Blog
Un blog creato da valledelcedrino il 27/08/2008

Valle del Cedrino

Le comunità di Galtellì, Irgoli, Loculi, Onifai e Orosei, si impongano per l'altezza delle idee e la dignità dell'espressione, affinchè siano in grado di vedere al dì là dei propri confini.

 
 

 


Gruppo d'Intervento Giuridico


 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: valledelcedrino
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: NU
 

 

 
La Baronia è rappresentata alla cronache dai media nazionali e regionali. Siamo raffigurati giornalmente da stimati corrispondenti de L’Unione Sarda e La Nuova Sardegna. Pertanto questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le recessioni giornalistiche inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet e dai quotidiani, qualora la loro pubblicazione violasse i diritti d'autore, previa segnalazione, verranno rimosse. Queste testate giornalistiche assumono una posizione di netto privilegio rispetto alle altre forme di manifestazione del pensiero, raccontando e interpretando una loro versione dei fatti, ed ecco perché il diritto alla critica costruttiva la aspettiamo, la pretendiamo dagli utilizzatori di questo libero spazio mediatico, NON sono io che devo convincere all’ennesima verità, siete voi fruitori di questo angolo mediatico che rappresentandovi, aiutate la Nostra comunità, unendoci per abbattere gli ostacoli ideologici e campanilistici che ancora ci separano e non ci portano da nessuna parte. Con sincero rispetto, Vi auguro serenità.
 

 

SERENITÀ E PACE

Ci sono stati uomini che hanno scritto pagine Appunti di una vita dal valore inestimabile Insostituibili perché hanno denunciato il più corrotto dei sistemi troppo spesso ignorato Uomini o angeli mandati sulla terra per combattere una guerra di faide e di famiglie sparse come tante biglie su un isola di sangue che fra tante meraviglie fra limoni e fra conchiglie... massacra figli e figlie di una generazione costretta a non guardare a parlare a bassa voce a spegnere la luce a commentare in pace ogni pallottola nell'aria ogni cadavere in un fosso Ci sono stati uomini che passo dopo passo hanno lasciato un segno con coraggio e con impegno con dedizione contro un'istituzione organizzata cosa nostra... cosa vostra... cos'è vostro? è nostra... la libertà di dire che gli occhi sono fatti per guardare La bocca per parlare le orecchie ascoltano...Non solo musica non solo musica La testa si gira e aggiusta la mira ragiona A volte condanna a volte perdona Semplicemente Pensa prima di sparare Pensa prima di dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Ci sono stati uomini che sono morti giovani Ma consapevoli che le loro idee Sarebbero rimaste nei secoli come parole iperbole Intatte e reali come piccoli miracoli Idee di uguaglianza idee di educazione Contro ogni uomo che eserciti oppressione Contro ogni suo simile contro chi è più debole Contro chi sotterra la coscienza nel cemento Pensa prima di sparare Pensa prima di dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Ci sono stati uomini che hanno continuato Nonostante intorno fosse [tutto bruciato Perché in fondo questa vita non ha significato Se hai paura di una bomba o di un fucile puntato Gli uomini passano e passa una canzone Ma nessuno potrà fermare mai la convinzione Che la giustizia no... non è solo un'illusione Pensa prima di sparare Pensa prima dì dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Pensa.

canzone di Fabrizio Moro

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Taglio dei buoni pasto, minoranza all'attacco

Post n°10976 pubblicato il 25 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di martedì 25 novembre 2014


Il gruppo Orosei Democratica interviene sulla scelta dell'amministrazione

«Una decisione presa senza la concertazione con i sindacati e i dipendenti»

Il gruppo Orosei democratica la chiama sarcasticamente "spending review in salsa oroseina", indicando sì un taglio dei costi pubblici benché, in questo caso specifico, non abbia incontrato il consenso di tutta la minoranza. I consiglieri di opposizione Gino Nanni e Gino Derosas, infatti, criticano il provvedimento del sindaco Franco Mula con il quale è stata disposta la revoca dei cosiddetti "buoni pasto" per i dipendenti municipali. «Questa decisione - si legge in un documento di Orosei democratica - è avvenuta senza la dovuta e preventiva concertazione con gli interessati o con i loro rappresentanti sindacali, e con la conseguente riorganizzazione degli orari degli uffici. Secondo il sindaco è necessario ridurre le spese del personale. Il risparmio così conseguito si aggira tra i 20mila e i 30mila euro annui. L'iniziativa, a parte il metodo, i tempi e l'opinabilità della scelta fatta, sarebbe anche giustificabile se solo fosse stata inserita in un serio processo graduale organico e programmato di riduzione generale dei costi, in linea con le difficoltà del momento. Invece così non è. A ben vedere - proseguono i due consiglieri comunali di Orosei democratica; Nanni e Derosas - se da una parte si tolgono a tutti emolumenti contrattualmente previsti in ragione dell' organizzazione interna degli uffici comunali, rimasta immutata, dall' altra si aumentano per importi di gran lunga maggiori le spese del personale, moltiplicando senza motivo il numero dei dirigenti d'area. Il nostro municipio oggi conta ben sette aree interne anziché 5, ciascuna con il suo specifico responsabile e relative spettanze economiche». «I costi della macchina amministrativa - conclude il comunicato del gruppo di opposizione – non sono stati diminuiti ma, al contrario, aumentati. Appaiono quindi molto chiaramente la contraddittorietà e la demagogia dell'agire dell'amministrazione comunale, che da una parte sbandiera pubblicamente e sulla stampa la riduzione dei costi con il taglio del "buono pasto", mentre dall'altra li aumenta in misura superiore». Parole molto forti, quelle del gruppo di minoranza di centro sinistra, che scaldano le acque della politica di Orosei e danno vita ad un nuovo dibattito, destinato a fare molto discutere. Sicuramente la replica del sindaco Franco Mula e della sua giunta non si farà attendere.

di Salvatore Martini




COMUNICATO STAMPA

La Nuova Sardegna -
L’Unione Sarda -

Valle del Cedrino - Blog -

Orosei 16.09.2014

 

Oggetto: Spending review in salsa oroseina

 Di recente il Sindaco del Comune di Orosei, senza la dovuta e preventiva concertazione con gli interessati o loro rappresentanti sindacali e la conseguente riorganizzazione degli orari degli uffici, ha disposto la revoca dei cosiddetti "buoni pasto" nei confronti di tutti i dipendenti municipali perché, a suo dire, è necessario ridurre le spese del personale. Il risparmio così conseguito si aggira tra i 20/30 mila euro l'anno.

 L'iniziativa, a parte il metodo, i tempi e l'opinabilità della scelta, sarebbe anche giustificabile se inserita in un serio processo graduale, organico e programmato di riduzione generale dei costi, in linea con le reali difficoltà del momento, ma così non è.

 A ben vedere, se da una parte si tolgono a tutti emolumenti contrattualmente previsti in ragione dell'organizzazione interna degli uffici comunali, rimasta immutata, dall'altra si aumentano per importi di gran lunga maggiori le spese del personale moltiplicando, senza motivo, il numero dei dirigenti d'area.

 Infatti, nell'arco di poco più di un anno, l'Ufficio Tecnico, retto da un solo Responsabile, è stato smembrato in tre aree differenti: 1- Lavori Pubblici; 2- Urbanistica ed Edilizia Privata; 3- Ambiente e Protezione Civile. Per ognuna di queste è stato nominato un Responsabile, con relativa indennità di carica, senza tener conto della diversa e minore distribuzione delle competenze affidategli. 

 Il nostro Municipio, quindi, oggi conta di ben sette aree interne (anziché cinque), ciascuna con il suo specifico Responsabile e relative spettanze economiche.

 I costi della macchina amministrativa, dunque, non sono stati diminuiti ma, al contrario, notevolmente aumentati, e cioè ancor più grave sia perché avviene nel momento di forte crisi che viviamo, sia, e soprattutto, perché non è in alcun modo giustificabile con un incremento del carico di lavoro che, al contrario, negli ultimi anni è notevolmente diminuito, soprattutto nell'area (Tecnica) in cui si è intervenuti.

 Appare chiaro, quindi, la contraddittorietà e la demagogia dell'agire dell'Amministrazione comunale che, da una parte sbandiera pubblicamente e sulla stampa la riduzione dei costi con il taglio del "buono pasto", dall'altra li aumenta in misura superiore moltiplicando ingiustificatamente e "riservatamente" il numero delle posizioni apicali.

OROSEI DEMOCRATICA

 
 
 

OROSEI. Raccolta rifiuti porta a porta nuova campagna informativa

Post n°10975 pubblicato il 25 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di martedì 25 novembre 2014


Raccolta porta a porta dei rifiuti, ci sono novità. Da ieri è iniziata la campagna informativa per quanto. Un gruppo di ragazzi incaricati dal comune sta girando per le case per consegnare i nuovi calendari e spiegare le nuove norme per la raccolta differenziata. «La novità sono che per quanto riguarda le case sparse - dice Il consigliere delegato all'ambiente, Giacomo Masala - i passaggi saranno gli stessi che per quelle del centro abitato. Non più quindi, due volte la settimana ma dal 2 di gennaio saranno regolari come nel centro abitato. Servizio uniformato insomma. Le normative in questi anni sono cambiate: alcuni rifiuti cambiano destinazione, ad esempio i brick che prima andavano nel secco mentre adesso andranno nella carta; i cartoni delle pizze se sporchi vanno nell'umido e se puliti, nelle carta. Tutto è bene spiegato nell'opuscolo che i ragazzi porteranno nelle case. Opuscolo che riguarda appunto le abitazioni, per quanto riguarda gli esercizi commerciali, bar, ristoranti, hotel ecc, a breve si terrà un incontro con gli operatori per vedere insieme le novità». Nei nuovi calendari c'è anche il ringraziamento del sindaco Franco Mula: «Grazie agli sforzi delle famiglie e delle imprese del nostro Comune, supportati da questa amministrazione, negli scorsi mesi a Orosei abbiamo raggiunto un risultato brillante in termini di raccolta differenziata, superando il 70 per cento di rifiuti avviati al riciclo. Questo dato ci pone tra le eccellenze in Sardegna ed Italia, confermando la bontà delle scelte fatte e motivando ci a fare sempre meglio: nei prossimi mesi vi chiediamo di mantenere alto l'impegno e di continuare a informarvi per migliorare ancora. Migliorare la qualità. dei materiali riciclabili - conclude Mula -, curandone la purezza a partire dai mastelli dove ogni famiglia fa la raccolta differenziata; segnalare e punire gli abbandoni selvaggi di rifiuti sul territorio, che tanto male fanno alla dignità e all'economia della nostra comunità».

di Nino Muggianu

 
 
 

Provincia, nuovo modello per la protezione civile

Post n°10974 pubblicato il 24 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 24 novembre 2014


Il Consiglio ha istituito fa Consulta provinciale delle associazioni di volontariato

Soro: «Così si valorizza l'attività dei volontari sempre presenti nelle emergenze»

Piccola rivoluzione nel sistema di protezione civile della Provincia. Il Consiglio, qualche giorno fa, ha approvato due delibere proposte dall'assessore alla protezione civile Renzo Soro relative alla istituzione di due nuovi organismi: il comitato provinciale di protezione civile e la consulta provinciale delle associazioni di protezione civile. «Era necessario effettuare un serio aggiornamento di un sistema complesso su cui si basa la sicurezza dei cittadini - spiega Renzo Soro - il comitato era già stato istituito nel 2005 ma con una articolazione ormai superata visto che si faceva riferimento alla vecchia provincia. Inoltre era necessario adeguarne la composizione e snellire al massimo il regolamento in modo che il comitato, del quale fanno parte le componenti e le strutture operative, possa operare al meglio». La vera novità, quindi, è la creazione di un comitato provinciale di protezione civile più snello ed efficiente, in grado di gestire un'emergenza in modo più razionale, capace di predisporre nel migliore dei modi i programmi di previsione e prevenzione dei rischi. Oltre al comitato di protezione civile, la Provincia, sempre sulla base di una delibera proposta dall'assessore Soro, ha istituito la consulta provinciale delle associazioni di volontariato della protezione civile. «L'istituzione di questo organismo era un atto non solo necessario ma anche un riconoscimento per il lavoro svolto in questi anni dai volontari - spiega l'assessore- Volevamo che il loro ruolo fosse valorizzato. In questo modo si dà alle associazioni di volontariato un giusto ruolo di rappresentanza anche a livello regionale e nazionale. La consulta, infatti, sarà uno straordinario strumento a supporto della Provincia ed anche dei Comuni per il coordinamento del volontariato di protezione civile». Secondo le intenzioni della Provincia la consulta delle associazioni di volontariato svolgerà un ruolo importante nell'ambito delle attività di protezione civile: uomini e donne che potranno fornire indicazioni operative su ogni situazione critica. «Grazie alla consulta ci sarà la collaborazione tra i volontari e le altre strutture operative del sistema nazionale di protezione civile, il modo migliore per affrontare le emergenze – continua Soro - . I volontari potranno anche informare la popolazione sull'importanza delle attività di prevenzione dei rischi». Il prossimo passo sarà quello di convocare il comitato e le associazioni di volontari per l'elezione del presidente e del consiglio direttivo. «Lo faremo nei prossimi giorni», assicura Soro.

 
 
 

Ubriachi al volante, controlli in Baronia

Post n°10973 pubblicato il 24 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 24 novembre 2014

I carabinieri di Siniscola hanno anche denunciato un uomo che girava con un distintivo della polizia

Un quarantenne di Oliena girava indisturbato con un distintivo della polizia di Stato. Fermato dai carabinieri di Dorgali si è giustificato dicendo che l'aveva trovato per caso a Cala Gonone. I militari lo hanno denunciato per "illecita detenzione di segni di identificazione in uso ai corpi di polizia". È questo l'episodio più curioso scoperto dai carabinieri durante i controlli effettuati nell'ultimo fine settimana dalla compagnia di Siniscola. Oltre all'olianese sono stati denunciati anche molti autisti indisciplinati. Nella provincia di Nuoro, infatti, si registra il numero più elevato di sanzioni per guida in stato di ebbrezza. Lo dicono le statistiche e, malgrado i pressanti controlli delle forze dell'ordine e i tanti incidenti causati da autisti con un tasso alcolemico superiore alla media, il fenomeno non accenna a placarsi. I militari hanno contestato anche alcune violazioni amministrative a danno di due esercizi pubblici. Un fine settimana di fuoco quindi nella giurisdizione della compagnia di Siniscola guidata dal capitano Andrea Senes. I militari hanno infatti organizzato un servizio per il controllo degli avventori negli esercizi pubblici e per il contrasto agli automobilisti indisciplinati, in particolare a Irgoli e Galtellì dove sono state verificate le varie licenze ed il rispetto delle normative. In particolare, a due bar sono state contestate la mancata esposizione degli orari, l'assenza delle tabelle ministeriali per la verifica dello stato di ebbrezza ed emesse sanzioni per 1.600 euro. Nel corso della verifica sono stati anche controllati tutti i clienti e un allevatore sessantunenne è stato trovato in possesso di un coltello detenuto senza giustificato motivo. I servizi in Baronia nell'ultimo fine settimana hanno vi sto impegnati una ventina di militari della squadriglia di monte Pizzinnu, della radiomobile e delle stazioni di Orosei, Irgoli, Galtellì e Dorgali. Il controllo a tappeto del territorio è stato organizzato per contrastare gli illeciti al codice della strada. Decine i posti di blocco in Baronia che hanno consentito ai militari in servizio di contestare numerose violazioni e la decurtazione complessiva di quaranta punti della patente. Il record in negativo spetta ad un automobilista che ha fatto registrare ai controlli all'etilometro un tasso alcolico di ben sei volte superiore a quello consentito.

di Sergio Secci

da L’UNIONE SARDA di lunedì 24 novembre 2014

Per un distintivo della polizia olianese nei guai. L'aveva smarrito un agente

Un agente della Stradale a maggio aveva denunciato di aver smarrito il distintivo metallico della polizia. L'hanno ritrovato i carabinieri sabato sera nelle tasche di un quarantaduenne di Oliena, finito nei guai per “detenzione illecita di segni distintivi di identificazione in uso ai corpi di polizia”. L'uomo è stato sorpreso con la placca della polizia a Cala Gonone nell'ambito di una articolata operazione di controlli disposta a vasto raggio dal capitano Andrea Senes, che guida la compagnia dei carabinieri di Siniscola. Al setaccio numerosi locali pubblici e tanti automobilisti. A Irgoli e Galtellì sono state controllate varie licenze. A due bar sono state contestate violazioni amministrative come la mancata esposizione degli orari, l'assenza della tabella ministeriale per la verifica dello stato di ebbrezza, costate 1600 euro di contravvenzioni. I controlli hanno riguardato anche i clienti: un sessantaduenne, sorpreso con un coltello dalla lama lunga 20 centimetri, è stato denunciato per porto di armi o oggetti atti a offendere. Decine i posti di blocco stradali nella valle del Cedrino, tra Irgoli e Galtellì. Due persone sono state denunciate per guida in stato di ebbrezza: una aveva il tasso alcolemico di sei volte superiore al limite consentito e guidava l'auto sprovvista di assicurazione. Tanti gli automobilisti sanzionati: in tutto sono stati decurtati 40 punti della patente. L'intera operazione ha impegnato venti militari della squadriglia di Monte Pizzinnu, del Radiomobile di Siniscola e delle stazioni di Orosei, Irgoli, Galtellì e Dorgali.

 
 
 

Report settimanale ShinyStat, account blog/valledelcedrino

Post n°10972 pubblicato il 24 Novembre 2014 da valledelcedrino

Report settimanale dell'account: valledelcedrino
Periodo: 17/11/2014 - 23/11/2014
Descrizione del sito: Blog
URL: blog.libero.it/ValledelCedrino/
Categoria: Servizi/Informazione
ShinyStat Rank: 20/50

 

 
 
 
 
 
17
 
 
 
 
 
18
 
 
 
 
 
19
 
 
 
 
 
20
 
 
 
 
 
21
 
 
 
 
 
22
 
 
 
 
 
23
 
 
      Pagine viste         Visite

 

GiornoVisitePagine viste
Lunedì 17/11/2014
1.459
2.775
Martedì 18/11/2014
1.226
1.524
Mercoledì 19/11/2014
1.174
1.767
Giovedì 20/11/2014
1.101
1.769
Venerdì 21/11/2014
1.376
2.218
Sabato 22/11/2014
984
1.530
Domenica 23/11/2014
861
1.283
 
TotaleVisitePagine viste
Settimana
8.181
12.866
Mese corrente
26.678
41.139
Dalla creazione dell'account / dall'ultimo azzeramento
1.771.104
3.341.986

 

Link utili:
  • Per consultare le statistiche complete del sito, cliccare qui
  • Per eventuali informazioni riguardo il servizio, consultare la guida online
  • Per contattare lo staff di ShinyStat utilizzare il Centro di Supporto dedicato.

 

Nota: per non ricevere più il report settimanale di ShinyStat è sufficiente accedere alla configurazione dell'account e deselezionare l'opzione "Report settimanale via e-mail".

 

   
Copyright 1995 - 2014 by Shiny Srl

 

 
 
 

CALCIO PROMOZIONE girone B - decima giornata

Post n°10971 pubblicato il 24 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 24 novembre 2014

BATTUTA IN CASA DAL SORSO 1 a 2

FANUM OROSEI: Demarchi, Carrone (65' Sannai), Caggiu, Branchitta, Sanna, Farris, F. tal (76' Polizzi), Manca (66' A. Lai), Manca, Porcu, Spina, Talanas. All. Dessolis.

SORSO: Frau, Pischedda, M. Cacace, Occulato,  Bagnolo, R. Cacace (80' Pinna), Arcadu (76' Ledda), Canu, Mereu, Spanu, Saba. All. Levacovic.

ARBITRO: Madeddu di Ozieri.

RETI: 38' Arcadu, 43' Carrone, 65' Canu.

Fanum Orosei sempre più a picco. Va avanti in salita il campionato della squadra guidata da Dessolis

È sempre più profondo rosso per la Fanum Orosei che anche ieri è stata battuta in casa da un'altra pericolante qual è il Sorso. Due a uno il risultato finale di una partita che per i ragazzi allenati da Franco Dessolis è ancora una volta stregata. Ancora pali, traverse, gol sbagliati per un non nulla, parte strepitose dei portieri ospiti. Di tutto e di più purché non arrivi la vittoria. La dea bendata, e di bendato non c'è solo lei, ha ormai abbandonato la squadra di Orosei che è ritornata nel campionato di Promozione dopo una trentina di anni. Non che abbia fatto chi sa quali partite ma una cosa è certa che almeno sei o sette punti mancano all' attivo. Soprattutto Fabrizio Lai e compagni non meritano il posto che attualmente occupano in classifica. La speranza dei supporter oroseini è che prima o poi qualcosa girerà bene anche alla loro squadra del cuore. Fanum che anche ieri ha giocato bene, ma a portare via l'intera posta è stata la squadra ospite. I ragazzi di Dessolis sprecano tanto ed è inevitabilmente che vengano puniti dal Sorso. Nella prima metà di gara i padroni di casa ci provano in tutti i modi senza fortuna. Al 2' c'è una traversa di Fabrizio Lai. Passano sette minuti e Ancora Lai pericoloso con un tiro di poco a lato. Al 15' Porcu si smarca in area ma manca il bersaglio da posizione favorevole. Al 38' gli ospiti passano a condurre con Arcadu. Al 43' pareggia i conti Carrone dopo una mischia. Nella ripresa, subito Fanum in avanti che ci prova con Talanas che sbaglia il bersaglio. Al 65' nuovo vantaggio del sorso con Canu dopo una rapida azione di rimessa. Il pareggio potrebbe arrivare all'80' ma il gol che a tutti è sembrato regolare, viene annullato dal direttore di gara per un fuorigioco comunque molto dubbio.

Nino Muggianu

Il Sorso batte il Fanum Orosei 1 a 2

Continua la striscia negativa della Fanum che spreca troppo e viene punita dal Sorso. Gli ospiti passano con Arcadu; al 43' pareggia Carrone, ma poi Canu segna il 2 a 1 per il Sorso.

( f. u. )

 
 
 

CALCIO SECONDA CATEGORIA Girone F. decima giornata

Post n°10970 pubblicato il 24 Novembre 2014 da valledelcedrino

TALANA – TUTTAVISTA 1 a 1

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 24 novebre 2014

TALANA: Sulis A., Bonicelli F., Manca Mi., Tegas, Manca Ad., Usai (88' Olianas), Murgioni M., Manca F., Nieddu, Manca M., Bonicelli A. All.: Andrea Mereu. A disp.: Arzu M., Cabiddu, Lepori, Garau, Figus.

TUTTAVISTA: Gambaiani, Marras A., Zola, Loriga, Faggia, Sanna R., Mameli, Marras G., Carta, Contini, Marras At. All.: Corrado Mameli. A disp, Marras B., Ruiu.

ARBITRO: Porcu di Cagliari.

RETI:55' Murgioni; 94' Sanna R.

Dopo la sconfitta nel derby con l'Urzulei rimediata domenica scorsa l'undici di mister Mereu reagisce e sfiora la vittoria, l-l arrivato sul filo di lana (94'), con una prestazione convincente. La cronaca. Unico episodio da segnalare nel primo tempo la traversa colpita da Carta. Nella ripresa (55') Marco Murgioni calcia di potenza dai trenta metri e supera Gambaiani. 66' e 78' Bonicelli A. conclude malamente due contropiedi con il solo Gambaiani di fronte. 94' La vittoria sembra ormai scontata ma sull'ultimo corner per gli ospiti R. Sanna pareggia di testa.

Romano Cugudda

Il Talana vede sfumare nel finale i tre punti. I padroni di casa passano in vantaggio con un gran tiro dalla distanza di Murgioni. Il Tuttavista pareggia nel recupero: calcio d'angolo di Contini e Sanna devia in rete alle spalle di Sulis.

(w.r.)

 
 
 

CALCIO. TERZA CATEGORIA GIORNE D

Post n°10969 pubblicato il 24 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 24 novebre 2014

 

IRGOLESE - NUGHEDU S. V. 7 a 0

 

ONIFAI - TADASUNI 1 a 1

 
 
 
 
 

Orosei. Usi civici, il Consiglio boccia la Regione

Post n°10967 pubblicato il 23 Novembre 2014 da valledelcedrino

da L’UNIONE SARDA di domenica 23 novembre 2014


Il Consiglio comunale di Orosei, invocando l'autotutela, ha deciso ieri di annullare gli accertamenti sugli usi civici fatti dalla Regione. La delibera sullo scottante argomento, proposta dal sindaco Franco Mula, è stata approvata all'unanimità. Viene così scritto un nuovo capitolo di una vicenda che preoccupa tantissimi proprietari di terreni e seconde case che nel 2011 la Regione ha classificato come gravati da usi civici. Si parla di aree nelle zone marine di Cala Liberotto e Sos Alinos e altri agglomerati costieri abitati da decenni. A detta degli amministratori comunali, un vero e proprio pasticcio che sta creando confusione e danni economici. «Con questo documento chiediamo ufficialmente alla Regione di rivedere le proprie verifiche», sottolinea Franco Mula. «Per quanto ci riguarda quei dati non sono veritieri e quindi, se non avremo risposte certe, in forma di autotutela daremo in mano agli avvocati il mandato per citare legalmente proprio la Regione».

( f. u. )

 
 
 

Scuola civica di musica a rischio di chiusura dopo i tagli regionali

Post n°10966 pubblicato il 22 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di sabato 22 novembre 2014


Orosei, Siniscola, Irgoli, Galtellì, Loculi, Posada e Onanì perderanno un servizio di riferimento per molti giovani

Ancora una volta i tagli ai servizi colpiscono il territorio, dove la crisi riguarda ormai tantissimi settori. Quelli culturali non fanno eccezione. A farne le spese anche le scuole civiche di musica di tutta la Sardegna, compresa quella di Orosei, nata nel 2007 con la partecipazione di Siniscola e l'adesione di Irgoli, Galtellì, Loculi, Posada e Onanì, tra i Comuni più attivi. Un colpo durissimo per questa importante realtà del territorio che, non a caso, ha ottenuto un successo senza precedenti. Nel corso degli anni, infatti, migliaia di bambini, giovani e altri appassionati hanno potuto usufruire dei servizi proposti dalla scuola civica di musica, sviluppando un bagaglio culturale di alto livello grazie ai corsi portati avanti con docenti altamente qualificati. Facendo della scuola civica di musica un'iniziativa fondamentale per la crescita delle nuove generazioni. La notizia dei tagli circolava nell'aula del consiglio regionale di Cagliari già da qualche tempo. Indiscrezioni diventate via via più robuste, culminate ieri con l'ufficialità della notizia, accolta ovviamente con grande disappunto dai vari Comuni che hanno aderito al progetto. La manovra di assestamento di bilancio ha dovuto sacrificare molti settori e, dopo tanti anni, gli 8mila allievi delle scuole civiche di musica della Sardegna rischiano di dire addio ad un'iniziativa talmente valida da essere stata presa a modello persino a livello nazionale. La presidente Daniela Contu e l'assessore alla Cultura di Siniscola, Piero Carta, dopo l'allarme lanciato lo scorso mese di ottobre, si appellano ai consiglieri regionali del territorio per seguire da vicino la questione, affinché la legge finanziaria regionale per il 2015 ripristini il finanziamento per la scuola civica di musica. In occasione dell'assestamento di bilancio, i consiglieri di maggioranza Daniela Forma e Roberto Deriu, interpellati da Contu e Carta, hanno mostrato grande sensibilità sull'argomento, unitamente ai rappresentanti del centrodestra Pietro Pittalis e Luigi Crisponi, che sostengono compatti le scuole. Il sindaco di Orosei, Franco Mula, auspica «che nella nuova manovra di bilancio il settore venga salvaguardato e con esso gli 800 posti di lavoro garantiti in Sardegna a giovani docenti, per i quali queste attività spesso rappresentano l'unica fonte di reddito per musicisti diplomati o alla ricerca della prima occupazione». Nel Nuorese i docenti impegnati sono circa un centinaio, e le scuole di musica sono delle vere e proprie eccellenze.


di Salvatore Martini

 
 
 

Orosei. La scuola di musica ora a rischio chiusura

Post n°10965 pubblicato il 22 Novembre 2014 da valledelcedrino

da L’UNIONE SARDA di sabato 22 novembre 2014


Anche la scuola civica di musica di Orosei rischia di essere travolta dalla spending review. La Regione nel nuovo documento di programmazione finanziaria ha deciso di tagliare i fondi. Nata nel 2007 a Orosei, con la partecipazione di Siniscola e l'adesione di Irgoli, Galtellì, Loculi, Posasa e Onanì, la scuola civica di musica potrebbe chiudere i battenti. Una mazzata per sia per le prospettive di lavoro dei dipendenti, che per le migliaia di utenti che hanno seguito i corsi durante questi anni di attività. Ecco perché la presidente Daniela Contu e l'assessore alla Cultura di Siniscola, Piero Carta, dopo l'appello di un mese fa, chiedono ai consiglieri regionali del territorio di seguire da vicino la questione affinché la finanziaria ripristini i fondi. Anche il sindaco di Orosei Franco Mula auspica che «nella nuova manovra di bilancio il settore venga salvaguardato e con esso gli 800 posti di lavoro». Nel Nuorese i docenti impegnati sono circa un centinaio e le scuole di musica sono tra le più importanti dell'Isola.

( f. u. )

 

 
 
 

LOCULI. Oggi la Baronia diventa la capitale sarda del rugby

Post n°10964 pubblicato il 22 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di sabato 22 novembre 2014



Appuntamento speciale oggi con la palla ovale nella bassa Baronia. Per un giorno Loculi diventa la capitale sarda del rugby. Al comunale, concesso dall'amministrazione comunale alla società organizzatrice "Corvi Orosei" si terrà una manifestazione che ha lo scopo di divulgare questa affascinante disciplina sportiva approdata di recente a Orosei grazie a Simone Etzi, rugbista amatoriale di Capoterra e soprattutto a Paolo Basolu che ha fondato la "Corvi Orosei". L'appuntamento di oggi è fissato per le 15 a " Sa domo de sas Artes e de sos Mestieris''. Alle 16 il test match delle squadre under 16 tra Olbia Rugby e Corvi Orosei Rugby. Alle 17, il test match Senior tra Corvi Orosei Rugby, Olbia Rugby e Sda Shardana Capoterra. Alle 19 le premiazioni e i ringraziamenti. La società "Corvi Orosei Rugby" nasce nell'estate del 2014 grazie alla passione di un gruppo di giovani, gli stessi che uniti dal desiderio di promuovere la cultura del rugby sperano di far conoscere e apprezzare sempre di più questo sport in tutta la Valle del Cedrino.

Nino Muggianu

 
 
 

Giornata ecologica a Sas Linnas Siccas: “prima e dopo”

Post n°10963 pubblicato il 21 Novembre 2014 da valledelcedrino

Giornata ecologica a Sas Linnas Siccas:

“prima e dopo”

Sono finalmente riuscito a scaricare dalla macchina fotografica le foto che ho scattato questa estate a Sas Linnas Siccas. Le prime quattro foto risalgono a sabato 9 agosto 2014, il giorno precedente la Giornata ecologica che ho organizzato in collaborazione con il Consigliere delegato all’Ambiente Giacomo Masala.


In barba ai cartelli


Forse questo bidoncino è rimasto in strada per troppo tempo...


Bottiglie a volontà…


I soliti turisti di passaggio hanno deciso di imbiancare casa...

 

10 agosto 2014: Giornata ecologica
I volontari hanno ripulito strade e pinete da cartacce, bottiglie, lattine e rifiuti di ogni genere, mentre gli ispettori dell'Ufficio ambiente del Comune di Orosei controllavano le buste abbandonate. Sas Linnas Siccas era finalmente pulita!


Qualche giorno dopo la situazione era questa...

Voglio comunque ringraziare tutti coloro che hanno partecipato alla Giornata ecologica, in modo particolare i bambini che hanno dimostrato un particolare interesse per l'ambiente.

Da Bologna, Stefano Salgò

 
 
 

GALTELLÌ. Presso la casa museo "Domo Nostra" sarà inaugurata la mostra fotografica di HARALD SCHARADER

Post n°10962 pubblicato il 21 Novembre 2014 da valledelcedrino

Su iniziativa dell'Associazione culturale Atzovios "Amici di Grazia Deledda", sabato 22 novembre, alle ore 17.30, presso la casa museo "Domo Nostra" sarà inaugurata la mostra fotografica di HARALD SCHARADER, fotografo di Hannover, la mostra dedicata ad URSUAL WAGNER, artista tedesca scomparsa recentemente. L'artista amava molto   Galtellì, perchè di questo paese ne ammirava il paesaggio, la storia, l'arte, l'architettura che caratterizza l'antico borgo e l'ospitalità dei suo cittadini. Proprio la mostra, presenterà l'ultima performance realizzata con l'artista locale ZIZZU PIRISI SPANU, nei luoghi del narrato dell'importante opera di Grazia Deledda Canne al vento. A contorno della manifestazione, il coro Sos Cantores de Garteddi, presenterà alcuni brani dei canti sacri dell'antica tradizione galtellinese, insieme a JOYCE TSANG, soprano americana di origine cinese e componente dell'orchestra nazionale canadese con sede a Montreal. L'iniziativa e realizzata anche con il patrocinio dell'assessorato alla cultura del comune di Galtellì.

 

 
 
 

COMUNICATO STAMPA ASSESSORE SORO PER APPROVAZIONE DELIBERE PROTEZIONE CIVILE IN CONSIGLIO

Post n°10961 pubblicato il 21 Novembre 2014 da valledelcedrino

PROVINCIA DI NUORO

L’Assessore alla Protezione civile

Alle Redazioni giornalistiche  

LORO SEDI

 

COMUNICATO STAMPA 

Il Consiglio provinciale ha approvato questa mattina all’unanimità due delibere proposte dall’assessore alla Protezione Civile Renzo Soro relative alla istituzione del Comitato provinciale di Protezione civile ed alla istituzione della Consulta provinciale delle associazioni di Protezione civile.

“Mentre si discute di riordino degli enti locali con i problemi che questo sta comportando, spiega Renzo Soro, la Provincia ha il dovere morale, oltre che l’obbligo, di esercitare compiti e funzioni che le sono state attribuite da leggi nazionali e regionali. Il Comitato era già stato istituito nel 2005 ma con una articolazione ormai superata visto che si faceva riferimento alla vecchia provincia.

Inoltre  era necessario adeguarne la composizione e snellire al massimo il Regolamento in modo che il Comitato del quale fanno parte sulla base della legge 225/92 istitutiva del Servizio nazionale della Protezione Civile le componenti e le strutture operative, possa operare al meglio” .

Il Comitato provinciale di Protezione Civile assicura lo svolgimento dei compiti relativi alla rilevazione, raccolta ed elaborazione dei dati interessanti la Protezione civile; alla predisposizione di programmi provinciali di previsione e prevenzione dei rischi in armonia con i programmi nazionali e regionali.           

Sono  COMPONENTI DI DIRITTO il Presidente della Provincia o suo delegato, il Prefetto o suo delegato. Sono invece COMPONENTI EFFETTIVI:

Il DIRETTORE GENERALE PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA, IL COMANDANTE PROVINCIALE VV.FF., IL COMANDANTE PROVINCIALE DEL CORPO FORESTALE E DI VIGILANZA AMBIENTALE, IL DIRETTORE DEL SERVIZIO TERRITORIALE ENTE FORESTE,

 Il SINDACO DEL COMUNE CAPOLUOGO, IL RESPONSABILE 118, IL RAPPRESENTANTE DELLA CONSULTA ASSOCIAZIONI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA, IL RAPPRESENTANTE DEL SOCCORSO ALPINO E il RAPPRESENTANTE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA.

“Per quanto riguarda la Consulta provinciale delle associazioni di volontariato della Protezione civile, sottolinea Soro, la sua istituzione era un atto non solo necessario ma anche di riconoscimento del lavoro svolto in questi anni dai volontari, per valorizzare al massimo l’operato delle nostre associazioni ma anche per dare loro un giusto ruolo di rappresentanza anche a livello regionale e nazionale. La Consulta sarà uno straordinario strumento a supporto della Provincia ed anche dei Comuni   per il coordinamento e l’utilizzo del volontariato di Protezione civile;  per la valorizzazione e la qualificazione della attività svolta dai soci operativi nell’ambito delle attività di Protezione civile: prevenzione, pianificazione, soccorso e  superamento dell’emergenza;  per la collaborazione tra le organizzazioni, tra le organizzazioni e le altre componenti e strutture operative del Sistema nazionale di Protezione Civile; - per l’informazione alla popolazione sui rischi, sui comportamenti di autoprotezione, sull’importanza delle attività di prevenzione e mitigazione del rischio”.

Già nei prossimi giorni, conclude l’assessore provinciale alla Protezione civile Renzo Soro, procederemo alla convocazione del Comitato ed alla convocazione delle associazioni per procedere all’elezione del Presidente e del Consiglio Direttivo”.

 NUORO 20 NOVEMBRE 2014

 
 
 

Mula: «Dopo l'alluvione solo briciole»

Post n°10960 pubblicato il 21 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 21 novembre 2014


Orosei, le accuse del sindaco che sollecita azioni concrete per la messa in sicurezza delle opere

Le immagini dell'alluvione che ha sconvolto il territorio, la Valle del Cedrino non potrà mai dimenticarle. Scene infernali, quasi apocalittiche, hanno tolto la serenità a tante famiglie. E nonostante la solidarietà iniziale dimostrata dalle istituzioni, a distanza di un anno dal ciclone Cleopatra anche a Orosei monta la polemica per i mancati interventi a favore dei nuclei familiari e delle attività produttive che in quei giorni di pioggia e fango hanno subìto danni ingenti. La denuncia è del sindaco Franco Mula, portavoce del malumore di un intero territorio. «Nonostante le promesse da parte dello Stato di mettere a disposizione della Sardegna 200 milioni di euro - denuncia il primo cittadino di Orosei - alla nostra isola ne sono arrivati appena 20». Briciole, insomma, di fronte alla devastazione prodotta dall'alluvione, che ha inghiottito persone e cose scrivendo delle terribili pagine di storia. «La comunità di Orosei piange ancora l'imprenditore Pasqualino Contu - prosegue il sindaco Mula - che nell'arco di dieci anni aveva subito ben 4 alluvioni». Per il primo cittadino la domanda è inevitabile. «Quante altre vittime dovranno cadere per far sentire le nostre ragioni - si chiede Franco Mula - e perché il nostro territorio sardo, martoriato, viene sbeffeggiato anche in questo modo dallo Stato, visto che anche noi siamo cittadini italiani come tutti gli altri?». La polemica investe anche la Regione, esortata ad avviare azioni più concrete per garantire non solo la ricostruzione, ma anche tutte le opere necessarie affinché i giorni di pioggia torrenziale non spaventino più i territori e i cittadini; «Credo di rappresentare il sentimento di tanti sindaci sardi e di innumerevoli abitanti che si sentono ancora una volta ingannati da chi ci dovrebbe rappresentare e difendere» conclude il primo cittadino di Orosei, che di fronte alla gravità del momento non le manda di certo a dire agli organi preposti di Stato e Regione in materia di indennizzi e sicurezza. Un urlo che in Baronia diventa grido straziante di fronte all'escalation di danni e di drammi causati dagli eventi naturali degli ultimi anni. La pioggia fa paura. Terrorizza numerosi Comuni e migliaia di abitanti, che nella fascia che corre da Torpé sino alla Valle del Cedrino non si sono ancora ripresi dalle calamità naturali, attendendo ancora oggi l'arrivo dei soldi promessi dallo Stato che, inspiegabilmente, giacciono lontano dalle zone alluvionate. Che a loro volta denunciano grande malessere.


 

di Salvatore Martini

 
 
 

OROSEI. No alla chiusura della Stradale oggi se ne parla in Consiglio

Post n°10959 pubblicato il 21 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 21 novembre 2014


L'ordine del giorno è a dir poco ricco di argomenti, che riguardano temi di grande importanza per il futuro del territorio. Il consiglio comunale di Orosei si riunisce infatti oggi alle 18 in seduta straordinaria per discutere di usi civici, di risorse geotermiche e del rischio di chiusura del distaccamento della polizia stradale del paese. Su quest'ultimo punto la classe politica è compatta. Il distretto di Orosei – e più in generale tutta la Valle del Cedrino - non vuole rinunciare a questo presidio di pubblica sicurezza, portando avanti una posizione ben precisa. Sull'argomento si sono espressi nei giorni scorsi anche la locale Unione dei Comuni e l'amministrazione civica di Dorgali, dopo che da remota eventualità, quella della chiusura della Polstrada è diventata un rischio ben più che concreto. Il consiglio comunale di Orosei, così, nella seduta di oggi intende ribadire il suo secco no alla soppressione del distaccamento della stradale, sottolineando l'importanza che riveste per la difesa dell'intero distretto. Per Orosei, inoltre, questo provvedimento avrebbe il sapore di una doppia beffa, considerato che, a suo tempo, l'accordo intercorso tra il Comune e il Ministero competente per la realizzazione del fabbricato da adibire a stazione di polizia stradale è sfociato nell'accensione di un mutuo di cui Orosei continua tuttora a pagare le rate. Oggi è quindi prevista l'approvazione di un ordine del giorno, col quale il consiglio comunale intende rivendicare l'annullamento del provvedimento di chiusura, che avrebbe effetti deleteri per il territorio sul fronte della sicurezza stradale, tra l'altro in una zona ad alta intensità turistica che, nei mesi caldi, porta ad un incremento radicale delle presenze. Il distaccamento della Polstrada deve rimanere a Orosei, insomma, E su questo il Consiglio non ha alcun dubbio e non intende retrocedere di un millimetro.

di Salvatore Martini

 

 
 
 

Orosei si tuffa nel rugby

Post n°10958 pubblicato il 21 Novembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 21 novembre 2014


Il presidente della nuova società: «Puntiamo a un percorso di cultura sportiva»

Il rugby approda a Orosei dove è nata una nuova società. In poco tempo, infatti, questo sport ha attirato l'attenzione di tanti giovani e ragazzi. Tutta gente in cerca di una disciplina dove l'agonismo è tutto o quasi. Insomma una bella novità che sta coinvolgendo anche giovani dei centri vicini. Presidente del nuovo sodalizio è Paolo Basolu, mentre gli allenatori della prima squadra sono, Simone Etzi, Antonello Coccollone e Davide Savona. Allenatore della squadra Under è l'argentino Lisandro Bedotti. Questa la rosa dei giocatori: Giacomo Patteri, capitano, Ivan Chessa, Danilo Zuddas, Danilo Spina, Giangiuseppe Serra,Tony Mula, Lisandro Bedotti, Antonio Novi, Manuel Dessena, Giuseppe Patteri, Francesco Patteri, Daniele Congiu, Andrea Silba, Andrea Chisu, Francesco Chines, Gabriele Dessena, Stefano Piras, Luigi Dessena, Antonio Dessena, Mauro Loddo, Davide Murreddu e Marco Orrù. Gli under dai 6 ai 16 anni partecipano al campionato di categoria e i senior si preparano affrontando le altre squadre sarde in amichevoli e tornei. «Nasciamo per intraprendere un percorso nuovo di cultura sportiva dando il nostro massimo impegno per crescere i giovani facendo un discorso sociale e di crescita della comunità - dice il presidente - in assenza di spazi per svolgere la nostra disciplina ad Orosei siamo stati accolti dal comune di Loculi che ci ospita e collabora attivamente con noi. Accogliamo in squadra anche ragazzi e bambini con problemi di disabilità fisica e sociale e collaboriamo con i genitori di tutti i bambini coprendo la loro disciplina scolastica e familiare oltre a quella sportiva»

Nino Muggianu

 
 
 

I Corvi Rugby volano a Loculi: prima gara ufficiale con l'Olbia

Post n°10957 pubblicato il 21 Novembre 2014 da valledelcedrino

da L’UNIONE SARDA di venerdì 21 novembre 2014


OROSEI. Presentazione alle 15, kick off alle 16

A Ovalia spesso i sogni diventano realtà. Domani i Corvi Orosei disputeranno la prima gara ufficiale con (nel rugby mai “contro”) l'Olbia Rubgy. Il quindici in nero vedrà in prima linea Danilo Zuddas, Lisandro Bartolatti e Stefano Pischedda. Seconda linea con Danilo Spina e Ivan Chessa, terza con Antonio Nolvi, Alessandro Baire e Andrea Silba. Mediano di mischia Giacomo Patteri, all'apertura Andrea Chisu. Completano il combo Gabriele Dessena, Francesco Patteri, Giuseppe Patteri, Manuel Congiu e l'estremo Giuseppe Serra. Nel secondo tempo i tutti neri della Baronia potranno pescare dalle fila esperte del Shardana old Rugby Capoterra. Gente dalle mani (e dai piedi) buonissimi come Giovanni Gambula, apertura con un glorioso passato nel Cus Genova e il flanker Fabio Farigu. Una dose di esperienza per contrastare al meglio il rognoso quindici di Terranova. Il primo tempo si disputerà con le regole Old (placcaggi su base volontaria in base al colore del pantaloncino), nel secondo tempo quaranta minuti di puro rugby. Prima della gara, alle 15, gli atleti saranno ricevuti dall'amministrazione comunale, un'occasione per presentare la squadra alla cittadinanza di Loculi. Kick off alle 16 al comunale. Sull'erba un nugolo di corvetti dal 12 ai 14 anni, la prima nidiata figlia dell'entusiasmo contagioso della Baronia per la palla ovale. Alle 17 test match seniores tra Corvi Orosei Rugby più Shardana Old Rugby e Olbia Rugby. Un robusto terzo tempo chiuderà il sipario. Simone Etzi, capitano dell'Old Capoterra e ambasciatore ovale in Baronia, è uno degli artefici di questo piccolo miracolo. «Per noi è una grande emozione, mai avrei pensato di trovare un entusiasmo del genere. Nulla sarebbe stato possibile senza Lisandro Bartolotti, Daniele Savona e Antonello Coccollone».

( si. l. )

 

 
 
 
Successivi »
 
 






 

INSTALLATO

14 marzo 2011

 

SALVATORE NANNI: POETA.

 

I COMMENTI DI SPORT.

 

E-MAIL

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

Scudo della Rete

 

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog