Blog
Un blog creato da nuance_s il 06/05/2010

Nua

reflété dans une coquille

 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

dome560Vento.caldo.del.Sudgelixtinoleoneazurina1999thegrouchyjokerkokkalavaleria.mionemanuelas24valedolphin10Perturbabilealcidex77nuance_sjamy2006Barrylyndon30
 

ULTIMI COMMENTI

:)))))
Inviato da: nuance_s
il 28/11/2011 alle 15:15
 
klikka BUONA NOTTE ROMANA SOTTO LE STELLE...Gian Piero...
Inviato da: ilmonako
il 25/11/2011 alle 00:25
 
klikka BUONA NOTTE DANZANTE....Gian Piero KLIKKA ANKE...
Inviato da: ilmonako
il 24/11/2011 alle 00:43
 
Si,oggi si...bacino.Nua*
Inviato da: nuance_s
il 17/11/2011 alle 16:20
 
Sorriso anche per te:)**
Inviato da: nuance_s
il 17/11/2011 alle 16:20
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Nua**

Post n°19 pubblicato il 28 Novembre 2011 da nuance_s

L'urlo graffia,

il sussurro morde,

il silenzio scava.

‎(Paola Melone)


 

 
 
 

*Alma*

Post n°18 pubblicato il 16 Novembre 2011 da nuance_s

 
 
 

@....

Post n°17 pubblicato il 10 Novembre 2011 da nuance_s

Giunge dal mare


il respiro dello scirocco.

.
l'onda ha un sussulto forte,

poi sempre piu' flebile...

Giace languida la vita.

Ma un raggio di sole,

palpita sul volto


e socchiude lo sguardo.

 

 
 
 

le prime luci del mattino

Post n°16 pubblicato il 09 Novembre 2011 da nuance_s
 

 

 

 

Amo quest'uomo

che fa l'amore

con la mia testa,

e per questo governa il mio corpo.


 

Fabio Volo



 
 
 

solitario viaggio

Post n°15 pubblicato il 15 Ottobre 2010 da nuance_s

A cosa mi è servito correre per tutto il mondo?

Trascinare, di città in città,

un amore che pesava più di mille valigie?

Mostrare a mille uomini il tuo nome scritto in mille alfabeti,

e un'immagine del tuo volto,

che io giudicavo felice? ...

A cosa mi è servito respingere questi mille uomini?

E gli altri mille, che fecero di tutto perché mi fermassi?

Mille volte pettinando le pieghe del mio vestito,

stanco di viaggi.

O dicendo il tuo nome così bello in mille lingue,

che io mai avrei compreso?

Perché era solo dietro te, che correvo il mondo.

Era con la tua voce nelle mie orecchie,

che io trascinavo il fardello dell’amore di città in città.

Il tuo volto nei miei occhi durante tutto il viaggio.

Ma tu partivi sempre la sera prima del mio arrivo.

Maria do Rosario Pedreira.

 

 

 
 
 
Successivi »