Community
 
Oxumare81
Sito
Foto
   
 

Zacinto mia

Ciò nonostante ognuno, se non proprio felice, almeno non è infelice. E tira avanti.

 

Messaggi di Luglio 2012

CONGIURE E MANIE DI PERSECUZIONE

Post n°242 pubblicato il 23 Luglio 2012 da Oxumare81
Foto di Oxumare81

Mi ero ripromesso di stare zitto e non litigare più con la mia collega parruccona, ma venerdì ho dovuto rispondere alle sue lamentele. Quando eravamo solo io, lei e un altro collega mi ha detto che le rispondo sempre male e che non devo pensare che lavoro sono io. Si riferiva al fatto che giovedì, come fa sempre quando non sa cosa sto facendo e lei lo deve sapere perchè mi considera come il suo segretario, ad un certo punto mi ha chiesto con fare insolente: "Cosa stai facendo?" e io le ho risposto che stavo sistemando un report ed ho concluso "Non sto mica facendo niente". Se l'è legata al dito e venerdì mi ha detto che lei lavora fino a tardi (ma entra alle 11) e che non fa nemmeno la pausa pranzo. Certo, se fa tutto a mano, ci mette una giornata intera a fare quello che faccio in mezz'ora usando semplici funzioni di excel, a lei sconosciute.

Le ho risposto che non intendevo dire che lei non fa nulla. Semplicemente mi sono stufato di essere trattato come il suo segretario. Perchè non chiede agli altri cosa stanno facendo? Lei mi ha risposto che se sta lavorando con me, è giusto che lo sappia. Casualmente, ho ribattuto, quando qualcuno si avvicina al mio computer, lei si spazientisce perchè non vuole che gli altri sappiano cosa sto facendo. Può farlo solo lei. Mi ha detto che ho le manie di persecuzione!!! Sono anni che ci ripetiamo che il clima è pesante quando lei non ha sotto controllo qualcosa e soprattutto quando io sfuggo alle sue grinfie! Ha urlato che se c'è qualcuno che mi fomenta, dovrebbe dirglielo apertamente. Qui si apre un mondo. Quando il capo mi ha dato la valutazione mi ha detto che non dovevo ascoltare i colleghi nulla facenti. Ecco, è stata lei a mettere le parole in bocca al capo, ma non avevo dubbi. E' la sua scagnozza. Non è in atto nessuna congiura contro di lei; sta di fatto che se il capo invita alle riunioni solo lei, gira le mail solo a lei e noi non sappiamo mai nulla, è un problema di comunicazione e di incapacità di gestione del personale da parte del capo, non certo un problema mio. Riflettendoci, credo che abbia fatto una questione personale quella dell'aria condizionata. Lei ha le scalmane (anche se ha passato la menopausa da almeno 10 anni) o più semplicemente ha caldo perchè è obesa e la parrucca di plastica che ha in testa, comprata dai cinesi, insieme ai suoi vestiti di poliestere, le fanno caldo, pertanto vuole sempre l'aria condizionata fortissima. All'inizio ero solo io a chiuderla, al chè lei si arrabbiava sempre. Poi però non ha più potuto dire che io sono freddoloso perchè anche le mie colleghe hanno avuto l'ardire di lamentarsi perchè vien loro il mal di testa. Alla fine è rimasta solo lei a volere l'aria condizionata in ufficio e borbotta in continuazione a casua del caldo. Noi, al massimo, apriamo le finestre. Tra l'altro, in sua assenza abbiamo messo una foderina di plastica trasparente in un bocchettone così che non esca più l'aria. Per ora non se n'è accorta, poi, vedremo...

M'ha detto che se voglio cambiare ufficio, non è certo lei a trattenermi. Su questo ho i miei dubbi perchè le fa comodo che io stia qui visto che lei non sa far nulla, però qui mi sono trattenuto e sono stato zitto.

Ho deciso che d'ora in poi non risponderò più alla parruccona, mi limiterò a parlarle a monosillabi e non la guarderò più in faccia. La tratterò come la collega frigida, così non sarò scortese, ma risulterò antipatico all'ennesima potenza.

