Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

ULTIMI COMMENTI

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: bluewillow
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: EE
 

ULTIME VISITE AL BLOG

canescioltodgl10maripatguido.vanellamarta.saraminsilvj81marinaconfalonnalyaalketshtyllamarco78_mppina2005carpetcrawler1960agabargeorgicagiadapugnalialessandro.speziaribisceglie.francy
 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

___________________

www.StatCounter.com/myspace/ - Free myspace Profile Counter

 

 

« Ritratto in seppia - Isa...Cap.8 – Loach Castle »

Spiral - Koji Suzuki

Post n°198 pubblicato il 27 Novembre 2006 da bluewillow
 

immagineTitolo: Spiral Autore: Koji Suzuki Titolo originale: Rasen Traduzione: Chiara Salina Casa editrice: Tea libri pag: 349 costo: 8,40 euro

Spiral è il seguito del più noto Ring, il libro da cui sono stati tratti una serie di film horror giapponesi e due film  hollywoodiani. Le versioni cinematografiche si discostano dalla trama originale ideata da Koji Suzuki in diversi particolari, l'unico aspetto comune sia ai libri che alle pellicole sta nella vicenda iniziale alla base della storia.
 Quattro giovani studenti decidono di passare il week-end in un cottage in affitto; per puro caso i giovani guardano una videocassetta che è stata lasciata nel videoregistratore dai precedenti occupanti ;le immagini, apparentemente prive di senso, si succedono sullo schermo irresistibilmente inquietanti, fino a che non compare una scritta finale che li ammonisce a fare qualcosa entro sette giorni o moriranno. I ragazzi, credendo che la videocassetta sia solo uno scherzo, decidono di cancellarne la parte finale che contiene le istruzioni per salvarsi, per rendere la visione ancora più terrificante per coloro che la vedranno in futuro. Una settimana dopo i quattro moriranno in maniera misteriosa tutti nello stesso istante, pur trovandosi in posti diversi. Un giornalista decide di indagare sulle strane morti dei quattro studenti e le sue ricerche lo porteranno nuovamente nel cottage dove si trova la videocassetta maledetta: anche l'uomo guarderà il misterioso filmato e da quel momento cercherà di scoprire in ogni modo l'origine del nastro e come liberarsi dalla maledizione.
Nel primo libro di Suzuki il protagonista principale rimarrà sempre il giornalista Asakawa, a cui si affiancheranno nella ricerca un amico esperto di logica (Ryuji) ed un collega di lavoro (Yoshino), al contrario della più famosa versione cinematografica americana  in cui la vera protagonista è la moglie dell'uomo (Naomi Watts), che dopo aver visto il filmato insieme al figlio, viene coinvolta in prima persona nelle indagini.
Film e libro scelgono due vie differenti per spiegare l'origine della cassetta: nel film viene preferita una spiegazione basata più sul soprannaturale, legata a fattori spirituali, mentre nel libro la spiegazione del mistero è di natura fantascientifica, ed è legata alla diffusione di un virus.
Alla fine di Ring, Suzuki ci aveva  fatto credere che Asakawa fosse riuscito a risolvere l'enigma della videocassetta, riuscendo infine a capire quali fossero le misteriose istruzioni da eseguire. In Spiral, invece, scopriamo che anche il giornalista ha fallito e non è riuscito a salvare moglie e figlia. Asakawa è l'unico a non essere morto a causa della maledizione di Ring, anche se l'uomo è finito in coma in seguito allo shock.
Ad indagare sulle morti misteriose è questa volta l'anatomo-patologo Mitsuo, che si troverà a sezionare il corpo di Ryuji. Per risalire all'origine della morte dell'uomo, Mitsuo finirà per scoprire anche gli analoghi casi precedenti e tutta la complicata storia legata alla videocassetta maledetta.
In Spiral Koji Suzuki approfondirà ancora più di Ring i dettagli di natura scientifica scelti per la spiegazione di Ring, inserendo addirittura un capitolo che parla di DNA, sia pure in maniera estremamente grossolana. Purtroppo l'intero libro ha il grave difetto di contenere "fantascienza nella fantascienza": vediamo infatti un normale medico legale improvvisarsi clonatore di DNA, mentre magari magari altri personaggi realizzano vaccini in men che non si dica o accettano per vere spiegazioni che apparirebbero a chiunque fantasiose senza battere ciglio. Un altro difetto della storia è quello di avere in gran parte ridimensionato la figura di Sadako, la donna all'origine della maledizione di Ring, rendendola un personaggio in un certo senso "più convenzionale", capace di lasciare anche una lettera  al protagonista,in perfetto stile giapponese, in cui al ricatto si mescolano quasi delle scuse, con un atteggiamento più da Yakuza che da essere soprannaturale. Inoltre, può sembrare assurdo dirlo, ma Ring era decisamente più femminista e questo in un certo senso era un suo punto di forza: Sadako aveva deciso di perseguitare l'umanità e si applicava a questo obiettivo con le proprie sole forze. In Spiral la donna viene invece fortemente "condizionata" nella propria strategia da un personaggio maschile (non vi dico di più per non rovinare la trama): è un pò come se Suzuki avesse voluto creare un capo uomo per la sua protagonista, esattamente come nella convenzionale società giapponese. Se prima Sadako era il boss, ora sembra una banale impiegata della società "distruggiamo l'umanità".Molto del pathos del precedente libro viene decisamente a mancare e i personaggi risultano nel complesso meno appassionanti e l'intera vicenda un pò troppo prevedibile. L'unica trovata davvero interessante è quella per cui anche il lettore si troverà in qualche modo "coinvolto" nel mistero di Ring (non dico di più perché altrimenti rovinerei una eventuale lettura).
Nonostante i lati negativi, devo dire che comunque ho trovato interessante leggere Spiral: è sicuramente scritto in tono minore rispetto a Ring, ma è comunque un libro "che si fa leggere", l'ho finito infatti in pochissimo tempo (lo recensisco in ritardo per mancanza di tempo), ma vi avverto che io sono appassionata di fantascienza e simili. Sono molto  curiosa di sapere come continuerà la storia nel suo seguito Loop, che spero ritorni alla capacità di impatto del primo Ring.
Nel complesso la storia di Ring è composta da quattro libri, già tutti pubblicati da diversi anni in Giappone. In Italia la storia è stata stampata dalla Editrice Nord con diversi anni di ritardo (Ring risale al 1991), con una traduzione che purtroppo non è realizzata direttamente dal giapponese, ma dall'edizione americana (i traduttori dal giapponese saranno troppo costosi o solo incredibilmente rari?). Attualmente sono stati pubblicati nell'ordine: Ring, Spiral e Loop ( quest'ultimo non ancora in edizione economica). L'ultimo capitolo della saga, non ancora pubblicato in Italia,  ha il titolo originale di Birthday.
Se volete saperne di più su Koji Suzuki (autore anche di Dark Water)  vi rimando a
questo link di wikipedia.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 
Blue's bookshelf: read

Verso un'altra estate Ragazze di campagna La morte paga doppio Vento rosso Bang Bang sei morta La morte di Ivan Il'ic

More of Blue's books »

 

Book recommendations, book reviews, quotes, book clubs, book trivia, book lists
 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 233
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.