Community
 
valledelced...
   
 
Blog
Un blog creato da valledelcedrino il 27/08/2008

Valle del Cedrino

Orosei, Galtellì, Loculi, Irgoli e Onifai, si rispettino e siano in grado di vedere al di là dei propri confini affinché la Valle del Cedrino si imponga e sovrasti per l'altezza delle idee e la dignità dell'espressione.

 
 

 


Gruppo d'Intervento Giuridico


 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: valledelcedrino
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: NU
 

 

 
La Baronia è rappresentata alla cronache dai media nazionali e regionali. Siamo raffigurati giornalmente da stimati corrispondenti de L’Unione Sarda e La Nuova Sardegna. Pertanto questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le recessioni giornalistiche inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet e dai quotidiani, qualora la loro pubblicazione violasse i diritti d'autore, previa segnalazione, verranno rimosse. Queste testate giornalistiche assumono una posizione di netto privilegio rispetto alle altre forme di manifestazione del pensiero, raccontando e interpretando una loro versione dei fatti, ed ecco perché il diritto alla critica costruttiva la aspettiamo, la pretendiamo dagli utilizzatori di questo libero spazio mediatico, NON sono io che devo convincere all’ennesima verità, siete voi fruitori di questo angolo mediatico che rappresentandovi, aiutate la Nostra comunità, unendoci per abbattere gli ostacoli ideologici e campanilistici che ancora ci separano e non ci portano da nessuna parte. Con sincero rispetto, Vi auguro serenità.
 

 

SERENITÀ E PACE

Ci sono stati uomini che hanno scritto pagine Appunti di una vita dal valore inestimabile Insostituibili perché hanno denunciato il più corrotto dei sistemi troppo spesso ignorato Uomini o angeli mandati sulla terra per combattere una guerra di faide e di famiglie sparse come tante biglie su un isola di sangue che fra tante meraviglie fra limoni e fra conchiglie... massacra figli e figlie di una generazione costretta a non guardare a parlare a bassa voce a spegnere la luce a commentare in pace ogni pallottola nell'aria ogni cadavere in un fosso Ci sono stati uomini che passo dopo passo hanno lasciato un segno con coraggio e con impegno con dedizione contro un'istituzione organizzata cosa nostra... cosa vostra... cos'è vostro? è nostra... la libertà di dire che gli occhi sono fatti per guardare La bocca per parlare le orecchie ascoltano...Non solo musica non solo musica La testa si gira e aggiusta la mira ragiona A volte condanna a volte perdona Semplicemente Pensa prima di sparare Pensa prima di dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Ci sono stati uomini che sono morti giovani Ma consapevoli che le loro idee Sarebbero rimaste nei secoli come parole iperbole Intatte e reali come piccoli miracoli Idee di uguaglianza idee di educazione Contro ogni uomo che eserciti oppressione Contro ogni suo simile contro chi è più debole Contro chi sotterra la coscienza nel cemento Pensa prima di sparare Pensa prima di dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Ci sono stati uomini che hanno continuato Nonostante intorno fosse [tutto bruciato Perché in fondo questa vita non ha significato Se hai paura di una bomba o di un fucile puntato Gli uomini passano e passa una canzone Ma nessuno potrà fermare mai la convinzione Che la giustizia no... non è solo un'illusione Pensa prima di sparare Pensa prima dì dire e di giudicare prova a pensare Pensa che puoi decidere tu Resta un attimo soltanto un attimo di più Con la testa fra le mani Pensa.

canzone di Fabrizio Moro

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Torneo Uovolley 2014

Post n°10242 pubblicato il 16 Aprile 2014 da valledelcedrino

Il prossimo 17 aprile, si terrà nella palestra di via Verdi il triangolare di pallavolo giovanile tra le squadre della Sirio Orosei, della U.S. Ariete Oristano e della Selezione Regionale di pallavolo guidata dal coach Fabrizio Sarno. Il torneo è utile, per lo staff della FIPAV regionale, al fine di valutare e scegliere la squadra che dal 29 giugno al 4 luglio prossimi andrà in Basiilicata a rappresentare i colori della pallavolo sarda.

La kermesse pallavolistica di Pasqua, oltre ad essere di indubbio valore tecnico, sarà l'occasione per rinsaldare vecchie amicizie e crearne di nuove, per una pallavolo che deve essere intesa (e come tale noi la intendiamo) come uno sport che unisce chi lo pratica, in tutti i campi ed a tutti i livelli. 


Buona Pasqua e Buon Uovolley a tutti!

 
 
 

Murru affitta ai dipendenti il suo salumificio in agonia

Post n°10241 pubblicato il 15 Aprile 2014 da valledelcedrino

da L’UNIONE SARDA di martedì 15 aprile 2014


IRGOLI. Estremo tentativo per salvare l'azienda e le buste paga

Il re dei salumi Antioco Murru di Irgoli ha combattuto per la sopravvivenza della sua impresa. Ma alla fine, dopo quasi 50 anni di attività, per non affondare del tutto ha dovuto giocoforza trovare un'alternativa all'impresa familiare.
AZIENDA IN AFFITTO Da ieri è ufficiale: le redini passano a una società guidata da Michele Battacone, uno dei dipendenti storici, che con gli altri soci prenderà in affitto capannoni e macchinari. Si chiamerà Salumeria sarda. Ieri pomeriggio l'incontro tra i rappresentanti sindacali - Nicola Gaddone, Marilena De Luca, Mario Gabbas (Fai Cisl) ed Emanuela Calvisi (Flai Cgil) - ha ratificato la novità che già aleggiava da tempo. Negli ultimi 10 anni l'impero Murru si è sgretolato. Vendite in caduta libera, liquidità a singhiozzo, creditori alle costole. Nel silenzio generale le quasi cento unità lavorative hanno dovuto abbandonare i ranghi e tornare a casa con una bella lettera di licenziamento. Ora in servizio ne rimangono ventotto.
DECRETI INGIUNTIVI La vicenda ha trovato spazio tra i fascicoli del tribunale, con decine di decreti ingiuntivi di pagamento. Ora le trattative per il passaggio hanno aperto la pista al concordato preventivo (avviato proprio in questi giorni) estremo tentativo di scongiurare il fallimento. La liquidazione pilotata eviterà l'estrema unzione. Per quanto riguarda la sorte della trentina di lavoratori, Battacone e i suoi si sono impegnati a riassorbirli tutti. Ma alcuni di loro, sulla nave che affondava, avevano già fatto domanda di mobilità. La loro decisione si conoscerà solo la prossima settimana nel corso dell'assemblea in programma con i sindacati.
LA FALCE DELLA PESTE A uccidere lentamente quella che era una realtà sana è stato soprattutto l'imperversare della peste suina che in Sardegna ha atterrato un settore potenzialmente florido. Per realizzare le salsicce che hanno dato lustro alla sua creatura imprenditoriale, a un certo punto Murru ha dovuto ricorrere a materie prime che arrivano da fuori. I prodromi del disastro, oggi conclamato, si ebbero già nel lontano 1978, quando la Regione impose prima il blocco della macellazioni di maiali sardi a causa, appunto, della peste suina africana, poi la vendita dei salumi da maiali isolani. Nel 2004 il colpo di grazia con la nuova recrudescenza di Psa e gli ulteriori divieti all'export di suini sardi.

Francesca Gungui

 
 
 

Gestione spiagge, predisposto il disciplinare di gara

Post n°10240 pubblicato il 15 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di martedì 15 aprile 2014


Il ticket non dovrebbe subire aumenti e restare a 15 euro

Introito inferiore rispetto al passato per le casse comunali

La parola d'ordine sulla gestione delle spiagge questa estate è quella di partire bene, per tempo, e soprattutto senza generare incomprensioni sul vero scopo del ticket. Finita l'anno scorso ad agosto inoltrato con la stretta di mano tra il sindaco Franco Mula ed il "crociato antiticket" il consigliere comunale nuorese Francesco Guccini, la querelle sulle spiagge libere quest'anno insomma non dovrebbe neanche incominciare. Necessario sarà però, iniziare con il piede giusto. Per questo il Comune ha predisposto un nuovo disciplinare di gara per la gestione delle spiagge e delle aree attrezzate che verranno messe a bando nei prossimi giorni e che partirà per tutte dal 15 di maggio. Il ticket (che non dovrebbe subire aumenti) è previsto inizialmente nelle stesse , spiagge dell'anno scorso: l'oasi di Biderosa, la spiaggia di Sa Curcurica, il litorale di Avalè - Su Barone e l'area attrezzata alla sosta lungo il litorale di Sa Prama. Proprio ieri il Comune ha invitato le cooperative e le giovani società locali che hanno i titoli a presentare entro il 28 di aprile le loro offerte per l'aggiudicazione dei litorali. «Abbiamo calmierato in partenza la base d'asta per ogni spiaggia tenendo conto delle reali prospettive di incasso - tiene a spiegare il sindaco Franco Mula - mentre abbiamo incentivato il valore aggiunto dell'offerta premiando nel punteggio la qualità e la varietà dei servizi di supporto alla balneazione che verranno messi a disposizione degli utenti». La gestione più onerosa rimane quella di Biderosa che parte da una base d'asta di 100mila euro a stagione per scendere poi ai 30mila per la spiaggia di Sa Curcurica, ai 20mila euro per Su Barone e ai 10mila euro richiesti per la gestione dell'area di sosta attrezzata di Sa Prama, unico sito contingentato non legato direttamente alla spiaggia prospiciente. «Abbiamo stimato un introito inferiore per le casse comunali di circa 40rnila euro all'anno - spiega ancora - ma l'importante è che le cooperati svolgano con criterio il compito di tutela e di pulizia degli arenili con relativi bagni chimici e servizio di salvamento a mare e garantiscano il maggior ventaglio di attività complementari o di supporto alla balneazione nelle aree di loro gestione».


di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Orosei, stasera la processione di Sos ziommos

Post n°10239 pubblicato il 15 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di martedì 15 aprile 2014


C'è una particolarità tra le altre a distinguere i riti della settimana santa di Orosei da quelli in svolgimento in questi giorni in tanti altri paesi del circondario e di tutta la Sardegna. É la processione dei Misteri (sos misterios) o dell'Ecce Homo ("tradotto" popolarmente in limba come sos ziommos) in programma questa sera dalle 18,30. Una processione a dire il vero molto diffusa e partecipata non solo in Sardegna ma in tante altre parti d'Italia (soprattutto nel meridione) ma che si svolge solitamente il Venerdì Santo, quando invece ad Orosei dopo la paraliturgia de S'Iscravamentu vengono portati in processione dai confratelli di Sas Animas e di Santa Rughe il Cristo morto (su Brossolu) seguito dalla Croce. Stasera invece sempre le tre confraternite di Orosei, (Sas Animas, Santa Rughe e Su Rosariu) porteranno in processione dei piccoli simulacri lignei raffiguranti i misteri dolorosi della Passione di Gesti Cristo (sos ziommos appunto). Statue che raffigurano la flagellazione, l'orto degli ulivi, la via dolorosa ed altri simboli sacri. Cinque le chiese del centro storico che verranno visitate da ogni confraternita e dai suoi "ziommos" che eviteranno di incontrarsi durante i loro tragitti e in ogni chiesa sosteranno per recitare il rosario e intonare un canto dedicato all'immagine sacra rappresentata. Una processione che parte e si conclude dalla parrocchiale di san Giacomo e che ha inizio alle 18,30. Un momento di grande fede popolare, forse un appuntamento minore sotto l'aspetto coreografico tra quelli in programma sino a domenica prossima quando con il rito de S'Incontru che verrà celebrato alle 10,30 in piazza del Popolo, tra l'apoteosi dei fedeli stanti e le strofe del Magnificat, si concluderà la Chita santa oroseina.


di Angelo Fontanesi

 
 
 

Lupinu srl affonda, salumificio Murru ko

Post n°10238 pubblicato il 14 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 14 aprile 2014


La crisi dell'imprenditoria in Baronia stritola l'impresa dei fratelli Langiu di Orosei e anche la storica azienda di Irgoli

Per quarant'anni sono stati il simbolo e il fiore all' occhiello dell'imprenditoria baroniese. Ora invece annaspano tra le pieghe di una crisi industriale senza precedenti. La Lupinu Srl di Orosei, azienda leader in provincia nel settore dei materiali edili, ed il Salumificio Murru Spa di Irgoli, la più grande industria isolana di trasformazione di carni suine, di fatto non esistono più. Stritolate dalla crisi e dai debiti con fornitori e maestranze stanno faticosamente tentando di cambiare pelle (o almeno denominazione sociale) per salvare il salvabile. Con stratagemmi simili: liquidando alcuni rami secchi, smembrando le aziende tra bad e good companye, dove possibile e tribunali permettendo, cercando concordati con i creditori per poi ripartire con altre denominazioni e nuovi titolari. Lo stabilimento del Salumificio Murru Spa a Irgoli è chiuso, la produzione ferma da tempo e soprattutto i dipendenti sono rimasti senza stipendio per oltre sette mesi. Tfr a parte. Nel frattempo la famiglia Murru sta cercando di ripartire con una nuova Srl ma i tempi e le condizioni perché ciò avvenga sono molto incerti mentre diversi ex dipendenti stanno cercando di rimanere nel campo dei salumi aprendo piccole attività in proprio sia in paese che nella zona industriale di Prato sardo. Grandi manovre anche alla ex Lupinu Srl di Orosei, un brand orma). svuotato di ogni attività. Qui il piano industriale dei fratelli Langiu (storici titolari dell'impresa) è quello di ripartire con una struttura più leggera, la Lupinu Innovart, una nuova azienda in linea con le esigenze di un mercato attuale molto più sobrio e con i giovani rappresentanti della terza generazione della famiglia al timone di comando, Intanto l'attività nello stabilimento-piazzale di Foiai è ridotto al lumicino, i locali del brico sono stati chiusi e i dipendenti superstiti si possono contare sulle dite di una mano. C'è da dire che per entrambe le aziende non si è trattato di un fulmine a ciel sereno: i segni di una crisi irreversibile sia nel settore edilizio che in quello manifatturiero in Sardegna erano manifesti già da alcuni anni e in provincia di Nuoro i dati sono stati sempre tra i più scoraggianti.  La perdurante crisi economica e la stretta creditizia non ha poi aiutato i titolari a mantenere in piedi due attività imprenditoriali che sino a non più di sei, sette anni fa occupavano stabilmente oltre cinquanta dipendenti ciascuna con fatturati annuali di diversi milioni di euro. «I casi Lupinu e Murru sono sintomatici della enorme crisi che colpisce tutto il Nuorese - è il commento di Roberto Bornioli, presidente di Confindustria Nuoro Ogliastra, associazione di cui entrambe le aziende al collasso sono state storiche affiliate -. Tutto lo sforzo della nostra associazione è ora posto affinchè i tentativi di ripartenza manifestati dalle due aziende vadano in porto. Una battaglia che ha bisogno però di tutto l'appoggio politico e creditizio possibile». Più articolato e critico, invece, il parere dei sindacati: «Ognuno in questi frangenti ha il dovere di assumersi le proprie responsabilità – dice Michele Fele, segretario generale Cisl Nuoro -. Nel caso specifico del Salumificio Murru alcune scelte manageriali fatte negli anni dai titolari si sono dimostrate deleterie e ora purtroppo a pagare le conseguenze maggiori saranno le maestranze».


di Angelo Fontanesi

 
 
 

Galtellì, Beccari chiede risorse per le strade

Post n°10237 pubblicato il 14 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 14 aprile 2014


Il consigliere provinciale dei Riformatori Gesuino Beccari sollecita un intervento di manutenzione delle due strade provinciali che attraversano la bassa Baronia.  «La SP 25 sino al bivio di Lula e la SP 72 Irgoli-Capo Comino, danneggiate dall’alluvione. Considerando l’elevato traffico delle due arterie destinato ad aumentare nella stagione estiva si chiede l’inserimento nel bilancio provinciale 2014 delle somme necessarie per gli interventi e che gli stessi vengano realizzati al più presto».


di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Cane ucciso, si allarga la petizione on line

Post n°10236 pubblicato il 14 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 14 aprile 2014


Sono già più di 1700, le firme raccolte nella petizione lanciata su internet per chiedere "giustizia per il cane di Irgoli". La petizione si riferisce alla tristissima vicenda del povero quattrozampe che nei giorni scorsi è stato barbaramente ucciso dai suoi padroni che lo avevano legato alla loro auto per poi trascinarlo per diversi metri. Fino, per l'appunto, a ucciderlo. Un gesto così crudele da non meritare altri commenti. I carabinieri avevano sorpreso i due, padre e figlio, autori di un gesto tanto ignobile. Ma adesso, nell'attesa che la giustizia faccia il suo corso, anche i numerosi utenti di internet e in particolare dei social network chiedono "ai giudici una pena esemplare per questo barbaro gesto". E così, attraverso il sito www.firmiamo.it , alla voce "giustizia per il cane di Irgoli Nuoro", promuovono una petizione on line. Perché, dicono i promotori dell'iniziativa, "questo orrore non può passare come tanti altri" . Certo è che le firme raccolte si stanno moltiplicando di giorno in giorno.

 

 
 
 

Risultati di calcio.

Post n°10235 pubblicato il 14 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 14 Aprile 2014

LULESE - FANUM OROSEI 1 a 2

LULESE: Chessa, Daga, Piras G., Piras A., Porcu (70' Marras A.) Matzuzzi, Maccioni, Marras N., Piredda (46' Calzedda), Marras

P., Biselli (58' Puggioni). All.: Matzuzzi Juri.

FANUM OROSEI: Salis (50' Orecchioni), Branchitta, Dettori, Polizzi, Farris (40' Spina R.), Sanna G:, Lai F., Sanna F. (70' Carrone), Manca, Spina, Angioi. All.: Dessolis F.

ARBITRO: Acciaro di Alghero.

RETI: 12' Marras Pietro, 30' (r) e 39' Spina

La Lulese ha disputato la più bella partita del campionato ma un risultato la punisce immeritatamente. Tutti i gol sono stati messi a segno nel primo tempo. La squadra locale è andata in vantaggio al 50': Arturo Piras calcia una punizione che la testa di Pietro Marras trasforma in rete. Gli ospiti pareggiano al 30' su calcio di rigore: è una autentica svista dell' arbitro che i lulesi contestano. Calcia Spina, Chessa intuisce ma il pallone si infila in rete. Al 39' gli ospiti vanno ancora in gol col solito Spina che conclude un contropiede di Fabrizio Lai. Nel secondo tempo è un arrembaggio della squadra locale e negli ultimi 20 minuti un tambureggiamento. Ma il risultato non cambia.

Bernardo Asproni

La Fanum passa sul campo della Lulese, tra le contestazioni dei locali che recriminano per un rigore dubbio concesso alla formazione ospite. In avvio di ripresa momenti di grande paura per un infortunio al portiere Salis. Dopo una breve fase di studio sono i locali a passare in vantaggio con Marras. Gli oroseini al 37' pareggiano i conti su rigore con Spina, che si ripete dopo due minuti con il gol della vittoria.

F. U.

 

da LA NUOVA SARDEGNA di lunedì 14 Aprile 2014

SA TERZA BITTI - TUTTAVISTA 4 a 2

SA TERZA BITTI: Zori, Brundu (50' Mura), Picconi (80' Bandinu), Giovanetti P. G., Pintus, Giovanetti A. (70' Orunesu), Burrai, Muleddu, Delogu A. (Orunesu L.), Delogu A, Ortu. All: Pietro Canu.

TUTTAVISTA: Ruiu (35' Gambaiani), Fronteddu, Carrone, Carta, Patteri, Mameli (36' Carta), Loriga, Pinna, Poddighe, Contini, Dessì. AlI.: G. Casu.

ARBITRO: Gangemi

RETI: 5', 57' e 75' Muleddu, 10' Dessì, 48' (r.) Delogu, 65' Contini

Al Peddu Burrai si è assistito a una autentica sagra di gol e ha visto il rientro in campo, alla veneranda età di 48 anni, lo storico capitano della grande Bittese Marino Bandinu. I locali sono andati in vantaggio al 5' con Muleddu che ha concretizzato un passaggio di Alessandro Delogu. Al 10' Dessì da 30 metri inganna Zori. Al 48' la premiata ditta Muleddu-Delogu crea scompiglio nella difesa che interviene in modo duro ed è rigore trasformato da Delogu. Al 65' gol dal limite di Contini. Al 75' è ancora Muleddu, servito da Delogu, a suggellare il 4 a 2 con un pallonetto. Nel finale la Sa Terza Bitti sbaglia altri 2-3 gol a tu per tu col portiere. Nel primo da segnalare l'infortunio del portiere ospite Ruiu.

Bernardo Asproni

 

Poker del Bitti al Tuttavista. Al 9' 1-0 di Muleddu. Pari di Gambaiani al 26'. Poi Delogu (50') e Muleddu (61') per il 3-1 e ancora Gambaiani e Muleddu.

F.C.

 
 
 

Orosei, spuntano i primi turisti

Post n°10234 pubblicato il 13 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di domenica 13 aprile 2014


Tra le attrattive ci sono i riti della Settimana Santa che cominciano oggi

Una settimana di bel tempo. È la migliore sorpresa che si augurano di trovare dentro l'uovo di Pasqua tutti gli operatori oroseini che in concomitanza con il primo importante ponte primaverile, quello pasquale appunto, contano di inaugurare degnamente la stagione delle vacanze e saggiare le previsioni della ormai imminente estate. Qualche presupposto incoraggiante lo si era percepito nei giorni scorsi e in effetti le prime facce nuove dell'annata 2014 si incominciano a vedere in strada, ospiti soprattutto di seconde case cercate e trovate nel sempre e più attivo mercato di internet e nelle strutture ricettive medio-piccole già aperte in questo scorcio di bassa stagione. Ma sarà il meteo a giocare una grande componente per il successo o meno del turismo pasquale. Ancora in gran parte non in attività i servizi a supporto del villeggiante, rimangono le marine e le spiagge ora immacolate le attrazioni maggiori per chi può scegliere e predilige questo periodo per le vacanze. Una temperatura mite e giornate di pieno sole aiuterebbero quindi e non poco questo spezzone di turismo non più trascurabile. Ad Orosei poi ci sono i riti della Settima santa ad arricchire di ulteriore interesse questa settimana. A incominciare da questa mattina alle 10 quando nell'oratorio di Santa Rughe verranno benedette le palme e i ramoscelli di ulivo che poi saranno portati in processione verso la parrocchiale di San Giacomo. Riti e processioni che si altereranno sino a domenica prossima quando il rito de S'Incontru celebrerà l'avvenuta Resurrezione. Una settimana di Passione, ma anche di speranza e di prime previsioni per l'imminente stagione delle vacanze attesa quanto non mai quest'anno per risollevare le sorti di una economia locale in sofferta apnea.

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

GALTELLÌ. Partono i lavori di ripristino delle condotte di Su Manganu

Post n°10233 pubblicato il 13 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di domenica 13 aprile 2014


Avranno inizio domani da parte del Consorzio di Bonifica della Sardegna centrale gli interventi di ripristino delle condotte irrigue asportate dalle furie delle acque del Sologo durante l'alluvione del 18 novembre. Si tratta di nuovi scavi, che interesseranno proprietà private in località Su Manganu e Thorpè Ispertu, con il fine di servire dell'acqua irrigua i vari appezzamenti di terreno e aziende agricole. Soddisfazione per la celerità con sui si sta approntando. L'intervento viene espressa dal sindaco di Galtelli Giovanni Santo Porcu. «È il frutto - dice - anche di un continuo aggiornarci con i tecnici del Consorzio di Bonifica, per sollecitare il ripristino delle condotte asportate dalla piena. Esprimo la mia soddisfazione sull'operato dei tecnici del Consorzio considerata anche la notevole quantità di tubi necessari per il ripristino e le scarse risorse. Ora speriamo di contenere i tempi per poter irrigare nuovamente tutto il territorio in una ventina di giorni. Con l'approssimarsi della calura per tanti agricoltori e allevatori che hanno subito i danni si tratta comunque di una prima risposta positiva». Il Comune aspetta ora risposte dal Genio civile, per la bonifica del rio Sologo dai sedimenti sabbiosi.

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Il ritorno dell'avvelenatore e una petizione sul caso Irgoli

Post n°10232 pubblicato il 13 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di domenica 13 aprile 2014

MALTRATTAMENTI SUGLI ANIMALI

Un potente veleno sparso a pioggia, tra giardini e siepi insieme a diversi bocconi avvelenati, e tra cani portati d'urgenza dal veterinario in gravissime condizioni, dopo averlo ingerito. è tornato in azione, tra le strade di Nuoro, l'avvelenatore folle. Un anonimo, o forse un gruppetto di nuore si senza volto, che a scadenze più o meno periodiche, si divertono a eliminare gli animali o nella migliore delle ipotesi a condannarli ad atroci tormenti. L'ennesimo caso è stato segnalato dai volontari dell'Enpa nuorese nelle ultime ore che hanno segnalato tutto alle autorità e, insieme a un gruppo di volenterosi nuoresi hanno anche ripulito gli spazi verdi per evitare altri casi di avvelenamento. Ma sempre sul fronte dei maltrattamenti agli animali, ieri, un altro gruppo di amanti dei quattrozampe ha lanciato on line una petizione per chiedere una punizione esemplare per i due irgolesi che nei giorni scorsi sono stati fermati dai carabinieri dopo aver legato alla loro auto e trascinato un povero cane. Fino a ucciderlo.

Valeria Gianoglio

 
 
 

ONIFAI, RICERCA DI UN OPERAIO

Post n°10231 pubblicato il 13 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di domenica 13 aprile 2014

Il Comune di Onifai cerca un manovale che deve avere almeno 18 anni, essere residente o domiciliato a Onifai, disoccupato o inoccupato e iscritto al Centro servizi per il lavoro di Siniscola. Si offre un contratto a tempo determinato per 3 mesi part time per 15 ore settimanali (sono previsti 4 turni). Informazioni: sede decentrata di Orosei del CSL di Siniscola (via Nazionale, Orosei - tel/fax 0784997108 -  orosei.csl@provincia.nuoro.it

 
 
 

Orosei. Trovati occhiali da bambino.

Post n°10230 pubblicato il 13 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di domenica 13 aprile 2014


 

Un paio di occhiali da vista da bambino sono stati ritrovati lungo il litorale di Avalè Su Barone.
Contattare il 3470620017

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Una concessione postuma per sanare gli abusi edilizi

Post n°10229 pubblicato il 12 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di sabato 12 aprile 2014


Orosei,documento del procuratore Andrea Garau per evitare alcune demolizioni

«Non ci sarebbe l'estinzione del reato masi eviterebbe l'abbattimento»

C'è procura e procuratore anche nel caso degli abusi edilizi condannati alla demolizione. Andrea Garau, procuratore della Repubblica del tribunale di Nuoro, la problematica l'ha eredità dal suo predecessore Antonio Amoroso, che nel gennaio del 2008 aveva incominciato la campagna di demolizioni in provincia di Nuoro ordinando l'abbattimento di una mansarda abusiva realizzata a Cala Liberotto. Una "campagna" andata avanti tra molti clamori e fortissime tensioni sociali e pochi risultati concreti: alla fine furono una mezza dozzina i piccoli manufatti demoliti e una ventina gli autoabbattimenti su centinaia di casi censiti. Dall'estate 2008 comunque le "ruspe con le stellette" nel Nuorese non sono più scese in campo ma non per questo la procura ha smesso di seguire il caso e di cercare ogni forma di soluzione. L'ultima iniziativa, passata peraltro piuttosto in sordina, è datata luglio 2013 ma se ne è avuta notizia solo in questi giorni. Si tratta di una circolare vergata di pugno dal procuratore nuorese e inviata a tutti i sindaci e a tutti i responsabili degli uffici tecnici dei Comuni ricadenti nel circondario del tribunale di Nuoro. Un documento nel quale Garau indica quella che secondo il suo ufficio potrebbe rivelarsi come valida soluzione per evitare decine di demolizioni altrimenti non più procrastinabili. Il Procuratore fa riferimento ai quei casi dove non si sia potuta ottenere la sanatoria dell'abuso per la mancanza della doppia conformità. «In questi casi - spiega Garau - la, demolizione dell'abuso è obbligatoria anche quando le attuali norme edificatorie ed urbanistiche del Comune consentirebbero la realizzazione di locali anche più grandi di quelli a suo tempo sanzionati perchè realizzati in assenza dei presupposti urbanistici». Ebbene facendo riferimento a recenti sentenze del Consiglio di Stato Garau definisce questa prassi «una interpretazione della legge ottusa e non condivisibile» e invita i Comuni a considerare la possibilità di adottare quella che viene definita «concessione edilizia postuma o sanatoria giurisprudenziale». In, pratica, qualora l'abuso accertato e sanzionato risulti attualmente all'interno di una zona di espansione edilizia o in ogni caso potesse sfruttare nuove possibilità autorizzative (vedi Piano casa) il Comune potrebbe concedere una concessione edilizia ex nova che comprendesse al suo interno anche il vecchio abuso. «In tal caso - spiega Garau nella sua circolare - non ci sarebbe l'estinzione del reato ma si eviterebbe la pratica dell' abbattimento con la conseguente archiviazione di molte pratiche pendenti inerenti la demolizione di manufatti abusivi».


IRGOLI

Il bagno dei Mele poteva essere "salvato"


Una delle demolizioni coatte che agitarono gli animi in tutta la Baronia fu quella che l'8 febbraio del 2008 rase al suolo il bagno di 25 metri quadrati dei fratelli pastori pluriottuagenari irgolesi Gavino e Giuseppe Mele. A far gridare allo scandalo non fu tanto l'età dei protagonisti nè il fatto che quello fosse l'unico bagno degno di questo nome che i due avessero posseduto in vita loro. Ma che l'abuso sorgeva in una zona di espansione B che prevedeva l'edificazione di ben altre volumetrie di quelle abbattute dall'impresa convenzionata con la Procura. Una "sostanziale" ingiustizia che non evitò comunque che la sentenza di demolizione fosse portata a termine. Una demolizione che la cosiddetta "concessione postuma o sanatoria giurisprudenziale" auspicata da Garau avrebbe evitato. Una soluzione che il fenomeno dell'abusivismo sviluppatosi a macchia di leopardo specie nelle zone costiere rende impraticabile per la maggioranza dei casi ma che potrebbe alleviare il compito comunque gravoso (e non certo piacevole) delle Procure.

di Angelo Fontanesi

 
 
 

IRGOLI. Cane trascinato e ucciso, Canalis indignata su Twitter

Post n°10228 pubblicato il 12 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di sabato 12 aprile 2014


Continua a far discutere sui social network la barbara uccisione del cagnolino trascinato con l'auto per alcuni chilometri da un allevatore baroniese. Anche la showgirl sarda Elisabetta Canalis ha commentato la vicenda su Twitter. Messaggio poi ripreso e rilanciato in tutto il mondo. «Spero che la mia Sardegna dia pubblicamente un esempio di civiltà condannando pubblicamente questi due personaggi - commenta la showgirl -. Persone così sono da considerarsi pericolose per la comunità. Torturare il proprio cane facendovi assistere per giunta il proprio figlio è assurdo e non può essere tollerato. Facciamo in modo che non si ripetano simili gesti ed è umiliante che la realtà agropastorale della mia terra salga alle cronache per un episodio del genere». La cruenta uccisione dell'animale è avvenuta lungo la provinciale che da Capo Comino porta a Irgoli ed ha avuto come testimoni due carabinieri che eseguivano un servizio di perlustrazione nella zona. L'auto dell'allevatore, forse nel tentativo di sfuggire ai militari, era anche uscita di strada finendo in cunetta.

(s.s.)

 

 
 
 

Onifai, sms del Comune

Post n°10227 pubblicato il 12 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di sabato 12 aprile 2014


Anche il comune di Onifai intende avviare un servizio gratuito di informazione ai cittadini tramite sms in collaborazione con la Pubbliservice s.r.l. di Olbia. Tale servizio consentirà di ricevere sul proprio cellulare messaggi di allerta meteo ed altre informazioni sulle varie attività comunali. Per poter usufruire del servizio, il cittadino deve compilare il modulo che potrà essere ritirato presso gli uffici comunali e l'edicola che ha collaborato all'iniziativa, quindi riconsegnato compilato al Comune. La scadenza per l'adesione è il 16 aprile 2014. Per info rivolgersi in Comune.

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Mostra collettiva "Concept Photo Album"

Post n°10226 pubblicato il 12 Aprile 2014 da valledelcedrino

L'Associazione Culturale Madriche di Nuoro, in collaborazione con la libreria Mieleamaro, il negozio di strumenti musicali e servizi per lo spettacolo Mousikè e con il patrocinio del Comune di Nuoro.
A un anno dalla mostra “Immagina tra le righe – 10 fotografi per 10 romanzi”, organizzata in collaborazione con la casa editrice "Il Maestrale", l’Associazione Culturale Madriche continua l’esplorazione nell’ambito della commistione tra varie arti, proponendo al pubblico una lettura fotografica di ciò che è musica, invitandolo alla visione e all'ascolto di queste opere.

Di seguito i fotografi e i concept Album selezionati (ogni fotografo ha realizzato 6 scatti):

Maria Giulia Berardi – David Bowie "The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars"
Paolo Angus Carta – Smashing Pumpkins "Mellon Collie and the Infinite Sadness"
Margherita Denti - Angelo Branduardi "Infinitamente piccolo"
Paolo Marchi - Banco del Mutuo Soccorso “Darwin”
Donatello Tore - Fabrizio De Andrè "Non al denaro, non all'amore né al cielo"

Riporto una parte del testo introduttivo:

"I click dell’otturatore compongono la melodia del progetto “Concept Photo Album”, il risultato che se ne ottiene dalla sequenza degli scatti, produce il susseguirsi di sei fotografie realizzate da cinque fotografi, sei fotografie per descrivere l’ascolto e le privatissime emozioni suscitate dai cinque dischi.
E le immagini scorrono sulle tracce, si intromettono senza chiedere il permesso, frugano in quel mondo personale ed anche esclusivo che abbiamo creato negli anni, in quello spazio che condividiamo empaticamente con chi quella musica e quei testi li ha scritti. E allora gli occhi e le orecchie si avvicinano, si sovrappongono componendo il viso distorto di una persona che canta a squarciagola o quello di chi, nelle note, cerca la tranquillità del riposo, della quiete.
Fotografare e ascoltare musica, due attività che si accompagnano nella riflessione sensoriale, invitandoci all’osservazione attenta dell’esistere: materia e essenza."

Conferenza stampa: 17 Aprile ore 11:00 c/o Libreria Mieleamaro, C.so Garibaldi 60 - Nuoro

Inaugurazione: 18 Aprile ore 18:30 c/o Centro Polifunzionale, Via Roma - Nuoro

 
 
 
 
 

Galtellì, tutto pronto per i riti religiosi di Sa Chita Santa

Post n°10224 pubblicato il 11 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 11 aprile 2014


Il borgo caro alla Deledda presenterà un ricco programma

Si parte domenica mattina con la benedizione delle palme

Alle Confraternite e alla Chiesa il compito di perseguire quella straordinaria storia secolare di fede popolare, di cultura e tradizione che sono i riti della settimana santa. Alle comunità ospitali del paese quello di valorizzare l'appuntamento e di promuoverlo come attrattiva turistica. Il comune di Galtelli si divide diligentemente i compiti e presenta il programma de Sa Chita Santa edizione 2014 e della Pasquetta in una brochure che volutamente sottolinea questo aspetto. Dodici strutture ricettive del posto tra alberghi, agriturismi e B&B,due ristoranti ed altrettante pizzerie consorziate nello sforzo di dare gradita e conveniente ospitalità a chiunque vorrà trascorre il ponte pasquale nel borgo antico cara alla Deledda ma ricco anche di tradizioni religiose e storiche come appunto i riti della settimana santa. Anche qui custodi di queste tradizioni sono soprattutto le due confraternite del paese, Sas Animas e Santa Rughe che saranno protagoniste principali degli appuntamenti delle giornate clou della settimana di passione e di resurrezione del Cristo. Riti che incominceranno domenica mattina alle 10 con la benedizione delle palme e degli ulivi nella chiesa dell'Assunta e la successiva processione verso la parrocchiale del SS Crocifisso. Secondo appuntamento il giovedì santo, alle 16 in parrocchia con le Coena domini e il rito di Su Lavabis. A seguire la processione de Sas Ecresias al suono de sas metraculas. Venerdì santo ancora in parrocchia dalle 12 avrà inizio il rito de S'Iscravamentu, le sera invece breve via crucis per le vie del paese con i canti eseguiti da sos corfarios. Dopo la veglia del sabato rito finale de S'Incontru la domenica di Pasqua con i simulacri del Cristo Risorto e della Madonna che si incontreranno in piazza SS Crocifisso alle 10,30. Alle 20 musical opera rock "il Risorto" a cura della parrocchia e dell'associazione Sonu. Ma da anni Galtellì fa grande festa anche a Pasquetta quando saranno attive le guide per visite lungo gli itinerari deleddiani del centro storico o sulle pendici del monte Tuttavista. Aperto dalla Pro loco anche Il museo etnografico "Domo de sos Marras" mentre l'associazione Sa Runda presso la porta del Parso proietterà dei video con le immagine dei riti della settimana santa.

di Angelo Fontanesi

 

 
 
 

Orosei, spettacoli canori sulla passione di Cristo

Post n°10223 pubblicato il 11 Aprile 2014 da valledelcedrino

da LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 11 aprile 2014


Due appuntamenti canori e musicali al di fuori da quelli canonici della tradizione faranno da prologo ed epilogo ai riti della Chita Santa Oroseina che saranno invece scanditi dalla liturgie dalla paraliturgiche delle confraternite. Domani alle 21 nella parrocchia di san Giacomo, per iniziativa del Coro di Orosei, della Corale polifonica Santa Maria del Mare e de Su Cuncordu de Orosei, verrà messo in scena un Concerto Narrazione sulla nascita, passione e morte di Gesù Cristo. Una lettura tra lo scenico ed il canoro della vita del Messia dove la voce narrante sarà accompagnata dai canti sacri tradizionali di diverse epoche. Regia e sceneggiatura sono del maestro Sebastiano Pessei. La domenica di Pasqua invece alle 20 sempre in parrocchia si terrà il concerto di Pasqua con il trio belga Griff trio. Il concerto sarà arricchito dalla partecipazione di 20 piccoli chitarristi frutto dei laboratori musicali che sono stati attivati in tutta la scuola primaria e dell'infanzia a cura dell'assessorato alla Cultura del Comune così come quelli teatrali tenuti da Bruno Venturi e al laboratorio "Non siamo Burattini", un progetto strettamente legato al Museo Guiso in svolgimento all'Ormeggio.

di Angelo Fontanesi

 
 
 
Successivi »
 
 






 

INSTALLATO

14 marzo 2011

 

SALVATORE NANNI: POETA.

 

I COMMENTI DI SPORT.

 

E-MAIL

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

Scudo della Rete

 

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog