Creato da odio_via_col_vento il 03/11/2005

Abbandonare Tara

abbandonare le sicurezze, i luoghi comuni, alla scoperta di cosa c'è fuori di qui

 

Messaggi del 14/06/2012

Orientarsi - consigli di viaggio 27

Post n°535 pubblicato il 14 Giugno 2012 da odio_via_col_vento
 

 

Kristina Jurick, A new direction

 

 

Riprendere la strada dopo una lunga sosta o un grande cambiamento non è facile.
Non deve essere necessariamente un capovolgimento negativo di vita, una difficoltà, una malattia o una perdita, quella che ci fa sentire come se avessimo perso la rotta. 

Anche cose belle e novità gioiose possono dare lo stesso senso di sbilanciamento e disorientamento.
La crescita è un trauma: tutti siamo stati adolescenti e lo abbiamo sperimentato sulla nostra pelle. Qualcuno è anche stato genitore di adolescenti e ha provato lo stesso trauma dalla parte opposta della barricata.
Dicono che anche la nascita sia un trauma per il bambino che viene al mondo. A giudicare dal pianto che segue la grande fatica, si direbbe proprio di sì.
Certo è un trauma per la madre, anche nel più felice dei sensi. 
Un trauma non avere più quella vita che simbioticamente ti cresce dentro, trovarsi da figlia a madre, scoprire che ci sono priorità e responsabilità nuove, non dormire (MAI!!!) dall'emozione. A questo non ti preparano nemmeno i 9 mesi della gravidanza, per quanto strano possa sembrare.

Così è ricominciare: cominciare di nuovo.
Ma cominciare, anche, ex-novo.
Con occhi nuovi, cioè, con un nuovo bagaglio di esperienza, dopo un lungo percorso che non è solo viaggio, ma anche e soprattutto cammino interiore.

A volte sono necessarie scelte: fare a meno di qualcosa o qualcuno, tagliare, ridurre, potare.
Altre volte le scelte sono per accrescere: prendere altri impegni, accogliere nuove persone, cercare un altro senso.

Non è tanto il jet lag, la stanchezza, abituarsi ad un altro ritmo, ad un altro cibo, ad un'altra lingua.
E' quel guardarsi intorno non riuscendo a decidere da quale parte andare, non riconoscendo i contorni dei luoghi, quel senso di deja-vu che stordisce invece di consolare, svegliarsi con l'ansia del giorno che ancora deve arrivare, aspettare non sai cosa: qualcuno o qualcosa.
Rimandare appuntamenti e impegni, col senso dell'inutilità e del provvisorio.
Spiare un aereo che si alza in volo chiedendosi dove andrà, o controllare maniacalmente il telefono, in caso ci fossero chiamate perse. 

 

 
 
 

HUMAN CALENDAR.COM

 

AGGIUNTE AL BLOG

Spesso qui non c'è posto per il mio personale rapporto tra pensiero e immagine.
E allora ho deciso di aprire un FOTOLOG: 

DALLE STELLE ALLE STALLE


Mi faranno piacere le vostre visite

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

odio_via_col_ventoamorino11magdalene57lacey_munrolubopoarw3n63melissa38mstreet.hasslefrancy_62bimbayokompt2003trampolinotonanterustyprofcarlotto6angiolhgt
 

LA FATICA È SEDERSI SENZA FARSI NOTARE

Tutto il resto poi vien da sé.
(Cesare Pavese)

web tracker
 
Citazioni nei Blog Amici: 147
 

HIC SUNT LEONES (OVVERO EXTRA-CONFINI)

Non solo mamma (lo spassosissimo diario di una madre di 3 maschi)
Buba (una foto-e una poesia al giorno)
Prima o poi l'amore arriva (come sopravvivere ironicamente ad una separazione)
Ho sposato un beduino (una mamma alternativa, in esilio a Pisa)
Vesnuccia (da Torino una vita quotidiana con amore)
La casa sull'albero (ex-Sandali al sole)
Prendo appunti (la Profe, sempre Profe ma non commentabile)
Advanced Style (la moda delle bellissime "vecchie babbione" che hanno coraggio)
La Santa Furiosa (credevate di conoscere l'Orlando furioso, vero? questa ne è un'ottima alternativa)


 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

PAPERBLOG