiettato verso il cielo come un pistone verso la testata. Oltre cinquanta metri di curiosa forma a fungo, e di fascisti natali. E quello interessava al commissario. Il gigantesco fungo ovvero la visibilità che dalla sommità di quel fungo si poteva avere.

IL FUNGO DI LATINA NORD


   Vide due operai in divisa lasciare dinoccolati l'impianto e il cancello elettrico richiudersi. Sulla porzione inamovibile campeggiava azzurro il logo del gestore a capitali stranieri. Frutto e non ultimo della tanto osannata privatizzazione.
   Suonò al citofono e si presentò. D'incanto l'attuatore ottico prese a illuminarsi d'un colore arancio, intermittente, mentre il cancello d'un grigio cinerino aveva già cominciato a scorrere.   
   Un uomo dalla corporatura piuttosto esile, paonazzo in viso, gli veniva incontro a passo svelto.
   << Salve... Sono il commissario Del Monaco, ho premura di conferire con il signore che ha telefonato al nostro centralino qualche ora fa. >>, esordì il commissario mentre stringeva la mano che l'altro gli aveva porto.
   << Si... Ho chiamato io, prima è passato un agente per dirmi di rimanere a disposizione perché qualcuno sarebbe venuto ad ascoltarmi...Ecco... Io non credevo di alzare un polverone... Qua già tutti i colleghi mi guardano storto... Sembra quasi che io abbia fatto qualcosa di male... >>, rispose l'uomo, con voce incerta, deglutendo più volte.
   << Lei ha fatto benissimo, ed è un tangibile segno di civiltà. Ma andiamo per gradi. Una cosa alla volta. Innanzitutto, come si chiama ? >>
   << Rosario Pinto. >>, gli rispose l'operaio, tirando un sospiro di sollievo.
   << Benissimo sig. Rosario, vorrei mi conducesse ora nel punto esatto dal quale ha veduto... Quello che ha veduto. >>
   L'uomo lo scortò fino al basamento cilindrico della colossale costruzione. Di fronte, il pertugio d'accesso. Una porticina di ferro e lamiera che quasi stonava in quel contesto dove tutto era ciclopico. Entrarono. Il Pinto avanti, e il commissario al seguito. I due si scambiarono un'occhiata, e quella del commissario era decisamente preoccupata; poi l'operaio fiatò:
<< Si maresciallo, dobbiamo farcela a piedi. >>
   L'unico loro lasciapassare per la sommità di quel colosso di cemento aveva sembianze decisamente non amichevoli. Quattrocento scalini, ripidi, grezzi,  e tanto moto.
   Sbucarono fuori dall'altro capo della scala dieci minuti più tardi. Avevano finalmente raggiunto la vetta. Spaziosa, circolare, calpestabile e protetta da solida ringhiera di tubolari in ferro. Dal centro veniva su l'antenna cui era ancorata la luce intermittente di segnalazione. Rossa, come la vernice che correva fuori dal cappello. Giusto una spanna sotto la ringhiera.
   Mentre il commissario si liberava dal fiatone per quegli ultimi  gradini fatti di corsa, il Pinto aveva già raggiunto la posizione incriminata. E stretto con le mani il mancorrente del parapetto, si voltò cercando il commissario.
   << E' questo il punto, maresciallo... Venga, venga... >>
   Il commissario, s'avvicinò. Ruotando lentamente su se stesso come le lancette di un orologio, prese a guardarsi intorno. A un certo punto scosse la testa, sbuffando come a voler dire “Caro Pinto, non ci siamo... Non ci siamo proprio...”.
   << Signor Pinto, ho due notizie per lei. La prima è che mi ha già chiamato due volte maresciallo. Ed io non lo sono. La seconda è che non sto qui per perdere tempo. Quindi, basta puttanate, e passiamo alla verità. >>, esordì secco il commissario e indossato il suo sguardo più accigliato, lo raggelò.
   << Ma... Non capisco, cosa... Che significa... E' questo, davvero... E' questo il posto... Lo giuro! >>, rispose l'altro, con fare incerto, vistosamente mendace.
   << Ah, si? Venga, venga... >>, il commissario gli poggiò una mano sulla spalla e con l'indice dell'altra gli indicò la figura di quella che avrebbe dovuto essere una persona in bicicletta scorrazzare in una via attigua.
   << Mi dica... Non abbia timore, com'è vestita quella persona sulla bici ? E soprattutto, si tratta di un uomo oppure di una donna ? >>, gli domandò il commissario con atteggiamento accondiscendente.
   L'uomo si vide spaesato. Madido in viso. Il test del commissario l'aveva interdetto. Spiazzato. E non poteva essere altrimenti. Perché da lì sopra non si vedeva un bel niente. Risultava difficile distinguere anche il solo colore degli abiti di quella persona in bicicletta. Figuriamoci la sagoma di un uomo vestito dello stesso colore dell'asfalto e ad una distanza tripla rispetto a quella del test appena posto in essere. 
   << Il fatto... E' che... Durante le pause mi piace fare del bird watching e allora, di tanto in tanto, porto con me il binocolo che ho fin da ragazzo. >>
   Forse ci stiamo avvicinando alla verità, pensò il commissario. Poi domandò: << E dove si trova il suo binocolo, adesso ? >>
   << Giù nella guardiola. Nella mia sacca. L'ho lasciata quando è arrivato lei... Non credevo servisse. Se vuole mi faccio portare la borsa. >>
   << Eh, già... Serve. Se la faccia portare su, e di corsa. >>, sentenziò di getto il commissario. Lo sguardo gli finì sull'ultimo gradino della porta dalla quale erano apparsi dianzi e un flebile risolino gli sfuggì beffardo.  Già, di corsa, pensò.
   L'operaio si tastò le tasche della salopette e da una ne estrasse un obsoleto Motorola 8700. 
Aprì lo sportelletto, armeggiò sulla rubrica e seduta stante convocò un suo collega. Dopo un quarto d'ora se lo videro sbucare all'aria aperta e consegnò loro un vecchio zaino Invicta Jolly Top.
   Salutò, e così com'era apparso, svanì. Fretta di tornare al proprio turno o forse, di non immischiarsi in quella faccenda.
   Afferrato il binocolo, il commissario si rese conto che la visibilità era ottimale.
   Poté riconoscere la sagoma di gesso che aveva preso il posto della vittima evidentemente già trasportata all'obitorio. Osservare gli operatori della scientifica scattare fotografie sul balcone del secondo piano, e la matassa di cavo residuo ricoperta ancora dal nylon, adagiarsi malferma tra le onde dei coppi.
   Ebbene, si. La storia del signor Pinto era credibile. Eccezion fatta per la motivazione. Il bird watching. Motivazione alla quale il commissario credeva quanto all'esistenza di babbo natale.
   Talvolta, però, capita, che è proprio quando meno te l'aspetti che la soluzione, come d'incanto, acquisisce forma, assume piega. Come uno ologramma. Come uno spettacolo. Dinanzi gli occhi. Oltre l'obiettivo.


Presa dal WEB per Illustrare la scena



   E la soluzione che si paventò davanti agli occhi del commissario aveva le sembianze di un abbondante fondo schiena latteo che figurava ancor più generoso a causa di quello slip che appena accennato, scaltro, s'era insinuato tra le pieghe più profonde. In realtà, il commissario accettò l'ipotesi che ella ne indossasse effettivamente uno solo dopo aver osservato i fianchi cui erano annodati dei lunghi e fantasiosi laccetti decorati da perle.  
   Accanto ai piedi, un tavolino di poco conto in plastica bianca, circolare, uno di quelli col buco al centro per l'asta del parasole. Sul piano trovavano posto un pacchetto di Merit, un accendino e due bicchieri di vetro, alti, dai quali fuoriuscivano cannucce e ombrellini di carta, variopinti. Un ombrellone, la cui asta appariva parzialmente ripiegata, celava agli occhi del commissario il resto di quel corpo.
   Ad un certo punto entra a far parte dell'inquadratura una seconda donna, decisamente magra, anch'essa di carnagione molto chiara. Bionda. Un modesto tanga bianco ne arricchiva solitario la nivea epidermide. Una mano brandiva la confezione di una famosa marca di creme abbronzanti, arancione.
   Ancora in piedi accostò entrambe le mani a quel flacone che ormai cominciava a deformarsi come stretto in morsa. Un colpo energico, una stretta possente, rapida e un flusso assai copioso s'andava depositando sul corpo dell'altra donna, all'altezza delle reni. Bianco come la neve. Di certo caldo, come il tepore di quel sole, che presto, le avrebbe accarezzate entrambe...



M.
(L'uomo dei difetti...)

 
 
 

Il Cavaliere, e la Luna.

Post n°184 pubblicato il 18 Agosto 2015 da Massimiliano_UdD
 
Tag: Poesie

IL CAVALIERE e LA LUNA



Allorquando il sogno
 si riflesse negli occhi della fanciulla,
il Cavaliere

smise i grevi panni di difetti intrisi
e armato di sole carezze
le afferrò la mano,

ed invidiosa la Luna,
la danza, illuminò... 



 M.
(L'uomo dei difetti...)

 
 
 

IL TURGORE DI QUELLA SOLA NOTTE.

Post n°183 pubblicato il 05 Agosto 2015 da Massimiliano_UdD
 

 

Nel turgore di quella notte

 

E fu allora che il turgore di quella notte,
spazzò via ogni notte...


Declinò il crepuscolo,
dallo squarcio l'aurora s'avventò sulla fanciulla,
e su quelle labbra che tumide e dischiuse,
or ora laceranti, saggiavano...
e allorché dotte, arroventate e poi sapienti,
la risanavano...
Perché al mistero mai s'arrese
giacché ella l'ebbe scelte.

E cullata fosse anche tra un milione, ovunque, l'avrebbe ravvisate...
Perché di quei baci stagliò il fragore
allorquando spumeggianti l'avvolgevano,
e poi morbidi e lascivi, la riassettavano.
Nel turgore, detonante, di quella sola notte...

E così come l'indaco non discioglie,
la voluttà di quell'incanto la resa ebbra e orgogliosa e fiera...
Dacché adesso, ella sapeva...


M.
(L'uomo dei difetti...)

 
 
 

RoToPuzZle 2015

Post n°182 pubblicato il 29 Giugno 2015 da Massimiliano_UdD
 

  rotopuzzle 100, omaggio a LA GRANDE BELLEZZA e Tony Servillo


   Provo a leggervi nella mente: Ma che ci fa Tony Servillo lì sopra ?
Seguitemi.

    Era un bel po’ che mancavo a questo mio desco.
Da una parte, certi aspetti della mia vita che con l’ipotesi d’armonia mal s’amalgama(va)no. Dall’altra, incalzanti oneri e faccende scelte.
E appuntata nel mezzo, austera e dotta e lasciva di nero e seta: La riflessione.
   Dedicare del tempo a sé stessi e alla riflessione è cosa agevole e lesta, basta volerlo.
Accettare il prodotto di detta riflessione, talvolta, facile non lo è affatto.
   Allorquando in seno approda il germe, e al cambiamento s’avvince poi...

 
   Oggi non faccio ritorno nella consueta veste.
Niente riflessioni né in prosa né in versi, niente racconti… Niente uomo-dei-difetti.
   Oggi ho voglia di fare una cosa che, in genere, non faccio mai.
Strappo un frammento di quel “me” che alberga e interagisce fuori da qui, lo catapulto a questo desco e del fruibile,

gaio,
ve ne faccio dono.
   Mi piace pensare vi sia gradito.

   Dunque, qualche tempo or sono, per lavoro, stavo progettando un componente di un sistema esperto. Poi, durante la fase di debugging mentre tentavo di scovare e sistemare quanti più problemi possibili, notai che un risultato inatteso e non desiderato poteva tornare (in altra sede) utile per tirarci fuori (a tempo perso) un passatempo semplice e carino per riempire le pause e/o ritrovare la concentrazione; un antistress con intenti ludico-costruttivi.
   Facendola breve, nei ritagli di tempo ho scritto un’applicazione per Sistemi Operativi Microsoft Windows, denominata RoToPuzZle 2015. Ho altresì scritto un manuale tecnico dettagliato richiamabile all’occorenza da un pulsante dello stesso software, ma in questo contesto per forza di cose stringato preferisco tendere alla chiarezza, a scapito della precisione a tutti i costi.

rotopuzzle 100, scombussolato e risolto affiancati


   In pratica cosa fa questo RoToPuzZle 2015 ?
   Presto detto.
Voi gli date in pasto una foto e lui ve la trasforma in un rotopuzzle, cioè in un puzzle di forma quadrata dove tutti gli elementi si trovano già al proprio posto, ma possono ruotare intorno al proprio centro. E ruoteranno da subito! Sarà il software stesso a scombussolarli e dirvi in quante mosse è esso risolvibile ovvero qual è il numero minimo di mosse (cioè di click col mouse sui singoli pezzi) che ci consentano di tornare al puzzle di partenza; non scombussolato.
   Semplice ? Certamente!
   Tuttavia, visto che nessuno mi correva dietro, ho deciso di implementare un paio di insidie al gioco, alla competizione. Oh, oh, ho detto competizione ? Eh, già… Avevo dimenticato di dirvi che (parallelamente a voi, contemporaneamente) un altro personaggio si cimenterà nella risoluzione dello stesso vostro rotopuzzle; in un pannello a sé stante.
   Il vostro antagonista porta il nome de “IL FREDDO” ed è la macchina. Ma non spaventatevi perché le insidie che ho studiato colpiranno inesorabilmente anche lui, e sarà parimenti tassato! Ad ogni mossa ridondante, ad ogni pezzo ruotato senza che ve ne fosse la necessità, a lui come a voi, verrà appioppato un secondo di penalità che inciderà sul verdetto finale, mai scontato.
   Molto scherzosamente e in via goliardica, al perdente verrà appioppato il titolo emerito di “Pollo” !

Funzioni diverse attualmente già in essere:

  • Un sistema per la richiesta di “aiutini” laddove, in dirittura d’arrivo, si andasse nel “panico” e non si riuscissero a scorgere gli ultimi pezzi ancora da ruotare correttamente.
  • La possibilità di scegliere tra tre livelli di gioco: BASE, MEDIO e SMART (il computer in quest'ultimo livello di difficoltà sarà un vero osso duro, a portata di pochi allenatissimi portatori sani di grossa dote!;-)
  • La possibilità di scegliere tra il rotopuzzle 25 (venticinque pezzi) e il rotopuzzle 100 (cento pezzi). Per iniziare può andar bene prendere dimestichezza con il puzzle più semplice, quello con soli 25 pezzi. Tuttavia, vi consiglio vivamente di passare il prima possibile al rotopuzzle da 100 pezzi… Perché è lì che ci si diverte davvero e si mantiene arzilla la mente.
  • Introduzione di un filtro custom “Qualità B-modified (effetto dipinto)”.
    Questa modalità è stata sviluppata e mantenuta perché produce rotopuzzle con una sorta di effetto simile ad un dipinto, enfatizzando le sfumature di colore e rendendo leggermente più complessa la ricerca della giusta rotazione dei pezzi, soprattutto nelle immagini che presentano tonalità scure. E' qui che la concentrazione entra in gioco e la capacità di osservazione tende ad acuirsi, affrontando la ricerca di continuità nel disegno e nelle sfumature in pezzi adiacenti.

   Altro non voglio dirvi perché, come constaterete da soli, è più semplice giocarci che narrarne gesta ed equipaggiamento. In ogni modo, chi fosse assalito dalla voglia di leggere e saperne davvero di più, può far riferimento al manuale,
al sito ufficiale tutt'ora in corso d'opera [www.rotopuzzle.altervista.org],
e a me.



ESEMPI DI PARTITE-ANTISTRESS REALMENTE GIOCATE A RoToPuzZle 2015

   Nell'immagine sottostante ho giocato e vinto una partita a rotopuzzle 25 (venticinque pezzi, molto semplice, soprattutto nel livello base). La bellezza sta nel soggetto della foto trasformata. Due magnifici cuccioli miei (A)micheTTi: Il tenero e discolo Grisù dalla bandana variopinta (non visibile in questa foto) e la paziente e bellissima Sandy.



Il piccolo tenero discolo Grisù e la bellissima e paziente Sandy!

 

   Nell'immagine di cui sotto, invece, notiamo un caso davvero raro: Io e IL FREDDO, abbiamo fatto (apparentemente) lo stesso tempo!  La vittoria però è stata assegnata al computer e non a me. Questo perché, probabilmente, ai millesimi (conteggiati, ma non palesati a video) sia risultato essere di un soffio più lesto del sottoscritto.

 

rotopuzzle 100, partita persa, ma con lo stesso tempo del computer

 

 

   Mi congedo augurandovi una buona settimana con l'auspicio che vi divertiate ad usarlo perlomeno la metà di quanto io mi sia divertito a scriverlo.

Felice RoT
oPuzZle a tut
ti!

 

 

Massimiliano   Also Known As   L'uomo dei difetti.

[Post Scriptum]

   Trattandosi di un file eseguibile, se scaricandolo o installandolo doveste riscontrare finestre di avvertimento dell'antivirus o del S.O. (in quanto a loro sconosciuto perché NUOVISSIMO, pubblicato ieri per la prima volta), non preoccupatevi, il file è stato testato con due antivirus diversi.
   In meno di un minuto sarete già pronti per la prima partita!

 
 
 

IL PRESCELTO (scena 1 e nuova scena 2)

Post n°181 pubblicato il 12 Febbraio 2015 da Massimiliano_UdD
 

Keanu Reeves (attore)

 

Volevo solo che lei mi notasse... 
   E mi guardò.
Fece per sorridere. Pareva impacciata. Ringraziai Dio per il dono di quell'istante. Non l'avevo mai veduta così. Forse non l'avrei neanche più veduta così. La notte non mi riusciva di sognarla, e allora passavo il tempo migliore ad immaginarla. E sorridevo. Perché lei, sorrideva.
Una donna capace ancora di arrossire e poi ingenua, disperdere lo sguardo stringendosi nelle spalle, emozionata. 
   Giocavo con gli occhiali, e non lo facevo mai. Mi riconoscevo a stento. Magari quello non ero neanche io. Eppure quelle sensazioni erano le mie, eccome. Certe vibrazioni non si raccontano. Non le puoi raccontare. Non le devi raccontare. Rischieresti di rendere felice la persona sbagliata, e allora, le avresti sciupate.
E se anche quell'emorragia di turbamenti giacché trepidanti fosse appartenuta ad altro uomo,  allora io vi giuro: Invidio quell'uomo.
Io in-vi-dio, quell'uomo!
E mai taluno, invidiar talaltro, mi sorprese.
Né uomo.
Né donna.
Né terra.
   M'avevano scassinato il cuore.
Il mio poi, figuriamoci!  
Pensai.
Blindato a tripla mandata dalle mie stesse voglie, dal mio stesso, solito, magistrale, conflitto di sempre: "L'uomo ardente, malizioso Vs L'uomo perbene, solido".
Troppo malizioso. Troppo perbene.
Uno scontro al vertice.
La felicità, il premio.
Una miscela che non conosce sfumature. Null'altro che il (V)ero, tra le pieghe del verosimile.
Mai alzato la coppa, io.
  Scesi i Rayban che tenevo inforcati sulla testa. Dietro le lenti scure gli occhi seguivano ogni suo palpito. Mi sentivo assurdamente legato al più inconsapevole dei suoi fremiti, come se a sua insaputa, essi già m'appartenessero. Come se al di là della sua muta impenetrabile ella non desiderasse altro che essere protetta. Aver fatto a pugni mille volte con la vita solo per arrivare a sedere in quel bar, a quel tavolino, in quel giorno. Allora tutto avrebbe avuto un senso. Finalmente libera di abbandonarsi al piacere di abbassare la guardia. Di non pensare più al devo, ma al dobbiamo.
Ed io ero il prescelto.
   Diede d
ue colpetti con la mano al pantalone del tailleur come per liberarsi dalle briciole di quel pasto frugale indugiatele addosso. Tutto quel bianco cominciava a darmi alla testa. Me la toccai. Seppi così che ancora ne avevo una. Sulle spalle poggiava, perlomeno.
   D'un tratto, repentina, s'alzò.
Trasse a sé la borsa che sormontava lo sgabello al suo fianco. Un grande borsone di uno strano grigio, slavato, non uniforme, in pelle. Spaventosamente, grande!  Ne percepivo quasi la pesantezza mentre mi stuzzicavo con l'idea di quante e quali fossero le cose che ella potesse tenerci dentro. 
Cosa avrei dato per poter sbirciare lì dentro, nel suo mondo più intimo che già bramavo...
   Tirò su la cerniera, e serafica, come se null'altro che lei avesse mai aleggiato in quella sala, dandomi le spalle,  s'avviò alla cassa.
Il corpo era vestito come un guanto.
Figurava come stretto in una morsa, soffice e sinuosa. Una stretta che gaia ne arginava gli umori. E che avida, l’odor tratteneva.


   << Scusi, questo posto è occupato ? >>, mi domandò, sorridendo, la moretta che al mio arrivo sedeva al bancone. Avrà avuto non più di venticinque anni.
Com'era ?
Non saprei proprio dirlo.
La sua figura intercettò il mio sguardo un paio di volte. Non una, la osservai.
  << Libero, liberissimo. Stavo giusto andando via... >>, sorridendole di rimando, le risposi.
   Balzai in piedi.
Feci un lungo respiro e mi diressi anch'io verso la cassa.
Presto avrei scoperto se la determinazione nel libero arbitrio avesse ragion d'essere. Se fosse stato davvero possibile scrivere il proprio destino. 
Ed io il mio...

 

 

IL PRESCELTO


 

   Era quasi un anno che bazzicavo il bar “da Franco”.
A quel tempo facevo il consulente per una società di telecomunicazioni che aveva gli uffici operativi a pochi passi dal bar, sulla stessa via, ma dall’altro lato della strada; un autorevole palazzone di cemento e vetro di ventidue piani.
Mi ci affacciavo un paio di volte al giorno, un salto di primo mattino per il marocchino di rito e durante la pausa pranzo, con più calma.

   Quella mattina, alla cassa c’era il roscio. Il figlio minore di Franco, il titolare.
Frequentando l’esercizio per cinque giorni la settimana avevo imparato a conoscere anche gli altri due figli di Franco, anzi, con il maggiore, Lorenzo, era nata anche una sorta di amicizia suggellata dalla passione che condividevamo per la musica, e per i Genesis, in particolare.

   Fui io ad attaccare bottone quando un Lunedì qualunque di una settimana qualunque, scocciato lui e assonnato io, lo vidi estrarre dal Technics di fianco all’angolo tabacchi, il cd di Baglioni appartenente al roscio fratellino per perorare la causa dei ben più di nicchia Genesis. Sgranati gli occhi al primo attacco di Peter Gabriel, mi schizzò fuori un << Grandissimi! >>, e schizzò fuori a briglie sciolte, così sciolte che tutti si voltarono. Si voltarono anche i vecchi che giocavano alla passatella già alle due del pomeriggio.
   Di lì a poco il mio telefonino prese a vibrare e lo fece ripetutamente, erano i miei colleghi che dandomi per disperso mi richiamavano al dovere dalla pausa pranzo. Ed effettivamente in ufficio ci tornai, ma non prima d'aver fatto ritorno al tavolino e alla mia sedia, aver disteso le gambe incrociandole e goduto con occhi chiusi e sognanti, tutti i 22 minuti e 58 secondi di Supper’s ready.

   La mia dea in tailleur seguiva pedissequamente il flusso di gente coi portafogli in mano che lento s’andava dipanando alla cassa. Un ingorgo che solo le notorie capacità del piccolo roscio sapevano come forgiare. Era un mago in questo. In qualsiasi altro frangente, il rimanere vittima della sua flemma patologica mi avrebbe dato ai nervi, ma in quel giorno, forse, giocava addirittura a mio favore.
   Tirai fuori dalla tasca della giacca il mio cellulare e avviai una chiamata che dopo due squilli, come da copione, mi venne negata.

E fu allora che ruppi gli indugi.
   Partii sparato verso la faccia del roscio che spuntava al di là del bancone e scorrendo con lo sguardo la fila che avevo appena abbandonato alla mia sinistra, con la desolazione in volto, esordii con fermezza:
   << Domando perdono. E’ di qualcuno la Classe A bianca con il pupazzetto rosa appeso allo specchietto che è parcheggiata qui davanti ? >>
   Qualche timido “no” prese a liberarsi nell’aria, ma prontamente ricacciati al mittente da una voce aggraziata che fino a quell’istante avevo udito solo nella mia mente, nei miei sogni, e che emozionato attendevo si materializzasse alle mie orecchie, a conferma che, finalmente, i nostri due mondi l’uno all’altra oscuri, s’erano toccati. Ormai non potevo più tirarmi indietro. Sapevo di dover essere incisivo, preciso, fermo, di dover mettere da parte la mia emotività o essa m’avrebbe affondato. Ormai non era più solo una percezione. Persuaso che come al giorno sarebbe seguita la notte e alla notte il giorno, avevo cognizione che quella sarebbe stata la mia vera, ultima occasione.
   << E’ la mia. Mi scusi, la sposto subito. Il tempo di pagare ed esco. >>
   Non le lasciai il tempo di infilare la mano nel borsone grigio che, con espressione davvero dispiaciuta, la incalzai mentre mi avvicinavo tanto da poterle scorgere il taglio degli occhi dietro i suoi coconuda da diva:
   << No, no, non è questo. L’ho urtata per sbaglio. >>, le parlavo osservando ogni movimento della faccia che nel frattempo non s’era affatto indurita, << Stavo facendo marcia indietro e per sbaglio ho impattato contro il paraurti posteriore. Niente di grave stia tranquilla, solo qualche graffio. Se viene, le faccio vedere... >>
Titubò un momento, poi acconsentì.
   << Okay, un attimo che pago. >>
   << Mi permetta di offrirle il pranzo o quel che sia,  mi sento in colpa. >>, ribattei, alzando il palmo di una mano a mezz’aria come a dire “no, si fermi”.
<< La ringrazio, ma non se ne parla nemmeno. >>
<< Insisto. >>, iniziai con voce autorevole, << La prego... Mi assecondi, sono già fin troppo mortificato per l’accaduto. >>, poi presi a mordicchiarmi il labbro inferiore, me ne accorsi solo quando si sfilò gli occhiali e agitando i capelli come una leonessa mi indirizzò un sorriso spaesato.
Fino a quel momento il piano sembrava filare liscio.
Pagai il roscio, e uscimmo.

   Archiviati i piovaschi del mattino, adesso, il sole splendeva alto.
Nel percorrere i pochi metri che ci dividevano dalla sua auto nessuno dei due fiatò, io avanti e lei alle mie spalle; fin quando non mi lasciai  superare e mi accesi una chesterfield. La guardavo, e mentre lo facevo, mi lisciavo con una mano la bocca e il mento, in attesa che fiatasse.
   Si piegò per osservare meglio il suo paraurti posteriore, ci fece scorrere le dita sopra, si prese un paio di minuti buoni prima di riferirmi sbalordita ciò che già sapevo:
   << Ma, io non vedo alcun graffio e poi la sua auto sarà a due metri! >>.
   << Oh, che sbadato! Allora, forse, è il paraurti davanti quello graffiato… >>, le dissi, tentando di rimanere nella parte, e sobrio.
   Si catapultò davanti. Qualcosa di nuovo effettivamente c’era, ma anche stavolta, non di graffi né di abrasioni si trattava.
   La vedo fissare il cofano come imbambolata in una posa plastica.
   Indietreggia e torna sul marciapiede. Un tremolio delle labbra, e la testa, sguardo a terra, prende a ruotare verso di me, lentamente, quasi a scatti di ripensamento intermittente, come di chi sa di dover arrivare in qualche posto, ma che questo avvenga il più tardi possibile.
   Adesso, i suoi occhi incontrano i miei. Si prendono, si lasciano, errano, tornano, errano ancora e rincasano, perché è il turno della bocca.
   << Cos’è… Uno scherzo ? >>, mi disse con un tono della voce che non lasciava adito a male interpretazioni. M’appariva seria, forse addirittura scocciata.
   Non ero uno sprovveduto. Non lo sono mai stato. Avevo programmato quel momento. Dalle dinamiche d’improvvisazione alla cassa, al più morigerato bacio di gratitudine. Non avevo trascurato neanche i piani di riserva, ben due. Certo, nel conto c’era finito pure il rifiuto più sonoro, ma quel senso di irritazione nella voce e nelle movenze, no, quelle non me le aspettavo proprio. E allora, mi piegai alla piega che quella contingenza, a metà tra il brucior di pelle e il surreale, aveva preso.
   << No, non è uno scherzo. Sono rose e sono sette. Sette, come i giorni che ti vedono nella mia vita. E sono per te. >>,dritto come un treno, le dissi.
   << Ma se non mi conosci nemmeno! >>, esclamò con un tono ancora diverso e tutt’altro che distaccato, tanto da apparirmi combattuta.
   << Appunto, i fiori erano per conoscerti. E’ una settimana che ti vedo al bar ed è una settimana che non so come smettere di pensare a te. E’ assurdo, lo so, ma è la prima volta che sento quello che sento. Ti vorrei nella mia vita perché tu sia la mia vita. >>, mi resi conto d’esser partito per la tangente, ma era quello che sentivo. Anzi, non era neanche un decimo di quello che sentivo.
   Sembrava quasi impaurita. Un fascio di luce le colpiva il viso da un sol lato illuminandole il profilo fin sotto il seno, intiepidendolo. I capelli splendevano. Non so cosa avrei dato per affondare il viso in quei riccioli e respirarne il profumo. Di tanto in tanto un bagliore le colpiva gli occhi e la costringeva ad assumere svariate pose innaturali e tutto sommato divertenti. Era decisamente un bel vedere.
E’ proprio vero, “il sole bacia i belli”, pensai. E subito mi venne da sorridere.
   << Ma che te ridi !? >>, mi disse lei in romano.
   Per chiunque, forse, non avrebbe significato nulla. Ma in quel “ma che te ridi ?”, io ci leggevo feeling, ci leggevo la rottura di quel ghiaccio che avevo veduto temprarsi sotto i miei occhi. Si, sarò anche un visionario, ma ad un certo punto mi convinsi m’avesse addirittura ammiccato.
   Tanto io quanto lei non potevamo rimanere lì in eterno, da qualche parte c’era un lavoro che ci aspettava entrambi. Presi forza e mi approssimai a lei.
   Avvicinai le mie mani alle sue e provai a prenderle mentre le osservavo tremolanti al mio sfiorarle. Si fecero toccare senza resistermi. Erano candide e gelide. Alzai la testa posando il mio sguardo sul suo viso. Gli occhi cerulei e truccati già mi studiavano, le labbra avevano un colore naturale, del belletto non v’era traccia, eppure rilucevano e così gli zigomi. Se fossi rimasto ancora pochi istanti così l’avrei baciata o perlomeno avrei accostato la mia guancia di traverso alla sua e chiudendo gli occhi, l’avrei respirata.
   << Fammi entrare nella tua vita. >>, le sussurro, massaggiandole i polpastrelli delle mani, << Se solo hai il dubbio che io non ti sia indifferente, dammi la possibilità di conoscerti davvero. Senza fretta. Devi solo volerlo e per il resto, abbiamo tutta la vita. Se invece non vuoi, col deserto nel cuore, sparisco. Non mi vedrai più qui, cambierò bar così non ti sentirai a disagio incrociando il mio sguardo, sarà come se io non fossi esistito. Non devi dirmi nulla adesso. Promettimi solo che ci penserai. Io so che tu vieni a pranzo fino al Venerdì, il Sabato non lavori e quindi non vieni al bar. Ecco, io da domani fino a Venerdì non verrò di proposito. Verrò invece Sabato perché so che il Sabato tu non ci sei. Ma se invece, stavolta, tu dovessi venire… Per me sarebbe il tuo si ed io l’uomo più felice del mondo. Se al contrario Sabato non ti  vedessi entrare, sarà anche quella una risposta e allora non temere, non mi vedrai mai più. >>, conclusi, e le liberai le mani dalla stretta cagionata dalle mie.
   Silenzio. Un silenzio assordante che venne rotto solo dall’inaspettato. Le sue lacrime. Gli occhioni presero a riempirsi, mi si avvicinò al petto accostandovi il volto, percepii le sue stille bagnare la mia pelle attraverso la camicia e mi venne spontaneo di abbracciarla. Non lo so, forse fu colpa mia, forse la strinsi con troppa verve che con un gesto di stizza mi scostò di colpo: << Scusami, non posso, io non posso… >>, mi gridò contro, mentre correva alla macchina. Rimasi così, senza fiato e senza piani, così, ad osservarla entrare nella Mercedes con le lacrime che copiose scendevano sul mascara e partire a razzo verso chissà dove, verso chissà chi, e con le mie sette rose rosse sul cofano.


 

M.
(L'uomo dei difetti)

 
 
 
Successivi »
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Massimiliano_UdD
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 41
Prov: RM
 

LA MIA PICCOLA LUCE: L'ULTIMO VIAGGIO.

 La mia piccola Luce, 25 Agosto 2014


 Ciao piccola Luce,


ti scrivo queste poche righe perché… Ne ho bisogno.
Perché piangere davanti a questo schermo fa meno male che fissando il soffitto. Perché se sto qui mi tengo lontano dai balconi e dalle finestre che danno sul grande campo incolto sottocasa.
   E ti vedo scodinzolare lì in mezzo, felice, perché sapevi che non appena a casa ti avrebbe aspettato lo stecchino al salmone che adoravi. Come ogni mattima, come ogni sera. Come ieri mattina. Come mai più.
   In ufficio dormivi sempre. Tuttavia, bastava il minimo rumore perché tu abbaiassi a chiunque e non solo agli sconosciuti, come a voler per dire:
    << Anche questa è casa mia! >>, poi tornavi a ronfare sul tuo cuscinone, e sembravi una regina. Anzi: Eri la regina. E lo sarai sempre perché il vuoto che oggi m’appartiene non l’avevo messo in conto. 
  
Pensavo che dopo aver provato la più terribile delle perdite, il dolore per aver perduto un animale fosse qualcosa di gran lunga meno intenso, di blando addirittura.
E invece…
   Sono i ricordi a rendere lancinante un fendente o a far sì che certi lucciconi narrino gioia anziché dolore.
   Sei stata la prova che l’(A)more incondizionato, esiste. E che prima di averti io ero uno stolto e non capivo l’amore degli altri per gli animali e non capivo neanche perché talvolta piangessero, si disperassero, vedendoli star male. Tante cose non capivo.
Io ero cieco. Ma oggi vedo.

 

 
So che ti ritroverò un giorno.

Massimiliano 

 

AL VENTUR LERCIUME...


T
alvolta
 getti l'ancora e ti soffermi a riflettere sulle vicissitudini della vita, anche le meno tangibili...
Talvolta ti fai un'idea di una persona già il primo giorno, e dentro di te vorresti fosse sbagliata...
Tenterà di convincerti di essere diversa da come tu la vedi... E provi a crederle...
E' anche giusto farlo.

Tuttavia, a ogni piè, capita, fosse anche dall'imposta più tetra,  che la nuda verità s'affacci spavalda ad illuminar ragione... 

E ti rendi effettivamente conto di chi hai avuto davanti.
Però, stavolta, ironia della sorte, la delusione sarà tutt'altro che longeva, non ne rimarrai stupito...
In fin dei conti, lo sapevi già.
 

M.
(L'uomo dei difetti...)
 

[Post Scriptum]
Per i graditi ospiti al mio umile desco, ho sintetizzato, in un aforisma a mo' di promemoria, crudo e non meno illuminante, la digressione di cui sopra.
"Al ventur lerciume l'uomo fu forgiato da quel senno,  che poi,  fu il (P)rimo."

 

DALL'ALTO VEDI IL MONDO, DAL BASSO VEDI IL TUO.

Dal basso vedi il tuo, di mondo.

Ho sempre sceso le scale di corsa.
Le ho sempre viste come l'ostacolo ultimo tra me, i miei affetti, e la strada.
Un ostacolo blando. Un  connettivo pervio, da lasciarsi alla spalle il prima possibile.   E con la frenesia di chi,  alla stazione,  è sempre in ritardo.

Ma... Stamane no.
Ho percorso i gradini con la velocità dell'uomo, che dalla strada, non s'aspetta nulla di buono. 
E per questo la rimanda.
E per la prima volta ho ricavato del tempo da dedicare alla riflessione anche nell'unico luogo che da sempre avevo destinato al transito, alla zona franca, al canticchiar senza pretese.
Dall'alto vedi tante cose, ed io non lo nego.
Tuttavia, ciò che realmente vedi, è il mucchio.
Non riesci ad apprezzarne le differenze, a coglierne i dettagli.
E' dal basso che vedi ciò che accade intorno e ti rendi davvero conto della piccola grande verità.
Quando tu stai fermo, qualsiasi sia il tuo stato d'animo, il mondo intorno a te, si muove.
C'è chi non ti pensa proprio... E va veloce.
C'è chi apparentemente ti vuole bene... Eppur si muove.
In fin dei conti, quello che ha scelto di star fermo, sei tu.
Quando ti senti solo, sei solo.
Quando hai il minimo dubbio,  allora, non ci sono più dubbi.


M.
(L'uomo dei difetti...)