Community
 
alogico
   
Creato da alogico il 01/03/2006

alogico

Filosofia, epistemologia, psicologia, psicoanalisi, psichiatria, sociologia, antropologia, musica, cinema, arte, scienza, politica, letteratura, *Proto-Pensieri*, *Proto-Immagini*, *Proto-Video*...

____________________________
 

Silenzio...

 
____________________________
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
____________________________
 

 

Cerca con Google

 
____________________________
 
"Un filosofo: un uomo, cioè, che costantemente vive, vede, ascolta, sospetta, spera, sogna cose fuori dall'ordinario; che viene colto dai suoi stessi pensieri quasi dal di fuori, dall'alto e dal basso, come da quel genere di avvenimenti e difulmini che è 'suo proprio'; e forse è egli stesso una procella che si avanza gravida di nuovi fulmini; un uomo fatale, intorno al quale c'è sempre un brontolio e un rovinio, qualcosa che si cretta e sinistramente accade. Un filosofo: ahimè, un essere che spesso sfugge a se stesso, spesso ha timore di sè -tuttavia è troppo curioso per non 'tornare' sempre di nuovo 'a sè'"...




"E' difficile essere compresi: specialmentese si pensa e si vive 'gangastrogati', in mezzo soltanto a uomini che pensano e vivono diversamente, cioè 'kurmagati' o nel migliore dei casi, secondo il modo di camminare della rana, mandeikagati -faccio appunto tutto il possibile per essere anch'io 'difficilmente compreso'!- e si deve essere riconoscenti di cuore già per la buona volontà d'interpretare con una qualche finezza. Ma per quanto concerne 'i buoni amici', che sono sempre troppo comodi e credono di avere proprio in quanto amici un diritto alla comodità: sarà bene concedere loro, fin da principio, un libero campo e un'arena per i fraintendimenti -così avremo un altro motivo di riso- oppure converrà eliminarli del tutto, questi buoni amici- e ancora riderne!"
 
____________________________
 


 
____________________________
 



La più ampia tolleranza
nella più rigorosa
indipendenza...

 
____________________________
 


 
____________________________
 

 

 

Stoichèion...
 
immagine
...il fuoco come "stoichèion",
come elemento naturale che rimane
sempre identico a se stesso
nel mutare degli altri elementi...




α
-λόγος
 

 

 

«Naufràgi»...


...l'ultima questione è sapere se



dal fondo delle (proprie) tenebre
                       


un "essere" può brillare...(*)



alogico







(*) Parafrasando K. Jaspers
- Photo editing by alogico
- Music by Deep Purple

 
 
 

«Mutazione»...


L'essenziale è la contingenza:



esistere, è essere lì;
                       


semplice-mente...



alogico







- Une lecture d'un petit extrait du roman de Jean-Paul Sartre, La Nausée
-
Photo editing by alogico

 
 
 

«Peccato "originale" »...


L'umana polemica di un uomo...



...che mette in guardia i suoi simili...
                       


...contro se-stessi.



P.S.
Di fronte ai pericoli sempre più aspri che gli uomini sembrano reciprocamente suscitarsi, Malaparte sente la necessità di estendere, anche più chiara, la sua dura polemica e si volge fiducioso al cinema come alla forma più comprensibile e aperta di linguaggio moderno; vi si volge, ricco di tutta la sua civilissima e antica esperienza letteraria, ardente di tutto il suo umanissimo travaglio di contemporaneo cosciente di errori che minacciano il suo tempo; il nostro tempo.




alogico








- Scena liberamente tratta (e "rivisitata" da alogico) dal film Il Cristo proibito, di Curzio Malaparte.

 
 
 

«Polvere»...


È un miracolo: l'istante, eccolo presente, eccolo già sparito,
prima un niente, dopo un niente, torna tuttavia ancora come spettro,
turbando la pace di un istante posteriore.




Continuamente un foglio si stacca dal rotolo del tempo, cade, vola via
– e rivola improvvisamente indietro, in grembo all'uomo.

                       


Allora l'uomo dice "mi ricordo" e invidia l'animale che subito dimentica
e che vede veramente morire, sprofondare nella nebbia e nella notte,
spegnersi per sempre ogni "istante"...
(*)




alogico







(*) Liberamente tratto da F. Nietzsche, Sull’utilità e il danno della storia per la vita.
- Music by: Arturo Toscanini conducts Wilhelm Richard Wagner, Tannhäuser - Ouverture

 
 
 

«Il soggetto oblativo»...


Mantenere accanto a sé, e accudire individui regrediti, ingordi e sadici...



...permette a questi soggetti - mediante l'identificazione proiettiva -
di non riconoscere, come propri,
sentimenti che non siano nobili, ammirevoli e amabili.

                       


Dunque, il soggetto oblativo si gode le sue soddisfazioni narcisistiche regressive
per interposta persona
.
(*)



N.B.
Ed è anche per questo che le relazioni sadomasochistiche
sono tanto durature.



alogico







(*) Liberamente tratto da D. Lopez - L. Zorzi Meneguzzo, Narcisismo e amore.
- Music by Godfather theme

 
 
 
 

  

 
____________________________
 

AREA PERSONALE

 
____________________________
 

METAMORPHOSIS...

  

 
____________________________
 

 

Ascolta Radio Rai

 
____________________________
 
____________________________
 

ULTIME VISITE

 

 
 
____________________________
 

Restauro come terapia

Proteso a nuove conquiste

Discorso su tema ecologico

Siamo preparati alla vita in comune?

Colonna sonora

L'attualità di Shakespeare

Ritratto di signora

 
____________________________
 


 
____________________________
 

Escalation indiscriminata

Dialettica illusoria

Spettacolo giovane

La moderna dimensione della donna

C...come condizionamento

Disamina della verità
obiettiva

 
____________________________
 


 

Uscita di sicurezza...

immagine 
...il pensiero del suicidio
è un energico mezzo di conforto:
con esso si arriva a capo
di molte cattive notti...




α
-λόγος