Tra l'altro entro il 31 luglio devo fornire il mio feed-back alla valutazione del capo. Ho preparato quanto segue: "Io sono un neo assunto laureato, entrato in azienda per intraprendere la carriera direttiva e, dopo 7 (SETTE) anni, quando è giusto che sia data una certa autonomia alle persone preparate e meritevoli (come continuo ad essere considerato dal responsabile e dai colleghi, infatti ho sempre avuto valutazioni elevate e NON ho mai fatto malattie, a dimostrazione della mia dedizione al lavoro), noto che continuo ad essere trattato alla stregua di un segretario. Ci sono però numerosi colleghi che possiedono minori capacità di me, ma che hanno avuto maggiori opportunità di crescita. Da ciò deduco che in quest'azienda non siano fornite eguali opportunità di crescita alle persone. Penso che dovrebbero essere fornite anche a me le stesse possibilità. Oltre a ciò, in questa valutazione annuale sono stato considerato poco proattivo, ma non condivido affatto questa considerazione. Prima di tutto non mi è stata data l’opportunità di dimostrare la mia capacità relazionale, inoltre mi sono proposto a cambiare attività, ma a distanza di quasi 5 (CINQUE) mesi non è cambiato nulla. Non mi è stata data alcuna possibilità di cambiamento. In realtà credo che faccia comodo che io resti nello stesso ufficio per supportare chi, oltre ad avere competenze nulle, non rispetta gli orari di lavoro, si immischia nelle attività altrui ed è assolutamente incapace di coinvolgere le persone nel lavoro in quanto le sfrutta senza ringraziarle o motivarle. Questo stato di cose, unitamente alla costante illusione del miglioramento della mia situazione, che non trova alcun riscontro nei fatti, mi demotiva e vorrei che REALMENTE cambiasse qualcosa, ottenendo maggiore autonomia e responsabilità nel lavoro. Io voglio credere che si possa essere soddisfatti della propria vita professionale, specie in un’azienda grande (e quindi con numerose aree di attività) e solida come questa, pertanto non ho perso le speranze e mi auguro che mi vengano finalmente offerte opportunità di crescita professionale. Ne beneficerebbe anche l’azienda, che, da tempo, sta sprecando una risorsa, con le sue innumerevoli capacità."

Penso sia efficace. Chissà mai che mi caccino. Sono stufo di star qui, di sottostare agli ordini di un'incapace, di essere considerato un segretario, di invidiare chi fa carriera, di contare i minuti ogni giorno, di scendere lentamente le scale per non aspettare fantozziamamente col badge davanti alla macchinetta delle timbrature. Vorrei fregarmene, ma alla fine non ce la faccio. Dopo tutti gli anni passati a studiare so di valere qualcosa e vorrei qualche soddisfazione dal lavoro. Quando mi sono confessato, il prete m'ha preso per mano, m'ha chiamato per nome, m'ha detto che non devo fare in modo che la rabbia prenda il sopravvento. Ho cose più belle e più importanti nella mia vita; la frustrazione non deve minare la mia felicità.

 

 

 
 
 

RICOMPORRE IL PUZZLE

Post n°241 pubblicato il 12 Luglio 2012 da Oxumare81
Foto di Oxumare81

Ieri due pezzi della mia vita si sono uniti.

L'amica che mi aveva fatto conoscere la mia ex (e che non avevo visto per oltre tre anni) aveva organizzato una serata al bowling. Ci siamo risentiti su facebook qualche mese fa, dopo tanto tempo. Eravamo molto amici quando stavo con la mia ex, ci sentivamo tutti i giorni e ci raccontavamo tutto. Lei mi presentava agli altri come il suo migliore amico. Io non uso mai questa espressione perchè si dice che i migliori amici restano tali per tutta la vita e io non ho mai avuto un amico o un'amica che possa considerare tale. Lei era comunque una mia carissima amica, a cui confidavo tutto. E' anche amica dell'unica mia ex compagna di università con cui sono rimasto in contatto. Le ho perse di vista più di tre anni fa, quando la mia ex mi ha lasciato (dopo 4 anni di fidanzamento). Onestamente me la sono presa perchè io sono stato lasciato e loro non mi sono state vicine; ero veramente solo, stavo male. Comunque, tra donne avranno legami più saldi, preferiranno restare tra loro, ma ormai è acqua passata. Nel frattempo ho conosciuto mia moglie, ci siamo fidanzati e sposati più di un anno fa. Non le ho invitate al nostro matrimonio perchè ormai ci eravamo persi di vista, salvo poi, appunto, risentirci su facebook.

Per tutta una serie di impegni ci siamo rivisti solo un mese fa ad un concerto di quest'amica. Mia moglie però non è potuta venire perchè aveva una cena con le ex compagne di liceo programmata da tempo. Io ci tenevo a fargliele conoscere, così, finalmente l'occasione si è ripresentata ieri.

Quando arriviamo al bowling, però, sorpresa: non solo ci sono le mie due amiche più qualche amico di amico che ricordavo quando uscivo con loro più di tre anni fa, ma c'era anche la mia ex.

Cosa faccio? All'inizio faccio finta di nulla, saluto le amiche, presento loro mia moglie, saluto gli altri, a lei stringo solo la mano. Mi dice solo: "Sei dimagrito". Io annuisco. Lei non è cambiata per niente. Bella e stupida, come sempre.

Onestamente sono stato in imbarazzo tutta la sera. La situazione era paradossale. Forse la mia amica avrebbe potuto avvertirmi... Siamo stati fidanzati 4 anni, avrebbe potuto capire il mio disagio. Ad un certo punto mia moglie collega il nome scritto sul monitor del bowling e mi chiede: "Ma lei è la tua ex?" Come prima reazione le dico di no. Poi mi correggo e confesso la verità. Ho mantenuto per tutta la serata un contegno che mi è familiare: sono stato zitto, non le ho mai rivolto la parola. Almeno mia moglie non avrà avuto di che dubitare e poi ho dimostrato a me stesso che un capitolo della mia vita è definitivamente chiuso. Abbiamo quindi passato la serata per lo più conversando con la mia ex compagna di università.

Alla fine ci salutiamo. Non la bacio, le stringo solo la mano. Mia moglie mi dice che è una bella ragazza, ma la rassicuro che non ha nulla da invidiare. Sarà bella, ma è stupida.

 
 
 

ESSERE ACCOMODANTI

Post n°240 pubblicato il 04 Luglio 2012 da Oxumare81
Foto di Oxumare81

Sono di ritorno da una settimana passata in Egitto, un posto stupendo a partire dal mare, pulitissimo, per arrivare ai templi degli antichi egizi, che ci fanno immergere in un'atmosfera d'altri tempi.

Sono stato proprio bene. Unico problema, breve discussione con mia moglie perchè ha insistito che curassi il mio piede destro, gonfio da oltre due mesi, da una sorta di stregone. Non è come in Italia; ci ci siede, si prende il tè, si chiacchiera, ti dà qualche infuso, cura un eritema, la cervicale, fa dei massaggi a mia moglie, ci vediamo diverse volte, alla fine ci prepara un pacchettino e ci spara 90 euro! Gliene abbiamo lasciati 50, ma mi sono sentito uno stupido. Mai in vita mia avrei pensato di lasciare una cifra del genere ad un personaggio così; per carità, bravo ragazzo, gentile, simpatico, in buona fede, ma a raccontarla, ti prenderebbero per stupido. Mia moglie voleva anche un decotto per dimagrire, ma, vista l'esperienza le ho detto che era meglio evitare. Lei se l'è presa sostenendo che lei è troppo accomodante e, quando c'è da scegliere, preferisce fare ciò che è bene per me piuttosto che per lei. A parte che anch'io tendo a cedere, a seconda delle occasioni, inoltre, quando accade, io non lo dico, lo tengo per me. Io non volevo neanche farmi curare da lui; è stata lei ad insistere e, viste le conseguenze, credo che sia meglio evitare di farci fregare ulteriormente. Il piede s'è sgonfiato? Insomma... Sto applicando tutte le sere l'unguento e la mattina è sgonfio, ma, al pomeriggio, quando torno dal lavoro e tolgo le scarpe è ancora gonfio...

E' sempre brutto tornare, essere aggrediti dalla solita idiota che non ti chiede neanche come sono andate le vacanze perchè le preme solo lamentarsi della mia assenza, durante la quale non ha fatto assolutamente nulla, infatti mi sono ritrovato tutto quello che c'era da fare prima della partenza. M'ha pure chiamato in Egitto perchè non era capace di schiacciare un pulsante. E poi riceve i premi perchè, a detta del capo, lei è l'unica "referente ottimale, che sa organizzare il lavoro degli altri e gestire le risorse" mentre non li dà a chi sa fare le cose e lavora veramente. Ma in quest'azienda paga di più fingere di essere impegnati piuttosto che produrre risultati. Ecco perchè, arrabbiata come sempre, dopo il colloquio col capo, s'è trasformata in un'ochetta giuliva. Aria di premio, come tutti gli anni? E' sempre brutto tornare e sapere che l'altra idiota che fa gli occhioni dolci al capo ha fatto carriera, commentando "me ne stavo tanto bene nel mio ufficetto; dai punto in bianco mi hanno detto che dovevo andare a Lecco come responsabile". Mentre tu sei sempre in attesa di non si sa cosa.

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: Oxumare81
Data di creazione: 13/08/2007
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Oxumare81to_reviveESAURITA3112maresogno67amoon_rha_gaiopsicologiaforenseioeternamenteioMarquisDeLaPhoenixmargherita.22elektraforliving1963DJ_Ponhzisurfinia60falsapiriteVerainvisibilequinoa1977
 

ULTIMI COMMENTI

Bentornata!!!
Inviato da: Oxumare81
il 14/07/2014 alle 15:10
 
w i single!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ciao ox... a volte...
Inviato da: ESAURITA3112
il 10/07/2014 alle 21:52
 
In effetti è proprio così! Buon pomeriggio!
Inviato da: Oxumare81
il 23/06/2014 alle 14:40
 
a beh allora non ti lamentare...sei tu che vuoi andare :))
Inviato da: amoon_rha_gaio
il 19/06/2014 alle 11:50
 
Di solito lei cucina e fa le pulizie (quando lavora le...
Inviato da: Oxumare81
il 18/06/2014 alle 09:15
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom