Creato da arte1245 il 09/01/2011

Alcatraz

INCUBO ITALIANO

           

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Leggi

Post n°845 pubblicato il 24 Ottobre 2014 da arte1245
 

E lui rispose:
A voi piace emanare leggi,
ma più ancora vi piace trasgredirle
Come fanciulli che ostinatamente innalzano per gioco
torri di sabbia in riva al mare per poi distruggerle con una risata
Ma intanto che innalzate queste torri, il mare trascina altra sabbia sulla riva
e quando le distruggete il mare ride con voi
In verità, il mare ride sempre con l'innocente
Ma cosa pensare di quelli per cui le leggi dell'uomo
non sono torri di sabbia e la vita non è un mare,
bensì una roccia
e la legge uno scalpello con il quale inciderla a propria somiglianza?
E dello storpio che odia i danzatori?
E del bue che ama il suo giogo e crede l'alce e il cervo della foresta smarriti e vagabondi?
E della vecchia serpe che non squama più e stima gli altri vergognosi e nudi?
E di chi va al banchetto nuziale di buon'ora e torna sazio e stanco
definendo ogni banchetto una profanazione e i convitati trasgressori?
Che dirò di loro se non che si stagliano nella luce, ma con la schiena rivolta al sole?
Essi vedono soltanto la loro ombra, e questa è la loro legge
E che cos'è il sole per loro se non un seminatore di ombre?
Riconoscere le leggi non è forse chinarsi e tracciare la propria ombra sulla terra?
Ma voi che camminate rivolti al sole,
quali immagini tracciate sulla terra possono mai trattenervi?
E voi che andate con il vento, quale banderuola dirigerà la vostra corsa?
Quale legge vi legherà se spezzerete il vostro giogo,
ma non sulla soglia di una prigione umana?
Quali leggi temete, se danzerete senza inciampare nelle catene dell'uomo?
E chi vi porterà in giudizio se, spogliandovi dei vostri indumenti,
non li lascerete sulla strada di alcun altro uomo?

 
 
 

Ragazzino violentato con compressore e non solo.

Post n°844 pubblicato il 23 Ottobre 2014 da arte1245
 

Ci sono storie, fatti, avvenimenti che devono farci ricredere su quanto possa essere malvagia la natura umana. Se è doveroso indignarsi sui social network, parlarne sui giornali e in televisione, denunciare queste atrocità in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo affinché si possa far capire a tutti, ai più giovani soprattutto, che chi deride un ragazzo fino a violentarlo con un compressore che gli perfora l'intestino, non è un modello da seguire, non è un "figo" come direbbero gli adolescenti, ma è soltanto un grandissimo coglione che deve essere escluso e allontanato dalla razza umana; è necessario fare altrettanto anche se in una palestra di Torino un ragazzo subisce la stessa sorte con un attrezzo sportivo.
Il 7 ottobre, infatti, un ragazzo di appena quattordici anni, reo - secondo i suoi aguzzini - di essere un po' troppo grassottello, è stato schernito, seviziato e infine stuprato con un compressore d'aria da quattro ventenni in un autolavaggio di Napoli. Subito si è giustamente scatenata l'indignazione dell'opinione pubblica, subito i giornali e le televisioni hanno opportunamente trattato la notizia con approfondimenti, speciali, interviste ai familiari della vittime e dei carnefici che indegnamente tentavano di giustificare l'accaduto. "Era uno scherzo", si sono giustificati gli autori di quest'atrocità e forse proprio queste parole mi hanno ulteriormente preoccupata per quale sia la concezione della vita e del rispetto dell'altro dei giovani.


 
 
 

... Fine..

Post n°842 pubblicato il 22 Ottobre 2014 da arte1245
 

Io non ce l'ho con le persone, ma ce l'ho con quelli che decidono di rimbambire il popolo con secchiate di idiozia additando chiuque provi a fare informazione come "diffamatore" o ancora meglio "comunista"

(in certi casi "fascista").
Questo è il paese più bello del mondo, ma se tutti la pensassero come te, non faremmo altro che andarcene,

invece dobbiamo restare qui e far vedere a chi governa che non vogliamo essere una massa ignorante ed inconsapevole. Ma bisogna rimboccarsi le maniche,

non si può abbandonare la causa come dei fannulloni svogliati ed andare dove la pappa è già pronta.

 
 
 

Gente che sta bene

Post n°841 pubblicato il 21 Ottobre 2014 da arte1245
 

Bè, mi sembra abbastanza tragica da come l'hai fatta apparire, ma credo tu stia facendo diversi errori.
Prendi l'Italia attuale come una figlia di un'Italia precedente e nipote di una ancora più vecchia.

Una volta l'Italia era educata, istruita e saggia, ma ora, generazione dopo generazione, questi valori, meriti e capacità si sono perse perchè i genitori dell'Italia ed i suoi nonni hanno insegnato valori sbagliati o scorretti

senza prendersi la briga di andare a fondo ed insegnare quello che veramente conta.
Quando dico genitori o nonni, non mi riferisco ai nostri genitori e nonni, ma più precisamente alla classe dirigente che poi ha plagiato le diverse generazioni.

Tanto per fare un esempio: perché oggi accendi la tv e trovi programmi come "tamarreide"? Perché la gente non è più abituata a guardare

un programma più serio e approfondito, perché non ne ha voglia e perché, in molti casi sostanzialmente non lo capirebbe nemmeno.

Segue...

 
 
 

Italia, bestemmiare sarà un reato, si rischia fino a 6 anni di reclusione. UUUWOW.

Post n°840 pubblicato il 18 Ottobre 2014 da arte1245
 
Foto di arte1245

Tutti coloro sorpresi a bestemmiare saranno puniti

con l'arresto.

Il reato entrerà in vigore alla fine di quest'anno.
Bestemmiare sarà un reato e chi sarà colto in flagrante,

anche attraverso la registrazione o la videoregistrazione,

rischia dai 3 ai 6 anni di reclusione,

senza la possibilità di sconto di pena,

più una pena pecuniaria pari a 22.348 euro.
Il reato, lo avrebbe stabilito la Corte di Giustizia e,

diventerà attivo, si pensa,

già alla fine di quest'anno. In alcune regioni italiane

la bestemmia è un intercalare consueto

nel linguaggio abituale e,

in questo modo si vuole porre fine

a una cattiva abitudine,

diffusa anche tra i più giovani.

 
 
 

Vengono adescati su Facebook da finte donne che li ricattano

Post n°839 pubblicato il 16 Ottobre 2014 da arte1245
 

Due vittime in provincia di Ragusa: avevano inviato fotografie e video, inconsapevoli che si trattasse di una truffa con estorsione. vittime di richieste di denaro da parte di persone

che erano riuscite ad ottenere da loro stessi fotografie o video di nudo.
I ricatti a sfondo sessuale sul web hanno riguardato per ad
esso due persone di Modica, in provincia di Ragusa.

La prima vittima è un professionista, contattato da un sito internet. L'uomo credeva di chattare con una donna, con la quale ben presto è entrato in confidenza.

Di lì a poco sono avvenute conversazioni davanti alla webcam, durante le quali la vittima si è spogliata mostrando le parti intime. A quel punto, è scattata la tentata estorsione:

ventimila euro per non divulgare i materiali compromettenti.
La seconda vittima è invece un minorenne: il ragazzo aveva accettato l'amicizia sul social network di una presunta coetanea,

con la quale ben presto è entrato in confidenza, incominciando a chattare con lei su Facebook . Non appena le ha inviato foto in cui compariva nudo, a quel punto è giunta,

puntuale, la richiesta di 5 mila euro per evitare di divulgare le immagini.
Le due vittime si sono, quindi, rivolte alla polizia postale, che ha accertato che i profili dei presunti estorsori provenivano

da server stranieri.
Gli stessi agenti, già in passato, hanno invitato gli utenti di Facebook a stare attenti a donne che si presentano con frasi del tipo "Io mi spoglio, ti spogli anche tu?".

Se ciò accade è bene denunciare subito l'episodio, perché si potrebbe essere incappati in una rete di truffatori ed estorsori.

E spesso a fare simili richieste sono ragazze avvenenti e di solito straniere che chiedono l'amicizia a ignari utenti.

 
 
 

Vi addormentate in metropolitana? Attenzione, c'è chi vi fotografa

Vi addormentate spesso sui mezzi pubblici?

Attenzione, perché qualcuno prima o poi vi fotograferà e,

potreste finire su "The Spleeping Commuter" (Il pendolare che dorme),

la pagina Tumblr che raccoglie decine di immagini di pendolari e viaggiatori addormentati sui sedili (e non solo) dei treni.

Spesso in posizioni davvero esilaranti...

 
 
 

Legalizziamo il mercato degli organi

Post n°837 pubblicato il 13 Ottobre 2014 da arte1245
 

Sempre negli USA) è possibile visitare una mostra in cui sono esposti corpi e organi umani a fini didattico-scientifici. La società organizzatrice ha sborsato 25 milioni di dollari per ottenere

questi esemplari dalle università cinesi. E c'è di più. Mentre in Italia bisogna aspettare più di tre anni per un trapianto di rene e un paio d'anni negli Stati Uniti,

c'è chi con poco più di 100.000$ ottiene subito un trapianto a Shangai. Con un buon broker si può scendere a 70.000. Se si pensa che ogni anno in Cina le esecuzioni capitali

possono arrivare a quota 8.000, si comprende il giro d'affari.
Vista la scarsità di volontari in patria, il turismo dei trapianti è diventata una realtà importante.

Da qui l'idea geniale del premio Nobel Gary Becker (anche Ciampi gli ha conferito una medaglia d'oro nel 2004): "legalizziamo il mercato degli organi".
Il professore di Chicago è il principale sostenitore dell'estensione dei concetti economici all'analisi della società, dalla criminalità alla famiglia.
Insieme a un collega di Buffalo, JulioJ.

Elias, ha calcolato che oggi come oggi il prezzo di un rene potrebbe aggirarsi intorno ai 15.000$ e 35.000$ quello di un fegato.
Come dice Becker,

con i giusti incentivi si arriverebbe a un mercato libero in cui i prezzi degli organi si abbasserebbero a livelli tali da eliminare l'eccesso di domanda per ogni tipo di organo.
I nostri nonni dicevano che la cosa più importante è la salute. Gli Stati Uniti, dopo la Lettonia, hanno il peggior tasso di mortalità infantile nei primi giorni di vita

(l'Italia galleggia dall'altra parte della classifica). E la mancanza di assicurazione contro le malattie causa ogni anno 18.000 morti (46 milioni di cittadini statunitensi sono

senza copertura sanitaria).
Quest'America, non mi sembra il miglior posto al mondo dove nascere, anche se lì sanno davvero quanto vali... almeno da morto.

E voi? Contrari o favorevoli
alla legalizzazione
del mercato degli organi ?!

 
 
 

Mi scusi Presidente. Una brutta poesia.

Io non mi sento italiano
Mi scusi Presidente
non è per colpa mia
ma questa nostra Patria
non so che cosa sia.
Può darsi che mi sbagli
che sia una bella idea
ma temo che diventi
una brutta poesia.
Mi scusi Presidente
non sento un gran bisogno
dell'inno nazionale
di cui un po' mi vergogno.

di essere italiano

 
 
 

Sperimentare la vita.

Post n°834 pubblicato il 07 Ottobre 2014 da arte1245
 

Mi recai nei boschi perché desideravo vivere come volevo io, affrontare solo i fatti essenziali della vita e veder se potevo imparare ciò che aveva da insegnarmi, e non,

giunto alla morte, scoprire di non aver vissuto. Non volevo vivere ciò che non era vita, la vita è cosi cara; né volevo praticare la rassegnazione se non fosse stato assolutamente necessario.

Volevo vivere profondamente e succhiare tutto il midollo della vita, robustamente come gli spartani e sgominare tutto ciò che non era vita, falciare un'ampia zona e raderla a zero,

mettere la vita in un angolo e ridurla ai minimi termini, e, se si fosse dimostrata meschina, afferrarne l'intera e genuina meschinità e proclamarla al mondo; o,

se fosse stata sublime, sperimentarla direttamente ed esser capace di darne un vero resoconto nella mia prossima escursione.

Eppure le persone dicono: "prova tutto quanto offre la vita, solo cosi potrai sperimentarla e viverla intensamente"

 
 
 

E quando la terra esigerà il vostro corpo, allora danzerete realmente

Post n°833 pubblicato il 06 Ottobre 2014 da arte1245
 
Tag: morte, vita


Allora Almitra parlò dicendo:
"Parlaci della Morte"
E lui disse:
Voi vorreste conoscere il segreto della morte
Ma come potrete scoprirlo
se non cercandolo nel cuore della vita?
Il gufo, i cui occhi notturni sono ciechi al giorno,
non può svelare il mistero della luce
Se davvero volete conoscere lo spirito della morte,
spalancate il vostro cuore al corpo della vita
Poiché la vita e la morte sono una cosa sola,
come una sola cosa sono il fiume e il mare
Nella profondità dei vostri desideri e speranze,
sta la vostra muta conoscenza di ciò che è oltre la vita;
e come i semi sognano sotto la neve,
il vostro cuore sogna la primavera
Confidate nei sogni,
poiché in essi si cela la porta dell'eternità
La vostra paura della morte non è che il tremito del pastore
davanti al re che posa la mano su di lui in segno di onore
In questo suo fremere,
il pastore non è forse pieno di gioia poiché porterà l'impronta regale?
E tuttavia non è forse maggiormente assillato dal suo tremito?
Che cos'è morire,
se non stare nudi nel vento e disciogliersi al sole?
E che cos'è emettere l'estremo respiro se non liberarlo dal suo incessante fluire,
così che possa risorgere e spaziare libero alla ricerca di Dio?
Solo se berrete al fiume del silenzio,
potrete davvero cantare
E quando avrete raggiunto la vetta del monte,
allora incomincerete a salire
E quando la terra esigerà il vostro corpo,
allora danzerete realmente

Paura di danzare?

 

 
 
 

Paolo, il medico ospedaliero che ha lavorato 15 giorni in nove anni

Post n°830 pubblicato il 02 Ottobre 2014 da arte1245
 

CATANIA

Paolo, il medico ospedaliero

ha lavorato 15 giorni in nove anni.

- Sei mesi di prova e poi il contratto

diventa a tempo indeterminato:

nella pubblica amministrazione funziona così.

 
 
 

Rubano hamburger per darli ai figli: carabinieri intervengono e pagano il conto

Post n°828 pubblicato il 01 Ottobre 2014 da arte1245

Rubano hamburger per dar da mangiare ai figli, i carabinieri intervengono e pagano il conto. È accaduto a Telese Terme (Benevento) dove i militari avevano ricevuto la segnalazione del proprietario di un supermercato.
Due donne avevano portato via due pacchi di hamburger perché, hanno spiegato, non avevano cosa dar da mangiare ai quattro figli piccoli. I carabinieri, dopo aver ascoltato il loro racconto, hanno pagato il conto. Il comandante della stazione ha attivato il Banco alimentare del Comune così da far recapitare alle due donne generi di prima necessità.
Secondo i carabinieri questi tipi di furti, dettati dalla disperazione di persone che hanno perso il posto o che sono in evidente situazione di indigenza, sono ormai all'ordine del giorno.


http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/napoli_rubano_hamburger_crisi_figli_carabinieri_pagano_conto/notizie/681993.shtml


Grazie a chi ha la consapevolezza di saper distinguere un furto per seria necessità da un furto per furbizia... questa storia è finita bene, ma quante storie finiscono con l'arresto di poveri anziani o persone indigenti che non sanno come sfamare i propri figli o se stessi?

 
 
 

L'economia dei sogni. Passaparola di Paolo Gila e Nicola Antonucci.

Post n°827 pubblicato il 30 Settembre 2014 da arte1245
 

La deflazione colpisce tutti, semmai, colpisce a maggior ragione chi ha tanti beni, perché si svaluteranno. Se questo è vero come è dimostrato storicamente, quali saranno i modelli di vita,

di economia, di politica che la deflazione premierà? Saranno quelli dei sogni, termine un po' astratto, forse un po' vago.

In realtà i sogni sono proprio quelli che motivano, quelli che ci tengono in cammino verso un nuovo modello di vita, di una felicità sostenibile, una felicità non basata su consumi, bisogni indotti,

ma sui sogni personali, di comunità, sociali, politici, economici. L'importante è averli e svilupparli. Chi saprà conservare la liquidità, salvaguardarla, avrà occasioni di investire nei sogni. Sennò in cosa investire?

Non si tratta più di trovare la luce alla fine del tunnel ma di creare la luce per uscire dal tunnel! Il Passaparola di Nicola Antonucci e Paolo Gila

 
 
 

La fuga dei cervelli? Essere o avere? L'Italia non è e non ha.

Costi, soldi, tfr, scaloni e scalini, sgravi fiscali, contributi. I gioiosi costi della Casta. Il tesoretto, ah il tesoretto. Soldi, costi, costi, soldi. Siamo diventati una nazione di contabili, di miserabili, di ricchi,
di classe medio bassa che si vuole emancipare. Di prestiti temporanei, mutui, diminuzione dell'Ici e aumento delle tasse sui rifiuti. Più siamo poveri più pensiamo ai soldi.
Più siamo ricchi più pensiamo ai soldi. La Finanziaria, il credito al consumo, il Tan, il Taeg, l'inflazione, il tasso di credito, il tasso variabile, il tasso fisso. I rendimenti bancari, i titoli azionari,
i titoli obbligazionari, i future, i derivati. Il debito pubblico che ci sovrasta e annulla ogni discorso politico. Tutto dipende dal debito pubblico. Finanziamenti, pronti contro termine,
rifinanziamenti, cessione del quarto, del quinto, del terzo, di tutto. La pubblicità comunica denaro, chiede denaro, offre denaro in cambio di debiti, di altro denaro.
Meno tasse, più tasse. Il posto offre il denaro. Il lavoro rischio e impegno. Gli italiani vogliono il posto, il denaro. Il futuro del Paese è scomparso dai dibattiti pubblici,
da quelli privati, dalle discussioni al bar. In altri Stati la prima domanda è: "Quanto guadagni?". In Italia: "Di quanto sei indebitato?". Più hai debiti più sei importante.
Più ne crei più sei rispettato. Puoi diventare presidente del Consiglio o di Mediobanca. Il debito è il motore della promozione sociale. Chi non ne ha può averne. Evolvere.
E' una scala mobile all'incontrario. Una mercificazione dello Stato, dei partiti, della società, delle famiglie. Un virus che succhia il futuro. Quali sono le priorità del Paese?
Lo scalone, l'aumento degli stipendi del pubblico impiego, il partito democratico? O le regioni in mano alle mafie, l'informazione inghiottita dalla casa circondariale delle libertà e dai segretari di partito,
l'incapacità di innovare, la ricerca tradita, la fuga dei cervelli? Essere o avere? L'Italia non è e non ha. E' un ibrido, un incrocio, una chimera. Un Paese in coma che conta gli spiccioli con gli occhiali di un cieco.

 
 
 

Del supercapitalismo e di altre sciocchezze

Il Supercapitalismo è un tirannosauro in libertà incontrollata. La sua gabbia si è spalancata in modo definitivo con il crollo del Muro di Berlino il 9 novembre 1989. Da allora non ha più limiti,

è diventato bulimico, divora quel che resta delle socialdemocrazie senza sosta. E cresce, cresce anno dopo anno. Il World Trade Organization (WTO) è nato nel 1995, sette anni dopo.

Vi aderisce il 97% delle nazioni mondiali, ha l'obiettivo di abolire ogni barriera tariffaria al commercio internazionale per tutto : beni commerciali, servizi, proprietà intellettuali.

La produzione si è delocalizzata ovunque nel mondo dove il costo del lavoro è più basso perché mancano controlli sulla sicurezza, diritti sindacali, tutela per l'ambiente.

E spesso gli stessi diritti minimi con l'arruolamento sotto le bandiere del profitto di schiere di bambini schiavi.
Le multinazionali hanno incassato i guadagni del Supercapitalismo, hanno protetto il loro TRex attraverso i media che ne hanno decantato, e ne decantano le virtù, e demonizzato i no-global.

Il mercato e la democrazia si sono fusi, come se l'uomo fosse, egli stesso, diventato un prodotto in scadenza. Le conquiste di generazioni di persone per ottenere uno Stato sociale

(che altro può essere uno Stato se non sociale?) sono state cancellate, e quelle che rimangono ancora sono trasformate senza sosta in disservizi per la gloria del TRex come è avvenuto

per l'acqua pubblica:

"Gli acquedotti non funzionano?

Diamoli ai privati!".

Meno Stato, più Mercato.

 
 
 

VIDEO. Napoli - Morto 14enne colpito da calcinacci, Liccardo (sindaco Marano): “Lutto cittadino il giorno dei funerali”

Post n°823 pubblicato il 23 Settembre 2014 da arte1245
 

"E' un tragico evento che colpisce profondamente tutta la città di Marano. Voglio ricordarlo immaginando gli ultimi istanti prima della tragedia, quando allontana con gli forza gli amici mentre quei maledetti calcinacci stanno per spezzare la sua giovane vita". Lo scrive, in una nota Angelo Liccardo, sindaco di Marano, la cittadina campana dove abitava Salvatore Giordano il 14enne colpito da calcinacci caduti e deceduto per arresto cardiaco all'ospedale "Loreto Mare", dove era stato ricoverato. Salvatore era in stato di coma profondo areflessico. i magistrati hanno affidato una perizia che chiarisca le cause del distacco dei calcinacci. Intanto, la Procura di Napoli ha chiesto ai carabinieri di acquisire presso le redazioni giornalistiche fotografie e filmati relativi al crollo di calcinacci. Il sindaco ha annunciato il lutto cittadino nel giorno dei funerali.

 

 
 
 

inseguimento carabinieri Milano Video

Post n°822 pubblicato il 23 Settembre 2014 da arte1245
 

 
 
 

La fotografia

Post n°821 pubblicato il 21 Settembre 2014 da arte1245
 

Non so se esista un premio fotografico all'altezza di questa fotografia. Guardate bene.
Chiude gli occhi della sua bambola, perché non veda la mostruosità di una guerra di sterminio.
E la foto di una bambina palestinese, di Gaza
E' una fotografia che dovrebbe girare il mondo. Riproducetela.
I bambini hanno più umanità dei grandi.

 
 
 

|

Post n°819 pubblicato il 20 Settembre 2014 da arte1245
 
Foto di arte1245

Che le bollette della luce aumentano invece di diminuire, lo sappiamo tutti. In pochi, però, sanno che il 20% del costo della bolletta non è per l'elettricità che consumiamo, ma per i cosiddetti "oneri di sistema": voci di spesa che servono a finanziare politiche pubbliche di varia natura e che solo nel 2013 si aggiravano intorno ai 13,7 miliardi di euro, come racconta un'inchiesta pubblicata sul Corriere.it. Con il decreto competitività e il cosiddetto "taglia bollette", il governo Renzi prometteva di ridurre del 10% il costo dell'energia per le imprese, andando a tagliare parte di questi oneri. Ma il presunto sconto è stato finanziato bastonando la produzione di energie pulite, a vantaggio, non serve dirlo, della produzione di energia fossile. Parte dei soldi che derivano da questa incomprensibile tassazione sulle rinnovabili, paradossalmente andranno a compensare i cittadini di quei territori che ospitano centrali nucleari in dismissione e depositi di scorie. In sostanza il governo toglie risorse all'energia pulita per 'risarcire' chi, a causa della dissennata politica energetica del passato, oggi è costretto convivere con centrali nucleari in via di dismissione. Solamente il 15% delle piccole e medie imprese beneficerà di questa misura, mentre verranno lasciate a bocca asciutta oltre 4 milioni di piccole imprese. Nel frattempo, il taglio delle bollette della luce assomiglia sempre più a una chimera, o meglio a una bufala, e nei prossimi mesi gli italiani potrebbero ritrovarsi a pagare un conto ancora più salato. Per sostenere la sua attività, il governo sarebbe pronto a concedere un sostegno pari a circa 90-110 milioni l'anno per 20 anni (a decrescere) che andrà a gonfiare, ça va sans dire, le nostre bollette dell'energia elettrica


 

 
 
 
Successivi »