Community
 
valledelced...
   
 
Blog
Un blog creato da valledelcedrino il 27/08/2008

Valle del Cedrino

Le comunità di Galtellì, Irgoli, Loculi, Onifai e Orosei, si impongano per l'altezza delle idee e la dignità dell'espressione, affinchè siano in grado di vedere al dì là dei propri confini.

 
 

 


Gruppo d'Intervento Giuridico


 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: valledelcedrino
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 39
Prov: NU
 

 

 
La Baronia è rappresentata alla cronache dai media nazionali e regionali. Siamo raffigurati giornalmente da stimati corrispondenti de L’Unione Sarda e La Nuova Sardegna. Pertanto questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le recessioni giornalistiche inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet e dai quotidiani, qualora la loro pubblicazione violasse i diritti d'autore, previa segnalazione, verranno rimosse. Queste testate giornalistiche assumono una posizione di netto privilegio rispetto alle altre forme di manifestazione del pensiero, raccontando e interpretando una loro versione dei fatti, ed ecco perché il diritto alla critica costruttiva la aspettiamo, la pretendiamo dagli utilizzatori di questo libero spazio mediatico, NON sono io che devo convincere all’ennesima verità, siete voi fruitori di questo angolo mediatico che rappresentandovi, aiutate la Nostra comunità, unendoci per abbattere gli ostacoli ideologici e campanilistici che ancora ci separano e non ci portano da nessuna parte. Con sincero rispetto, Vi auguro serenità.
 

 

SERENIT└ E PACE

Ci sono stati uomini che hanno scritto pagine Appunti di una vita dal valore inestimabile Insostituibili perché hanno denunciato il più corrotto dei sistemi troppo spesso ignorato Uomini o angeli mandati sulla terra per combattere una guerra di faide e di famiglie sparse come tante biglie su un isola di sangue che fra tante meraviglie fra limoni e fra conchiglie... massacra figli e figlie di una generazione costretta a non guardare a parlare a bassa voce a spegnere la luce a commentare in pace ogni pallottola nell'aria ogni cadavere in un fosso Ci sono stati uomini che passo dopo passo hanno lasciato un segno con coraggio e con impegno con dedizione contro un'istituzione organizzata cosa nostra... cosa vostra... cos'è vostro? è nostra... la libertà di dire che gli occhi sono fatti per guardare La bocca per parlare le orecchie ascoltano...Non solo musica non solo musica La testa si gira e aggiusta la mira ragiona A volte condanna a volte perdona Semplicemente Pensa prima di sparare Pensa prima di dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Ci sono stati uomini che sono morti giovani Ma consapevoli che le loro idee Sarebbero rimaste nei secoli come parole iperbole Intatte e reali come piccoli miracoli Idee di uguaglianza idee di educazione Contro ogni uomo che eserciti oppressione Contro ogni suo simile contro chi è più debole Contro chi sotterra la coscienza nel cemento Pensa prima di sparare Pensa prima di dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Ci sono stati uomini che hanno continuato Nonostante intorno fosse [tutto bruciato Perché in fondo questa vita non ha significato Se hai paura di una bomba o di un fucile puntato Gli uomini passano e passa una canzone Ma nessuno potrà fermare mai la convinzione Che la giustizia no... non è solo un'illusione Pensa prima di sparare Pensa prima dì dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Pensa.

canzone di Fabrizio Moro

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Galtellý, una mostra postuma per ricordare Antonello Pirisi

Post n°10585 pubblicato il 25 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 25 luglio 2014


Proprio oggi Antonello Pirisi avrebbe compiuto 50 anni. Un destino crudele invece, 11 anni fa, se lo portò via. Ma i suoi paesani non l'hanno mai dimenticato, nè per la sua innata vena artistica nè per la sua figura di giovane ben voluto da tutti. Per  celebrare il ricordo di questo sfortunato concittadino, stasera alle 20 presso la struttura Domo Nostra, in località Fenuti di proprietà del fratello di Antonello Zizzu Pirisi (anche lui noto e apprezzato artista galtellinese) l'amministrazione comunale in collaborazione con la costituenda associazione culturale Azovios inaugura una mostra di opere d'arte del giovane pittore deceduto. Antonello Pirisi fu maestro dell'aerografia ma non solo. Le sue opere, che resteranno esposte nella struttura espositiva Domo Nostra, dimostrano infatti la sua particolare e sensibile vocazione per l'arte e per i valori umani. Concettualità che trasudano da suoi disegni, dalle sue matite o ai suoi oli. «Antonello Pirisi è un esempio da imitare per i nostri giovani di talento - dice il sindaco Giovanni Santo Porcu – Un esempio sia come artista che come percorso di crescita culturale e morale». La comunità, i familiari, gli amici, lo ricorderanno oggi alle 20 presenziando all'inaugurazione della mostra postuma delle sue opere. Un evento al quale tutta la popolazione è invitata a partecipare e che sarà l'occasione giusta non solo per ricordare un concittadino scomparso troppo presto ma anche per celebrare il talento di un grande artista.

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Irgoli e Onifai. Millecinquecento euro in palio per i neo diplomati

Post n°10584 pubblicato il 25 Luglio 2014 da valledelcedrino

da L’UNIONE SARDA di lunedì venerdì 25 luglio 2014


Generosità e mecenatismo. Capita a Irgoli e Onifai dove un benefattore ha bandito una borsa di studio riservata ai diplomati nell'anno scolastico che si è appena concluso. Le somme che saranno garantite ai vincitori sono di quelle che a un neodiplomato possono fare comodo: cinquecento euro al primo classificato, 300 al secondo, 200 al terzo a fronte di una composizione libera sul tema “Repubblica di Sardegna, un futuro di sovranità e indipendentismo nel panorama geopolitico odierno”. Per concorrere alla borsa di studio c'è ancora qualche giorno di tempo. Gli elaborati possono essere consegnati a Irgoli ai bar Tino Monne, Corrado Floris e Teseo Monne. A Onifai all'edicola delle sorelle Carta. La scadenza per la presentazione dei lavori è fissata al 30 luglio, le composizioni dovranno essere consegnate in busta chiusa e il nome del candidato dovrà essere riportato non sui fogli recanti il tema ma solo sull'involucro esterno per garantire la completa anonimia.

Francesca  Gungui

 

 
 
 

OROSEI. Poliambulatorio chiuso per festa

Post n°10583 pubblicato il 25 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 25 luglio 2014


La direzione del Distretto sanitario di Siniscola comunica che oggi, in occasione della festa di san Giacomo maggiore patrono di Orosei, il poliambulatorio rimarrà chiuso così come tutti gli altri servizi.

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

28.07.2014 LUNEDý ORE 21:30 A OROSEI, CASASODDU OSPITA SANDRA DAVIS LAKEMAN

Post n°10582 pubblicato il 24 Luglio 2014 da valledelcedrino

 

preparation for NEWS ARTICLES

28 luglio a CasaSoddu Orosei

Sandra Davis Lakeman
Sardegna, the Spirit of an Ancient Island
The Art and Architecture of the Pre-Nuragic and Nuragic Cultures

Un incipit all’americana esordirebbe con questo slogan: “Non troverete un altro libro come questo sugli scaffali delle librerie”.
L'arte e l'architettura delle culture Pre-nuragiche e Nuragiche sono state fotografate con sottile maestria e questa pubblicazione ne contiene sia tutti gli esempi dell’arte, dal bronzo alla ceramica ed alla pietra, sia tutti i vari esempi dell'architettura: il Nuraghe, le fontane e i pozzi sacri, le forme d'arte per la funeraria e i luoghi del rituale.  Il libro e la relativa mostra sono organizzati in queste sezioni ed il Centro Giovanni Lilliu di Barumini, che la ospita, sarà aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00 fino al 30 agosto 2014.

1   Il libro è stato concepito nel 2000 con l'idea di aiutare la Sardegna ad informare dei suoi meravigliosi tesori archeologici quanti vivono fuori di essa. L’intento era di realizzare immagini in grado di incoraggiare i viaggiatori a visitare l'isola per vedere i siti di persona, fornendo così un aiuto non solo alla divulgazione culturale ma anche allo sviluppo economico.

2   La Cultura Occidentale, e di conseguenza gli Archeologi, si sono tradizionalmente basati e concentrati sui resti della classicità greca del Mediterraneo e non sull'organico sviluppo dal pre-nuragico al nuragico. 

3   Il paesaggio dell'isola, l’inseparabile unione del suo mare e della sua terra, non può essere superato da qualsiasi altra area del Mediterraneo per la sua bellezza, per l’impatto della cultura locale e per i suoi resti archeologici.

4   Il Megalitismo, la più antica forma di architettura sacra, è rappresentato al suo meglio nelle culture neolitiche Pre-nuragica e Nuragica dell'età del bronzo [coprendo un periodo che va presumibilmente dal 6.000 ca. al 238 A.C.].

5   Il clima sardo di inverni freddi ed estati asciutte è tipico del Mediterraneo, tuttavia la vita è come era la terraferma decenni fa. È stato detto che un viaggiatore può esperire di vivere nel passato, dato che la Sardegna è una "società al di fuori di ogni tempo" [Mattone] e rinvia suggestivamente ad un lontano passato.

6   Questa fotografia è un eccezionale tentativo di esprimere ciò che cercano gli archeologi, "l'immateriale" delle civiltà del passato, i sistemi di credenze e la struttura del loro ethos, la morale e l’etica.  Per studiare la “coscienza umana”, specialmente religione e credenze, come si può colmare il divario tra il materiale e l'immateriale con i soli resti di artefatti, architettura, cocci e cibo?

Questa fotografia mostra i siti archeologici con la luce naturale, interpretandoli come erano migliaia di anni fa in modo che, in sostanza, i siti sono rappresentati come erano all’epoca in cui vivevano i Nuragici, e i manufatti artistici sono circondati da colore e luce per renderli vivi.

L’Architettura era tanto ambientazione per i rituali mitici e mistici di sciamani, o medium spirituali, che collegavano il mondo materiale ai regni spirituali con poesia, musica e danza, quanto datrice [L. Kahn] di quegli ambienti evocativi che sviluppavano un ordine sacro della cultura.

Questa fotografia è un tentativo di prolungare la vita dei Nuragici, dato che "una società dura molto più a lungo della vita dei suoi singoli membri". [Brian Fagan]

Questa fotografia potrebbe costituire un nuovo modo di interpretare il passato come l'uso della Luce Naturale, in un certo senso, esprime lo spirito dei Nuragici, il popolo nuragico. Cattura certamente il loro credo nel costruire in sensibilità e simbiosi all'interno della natura.

7   Citazione dal libro:

Nel complesso la coesione, la chiarezza e la maturità dell'arte e della progettazione architettonica sono emblematici di una comune cultura operosa, formalizzata e attiva, in cui le qualità estetiche sono state valutate sinonimo di procreazione, di riparo e di sopravvivenza. 

8   La pubblicazione è frutto di 15 anni di lavoro con 8 viaggi in Sardegna. E’ stata anche sovvenzionata nel 2000 dalla Graham Foundation for Advanced Studies in Fine Arts, Chicago, Illinois, Stati Uniti.

Sandra Lakeman

Emeritius Professor of Archtiecture

sandralakeman@gmail.com

39-345-870-1630

Centro Giovannin Lilliu, Barumini: Open 10:00 - 20:00/ 7 Giugno-30 Agosto

 
 
 

OROSEI. Sprechi e delibere comunali, primo confronto tra le parti

Post n°10581 pubblicato il 24 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di giovedì 24 luglio 2014


Parlare di risoluzione del caso è sicuramente prematuro, ma di disgelo tra le parti si può. Ieri mattina in Comune, dopo l'incontro di una settimana fa in Prefettura, che era servito per "raffreddare il conflitto" c'è stato il primo confronto tra gli amministratori locali, il nucleo di valutazione, le segreterie provinciali dei sindacati della funzione pubblica, e le Rsu dei dipendenti comunali. Un incontro chiesto dalle rappresentanze sindacali dei dipendenti comunali dopo che la giunta aveva adottato due distinte delibere contro gli sprechi della pubblica amministrazione cancellando i buoni pasto e affidando ad una ditta esterna il compito di valutare il reddito accessorio spettante ai dipendenti in base al merito e alla produttività. E i primi chiarimenti ci sarebbero stati, specie nel merito dei due provvedimenti adottati dall'esecutivo oroseino con gli amministratori (sindaco Franco Mula in testa) che hanno spiegato come non si tratti di provvedimenti "punitivi" nei confronti di nessuno ma solo di una dovuta e inderogabile applicazione di meritocrazia. Nei dettagli peraltro ancora non sì è entrati, se non nel garantire che il salario accessorio dovuto per turnazioni, o indennità maturato sino a questi mesi dai dipendenti verrà liquidato al più presto. Sul piano strettamente prosaico però, ad incominciare dal ripristino dei buoni pasto e del futuro computo degli stipendi dei dipendenti e delle indennità di carica dei funzionari, nulla è stato ancora deciso. Occorrerà infatti attendere i risultati del nucleo di valutazione, per prendere le opportune decisioni. Il tutto comunque è rimandato a breve (prima delle ferie), quando le parti si incontreranno nuovamente e si potrà cominciare a parlare di "soldi veri". La vertenza insomma è solo all'inizio ma l'importante è che si sia iniziato un percorso di dialogo sperando che questo tenda realmente ad ottimizzare il servizio della pubblica amministrazione ed a gratificare giustamente il dipendente meritevole.

di Angelo Fontanesi

 
 
 

Galtellý, mostra di pittura. In ricordo di Pirisi

Post n°10580 pubblicato il 24 Luglio 2014 da valledelcedrino

da L’UNIONE SARDA di lunedì giovedì 24 luglio 2014

A 50 anni dalla sua nascita, undici dalla prematura scomparsa, l'amministrazione comunale con l'associazione culturale Azovios, organizza un'esposizione di opere di Antonello Pirisi, maestro dell'aerografia. Sarà inaugurata domani alle 20 giardino di Zizzu Pirisi, località Finutti.

(fr. gu.)

 
 
 

OROSEI. Il caso usi civici e Puc in Consiglio

Post n°10579 pubblicato il 23 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di mercoledì 23 luglio 2014


La riunione del 28 servirà a fare chiarezza sulla storica vicenda

"Dove non piove nevica". Così verrebbe da commentare dopo le ultime vicissitudini che stanno mettendo alla frusta l'amministrazione comunale con problematiche spesso collegate tra loro. Come quelle della "semi bocciatura" del Puc da parte della Regione e il caso dei terreni gravati da uso civico. Una delle numerose osservazioni sollevate al Puc di Orosei dalla direzione dell'assessorato regionale Enti locali e Urbanistica recita infatti che «dalla cartografia presentata non si comprende quali siano le aree interessate dagli usci civici, nè le normative dì riferimento». E qui le problematiche si accavallano. Perchè stante lo stato dell'arte sarebbero circa 1300 gli ettari gravati da uso civico spalmati soprattutto nel comprensorio di Cala Liberotto. Un accertamento contro il quale il Comune ha presentato ricorso presso il commissario straordinario dichiarando di non aver mai avuto un metro quadro di terreno interessato dal vincolo. Ricorso tutt'ora pendente ma di fatto in stand by dopo che lo stesso Comune, sfruttando l'opportunità prevista dalla nuova legge regionale sugli usi civici, aveva presentato all'esame dell'esecutivo regionale un proprio accertamento dove aveva individuato i terreni gravati dal vincolo, chiedendone o la sclassificazione o lo spostamento. Nonostante sia stata ideata e quindi approvata praticamente all'unanimità dal precedente consiglio regionale, su questa legge sembra però essere calata una sorta di "maledizione". Lo scorso 31 marzo infatti sono scaduti i termini entro i quali la giunta regionale avrebbe dovuto approvare o bocciare gli accertamenti prodotti dai Comuni e come non bastasse proprio l'altro ieri la legge regionale è stata cassata da parte dalla Corte Costituzionale. Il caso usi civici di Orosei rimane quindi un guado melmoso dove l'amministrazione comunale rischia di rimare seriamente impantanata. «Male strade le stiamo tentando tutte - assicura il sindaco Franco Mula - tanto che entro questo mese abbiamo in calendario un incontro in Regione con il commissario agli usi civici e con l'assessore Cristiano Erriu per cercare di trovare una soluzione definitiva e percorribile». Intanto del caso se ne parlerà in consiglio comunale il prossimo 28 luglio insieme a Puc e bilancio di previsione.

di Angelo Fontanesi

 
 
 

IRGOLI. Stacchi e riallacci dell'acqua hanno danneggiato la rete

Post n°10578 pubblicato il 23 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di mercoledì 23 luglio 2014

Il caso della perdita di acqua potabile che da dieci giorni invade la via Marconi denunciato da alcuni abitanti della zona, potrebbe essere solo la punta di un iceberg di una problematica ben più ampia e diffusa in tutto il paese. Quella perdita non sarebbe infatti l'unica del genere che nelle ultime settimane sta facendo la sua comparsa in diverse zone del paese. Un "fenomeno" dovuto probabilmente allo stato obsoleto in cui versa la rete di distribuzione di Abbanoa che sarebbe maggiormente sollecitata dai continui stacchi e riallacci della linea che l'ente unico delle acque sta mettendo in pratica ogni notte per sopperire alla carenza di portata. Sbalzi di pressione che farebbero saltare le tubature provocando falle e dispersioni in più punti della linea. Stessa problematica che sarebbe all'origine di un altro strano fenomeno, quello "gli scaldabagni che scoppiano". O meglio a saltare sarebbe la valvola di sicurezza del troppo pieno di cui sono dotati i boiler. Decine i casi di rottura di questi elettrodomestici registrati recentemente non solo ad Irgoli ma anche negli altri paesi della Valle del Cedrino (Loculi, Onifai e Orosei) interessati dalle restrizioni notturne della distribuzione di acqua potabile.


di Angelo Fontanesi

 
 
 

OROSEI. Osservazioni della Regione Sardegna al Puc

Post n°10577 pubblicato il 22 Luglio 2014 da valledelcedrino

 
 
 

OROSEI. Festa in onore di San Giacomo

Post n°10576 pubblicato il 22 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di martedì 22 luglio 2014


Spettacoli folk e musica rock con "La combriccola del Blasco"

Saranno la musica e i successi di Vasco Rossi a cercare di dare una strigliata alla movida della "festa manna" di san Giacomo patrono che prenderà il via domani sera. E se "l'originale" costa troppo, in tempo di spending review può bastare anche una collaudatissima tribute band come "La combriccola del Blasco". Sarà la storica cover band che dal lontano 1990 scorrazza su tutti i palchi d'Italia interpretando il repertorio della rock star di Zocca il "pezzo grosso" del cartello di appuntamenti civili organizzati dalla Leva 84 in onore del santo patrono. Festa che comunque non dimenticherà costumi e usanze tradizionali. Le serate di spettacolo si aprono infatti domani sera in piazza del Popolo alle 22 con la gara di poesia estemporanea con i poeti Masala, Porcu e Agus accompagnati dal tenore Su Remediu di Orosei. Giovedì invece sempre in piazza del Popolo e sempre con inizio alle 22 sarà la volta dei" cantadores" con la gara di canto in re tra i cantanti Emanuele Bazzoni, Gianni De Nanni, Franco Antonello Dessena e Franco Figos accompagnati da Nino Manca alla chitarra e Claudio Dessena alla fisarmonica. Venerdì 25 luglio, giorno della festa patronale, dalle 18,30 per le vie del paese è prevista la processione al seguito del Santo scortato dai gruppi in costume tradizionale degli artisti che dalle 22, presentati da Francesco Spano, daranno vita alla serata "Isola in festa. I canti e i balli della Sardegna". Sul palco della piazza saliranno i gruppi folk Santu Jacu di Orosei, olbiese di Olbia, mini folk di Sos Alinos e San Giovanni Battista di Budoni Con loro il coro Sos Cantores de sa Turre di Orosei e i tenore Osana di Orosei e Santa Ruche di Oniferi. Sabato la festa si sposterà nello spiazzo eventi di Tanca Idda in via del Mare dove alle 22 incomincerà il concerto de "La combriccola del Blasco". Marchio di una band registrato ormai a livello nazionale guidato dal leader storico e voce solista Adams. Del gruppo fanno parte Federico Taddei, Giacomo Parretti, Massimo Nuti, Claudia Natili e Mario Ramunni. La festa chiuderà infine domenica alle 22 nuovamente sul palco di piazza del Popolo con il concerto dell'orchestra di percussioni Bandao e con l'estrazione dei biglietti della lotteria.

di Angelo Fontanesi

 
 
 

IRGOLI. Preoccupazione per la perdita d'acqua in via Marconi

Post n°10575 pubblicato il 22 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di martedì 22 luglio 2014


Da dove arriva..e soprattutto dove va a finire la misteriosa perdita di acqua potabile che da circa dieci giorni allaga un tratto della centralissima via Marconi? È quello che si chiedono con sempre maggiore apprensione i residenti della strada dopo che le loro segnalazioni e le loro preoccupazioni, (fatte proprie dalla stessa amministrazione comunale) sinora non hanno trovato risposta. «Di fatto, specie nelle ore notturne, da una decina di giorni l'acqua fuoriesce dal manto stradale andando ad invadere la carreggiata e infiltrandosi negli scantinati delle nostre case» denunciano allarmati gli abitanti di via Marconi. Il guasto è stato segnalato ad Abbanoa dagli stessi uffici comunali ma, finora, non è giunta risposta.

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Gesuino Beccari. Opere di Protezione abitato di Galtellý

Post n°10574 pubblicato il 20 Luglio 2014 da valledelcedrino

 

Al Sindaco del Comune di Galtellì

Al Consiglio Comunale Sede

Opere di Protezione abitato di Galtellì

      L’evento calamitoso del Dicembre 2004, ha fortemente preoccupato e destabilizzato la Comunità di Galtellì, in quella occasione era emersa con molta chiarezza la fragilità della vecchia protezione dell’abitato, non più efficace per resistere al cambiato mutamento geologico delle precipitazioni.
     Anche nello scorso mese di Novembre del 2013 abbiamo purtroppo nuovamente constatato la forza distruttiva delle piene del rio Cedrino e del Sologo, con conseguenze negative nei confronti della nostra Comunità anche dal punto di vista della sicurezza.      
     L’intervento di protezione dell’abitato di Galtellì, destinato dopo l’alluvione del 2004, dopo 10 anni, è vergognosamente ed ingiustificatamente ancora incompleto e considerato che siamo a fine Luglio, mi preoccupa  pensare che per la prossima stagione invernale un parte del  nostro paese resta senza l’adeguata protezione da altri eventuali eventi calamitosi.
     Con la presente interrogo la SV, per discutere sul grave problema e per verificare, se da parte del nostro Ente ci sono state o sono in corso le dovute sollecitazioni di ripresa dei lavori nei confronti del Consorzio di Bonifica della Sardegna Centrale, gestore dell’intervento.     
Le informazioni, che ho ricevuto verbalmente dai funzionari del consorzio,  che si giustificano in fase di superamento di alcuni aggiornamenti tecnici, non mi soddisfano, constatato che i lavori non sono ancora ripresi.
     Considerata la situazione, chiedo pertanto che l’interrogazione venga discussa nel prossimo Consiglio Comunale, e spero aggiornata di dati e comunicazioni confortanti per la sicurezza della nostra Comunità.

Galtellì 18/07/2014

Un Cordiale saluto

Gesuino Beccari

 

 
 
 

Orosei, il Puc sigla la pace tra Mula e Roggio

Post n°10573 pubblicato il 20 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di domenica 20 luglio 2014


La notizia odierna sullo spinoso caso del Puc di Orosei rispedito al mittente dalla Regione quando sembrava ad un passo dal traguardo, è che il sindaco Franco Mula e l'architetto Sandro Raggio, primo estensore del progetto si sono nuovamente parlati dopo il burrascoso licenziamento del progettista e che a brevissimo si recheranno insieme in Regione per capire dove e come intervenire per risolvere l'impasse. Incontro che si terrà a breve, prima del prossimo consiglio comunale previsto entro questo mese, quando oltre al Puc approderà in aula anche il bilancio di previsione. Altro argomento che scotta. Ma non quanto il "pasticcio del Puc", che nessuno avrebbe mai pensato venisse così sonoramente contestato dalla Regione dopo che neanche quattro mesi fa, era stato definito come «ormai praticamente concluso nel suo iter e con tutte le carte in regola per essere approvato in via definitiva dalla Regione». Che ora invece presenta il conto, ed è salatissimo: otto fitte pagine di osservazioni che non fanno sconti a nessuno. Nè all'Ufficio di Piano coordinato da Raggio che ne ha curato la prima stesura, nè all'Ufficio tecnico comunale che una volta rescisso il contratto con il progettista, si è adoperato per produrre le carte e le autorizzazione mancanti. Secondo la Regione il nuovo Puc è praticamente da rivedere in tutti i sui aspetti. Da qui perciò la comune esigenza di sindaco e "progettista licenziato" di vedere le carte per capire cosa sia accaduto e, soprattutto chi sarà chiamato, a pagare per le rispettive responsabilità.

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Orosei saluta Vagamondi

Post n°10572 pubblicato il 20 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di domenica 20 luglio 2014


Si è concluso ieri il campus Vagamondi 2014 una iniziativa rivolta ai ragazzi di Orosei, Irgoli e Loculi dagli 8 ai 14 anni organizzato per il secondo anno consecutivo in forma associata, dagli assessorati ai Servizi sociali dei tre comuni della Valle del Cedrino. Grande soddisfazione per il successo dell'iniziativa viene espressa dagli assessori Silvia Dessena (Orosei) Santina Sini (Loculi) e Daniela Murru (Irgoli). Per loro di fatto parlano i numeri: sono stati oltre 60 in totale i ragazzi che hanno partecipato al campus estivo svoltosi nel campeggio Selema di S.Lucia. Ragazzi che sono stati protagonisti di tutta una serie di attività con l'intento di portarli alla scoperta e conoscenza dell'ambiente e della natura, attraverso una serie di laboratori creativi, escursioni, attività sportive e di gioco. L'obiettivo era quello di far condividere un esperienza diversa, favorire l'integrazione fra i ragazzi dei vari comuni, e creare le condizioni affinchè possano instaurarsi nuove amicizie. «Obiettivo raggiunto in pieno - affermano gli assessori Dessena, Sini e Murru - tanto che è ferma intenzione delle nostre amministrazioni ripetere l'esperienza anche il prossimo anno sperando magari di poter ampliare l'offerta allargando la fascia di partecipazione dei ragazzi».

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Orosei, caso Puc in aula

Post n°10571 pubblicato il 19 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di sabato 19 luglio 2014


Macigno sull'amministrazione che mira al risparmio

Il sindaco ha già annunciato che entro questo mese porterà il caso del Puc in consiglio comunale. E tanto prima ciò avverrà tanto meglio sarà. La caterva di osservazioni con le quali la direzione dell'assessorato regionale all'Urbanistica ha rispedito al mittente il piano urbanistico comunale è infatti un macigno che si abbatte contro una amministrazione comunale impegnata in questo periodo in una spasmodica ricerca di fondi e di economie per riuscire a chiudere un bilancio di previsione sempre più difficile da onorare dopo i milionari tagli statali. Senza contare il capitolo, che si preannuncia dolorosissimo, dei nuovi tributi che il Comune dovrà gioco forza esigere dai suoi contribuenti. Leggasi: Tares, Tari, Tasi, Iuc, Imu e via dicendo. Visti i presupposti ben si intuisce dunque come nessuno possa più barare sull'affaire Puc. Nonostante si trattasse di un progetto copianificato con gli uffici regionali che avrebbero dovuto seguire passo dopo passo l'evolversi del Piano con risparmio di soldi e tempo, dopo circa sette anni e dopo aver speso diverse centinaia di migliaia di euro di progettazione Orosei si ritrova praticamente punto e a capo. Senza nuovo Puc e con un Prg vecchio di trent'anni che non consente nè crescita nè sviluppo.  Qualcuno però di queste mancanze sarà ora chiamato a rispondere. E carte alla mano, senza trucchi o scaricabarili tra vecchie e nuove amministrazioni o tra progettisti originali e poi licenziati per manifeste insorte divergenze di visione politica. Perplessità alle quali dovrebbero essere chiamati a rispondere gli stessi uffici tecnici regionali dei quali spesso viene, difficile capire orientamenti e/o interpretazioni normative. Spiegazioni doverose anche per tacitare sul nascere le tesi complottiste ispirate dalla classica locuzione latina "cui prodest?". C'è per caso chi ha tutto l'interesse che lo status quo di anarchia urbanistica imperante ad Orosei prosegua tal quale? Il tempo dei sotterfugi sembra scaduto: ora si fa impellente quello della verità.

di Angelo Fontanesi

 
 
 

ONIFAI. Martedý incontro provinciale della Protezione civile

Post n°10570 pubblicato il 19 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di sabato 19 luglio 2014


L'assessore provinciale alla Protezione Civile Renzo Soro e la presidente dell'Unione dei Comuni della Valle del Cedrino, il sindaco di Onifai Daniela Satgia, hanno promosso per martedì prossimo, 22 luglio alle 18, presso la sala consiliare del comune di Onifai un incontro per parlare della legge 100/2012 che ha introdotto alcune sostanziali novità rispetto alla legge 225/92 istitutiva del Servizio nazionale della Protezione civile. In modo specifico si parlerà delle competenze dei Sindaci e dei Comuni. L'incontro è destinato ai sindaci del territorio, agli uffici tecnici e di Protezione civile dei vari comuni e alle associazioni di volontariato e referenti di gruppi comunali. L'appuntamento è organizzato in collaborazione con l'associazione nazionale Disaster Manager che sarà presente con il suo presidente nazionale Sergio Achille. «Si tratta - spiegano l'assessore Renzo Soro ed il sindaco Daniela Satgia - di un'importante occasione di aggiornamento che non può che essere di aiuto e di supporto a noi tutti che periodicamente siamo costretti ad affrontare situazioni di emergenza ma che abbiamo necessità di non dimenticare ciò che abbiamo passato. Per questo motivo è fondamentale impegnarsi ancora di più nelle attività di prevenzione e pianificazione con l'obiettivo di riuscire almeno a mitigare i rischi, mettendo in atto tutte le azioni necessarie a salvaguardare la vita umana, il territorio e i beni». Vista l'importanza dell'argomento in agenda, gli organizzatori rivolgono un pressante invito alle figure destinatarie dell'iniziativa affinchè partecipino numerose all'incontro.

di Angelo Fontanesi

 

 

 

 
 
 

Lunedý 21 luglio CASASODDU - conferenza di Marcello Cabriolu e esposizione pezzi: il Popolo dei Forchiani di Manolo

Post n°10569 pubblicato il 18 Luglio 2014 da valledelcedrino


CasaSoddu lunedì 21 p.v. sarà impegnata in una conferenza dal titolo: l'Europa  occidentale nella Preistoria, Buon sangue non mente, della quale il relatore sarà Marcello Cabriolu, studioso di Preistoria e Protostoria della Sardegna; inoltre nella stessa giornata, solo lunedì 21, dal mattino alla sera, l'artista orafo Manolo, esporrà  i propri pezzi, tutti unici e creati a mano, facenti parte del Popolo dei Forchiani. 
Sia la conferenza delle 20:45, che la mostra aperta e visitabile tutto il giorno, saranno ad ingresso libero e gratuito.

 
 
 
 
 

Bloccato il Puc di Orosei

Post n°10567 pubblicato il 18 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 18 luglio 2014


La Regione rinvia il piano urbanistico al Comune per la rimozione dei vizi

Parlare di bocciatura su tutti i fronti del Puc non è corretto, ma l'effetto provocato dalla comunicazione della direzione dell'assessorato regionale agli Enti locali e Urbanistica al Comune di Orosei sostanzialmente è quello. «Lo strumento urbanistico del Comune di Orosei. approvato dal consiglio comunale lo scorso 3 marzo è riammesso all'amministrazione comunale che dovrà provvedere alla rimozione dei vizi evidenziati ed alla correzione ed integrazione dell'atto di pianificazione». E i rilievi che la Regione muove all'indirizzo del Puc di Orosei sono talmente tanti e tali da prevedere una sorta di nuova stesura del documento. E dire che proprio in occasione di quella adozione la maggioranza aveva annunciato di aver prodotto tutte le documentazioni mancanti (tra le quali la Vas e la zonizzazione acustica) e quindi di attendersi una rapida e positiva risposta da parte della Regione. Così non è stato, e sin da una prima lettura del dispositivo regionale si evince come ad essere contestati non siano particolari di poco conto ma di fatto l'intero impianto del documento. «Questa amministrazione ha sostanzialmente riadottato il Puc redatto dall'Ufficio di Piano diretto da Sandro Roggio - tiene a specificare il vice sindaco e assessore all'Urbanistica del Comune di Orosei Salvatore Bua - Un progetto che peraltro aveva già avuto un preventivo parere di conformità da parte della Regione. L'unica sostanziale differenza con il Puc di Roggio, riguarda l'inserimento nel Puc di due zone F costiere (Su Mutrucone e Fuile 'e mare ndc) che questa amministrazione ritiene fatte salve dal "decreto salvacoste" di Renato Soru del 2004. Tutto il resto è rimasto invariato. Ed è per questo motivo che non capiamo la posizione assunta dagli uffici della Regione che ora invece muovono rilievi praticamente su tutti i fronti del Puc». Fermo restando che anche sulle due lottizzazioni costiere la Regione pone seri dubbi di legittimità, ad essere rimandata sonoramente con tutti i debiti formativi possibili è in effetti tutta la progettazione nel suo insieme. Ad incominciare dal dimensionamento del Piano, ritenuto ampiamente sopravalutato, per passare ai confini del centro storico matrice, alla delimitazione della zone A e B e delle nuove zone di espansione (siano esse zone C, F4, D o S), al mancato adeguamento del regolamento edilizio, sino alla bocciatura delle zone di riqualificazione. Occorreranno non meno di nove mesi/un anno infatti perchè il Comune riesca a soddisfare le osservazioni della Regione. Senza contare che per procedere ad un nuovo affidamento il Comune dovrà dimostrare di avere l'opportuna copertura finanziaria.

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Orosei, il cortometraggio degli Huge

Post n°10566 pubblicato il 18 Luglio 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 18 luglio 2014


Correva l'anno 2050 e una potentissima organizzazione internazionale, utilizzando ogni mezzo tecnologico e finanziario, mantiene asserviti ai propri interessi i destini del Mondo. Ai suoi ordine ha un esercito di droni intelligenti, concepiti come micidiali macchine da guerra e sta per farli scendere in campo per la battaglia finale. Il destino dell'umanità è nelle mani di uno sparuto gruppo di combattenti militanti per la libertà. Solo loro sanno dove, quando e come intervenire per neutralizzare la centrale operativa dell'organizzazione criminale e, nonostante la disparità dei mezzi in campo e la pericolosità dell'azione, non ci pensano due volte a mettere a repentaglio la loro vita per la storica guerra tra bene e male assoluto. E questa la traccia di Primordial fear, primo cortometraggio scritto, ideato, girato e prodotto in splendida autonomia dagli Huge, la rock band dei tre fratelli falegnami di Orosei, Ciriaco, Tore e Franco Contu, che verrà presentato in prima assoluta questa sera dalle 21.30 nel cortile di CasaSoddu. Dopo oltre vent'anni di attività come compositori e musicisti e come maestri lituai, gli Huge debuttano dunque questa sera nella loro nuova esperienza artistica. Il cortometraggio può essere definito come un docufiction che parla appunto della possibilità che una società finanziaria senza scrupoli possa usare le tecnologia dei droni per impadronirsi dei beni mobili e immobili dei privati cittadini. Deus ex macchina del corto è il batterista del gruppo Franco, esperto di tecnologie computerizzate e di effetti speciali. Le scene esterne sono state girate ad Orosei mentre per i titoli di coda gli Huge abbiamo composto due inediti, "Whispers" e "Primordial Fears". Da segnalare la preziosa collaborazione fornita dal video maker Giovanni Maria Piras e l'impeccabile interpretazione di Donald Sindel, un antropologo scozzese sposato e residente da anni ad Orosei.


di Angelo Fontanesi

 
 
 
Successivi »
 
 






 

INSTALLATO

14 marzo 2011

 

ULTIMI COMMENTI

SALVATORE NANNI: POETA.

 

I COMMENTI DI SPORT.

 

E-MAIL

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

Scudo della Rete

 

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog