Blog
Un blog creato da valledelcedrino il 27/08/2008

Valle del Cedrino

Le comunità di Galtellì, Irgoli, Loculi, Onifai e Orosei, si impongano per l'altezza delle idee e la dignità dell'espressione, affinchè siano in grado di vedere al dì là dei propri confini.

 
 

 


Gruppo d'Intervento Giuridico


 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: valledelcedrino
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: NU
 

 

 
La Baronia è rappresentata alla cronache dai media nazionali e regionali. Siamo raffigurati giornalmente da stimati corrispondenti de L’Unione Sarda e La Nuova Sardegna. Pertanto questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le recessioni giornalistiche inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet e dai quotidiani, qualora la loro pubblicazione violasse i diritti d'autore, previa segnalazione, verranno rimosse. Queste testate giornalistiche assumono una posizione di netto privilegio rispetto alle altre forme di manifestazione del pensiero, raccontando e interpretando una loro versione dei fatti, ed ecco perché il diritto alla critica costruttiva la aspettiamo, la pretendiamo dagli utilizzatori di questo libero spazio mediatico, NON sono io che devo convincere all’ennesima verità, siete voi fruitori di questo angolo mediatico che rappresentandovi, aiutate la Nostra comunità, unendoci per abbattere gli ostacoli ideologici e campanilistici che ancora ci separano e non ci portano da nessuna parte. Con sincero rispetto, Vi auguro serenità.
 

 

SERENITÀ E PACE

Ci sono stati uomini che hanno scritto pagine Appunti di una vita dal valore inestimabile Insostituibili perché hanno denunciato il più corrotto dei sistemi troppo spesso ignorato Uomini o angeli mandati sulla terra per combattere una guerra di faide e di famiglie sparse come tante biglie su un isola di sangue che fra tante meraviglie fra limoni e fra conchiglie... massacra figli e figlie di una generazione costretta a non guardare a parlare a bassa voce a spegnere la luce a commentare in pace ogni pallottola nell'aria ogni cadavere in un fosso Ci sono stati uomini che passo dopo passo hanno lasciato un segno con coraggio e con impegno con dedizione contro un'istituzione organizzata cosa nostra... cosa vostra... cos'è vostro? è nostra... la libertà di dire che gli occhi sono fatti per guardare La bocca per parlare le orecchie ascoltano...Non solo musica non solo musica La testa si gira e aggiusta la mira ragiona A volte condanna a volte perdona Semplicemente Pensa prima di sparare Pensa prima di dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Ci sono stati uomini che sono morti giovani Ma consapevoli che le loro idee Sarebbero rimaste nei secoli come parole iperbole Intatte e reali come piccoli miracoli Idee di uguaglianza idee di educazione Contro ogni uomo che eserciti oppressione Contro ogni suo simile contro chi è più debole Contro chi sotterra la coscienza nel cemento Pensa prima di sparare Pensa prima di dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Ci sono stati uomini che hanno continuato Nonostante intorno fosse [tutto bruciato Perché in fondo questa vita non ha significato Se hai paura di una bomba o di un fucile puntato Gli uomini passano e passa una canzone Ma nessuno potrà fermare mai la convinzione Che la giustizia no... non è solo un'illusione Pensa prima di sparare Pensa prima dì dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Pensa.

canzone di Fabrizio Moro

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Orosei. Screening sulla prostata

Post n°10743 pubblicato il 16 Settembre 2014 da valledelcedrino

 
 
 

A Orosei un settembre da record

Post n°10742 pubblicato il 16 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di martedì 16 settembre 2014


Gli imprenditori turistici brindano ai numeri delle presenze di vacanzieri

In una stagione estiva tanto anomala quanto sorprendente, Orosei scopre un "settembre da urlo". Il pienone d'agosto, che aveva confortato parzialmente i desolanti mesi di giugno e luglio flagellati (oltre che dalla crisi)' dall'inclemenza del tempo, è continuato con ottimi numeri di presenza sino a tutt'oggi e dovrebbe "tirare" sino almeno a fine il mese. Si dicono piacevolmente soddisfatti di questo allungamento stagionale sia il grosso imprenditore alberghiero che il titolare di campeggio, il barista di spiaggia e il ristoratore. Ma anche il commerciante che queste attività rifornisce. «La tendenza era questa già - da alcuni anni - dice Piero Loi della Iti Hotels che specie alla Marina di Orosei segna ancora il quasi tutto esaurito nelle sue strutture ricettive - Maggio e giugno hanno temperature e meteo molto imprevedibili mentre settembre e anche le prime settimane di ottobre garantiscono maggiore stabilità e giornate di bello. Poi conta molto anche l'organizzazione e il lavoro di programmazione». Praticamente identica l'analisi che fa di questo settembre delle meraviglie Antonangelo Dessena, uno dei soci che da anni gestisce il campeggio comunale di Cala Ginepro: «Mai come quest' anno la clientela si è dimostrata meteodipendente e condizionata dalle previsioni del tempo. Rispetto all'anno scorso sia agosto che appunto settembre marcano un segno percentuale positivo nel conteggio delle presenze è ci sono tutti i presupposti perché il fenomeno continui ancora». Piacevolmente sorpresi anche i titolari di bar e punti di ristoro delle spiagge di Cala Liberotto anche se solo per il movimento balneare giornaliero. Ma la mancanza di movida serale nel comparto turistico più noto di Orosei non è purtroppo una novità e il degrado di Cala Liberotto rimane una delle maggiori emergenze vacanziere oroseine. Sorridono invece a tutto tondo ristoratori e baristi di Orosei centro, invaso come non mai a settembre da turisti stranieri, (coppie e giovani famiglie con prole spagnole e francesi soprattutto) che sia a pranzo che a cena animano (nonostante la festività del Rimedio in corso) i loro locali. «Oltre che importantissimo per il giro d'affari complessivo di questa stagione delle vacanze - dice Efisio Fattacciu titolare di una apprezzato bistrot in piazza del Popolo - i segnali di gradimento del turista settembrino verso Orosei sono incoraggianti per il futuro di chi in questi anni bui ha comunque investito sulla professionalità del personale, sulla struttura e sulla genuinità dei prodotti offerti».

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

La Dorgalese ha la meglio sulla Fanum Orosei

Post n°10741 pubblicato il 15 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 15 settembre 2014


I barbaricini superano i baroniesi con una doppietta di Congiu e un gol del neoacquisto Patteri

FANUM OROSEI – DORGALESE  0 a 3

FANUM: Salis, Caggiu, Branchitta, Polizi (46' Porru), Sanna, Fois, lai F., Carrone, Fancello (Milia), Spina, Talanas (73' Patteri). A disposizione: De Marchi, Patteri, Manca, Milia, Camboni, lai A., Porcu.

DORGALESE: Canu, Mameli, Patteri E., Ruiu, Solinas, PiIi, Baratelli, Patteri M., Ticca (70' Aversano), Fronteddu Alex (78' Fronteddu D.)., Congiu (76' Fronteddu Andrea). A disposizione: Ruiu S., Pilia, Dessolis. Fronteddu A., Ruiu Gianni, Aversano.

ARBITRO: Ventuleddu di Sassari, Puggioni di Sassari e Taras di Nuoro.

RETI: 6' e 45' Congiu; 28' Patteri M

Con una doppietta di Luca Congiu e un gol del neo acquisto Mauro Patteri , la Dorgalese passa il turno in Coppa dopo il 3 a 1 casalingo. Una partita che ha avuto storia nel primo quarto d'ora quando la squadra di Franco Dessolis ha tentato inutilmente di scardinare la difesa degli ospiti. Dopo di che i ragazzi allenati da Sergio Cucca hanno preso in mano la situazione giocando un ottimo calcio. La squadra di casa ha provato a rendersi pericolosa, ma contro una difesa orchestrata da un Franco Roccia Solinas in splendida forma, non c'era nulla da fare. Resta comunque per la squadra di Orosei un ottimo rodaggio per il ritorno nel campionato di Promozione dopo 32 anni che inizierà domenica prossima. Pronti via, tiro di Talanas che vede Canu fuori dai pali ma non si fa sorprendere.3, punizione di Fabrizio Lai, Canu para in sicurezza. 6 Dorgalese in vantaggio, ripartenza sulla destra innescata da Emiliano Canu che apre su Fancello, traversone per Luca Congiu che insacca. 8 tiro di Lai alto, 17" punizione di Lai Canu con i pugni. 23° Maurizio Patteri salta anche Salis ma poi sbaglia un gol già fatto; non sbaglia però al 28 con una percussione centrale. Dorgalese che insiste e allo scadere trova il terzo goal con Congiu dopo una bellissima azione corale. Nella ripresa succede poco e niente se non qualche tiro dalla lunga distanza. La Dorgalese, paga del risultato, tira i remi in barca e aspetta il triplice fischio del direttore di gara.

Nino Muggianu


Fanum Orosei fuori, Dorgalese in marcia

da L’UNIONE SARDA di lunedì 15 settembre 2014

La Fanum esce dalla Coppa al primo turno. Contro la Dorgalese, gli uomini di Dessolis hanno evidenziato una forma atletica ancora lontana dal top. La gara si apre con gli ospiti in avanti e al 6' Congiu castiga la difesa oroseina finalizzando alla perfezione un traversone di Ticca. Al 28' il raddoppio della dorgalese con M. Patteri. Allo scadere della prima frazione, ancora Congiu che sigla il definitivo 3 a 0.

(f. u.)

 
 
 

Domani a Orosei un convegno sul fondo per il microcredito

Post n°10740 pubblicato il 15 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 15 settembre 2014


Domani alle 19,30 nella sala consiliare del Comune la Confimpreseitalia organizza una conferenza sul microcredito. Si tratta della selezione dei progetti da ammettere al finanziamento del "Fondo microcredito Fse", Por 2007-2013 negli Assi II e III. Il primo asse (Occupabilità), con l'obiettivo di attuare politiche del lavoro attive e preventive, con particolare attenzione all'integrazione dei migranti, all'invecchiamento attivo, al lavoro autonomo e all'avvio di imprese. L'asse III (Inclusione sociale) ha invece come obiettivo speciale quello di sviluppare percorsi integrati e migliorare il Cre) inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati per combattere ogni forma di discriminazione nel mercato del lavoro. Ad aprire la conferenza sarà l'intervento del sindaco Franco Mula mentre Antonello Basolu e Roberto Del Piano per la confederazione sindacale datoriale delle micro, piccole e medie imprese cureranno l'illustrazione dei contenuti del bando e delle procedure. Al termine del dibattito sono previsti incontri individuali. Anche per questo i soggetti interessati sono pregati di dare conferma di partecipazione al 3338331087

di Angelo Fontanesi

 
 
 

OROSEI, CANTIERE COMUNALE

Post n°10739 pubblicato il 15 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 15 settembre 2014


Il  Comune di Orosei assumerà per il cantiere comunale 2 muratori per due mesi. È necessario essere residenti o domiciliati nel paese, disoccupati o inoccupati iscritti al Csl di Siniscola. Rivolgersi entro il 22 settembre alla sede decentrata di Orosei del Csl, tel: 0784.997108, email: oresei.csl@provincia.nuoro.it

 
 
 

Galtellì, interrogazione sulle condotte danneggiate

Post n°10738 pubblicato il 14 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di domenica 14 settembre 2014

«I paesi della Valle del Cedrino collegati solo all'invaso di Pedra 'e Othoni»

Il consigliere provinciale Gesuino Beccari ha scritto al presidente Tidu:

Pericolo per la salute pubblica per lo scarico di liquami nell'invaso del Cedrino

Dallo scorso fine novembre l'approvvigionamento idrico potabile dei cinque paesi della Valle del Cedrino è garantito esclusivamente dalle acque dell'invaso di Pedra 'e Othoni. L'ultima alluvione ha infatti semidistrutto le opere di interconnessione tra l'acquedotto di Olai e le fonti di Su Gologone che, dopo anni di battaglie e contenziosi, garantivano l'approvvigionamento del potabilizzatore di Taddore a servizio dei paesi di Galtellì, Orosei, Onifai, Irgoli e Loculi. Un effetto collaterale del nubifragio a rilascio prolungato che il consigliere provinciale dei Riformatori il galtellinese Gesuino Beccari ha tradotto in un'interrogazione urgente al, presidente della Provincia di Nuoro Costantino Tidu. «L'approvvigionamento idrico dei comuni della bassa Baronia resta un grosso problema irrisolto - scrive Beccari - con il costante pericolo per la salute pubblica dato dall'utilizzo del liquame dell'invaso sul Cedrino. Le condotte adduttrici che da Olai collegavano su Gologone sono state seriamente danneggiate con scarse possibilità di ripristino per mancanza di fondi. La fragilità di queste condotte - aggiunge il consigliere dei Riformatori – era stata manifestata dal sottoscritto nelle riunioni e sedi competenti, senza però avere nessuna risposta e peggio ancora, senza presa di impegno da parte delle autorità incaricate». La soluzione ideale, secondo il consigliere Beccari, rimane quella dell'utilizzo dell'acqua di Su Gologone. «Al fine di arrivare quanto prima ad una soluzione efficace e condivisa - conclude il consigliere provinciale Beccari nella sua interrogazione - chiedo pertanto al Presidente e al Consiglio della Provincia di dare mandato all' assessore provinciale all'Ambiente di aprire un tavolo di lavoro permanente fra i sindaci dei Comuni coinvolti e i tecnici qualificati del nostro Ente affinché si trovi una soluzione definitiva e condivisa». Il caso è stato già adottato dall'esecutivo di Piazza Italia mentre giovedì prossimo sarà discusso dal consiglio provinciale.

di Angelo Fontanesi




Come da cortese richiesta pubblico integralmente
l'Interrogazione a firma del Consigliere Provinciale
Gesuino Beccari

 
 
 

OROSEI. Gite all'estero per gli anziani del paese

Post n°10737 pubblicato il 14 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di domenica 14 settembre 2014


Stanno diventando un must le gite per anziani all'estero organizzate dall'assessorato ai Servizi sociali di Orosei. Dopo i paesaggi introspettivi e le architetture delle capitali mitteleuropee e della regione del Danubio e la vivacità e i colori dell'Olanda visitate gli anni scorsi, stavolta l'itinerario proposto agli oroseini over 55 dall'assessore ai Servizi sociali Silvia Dessena attraversa la penisola iberica con le sue tradizioni e le sue fascino se bellezze. Il programma del soggiorno che si svolgerà dal 15 al 22 ottobre verrà illustrato domani alle 15 presso la sala consiliare. «La destinazione sarà Madrid e Santiago de Compostela, che ben rientra nella storia e cultura di Orosei e del nostro patrono S. Giacomo Apostolo - anticipa l'assessore Dessena - ma sono previste anche le visite di Burgos, città della Castiglia e Leon che custodisce importanti testimonianze di epoca medievale. Successivamente si proseguirà per Oviedo, ricca di monumenti e chiese che l'Unesco ha dichiarato patrimonio dell'umanità». Le persone interessate potranno presentare domanda entro e non oltre il 23 settembre.

di Angelo Fontanesi

 
 
 

OROSEI. Parte il cammino di Santu Jacu

Post n°10736 pubblicato il 13 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di sabato 13 settembre 2014


Turismo religioso, il progetto presentato nel santuario del Rimedio

I primi 1500 pellegrini del Cammino di Santu Jacu hanno già completato il loro itinerario di fede. Ancora non hanno la pergamena con i timbri ufficiali,come accade nel ben più famoso cammino omonimo, quello di Santiago di Compostela; ma arriverà presto anche quella. Lo ha annunciato ieri mattina il sindaco di Mandas Umberto Oppus, ente capofila del progetto di turismo religioso che ieri ha ufficialmente preso il via. Il progetto è stato illustrato nei dettagli durante una conferenza tenuta all'interno del santuario del Rimedio alla presenza dei sindaci di Orosei Franco Mula, di Perdaxius Gianfranco Trullu e del primo cittadino di Mandas (in rappresentanze delle otto comunità isolane coinvolte), e dall'ingegnere Antonio Sannio che ha curato il progetto nel suo sviluppo. I centri interessati: Mandas, Orosei, Ittireddu, Perdaxius Noragugume, Nughedu Santa Vittoria, Goni e Soleminis, hanno come patrono San Giacomo Apostolo e una grande devozione verso questo santo passato per la Sardegna due anni dopo la morte di Cristo, durante il suo viaggio verso la Spagna. Ideato nel 2007, il Cammino di Santu Jacu era stato inserito nel 2009 all'interno del piano di sviluppo regionale e nel 2012 nel registro dei cammini religiosi sardi. Sinora con un finanziamento di 2 milioni di euro, sono state effettuate le ristrutturazioni e le opere di recupero delle parrocchie, mentre ieri è stato presentato il progetto che include l'intera mappatura tramite Gps delle zone interessate e i prospetti per la realizzazione nelle pensiline dove i pellegrini potranno ritirare la carta del pellegrino che attesterà la certificazione del percorso effettuato. Opere che devono essere ancora realizzate ma questo non significa che il cammino non possa già essere percorso. «Tutte le carte sono già disponibili su internet» ha spiegato Sannio che ha sottolineato come il Cammino di Santu Jacu sia anche un progetto di viabilità riscoperta visto che nessuna nuova strada è stata costruita, sono invece stati riscoperti vecchi camminamenti. I sindaci stimano in 200mila i pellegrini che ogni anno percorreranno il Cammino e invitano i privati ad accoglierli a prezzi accessibili a tutti. «Il turismo religioso è un business in costante crescita - ha affermato il sindaco di Orosei Franco Mula - ma noi pensiamo anche alla presentazione del territorio oroseino sotto un altro punto di vista». La scommessa insomma è quella di trovare il giusto equilibrio tra l'aspetto mistico e quello economico.


di Angelo Fontanesi

(ha collaborato Cecilia Fontanesi)

 
 
 

A Orosei sino al 25 settembre la festa del Rimedio

Post n°10735 pubblicato il 12 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 12 settembre 2014

LA SAGRA

A Orosei c'è un'altra Epifania che si porta via tutte le feste della movida estiva. Sono le due novene e la festa di Nostra signora del Rimedio che quest'anno sono cominciate il6 settembre e si concluderanno il prossimo 25. Periodo durante il quale le cumbessias del santuario mariano più famoso della Baronia diventano il punto di riferimento serale di tutta la comunità oroseina ma anche dei paesi vicini, con centinaia di famiglie ospitate in quelle che una volta erano celle spartane di preghiera diventate ora piccole suite dotate di ogni confort sanitari grazie al lavoro volontario svolto durante i decenni dai diversi priorati. Le giornate di novena sono scandite dalle messe, dalle riflessioni e dalle iniziative religiose organizzate per l'evento dalla Chiesa oroseina, ma è altrettanto profondo e sentito anche il senso dei festeggiamenti civili che si tengono sul palco allestito all'interno del fascinoso cortile del santuario e che cominciano proprio oggi, Alle 21.30 infatti sul palco del Rimedio debutterà una inedita collaborazione artistica nata tra il coro locale femminile Urisè e l'attrice regista oroseina di Bocheteatru Monica Corimbi che portano in scena una autoironica piece sulla figura della donna. Sabato dalle 22 spazio invece per il concerto della cantante popolare sarda Maria Giovanna Cherchi mentre domenica 14, giorno della festa, è in programma una serata folk con i gruppi Su Rimediu di Orosei, San Basilio,Porto Torres ed il tenore Antonio Milia di Orosei. Per sabato 20 settembre in programma un nuovo spettacolo di folclore isolano con una gara di canto a chitarra tra i cantanti, Emanuele Bazzoni, Marco Manca e Franco Antonello Dessena accompagnati alla fisarmonica da Claudio Dessena e alla chitarra da Nino Manca. Infine, domenica 21, ancora folclore locale con le esibizioni del gruppo folk Santa Rughe di Orosei e del gruppo minifolk Sa Baroniesa di Irgoli.

di Angelo Fontanesi

 
 
 

Ippoterapia, voucher provinciali

Post n°10734 pubblicato il 12 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 12 settembre 2014


RIABILITAZIONE EQUESTRE

Il nuovo bando mette a disposizione un fondo di 82mila euro

Garantirà voucher a un centinaio di famiglie il nuovo bando per agevolare la frequenza di percorsi di riabilitazione equestre a favore di soggetti svantaggiati pubblicato dalla Provincia di Nuoro sul proprio sito istituzionale, nell'ambito del progetto comunitario Ippotyrr 2. Possibili beneficiari, fra i quali sarà ripartito un finanziamento complessivo di circa 82mila euro, sono tutti coloro che hanno condizioni di disabilità accertata, le cui condizioni psicofisiche possono trarre beneficio da attività come l'ippoterapia e sono in possesso di una certificazione rilasciata da un medico specialista. «Si tratta di una tappa importantissima del progetto», hanno spiegato ieri mattina l'assessore provinciale alla Cooperazione internazionale della Renzo Soro, e quello al Lavoro e alle politiche sociali Claudia Simula, nell'illustrare il bando per i voucher. «Soprattutto - hanno aggiunto - abbiamo potuto verificare, per testimonianza diretta degli interessati e delle loro famiglie, i risultati positivi ottenuti in termini di riabilitazione». «Consente alle famiglie e ai soggetti interessati di svolgere un'attività importante per migliorare la qualità della vita e l'inserimento sociale dei soggetti svantaggiati con un contributo alle spese che sono piuttosto significative, vista la necessità di acquistare abbigliamento idonee e il costo della riabilitazione, che deve prevedere un numero minimo di venti sedute». «Per questa ulteriore fase abbiamo necessità di avere il massimo sostegno da parte dei Servizi sociali dei Comuni e dei medici di famiglia affinché incoraggino la partecipazione al bando. Deve essere chiaro però che queste attività non si sostituiscono né si sovrappongono ad interventi di carattere socio assistenziale che sono competenza di altri soggetti».

 
 
 

Maltrattava il padre: in cella

Post n°10733 pubblicato il 12 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 12 settembre 2014


foto indicativa da Internet

Orosei, i carabinieri hanno arrestato il giovane e un uomo per resistenza

Resistenza e violenza a pubblico ufficiale: i carabinieri della stazione di Orosei hanno tratto in arresto due persone resesi responsabili di una serie di reati. Il primo episodio è avvenuto nel pomeriggio di mercoledì quando alla sala operativa dei militari è arrivata una chiamata che segnalava l'aggressione ai danni di un uomo da parte del figlio. Giunti sul posto, i militari sono entrati in casa trovando Cosimo Flore, oroseino 33enne, il quale, ubriaco, aveva appena aggredito il padre a seguito di un animata discussione che è poi degenerata. I carabinieri hanno cercato di riportare la calma ma il giovane, anziché placarsi, ha opposto resistenza ai carabinieri intervenuti per sedare la lite. Cosimo Flore, accompagnato in caserma per gli accertamenti del caso, ha continuato a dare in escandescenze con il risultato di finire in manette per resistenza. L'altro episodio conclusosi con un altro arresto, si è verificato poche ore dopo lungo una strada alla periferia del paese. Durante un normale controllo alla circolazione stradale, la pattuglia del comando stazione di Orosei ha fermato un'autovettura condotta da Antonino Corimbi, di 55 anni. L'uomo residente in paese, durante il controllo, dopo un animata discussione, si avventava sui carabinieri procurando loro lesioni. I militari dopo averlo immobilizzato, hanno proceduto ad un controllo dell'auto rinvenendo un grosso coltello illecitamente detenuto. Motivazioni che hanno portato al suo arresto per violenza lesioni e resistenza a pubblico ufficiale e porto di armi od oggetti atti ad offendere. Sia Flore che Corimbi sono stati tradotti nelle celle di sicurezza della compagnia di Siniscola e dopo aver affrontato il processo per direttissima, l'arresto è stato convalidato per entrambi.

(s.s.)

 
 
 

Orosei. Aggressione e resistenza, due arresti dei carabinieri

Post n°10732 pubblicato il 12 Settembre 2014 da valledelcedrino

da L’UNIONE SARDA di venerdì 12 settembre 2014


foto indicativa da Internet

Il figlio ubriaco aggredisce il padre e viene arrestato. È successo a Orosei dove è finitonei guai anche un automobilista che ha aggredito i carabinieri. I militari di Orosei li hanno tratti in arresto entrambi, accusati di violenza e resistenza. Il primo arresto è scattato quando alla centrale operativa di Siniscola è arrivata la segnalazione di una lite in famiglia. I militari hanno trovato Cosimo Flore, 33 anni, che ubriaco si era avventato contro il padre. Il giovane alla vista dei carabinieri ha opposto resistenza. In caserma ha continuato a dare in escandescenza costringendo i militari a trarlo in arresto. Poche ore più tardi, durante un servizio di controllo stradale, i militari hanno fermato un'auto al cui volante si trovava Antonino Corimbi, di 55 anni. I militari sono stati aggrediti dall'automobilista che colpendoli con violenza, ha procurato a uno delle lesioni. Per Corimbi sono scattate le manette ai polsi con l'accusa di violenza, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Con sè aveva un grosso coltello. Il giudice ha convalidato l'arresto.

( f. u. )

 
 
 

NOTA STAMPA Assessore Renzo Soro per voucher famiglie ribailitazione equestre

Post n°10731 pubblicato il 11 Settembre 2014 da valledelcedrino

PROVINCIA DI NUORO

Ufficio Europa 

  

NOTA STAMPA


PROGETTO IPPOTYRR 2 P.O. Marittimo 2007/2013

 

BANDO PER CONCESSIONE DI VOUCHER ALLE FAMIGLIE PER LA FREQUENZA DI PERCORSI DI RIABILITAZIONE EQUESTRE A FAVORE DI SOGGETTI SVANTAGGIATI

 

Dopo aver finanziato l’acquisto di attrezzature e l’infrastrutturazione dei Centri ippici per qualificarli nella riabilitazione equestre, l’Ufficio Europa della Provincia di Nuoro prosegue le sue attività previste dal progetto “IPPOTYRR 2” di cui è capofila, nell’ambito del P.O. Marittimo Italia-Francia 2007/2013.

Il nuovo bando pubblicato sul sito della Provincia www. provincia.nuoro.gov.it   destina risorse ai soggetti svantaggiati, in caso di minori alle famiglie, per favorire la loro frequenza a percorsi di riabilitazione equestre.

“Si tratta di una tappa importantissima del progetto, spiegano l’Assessore alla Cooperazione Internazionale Renzo Soro e l’Assessore al lavoro e alle Politiche Sociali Claudia Simula, perché consente alle famiglie ed ai soggetti interessati di svolgere una attività importante per migliorare la qualità della vita e l’inserimento sociale dei soggetti svantaggiati con un contributo alle spese che sono piuttosto signifficative vista la necessità di acquistare abbigliamento idoneo e  il costo della riabilitazione che deve prevedere  un numero minimo di venti sedute“.  L’importo complessivo è di poco più di 82.000 euro tale da poter accogliere le domande di un centinaio di richiedenti.

Un ulteriore intervento ha consentito di acquistare 4 pulmini che saranno affidati a ciascuno dei PLUS (Nuoro, Baronia, Mandrolisai e Marghine) per garantire un servizio sovracomunale di trasporto verso i Centri equestri. In questo caso la spesa sostenuta è di 90.000 euro.

“L’obiettivo del progetto IPPOTYRR 2 è quello di incrementare il numero dei Centri abilitati ed il numero di coloro che li frequentano, spiegano Renzo Soro e Claudia Simula, e  in questa ottica abbiamo già raggiunto obiettivi importanti.

Soprattutto abbiamo potuto verificare, per testimonianza diretta degli interessati e delle loro famiglie, i  risultati positivi ottenuti in termini di riabilitazione.

Per questa ulteriore fase abbiamo necessità di avere il massimo sostegno da parte dei Servizi sociali dei Comuni e dei medici di famiglia affinché incoraggino la partecipazione al bando. Deve essere chiaro però che queste attività non si sostituiscono né si sovrappongono ad interventi di carattere socio assistenziale che sono competenza di altri soggetti.

I destinatari dei voucher sono tutti coloro che hanno una condizione di disabilità accertata, le cui condizioni psico.fisiche possono trarre beneficio dalla frequenza di un percorso di riabilitazione equestre e sono  in possesso di una certificazione in tal senso da parte del medico specialista”. 

 
 
 

Irgoli. Convocazione consiglio comunale

Post n°10730 pubblicato il 11 Settembre 2014 da valledelcedrino

 
 
 

Soro: «Protezione civile, necessario il confronto»

Post n°10729 pubblicato il 11 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di giovedì 11 settembre 2014


L'assessore provinciale chiede alla direzione generale nuove linee guida:

«Dobbiamo introdurre criteri di premialità per le associazioni di volontariato»

L'assessore alla Protezione civile della Provincia di Nuoro, Renzo Soro, ha scritto una lettera al direttore generale della Protezione civile Regione Sardegna con la quale chiede vengano fatte delle integrazioni alla delibera relativa ai contributi alle organizzazioni di volontariato di protezione civile per l'annualità 2014. La giunta regionale ha deliberato infatti nei giorni scorsi l'istituzione del Centro funzionale decentrato che, oltre ad essere un obbligo di legge, è uno strumento fondamentale per attuare tutte le attività in materia di protezione civile. Questo darà un ruolo fondamentale a tutti i presidi territoriali e allo stesso volontariato di protezione civile che con i suoi circa 3.500 soci operativi rappresenta la vera e propria forza del sistema regionale di protezione civile. «Alla luce di queste novità - scrive nella lettera l'assessore Renzo Soro - le chiedo di valutare l'opportunità di inserire alcune modifiche alla delibera e di rinviare i termini per la presentazione delle domande. Credo infatti che in questa nuova ottica che è anche una prospettiva di crescita per il volontariato e per l'intero sistema regionale di Protezione civile - ha sottolineato Soro - si debbano e si possano introdurre criteri di premialità che vadano ad aggiungersi a quelli numerici stabiliti, per progetti finalizzati ad acquisti che abbiano valenza territoriale o di specializzazione in vista della realizzazione di veri e propri moduli di colonna mobile provinciale e regionale». L'assessore Renzo Soro chiede dunque al direttore generale della Protezione civile regionale che su questi argomenti ci sia la disponibilità ad un confronto sia con le Province sia con il volontariato in modo da definire un piano condiviso che porti verso nuovi, importanti e condivisi obiettivi. La Provincia di Nuoro intanto ha già avviato un confronto stretto con tutte le associazioni con le quali è stato concordato un programma di lavoro che prenderà l'avvio con l'istituzione della Consulta provinciale proprio per mettere insieme tutte le forze e ragionare in una logica territoriale e non di singole associazioni né di singoli Comuni. Ed in questo - come ha sottolineato l'assessore Renzo Soro - anche l'acquisto di mezzi ed attrezzature riveste un ruolo essenziale per dare risposte immediate in caso di evento.


 
 
 

OROSEI. Chiude con successo la seconda edizione del Cip Sardegna

Post n°10728 pubblicato il 11 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di giovedì 11 settembre 2014


«Se la prima edizione è stata un successo la seconda lo sarà senz'altro di più». Non aveva avuto dubbi venerdì scorso Emanuela Comella, presidente del Cip Sardegna, presentando il secondo Campus integrato organizzato dal Comitato Italiano Paralimpico della Sardegna a Orosei in collaborazione ancora con Inail come main partner. Il campus si è svolto anche quest' anno interamente all'interno del Resort Marina Beach, struttura ben attrezzata per la pratica di diverse discipline. Folta la partecipazione dei ragazzi con disabilità fisiche, intellettive e sensoriali che si sono confrontati in una cinque giorni di attività sportive con un indirizzo scientifico. «I ragazzi sono stati seguiti non solo dal punto di vista tecnico ma anche medico scientifico - ha spiegato la Comella – Così l'ultima giornata è stata dedicata a quelle gare nelle quali è stata rilevata una maggiore capacità dell'atleta». Presente per il secondo anno di seguito al Campus integrato di Orosei anche il presidente nazionale del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli. «Siamo una grande famiglia - ha detto - la mia presenza è per onorare il lavoro di Emanuela e del suo eccellente staff. La prima, edizione del Campus ha avuto il merito di essere stata copiata da altri Comitati paralimpici regionali italiani - ha detto sempre Pancalli – come quelli della Toscana e Emilia Romagna». Ricordando come il Cip oltre a rappresentare una grande dimensione competitiva dello sport italiano, cerca di dare un'opportunità sociale di riscatto ai disabili, il presidente ha voluto ringraziare le famiglie. «Senza il loro apporto non saremo ciò che siamo» ha sottolineato Pancalli.


di Angelo Fontanesi

 
 
 

OROSEI. Festa della Madonna del Rimedio

Post n°10727 pubblicato il 11 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di giovedì 11 settembre 2014


 

Grande attesa per l'ultimo appuntamento dell'estate in Baronia

Ad Orosei c'è un'altra Epifania che si porta via tutte le feste della movida estiva. Sono le due novene e la festa di Nostra signora del Rimedio che quest'anno sono cominciate il 6 settembre e si concluderanno il prossimo 25. Periodo durante il quale le cumbessias del santuario mariano più famoso della Baronia diventano il punto di riferimento serale di tutta la comunità oroseina ma anche dei paesi vicini. Centinaia di famiglie verranno ospitate in quelle che una volta erano celle spartane di preghiera diventate ora piccole suite dotate di ogni confort, grazie al lavoro volontario svolto durante i decenni dai diversi priorati. Associazioni pro tempore laiche che con cadenza quinquennale gestiscono sotto la supervisione della parrocchia e della Curia il patrimonio del complesso del Rimedio. Le giornate di novena sono scandite dalle messe, dalle riflessioni e dalle iniziative religiose organizzate per l'evento dalla Chiesa oroseina, ma è altrettanto profondo e sentito anche il senso dei festeggiamenti civili che si tengono sul palco allestito all'interno del fascinoso cortile del santuario e che cominciano proprio oggi. Alle 21.30 infatti sul palco del Rimedio debutterà un'inedita collaborazione artistica nata tra il coro locale femminile Urisè e l'attrice regista oroseina di Bocheteatru Monica Corimbi che portano in scena una autoironica piece sulla figura della donna. Sabato, dalle 22, spazio al concerto della cantante popolare sarda Maria Giovanna Cherchi mentre domenica 14, giorno della festa, è in programma una serata folk con i gruppi Su Rimediu di Orosei, San Basilio, Porto Torres ed il tenore Antonio Milia di Orosei. Per sabato 20 settembre, in programma un nuovo spettacolo di folclore isolano con una gara di canto a chitarra tra i cantanti, Emanuele Bazzoni, Marco Manca e Franco Antonello Dessena accompagnati alla fisarmonica da Claudio Dessena e alla chitarra da Nino Manca. Infine, domenica 21, ancora folclore locale con le esibizioni del gruppo folk Santa Rughe di Orosei e del gruppo minifolk Sa Baroniesa di Irgoli.

di Angelo Fontanesi

 

 

 

 
 
 

Via ai lavori di arginatura del rio Sos Alinos

Post n°10726 pubblicato il 10 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di mercoledì 10 settembre 2014


Orosei, ci sono voluti dieci anni e due alluvioni per far partire il progetto finanziato dalla Regione

Ci sono voluti dieci anni e due alluvioni devastanti, ma alla fine qualche giorno fa l'amministrazione comunale ha potuto finalmente consegnare i lavori di arginatura e messa in sicurezza del rio Sos Alinos con tecniche di ingegneria naturalistica alla Mgm srl Costruzioni di Arzana. Lavori coperti con fondi regionali per un importo complessivo di un milione e duecentomila euro. La necessità di intervenire idraulicamente sul tratto finale del rio che dà il nome alla borgata costiera oroseina, si era manifestata in tutta la sua impellenza già all'indomani dell'alluvione del dicembre 2004. L'arginatura leggera del tratto del torrente, che dai pressi del ponte sulla statale 125 arriva sino alla "foce ad apertura variabile" (come alla Marina per il Cedrino) nella spiaggia centrale di Cala Liberotto, non aveva retto l'impatto con i volumi d'acqua caduti dal cielo e, gran parte dell'alveo (dove tutto si era fatto tranne che costruire con criteri di sicurezza idrogeologica) era finito sotto un mare di acqua e fango. Tante costruzioni avevano subito danni ingentissimi e, solo per fortuite casualità non si erano contati danni alle persone. Ma la Regione aveva comunque finanziato la messa in sicurezza commissionando il lavoro al Comune. Una progettazione nè facile nè tanto meno priva di pareri contrapposti, che comunque dopo i primi quattro anni di iter subì un nuovo stop con l'alluvione del novembre 2008 che superò ogni limite previsto sino allora dai tecnici progettisti, costringendoli a rivedere completamente le varie ipotesi di intervento. Ora, comunque, il nuovo progetto è pronto e oltre al rifacimento degli argini prevede modifiche nella sagomatura dell'alveo, la sua pulizia e il controllo dei livelli. «È stato un iter lungo e sofferto, presentato più volte alla popolazione della frazione e seguito dall' acquisizione dei vari pareri. Ma finalmente siamo arrivati al dunque - è il commento dell'assessore comunale ai Lavori pubblici Luigi Lutazi - e speriamo di essere ancora in tempo per portare a termine almeno la pulizia "in grosso" dell'alveo prima dell'arrivo della prossima stagione di piogge. Forse, riusciremo così a dare un po' di tranquillità alle famiglie che vivono ancora l'incubo di quei giorni di novembre del 2008»

di Angelo Fontanesi

 
 
 
 
 

Cedrino, esposto alla Procura

Post n°10724 pubblicato il 09 Settembre 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di martedì 9 settembre 2014


I sindaci dei cinque Comuni della Baronia sui lavori per la messa in sicurezza

Stavolta i sindaci dell'Unione Valle del Cedrino vogliono avere la certezza di essere ascoltati da tutti gli enti interessati, compresa la procura della Repubblica, sul tema della messa in sicurezza del fiume che attraversa i loro territori. Con una iniziativa congiunta i primi cittadini di Orosei Franco Mula, Galtellì Giovanni Santo Porcu, Irgoli Giovanni Porcu, Loculi Vincenzo Secci e Daniela Satgia sindaco di Onifai e presidente dell'Unione dei Comuni, hanno redatto un documento dove viene descritto dettagliatamente lo stato dell'arte di tutti gli interventi di messa in sicurezza sul Cedrino finanziati sin dal 2005 ad oggi dalla Regione al Consorzio di bonifica della Sardegna Centrale per un totale di importi di oltre 20 milioni di euro. Lavori solo parzialmente eseguiti in alcuni casi, altri ancora al palo, altri ancora in corso di istruttoria. In particolare i sindaci mettono l'accenno sul fatto che dopo il disastroso alluvione dello scorso novembre nulla sia stato fatto neanche per la pulizia dell'alveo nei tratti a maggior rischio, con l'incubo ormai alle porte della nuova stagione delle piogge. Pertanto, avvisano i primi cittadini della Valle del Cedrino, qualora dovesse verificarsi un nuovo evento calamitoso come quelli verificatisi negli ultimi anni (2004, 2008, 2011 e 2013) non saranno in grado di poter garantire l'incolumità delle proprie popolazioni.

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 
Successivi »
 
 






 

INSTALLATO

14 marzo 2011

 

SALVATORE NANNI: POETA.

 

I COMMENTI DI SPORT.

 

E-MAIL

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

Scudo della Rete

 

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog