Creato da: passandodiquipercaso il 19/03/2006
Racconti, sensazioni, pensieri, riflessioni, opinioni...insomma...di tutto un pò

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Blog da visitare

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

sols.kjaerAbalayaldoscasalinga_spensieratpassandodaquipercasolothus88noemi89_1989TheEnchantedSeastrong_passionspaluneddu.fsnuforever2010anticiliviutinuzza1ninograg1saramachunamamma1
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Ultimi commenti

 

 

Io rinascerò

Post n°265 pubblicato il 16 Marzo 2009 da passandodiquipercaso

Un forte dolore sveglia Giulia. Un dolore che parte dal collo e finisce all'intestino, al centro del torace.

L'orologio segna le 6,00. Sua figlia Elisa di 13 anni, continua a dormire placidamente al suo fianco.

Giulia, distesa nel letto, si chiede cosa fare...e, intanto, arriva un collasso che le fa quasi perdere i sensi. E' sicuramente qualcosa di grave, occorre muoversi, pensa Giulia. Come fare con i ragazzi che dormono ancora? Bisogna svegliarli senza agitarsi e parlare loro pacatamente. Bisogna vestirsi e prepararsi nell'eventualità che la trattengano in ospedale. Cosa può servire? Sicuramente pigiama, vestaglia, biancheria intima, ciabatte,asciugamani...

Giulia si alza a fatica, compie i gesti per aprire i cassetti lentamente ma è costretta a sedersi sul letto, il dolore è troppo forte.

Sono le 7,00, chiama dolcemente sua figlia, le dice che sta male e che bisogna andare all'ospedale. La ragazzina si sveglia di colpo, è leggermente impaurita ma Giulia le chiede di aiutarla. E' ancora in pigiama, deve vestirsi, si fa porgere la roba dalla bambina. I collant sono sfilati, chiede ad Elisa di porgergliene degli altri.

Arriva l'ambulanza, Giulia porta con sé quel dolore lancinante da quasi tre ore...

Giulia non si sorprende piu' di nulla. Niente può piu' lasciarla senza fiato. Quattro mesi fa è stata sul punto di essere fuori dai giochi. Un infarto e tre stent nelle coronarie non sono un gioco. Un piccolo pezzo del suo cuore è morto ma lei è viva. Ha pensato...”prendessero pure tutta la posta in palio, io mi ritiro; coltiverò, come Candido, il mio orticello”. Ma, Candido, aveva viaggiato, aveva visto il mondo.

Giorno dopo giorno, in quella lunga e lenta ripresa, Giulia ripercorre la sua vita passata piena di doveri, ricorda quante volte ha dimenticato sè stessa, pensa a quanto abbia ancora voglia di fare, di vivere.

Giulia ha voglia di perdersi tra le braccia di un uomo, di innamorarsi; ha voglia, perchè no, di soffrire per amore, di sentirsi viva e incazzata, felice di stare a questo mondo, con tutti i suoi pregi e i suoi difetti. Ha voglia di scalare le montagne, di sentire il freddo intenso pungerle il viso, di sentire le orecchie ghiacciarsi...Giulia ascolta “Cervo a primavera” di Cocciante, sembra che riguardi lei, la sua rinascita, e si sente come qualcuno che...senza paura di cadere...non può fallire...

Giulia è pronta a ributtarsi nella mischia.

Bentornata, Giulia!


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Una bambina diversa

Post n°264 pubblicato il 19 Ottobre 2008 da passandodiquipercaso
 

Il passato è un paese straniero, lì tutto si svolge in modo diverso.

Si, diverso.

Giulia è una tranquilla bambina di otto anni seduta sui gradini di ingresso di casa sua. Ha di fronte il mare. Basta attraversare la strada.

Indossa un bel vestitino in tulle rosa e un bel fiocco in tinta lascia libera la fronte dai suoi capelli lisci e biondi. Ai piedi ha le solite ciabattine in plastica infradito di tutti i giorni, quelle che usa per andare a giocare o per andare al mare in quel mese di giugno caldo e ventoso.

E' sola e aspetta. Aspetta con pazienza che rientri la mamma, uscita per commissioni. La mamma le ha detto che vuole ritrovarla lì quando torna. Le è stato insegnato che bisogna ubbidire agli adulti, ubbidire incondizionatamente.

Giulia pensa che potrebbe andare a giocare, la mamma non se ne accorgerebbe. Ma, sa di non poterlo fare. Il vestito di tulle è la sua prigione ed il suo castigo. Non può sporcarsi né può muoversi con agilità.

Però non le importa molto, Giulia non si annoia mai. Può sempre pensare, immaginare, fantasticare. Non è tempo sprecato. Cosa sono i minuti, le ore, i giorni di fronte ad una vita intera? Quel momento passerà, lei già non lo ricorda piu'.

Non è importante, ciò che importa veramente è non fare arrabbiare gli adulti. Cercare di comprenderli è impossibile, fiato e tempo sprecato. Ci sono cose che lei non potrebbe capire, così le hanno spiegato in piu' occasioni.

Eppure questo non le va giu'. Lei non è una bambina stupida e non sente di esserlo. Quando legge i racconti, che tanto le piacciono, impara sempre parole nuove. Ha provato a ripeterle davanti agli adulti ma sembrano non comprendere, non capirne il significato o, forse, non stanno a sentire, troppo impegnati nei loro problemi.

Giulia pensa che tra gli adulti e i bambini ci siano degli spazi di pensiero incomunicabili, come bolle di sapone che, si sa, quando si incontrano nell'aria si annullano a vicenda.

O forse questi spazi sono incomunicabili solo con e per lei? Non sembra che suo fratello si sia posto il problema. Lui ha altre gatte da pelare, deve evitare di prendere cattivi voti a scuola.

Comunque, il mondo dei grandi non le appartiene, meglio il suo mondo fatto di tante cose, tante storie da sistemare nella mente.

Magari, da grande, sarà tutto diverso...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Alla mia età

Post n°263 pubblicato il 18 Ottobre 2008 da passandodiquipercaso

Sono un grande falso mentre fingo l’allegria
sei il gran diffidente mentre fingi simpatia
come un terremoto in un deserto che
che crolla tutto ed io son morto
e nessuno se nè accorto

lo sanno tutti che in caso di pericolo
si salva solo chi sa volare bene
quindi se escludi gli aviatori
i falchi, nuvole, gli aerei, aquile e angeli rimani te
ed io mi chiedo ora che farai
e nessuno ti verrà a salvare
complimenti per la vita da campione
che insulti per l’errore di un rigore

e mi sento come chi sa piangere ancora alla mia età
e ringrazio sempre chi sa piangere di notte alla mia età
e vita mia che mi hai dato tanto
amore gioia dolore tutto
ma grazie a chi sa sempre perdonare sulla porta alla mia età

Certo che facile non è mai stato
osservavo la vita come la osserva un cieco
perchè ciò che è detto può far male
però ciò che è scritto può ferire per morire

e mi sento come chi sa piangere ancora alla mia età
e ringrazio sempre chi sa piangere di notte alla mia età
e vita mia che mi hai dato tanto
amore gioia dolore tutto
ma grazie a chi sa sempre perdonare sulla porta alla mia età

e che la vita ti riservi ciò serve spero
che piangerai per cose brutte e cose belle spero
senza rancore che le tue paure siano pure
l’allegria mancata poi diventi amore
anche se
è perchè solamente il caos della retorica
confonde i gesti le parole le modifica e
e perchè Dio mi ha suggerito che ti ho perdonato
e ciò che dice lui, l’ho ascoltato

di notte alla mia età
di notte alla mia

T.F.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Dimmi che ci sei...

 

Forse è il momento...

Post n°261 pubblicato il 24 Settembre 2008 da passandodiquipercaso

...di rientrare.

Forse, meglio essere qui che altrove.

Chissà?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »