Blog
Un blog creato da DelPiero94 il 25/04/2007

ALEX DEL PIERO

Tutto sul mio idolo

 
 

JUVENTUS-LA VECCHIA SIGNORA

 Nuovo_immagine_bitmap_3

Portale online dei tifosi bianconeri

http://blog.libero.it/juventusonline

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

ANNICHILITA LA ROMA, E' LA NUOVA VECCHIA SIGNORA

Post n°26 pubblicato il 14 Agosto 2007 da DelPiero94

Grande prova di carattere e di orgoglio dei bianconeri, che vincono la loro prima partita della nuova era, contro la Roma di Luciano Spalletti. Bianconeri, in svantaggio dalle reti di Vucinic e Mexes, causa errori della nostra difesa, rimontano alla fine del primo tempo con una doppietta di Trezeguet, nella ripresa dilaga con Iaquinta, Del Piero e un gran gol di Zalayeta. E' rinata la Vecchia Signora!

111.jpg

Ranieri decide di inserire dal 1° minuto Iaquinta al posto di Del Piero, per il resto è la migliore formazione che ha potuto fare. Ma questa Juve non parte bene: all'11° Vucinic approfitta di una palla persa di Almiron e insacca alle spalle di Buffon. La Juve allora prova subito a reagire, soprattutto con Iaquinta, che qualche minuto dopo mette dalla destra un pallone in area per Nedved, che però svirgola. Ma nemmeno un minuto più tardi ed è ancora Vincenzo, servito da "Brazzo", a sbagliare solo contro Doni. Al 25°, su una punizione di Totti, bel colpo di testa di Mexes e nulla da fare per Buffon. La situazione si complica ancora di più quando s'infortunia Birindelli, così Ranieri lo sostituisce con Zanetti e arretra Brazzo in difesa e Nocerino a destra. Ed è proprio Zanetti, al 25° inventare un lancio per Nedved, il ceko offre uno splendido assisy per Trezeguet che mette dentro con un diagonale preciso. E ancora al 34° è Nocerino ad offrire una palla d'oro a Trezeguet che sottoporta non sbaglia mai, e pareggia. Prima del 45°, Mexes atterra Nedved in area, ma Rocchi fa finta di niente. Nella ripresa la Juve ci prova subito con un tiro da fuori di Almiron, seguito da quello di Nocerino. La Roma prova a reagire allo stesso modo con Aquilani, ma in tutti e 3 i casi, i tiri non impensieriscono i portieri. Al 21° ci prova Molinaro, ma la sua conclusione viene respinta da Curci. L'azione prosegue e Del Piero (entrato per Trezeguet), inventa un assist per Iaquinta, che, con tocco sotto porta, realizza il primo gol bianconero. Al 33°, su cross di Almiron, è proprio il capitano a segnare di testa, davanti gli occhi di Donadoni, venuto apposta per lui. Pochi minuti dopo ci prova anche Nedved, ma invano. Al 43° ci prova Totti su punizione, ma Buffon è super, come sempre. Alex allora risponde con due punizione dal limite che si guadagna e batte: la prima finisce fuori di un soffio, la seconda colpisce la barriera, ma, sulla ribattuta, Zalayeta in mezza rovesciata, sigla un euro gol.

Il commento di Alex

Juventus-Roma 5-2
E' stata una bella serata con una vittoria che ci da entusiasmo e morale, fondamentale per continuare a migliorarci.
Sono contento della mezz'ora che ho giocato sotto tutti i profili, non solo per l'assist e per il gol.
Durante la giornata, inoltre, abbiamo festeggiato a pranzo il compleanno di Gianluca Pessotto... ancora auguri, grande "Pesso"!!
Alessandro 

 
 
 

L'UNICA GARANZIA DELLA JUVE E' ALEX

Post n°25 pubblicato il 10 Agosto 2007 da DelPiero94

Alex Del Piero, il Capitano della Juve, nonostante il piccolo infortunio, per cui si era pronosticato una stagione all'indietro di preparazione e in salita, e i vari problemi contrattuali, come ogni anno si conferma il giocatore bianconero più in forma del pre-campionato, e anche l'unica certezza di questa juve di Ranieri che non convince.

del-piero.jpg

L'unica certezza e l'unica convinzione dopo il Trofeo Moretti, per la Juve si chiama Alex Del Piero. E proprio lui che parla sulla condizione della squadra:"Abbiamo disputato due buone gare. Sono contento d'aver segnato un gol". "Una serata di festa il trofeo Moretti e aria di pre-campionato al San Paolo". La prossima sfida della Juve sarà domani contro la Roma, che a giorni dovrà sfidare anche l'Inter per la Supercoppa Italiana, e quindi la sfida a distanza con l'Inter continua.

Serata di festa ed aria di pre-campionato ieri allo Stadio San Paolo di Napoli. Abbiamo disputato due buone gare e sono contento di aver segnato un gol.Prossimo appuntamento a Cesena, sabato 11 agosto ore 20,45 per Juventus-Roma.
Alessandro (dal sito ufficiale)

 
 
 

E' FINALMENTE IL GIORNO DI ALEX DEL PIERO

Post n°24 pubblicato il 21 Luglio 2007 da DelPiero94

Il Capitano della Juve recupera quasi definitivamente dall'infortunio, e apre la conferenza stampa con una lunga discussione: parla di Ranieri, della nuova società e nuovi compagni, aspetta il rinnovo del contratto, sfida l'Inter e non abbandona la nazionale, decidendo addirittura di puntare ai mondiali 2010 in Sudafrica.

20051023aempolialmiron

ALEX IN CAMPO PER VINCERE. Venerdì 20 Luglio è stato finalmente l'Alex Del Piero day. Finalmente il primo allenamento col gruppo e anche la sua prima conferenza stampa, dove spiega molte cose, ma non abbandona la sua voglia di giocare e vincere.
Veterano dei ritiri: “Per me si tratta del 15° ritiro estivo da quando sono alla Juventus, anche se l’anno scorso in pratica non l’ho fatto. Alla fine, quello che resta, è che ci sono sempre poche vacanze”.
Il rientro in gruppo: “Oggi sono rientrato con la squadra. In questi giorni ho lavorato molto sull’aspetto fisico e tecnico, sono a passo con la gli altri. Non ho giocato la partita con il Mezzocorona e ha saltato qualche allenamento, ma ora tutto sta andando per il meglio”.
Obiettivo Cina: “Mi piacerebbe poter giocare già qualche minuto domenica a Rovereto contro la Nazionale Olimpica cinese. In questi casi, si valuta sempre giorno dopo giorno. All’appuntamento mancano ancora tre allenamenti. Vedremo”.
Metodo Ranieri: “Visto l’infortunio, in questi giorni il mister l’ho conosciuto più fuori che dentro il campo. E’ giusto che ognuno abbia un suo metodo e voglia essere all’avanguardia. Per fare la formazione, non dovrà scegliere per nome e simpatia ma per quello che vedrà in allenamento. E’ giusto che ci sia competizione e voglia di primeggiare. Ranieri ha avuto parole particolari per me, ha detto tanto. Lo ringrazio per come la pensa, è una buona base di partenza, ma sarà il campo a dare gli esiti”.
La nuova Juve: “La società si è data tanto da fare, è stata brava a ricostruirsi. Le basi erano molto buone però c’era molto da lavorare. La squadra è importante, ha mantenuto i campioni e ha preso ottimi giocatori”.
Puntare al top: “Io lavoro per essere il migliore, voglio il massimo da me, dal mio lavoro e dalla squadra. Vado in campo per vincere, non per fare bella figura. Dobbiamo lavorare tutti su questa lunghezza d’onda. C’è voglia di rivincita ed entusiasmo, ma sappiamo tutti che c’è da tanto da fare. Arriviamo dalla B, con una squadra rinnovata, tanti nuovi arrivati, uno staff nuovo e una società che è qui da appena un anno. Trovare la miscela giusta subito non è facile, ma lo spirito è fondamentale e io lo vivo così”.
Il gruppo: “Durante queste settimane ho parlato molto con i compagni, soprattutto con Buffon. Sono felice che siano rimasti anche Trezeguet e Camoranesi. Questi giorni di ritiro servono per conoscerci e parlare. Dobbiamo instaurare qualcosa di diverso, qualcosa che ha sempre mosso questa squadra”.
L’importanza della salute: “Si può parlare e dire tanto, ma è il campo a dare le risposte. A leggere certi giudizi di questi giorni, sembra che abbia le stampelle. L’anno scorso la risposta da parte del mio fisico è stata ottima, ho fatto anche tanti gol e vinto la classifica cannonieri, a cui tenevo molto. Se ho fatto un anno così in un campionato più duro come quello di B, non vedo perché non possa essere così quest’anno. L’importante è che possa allenarmi bene”.
La stagione che inizia: “Sarà una stagione realmente diversa dalle altre, iniziata in modo diverso, con situazione diverse. Non vedo l’ora che inizino tante cose”.
Il contratto: “In questi giorni, quando sono venuti su a Pinzolo, i dirigenti mi hanno detto che dobbiamo parlare. Non ho motivi per essere arrabbiato del fatto che sono l’ultimo a dover rinnovare. A volte può essere anche un vantaggio. Se avrò qualcosa da dire, lo farò direttamente con la società e non attraverso i giornali. Credo e spero che non sarà una trattativa lunga. In quest’ultimo anno, tutti hanno avuto parole importanti per me, la famiglia Agnelli, il presidente, Blanc e Secco. Tutti hanno sottolineato la mia importanza e anche i tifosi qui me lo ricordano quotidianamente. Inoltre, cosa fondamentale, la mia volontà è di rimanere qui e di rinnovare con la Juventus”.
Ancora tanto sul campo: “Io amo il calcio e giocare, mi piace farlo perché ci credo. Lavoro con questo spirito e questo dice tutto. Non permetterò a nessuno di togliermi questo, ma allo stesso modo non giocherò solo per passare il tempo o per soldi”.
Del Piero solo bianconero: “Vedermi con un’altra maglia? Sì, negli ultimi anni è capitato, c’erano squadre interessate ma non è mai partita nessuna trattativa. Nella vita ci sono situazioni che ti portano a guardare altrove. E’ successo soprattutto la primavera dell’anno scorso, poteva esserci qualcosa di più, vista una certa situazione che a me non piaceva”.
L’erede Palladino: “Ha grandissime qualità, lo ha dimostrato l’anno scorso. Quest’anno sarà importante per lui, perché un conto è giocare con la Juve in A, un conto è farlo con la Juve in B. Dovrà essere a bravo ad imparare e poi giocarsi le sue carte. Le premesse sono ottime, ha grandi qualità. Gli auguro che possa fare bene”.
Aspettando Juventus-Inter: “Possiamo andare avanti per giorni a mandarci messaggi distensivi, ma poi sarà una partita diversa dalle altre. Si è venuta a creare una situazione che porterà tensione, ma che deve essere agonistica, piacevole e che riproporrà un duello tra grandi squadre. E che valga per il titolo”.
La Nazionale: “Non voglio commentare la situazione di Totti, è ingarbugliata e si rischia di esprimere un giudizio sbagliato. Comunque, dovesse mollare, non mi interesserebbe riavere il numero 10. Io lasciare? No, io punto ai Mondiali in Sudafrica del 2010, ma siccome voglio fare un passo alla volta, per ora mi concentro sugli Europei”.
Collina e gli arbitraggi: “Dagli arbitri mi aspetto che arbitrino in modo imparziale. Collina è stato candidato più volte per l’incarico di designatore, tutti lo volevano, non capisco ora tutte queste polemiche. E’ la persona adatta per questo lavoro”.
Grazie Pinzolo: “C’è stata una passione eccezionale nei nostri confronti. Più degli altri anni ci siamo fermati a firmare autografi e a fare foto. Abbiamo avuto ogni giorno più di 5mila persone. La gente ha voglia di vedere questa squadra. Aveva voglia di rivederla in Serie A. Ha voglia di sognare, proprio come noi”.

 
 
 

SONO FINITE LE VACANZE, TUTTI A LAVORO

Post n°23 pubblicato il 20 Luglio 2007 da DelPiero94

Da 9 giorni la Juve è in ritiro a Pinzolo, con il luovo allenatore Ranieri, i nuovi acquisti (ultimissimo Andrade, difensore porto, 10 mln), tanti ritorni come Blasi e Tacchinardi e i "magnifici 4", tra cui anche Pavel, che ha deciso di voler restare, e Mauro, che ha rinnovato fino al 2010. Ranieri impone subito allenamenti durissimi. La stagione non inizia nel migliore dei modi per Alex, alle prese con un infortunio.

20051023aempolialmiron

La stagione della riscossa, 2007-08, della Juventus, è finalmente e ufficialmente aperta. L'11 Luglio a Vinovo i giocatori bianconeri si sono riuniti e incontrati col nuovo allenatore e il nuovo staff. Nel pomeriggio sono partiti alla volta di Pinzolo, dove hanno iniziato gli allenamenti. La Juve resterà a Pinzolo fino al 22 Luglio, quando sarà conclusa la prima fase del ritiro.  La lista dei bianconeri che sono partiti in Trentino: Portieri: Buffon, Belardi, Vanstrattan Difensori: Birindelli, Boumsong, Chiellini, Criscito, Grygera, Legrottaglie, Molinaro, Piccolo, Zebina Centrocampisti: Almiron, Blasi, Camoranesi, Giannichedda, Marchionni, Marchisio, Nedved, Olivera, Salihamidzic, Tacchinardi, Tiago, Zanetti Attaccanti: Del Piero, Guzman, Iaquinta, Palladino, Trezeguet, Zalayeta. Ranieri ha subito imposto allenamenti durissimi, seguire esercizi atletici a quelli con la palla, e ha subito provato le prime tattiche. Dopo la prima conferenza stampa dell'anno hanno parlato: Almiron:"Qui per crescere ancora", Vanstrattan, il nuovo portiere acquistato:"Un sogno lavorare con Buffon", Tiago:"Voglio vincere lo Scudetto e tornare in Champions", Grygera:"A disposizione di Ranieri", Ranieri:"Il segreto è il gruppo", Iaquinta:"Sarei venuto anche in B" e Salhiamidzic:"Chamatemi Brazzo" (da La Vecchia Sognora)

Le vacanze sono finite, ed è già tempo di ritiro... oggi l'adunata a Vinovo, da lì poi partiamo alla volta di Pinzolo, dove soggiorneremo fino al 22 luglio per preparare la nuova stagione. La nostra estate sarà come sempre ricca di appuntamenti, quindi restate sintonizzati!!! (Dal sito di Alex Del Piero)

E' passato un anno da quando a Berlino, il 9 Luglio 2006, l'Italia sconfisse in finale la Francia ai rigori e diventava per la quarta volata campione del Mondo. Seppure era una sfida tra azzurri e blues, spopolarono quella sera i colori bianconeri: dai Campioni del Mondo Buffon (memorabile il miracolo ai supplementari sul colpo di testa di Zidane), Camoranesi (quella fu la sua migliore partita del mondiale, uno dei migliori in campo) e Del Piero (realizzò il quarto rigore della saquenza, ma non dimanetichiamo che è stato lui a portarci in finale, con quei straordinari suppelementari contro la Germania), a Iaquinta, che quest'anno è entrato a far parte del gruppo Juventino, ma che un anno fa alzò anche lui la coppa. Nell’Italia targata Marcello Lippi (storico allenatore bianconero) facevano parte anche Ciro Ferrara, Narciso Pezzotti e Ivano Bordon, senza dimenticare il fisioterapista Aldo Esposito. Inoltre erano presenti anche Cannavaro, il Capitano e  Zambrotta, che hanno lasciato la Juve soltanto dopo la vittoria di Berlino. E non dimentichiamo i bianconeri dalla Francia. Zidane (capitano francese, ha segnato con un pallonetto dopo pochi minuti, il rigore che portò in vantaggio la Francia), che è stato un campione della storie bianconera prima di andare a Madrid, Trezeguet (sbagliò il rigore decisivo per la francia, dopo però un ottimo mondiale), Vieira e Thuram, che al tempo arano bianconeri, e Boumsong, che faceva parte della rosa francese, anche se ha visto la partita dalla panchina. (La Vecchia Signora)

 
 
 

AUGURI A BONIPERTI, L'UOMO CHE SCOPRì ALEX

Post n°22 pubblicato il 04 Luglio 2007 da DelPiero94

Gli auguri a Boniperti, che oggi compie 79 anni. Fu proprio lui, il mito, a portare Alex a Torino, a farci questo regalo, ed è proprio lui che Alex ha scavalcato nella classifica dei marcatori bianconeri di sempre, entrambi sono campioni, bandiere, quante cose in comune!

20051023aempolialmiron_3

Un mito in tutto: dapprima come giocatore, poi anche come storico presidente, qual è tutt'ora della sua amata Juve: E' Giampiero Boniperti. Con la maglia della Juve 462 presenze e 182 gol (o 185, stando ad altri storici), da poco superati da un altro grande campione, che proprio Boniperti a portato a Torino fin da giovane: Alex Del Piero. Oggi è la sua data, perchè compie 79 anni, sono tanti, così come è tanta la passione e l'amore per questa maglia, bianconera. Ed è per questo che la società, la redazione di "Vecchia Signora" e tutti i tifosi bianconeri gli mandano un caloroso "Auguri Presidente!" ( da blog.libero.it/juventusonline)

 
 
 
Successivi »
 
 

GODETEVELO

ALESSANDRO DEL PIERO

 Delpiero

IL FENOMENO VERO

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

rizzo.steccailtipoidealeandrea71170La_Signora_Liaminerva46kekko233l9Rob82realcipangelo_65sesco77boz900fabioten87alfredozizzimati920ImagePhotoDs
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom