Creato da altro_che_mela il 24/05/2008

altrochemela

.....tra la mela e il serpente.......Tutto il materiale presente in questo blog è protetto dalle leggi sul diritto d'autore.

 

 

Le foibe-giorno del ricordo

Post n°218 pubblicato il 10 Febbraio 2016 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

 

E’ scritto nell’articolo 1:  “La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale "Giorno del ricordo" al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale “.

La data prescelta è il giorno in cui, nel 1947, fu firmato il trattato di pace che assegnava alla Jugoslavia l’Istria e la maggior parte della Venezia Giulia.

La legge è la n. 92 del 2004, su proposta di più partiti dell’arco costituzionale (Ulivo, Margherita, Udc, FI, Alleanza nazionale) e votata da una ampissima e trasversale maggioranza che sarebbe stata assoluta se non ci fosse stata una manciata di voti contrari da parte dei partiti I comunisti italiani e La rifondazione comunista, scomparsi poi dal parlamento, rappresentati da Vendola, Pisapia, Cossutta, Marco Rizzo, Oliviero Diliberto, Franco Giordano,  Russo Spena e qualche altro.

La Jugoslavia, con il partito comunista al potere, si era impadronita di tre province nelle quali la popolazione di lingua italiana era da sempre stata maggioritaria: quelle di Pola, Fiume, Zara.

Le foibe sono dei pozzi naturali che si riscontrano con grande frequenza nel terreno carsico della provincia di Pola e in quei pozzi sono stati buttati corpi nudi e vivi di uomini donne bambini dopo che erano stati torturati.

Un genocidio etnico venuto alla ribalta dopo l’altra guerra etnica del 1995 tra Serbia e Croazia (ex-Jugoslavia).

Noi vivi dobbiamo sentire l’obbligo di commemorare i morti perché non abbiano più a ripetersi orrendi genocidi, non dimenticando che soprattutto i vivi devono avere pari dignità  tanto la morte li rende già pari.

 
 
 

auguri

Post n°217 pubblicato il 25 Dicembre 2015 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

Gesù si è incarnato per vivere la stessa vita dell’uomo, un Gesù venuto non a stravolgere la storia, ma ad indirizzare la storia su alcuni temi come la libertà e il rispetto.

Indirizzi e non ordini perché la libertà di decidere spetta alla persona.

 

 

 

 
 
 

nuvole

Post n°215 pubblicato il 27 Novembre 2014 da altro_che_mela

 

 

tante nuvole, troppe

e le stelle sembrano spente

https://www.youtube.com/watch?v=C-BThvZkkM4

 
 
 

ciao Pina...

Post n°214 pubblicato il 26 Ottobre 2014 da altro_che_mela
 

 

 

 per te, che, solitario fiore battuto dal freddo e dal vento, hai vissuto troppo presto il tramonto

ora nel tuo giardino segreto  sarai fiore tra i fiori.....

ciao Pina

 

 
 
 

el amor brujo

Post n°213 pubblicato il 11 Maggio 2014 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

le mamme sono importanti e tanti auguri

solo l'amore però guida il mondo e tutti possono amare

io canto el amor brujo

 
 
 

la pietra del vituperio

Post n°212 pubblicato il 28 Aprile 2014 da altro_che_mela
 
Tag: padova

 

 

Forse è meglio invocare i santi, visto che ieri ne abbiamo avuto due di nuovi e meravigliosi. Giovanni XXIII poi l’ho visto due volte, l’una sulla sedia gestatoria attraversava la cappella sistina, l’altra a castel gandolfo, per questo oggi scrivo della “Pietra del vituperio”:

Si trova nel Salone (a Padova) ed è un piccolo e rozzo cippo di trachite euganea, scolpito a vaso, posto sopra a una base quadrata a tre gradini. Attorno all’orlo sta scritto “Lapis vituperii et cessionis bonarum”.

Fino al 1231 i debitori insolventi  venivano incarcerati a vita.

Da allora, giacchè le carceri non riuscivano a contenerli,  vennero umiliati sul cippo davanti al popolo.

Giova sapere che tanta riduzione e trasformazione di pena fu dovuta alla potente influenza di Fernando da Lisbona in persona, oggi S. Antonio, che riuscì a far modificare l’art. 114 del Codice Statutario Patavino.

Il debitore, deposte le vesti, i calzari, la fascia, il cappello (non la camicia e le brache), presenti almeno cento persone in pubblica adunanza o durante il maggior consiglio, per tre volte veniva  fatto entrare nel Salone e per tre volte percuoteva la pietra con le natiche dicendo ad alta voce “Cedo bonis” (rinuncio ai beni) e quindi veniva espulso dalla città e dai sobborghi, senza possibilità di rientrarvi se non si fosse accordato con i creditori.

Se fosse rientrato senza l’accordo, veniva  preso, nuovamente svestito, posto a sedere sulla pietra e gli si versavano sulla testa tre secchie d’acqua.

Le sue vesti  venivano date ai creditori.

Tale costumanza durò fino al 1620 e la pietra rimase a monumento storico.

I poeti Brunetto Latini e Lorenzo Lippi parlarono di “dar del  culo in sul petrone (o lastrone)” in quanto la pietra del fallimento era in uso anche in altre città. (estratto da Racconti padovani).

Pietre no oggi,  visto il fallimento di due aziende ogni  ora….Santi sì, pare che quel che possono i Santi nessun altro, perché loro sanno come pregare.

 

 
 
 

nomi

Post n°211 pubblicato il 26 Aprile 2014 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

Gli ultimi combattimenti in provincia di Padova si ebbero nella notte tra il 28 e il 29 aprile oltre che per le vie di Padova, nell'Università (unica medaglia d'oro della Resistenza ) e nella piazza ora detta dell'Insurrezione, anche su ponti e torrenti e fiumi della periferia.

Gli ultimi morti a Liberazione già avvenuta. 
 

- silvio barbato, fu fucilato a ponte di brenta x rappresaglia

- beppino smania, 17 anni studente liceale, fu mitragliato già morto sotto il tunnel di peraga di vigonza

- padre placido cortese, direttore del messaggero di s.antonio, fu dai tedeschi inviato a destinazione ignota

- eugenio curiel, assistente università di padova, fu ucciso in una imboscata

- benedetto de' besi e guido pucchetti, furono uccisi in una azione di rastrellamento

- sergio fracalanza, studente, morì combattendo a ponte di brenta

- don giuseppe lago insieme al suo cappellano e a 22 cittadini di santa giustina in colle, furono fucilati perchè portavano i conforti religiosi ai moribondi

- luigi pierobon, letterato di cittadella, per rappresaglia fu fucilato a padova nella caserma che prese il suo nome

-  guido franco, di cadoneghe, fu arrestato su delazione e fu fucilato insieme a Pierobon nella caserma Pierobon, dopo essere stato torturato

- italo bordin, di cadoneghe, rinchiuso a Verona perchè antifascista, fuggì, ma fu ripreso e fucilato senza processo

- ........nomi...........nomi..................................           

gente semplice, gente comune di padova e provincia, e chissà quanti nomi di altrettanti paesi e città...ricordare perchè non siano solo un nome su una via dei nostri paesi o della nostra città o una lapide nella nostra università o un cippo come monumento ai caduti

 

 

 

 

 

 
 
 

......................

Post n°210 pubblicato il 16 Aprile 2014 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

.....vane chimere  ho seminato oggi.....

     .....l'ho fatto con la luna piena.....

     ..................  cantando  ...................

 http://www.youtube.com/watch?v=Hv8Bf0sqgJA

 

 

 

 
 
 

io non ballo il tango

Post n°209 pubblicato il 13 Marzo 2014 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

io non ballo il tango, ma Bruno sì, con la sua compagna.

Bruno vive qui al nord. Riccioli al vento e viso bruciato dal sole, ha la musica nel sangue, il ritmo nei muscoli e napoli nel cuore: balla ascoltando le partite.

Questo è uno dei tanghi che balla, il tango per eva

http://www.youtube.com/watch?v=Gqm6XNnXWss

la sua compagna mi ha insegnato a ballare e a godere di questo ritmo dolce e passionale, che invita a sognare la grecia guardandola da lontano dal Faro Palascìa di Otranto 

 

 

 

 
 
 

11 febbraio

Post n°208 pubblicato il 11 Febbraio 2014 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

Maria e Francesco, su una carrozza trainata da due cavalli bianchi, si erano sposati l'11 febbraio (giorno della firma dei Patti Lateranensi) per assicurarsi una festa nazionale ad ogni anniversario.

E fu festa ogni anno.

Lui però non fece in tempo a vedere l'abolizione di quella festa avvenuta nel 1977 ad opera di Craxi per aumentare il numero delle giornate lavorative.

Maria cantò deliziosamente per anni questa canzone

auguri mamma e papà, siete sempre nei nostri pensieri

 

 
 
 

titolo: cinque cerchi e una stella

Post n°207 pubblicato il 26 Gennaio 2014 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

27 gennaio -  giornata della memoria a commemorazione della strage degli Ebrei con un libro b e l l i s s i m o , che narra di un uomo che ha attraversato la Storia sopravvivendo al campo di concentramento Bergen-Belsen (lo stesso in cui morì Anna Frank) e alla strage del settembre nero del 1972 alle Olimpiadi di Monaco.

Lui è l'atleta Shaul Ladany.

Lo scrittore è il mio giovane carissimo amico Andrea Schiavon.

 

 

 

 
 
 

l'augurio è..........

Post n°206 pubblicato il 23 Dicembre 2013 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

passeggiando in centro tra le bancarelle, il bambino che mi accompagnava mi ha fatto osservare sconsolato che i babbi natale in giro e davanti ai negozi non solo avevano la barba finta ma erano troppi! lui aveva scritto la letterina al Babbo Natale, ma chi era tra quelli?
Gli ho risposto che il Babbo Natale era troppo impegnato a scendere dai camini, perciò aveva scelto tanti aiutanti per riuscire a sbrigare tutte le consegne. Sì, va bene - mi ha risposto - allora c'è tanto lavoro?

L'augurio è che Babbo Natale abbia bisogno anche di noi...

...e per noi...

 

 

 
 
 

mandela day

Post n°205 pubblicato il 06 Dicembre 2013 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

Ogni actus hominis richiede l'esercizio dell'intelligenza o della volontà o di entrambe.

Ogni atto di Mandela è stato esercizio di intelligenza e di volontà

....a lui, in memoria....

 

 

 
 
 

melodia

Post n°204 pubblicato il 25 Novembre 2013 da altro_che_mela
 
Tag: amori
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

 

Il ritmo è verticale: affermazione, decisione, fermezza, rabbia, ribellione....

La melodia è orizzontale : ricerca, estensione, leggerezza, affetto, abbraccio, conciliazione....

Quale melodia potrà mai conciliare la natura che si ribella e l'uomo che soffre?

...forse questa...

 

 
 
 

...............................

Post n°203 pubblicato il 20 Settembre 2013 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

 

 .......................ho la luna ......................

quella in cielo al confronto mi fa un baffo

 ...................moonlight serenade.................

 

 

 
 
 

..................

Post n°202 pubblicato il 15 Agosto 2013 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

sax a mezzanotte  

 

...................alfie.......................

 
 
 

aurora.............

Post n°201 pubblicato il 03 Agosto 2013 da altro_che_mela
 

 

 

Entro il mio cuore

la tortura, oh tutta la tortura

dal mondo patita

geme ch’io in parole la redima,

e io perdutamente balbetto,

il mio cuore ancora in sé sente

le infinite morti

da uomini inferte a uomini,

gli anni trascorrono

e sempre l’insostenibile vergogna

e sempre in me il gemito,

vano gemito anziché parole,

e il terrore che anche il più grande canto

vano pur esso sarebbe,

chi mai l’ascolterebbe

se nuovamente domani sul mondo

la tortura infierisse

infanzia e vecchiaia insieme cancellando

e tutte le speranze?

Speranza, aurora!

Chi ancora guarda l’aurora?

Mio cuore, ma tu lo sai

E non è per essa che ancor batti?

Tanti e tanti e tanti,

vicino a te e lontano

ogni dì s’alzano e non armi impugnano,

o forse armi sono

martelli vanghe libri

e vanno, con questi loro vivi arnesi vanno,

la terra è tutta un cantiere,

ogni dì è lavoro

quanto lavoro su la terra intera,

da secoli da millenni

curvo era sino a ieri

ma ora di sè è fiero

s’anche duramente ancor soffre e lotta,

ben saldo nel voler mai più

guerre né torture,

nel volere il mondo

trasformato in fraterno giardino,

oh mio cuore, più non devi gemere

abbi fede, tu vedi,

è il lavoro oggi l’aurora

 

1949-Sibilla Aleramo

 

 
 
 

note

Post n°200 pubblicato il 12 Maggio 2013 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

c'e' stato un tempo in cui questa musica era popolare perchè c'è stato chi ce l'ha fatta amare

 
 
 

e mò...

Post n°199 pubblicato il 23 Febbraio 2013 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

Altro che battute che fanno ridere! siamo sicuri che sia questo il futuro che ci meritiamo?
"Sindaco grillino licenzia l’assessore in gravidanza"
è successo qualche giorno fa nel comune di Mira (venezia). La signora avvocato e assessora ha ricevuto il benservito dal suo stesso movimento 5 stelle perchè incinta. Lei si è rifiutata di eseguire l'imposizione ed è rimasta al suo posto. Brava. C'è di che riflettere se usiamo la testa e non la pancia...

Ecco ora un articolo illuminante di cui metto il link:

http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2013/02/10/news/moglie-del-leader-favorita-accuse-di-nepotismo-ai-grillini-1.6510578

.

Sono marito e moglie, che fra l'altro ho conosciuto in un non lontano passato e di cui non ho proprio un ricordo edificante.

Pare che le guerre per il potere siano proprio nel Dna del genere umano. Siccome il marito non poteva candidarsi perchè già consigliere comunale, ha 'imposto' che fosse candidata la moglie che non ha mai, dico mai, espresso un qualsiasi interesse per la politica o per il movimento del marito. Però non solo ora è candidata ma è quasi sicuramente eletta sulla base della legge ‘porcellum’ che la destra ci ha imposto.

Ah, povero Grillo, il suo movimento fa già acqua almeno qui a Padova.

Chissà cosa succede nelle altre circoscrizioni.

E costoro non sono ancora al Potere con la P maiuscola!!

 

 
 
 

la lampada cinese

Post n°198 pubblicato il 02 Gennaio 2012 da altro_che_mela
 
Foto di altro_che_mela

 

 

 

 

 

 

è volata in alto, l'abbiamo vista sparire all'orizzonte e siamo rimasti a scrutare con il cannocchiale fino a tarda ora...

...tanto l'inverno mica è arrivato...

(tra concerto di Venice e concerto di Vienna, propongo Vivaldi ..le tre V..per non far torto a nessuno)

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

altro_che_melaDivina_azionelaeternapiapensabenepgmmaMassimiliano_UdDcassetta2mpt2003dipingo_sogniba.vi60z05zclock1991aquilablu80GnothiTauton
 

ULTIMI COMMENTI

Citazioni nei Blog Amici: 51
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom