Creato da albachiara.b il 09/12/2009
l'alba di un nuovo giorno

Ultime visite al Blog

favour_love10albachiara.bxy21zjw69kanacletogigliomaxiprimoNuvola_volaamorino11un_uomo_della_follalab79slavkoradicmakavelikamariomancino.manima_on_linescarda.consultingpf2008
 

Area personale

 
 

 

PROMESSA...

Post n°400 pubblicato il 14 Marzo 2017 da albachiara.b


EMOZIONE SENTIMENTO TUTTO CIO' CHE DI PIU' BELLO CI POSSA ESSERE IN UNA PROMESSA FATTA....




Promettimi che tenterai. Che piangerai molto ma che continuerai sempre. Che ci crederai. Che desidererai le persone per quanto le persone ti disilludano. Che avrai fiducia in te per quanto ti dicano che non ne devi avere.Promettimi che andrai avanti. Che non rinuncerai solo perché esiste la paura. Che non ti fermerai solo perché esistono i problemi. Che quando ti chiederanno «cosa vuoi essere» risponderai «tutto quello che vorrò essere».Promettimi che farai selezione. Che sceglierai con criterio quello che ti può ferire. Che non vorrai rovinarti con ciò che non ha una soluzione. Che non ti consegnerai a ciò che serve solo a ucciderti e non a farti vivere. Che manderai al diavolo ciò che si trova sul tuo cammino solo per essere mandato al diavolo.Promettimi che preferirai la pazzia. Che rischierai. Che sarai il buffone di corte quando sarà necessario un buffone di corte. Che farai quello che nessuno degli altri buffoni è stato capace di fare. Che ti rispetterai non rispettando ciò che ti impedisce di sognare. Che preferirai camminare in equilibrio su di una corda piuttosto che avere una corda al collo.Promettimi che un giorno ti dimenticherai del corpo. Che quando il corpo sarà vecchio e non ti risponderà preferirai esistere al di là di esso. Che passerai oltre i suoi difetti e vivrai dentro la tua testa. Che disprezzerai lo specchio e sarai ciò che ancora senti di essere. Che comprenderai come da un certo momento in poi ciò che è importante non ha materia.Promettimi che sceglierai di amare. Che quando avrai la possibilità di amare e un’altra possibilità qualsiasi tu amerai. Che quando ti sembrerà che amare sia inconcludente tu amerai. Che quando avrai l’impressione che amare possa ferire tu amerai. Che quando avrai la certezza che amare sia una pessima scelta tu amerai. Che quando sarà possibile amare tu amerai. Che avrai la capacità di comprendere che quando starai per morire le prime quattro immagini che ti passeranno davanti agli occhi saranno d’amore, e anche le seconde quattro, e le terze e le quarte e le quinte e tutte le immagini che potrai vedere prima di morire saranno d’amore e lo saranno sempre.

"Prometto " da Pedro Chagas Freitas

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Suona le tue note maestro...

Post n°399 pubblicato il 09 Marzo 2017 da albachiara.b




La notte è un velo oscuro,

ma amore avviluppa le tenebre;

come magica malia consente la fuga,

attimi ritmati;

il cuore riposa,stanco.

La fuga continua;

digita sulla tastiera grigia le tue note maestro,

a notte si rincorrono i sogni.

Scarica su di essa,uomo,

desideri repressi,illusioni.

Fuggi la noia cattiva,

lo scherno che il destino ti dona.

A notte tace il mondo malvagio.

La tastiera attende,

parole d'amore sommesse.

Tuo spirito anela catene spezzare maligne,

di regole ostili serrate.

Esseri umani,frutto,sapienza negata,

buio,soliloqui febbrili.magie,sogni,illusioni

La tastiera attende tue dita.

Comunica uomo,compagna è la notte...Albachiara..

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'OTTO MARZO IO LOTTO...

Post n°398 pubblicato il 08 Marzo 2017 da albachiara.b

DA LEGGERE TUTTO CON ATTENZIONE...E' BELLISSIMO..OGGI PIU' CHE MAI...

L'OTTO MARZO IO LOTTO..ALBACHIARA..
Più dei tramonti, più del volo di un uccello, la cosa meravigliosa in assoluto è una donna in rinascita.
Quando si rimette in piedi dopo la catastrofe, dopo la caduta.
Che uno dice: è finita.
No, non è mai finita per una donna.
Una donna si rialza sempre, anche quando non ci crede, anche se non vuole.
Non parlo solo dei dolori immensi, di quelle ferite da mina anti-uomo che ti fa la morte o la malattia.
Parlo di te, che questo periodo non finisce più, che ti stai giocando l'esistenza in un lavoro difficile, che ogni mattina è un esame, peggio che a scuola.
Te, implacabile arbitro di te stessa, che da come il tuo capo ti guarderà deciderai se sei all'altezza o se ti devi condannare.
Così ogni giorno, e questo noviziato non finisce mai.
E sei tu che lo fai durare.
Oppure parlo di te, che hai paura anche solo di dormirci, con un uomo; che sei terrorizzata che una storia ti tolga l'aria, che non flirti con nessuno perché hai il terrore che qualcuno s'infiltri nella tua vita.
Peggio: se ci rimani presa in mezzo tu, poi soffri come un cane.
Sei stanca: c'è sempre qualcuno con cui ti devi giustificare, che ti vuole cambiare, o che devi cambiare tu per tenertelo stretto.
Così ti stai coltivando la solitudine dentro casa.
Eppure te la racconti, te lo dici anche quando parli con le altre: "Io sto bene così. Sto bene così, sto meglio così".
E il cielo si abbassa di un altro palmo.
In quell'uomo ci hai buttato dentro l'anima ed è passato tanto tempo, e ne hai buttata talmente tanta di anima, che un giorno cominci a cercarti dentro lo specchio perché non sai più chi sei diventata.
Comunque sia andata, ora sei qui e so che c'è stato un momento che hai guardato giù e avevi i piedi nel cemento.
Dovunque fossi, ci stavi stretta: nella tua storia, nel tuo lavoro, nella tua solitudine.
Ed è stata crisi, e hai pianto.
Dio quanto piangete!
Avete una sorgente d'acqua nello stomaco.
Hai pianto mentre camminavi in una strada affollata, alla fermata della metro, sul motorino.
Così, improvvisamente. Non potevi trattenerlo.
E quella notte che hai preso la macchina e hai guidato per ore, perché l'aria buia ti asciugasse le guance?
E poi hai scavato, hai parlato, quanto parlate, ragazze!
Lacrime e parole. Per capire, per tirare fuori una radice lunga sei metri che dia un senso al tuo dolore.
"Perché faccio così? Com'è che ripeto sempre lo stesso schema? Sono forse pazza?"
Se lo sono chiesto tutte. 
E allora vai giù con la ruspa dentro alla tua storia, a due, a quattro mani, e saltano fuori migliaia di tasselli. Un puzzle inestricabile.
Ecco, è qui che inizia tutto. Non lo sapevi?
E' da quel grande fegato che ti ci vuole per guardarti così, scomposta in mille coriandoli, che ricomincerai.
Perché una donna ricomincia comunque, ha dentro un istinto che la trascinerà sempre avanti.
Ti servirà una strategia, dovrai inventarti una nuova forma per la tua nuova te.
Perché ti è toccato di conoscerti di nuovo, di presentarti a te stessa.
Non puoi più essere quella di prima. Prima della ruspa.
Non ti entusiasma? Ti avvincerà lentamente.
Innamorarsi di nuovo di se stessi, o farlo per la prima volta, è come un diesel.
Parte piano, bisogna insistere.
Ma quando va, va in corsa.
E' un'avventura, ricostruire se stesse. 
La più grande.
Non importa da dove cominci, se dalla casa, dal colore delle tende o dal taglio di capelli.
Vi ho sempre adorato, donne in rinascita, per questo meraviglioso modo di gridare al mondo "sono nuova" con una gonna a fiori o con un fresco ricciolo biondo.
Perché tutti devono capire e vedere: "Attenti: il cantiere è aperto, stiamo lavorando anche per voi. Ma soprattutto per noi stesse".
Più delle albe, più del sole, una donna in rinascita è la più grande meraviglia.
Per chi la incontra e per se stessa.
È la primavera a novembre.
Quando meno te l'aspetti...
Testo originale Diego Cugia, alias Jack Folla

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

cercare un sogno...

Post n°394 pubblicato il 28 Febbraio 2017 da albachiara.b

 

Ti cerco....

Ti cerco al tramonto di fronte al mare

mentre un onda parla e l'infinito azzurro

muta colore e sempre più misterioso

si confonde all'orizzonte.

Ti cerco mentre le onde

sussurrano parole d'amore

che baciano la spiaggia.

Ti cerco nel canto del vento,

ascolto la tua voce nell'aria e la rincorro.

Dove cielo e mare si confondono

sfioro le tue dita e sento il tuo respiro.

improvvisamente il giorno ha lasciato

il posto alla notte in un luccichio di stelle,

e nel silenzio sogno dolci melodie. Albachiara.b


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

a mia figlia..

Post n°393 pubblicato il 28 Febbraio 2017 da albachiara.b


 

Poesia da me scritta a mia figlia il
 
giorno del suo matrimonio in Agosto...
 

      Come Diogine con la lanterna e una valigia in 

 mano di vecchi ricordi ci cercavamo,

il buio copriva i sogni e l'oscurità faceva da regina.

Due vecchie valige con dentro un carico di sete 

d'amore,

eravamo assetati di tenerezze,di desideri.

di sentir palpitare il nostro cuore.

Due vecchie valigie naufragate per caso in quella

che sarebbe stata

la nostra isola,quella che tutti chiamavano

"colei che non c'è,"

le nostre anime erano riuscite ad approdare li
 
quasi per caso,

e si erano parlate,insieme dopo tanto vagare.

Volevamo tornare a vivere,

volevamo far tornare a diventare i silenzi parole,
 
la musica una melodia in crescendo che inebria.

Ho sentito il tuo grido e tu hai sentito il mio,

cuore che cerca cuore,

anima che cerca anima

e insieme siamo riusciti a trovare

"L'isola che non c'è"

dove il cielo è il nostro tetto

la terra il nostro letto,

dove il mare è più blu,

dove uniti a noi brillano mille farfalle multicolori,

una in particolare ci rassicura,

e ci unisce ancora di più

il suo nome è Diletta 

la nostra piccolissima prova d’amore

le sue ali sono d’argento,

il suo viso una gioia immensa,

“’Isola che non c’è” l’abbiamo trovata insieme,

dove il suo governo è l'amore,

la sua legge fedeltà,

il suo tempo..per sempre,

il suo nome proprietà privata del nostro amore..

quell'isola esiste è la nostra casa…

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

tornare a combattere...

Post n°392 pubblicato il 22 Febbraio 2017 da albachiara.b

                  


Una Massima con cui ho cercato di dare un senso alla mia vita e se anche qualche cado e mi faccio male, ho sempre la forza e la voglia di tornare a combattere...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

tempesta

Post n°389 pubblicato il 15 Febbraio 2017 da albachiara.b

Quando il cielo si oscura
e le cose sulla terra
prendono il colore della notte
guardo il muro del tempo 
cui fa ventaglio l'albero fiorito scosso dal vento,
si piega la sua chioma e tinnano i suoi fiori
come candidi sonagli
ad annunciare la tempesta.
Il tempo fugge,
sul nero si scolpisce il lampo
e il fragrore del tuono
pervade rimbombando al mondo,
l'animo atterrito.
La finestra del muro della casa del tempo
non si apre
nessuno offre più rifugio
dall'ira della natura...Albachiara..

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VIVI ANCHE SBAGLIANDO MA VIVI...

Post n°388 pubblicato il 01 Febbraio 2017 da albachiara.b

Io mi sono Imposta di vedere la vita così e ci stò quasi riuscendo....


 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »