Un po' di noi...

Libri, articoli e altro di Andrea e Daniela

 

I NOSTRI LIBRI

- Caro amico ti ho ucciso (2016)

- Milano criminale (NUOVA EDIZIONE AGGIORNATA, 2015)

* * * * * * * * * * * * * * *

- I 100 delitti di Milano (2014)

* * * * * * * * * * * * * * *

- I personaggi più malvagi della storia di Milano (2013)

* * * * * * * * * * * * * * *

- Milano giallo e nera (2013)

* * * * * * * * * * * * * * *

- Gli attentati e le stragi che hanno sconvolto l'Italia (2013)

* * * * * * * * * * * * * * *

- Le famiglie più malvagie della storia (2011, II edizione)

* * * * * * * * * * * * * * *

- 101 personaggi che hanno fatto grande Milano (2010)

* * * * * * * * * * * * * * *

- Il grande libro dei misteri di Milano risolti e irrisolti (2006, III edizione)

 

* * * * * * * * * * * * * *

- Milano criminale (2005,  esaurito)

 

Per maggiori dettagli, vai al Tag Libri e pubblicazioni

 

I LIBRI DI DANIELA

- La vita che non c'è ancora (2015)

- Le grandi donne di Milano (2007, II edizione)

  

- L'eterno ritorno, un pensiero tra "visione ed enigma" (2005)

 

I LIBRI DI ANDREA

I grandi delitti italiani risolti o irrisolti (NUOVA EDIZIONE AGGIORNATA, 2013)

* * * * * * * * * * * * * * *

Bande criminali (2009)

* * * * * * * * * * * * * * *

 

I grandi delitti italiani risolti  o irrisolti (2005, esaurito)

* * * * * * * * * * * * * * *

 

La sanguinosa storia dei serial killer (2003, esaurito)

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

RiccardoPennasexydamilleeunanotteaccorsiferrolab79francesca632Signorina_GolightlyIrrequietaDfrederaickun_uomo_della_follaoscardellestellegattoc2009GiuseppeLivioL2chepizzastiblogpuntocabrio1200
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie, anche a te!
Inviato da: accorsiferro
il 30/12/2016 alle 19:29
 
Buon fine ann e buon anno nuovo da kepago
Inviato da: amandaclark82
il 30/12/2016 alle 12:35
 
Addirittura!! Mille grazie e... auguri!
Inviato da: accorsiferro
il 26/12/2016 alle 10:22
 
blog semplicemente meraviglioso. Ottimo lavoro. Ciao da...
Inviato da: emilytorn82
il 23/12/2016 alle 20:24
 
Grazie!! Continui a leggerci!
Inviato da: accorsiferro
il 20/12/2016 alle 17:10
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

 

Regione, Toia “prof” per un giorno con gli studenti della “Franco Tosi” di Legnano

Post n°2029 pubblicato il 27 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

“Professoressa” per un giorno. È il ruolo nel quale si è calata Carolina Toia (nella foto), consigliere del Gruppo “Maroni Presidente”, in occasione della visita didattica a Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia, di 47 studenti della Scuola Secondaria di I grado “Franco Tosi” di Legnano (MI), la città della stessa consigliere.
Gli studenti, accompagnati da quattro docenti, sono stati accolti nell’Aula consiliare, dove hanno preso posto tra i banchi dei consiglieri. «Ho illustrato loro il ruolo della Regione e del Consiglio – spiega Carolina Toia –, i compiti e il funzionamento dell’Assemblea legislativa, con particolare attenzione ai passaggi relativi alle competenze, alla stesura e all’approvazione delle leggi. Una “lezione” insolita ma assai utile per i cittadini di domani e, ci tengo a sottolinearlo, alla quale i ragazzi della mia città hanno assistito con molto interesse e partecipazione».
Gli studenti della “Franco Tosi” hanno quindi simulato insieme una seduta del Consiglio regionale, procedendo all’elezione del Presidente e dell’Ufficio di Presidenza.

 
 
 

Vigili del Fuoco volontari, in arrivo 500 mila euro per l'acquisto di nuovi mezzi e attrezzature

Post n°2028 pubblicato il 24 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

Daniela Maroni: sono i nostri eroi, meritano più attenzione

Mentre il Baradello, il colle che domina Como, va a fuoco, il Consiglio regionale approva la legge a sostegno dell’attività dei Vigili del Fuoco volontari. In Aula è infatti passato il finanziamento di 500 mila euro per l’acquisto di nuovi mezzi e di attrezzature da destinare ai volontari, oltre a un programma di formazione annuale per il Corpo. 
«Sono gli eroi di casa nostra, coloro che intervengono senza timore e salvano chiunque possa trovarsi in pericolo. Da Amatrice a Norcia, passando per l’Aquila i Vigili del fuoco volontari sono sempre intervenuti in prima linea per aiutare le persone e le famiglie in difficoltà – spiega il consigliere Segretario Daniela Maroni -. Un impegno inestimabile che merita maggiore attenzione e una crescente vicinanza perché è grazie a loro che vengono salvate le persone, vittime incolpevoli di un destino a volte crudele. Sono proprio loro che mettono in gioco forze, energie, idee e la stessa vita. Un lavoro delicato che merita maggiori risorse».
L’impegno di spesa che ha ottenuto l’unanimità dell’Aula sarà ridiscusso in sede di bilancio per finanziare anche il prossimo anno eventuali richieste di aiuto da parte dei Vigili del Fuoco. «Il provvedimento prevede altresì corsi di formazione annuali per i volontari del Corpo dei Vigili del Fuoco – conclude Daniela Maroni, che domenica illustrerà la normativa in occasione dell’assemblea provinciale che si terrà a Lomazzo (Co) –. La Giunta, inoltre, istituisce l’Elenco regionale delle Onlus costituite a supporto dei volontari del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco».

 
 
 

Accorsi e Ferro firmano i “Grandi imperatori”

Post n°2027 pubblicato il 22 Marzo 2017 da accorsiferro
Foto di accorsiferro

Sul numero speciale in edicola di “BBC History” dedicato ai grandi imperatori della storia, Andrea Accorsi e Daniela Ferro raccontano le gesta di Ramses II e Ciro il Grande, di Alessandro Magno e Traiano fino a Pietro il Grande. Una cavalcata nei secoli a fianco degli uomini che volevano conquistare il mondo.
Lo speciale “Grandi imperatori” è in edicola al prezzo di 9,90 euro (Sprea editori).

 
 
 

Vigili del Fuoco, Toia (Lista Maroni): grazie a legge lombarda più risorse per formazione, mezzi e dotazioni dei volontari

Post n°2026 pubblicato il 21 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

«Valorizzare la formazione del personale volontario del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco in Lombardia e migliorarne le condizioni operative sostenendo l’acquisizione di mezzi e dotazioni tecniche»: Carolina Toia, consigliere regionale del Gruppo “Maroni Presidente”, riassume così contenuti e obiettivi della legge “Nuove norme per il sostegno e la valorizzazione del personale dei distaccamenti volontari del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco” approvata oggi dal Consiglio con il voto favorevole del suo Gruppo.
«La nostra regione presenta un valido sistema di prevenzione e un nutrito numero di volontari che, attraverso un’attività dislocata nei 70 distaccamenti, costituisce una rete capillare e un valido ed indispensabile strumento di presidio del territorio – osserva Carolina Toia –. Sono 1.600 i Vigili del Fuoco volontari che affiancano i colleghi permanenti dislocati nei distaccamenti effettivi. Il compito che sono chiamati a ricoprire è di estrema importanza per l’intera collettività: essi costituiscono un presidio prezioso per la sicurezza del territorio, dei suoi abitanti e delle sue infrastrutture, nonostante le numerose difficoltà connesse alla loro attività. È proprio per sopperire alle numerose mancanze e disagi che abbiamo portato in Aula un provvedimento con il quale intendiamo riconoscere il valore dei volontari».
«Regione Lombardia, in virtù delle norme introdotte oggi – spiega la consigliere della Lista Maroni –, ritiene qualificante intervenire nella formazione degli operatori per mantenere ed elevare lo standard di preparazione dei nostri volontari sulla base di un programma annuale definito in accordo con i rappresentanti regionali. Al riguardo saranno stanziati 150.000 euro per ogni esercizio finanziario. Altro aspetto importante è il miglioramento del materiale a disposizione dei distaccamenti; la misura intende fornire risorse economiche per acquisizioni di dotazione tecnica con un apposito stanziamento pari a 500.000 euro per ogni esercizio. Un intervento concreto a favore di chi quotidianamente è pronto a intervenire a salvaguardia del territorio lombardo».
«Tengo molto a ringraziare – conclude Toia – le centinaia di persone sulle quali la comunità lombarda sa di poter contare incondizionatamente. Tutte le emergenze che il nostro territorio ha vissuto negli ultimi anni sono state affrontate con prontezza e competenza. Grazie, quindi, a tutti coloro che continuano a vegliare sulla nostra sicurezza, confermando come il volontariato sia una delle più grandi risorse della Lombardia».

 
 
 

Lotta alla povertà, Saggese (Lista Maroni): cambia il fattore famiglia lombardo

Post n°2025 pubblicato il 19 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

«Terrà conto dei componenti del nucleo familiare ma anche dei genitori separati»

«Un passo avanti significativo che va incontro alle persone in difficoltà, riconoscendo il ruolo sociale della famiglia e, grazie alle modifiche da me introdotte, tenendo conto delle specificità lombarde relative sia al costo della vita che al numero di separazioni»: Antonio Saggese (nella foto), consigliere del Gruppo “Maroni Presidente”, definisce così la legge “Norme integrative per la valutazione della posizione economica equivalente delle famiglie – Istituzione del fattore famiglia lombardo” varata dal Consiglio regionale.
«Secondo dati Istat, in Lombardia il costo della vita è superiore del 17% alla media nazionale e il costo degli affitti al Centro-Sud è pari al 60% di quello al Nord. Sempre al Nord, poi, si registra una percentuale maggiore di separazioni e divorzi rispetto al totale dei matrimoni. Per queste ragioni, allo scopo di assicurare la massima equità – sottolinea Saggese – ho presentato due emendamenti alla legge, entrambi approvati dall’Aula, che contemplano la situazione dei genitori separati: fra i criteri che concorrono alla definizione della scala di equivalenza della situazione reddituale e patrimoniale, si dovrà tenere conto del contributo per il mantenimento dei figli disposto dall’Autorità giudiziaria».
In Lombardia, ricorda il consigliere della Lista Maroni, «si registra un aumento progressivo della povertà relativa, che sembra non arrestarsi. Dati del 2014 ricavati da Eupolis indicano che la diffusione della povertà cresce in maniera consistente al decrescere dell’età, dal 2,8% di poveri fra gli over 65 all’8,3% fra i minorenni. A fare la differenza è proprio la presenza di minori: fra le famiglie con almeno un minore, la percentuale di povertà è più che doppia rispetto al totale delle famiglie. Più di 130 mila bambini e giovani lombardi vivono in famiglie povere».
A fronte di questa situazione, prosegue Antonio Saggese, «per agevolare le spese per i servizi scolastici, il trasporto pubblico locale, i servizi al lavoro e l’abitazione delle famiglie in difficoltà è stato introdotto il Fattore Famiglia Lombardo: un indicatore che corregge e integra l’Isee, così da garantire alle famiglie condizioni migliorative e introdurre meccanismi di premialità nell’accesso alle prestazioni erogate dalla Regione e dai Comuni. La novità principale nella determinazione del Fattore Famiglia, che tiene conto anche del patrimonio mobiliare e immobiliare, della situazione reddituale e patrimoniale posseduta all’estero, è il numero dei componenti del nucleo familiare, compresi i nascituri e i minori in affido, l’età dei figli, la presenza di persone con disabilità e anziani non autosufficienti, la presenza di eventuali mutui in corso per l’acquisto della prima casa e, con l´emendamento da me presentato, ora anche il mantenimento per i figli deciso dalla autorità giudiziaria nei casi di genitori separati. Attraverso l’istituzione del Fattore Famiglia – conclude Saggese – Regione Lombardia intende fornire uno strumento concreto per una più equa attuazione delle politiche a contrasto della povertà attraverso l’introduzione di principi, criteri e modalità che tengano conto di elementi di priorità in relazione alla composizione del nucleo familiare e delle peculiarità socio-economiche lombarde».

 
 
 

Lombardia, Carolina Toia accompagna studenti in visita a Palazzo Pirelli

Post n°2024 pubblicato il 17 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

«Una splendida giornata, con un panorama mozzafiato dal Belvedere “Enzo Jannacci” di Palazzo Pirelli su Milano e sulla nostra bella Lombardia»: è quanto hanno potuto apprezzare questa mattina i 44 studenti della scuola secondaria di primo grado “Sandro Pertini” del Plesso “Falcone Borsellino” di Milano, accompagnati dalla professoressa Maria Laura Rizzo, nelle parole del consigliere regionale Carolina Toia (Gruppo “Maroni Presidente”) che li ha accompagnati nel corso della visita alla sede del Consiglio regionale.
«In questa occasione – spiega Carolina Toia – i giovanissimi visitatori hanno potuto apprendere per sommi capi che cos’è l’istituzione del Consiglio regionale, di che cosa si occupa e come lavora. Sono state poi illustrate loro le caratteristiche del grattacielo che ospita il Consiglio e le tecniche con le quali è stato compiuto il restauro dell’edificio in seguito all’incidente del 2002. Una “lezione” tanto insolita quanto utile, che – ne sono certa – i ragazzi non dimenticheranno».
 
 
 

Registrazioni di colloqui con i medici, Saggese: in documentazione sanitaria del paziente solo con consenso del professionista

Post n°2023 pubblicato il 15 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

Autorizzare l’inserimento, nella documentazione sanitaria del paziente, esclusivamente delle registrazioni audio/video realizzate con il consenso del professionista sanitario: è quanto prevede una mozione approvata dal Consiglio regionale della Lombardia, che impegna la Giunta anche ad istituire un tavolo di confronto con i rappresentanti degli Ordini dei Medici, i componenti delle direzioni strategiche e le direzioni generali interessate al fine, si legge nel testo della mozione, “di predisporre un documento che favorisca il miglioramento qualitativo del sistema sanitario, rispettando le basilari regole di relazione interpersonale, sia nell’ambito della fiducia medico-paziente, sia nell’ambito della fiducia nel sistema sanitario”.
«La registrazione è uno strumento utile da usare con trasparenza al fine di migliorare la piena riuscita di una prestazione medica assistenziale – osserva Antonio Saggese (nella foto), consigliere regionale del Gruppo “Maroni Presidente” e componente della Commissione Sanità e politiche sociali –. Tuttavia non può essere dimenticato, come riporta il Manuale delle registrazioni dei pazienti di Regione Lombardia, approvato lo scorso novembre, che un nodo importante della registrazione è la sua natura “nascosta” o meno, cioè se viene fatta informandone, ad esempio, il medico che sta fornendo la prestazione».
«In Italia – sottolinea Saggese – l’art. 5 della legge sulla privacy consente, per questioni che ci riguardino direttamente, le registrazioni “covert”, senza cioè chiedere all’interlocutore, in questo caso il medico, il permesso di registrare il colloquio. Cosa differente è “se le registrazioni fossero utilizzate per finalità di diffusione diversa (ad esempio sui social media)”. Con la possibilità di registrare il rapporto medico-paziente all’insaputa del medico, che la legge sembra consentire, si potrebbe però provocare il paradosso di diffondere la sfiducia dei cittadini nei confronti degli operatori del servizio sanitario regionale».
 «Condivido quanto affermato nel Manuale, ovvero che “è da ritenersi buona norma che il paziente informi preventivamente il professionista della sua intenzione di registrare il loro incontro”. Con l’istituzione del taccuino personale – ricorda il consigliere della Lista Maroni – ogni cittadino ha facoltà di inserire nel proprio fascicolo sanitario elettronico informazioni riguardanti i documenti sanitari, le terapie farmacologiche e quindi anche le eventuali registrazioni audio/video effettuate dall’assistito. Bisogna prendere atto di un progressivo incremento dell’uso delle registrazioni e riconoscerne il potenziale valore all’interno di un buon rapporto operatore sanitario-paziente – conclude Antonio Saggese –, tuttavia è bene ribadire l’importanza della trasparenza del rapporto tra le parti, unico presupposto per un rapporto di qualità tra medico e paziente».

 

 
 
 

Corsi di laurea soppressi, Galli (Lista Maroni): risultato di un cortocircuito organizzativo interno al sistema universitario

Post n°2022 pubblicato il 14 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

«Il proliferare dei corsi di laurea da un lato e la compressione delle carriere dei docenti dall’altro ha generato nelle università italiane un cortocircuito irrazionale»: è quanto ha denunciato in Aula il capogruppo della Lista Maroni nel Consiglio regionale della Lombardia, Stefano Bruno Galli (nella foto), nel corso del dibattito su tre mozioni presentate in merito alla chiusura del corso di laurea in Scienze infermieristiche presso il Polo didattico di Sesto San Giovanni (Mi) dell’Università Milano-Bicocca.
«Ha ragione il Magnifico Rettore della Bicocca, professoressa Cristina Messa, che non può farci nulla – ha affermato Galli –. Il problema non è di natura sanitaria ma eminentemente accademica. Con il passaggio al “3+2” (triennio più biennio specialistico) si è verificata, allo scopo di ampliare l’offerta formativa, una proliferazione dei corsi di laurea cui non è corrisposto uno sviluppo delle carriere dei professori universitari. Anzi, sul reclutamento del corpo docente è gravato il blocco del turnover, a fronte delle numerose uscite di ruolo. Così i requisiti minimi per l’attivazione e la sopravvivenza dei corsi spesso vengono meno. È un cortocircuito – ha concluso il capogruppo della Lista Maroni – che nessun ministro ha affrontato con determinazione e di cui tanto meno una ministra che ha millantato una laurea sarà in grado di occuparsi».

 
 
 

Ex Opg di Castiglione delle Stiviere, Toia (Lista Maroni): fare chiarezza su necessità delle nuove opere volute dall'Asst

Post n°2021 pubblicato il 10 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

«Rendere edotta in maniera compiuta la Commissione speciale sulla situazione carceraria in Lombardia circa i dettagli delle opere di realizzazione dei due poli e istituire un Tavolo tecnico che possa valutare la reale necessità di nuove strutture e la coerenza dei costi»: è l’impegno richiesto alla Giunta regionale dalla proposta di risoluzione sugli interventi infrastrutturali negli Ospedali psichiatrici giudiziari di Castiglione delle Stiviere (Mn, nella foto) e Limbiate (Mb) per la loro conversione in REMS (Residenze per l’esecuzione della misura di sicurezza sanitaria). Della proposta, approvatao dal Consiglio lombardo, è stata relatrice Carolina Toia, consigliere regionale del Gruppo “Maroni Presidente” e componente della Commissione.
«In seguito all’audizione del direttore generale di Infrastrutture in Commissione lo scorso gennaio – ricorda Carolina Toia – si è appreso che, mentre in una prima relazione l’Azienda socio sanitaria territoriale “Carlo Poma” prevedeva di indirizzare l’intervento delle REMS al potenziamento delle aree riabilitative, successivamente la stessa Azienda ha ritenuto prioritaria la realizzazione ex novo delle sei strutture residenziali; questo non era stato chiarito durante la visita della Commissione speciale sulla situazione carceraria in Lombardia svolta nella struttura di Castiglione delle Stiviere a ottobre. Il nuovo progetto – spiega sempre Toia – prevede la realizzazione di un nuovo parcheggio in sostituzione di quello esistente, con l’occupazione di attuale suolo verde, lo spostamento di un’area a verde terapeutico in una nuova area, occupando ulteriore suolo verde, l’abbattimento del “Padiglione Arcobaleno” e la nuova realizzazione delle REMS “a media intensità”».
«Il Comune di Castiglione delle Stiviere, in fase di variante al PGT, ha richiesto interventi che potrebbero prevedere ulteriori costi e il prolungamento dei tempi per la loro realizzazione – osserva la consigliere della Lista Maroni –. Le procedure di gara per gli interventi a Castiglione e a Limbiate si sono già concluse, mentre i motivi per cui si sia deciso di occupare nuovo suolo presso la struttura di Castiglione non sono stati resi noti, come pure i dettagli sui costi degli interventi; inoltre è ancora poco chiaro il destino delle strutture di Castiglione che rimarranno inutilizzate. Ancora, i tempi lunghi di realizzazione prospettati porteranno al completamento delle opere quasi dieci anni dopo l’assegnazione dei fondi statali, col rischio che i costi possano aumentare».
Per tutte queste ragioni, la risoluzione approvata, oltre agli impegni citati, chiede alla Giunta di dare priorità all’intervento sull’ex ospedale di Limbiate, così da permettere l’immediato trasferimento di parte dei pazienti ospitati a Castiglione delle Stiviere, di accelerare la realizzazione delle opere e di ridurre l’utilizzo di nuovo suolo. Per la riqualificazione dell’OPG di Castiglione sono stati stanziati 16.767.000 euro, per un totale di 120 posti letto; per il recupero dei padiglioni “Forlanini” e “Ronzoni” all’interno dell’ex OPG di Limbiate 17.254.000 euro, destinati alla realizzazione di due REMS pari a 40 posti letto e delle necessarie opere di supporto (polo tecnologico, aree gestionali e di riabilitazione).

 
 
 

Lombardia, passa la legge per recupero vani e locali seminterrati

Post n°2020 pubblicato il 07 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

Daniela Maroni: impulso e sostegno per il comparto dell'edilizia

 

Facilitare la ristrutturazione del patrimonio immobiliare recuperando i seminterrati per uso abitativo, commerciale e terziario, pieno rispetto delle norme igienico sanitarie: sono solo alcuni dei vincoli imposti dal progetto di legge 258 che è stato approvato quest’oggi in Consiglio regionale.

«Con questa legge raggiungiamo almeno tre obiettivi importanti – spiega il Consigliere Segretario Daniela Maroni –. Il primo porta al recupero dei seminterrati che a oggi sono comunque utilizzati come taverne o depositi e che potrebbero ora essere resi disponibili per un uso abitativo regolare e di pieno utilizzo. Il secondo risultato è evitare un nuovo consumo del suolo e il terzo ridare impulso al settore edilizio, in grave difficoltà a seguito del perdurare della crisi economica».

Il testo finale del provvedimento definisce come seminterrato “il piano di un edificio il cui pavimento si trova a una quota inferiore, anche solo in parte, rispetto a quella del terreno posto in aderenza all’edificio, e il cui soffitto si trova, anche solo in parte, a una quota superiore rispetto al terreno posto in aderenza all’edificio”. Per Daniela Maroni la nuova legge, nata da un’esigenza del territorio e presentata da ANCE e da Confedilizia Como, «è un’opportunità per recuperare spazi abitativi o lavorativi e dare nuovo impulso all’edilizia».

 
 
 

Piano regionale del turismo, il Consiglio lombardo approva le linee guida triennali

Post n°2019 pubblicato il 06 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

Daniela Maroni: una nuova visione del sistema legata all'accoglienza

«Per la prima volta Regione Lombardia disegna strategicamente il comparto del turismo evidenziandone la peculiarità e i punti di forza. Non parliamo di velleità o di qualcosa di probabilistico, ma di un territorio in cui tutto ciò è già presente e rappresenta uno dei motori economici della Lombardia. Sulla scorta di questo principio, è passata in Consiglio regionale la Proposta di atto amministrativo n. 42 “Proposta di piano per lo sviluppo del turismo e dell’attrattività previsto dall’art. 15 della Legge regionale 27/15”». A esporre la proposta in Aula è stata il Consigliere Segretario Daniela Maroni, relatrice nonché grande sostenitrice del sistema turistico lombardo.
«Questo provvedimento contribuirà a evitare la frammentazione dell’offerta sfuggendo da logiche di gestione improvvisate e aiuterà la costruzione di una filiera integrata dei vari portatori di interesse – spiega il Consigliere Segretario Daniela Maroni –. Dobbiamo e, come Regione Lombardia, vogliamo superare la parcellizzazione dei territori favorendo la costituzione di reti e di network che sono necessari rispetto al contesto globale fortemente competitivo. Vogliamo favorire la creazione di una nuova cultura dell’accoglienza, che punti a far sentire il turista come un cittadino, ben integrato in un sistema di servizi funzionali».
Fra le misure a sostegno del comparto turistico lombardo che, negli ultimi anni, ha raddoppiato i fatturati e ha permesso di far fronte alla crisi internazionale legata all’industria, valorizzazione delle Pro loco e sviluppo di una rete unica per la promozione turistica di base, messa in rete del patrimonio lacuale e fluviale lombardo per aumentarne l’attrattività, valorizzazione del turismo termale attraverso itinerari integrati, attivazione dell’Osservatorio regionale del turismo; e ancora, organizzazione di interventi di mappatura per rendere pubblica e accessibile l’intera offerta turistica dei territori, favorendone la destagionalizzazione dei flussi turistici e l’incremento delle presenze attraverso un programma integrato d’iniziative e di eventi, “leisure e business”; collaborazione allargata con iniziative tra pubblico e privato per consolidare l’integrazione in materia di turismo attraverso attività delle imprese culturali, creative, della comunicazione web e social, dell’audiovisivo e dell’editoria al fine di potenziare la promozione e la visibilità del segmento lombardo; operare per favorire la piena integrazione di portali turistici, sistemi informativi e piattaforme digitali, inclusa la rete degli Infopoint lombardi.
«Il comparto del turismo si è confermato un salvagente per l’economia – conclude la relatrice in Aula –. Il trend di questi ultimi anni è la conferma della forza del sistema e, siccome il turismo richiede molti investimenti, dobbiamo crederci e ragionare in questi termini. Dobbiamo puntare a destagionalizzare i flussi turistici e sviluppare ogni forma di turismo, in qualsiasi contesto imprenditoriale».

 
 
 

Sanità, Saggese (Lista Maroni): importanti novità in legge approvata da Regione Lombardia

Post n°2018 pubblicato il 03 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

«Agevolazioni per donatori e farmacie, rimborso delle trasferte per trattamenti dialitici»

«Con questa legge prosegue il percorso di revisione del Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità, testimoniando ulteriormente l’estrema attenzione di Regione Lombardia ai bisogni dei cittadini. Migliora l’offerta del Sistema Sanitario Lombardo anche in termini di spesa, nonostante i continui tagli del Governo». Antonio Saggese (nella foto), consigliere del Gruppo consiliare “Maroni Presidente” e relatore del provvedimento in Commissione Bilancio, riassume così i contenuti del progetto di legge “Evoluzione del Sistema Socio-Sanitario Lombardo: modifiche ai Titoli IV, VI, VII della legge regionale 30 dicembre 2009, n. 33”, approvato oggi dal Consiglio regionale.
«La “frammentazione” dei provvedimenti presi dalla Regione nel corso della legislatura in materia di sanità, contestata dalle opposizioni – ha detto Saggese nel suo intervento in Aula –, in realtà si è rivelata utile e proficua, perché ha immediatamente riorganizzato l’intera struttura riducendo 9 centri direzionali, passando da Asl e Aziende Ospedaliere a Ats e Asst, il che ha permesso, anche grazie ai risparmi, investimenti per 500 milioni di euro per il 2017 nonostante i tagli del Governo e senza aumentare la pressione fiscale sui cittadini. Grazie a queste risorse, tra l’altro, si è potuto introdurre il rimborso delle spese di viaggio per i dialitici presso i centri più vicini alla loro dimora».
Proprio di diabete, di dialisi, di emofilia, oltre che di donazione e trapianti, si occupa il Titolo IV della legge approvata oggi. «Si tratta di patologie che registrano dati preoccupanti per la loro diffusione – spiega Saggese –. Con questa legge si vuole proporre un percorso di cura e di prevenzione specifico e innovativo per contrastare la diffusione del diabete, che in Lombardia colpisce 580 mila persone, di cui una buona percentuale neanche sa di esserne affetto. Constatiamo un incremento della patologia nella fase evolutiva che colpisce fin dalla prima infanzia ed è su questo che vogliamo, con questa riforma, andare ad agire».
«Dati rassicuranti – prosegue il consigliere della Lista Maroni – riguardano invece il volontariato e la solidarietà dei lombardi che donano il sangue, organi, tessuti e cellule. I primi due mesi del 2016 hanno registrato un totale di 14.030 donazioni di sangue rispetto alle 13.387 del periodo gennaio-febbraio del 2015; un dato positivo a vantaggio soprattutto dei pazienti che hanno necessità costante di trasfusione, come i talassemici, che in Lombardia sono 400 (dati 2015), e gli emofilici, che sono 300. La Lombardia con le sue 475 mila unità di sangue raccolte ogni anno copre un quinto del fabbisogno nazionale ed è autosufficiente rispetto ai propri bisogni. Questo ci dà vanto ma non deve fermarci: per esempio, nello scorso gennaio Milano si è trovata a dover gestire il quasi esaurimento delle scorte a causa dell’influenza che ha allettato molti dei donatori abituali; è importante quindi la continua promozione della donazione».
«Con la revisione del Titolo VII, infine – conclude Antonio Saggese –, andiamo ad aggiornare, razionalizzare e semplificare il contesto normativo rispetto all’assistenza farmaceutica. Viene ridato alle farmacie un ruolo importante, di assistenza e di vicinato. Il rapporto di fiducia che spesso si instaura con il proprio farmacista verrà preservato e ampliato, con la possibilità di ulteriori risposte e servizi, permettendo anche di non recarsi per forza nelle strutture ospedaliere, a volte distanti dalla propria abitazione».

 
 
 

Lombardi detenuti all'estero, Toia (Lista Maroni): sostenere e sviluppare interesse della Regione

Post n°2017 pubblicato il 01 Marzo 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

«In gioco il rispetto dei principi costituzionali»

«Riteniamo che l’interesse della Regione per i lombardi detenuti all’estero, pur nei limiti delle sue competenze istituzionali, debba essere sostenuto e sviluppato. Tenere alta l’attenzione è di primaria importanza per smuovere equilibri che altrimenti resterebbero immobili, a vantaggio solo della sofferenza e dell’incertezza di trattamento dei nostri concittadini all’estero»: Carolina Toia, consigliere regionale del Gruppo “Maroni Presidente” e componente della Commissione speciale sulla situazione carceraria in Lombardia, ha annunciato in questi termini il voto favorevole del suo Gruppo alla mozione, da lei sottoscritta, sulla situazione dei cittadini lombardi detenuti all’estero. La mozione è stata approvata oggi all’unanimità dal Consiglio regionale.
«Chi commette un crimine deve pagare – ha sottolineato Toia – ma ha comunque diritto a un giusto processo e la colpevolezza deve essere dimostrata e provata nei modi e nei tempi stabiliti dalla legge. Laddove Paesi stranieri non siano in grado di garantire la Giustizia, è bene che uno Stato democratico si faccia parte attiva affinché prevalgano i principi costituzionali. Conosciamo l’art. 13 della Costituzione e i limiti che pone alla detenzione di una persona, soggetta a vincoli di legge ben precisi; e anche l’art. 27 che esplicitamente tratta la pena come momento di rieducazione. È del tutto evidente che nei Paesi dove i diritti umani non vengono né sanciti né rispettati non ci possa essere alcuna rieducazione del detenuto. Anche per questo non possiamo più aspettare. È il senso civico che ci impone di conoscere, monitorare e risolvere, per quanto in nostro potere. le situazioni dei detenuti lombardi all’estero».
La mozione approvata fa riferimento al caso specifico di Cristian Provvisionato, il 42enne di Cornaredo (Mi) detenuto in condizioni di salute precarie in Mauritania. «Questo Paese – ha ribadito la consigliere della Lista Maroni – sta palesemente trascurando alcuni dei principi fondanti del nostro ordinamento. Vogliamo dare sostegno e spiegazioni ai suoi familiari e viviamo con loro il dramma umano di chi, senza alcuna garanzia di trasparenza e di correttezza delle procedure, si vede incarcerato senza nemmeno essere stato processato; di più, senza che sia chiarito il capo di imputazione. Quanti Provvisionato ci sono oggi nel mondo?».

 
 
 

Telecamere in residenze per anziani e disabili in Lombardia

Post n°2016 pubblicato il 28 Febbraio 2017 da accorsiferro
 
Foto di accorsiferro

Saggese (Lista Maroni): altro importante tassello di sistema sociosanitario vicino ai bisogni dei cittadini

«Un ulteriore, importante tassello che va nella direzione di un sistema socio-sanitario realmente efficiente e vicino ai bisogni dei cittadini, soprattutto quelli più fragili». Così il consigliere del Gruppo “Maroni Presidente” Antonio Saggese, componente della Commissione regionale Sanità e Politiche sociali, definisce il progetto di legge, approvato oggi dall’Aula, che dispone contributi regionali pari a 1.400.000 euro per l’installazione di sistemi di videosorveglianza all’interno delle residenze per anziani e per disabili della Lombardia.
«Ogni anno in Europa 40 milioni di anziani subiscono abusi, maltrattamenti e violenze fisiche e psicologiche. Si tratta di oltre 10.000 casi al giorno, ma sono episodi sottostimati, poco noti e spesso non denunciati – denuncia Saggese –. In Italia un anziano su tre è vittima di una forma di violenza: 2,9 milioni over 65 sono sottoposti a maltrattamenti psicologici, 600.000 subiscono truffe finanziarie, 400.000 vengono maltrattati fisicamente, 100.000 sono oggetto di abusi sessuali. Sempre più diffusa anche la contenzione fisica e farmacologica perché agli anziani fragili e in difficoltà si chiede pure di “non disturbare” e di non essere un peso, soprattutto in estate, quando prendersi cura di loro può diventare più gravoso e spesso si passa alle “maniere forti”».
«È orribile pensare a questi eventi – sottolinea il consigliere della Lista Maroni – perché la maggior parte dei parenti di queste persone si rivolgono a strutture residenziali o semiresidenziali per avere un supporto, un aiuto specializzato nella gestione dei loro cari, pagando spesso rette consistenti. L’installazione di sistemi di videosorveglianza all’interno delle RSA costituisce quindi, da una parte, un elemento di maggiore tranquillità per le famiglie di anziani e disabili non autosufficienti, bisognosi di continua assistenza, e dall’altra un deterrente per evitare ogni tipo di abuso da coloro che operano in tali strutture, o addirittura da soggetti esterni. La nostra Regione – conclude Saggese – punta da sempre sulla qualità dei servizi ed è in questa ottica che va letta la finalità di questo progetto di legge: non certo controllare a distanza l’attività dei lavoratori, ma tutelare l’immagine di eccellenza delle nostre strutture residenziali e la correttezza di chi vi lavora con alti livelli di professionalità e umanità».

 
 
 

Via libera al Piano lombardo per lo sviluppo del turismo e dell'attrattività

Post n°2015 pubblicato il 27 Febbraio 2017 da accorsiferro
Foto di accorsiferro

Daniela Maroni: continua percorso avviato con legge regionale

È stato approvato in Commissione Attività produttive e occupazione il Piano per lo sviluppo del turismo e dell’attrattività, che va a integrare la normativa regionale in materia di turismo. Nuove le sfide e gli obiettivi, a partire dal turismo accessibile.
Fra le misure a sostegno del comparto turistico lombardo: valorizzazione delle Pro loco e sviluppo di una rete unica per la promozione turistica di base; messa in rete del patrimonio lacuale e fluviale lombardo per aumentarne l’attrattività; valorizzazione del turismo termale attraverso itinerari integrati; attivazione dell’Osservatorio regionale del turismo; interventi di mappatura per rendere pubblica e accessibile l’intera offerta turistica dei territori, favorendone la destagionalizzazione dei flussi turistici e l’incremento delle presenze attraverso un programma integrato d’iniziative e di eventi; collaborazione allargata, con iniziative tra pubblico e privato, per consolidare l’integrazione in materia di turismo attraverso attività delle imprese culturali, creative, della comunicazione web e social, dell’audiovisivo e dell’editoria, al fine di potenziare la promozione e la visibilità del segmento lombardo; operare per favorire la piena integrazione di portali turistici, sistemi informativi e piattaforme digitali, inclusa la rete degli Infopoint lombardi.
«Un Piano completo che rafforziamo con una proposta di risoluzione, approvata all’unanimità, carica di stimoli e priorità – commenta il Consigliere Segretario di Regione Lombardia Daniela Maroni, relatrice del Piano –. È stato adottato un provvedimento che continua un percorso avviato in occasione dell’approvazione della legge sul turismo. Siamo di fronte a un’opera di coinvolgimento costante e continuo che intende dar vita ad una logica di rete per favorire la crescita strutturale dell’intero comparto, per sua natura eterogeneo e plurale. Mi sento portavoce di un territorio – aggiunge Daniela Maroni – che ha bisogno di strutturare il sistema per dare vita a una migliore interazione e integrazione tra le politiche turistiche e commerciali proprio per salvaguardare e valorizzare le periferie delle città e quelle zone di montagna e di pianura escluse dai grandi flussi turistici».

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: accorsiferro
Data di creazione: 04/03/2006
 

IL FILM CHE ABBIAMO VISTO IERI SERA

Home Sweet Hell**

Legenda:

** = merita
* = non merita

 

I LIBRI CHE STIAMO LEGGENDO

Andrea:
L. Pirandello
Così è (se vi pare)
Mondadori

 

I NOSTRI LIBRI PREFERITI

Anna Karenina di Lev Tolstoj

Assassinio sull'Orient-Express di Agatha Christie

Cime tempestose di Emily Bronte

Dieci piccoli indiani di Agatha Christie

Genealogia della morale di Friedrich Nietzsche

Guerra e pace di Lev Tolstoj

Illusioni perdute di Honoré de Balzac

Jane Eyre di Charlotte Brontë

Le affinità elettive di Johann W. Goethe

Madame Bovary di Gustave Flaubert

Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov

Narciso e Boccadoro di Hermann Hesse

Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen

 
Citazioni nei Blog Amici: 3