Creato da altro_che_mela il 24/05/2008

altrochemela

.....tra la mela e il serpente.......Tutto il materiale presente in questo blog è protetto dalle leggi sul diritto d'autore.

 

 

« augurila vita che verrà »

Le foibe-giorno del ricordo

Post n°218 pubblicato il 10 Febbraio 2016 da altro_che_mela
 

 

 

 

 

 

 

E’ scritto nell’articolo 1:  “La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale "Giorno del ricordo" al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale “.

La data prescelta è il giorno in cui, nel 1947, fu firmato il trattato di pace che assegnava alla Jugoslavia l’Istria e la maggior parte della Venezia Giulia.

La legge è la n. 92 del 2004, su proposta di più partiti dell’arco costituzionale (Ulivo, Margherita, Udc, FI, Alleanza nazionale) e votata da una ampissima e trasversale maggioranza che sarebbe stata assoluta se non ci fosse stata una manciata di voti contrari da parte dei partiti I comunisti italiani e La rifondazione comunista, scomparsi poi dal parlamento, rappresentati da Vendola, Pisapia, Cossutta, Marco Rizzo, Oliviero Diliberto, Franco Giordano,  Russo Spena e qualche altro.

La Jugoslavia, con il partito comunista al potere, si era impadronita di tre province nelle quali la popolazione di lingua italiana era da sempre stata maggioritaria: quelle di Pola, Fiume, Zara.

Le foibe sono dei pozzi naturali che si riscontrano con grande frequenza nel terreno carsico della provincia di Pola e in quei pozzi sono stati buttati corpi nudi e vivi di uomini donne bambini dopo che erano stati torturati.

Un genocidio etnico venuto alla ribalta dopo l’altra guerra etnica del 1995 tra Serbia e Croazia (ex-Jugoslavia).

Noi vivi dobbiamo sentire l’obbligo di commemorare i morti perché non abbiano più a ripetersi orrendi genocidi, non dimenticando che soprattutto i vivi devono avere pari dignità  tanto la morte li rende già pari.

Commenti al Post:
mpt2003
mpt2003 il 10/02/16 alle 09:25 via WEB
ben detto. Ricordare ,ricordare, ricordare ....per non dimenticare ed avere tutto in mente perchè niente si ripeta.
 
altro_che_mela
altro_che_mela il 12/02/16 alle 21:54 via WEB
dici bene! un mio amico mi ha raccontato di suo nonno - fiumano e feroce antifascista nonchè infermiere all'epoca dei fatti - che rischiò come tutti gli italiani autoctoni di essere infoibato. Lì la discriminante non era dettata dal credo politico ma dall'etnia: si finiva dentro perchè italiani e perchè scomodi. Occorre ricordare. Ricordare anche quella decina di soldati neozelandesi, arrivati con l'ottava Armata, infoibati perchè testimoni di cose scomode. Ciao Mp :-)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

mirkokappa51lunetta_08cassetta2oscardellestellezingarapartenopeslavkoradicacer.250SAL313r.11.11.11Sky_Eagleanima_on_linegigisvegliofalco1941cile54sparusola
 

ULTIMI COMMENTI

Citazioni nei Blog Amici: 51
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom