Creato da VincenzoAiello68 il 01/05/2009
I libri, le recensioni e i racconti di Vincenzo Aiello

art magazine

 

Vai al Sito della rivista d'Arte con-fine

Direttore Responsabile: Vincenzo Aiello
Direttore Artistico: Gino Fienga
Caporedattore: Matteo Bergamini 


-> Visita il sito della Rivista

-> Abbonati a con-fine

-> Regala un abbonamento

 

Ordina su ibs.it

 

Il Sole di Stagno - Romanzo

 

Il Sole di Stagno - Vincenzo Aiello - con-fine ed. - Bologna, 2006

C'è qualcosa che accomuna questo racconto di Aiello al grandioso romanzo di Walter Siti, Troppi paradisi. Così lontani e tra di loro diversi, entrambi si sono proposti di tematizzare il tempo, fissandolo alla svolta del secolo e del millennio. Per narrare come storia la contemporaneità e la propria stessa esperienza, senza consegnarsi all'autobiografia, bisogna scegliere una lingua e giova inoltre (secondo me) una cornice esplicita di referenti cronologici. Che annunci subito il carattere del testo, di selettiva ricostruzione. Distante dal testo soggettivo della semplice memoria. È il problema che Aiello, nella sua prova d'esordio, ha in parte eluso, affidandosi ai soli dati interni. Quanto alla lingua invece, o meglio alla voce di scrittore, ha usato felicemente, la sua, che nella nuova generazione è una delle più personali.

Lidia De Federicis (L'Indice dei Libri) 

Acquista il Sole di Stagno online sul sito della casa editrice

Ordina il Sole di Stagno _nline su ibs.it

 

Area personale

 
 

FACEBOOK

 
 
 

Notiziario Culturale

 
Caricamento...
 

Il Bamboccione - Romanzo

 

Il Bamboccione - Vincenzo Aiello

 

 

Ultimi commenti

 
Saluti
Inviato da: cp2471967
il 13/10/2014 alle 17:31
 
A PROPOSITO di scrittori di gialli italioti, hai visto che...
Inviato da: GianficoFathercheap
il 02/07/2013 alle 09:37
 
Una precisazione di servizio. La V maiuscola seguente la...
Inviato da: quaciu
il 26/12/2012 alle 13:36
 
PIOVARA' ? MAH !!, CLICKA QUI
Inviato da: Sonidos_del_silencio
il 19/06/2012 alle 09:59
 
son buone..., clicka qui
Inviato da: oiggerrocs
il 10/06/2012 alle 09:01
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

Ultime visite al Blog

 
VincenzoAiello68laura2010lGraphic_UserJakelynles_mots_de_sablepistorio_francescopsicologiaforensesifabriMarcusMarconichivrocchibluMarquisDeLaPhoenixquattrozeroquattroSky_Eagleewanescente1elektraforliving1963
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

Directories

 

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Blog Directory
Contatti msn Italian Bloggers
 
Lettere al Direttore 
directory blog 

 
 

Messaggi del 18/06/2012

 

"L'angoscia del dopo"

Post n°1025 pubblicato il 18 Giugno 2012 da VincenzoAiello68
 
Foto di VincenzoAiello68

Lo scrittore palermitano, il 44enne Antonio Pagliaro, è alla sua terza opera, ma noi non avevamo avuto ancora la ventura di leggerlo. Ebbene con "La notte del gatto nero (pagg. 210, euro 14.50; Guanda)", quello che l'editrice di Laura Bosio ci presenta come un noir, e che noi pensiamo essere un romanzo sul cuore di tenebra contemporaneo in cui siamo immersi, Pagliaro ci convince. La storia ci propone la classica famiglia di 50enni di questo tempo: lui, Giovanni Ribaudo, insegnante di matematica in una paraficata; lei, Vera, adattatasi a fare da moglie e madre con una fissa per Chiesa cattolica praticante e biblico-testuale. Un figlio, Salvatore, diciannovenne, che ancora deve decidere il suo destino: Stati Uniti per imparare il mondo o facoltà universitaria al riparo dell'egida familiare? La notte tra il 2 ed il 3 marzo accade l'eventus damni: Salvatore non torna a casa e neanche l'elegante Rover familiare. Viene accusato di essere un corriere della droga. Da qui inizia la Via Crucis laica e religiosa dei Ribaudo tra l'Ucciardone, studi di avvocati stretti tra princìpi ed onorari, scorciatoie provate e non trovate. Sviluppo, trama ed epilogo lo lasciamo al felice lettore per non guastargli il succo giallesco del testo. Di Pagliaro vogliamo dire che la scelta della lingua - quell'impasto preciso, chiaro ed accattivante, screziato solo da forme verbali dialettali che ben riescono a dare connotazione di un'atmosfera sociale - gli dà ragione: perché la stessa tiene. Chè forse il romanzo avrebbe meritato un titolo più forte - e non alla moda del genere - come ad esempio: "Ci parlano dietro" oppure "Ebbe paura". Ma i complimenti alla Bosio sentiamo di farli lo stesso.

Vincenzo Aiello