Community
 
procino995
   
 
 

Ultime visite al Blog

carlodigiovanniannaelena1987ufficialegentilu0moBab030brezzadoratasoltanto_sergioSky_Eagleoli.ver1960lacky.procinoelisa.r79strong_passionrozappajigendaisukecristina_70ghino_di_tacco6
 

TRADUTT

 
Citazioni nei Blog Amici: 511
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Creato da: procino995 il 04/05/2010
Vagabondando qua e là

 

 
« ROMA LADRONA LEGA LADRONA (?)Un covo di strozzini. »

Chi sono gli spacciatori di morte?

Post n°1467 pubblicato il 24 Aprile 2012 da procino995
Foto di procino995

 

Gli incidenti sul lavoro,

i tumori nell’ infanzia  di cui ogni giorno le cronache ci parlano,

unitamente alle malattie professionali,

ampiamente sottostimate in Italia,

sono due facce di una stessa medaglia,

ovvero le logiche,

inevitabili conseguenze di uno “sviluppo” industriale per gran parte dissennato,

radicatosi in un sistema di corruzione e malaffare generalizzato che affligge ormai cronicamente il nostro paese.

Gli inceneritori producono nanoparticelle.

Le nanoparticelle entrano nell'organismo e producono tumori.

La raccolta differenziata produce invece ricchezza e non avvelena l'ambiente.

I bambini sono i più esposti alle malattie.

Perchè in Italia si continuano a progettare,

costruire, spacciare inceneritori;

invece di promuovere la raccolta differenziata?

Chi ci guadagna?

Chi sono gli spacciatori di morte?

Chi sono i nuovi Erode?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Contatta l'autore

Nickname: procino995
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 31
Prov: CO
 

 Ciao Ciao

 Ciao Ciao

 Ciao Ciao

 

 

MARIO + aggiungi