Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« La morte arriva a Pember...Criminali scrittori di lettere »

Bright Star - Film in dvd

Post n°682 pubblicato il 12 Ottobre 2011 da bluewillow
 

Jane Campion dedica un film alla storia d'amore fra il poeta inglese John Keats  e la sua musa ispiratrice Fanny Browne, che l'artista conobbe proprio negli ultimi anni della sua breve vita, terminata a soli venticinque anni.
Il titolo della pellicola "Bright Star" (nei cinema nel 2009) deriva proprio da una poesia dedicata all'amata, alla quale scrisse numerose lettere durante i vari periodi in cui restarono separati (potete leggerne una traduzione nel sito della Keats-Shelley House di Roma, dove il poeta morì, oggi diventata un museo).
I due si incontrarono a Wenthwort Place, un caseggiato costituito da due edifici contigui, una metà dei quali era occupato da Keats e dall'amico Charles Armitage Brown, mentre nell'altra metà vivevano degli amici di famiglia di Fanny. In seguito la famiglia Browne si trasferì proprio nell'altra metà della casa di Wenthworth place e i due giovani poterono frequentarsi quotidianamente.
 Fanny viene descritta da Keats come una ragazza bella, determinata, affascinante, con energiche idee politiche, che amava leggere e discutere di libri, con una passione per i bei vestiti e tutte le novità della moda che arrivavano da Parigi.
Ben presto Keats si innamorò follemente di Fanny, ma i due dovettero separarsi per motivi di salute: il poeta aveva necessità di risiedere in climi più miti e si risolse a partire per l'Italia, dove sperava di migliorare le proprie condizioni.
I giovani rimasero legati da un fidanzamento segreto. La riservatezza nella loro relazione derivava da diversi motivi:innanzi tutto dare troppa pubblicità ad un fidanzamento che avrebbe potuto non concludersi in un matrimonio avrebbe  potuto danneggiare Fanny, in secondo luogo i motivi che avrebbero potuto ostacolare il matrimonio derivavano soprattutto dal fatto che Keats era estremamente povero e di salute molto cagionevole, un suo fratello era già morto di tubercolosi e lui stesso ne era gravemente afflitto.
Nonostante la separazione i due si scrissero numerose lettere, che rimasero segrete fino al 1878, anno della loro pubblicazione, oltre cinquanta anni dopo la morte di Keats e tredici dopo quella di Fanny, rivelando al mondo una storia d'amore che ebbe certamente una grande influenza sulle opere del poeta.
Jane Campion cerca di rievocare non solo la storia di Fanny Brown e John Keats, ma soprattutto di rendere l'atmosfera di un'epoca, con sequenze che forse non vibrano sempre per bellezza, ma che puntano ad un fedele realismo. Le scene sono spesso girate con quella che sembra luce naturale (se non lo è davvero, lo sembra assolutamente), con forti chiaroscuri e spesso i personaggi devono sedere vicino a delle finestre per essere visti bene. Anche il suono tende ad essere il meno artefatto possibile, con molti rumori di fondo, tanto che sembra di poter sentire (almeno nella versione originale), anche il fruscio degli abiti.
Molte sono le sequenze che riproducono scene di vita quotidiana, anche solo per pochi istanti: la condivisione del té, la preparazione di abiti, la madre di Fanny che stira, una passeggiata in una strada fangosissima, come dovevano essere probabilmente a quei tempi in una piovosa Inghilterra.
La recitazione che la Campion chiede al proprio cast sembra quasi non voler disturbare il quadro creato con tanta cura: nella maggioranza dei casi gli attori quasi sussurrano, piuttosto che pronunciare le battute, come se temessero di essere troppo vitali e di rischiare di uscire dal  registro di  romantica melanconia per essi predisposto, quasi che i personaggi potessero già conoscere in anticipo il proprio destino, funestato dalla morte e dalla frustrazione dei propri desideri.
Il film è forse un po'  troppo lento e Jane Campion esagera nel voler immergere lo spettatore nei ritmi della vita ottocentesca anche a costo della scorrevolezza della trama, perché a volte la pellicola rischia davvero di essere un tantino (non troppo, in fondo la Campion è sempre una brava regista) soporifera.
Ma il ritmo sonnacchioso non è il peggior difetto di questo film, che vede come protagonista assoluta Abbie Cornish nei panni di Fanny Browne, sulla quale è praticamente incentrata tutta la storia. Cornish si prodiga in ogni modo per creare una Fanny credibile: una ragazza giovane, ma determinata, chiaramente affascinata da Keats, che a volte pecca di ingenuità nel suo entusiasmo.
Il problema non è il lato femminile della storia, ma piuttosto quello maschile: Ben Wishow nella parte di John Keats è un autentico ciocco di legno, totalmente privo di espressività, nel quale è davvero difficile vedere un poeta romantico. La sua interpretazione di Keats non è certa quella di qualcuno che si lasci dominare dalle passioni, quanto piuttosto di individuo totalmente incapace di esprimerle, anche al di là di una qualunque timidezza. Un Keats trattenuto nei propri sentimenti, avrebbe anche potuto essere in tono con la storia, viste le notevoli difficoltà che ostacolavano il rapporto fra i due giovani innamorati, ma sul volto di Wishow domina la più totale indifferenza: che guardi Fanny o la sua tazza da tè decisamente fa lo stesso, anzi credo che per il tè ci sia una maggiore simpatia e senz'altro più trasporto emotivo. In  effetti quasi tutto il cast è all'altezza della propria parte, ma davvero persino il gatto di Fanny Browne ispira più emozioni di Keats, nella versione di Jane Campion: anche il gatto avrebbe recitato meglio i versi di Keats, quando questo cita le proprie poesie, esattamente come se leggesse la lista della spesa.
Visto che in un film di questo tipo l'interpretazione degli attori è fondamentale, viene a mancare la tensione emotiva che potrebbe tenere svegli gli spettatori e nel complesso questa è una storia d'amore a metà, praticamente per assenza della controparte.
Un peccato perché fra un capolavoro ed un film solo discreto il passo è, purtroppo, molto breve.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.