Creato da: acqua_fuoco_e il 01/06/2009
dell'acqua e del fuoco

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Ultime visite al Blog

ps_associatisolo.ombraJULIOS80menta_mentef.stornioloviaggiANIMA_TENEBROSAvenelunanicoletta.cadallorarobiniadgl1acqua_fuoco_eunghieviolagenerazione_ribellenicole_clownkora69
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Della neve che verrā

Post n°92 pubblicato il 04 Febbraio 2015 da acqua_fuoco_e

Pare arrivi la neve ed io l'aspetto con la stessa impaziente attesa che avevo da bambino, incurante dei disagi, dei problemi e delle difficoltà pratiche che la neve causa.

Quello che attendo è sentire per qualche ora la città addormentarsi la sera, camminare in mezzo alla Via Emilia attraversata giorno e notte da mezzi di ogni tipo che la percorrono senza sosta da millenni. Mi piace camminare a lungo fino a raggiungere il vecchio ponte sul fiume Reno, grave di storie e di persone. Vederlo finalmente riposare e privo di carico, tutto candido. Presto le ruspe porteranno via la neve e la faranno nera, perché la vita deve continuare a qualunque costo.

Infine mi rifugerò nella mia tana di montagna, fatta candida dalla neve appena caduta. Lassù nessuno andrà a disturbare i prati bianchi, solo le mie orme nel bosco e quelle degli animali. Sarà bello seguire per brevi tratti le orme del cervo e quelle del capriolo. Scaldarsi poi davanti alla stufa a legna che brilla nella notte.

Talvolta c'è bisogno di fermarsi, c'è bisogno di silenzio, c'è bisogno di pace.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ricaricarsi

Post n°91 pubblicato il 27 Gennaio 2015 da acqua_fuoco_e

Domenica sono stato a trovare il mio amico S. all'ospedale. E' grave ed in attesa di una operazione che possa salvarlo, non sarà facile.

Ho speso una giornata con lui, parlando con sua mamma avevo capito che si sta lasciando andare, al punto di non avere abbastanza forze per arrivare all'operazione che potrebbe salvarlo. Vederlo mi ha fatto molta impressione. Quasi immobile, con la mascherina dell'ossigeno a sigillargli il volto, il corpo magro, il collo gonfio. Sembrava impossibile che quel corpo disteso fosse quel bambino che con la sua forza ci batteva tutti. Io non ci stavo a perdere e resistevo a lungo, ma alla fine non potevo competere con la sua agilità e con la sua forza.

Quello che gli ho raccontato è stato proprio questo, gli ho raccontato di come l'ho sempre visto io e di come lo hanno sempre visto tutti, sperando di instillargli un po' della sua forza di allora, ora che ne ha infinito bisogno. Ho cercato di dirgli che quella sua era una attesa utile a recuperare le energie che gli permetteranno di continuare a vivere.

 

Rientrando a casa ho riflettuto anche su me stesso, come è inevitabile in questi casi.

Sono felice di aver vissuto molto... soprattutto negli ultimi anni nei quali non mi sono risparmiato mai. Per varie ragioni però, mi sono reso conto di essere anche io privo di forze dal punto di vista psicologico. Ho bisogno di riposare. Ho corso troppo su troppi fronti: lavoro, amore, problemi famigliari. Mi sono accorto che, per quanto per fortuna si tratta solo di energie mentali, ho bisogno di tirare il fiato. Vivere per un po' un tran tran ordinario, privo di eccessi e di follie. Ne ho bisogno per ricominciare a correre prima o dopo.

E' importante capire i propri limiti. E rispettarli.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso