Creato da viburnorosso il 02/06/2011
speculazioni non edilizie

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 27
 

Ultime visite al Blog

sciarconazziiomisteriosamente1viburnorossosilvia1943calleguadianaAV_ANIMA_INQUIETAPRONTALFREDOpsicologiaforenseoltre.lo.specchiothservicevalbenfiumechevaPrimaCheSiaN0tteshantje
 

Ultimi commenti

Grazie, no. Uso quello mio, che è quasi usato.
Inviato da: sciarconazzi
il 31/08/2015 alle 19:43
 
Lago di Vico?
Inviato da: PRONTALFREDO
il 26/08/2015 alle 22:31
 
È vero, avevo dimenticato questa storia dei bambini indaco....
Inviato da: viburnorosso
il 24/08/2015 alle 11:50
 
Se non è rosa allora è un Bambino Indaco...
Inviato da: PRONTALFREDO
il 22/08/2015 alle 23:45
 
Ma dai Alfredo, anche tu co 'sto stereotipo che la...
Inviato da: viburnorosso
il 22/08/2015 alle 11:23
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 

Messaggi del 06/07/2012

Prove di vita adulta1: immaginiamo che ...

Post n°89 pubblicato il 06 Luglio 2012 da viburnorosso
 

I bambini portano zaini colorati sulla schiena, borracce per l'acqua attaccate in vita, e hanno lo spirito dell'avventura negli occhi.

I genitori, dall'altra parte del piazzale si chiedono se si ricorderanno in cinque giorni di cambiarsi almeno una volta i calzini, di mettersi l'apparecchio per i denti, se la sera faranno fatica ad addormentarsi senza bacio della buona notte.

Arriva il pullman. È il momento dei saluti.

Il gufetto mi si avvicina con aria adulta ed ispirata e dice:

- Mamma, spero di ritrovarti al mio ritorno!

Sorrido. Riconosco in questa frase le stesse prove di futura orfananza che facevo io da piccola, quando traviata dalla visione inconsulta di tutti i cartoni nipponici del filone strappalacrime “senza famiglia” immaginavo il decesso di tutti i miei cari fino all’ottavo grado di parentela, così da rimanere finalmente sola al mondo, con un gatto e un criceto, e cavarmela suonando il flauto nelle piazze di paese (questo dettaglio tradisce una predilezione, all’interno del suddetto filone, per le storie del Dolce Remì e dell’orfanella Peline).

Il processo di autodeterminazione del bambino passa inevitabilmente per la rappresentazione delle proprie paure e l’uccisione, seppur virtuale, dei propri genitori.

Visto da questa prospettiva, il gufetto è un bambino sano, che ha solo voglia di godersi il suo campo avventura, senza ingombranti dipendenze affettive per la testa.

Rifletto sul fatto che amare un figlio significa anche avere il coraggio di lasciarlo andare. Comincio a fare gli allenamenti anche io, perché dovrò abituarmi a questo pensiero.

Comunque per scaramanzia questo post ho aspettato a scriverlo, perché volevo essere sicura che al suo ritorno, domani, ci sarei ancora stata!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso